(navigation image)
Home American Libraries | Canadian Libraries | Universal Library | Community Texts | Project Gutenberg | Children's Library | Biodiversity Heritage Library | Additional Collections
Search: Advanced Search
Anonymous User (login or join us)
Upload
See other formats

Full text of "Bollettino della Società geologica italiana"

This is a digitai copy of a book that was preserved for generations on library shelves before it was carefully scanned by Google as part of a project 
to make the world's books discoverable online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 
to copyright or whose legai copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 
are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other marginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journey from the 
publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we bave taken steps to 
prevent abuse by commercial parties, including placing technical restrictions on automated querying. 

We also ask that you: 

+ Make non- commercial use of the file s We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain from automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a large amount of text is helpful, please contact us. We encourage the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attribution The Google "watermark" you see on each file is essential for informing people about this project and helping them find 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are responsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we can't offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
any where in the world. Copyright infringement liability can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's Information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps readers 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full text of this book on the web 

at http : //books . google . com/| 




Bollettino della 

Società geologica italiana 

Società geologica italiana 




C^-s 




HAM^ARD UNIVERSITY 



n 



Qr->ì 


PJil 


ft3 


\ffl/ 


^— 1 


\^/ 


r:0 




;■ .,' f-r» 




r • . in 




L .'O 


LIBRARY 


ri r— 




■<o 


OF THE 


cn 




§^ 


[ OF COMPARATIVB 20ÒL00T 




Digitized by 



oo 



'8 



le 



IIUS.C0IIP,iB6L 

1AR 30 1950 

lARVARB 
UNIVERSin 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOOQIC 



BOLLETTINO 



DELLA 



SOCIETÀ GEOLOGICA 



ITALIANA 



Voi. XXIII — 1004 



; SOMA 



TIPOQBAFIA DELLA PACB DI F. OUOaiANI 

Via della Pace N. 86 

1904 



Digitized by VjOOQIC 




Digitized by 



Google 



SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 

MENTE ET MALLEO 

fondata in Bologna il 29 settembre 1881 



Consiglio direttiTO per l'anno 1904 



Presidente . . . 
Yiee-Presidente 
Segretario. . . . 



Yiee-Segretari . . . 

Tesoriere-Eeonomo 
Archivista 



Consiglieri . 



Romolo Mkli (Roma) 1904. 
Torquato Taramelli (Pavia) 1904. 
Antonio Neviani (Roma). 1 904-1 906: 

Camillo Crema (Roma). 1904. 
Ettore Angelelli (Roma). 1904. 

Augusto Statuti (Roma). 1 903-1 905. 
Enrico GtERici^Roma). 1904-1906. 
Giovanni Di Stefano (Roma). J 
Dante Pantanelli (Modena).) 1902-904. 
j NfccoLÒ Pellati (Ffcma). . A 
Carlo Fabrizio Ramona (To- \ 

rino). 
Francesco Bassani (Napoli) . 
Gaetano Giorgio Gemmellaro | 

(Palermo). 
Carlo De Stefani (Firenze), j 
Luigi Brugnatelli (Pavia). . \ 
Lucio Mazzuoli (Roma) . . . f 
Lorenzo Bucca (Catania) . . ( 1904-906. 
Mario Canavari (Pisa) . . 



1903-905. 



Commissione per le 
pubblicazioni . . 



Commissione del bi- 
lancio 



Il Presidente 
Il Segretario 
f II Tesoriere ] 

l Giovanni Aichino 
\ Mario Cermenati 
f Pietro Zezi . . . 



(prò tempore) 



1904. 



Sede della Società: 

Roma, Via S. Susanna, i A, presso il R. Ufficio geologico. 



Digitized by 



Google 



IV ELENCO DEI PRESIDENTI. — ELENCO DEI SOCI. 

Elenco dei Presidenti 

succedutisi annualmente dalla fondazione della Socicin in poi. 

1881-82. Giuseppe Meneghini 1 1893. Arturo 'ssel 

1883. Giovanni Capellini | 1894. Giovanni Capellini 

1884. Antonio Stoppani 



1885. Achille De Zigno 

1886. Giovanni Capellini 

1887. ìgino Cocchi 

1888. Giuseppe Scarabelli 

1889. Giovanni Capellini 

1890. Torquato Tarawelli 

1 891 .Gaetano G.Gemmellaro 
1892. Giovanni Omboni 



1895. Igino Cocchi 

1896. Carlo De Stefani 

1897. Dante Pantanelli 

1898. Francesco Bassani 

1899. Mario Can avari 

1 900. Niccolò Pellati 

1901. Carlo Fabrizio Parona 

1 902 . Giovanni Capellin 

1903. Antonio Verri 



Elenco dei Soci per l'anno 1904 



S. A. R. Luigi di Savoia Duca degli Abruzzi 
Acclamato socio onorario per deliberazione unanime nell'adu- 
nanza generale del 16 settembre 1900 in Acqui. 

Soci perpetui. 

1. Quintino Sella (morto a Biella il 14 marzo 1884). 

Fu uno dei tr^ fondatori della Società; venne, per il primo, annoverato tra 
i soci perpetui per deliberazione unanime nell'adunanza generale tenutasi dalla 
Società il 14 settembre 1885 in Arezzo. 

2. Francesco Molon (morto a Vicenza il i* marzo 1885). 

Fu consigliere della Società, alia quale legava con suo testamento la somma di 
Lire 25,000; venne iscritto fra i soci perpetui per deliberazione unanime nel- 
l'adunanza generale del 14 settembre 1885 in Arezzo. 

3. Giuseppe Meneghini (morto a Pisa il 29 gennaio 1889). 

Per i suoi insigni meriti scientifici venne acclamato socio perpetuo nell'adu- 
nanza generale di Savona il 15 settembre 1887. 

4. Felice Giordano (morto a Vallombrosa il 16 luglio 1892). 

Fu uno dei tre fondatori della Società; venne iscritto tra i soci perpetui 
per deliberazione unanime nell'adunanza generale di Taormina il 2 ottobre 1891. 



5. Giovanni Capellini, senatore del Regno. 

E uno dei tre fondatori della Società: venne iscritto tra i soci perpetui 
per deliberazione unanime nell'adunanza generale di Taormina il 2 ottobre 1891. 



Digitized by VjOOQIC 



£LBNCO DBl SOCI V 

Soci a vita. 

Italiani. 

1884. ' Bargagli cav. Piero. Via de' Bardi, palazzo Tempi. Fi- 
renze. 

1881. Cocchi prof. comm. Igino. Via de' Pinti, 51. Firenze. 

1900. Dainelli dott. Giotto. Wz. La Marmora, 12. Firenze. 
1890. DelVOro comm. Luigi (dì Giosuè). Via Silvio Pellico, 12. 

Milano. 
1899. Dei-Zanna dott. Pietro. Poggibonsi (Siena). 

1894. Ferraris ing. comm. Erminio^ Direttore della miniera 

di Monteponi. Iglesias. 

1882. Levi bar. Adolfo Scander. Piazza d'Azeglio, 7. Firenze. 
1881. Mattirolo ing. Ettore. R. Ufficio geologico. Roma. 

1881. Niccoli ing. comm. Enrico. Via dell' Indipendenza, 54. 

Bologna. 

1882. IO Paulucci marchesa Marianna, Villa Novoli. Firenze. 

1895. Rosselli ing. cav. Emanuele. Via del Fosso, i. Livorno. 
1882. Silvani dott. Enrico. Via Garibaldi, 4. Bologna. 
1882. 13 Turche ing. John. Ufficio dell'Acquedotto. Bologna. 

Stranieri. 

1901. 14 De Dorlodot chan. prof. Henri. Université catholique. 

Louvain (Belgio). 
1881. Delaire ing. chev. Alexis. Boulevard St. Germain, i35, 

Paris. 
1881. Hughes prof. cav. Thomas Mac Kenny. University. 

Cambridge (Inghilterra^. 
1890. Johnston-Lavis dr. Henry, Beaulieu (Alpes Maritimes, 

Francia). 
1884. Levat ing. David. Rue de Printemps, 9. Paris. 
1881. Mayer Eymar prof. Carlo. Scuola politecnica. Zurigo. 
1881. Pélagaud doct. Elisée. Chàteau de la Pinède, Antibe 

(Alpes Maritimes, Francia). 
1886. 21 Stephanescu prof. Gregorio. Universitat. Bukarest (Ru- 

mania). 

* Primo anno di associazione. 



Digitized by VjOOQIC 



VI ELENCO DEI SOCI 

Soci ordinari. 
Italiani. 

1894, Aichino ing. Giovanni. R. Ufficio geologico. Roma. 

1898. Air aghi dott. Carlo. Magenta (Robecco sul Naviglio). 

1899. Aldinio prof. Pasquale, R. Scuola normale. Lagonegro 

(Basilicata). 
1904, Aloisi dott Piero. Museo mineralogico R. Università. 
Pisa. 

1891. Ambrosioni sac. dott. Michelangelo. Merate (Como). 
1903. Ammann ing. Federigo. Abbadia S. Salvatore (Siena). 

1892. AngeleUi ing. Ettore. Via Bonella, 9. Roma. 

1899. Anselmo ing. Michele, R. Ufficio minerario. Piazza Ga- 

ribaldi, IO. Napoli. 
1886. Antonelli dott. don Giuseppe. Via del Biscione, 95. Roma. 
1898. IO Antonelli-Giordani Giuseppe. Corso Umberto I, 307. 

Roma. 

1896. Arcangeli prof. Giovanni. R. Orto botanico. Pisa. 
1903. Arsela prof. cav. Cesare. R. Università. Bologna. 

1902. Audenino prof. Lodovico. R. Liceo. Chieri (Torino), 
i88i. Baldacci ing. cav. Luigi, R. Ufficio geologico. Roma. 
1890. Baratta dott. Mario. Voghera (Pavia). 

1903. Bargellini prof. Mariano, La Tinaia presso Empoli 

(Firenze). 

1881. Bassani prof. cav. Francesco. R. Università. Napoli. 

1901. Bellini don. Raffaele. Via Ponte Nuovo, 21. Napoli. 
1883. Berti dott. Giovanni. Via Castiglione, 30. Bologna. 

1897. 20 Bettoni dott. Andrea. Piazza Museo, 6. Brescia. 
1885 Biagi prof. Giuseppe. R. Scuola tecnica. Spezia. 

1900. Bianchi prof. Aristide. Liceo. Chieri (Torino). 

1898. Biblioteca civica. Bergamo. 

1892. Bonarelli prof, conte Guido, Gubbio (Umbria). 
1885. Bonetti prof, don Filippo. Via Agonale, 3. Roma. 

1902. Bonomini rev. Giovanni. Memmo (Brescia). 

1904. Bordi prof. Alfredo, Via della Luce, 47. Roma. 
1885. Borgnini ing. comm. Secondo, Direzione generale fer- 
rovie della Rete Adriatica. Firenze. 

1897. Bortolotti prof. Emma. Viale Po, io. Roma. 

1882. 30 Botti avv. comm. Ulderigo. Reggio di Calabria. 

1893. Botto Micca dott. prof. Luigi. R. Scuola tecnica. Ven- 

timiglia. 



Digitized by VjOOQIC 



BLBNOO DEI SOCI VII 

1901. Boj:{otti dott. Gaetano. Via S. Celso, 13. Milano. 

1897. Brambilla prof, don Giovanni. Arciprete. Gingia dei 
Botti (Cremona). 

J885, Brugnatelli dott.prof. Luigi. Museo mineralogico,R. Uni- 
versità. Pavia. 

«884. Bruno prof. cav. Carlo. R. Istituto tecnico. Mondovi. 

1891. Bucca prof. Lorenzo, R. Università. Catania. 

1889. Cacciamali prof. Giovanni Battista. R. Liceo. Brescia. 

1897. Caetani (dei principi) ing. Gelasio, Palazzo Caetani. 

Via Botteghe oscure. Roma. 

1898. Caffi dott. sac. Enrico. Piazza Cavour, io. Bergamo. 
1883. 40 Canavari prof. Mario, Museo geologico, R. Università. 

Pisa. 

1881. Capacci ing. cav. Celso. Via Valfonda, 7. Firenze. 

1899. Capeder prof. Giuseppe. R. Liceo. Sassari. 

J903. Cappelli Giovanni Battista. Via del Babuino, 55 pp. 
Roma. 

1892. Carape^^a ing. Enterico. R. Scuola di Applicazione per 

gli Ingegneri. Palermo. 

1883. Cardinali prof. Federico. R. Istituto tecnico. Macerata. 

1896. Carmignani ing. Giovanni, Pisa. 

1896. Carruccio prof. Antonio. R. Università. Roma. 

1896. Castoldi ing. Alberto, deputato al Parlamento. Diret- 
tore Miniere Montcvecchio. Guspini (Cagliari). 

1882. Cattaneo ing.comm. Roberto Via Ospedale, 51. Torino. 

1890. 50 Cermenati dott. Mario, Via Cavour, 238. Roma. 

1893. Cerulli Irelli dott. Serafino. Teramo. 

1900. Checchia^Rispoli dott. Giuseppe, R. Ufficio Geologico, 

Via S. Susanna, i A Roma. 

1901. Chiabrera dott. conte Cesare. Acqui. 

1882. Chigi Zondadari march. Bonaventura., senatore del Re- 
gno. Siena. 

1903. Ciampi ing. Adolfo. Castelnuovo Valdarno (Arezzo). 

1882. Ciofalo prof. Saverio. Termini Imerese (Palermo). 
1886. Clerici ing. cav. Enrico. Via del Boccaccio, 21. Roma. 

1883. Cocconi prof. comm. Girolamo. R. Università. Bologna. 
1899. Colomba dott. Luigi. R. Museo Mineralogico. Palazzo 

Carignano. Torino. 
1895. 60 Conedera ing. Raimondo, Massa Marittima (Grosseto). 

1902. Corio dott. prof. Francesco, Istituto Tecnico, Spezia. 



Digitized by VjOOQIC 



TIJI ELENCO DEI SOCI 

1895. Corsi ing. Arnaldo, Via Valfonda, 34. Firenze. 

1881. Cortese ing. Emilio. Corso Firenze, 25. Genova. 

i8qo. Corti dott. Benedetto. R. Collegio Rotondi. Gorla Mi-- 

nore (Milano). 

1895. Crema ing. dott. Camillo. R. Ufficio Geologico. Roma. 

1895. D^Achiardi dott. Giovanni, R. Museo mineralogico. Pisa. 

1902. Dal Lago dott. Domenico. Valdagno (Vicenza). 

1899. Dal Pia:{ dott. Giorgio. Museo geologico, R. Università. 

Padova. 

1900. D^Anna ing. cav. Salvatore. Ufficio speciale del genio 

civile per la sistemazinne del Tevere. Roma. 

1893. 70 ^^ Alessandri dott. Giulio. Museo civico. Milano. 

1883. De Amicis prof. Giovanni Augusto. R. Liceo Balbo. Ca- 
sale (Piemonte). 

1891. De Angelis d'Ossat dott. cav. Gioacchino. R. Università. 

Roma. 
188 1. De Ferrari ing. cav. Paolo Emilio. Capo del distretta 
minerario. Bologna. 

1895. De Franchis dott. Filippo. Galalina (Lecce). 

1883. De Gregorio Brunaccini- dott. march. Antonio. Molo^ 
128. Palermo. 

1886. Del Bene ing. Luigi. Corso Garibaldi, 39. Spoleto. 

1 900. Del Campana dott. Domenico, R. Museo geologico. Piazza 
S. Marco, 2. Firenze. 

1886. Dell'Erba ing. prof. Luigi. R. Scuola Applicazione In- 
gegneri. Napoli. 

1892. De Lorenzo prof. Giuseppe. Museo mineralogico, R. Uni- 

versità. Napoli. 

1881. 80 Del Prato doti. Alberto. R. Università. Parma. 
1900. De Marchi dott. Marco. Borgonuovo, 23. Milano. 

1882. Demarchi ing. comm. Lamberto. Via Napoli, 65. Roma. 
1892. De Pretto dott. Olinto. Schio (Vicenza). 

1890. Dervieux sac. Ermanno. Via Massena 34. Torino. 

1881. De Stefani prof. Carlo. Piazza S. Marco, 2. Firenze. 

1899. De Stefano dott. Giuseppe. Via Aschenz. Reggio Calabria. 

1883. Di Rovasenda cav. Luigi. Sciolze (Torino). 

1885. Di Stefano dott. cav. Giovanni. R. Ufficio geologico. 
Roma. 

1896. Dompè ing. Luigi. R. Ufficio minerario. Galtanissetta. 

1903. 90 Eliotipia Casolari e Ferrario. Viale Monforte, 14. 

Milano. 



Digitized by VjOOQIC 



ELENCO BEI SOCI IX 

1901. Etna cav. Silvio^ tenente colonnello 5.** regg.® Alpini. 

Milano 

1896. Fabani don Carlo. Valle di Morbegno (Sondrio). 

1893. Fabbrini dott. prof. Emilio, Corso Garibaldi, 39. Lucca. 

1902. Fantappiè dott. prof. Liberto. Via Mazzini, 4. Viterbo. 
1898. Fatichi cav. not. Nemesio, Borgo degli Albizi, 9. Firenze. 
1904. Ferru^:{i ing. Ferruccio, Poggibonsi (Siena). 

1900. Filippi dott. Domenico, Camerino (Marche). 

1894. Fino prof. Vincenzo. Via Arsenale, 33. Torino. 

1897. Flores prof. Edoardo. R. Scuola normale femminile 

L. Bassi. Bologna. 

1901. 100 Forma Ernesto. R. Museo geologico. Palazzo Carignano, 

Torino. 

1881. Fornasini dott. cav. Carlo. Via Lame, 24. Bologna. 
1892. Franchi ing. Secondo. R. Ufficio geologico. Roma. 
1890. Franco prof. Pasquale. Corso Vittorio Emanuele, 386. 

Napoli. 

1902. Frassetto dott. Fabio. Via Aristide Gabelli, 48 Padova. 

1890. Fucini dott. Alberto. R. Museo geologico. Pisa. 

1898. Galdieri dott. Agostino, Via Stella, 94. Napoli. 

1891. Galli prof. cav. don Ignazio., direttore dell'Osservatorio 

fisico-meteorologico. Velletri. 

1882. Gemmellaro prof. comm. Gaetano Giorgio. Senatore 

del Regno. R. Università. Palermo. 

1895. Giacomelli dott. Pietro. S. Giovanni Bianco (Bergamo). 
\^gi. no Gianotti dott. Giovanni. R. Scuola normale. Mondovi 

(Cuneo). 

1902. Giattini Giovanni Battista. Cingoli (Macerata). 

1903. Gortani Michele. Tolmezzo (Udine). 

1887. Goi:^i ing. Giustiniano. Via Galliera, 14. Bologna. 

1892. Greco dott. Benedetta. R. Liceo. Cuneo. 

1881. Issel prof. comm. Arturo. Via Gropallo, 7. Genova. 
1881. Jervis prof. cav. Guglielmo. Via Principe Tommaso, 30. 
Torino. 

1883. Lais sac. prof. Giuseppe. Vicolo del Malpasso, 1 1. Roma. 
1889. Lanino ing. comm. Giuseppe. Via Cernala, 24. Torino. 

1884. Lattes ing. comm. Oreste. Via Nazionale, 96. Roma. 

1896. 120 Levi dott. Gustavo. R. Scuola tecnica. Soresina (Cremona). 
188 1. Lotti ing. Bernardino. R. Ufficio geologico. Roma. 
1896. Lupi don Alessandro. Via dell'Anima, 30. Roma. 



Digitized by VjOOQIC 



X RLRNCO DRI aOCI 

1895. Luij dott. march. Gian Francesco. S. Severino Marche 

(Macerata). 
1900. Maglio dott Carlo. Piazza Borromeo, 4. Pavia. 

1882. Malagoli prof. Mario. R. Ginnasio. S. Remo. 

1899. Manasse dott. Emesto. Museo mineralogico, R. Univer- 
sità. Pisa. 
1899. Maravelli dott. Giuseppe. Cagli (Pesaro). 

1895. Marengo ing. Paolo, Direttore miniere Boccheggiano 

(Grosseto). 

1886. Mariani prof. Emesto. Museo civico. Milano. 

1899. 1*^0 Mariani dott. Mario, Camerino (Macerata). 

1894. Marinelli prof. Olinto, R. Istituto Studi Superiori. Firenze. 

1900. Martelli dott. Alessandro, Museo geologico, Piazza 

S. Marco. Firenze. 

1896. Martone prof. Michele. R. Istituto tecnico. Messina. 
«892. Matteucci prof. Vittorio, Museo geologico, R. Univer- 
sità. Napoli. 

1881. Ma^uoli ing. comm. Lucio, Yìsl S. Susanna, 9. Roma. 
1881. Meli ing. prof. Romolo. Via del Teatro Valle, 51. Roma. 

1883. Mercalli prof. sac. Giuseppe, R. Liceo Vittorio Ema- 

nuele. Napoli. 

1899. Merciai dott. Giuseppe, Via della Faggiola, 3. Pisa. 
1890. Meschinelli dott. Luigi, Vicenza. 

1895. 14.0 Me^^ena ing. Elvino. Miniera di Montevecchio, Guspini 

(Cagliari). 

1897. Millosevich dott. Federico, R. Liceo Spedalieri. Catania. 

1903. Monaci Pietro, Via Baldassarre Peruzzi, io. Siena. 

1900. Monti dott. Achille. Via Pusterla, 3. Pavia. 

1893. Morandini ing. Bernardino, Massa Marittima (Grosseto). 
J895. Moretti ing. Guido, Brembate di Sotto (Bergamo). 

1889. Morini prof. Fausto. Orto botanico, R. Università. Bo- 

logna. 

1887. Moschetti ing. Claudio. Ufficio d'Arte. Saluzzo. 

1890. Namias dott. Isacco. Museo geologico, R. Università. 

Modena. 

1904. Napoli P. Ferdinando. Via Chiavari, 6. Roma. 
1897. 1^0 Nelli dott. Bindo, Via Fra Bartolomeo, 17. Firenze. 
1883. Neviani prof. Antonio. R. Liceo E. Q. Visconti. Roma. 
1881. Nicolis cav. Enrico. Corte Quaranta. Verona. 

1888. Novarese ing. Fi/fono. R. Ufficio geologico. Roma. 

1901. Olivetti dott. Bonaiuto.Wìa Madama Cristina, 33. Torino, 



Digitized by VjOOQIC 



ELENCO DEI SOCI XI 

1881. Omboni prof. comm. Giovanni. R. Università. Padova. 

1901. Pagani dott. Umberto. R. Scuola normale femminile. 

Potenza (Calabria). 

1899. Pampaloni dott. Luigi. Via Lamarmora, 6 bis. Firenze. 

1881. Pantanelli prof. cav. Dante, R. Università. Modena. 

1881. Parona prof. Carlo Fabrii^io, R. Museo geologico. Pa- 
lazzo Carignano. Torino. 

1892. 160 Patroni dott. Carlo, Via Sacramento a Foria, Palazzo 

Schisa. Napoli. 
1881. Pellati ing. comm. Niccolò, R. Ispettorato delle Miniere. 

Via S. Susanna, 9. Roma. 
1899. Pelloux capitano. Alberto, Villa Caterina. Bordighera. 

1893. Peola dott. prof. Paolo. R. Liceo. Aosta. 

1903. Perrone cav. Eugenio^ Via Cola di Rienzo, 133. Roma. 

1902. Piana cav. Giuseppe. Badìa Polesine. 

1901. Picasso ing. prof. Vittorio Emanuele. Via Arcivesco- 

vado, j. Torino. 

1891. Platania-Platania dott. prof. Gaetano. R. Liceo. Aci- 
reale. 

1899. Pompei ing. Augusto. R. Ufficio minerario. Iglesias. 

1895. Porro ing. Cesare, Carate Lario (Como). 

1898. 170 Portis prof. comm. Alessandro, Museo geologico, R. Uni- 

versità. Roma. 

1902. Preda prof. Agilulfo. Via dei Colli, villa Barucchio. 

Spezia. 

1091. Prever dott. Pietro. R. Museo geologico. Palazzo Cari- 
gnano. Torino. 

1983. Ragnini cav, doit. Romolo. Capitano medico. Via Meru- 
lana, 130. Roma. 

1903. Raimondi ing. Luigi. Miniere solfuree Trezza. Cesena. 

1899. Reichenbach ing. i4rno. Scafa di S.Valentino (Chieti). 

1900. Repossi dott. Emilio, Museo civico di storia naturale. 

Milano. 

1901. Ricci dott. Arnaldo. R. Scuola Tecnica. Susa. 

1896. Ricciardelli dott. Mario, Sansevero (Foggia). 

1886. Ricciardi prof. comm. Leonardo. Convitto nazionale 
V. E., Napoli. 

1894. 1^0 Ridoni ing. Ercole. Miniera di Montecatini in Val di 

Cecina. 
1885. Ristori dott. prof. Giuseppe. R. Museo paleontologico. 
Piazza S. Marco. Firenze. 



Digitized by VjOOQIC 



XII ELENCO DEI SOCI 

1883. Riva Pala:[\i tenente generale Giovanni, Comandante 
del 2^ corpo d'armata. Firenze. 

1898. Roccati dott. Alessandro, R. Museo mineralogico. Pa- 
lazzo Carignano. Torino. 

1890. Roncalli dott. conte Alessandro, Bergamo (alta Città). 

1903. Rosati dott. Aristide. R. Università, Museo mineralogico. 

Roma. 

1893. Rossi dott. Guido, Via Emanuele Filiberto, 233 (int. 10). 

Roma. 

1892. Rovereto march. Gaetano. Via S. Agnese, i. Genova. 

1892. Rusconi sac. Giuseppe. Valmadrera (Como). 

1885. Sacco prof. Federico. R. Scuola d'applicazione per gl'In- 
gegneri. Torino. 

1881. igo Salmojraghi ing. prof. Francesco. Piazza Castello, 17. 
Milano. 

1898. Samengo avv. Frane. Saverio. Lungro (Cosenza). 

1904. Sangiorgi dott. Domenico. R. Università. Parma. 

1890. Scacchi ing. prof. Eugenio. Via Monte Oliveto, 44. Na- 

poli. 

1881. Scarabelli Gommi Flamini conte comm. Giuseppe. Se- 
natore del Regno. Imola. 

1902. Segattini dott Paolo. PastrengQ (Verona). 

188 1. Segrè ing. cav. Claudio. Direzione ferrovie meridionali. 
Ancona. 

1900. Seguen^a Luigi fu Giuseppe. Messina. 

1894. Sella ing. Erminio. Biella. 

1904. Silvestri prof. Alfredo. R. Liceo. Spoleto. 
1883. 200 Simonelli dott. prof. Vittorio. Museo geologico, R. Uni- 
versità. Parma. 

1881. Sormani ing. cav. Claudio. R. Ufficio geologico. Roma. 

1882. Spe:[ia prof. cav. Giorgio. R. Museo mineralogico. Pa- 

lazzo Carignano. Torino. 
1896. Spirek ing. Vtncen:^o. Santa Fiora per il Siele (Grosseto). 
1882. Statuti ing. cav. Augusto. Via Nazionale, 114. Roma. 

1891. Stella ing. Augusto. R. Ufficio geologico. Roma. 
1882. Struver prof. comm. Giovanni. R, Università. Roma. 
1898. Tacconi dott. Emilio. Museo geologico, R. Università 

Pavia. 
1896. Tagiuri dott. Clemente Corrado. Via Roma, 34. Livorno. 
1881. Taramjlli prof, comm, Torquato. R. Università. Pavia. 
iSgi. 210 Taschero dott. Federico. Mondovì. 



Digitized by VjOOQIC 



BLENCO DEI SOCI XIII 

1881 Tittoni avv. comm. Tommaso. Senatore del Regno e 

Ministro degli Esteri. Via Rasella, 155. Roma. 

1889. Tolda dott. prof. Giovanni. R. Liceo. Fermo. 

1881. Tommasi prof. Annibale, R. Università. Pavia. 

1898. Tonini dott. Lorem^o. Seravezza (Lucca). 
1883. Toso ing. Pietro. Via de' Serragli, 13. Firenze. 

1890. Trabucco prof. Giacomo, R. Istituto tecnico Galileo 

Galilei. Firenze. 
190Ì. Trentanove dott. Giorgio Morando. Luco di Mugello 
(Borgo S. Lorenzo, Firenze). 

1882. Tuccimei prof. cav. Giuseppe, Via Tor Sanguigna, 13. 

Roma. 
1896. Ugolini dott. Pietro Riccardo. Museo geologico, R. Uni- 
versità. Pisa. 

1881. 220 U^lelli prof. Gustavo. Via S. Egidio, io. Firenze. 

1899. Vergè ing. Alessandro, Tocco Casauria (Chieti). 

1882. Verri colonnello comm. Antonio, Via Aureliana, 53. 

Roma. 
1898. Viglino ing. Alberto. Stabilimento elettro-meccanico 

S. Anna alle Paludi. Napoli. 
1893. Vinassa de Regny dott. Paolo Eugenio. R. Istituto 

superiore agrario. Perugia. 
1903. Viola ing. Carlo. R. Ufficio geologico. Roma. 

1882. Virgilio dott. prof. Francesco. R. Museo geologico. Pa- 

lazzo Carignano. Torino. 

1883. Zaccagna ing. cav. Domenico. R. Ufficio geologico. Roma. 
1902. Zamara nob. colonnello Giuseppe. Corso C. Alberto, 

23. Brescia. 
i88i. 229Z(e^i ing. cav. Pietro. R. Ufficio geologico.Roma. 

Stranieri. 

1887. 230 Charlon ing. E. Rue Pierre Duprèt, 25. Marsiglia. 

1898. Dannenberg doct. Arturo^ Prof, an der kgl. technische 

Hochschule. Aachen (Prussia renana). 
1893. Deecke prof. Wilhelm. UniversitMt. Greifswald (Prussia). 
1881. Delgado cav. Joaquim Philippe Nery, Rua do Arco a 

Jesus, 119. Lisbona. 
1895. De Pian ing. cav. Luigi. Laurium (Grecia). 
1881. Dewalque prof. off. Gustave, Rue Simonon, 16. Liège. 

1899. Hassert doct Kurt. Universitat. Bismarkstrasse, 30. Kó'ln 

am Rhein (Germania). 



Digitized by VjOOQIC 



XIV ELENCO DEI CAMBI 

1903. Margerie (de) prof. Emmanuel. Rue Heurus (VI). Paris. 
1902. Oppenheim dott. Paolo. Charlottenburg (Berlin). 
1895. Salomon doct. Wilhelm, Universitat. Heidelberg (Baden). 
1901. 240 Small prof. James, direttore del Victoria College. JafTna 
(Ceylan). 



Elenco dei cambi C) 



Italia. 



Catania. — R. Accademia Gioenia di scien^^e, lettere, ecc. 

a). Atti [anno LXIX, 1 892-93 J. 

b). Bollettino delle sedute [fase. XXX, 1892]. 
Roma. — R. Accademia dei Lincei. 

a). Rendiconti della classe di se. tis. mat. e nat. [serie 3*, 
voi. VII, 1882]. 

b). Rendiconti delle sedute solenni [1892J 
id. — R. Comitato geologico d^ Italia. 

a). Bollettino [voi. I, 1870J. 

b), Mem. descriit. della carta geol. d'Italia [voi. I, i886f. 

c)."Mem. per servire alla descr. della carta geol. d'Italia 
[voi. I, 1871]. 

d). Carte geologiche diverse, 
id. — Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio. 

a). Pubblicazioni varie, 
id. — Società geografica italiana. 

a). Bollettino [serie 2% voi. VII, 1882J. 

b). Memorie [voi. V, 1895J. 
Id. — Società Ingegneri ed Architetti. 

a). Bullettino [anno I, 1893]. 

b). Memorie [anno I, 1886J. 

Austria-Ungheria. 

Budapest — K, Ungarische Geologische Anstalt. 

a). Mittheilungen aus dem Jahrbuche [Bd. I, 1872]. 

(') Di ogni pubblicazione è indicato da qual volume od anno comincia la serie 
posseduta dalla nostra Società. 



Digitized by VjOOQIC 



RLENCO DEI CAMBI XT 

b). Jahresbericht [1883]. 
e). Fòldtani Kòzlòny [Kòt. XV, 1885]. 
d). Pubblicazioni diverse. 
Cracovia. — Académie des scìences (Akad. d. Wissenschaften) . 

a). BuUetin international (Anzeiger) [1889J. 
Iglò. — Magyarors^àgi Kàrpàtegyesùlet (Ungarischer 

karpathen- Verein), 
a) Jahrbuch fvol. XVII, 1890]. 
Wìcn. — K, k, Geologische ReichsanstalU 
a), Verhandlungen [Jahrg. 1880]. 
b), Jahrbuch [Bd. XXX, 1880J. 
id. — K, k. Naturhistorisches Hofmuseum, 

a), Annalen [Bd. I, 1886]. 
id. — Beitràge ^ur Palàontologie und Geologie Oester- 

reich-Ungarns und des OrierUs. [Bd. XI, 1897I. 

Belgio. 

Bruxelles. — Société Royale malacologique de Belgique, 
a). Annales [voi. XVI, i88i]. 
id. — Société Belge de Geologie^ de Paleontologie et 
d^Hydrologie. 
a), Bulletin [voi. I, 1887J. 
I-iège — - Société géologique de Belgique. 
a). Annales [voi. IX, 188 1|. 

Francia. 

Bordeaux. — Société Linnéenne de Bordeaux. 

a), Actes [voi. XXXVI, 1882J. 
Paris. — Société de Speleologie. 

a) Bulletin (Spelunca) [t. I, 1895J. 
id. — Société géologique de France. 

a). Bulletin jser. 3% voi. X, 1881J. 

Germania. 

Berlino. — Deutsche geologische Gesellschaft 

a). Zeitschrift [Bd. 35, 1883J. 
id. — K, preuss. geolog, Landesanstalt und Bergaka- 

demie. 
a), Jahrbuch [Bd. I, 1880]. 



Digitized by VjOOQIC 



XVI BLENCO DBI CAMBI 

Bonn. — Niederrheinische Gesellschaft. 

a), Sitzungsberìchte [1895]. 

b), Verhandlungen(d.naturhistorischenVereins) [LUI, i8g6|. 
Freiburg — Naturforschende Gesellschaft, 

a). Benchte |Bd, IV, t888|. 

Gran Bretagna. 

Dublino — Royal Dublin Society, 

a). Scientific proceedings [N. S., voi. IV, 1885J. 

b), Scient. trans^ctions fser. II, voi. IIK 1885]. 
Edinburgo — Edinburgh Geological Society.^ 

a). Transactions fvol. VII, 1894J. 
Londra. — Geological Society. 

a). Quarterly Journal (voi. XXXVIII, n*' 149, 1882I. 

b). Geological literature fn® i, 1894]. 

Portogallo. 

Lisbona. — Direcedo dos trabalhos geologicqs. 
a), Communica^óes ft. I, 1883]. 
b). Mémoires [alcune]. 

Rumenia. 

Bukarest. — Biuroulu geologica, 

a), Anuarulù [voi. I, 1882; serie chiusa], 
id. — Museulu de Geologia si de Paleontologia. 
a\ Anuarulù [anno 1894]. 

Russia. 

Helsingfors. — Commission géologique de Finlande. 

a). BuUetin [n** 6, 1897] 
Novo-Alexandria — Annuaire géologique et minéralogique de 

la Russie [voi. I, 1896]. 
Pietroburgo. — Comité géologique. 

a). Bulletin [t. I, 1882]. 

b\ Mémoires [voi. I, 1883]. 

e). Bibliothèque géologique de la Russie [t. VI, 1885]. 

d). Travaux de la section géologique du Cabinet de sa 
Majesté [voi. I, 1895]. 



Digitized by VjOOQIC 



ELENCO DEI CAMBI XVII 

Pietroburgo. — Rtissische K, Mineralogische Gesellschafi. 
a). Verhandlungen fBd. 32, 1896]. 
b). Materialien zur Geologie Russland fBd. 18, 1897]. 
id — Société Imperiale des Naturalistes. 

a). Comptes rendus des séances [voi. XXVI, 1885J. 
b), Travaux de la section de Geologie et de Mineralogie 
fvol. XIX, 1888). 

Svezia. 

Stoccolma. — Geologiska fòreningen i Stockholm. 

a). Fòrhandlingar fBd. XII, 1890J. 
Upsala. — Geological Institution of the University of Upsala 

a), BuUetin fvol. I. 1892J. 

Africa. 

Cape Town. — Geological Commission Departement of Agri- 
colture, 
a). Annual report fi% 1896J. 

America. 

Baltimore — Maryland Geological Suryey. 

a). Reports fvol. I, 1897] 
Buenos-Ayres — Instituto geografico Argentino, 

a). Boletin ft. X, 1889]. 
Cleveland. — Geological Society of America. . ' 

a). BuUetin fvol. I, 1890J. 
Lima. — Cuerpo de Ingenieros de Minas del Perù, 

a), Boletin. 
Messico. — Instituto geologico de Mexico, 

a). Boletin fnum. 12, 1889J. 
Montevideo — Museo Nacional, 

a), Anales ft. I, 1894J. 
Para — Museu Paraense de Historia Naturai e Ethnographia. 

a). Boletim fvol. I, 1896J. 
Sao Paulo. — Museo Paulista, 

a). Revista publicada par H. v. Ihering. 
Washington — Geolo^cal Society of ashington. 

a). Presidential address fi896j. 

u 



Digitized by VjOOQIC 



ZyiII BLENCO DEI CAMBI 

Washington — United States Geologica! Survey. 

a). Bulletin fn" 34, 1883J 

b), Annual reports fsixth ann. 1884J. 

e). Monographs [voi. I, 1882J. 

d). Minerai resources [anni 1886]. 
Wisconsin. — University of Wisconsin. 

a). Bulletin - science series - [voi. I, 1894J. 

Asia. 

Calcutta. — Geological Survey of India, 
a). Memoirs [voi. IV, 1865J. 
b). Palaeontologia indica [ser. 1% voi. I|. 
e), Records [voi. I-XXX, serie interrotta}. 
d). Pubblicazioni diverse. 

Australia. 

Melbourne. — Australasian Institute of Mining Engineers^ 

a). Transactions [voi. IV, 1897J. 

b), Proceedings (anno 1898J. 
id. — Royal Society of Victoria, 

a). Transactions [voi. I, 1888J. 

b). Proceedings [voi I, n. s., 1889J. 
Sydney. — Geological Survey of New South Wales^ 

a\ Records [voi. IV, 1894J. 

b). Memoirs [1894]. 

e). Annual report [1894J. 

d). Minerai Resources [n** i, 1898]. 



Digitized by VjOOQIC 



BESOCONTO DELL'ADUNANZA GENERALE INVERNALE 
tenuta in Roma il 14 febbraio 1901: 



Presidenza Meli. 

Nella grande sala della biblioteca del B. Ufficio geologico^ 
gentilmente concessa, sono presenti il presidente Meli, i consi- 
glieri Mazzuoli e Pellàti, il segretario Neviani, il tesoriere 
Statuti, Tarchivista Clerici, i soc! Aichino, Baldacci, Cerme- 
NATI, Checchia, Crema, D'Achiardi, De Anoelis, De Marchi, 
Franchi, Lattes, Lotti, Mattirolo, Novarese, Portis, Sormani^ 
Stella, Tuccimei, Verri, Viola e Zezi. 

Scasano la loro assenza il vicepresidente Taramelli, i con- 
siglieri Bassani, Brugnatelli, Bucca, Canavari, Di Stefano G.^ 
Gemmellaro ('), Pantanelu e Parona ; i soci Aloisi, Capeder, 
FoRNASiNi, Fucini, Lupi, Manasse, Bosati, Scarabelli, Sequenza, 
Ugolini e Vinassa. 

Alle ore 10.15 il Presidente dichiara aperta l'adananza, 
dicendo: « Comincio dal ringraziare vivamente i col leghi per la 
mia elezione a Presidente della Società, che io attribuisco ad 
nna singolare benevolenza verso di me. 

» Nell'esprimervi pertanto i sensi del mio grato animo, vi as- 
sicnro che cercherò dal canto mio di corrispondere a qnesto alto 
Ufficio nel miglior modo possibile, adoperando tntte le mie forze 
a vantaggio della nostra Società. 

» Faccio voti affinchè l'anno corrente sia rimarchevole per l'at- 
tività scientifica di ciascuno di noi, e proficuo alla Società, alle 
scienze geologiche, ed alla patria nostra >. 

Si danno per letti i verbali delle adunanze tenute in Siena 
nel settembre 1903 e pubblicati a pag. xlix, liii e lxiv del 
voi. XXII del Bollettino. Nessuno dei presenti facendo osser- 
vazioni, s'intendono approvati. 

{}) Il senatore prof. Q. Q. Grmmellaro cessò di vivere il 16 marzo 
1904. Esso verrà degnamente commemorato neiradonanza estiva di 
qnest' anno. 



Digitized by VjOOQIC 



XZ RBSOCONTO DBLL^ADUNANZA GENERALE INVERNALE 

Il Presidente comnnica il seguente telegramma spedito, il 
primo di quest'anno, a S. A. B. il Duca degli Abruzzi, nostro 
socio onorario, e la risposta ricevuta da Buenos Ayres: 

Ufficiale ordinanJBa 8. A. R. Duca Abruzzi — Torino. 

Neirassumere oggi Presidenza Società Geologica italiana compio 
grato dovere porgere per suo mezzo a S. A. R. auguri ed ossequi nome 
sodalizio, altamente lieto avere Augusto Principe socio onorario. 

Prof. Romolo Meli 

Presidente Società Geologica — Boma. 

Buenos Ayres, 25 - 1 - 190L 
S. A. R. Duca Abruzzi ringrazia vivamente. 

Ufficiale ordinanza Ducei. 

Il Presidente comunica come il Ministero di A. I. e C. abbia 
concesso alla Società un sussidio di L. 500 sull'esercizio 1903- 
1904, e propone all'assemblea che venga inviato a S. E. il Mi- 
nistro un telegramma di ringraziamento, e voti un plauso all'ex 
presidente Verri ed al consigliere Pellati, che tanto efficace- 
mente si adoperarono a che detto sussidio venisse concesso. 

L'assemblea approva ed applaude (0* 

Il Presidente annuncia la morte del socio prof. Gaetano 
Tenore, che fu uno dei primi iscritti alla Società durante la sua 
fondazione; la commemorazione verrà fatta nell'adunanza estiva. 

(^) Ecco il testo del telegramma: 

« Ministro Agricoltura — Boma. 
» Società Geologica Italiana riunita oggi assemblea generale, avuta 
comunicazione sussidio concesso codesto Ministero, fiduciosa continuata 
benevolenza, gratissima invia V. E. omaggi e speciali ringraziamenti. 

> Presidente Mbli>. 

A questo telegramma S. E. si degnò rispondere Io stesso giorno 
col seguente: 

« Ptesidmte Società Geologica — Boma. 
» Ringrazio pel gentile telegramma assicurandola che continuerò il 
mio appoggio a codesta benemerita Società lieto averla valida ausilia- 
trice negli importanti studi geologici che Ministero va compiendo. 

» Ministro Bava >. 



Digitized by VjOOQIC 



TENUTA IN ROMA IL U FEBBRAIO 1^04 XXI 

Annuncia le dimissioni della consocia signorina Giuditta 
Mariani, che sono accettate. 

Mette ai voti l'accettazione di due nuovi soci dott. Sangiobgi 
Domenico, Parma; proposto dai soci Yinassa e Neviani. 

P. Napoli Ferdinando, Roma; proposto dai soci Portis e 
De Angelis d'Ossat. 

Il tesoriere Statuti presenta i bilanci consuntivi per il 1903 
e preventivi per il 1904, già approvati dal Consiglio, che ven- 
gono cosi riassunti: 

Bilancio preventivo della Società. Anno 1904. 

Entrate. Spese. 



1. Tasse sociali . . . 

2. Interessi del legato 

MoloD 

3. Interessi diversi. . 

4. Vendita bollettini . 

5. Concorso del Mini- 

stero di A. I. e C. 
suiresercizio 1903- 
1904 



L. 3200- 

» 340- 
» 650- 
» 180- 



> 500 — 



Totale entrate L. 4870 — 



1. Stampa del Bollet- 

tino L. 3000 — 

2. Contribuzione per 

tavole ed altre il- 
lustrazioni . . . 

3. Spese del Presi- 

dente » 

4. Distribuzione del 

Bollettino ed altre 
spese postali . . 

5. Spese di cancelleria, 

circolari , marche 
da bollo, ecc. . . 

6. Tassa di manomorta 

7. Rimborso spese di 

viaggi al Segreta- 
rio e Tesoriere . 

8. Per aiuti al Segre- 

tario e Tesoriere. 

9. Spese diverse ed e- 

ventuali .... 



» 850 — 



30 — 



» 350 — 

» 140 — 

> 27,52 

> 180 — 

» no — 



182,48 



Totale spese L. 4 870 — 



Bilancio preventivo 
dell'Amministrazione del legato Molon. Anno 1904. 



Entrate. 

1. Residuo attivo al 

!• gennaio 1904 . L. 1 846,77 

2. Interessi del legato 

Molon » 680 — 



Totale L. 2526,77 



Spese. 



32 — 



1. Tassa di manomorta. L. 

2. Residuo attivo al 

31 dicembre 1904. » 2 494,77 



Totale L. 2 526,77 



Digitized by 



Google 



2xir RESOCONTO disll'adunanza obneralb invernale 

Bilancio consuntivo della Società. Anno 1903. 

Entrate dal l"" gennaio al 31 dicembre 1903 L. 4857,72 

Spese > » > 8 666,64 

Eccedenza entrate L. 1 191,08 
CasBa al l^" gennaio 1903 » 5 971,28 

Eccedenza attiva al l"* gennaio 1904 »7 162,36 

Bilancio consuntivo 
dell'Amministrazione del legato Holon. Anno 1903. 

Entrate dal l"* gennaio al 81 dicembre 1903 L. 680,00 

Spese » » > 32,00 

Eccedenza entrate L. 648 — 
Cassa al 1* gennaio 1903 > 1 198,77 

Eccedenza attiva al 1"* gennaio 1904 » 1 846,77 

Senza discussione i bilanci preventivi vengono approvati; i 
consuntivi saranno trasmessi alla Commissione per il bilancio. 
Viene approvato anche lo stato patrimoniale. 

Il Presidente pone a votazione la nomina dei commissari 
per il Bilancio, e chiama a scrutatori i soci Checchia e Cle- 
Eici. Poco dopo viene proclamato il seguente risultato: 

Votanti 25. 

Eletti i soct 

AiCHiNO Giovanni con voti 24. 
Cermenati Mario » 24. 
Zezi Pietro » 23. 

Il Segretario presenta il segaente elenco di omaggi per- 
Tcnuti alla Società: 

Baldaccini G.: Contributo alla storia fisica delle valli spoletana e fo- 
Ugnate (pianura umbra) in rapporto alla irrigatone, 8**. Foligno, 1903. 

Bocconi F.: AnntMrio della Università commerciale Luigi Bocconi. 8^. 
Milano, 1903. 

BòHM A.: Geschichte der Morànenkunde, 8°. Vienna, 1901. 



Digitized by VjOOQIC 



TENUTA IN ROMA IL U FEBBRAIO 1904 XZUI 

BOMBicci (Famiglia): Alla memoria di Luigi Bombicci. Commemora- 

ziooe letta dal prof. A. Nevìanì. 8*. Roma, 1903. 
BoRRBDON G. : La luna è la calamita del mondo. S"*. Napoli, 1908. 
<3iiBWiNOS Ch.: Bock phosphates and other minerai fertilisers their origin, 

value, and sources of supply. S^, Adelaide, 1908. 
€rbma C: Sul Pecten subclaratus Canir, ed il P. Estheris Cr, 2*. Roma, 

1903. 
— Sul piano Siciliano nella valle del Orati (Calabria), 8**. Roma, 1903. 
dviJic I.: Geologischer Atlaa von Macedonien und Alt-Serbieti. 8 Blatter. 

Belgrad, 1903. 
Da Akqblis d'Ossat G.: La resistenza specifica elettrica delle rocce e 

dei terreni agrari. Nota preventiva. 8**. Roma, 1903. 
-GoRTANi M.: La grotta di Corona sul M. Faeit (Camia). 8". Bologna, 

1903. 
Hbmriksb.v G.: On the Iron ore deposit in Sydvaranger (Finmarken- 

Norway). 8®. Cristiania, 1903. 
Levat D.; Gisements de phosphate de chattcc et gisements de calamine 

de la Tunisie. 8^ Paris. 

— État aciuel de la production et de la consommation des phosphates. 

8^ Paris. 

Mancinblli-Scotti F.: Storia topografica di Boma^Narce-Falerii. 8°. 
Roma, 190B. 

Mbli R.: Breve relazione delle escursioni geologiche eseguite nelV anno sco' 
lastico 1902^1903 con gli allievi ingegneri del IP anno della R. scuola 
di Applicazione di Boma. 1* Alia cava Mazzanti presso il ponte 
Milvio nei dintorni di Roma. ^ In Sicilia (Palermo-Solfara di Tra- 
bonella-Catania-Siracnsa-Taormìna-Messina) Roma, Tip. d. Pace, 
19D3, in-S** di pag. 23. 

Mercalli G.: Sulla forma di alcuni prodotti delle esplosioni vesuviane 
recenti. 8*". Milano, 1903. 

— Ancora intomo al modo di formazione di una cupola lavica vesuviana. 

e». Roma, 1903. 

— Notizie vesuviane (gennaio-giugno 1903). 8°. Modena, 1903. 
MiLLOSRViCH F.: Alcune osservazioni sopra V Anglesite verde di Monte- 
vecchio (Sardegna). 8*. Padova, 1903. 

— Sopra la forma cristallina di alcune sostanze otticamente attive e 

particolarmente di un racemo parziale ed attivo. 8^ Roma, 1904. 
Pasquali Maria: Revisione dei selaciani fossili dell'Italia meridionale. 
4?. Napoli, 1903. 

— Su di un Palaeorhgnchus dell'arenaria eocenica di Ponte nuovo presso 

Barberino di Mugello (Prov. di Firenze). 4**. Napoli, 1904. 
Sacco F. : Esame geologico comparativo di due Progetti di Linee ferro^ 
viarie attraverso V Appennino ligure. 4®. Genova, 1903. 

— I^royramma del Corso di geologia. 8®. Genova, 1903. 



Digitized by VjOOQIC 



XXIV RESOCONTO DELL'ADUNANZA OBNBRALB INVERNALE 

Sacco F.: 72 problema delVacqtM potabile di Afondovì in rapporto eolla 
geologia. 8^ Genova, 1903. 

— Osservazioni di geologia applicata sopra la progettata linea ferroviaria 
di Torino^Cartosio- Savona, 8®. Genova, 1903. 

Silvestri A.: Forme nuove o poco conosciute di protozoi miocenici pie- 
montesi. 8^ Torino, 1903. 

Il Presidente annnncia di avere incominciale pratiche coi 
soci prof. Di Stefano Giov, e Bucca Lob. per tenere l'adunanza 
estiva di quest'anno a Catania con escursioni all'Etna, a qualche 
solfara, ecc. Chiede all'Assemblea se la località sia gradita e se 
voglia autorizzarlo a continuare nelle trattative. 

L'Assemblea approvando che la sede per il convegno estivo- 
sia Catania, fa voli che si possano ottenere dal Governo speciali 
facilitazioni nei trasporti. 

Prima di passare alle comunicazioni scientifiche, il socio 
Cermenati M. ha la parola per chiedere alla presidenza, qual 
cosa essa abbia fatto in rapporto alla pubblicazione di una bi- 
bliografia geologica e paleontologica italiana, di cui si trattò* 
nell'adunanza di Brescia. 

Il Segretario risponde come non creda che la Presidenza 
si fosse impegnata in qualsiasi modo alla soluzione della pro- 
posta già da tempo fatta dal socio Sacco; ma bensì che sia 
stato dato allo stesso prof. Sacco facoltà di concretare la pro- 
posta, anzi di preparare con la collaborazione di altri soci tutto 
il materiale, e solo allora, avendo dati positivi, la Società 
avrebbe deliberato il da farsi. 

Il socio Clerici, segretario del tempo, conferma quanto ha 
detto il prof. Neviani e ritiene che l'Ufficio geologico, per la 
sua organizzazione e pei mezzi di cui dispone, meglio di ogni 
altro potrebbe eseguire la desiderata bibliografia. 

A richiesta, viene letto quanto in proposito fu stampato nel 
verbale della seduta di Brescia (vedi voi. XXI, pag. lxv e seg.).. 

11 socio Cermenati insiste sulla opportunità della pubblica- 
zione della bibliografia, ed interessa la presidenza della Società 
ad occuparsene. 

Dopo breve discussione, alla quale prendono parte alcuni 
soci, l'Assemblea delibera che venga nominata una Commissione 



Digitized by VjOOQIC 



TBNUTA IN ROMA IL U FfiBBRAlO 1^04 XXV 

di cinque membri, la quale studi la questione e ne riferisca 
all'adunanza estiva. 

La nomina della Commissione è deferita al Presidente (0* 

Il Segretario presenta le memorie che dal V gennaio sono 
pervenute all'Ufficio di presidenza, alcune delle quali già sono 
in seconde bozze: 

Peola P., Acarodomazi e filliti (17 gennaio 1904). 

Capeder G., Sulla struttura delV anfiteatro morenico di Ri- 
voli in rapporto alle diverse fasi glaciali (18 gennaio 1 904). 

Cacciamali G. B., Il fascio stratigrafico Botticino- Serie in 
provincia di Brescia; con carta (7 febbraio 1904). 

Bovereto G., Contributo allo studio dei vermeti fossili; con 
tavola (9 febbraio 1904). 

FoRNASiNi C, Distribuzione delle testilarine negli strati mio- 
cenici d^ Italia (14 febbraio 1904). 

Il Presidente presenta il m.s. di una breve comunicazione 
del socio Lupi intitolata: Fauna miocenica presso Tagliacozzo ('), 
ed aggiunge brevi notizie in proposito Q), 

Il socio Checchia riassume brevemente una sua memoria 
dal titolo: / foraminiferi eocenici del gruppo del M. ludica e 
dei dintorni di Catenanuova in provincia di Catania, accom- 
pagnata da una tavola, e già presentata alla presidenza sino 
dal 5 febbraio u. s. (^). 

Il socio Stella espone una interessante comunicazione: Sulla 
geologia della Regiotie ossolana contigua al Sempione, e pre- 
senta, a corredo di quanto espone, le più importanti rocce mi- 
nerali e fossili raccolti (*). 

Il socio Portis riassume una sua nota intitolata : Un inte- 
ressante fossile dei peperini (^). Si tratta di un incompleto me- 



(*) Il prof. Mbli, valendosi della autorità ricevuta dairAssemblea, 
ha deciso che faccia parte della Commissione il Presidente e il Segre- 
tario della Società Geologica Italiana, ed ha nominato Commissari i 
soci Bashani Fr., Crrmbnati M., Sacco F. e Sormani Cl. 

(•) Pubblicata a pag. xxvm. 

(^) Pubblicate a pag. xxx. 

{*) Pubblicata a pag. 26. 

(^) Pubblicata a pag. 84. 

(«) Pubblicata a pag. 171. 



Digitized by VjOOQIC 



:XZVI RESOCONTO DELL* ADUNANZA GENERALB INVERNALE 

tacarpale destro di ramìuante trovato in una tomba preromulea 
al Foro Romano, che il prof. Portis determina come Bos etru- 
sciis Falc] esso è parzialmente incrostato di materiale, che di- 
chiara identico alla roccia peperino, della qaale presenta alcuni 
campioni per confronto; inferendone, data la determinazione 
specifica dell'osso, che le eruzioni peperiniche dei Colli laziali 
furono plioceniche. 

Il socio Viola espone il dubbio che il materiale che incrosta 
Tosso presentato sia peperino, tanto più che incrostazioni con- 
simili si vedono tutti i giorni non solo di materiali apparto- 
Benti ai peperini, ma anche di materiali appartenenti a rocce 
<^ristalline. Il dubbio si accresce maggiormente per la grande 
•quantità di sìlice contenuta nella incrostazione e nota la man- 
«canza di una analisi del materiale in questione; non ritiene 
quindi che sieno stati ben accertati quei dati di fatto, che sono 
necessari conoscere esattamente, per giungere a conclusione cosi 
importante, come quella cui è arrivato il socio Portis. 

Il socio Portis dichiara che nei peperini la selce si rin- 
viene realmente, e che questi non sono tutti di eguale aspetto 
macroscopico. 

Il socio Clerici osserva che, sebbene vi siano peperini di 
aspetto e consistenza svariati, il poco materiale ricementato 
aderente all'osso presentato dal prof. Portis non possa dirsi 
identico al peperino e manchi sempre qualsiasi prova che Tosso 
provenga dai peperini laziali. Non crede poi, che da quell'osso 
incompleto si possa ravvisare una specie, asserita per caratte- 
ristica del pliocene, mentre sembrerebbe più semplice il con- 
fronto l'identificazione con quella specie di bue, che servi ai 
pasti e sacrifici, e i cui resti abbondano negli scavi del Foro 
Bomano. 

Il socio Portis ripete succintamente quanto prima già espose, 
« rimanda al proprio manoscritto. 

Il socio Verri espone quanto appresso: 

€ Come è noto, in seguito alla grande cavatura di pietra 
fatta appiè della collina di V. Catel, presso Ponte Molle, la 
sezione naturale, che mostrava là rocce marine sotto alle ghiaie 
ed ai tufi vulcanici, è stata arretrata ed approfondata qualche 



Digitized by VjOOQIC 



TENUTA IN ROMA IL H FEBBRAIO 1934 XXVII 

metro sotto al piano della strada, mettendosi con ciò in vista 
maggiori ed interessanti dettagli, pei qaali tende a riaccendersi 
più che mai la disputa circa il punto: se il vulcanismo tirreno 
abbia incominciato prima o dopo il ritiro del mare da queste 
contrade. La parte più importante di quella sezione, per essere 
flotto al piano stradale e per stare sottoposta ad un grosso prisma 
di terra di non molta consistenza, prima o poi resterà sepolta 
pel rinterro e per le frane; per cui sarà impossibile la verifica 
dello stato di fatto a chi, interessandosi in avvenire della qui- 
stione, desiderasse controllare le osservazioni dei disputanti. 
Perciò mi sembrerebbe opportuno che fosse eseguito un accurato 
rilievo di tale sezione; e rivolgerei preghiera all'UflScio geolo- 
gico di assumersi esso tal compito, invitando ad assistervi quei 
cultori della scienza residenti in Boma, ai quali piaccia inter- 
venire; facendo constare il tutto mediante apposita relazione». 

Clerici si associa al voto manifestato dal socio Verbi 
ed aggiunge che, a suo .parere, e contrariamente a quanto da 
altri è stato affermato, negli scavi di Tor di Quinto l'argilla a 
Cardium Lamarckii non si rinvenne mai in forma di strati, 
bensì di blocchi disseminati, insieme a blocchi tufacei, nelle 
ghiaie, le quali si depositarono in discordanza sulle arenarie a 
fossili marini già in denudazione. 

Il socio Zezi, capo del R. Ufficio geologico, assicura i pro- 
ponenti che se ne occuperà e farà fare il rilevamento; all'esame 
8ul terreno potranno presenziare i soci Verri, Clerici e quanti 
altri s'interessano della questione. 

Il Presidente espone il programma di una gita proposta 
per il domani ad Anzio, Nettuno e Qrottacce. Alcuni soci si 
sottoscrivono. 

L'adunanza è sciolta alle ore 12. 

Il Segretario 
A. Neviani 



Digitized by VjOOQIC 



APPENDICE. 



FAUNA MIOCENICA PRESSO TAGLIACOZZO 



Nota del prof. Alessandro Lupi 



Negli anni 1879-80 il Verri raccoglieva primo nei dintorni di 
Tagliacozzo qualche scarso fossile (Alcune note mi terreni ter- 
ziari e quaternari del Tevere. Atti Soc. Ital. Se. Nat., voi. XXII. 
Milano, 1879-80). 

Il de Angelis d'Ossat {L'alta valle dell' Aniene, parte prima,, 
studio geol. geograf. - Mem. Soc. Geograf. Ital., voi. VII, p. 191- 
260; 30 nov. 1897, Roma), basandosi sopra alcuni fossili rac- 
colti fra Tagliacozzo e Sante Marie, riportava una zona della 
successione degli strati al miocene, e ciò confermava nello stesso- 
anno nella seconda parte del suo lavoro {Parte paleontologica^ 
Boll. Soc. Geol. It., voi. XVI). 

Parecchie volte anche io mi recai nelle stesse località ed 
in altre delle valli deirAniene e del Pescara, e vi raccolsi nu- 
merosi fossili miocenici. La determinazione degli esemplari tro- 
vati nel calcare sabbioso a glauconite fra Sante Marie e Ta- 
gliacozzo, mi permette di dame la seguente lista: 



Bostricophyton Pantanellii, Squin. 
Candrites affinis, Sternb. 

Globigerina, sp. 

RohuUnaf sp. 

Póly stornella, sp. 

Balanophyllia praelanga, Michtti. 

Trochocyathus crassiM^ Michtti. 

» sp. 

FlabeJlum acutum, E. H. 

» avicula, E. H. 

» extenawn, Michtti 

Cidaris cfr. papilla ta^ Leske. 
Miteronella venusta, Eichw. sp. 



Pecten Malvinae, Dub. 

» cfr. spinulasus, Miinst. 

» Burdigalensis, Lk. 

> Kóhenii, Fncbs. 

» sp. (ì) 
Amussium denudatum, Reass. 
Limea strigilata, Brocc. sp. 
Ostrea naviculariSf Brocc. 
Teredo norvegica, Spengler. 
Turbo fimbriatus, Bors. 
Odontaspis cuspidata, Agass. sp» 
Crysophrys cincia, Agass. sp, 
Oxyrhina Desorii^ Agass. 



Digitized by 



Google 



FAUNA MIOCENICA PRESSO TAGLIAC02Z0 XXIX 

Questa faana indubbiamente appartiene al miocene, spe- 
cialmente tenendo conto delle forme caratteristiche, tra le quali 
noto il Pecten Mahfitme, il P. Kohenii ed il P. Burdigalensis. 
Le conclusioni alle quali sono giunto non si accordano quindi 
con quelle dell'ing. Cassetti M. {Appunti geologici sui monti di 
Tagliacoeeo e di Scurcola, nella Marsica. Boll. B. Com. Geol. d'It., 
1903, n. 2), il quale ritiene quelle formazioni per eoceniche. 

La constatazione da me fatta è importante, perchè si rife- 
risce anche ai terreni isocroni ed isopici dell'attigua valle del- 
l' Aniene, i quali vengono dall'ing. Viola riferiti all'eocene {Os- 
servaeioni geologiche fatte nella valle delVAniene, 1902, Boi. 
E. Com. Geol. d'ItaL, an. 1903, n. 1), 

[ms. pres. 13 febbr. 1904 — alt. bozze 5 aprile 1904]. 



Digitized by VjOOQIC 



ZXX R. MELI 



IL 



BEEVI NOTIZIE 

SULLE ROCCE CHE SI RISCONTRANO NELL'ABRUZZO 

LUNGO IL PERCORSO DELL' ANTICA VIA VALERIA, NEL TRATTO 

ARSOLI-CARSOLI-SANTE MARIE-TAGUACOZZO-AVEZZANO- 

PORCA CARUSO-COLLARMELE. 

10 ricordo di avere, anni indietro, nell'ottobre 1880 — quando, 
insieme al defunto prof. Filippo Keller, feci una gita intera- 
mente pedestre da Boma a Solmona, e da questa città a Monte 
Cassino, coU'itinerario: Eoma-Tivoli-Vicovaro-Roviano-Arsoli-Car- 
soli-Colli-Sante Marie-Bocca di Cerro-Tagliacozzo-Campi Palentini- 
Avezzano-CoUarmele-Forca-Caruso-Goriano Sicoli-Solmona e din- 
torni (Scanno-Introdacqua)-Rocca Pia-Boccaraso-Piani di Cinque 
Miglia-Castel di Sangro-Alfedena-sommità del M. Meta (2241 m.) 
Picinisco-Atina-Belmonte-Cassino-convento di Monte Cassino — 
osservato, da Carsoli verso Colli, e presso Sante Marie, arenarie 
grigiastre, contenenti talvolta sottili straterelli di lignite, nera, 
di lucentezza picea, a frattura concoide. Le ritenni sìncrone alle 
arenarie, precedentemente incontrate, dopo la deviazione della via 
Valeria dalla Sublacense, oltrepassato l'antico ed allora ben 
conservato ponte Scutonico (^), nella direzione di Arsoli, ed 

(}) 11 ponte Scutonico, sul quale passava T antica via Valeria, é 
costruito in pietra da taglio (travertino assai compatto). Ha una sola 
arcata, a sezione quasi semicircolare, misurando una corda di m. 7,25 
nel prospetto a monte, ed una freccia di circa m. 8, essendo interrato 
al piano delPimposta dell'arco. II ponte era allora ben mantenuto, e vi si 
osservavano nel 1880 i massi poligonali delPantica via sulla carreggiata 
stradale. La larghezza trasversale del ponte é di m. 7,10 tra le due 
fronti. 

11 ponte Scutonico, o Stratonico, é appena menzionato nelle opere 
di Corsignani, Fabretti, Gori, ecc. [Corsignani P. A., De Aniene eie viae 
Valeriae pontibtM synoptica enarratio etc. Romae, De Rubeis, 1718, in-8^ 
pag. 4B; Fabretti R., De aguis et aquaeductibus veteris Romae disseria- 
tìanes tres. Romae, Bassotti, 1680, in-8^ § 168-171; Gori F., Viaggio piir- 
torico antiquario da Boma a Tivoli e Subiaco sino alla famosa Grrotta 
di Collepardo. Roma. tip. d. Belle Arti, 1866, in-8®. Ved. pag. 26; Gori F., 



Digitized by VjOOQIC 



KOTIZIB SULLE ROCCE CHR SI RISCONTRANO NBLL'aBRL'ZZO XXXL 

alle altre arenarie, che mostransi nella valle deirAniene, sulle 
fiancate della vallata, ad Agosta, sotto Canterano verso Sn- 
biaco ad Affile, a Boiate (*). Le ritenni parimenti sìncrone alle 
altre, che, oonie le sopra indicate, sono stratigraficamente supe- 
riori ai calcari cretacei ed eocenici della valle del Sacco, e che 
mostransi a S. Vito Bomano, Paliano, Ferentino, Anagni, ecc. 

Trovai le arenarie: a Carsoli e dopo Colli, che è fabbricato 
sul calcare bianco compatto, da me allora, con la maggioranza 
dei geologi, ritenuto eocenico, verso Sante Marie, fino alla quota 
di circa 1050 m. sul mare. Presso quest'ultimo paese osservai 
pure marne scistose sottostanti alle arenarie, lungo i tagli ese- 
guiti per la strada provinciale, che allora si stava costruendo^ 
da Carsoli a Tagliacozzo. 

Ma, Colli, fiocca di Cerro, Monte Bove, la gola di Taglia^ 
cozzo con la grande parete verticale, i monti circostanti al 
bacino dell'ora prosciugato lago del Fucino, Collarmele, il passo 
di Forca Caruso, Goriano, Bocca Pia, Boccaraso, i monti attor- 
nianti il piano delle Cinque Miglia, ecc.« sono formati di cal- 
cari compatti. Alcuni di questi calcari contengono Pecten, e li 
riferii allora (e li ritengo eocenici anche oggi) aireocene; altri 
invece racchiudono rudiste, e sono certamente del cretaceo su- 
periore (Piano Turoniano e Senoniano). 

Baccolsi campioni di calcari compatti con Pecten nei din- 
tomi di CalUrmele. Ebbi, posteriormente all'escursione, rudiste 
dal traforo del tunnel ferroviario di Monte Bove, da Celano e 



Nitota guida storica artistica geologica ed antiquaria da Boma a Tivoli 
e Subiaco alla grotta di CoUepardo alle valli ddVAmsanto ed al lago 
Fucino. Parte V\ Roma, tip. d. Belle Arti, 1864, in-8^ Ved. pag. 47. 
Questa Guida del Gori contiene molte notizie storiche ed archeologiche 
sai percorso della via Valeria fino ad Avezzano]. 

{}) A Gerano, e sotto Canterano, sulla sponda sinistra dell' Anien^ 
rinvenni, parimente nelle arenarie, sottili straterelli di lignite picea. 
Anzi, anni fa, nel 1891, precisamente a Ponte Lucidi, sotto Canterano, 
fu eseguita una trivellazione, nelle arenarie, che raggiunse la profondità 
di oltre m. 42 sotto il piano di campagna, per ricerche di lignite, le 
quali riuscirono infruttuose, come aveva previsto prima che si ponesse 
mano alla perforazione. 



Digitized by VjOOQIC 



XXXII R. URU. 

dal Monte Salviano intornc al bacino del lago Facino C). Il 
Cassetti cita calcari cretacei con mdiste nel Fucino, in qnel pic- 
colo promontorio che sovrasta Trasacco, estendendosi alquanto 
verso Ortuccbio, e segna Turoniano il Monte d'Aria che s'innalza 
a 1000 m. sul mare (*). 

Le arenarie e le marne scistose riposano sui calcari, che 
costituiscono il nucleo di quei monti, e sono certamente di 
quelli più recenti. Io le rapportai all'oligocene in parecchie mie 
pubblicazioni {\ tenendo conto dei rapporti stratigrafici tra esse 
ed i calcari fossiliferi, sui quali si appoggiano in discordanza. 
Invece Murchison (^) le paragonò alle arenarie della Toscana, 



(*) A Frattura, sopra Scanno, a circa 25 Km. da Solmona, nei 
calcari compatti, alquanto giallognoli, raccolsi esemplari di una Bhyn» 
choneUa, che dovrebbe essere delPoolite. 

Il campione di calcare con Bhynchondle fu da me donato, insieme 
agli altri campioni di rocce raccolte in quella escursione, al Museo Geo- 
logico dell'Università di Roma. Anche il Cassetti cita tale genere di 
brachiopodo nei calcari ginresi sulla destra della valle di Scanno, a 
Bugnara, Introdacqua e Pettorano sul Gizio. (Cassetti M., Bilevamenti 
geologici eseguiti Vanno 1899 nelValta valle dd Sangro e in gueUe del 
Sagiitario, del Gino e del Melfa. Boll. d. R. Com., voi. XXXI, 1900. 
Ved. pag. 265). 

(') Cassetti M.. Dalla valle del Liri a quella del Giovenco e del Sa- 
gittario. Rilevamento geologico eseguito nelPanno 1900. Nel Bollettino 
del R. Comit. Geologico d'Italia, anno 1901, voi. XXXII, n. 2. Vedi 
pag. 173-174. 

Cassetti M., Dal Fucino alla valle del Lirù Rilevamento geologico 
fatto nel 1901. Bollett. d.R. Com. Geolog. d'Italia, anno 1902, voi. XXXIII, 
n. 8, pag. 175, fig. 3. 

(') Meli R., Sulla presenza delVlVRicuB sionatus Fér. (Helicogena) 
nei monti Emici nella provincia di Boma. Bollett. d. Soc. Romana per 
gli Studi Zoologici, Voi. II, 1893. fase. VII-IX. Ved. le note. 

Meli R., Sulla presema delV Ibbrus (subsect. Murella) signatus Fér. 
(Helicogena) nei monti Kmici e nei dintorni di Terraeina in provincia 
di Boma. Nella Rivista italiana di scienze naturali. Siena, Anno XIV, 
1 marzo 1894 e seguenti. 

{*) Murchison Roderick, On the geohgical structure of the Alps, 
Apennines and Carpathians, London, R. and. J. Taylor, 1849, in-8**, 
pag. 280-282. Cfr. anche la traduzione fatta da Savi e Meneghini nel 
1861. Ved. pag. 207-210. 



Digitized by VjOOQIC 



MOTIZIB SULLB ROCCB CHE SI RISCONTRANO NELL'ABRUZZO XXXIII 

al macigno, alla pietra serena di Firenze, riferendole all'eocene 
superiore. 

Anche il Cassetti (^) avverte giustamente che il deposito 
di arenarie, di scisti argillosi e marnosi , è posteriore ai cal- 
cari, che egli riferisce parte al cretaceo superiore, .e parte al- 
Teocene; riporta anche aireocene le rocce arenacee e gli scisti 
argillosi. 

Fischer (*), al capitolo : « caratteri geologici e litologici del- 
TAppennino » parlando dei terreni eocenici, osserva che si hanno 
difficoltà per la loro determinazione cronologica, e che esistono 
molte divergenze tra i geologi, poiché alcuni attribuiscono una 
parte dei terreni appennini, giudicati da taluni eocenici, al 
cretaceo (forse accenna alla pietra forte in Toscana), mentre 
altri né considerano la parte superiore come spettanti al miocene, 
od almeno all'oligocene. 

Anche Abbate C) ripete quanto ha detto il Fischer, avver- 
tendo che la classifica dei terreni eocenici dell'Appennino abruz- 
zese è difficile, poiché i geologi attribuiscono una parte delle 
rocce inferiori dell'Appennino, al cretaceo ed all'eocene, mentre 
le altre superiori sono in parte riferite al miocene ed in parte 
all'oligocene. 

Nelle € Note sulla sirutttira dei terreni considerata riguardo 
ai lavori ferroviari eseguiti dalla Società Italiana per le strade 
ferrate meridionali > Ancona, 1901, in-4°, la maggior parte dei 
calcari da Goriano a Roccapia, a Rovisondoli, ai piani di Cin- 
quemiglia, ad Alfedena, sono indicati, come spettanti all'eo- 
cene, ed in minor parte al cretaceo. (Ved. Tav. IV Linea Sul- 
mona-Isemia, Pianta geologica). 



(*) Cassetti M., Appunti geoìogici sui monti di Tagliacozzo e di Scur- 
cola nella Marsica, Bollett. d. R. Com. Geolog. d'Italia, anno 1903, 
voi XXXIV, 2^ trimestre, pag. 113-120. 

Vedi anche: Cassetti M., Dal Fucino alla valle del Livi (mera. cit.). 
Boll. d. R. Com. Geol. d'Italia voi. XXXIII, pag 176-177. 

(') Fischer Teobaldo. La penisola italiana. Saggio di coi'ografia 
scientifica (Fa complemento alhi traduzione del Neumayr <c La terra »). 
Torino, Unione tip. editr., lfJ02. Ved pag. ii02. 

(») Abbate E , Guida delV Abruzzo. Rom.n, 1903, in 16". Parte ge- 
nerale, pag. 116. 

Ili 



Digitized by VjOOQIC 



?EXX1V R. MRLI 

Carlo De Stefani giudica del miocene medio i calcari con 
Pecten, e riporta al miocene superiore le arenarie con strate- 
relli di lignite, che si mostrano nelle valli dell'Aniene e del 
Sacco C). Parimenti il Nelli, seguendo le viste del De Stefani, 
riferisce al miocene medio i calcari con Pecten di Subiaco (*). 
Ma una parte dì questi calcari a Pecten credo che, per la loro 
posizione stratigrafica e per i fossili, siano da riguardarsi come 
eocenici, come giustamente li determinò il Viola (^). 

Nel grande taglio verticale di Tagliacozzo gli strati cal- 
carei sono concordanti. Io li considerai spettanti al cretaceo 
superiore per analogia con gli altri, di facies analoga, del Monte 
Bove, del bacino del Fucino, e per le rudiste raccoltevi; il Cassetti, 
che li studiò di proposito, trovò del pari, che nella parte inferiore 
sono cretacei, e contengono rudiste (piano turoniano) ; ma nella 
parte superiore ha riscontrato un lembo di calcare eocenico con 
Pecten ed Ostrea, analogamente a quello che si ripete al monte 
Affilano nella valle deirAniene. 

Sull'età pertanto di questi calcari con Pecten^ sovrapposti 
direttamente al cretaceo superiore, e concordanti con esso, io 
stimo che possano essere eocenici, e sono pertanto d'accordo col 
Murchison, col Ponzi, col Viola (^j e col Cassetti nel conside- 
rarli tali. 

Del resto, oltre 40 anni fa, il Ponzi, i cui lavori sono oggi 
da taluni ingiustamente dimenticati, poneva i calcari compatti 

(') De Stefani Carlo, I terreni terziari della provincia di Roma, 
IL Miocene medio. Rendiconti d. R. Acc. dei Lincei, serie V% voi. XI, 
fase. 2*, II semestre 1902. Vcd. pag. 39-45. 

(') Nelli B., Il Langhiano di Bocca di Mesto. Boll. d. Soc. Geol. 
Ital., voi. XX, 1901, pag. 246-250. 

(^) Viola C, Osservazioni geologiche fatte sui monti suhlacensi nel 
1897. Boll. d. R. Comit. GeoL d'Italia, voi. XXIX, 1898. 3° trimestre, 
pag. 272-284. 

(^) Viola C, Sopra alcuni pettini del calcare a piccole nummuliti 
dei dintorni di Subiaco in provincia di Roma. Bollett. del R. Com. Geo!., 
anno XXXI, 1900, pag. 247-255, e tav. V, VJ. Viola C, A proposito 
del calcare con pettini e piccole nummuliti di Subiaco (prov. di Roìna). 
Boll. d. R. Com.. voi. XXXII, 1901, pag. 223-226. — Viola C, Ossei-- 
razioni geologiche nella Valle delVAniene eseguite nell'anno 1902. — Boll. 
R. Comit. Geol., voi. XXXIV, 1903, pag. 34 e seg. 



Digitized by VjOOQIC 



NOTIZIE SULLR ROCCE GHB SI RISCONTRANO NBLL'aBRUZZO XXXV 

a Pecten dell'Appennino Bomano nell'eocene e distingueva due 
serie di arenarie, l'una, più antica, che riferiva all'eocene su- 
periore e l'altra più recente, costituita da arenarie verdi (forse 
quelle con grani di glauconia), che collocava nel miocene infe- 
riore C), dividendosi allora il terziario nei 3 sistemi, dell'eocene, 
del miocene e del pliocene. 

Dopo la comunicazione del socio prof. Lupi, rimarebbe ac- 
certato che in questa regione si ritrova anche il miocene, rap- 
presentato da calcari sabbiosi a glauconite racchiudenti Fauna 
miocenica presso Tagliacozzo (*). 

Eesterebbe ora a delimitare le aree di questi calcari sab- 
biosi, glaucouiferi del miocene e soprattutto i rapporti strati- 
grafici e la tettonica tra essi ed i calcari più antichi e le are- 
narie. 

[ms. pres. 7 marzo 1904 - alt. bozze 5 aprile 1904]. 



(*) Ponzi G., IMVAniene e suoi reìittù Roma, tip. d. Belle Arti, 
1862. Estr. d. Atti d. pont. Accad. Lincei, Anno XV, sessione VI, mag- 
gio 1862. Ved. pag. 24 estr. 

Id., Storia fisica dell'Italia centrale. Roma, tip. d. Belle Arti, 1871, 
Estr. d. Atti d. R. Aecad. d. Lincei, sessione IV, 5 marzo 1871. Ved. 
pag. 10 estr.: e grande Quadro geologico delV Italia centrale: n. 10 Cal- 
cari con Fecten (eocene inf.): n. 11, 12 Scisti e arenarie bigie delPeo- 
cene medio e superiore; n. 13 arenarie con straterelli di lignite (mio- 
cene ìnfer.). 

(♦) Boll. d. Soc. Geol. ital., voi. XXIII, 1904, pag. xxviii. 



Digitized by VjOOQIC 



XXXVI R. MELI 

III. 

ESCURSIONE GEOLOGICA 
SUL LITTORALE DI NETTUNO 



In conformità della circolare a stampa distribuita ai soci 
della Società Geologica Italiana, il 5 febbraio 1904, si esegni 
il giorno 15 dello stesso mese la progettata escursione sulla 
spiaggia di Nettuno, coli' itinerario: Nettuno-S. Rocco-Foglino- 
Grottaccie e viceversa, andando poi nelle ore pomeridiane da 
Nettuno ad Anzio. 

Presero parte alla gita, il presidente prof. Meli, il segre- 
tario prof. Neviani ed i soci ingegneri E. Clerici, E. Mattirolo. 

Partiti da Eoma in ferrovia col treno delle 6,18, giunsero 
alle 8 e mezza a Nettuno, e, nonostante il vento che soffiava 
impetuosissimo, proseguirono subito per S. Rocco, con l'inten- 
zione di percorrere la spiaggia e di raggiungere le marne bigie 
con fossili marini [Nassa semistriata (Brocc), var. integro-striata 
Coppi; Nucula sulcata Bronn; Cardium echinatum Lin.; Natica 
helicina Brocc. (Nerita); Syndosniya nitida Mttll. (Mya); ecc.], 
che affi«)rano poco sopra il livello del mare, sottostanti ai tufi 
alluvio- vulcanici, provenienti dai crateri subaerei del Lazio, a 
metà di distanza tra le Grottaccie e Torre Astura. 

Giunti al ponticello sul corso d'acqua Loracina, il prof. Meli 
indicò i resti in muratura dell'antico ponte, demolito in gran 
parte dall'azione delle onde ed ora giacente entro mare. Dalla 
lapide nmrata sull'attuale ponte si rileva che questo fu costruito 
nel 1852 per la quarta volta (*), sempre più lontano dalla spiag- 
gia per il continuo avanzarsi del mare entro terra. Da ciò si 
può facilmente dedurre quanto quel tratto di costa, da Nettuno 
lungo i tumuli, fino versi) il ponte di Foglino, sia soggetto ad 
erosione. 

{}) La lapide è riportata nella memoria di R. Meli, Notizie m reati di 
mammiferi fossili rinvenuti recentemente in località italiane, Boll. d. Soc. 
Geol. Ital., voi. XIV, 1895, fase. 2, pag. 161, in nota. 



Digitized by VjOOQIC 



B9CURSIONE GEOLOGICA SUL LITTOKALE DI NEITUNO XXXVII 

Arrivati all'altezza della piccola chiesa di S. Rocco, lo stato 
agitatissiiDO del mare, e le onde, che impetuose si avanzavano 
snlla spiaggia e la spazzavano, frangendosi sulla costa, non per- 
misero di continuare il cammino snlla spiaggia, d'ordinario pra- 
ticabile, e si dovette per necessità seguire la strada entro terra, 
allungando notevolmente il percorso della escursione. 

Sotto S. Eocco, fu osservato il lavoro di corrosione della costa, 
fatto dalle onde del mare, che in quel giorno vi battevano in- 
cessanti. Il Comune di Nettuno a preseiTare dalla corrosione la 
strada rotabile, che, passando a destra del muro di cinta della 
chiesa, conduceva al poligono militare costruito circa il 1886, 
vi esegui, anni indietro, un robusto muro di sostegno, formato 
di massi squadrati di tufo vulcanico murati a calce, ma, dopo 
pochi anni, il muro, minacciando rovina per la corrosione ope- 
ratavi alla sua base dal mare, si dovette di nuovo restaurare 
e, per sempre più preservare la strada soprastante, si foderò 
esternamente il muro con robusti tavoloni e traverse di quercia, 
collegate fra loro da forti chiavarde in ferro; ma, in cinque o 
sei anni, i lavori fatti per mantenere il muro di sostegno della 
strada, furono demoliti dalla corrosione del mare e si dovette 
tracciare un'altra nuova via. quella, che passa alla sinistra della 
chiesa, per andare al poligono militare, e sbarrare al transito 
la vecchia via, che per metà è già rovinata e non tarderà a 
scomparire per intero, minata alla base dalla corrosione delle 
onde del mare, che la percuotono, quando è agitato. 

Passando entro terra, non si poterono osservare le pareti, ver- 
ticali sul mare, del lehm quaternario, nella quale roccia si rin- 
vennero due bei molari, destro e sinistro, spettanti, come sembra 
dal loro aspetto, allo stesso individuo di elefante (Elephus an- 
tiquus Falc.) nel 1882 (^), due bellissime corna di Cervus 
(Strongyloceros) elaphus Lin ('), un dente molare di Bos (cfr. 



(*) Meli R., Ulteriori notizie ed osserrceioni sui resti fossili rinvenuti 
nei tufi vulcanici della prov. di Boma Boll. d. R. Comìt. Geol. d' Italia, 
1882, pag. 365, in nota. 

(*) Meli R., Notizie su resti di mammif. foss. (mera. cit.). Boll. d. Soc. 
Geol. Ital., voi. XIV, 1895, pag. 160-161. 



Digitized by VjOOQIC 



XXXVIII R. MRLI 

primigenius, Boj.) (^), ed ove lo scrivente estrasse, fin dal 1881, 
numerosi frammenti di silice focaia, scheggiati in vario modo. 

Presso il ponte di Foglino si tentò di percorrere la spiaggia, 
ma lo si fece per breve tratto e si dovette di nuovo riprendere 
il cammino entro terra, traversando i monticelli di sabbie mo- 
bili (dune), che formano un cordone littorale continnantesi fino 
a Terracina. Il vento violento gettava con impeto sul viso dei 
componenti la comitiva i granellini di sabbia e ne rendeva dif- 
ficile e faticosa la marcia. 

Dopo il ponte di Foglino, la spiaggia essendo stata spazzata 
dalle arene per la forza dei marosi, si videro distintamente gli 
strati di torba con tronchi legnosi, che trovansi in quel tratto 
di littorale, e che d'ordinario affiorano sotto il livello del mare. 
Lungo tutta la spiaggia si osservarono blocchi erratici, di varia 
grandezza, di torba, rigettati dal mare C) e staccati special- 
mente dallo strato superiore. 

Sulla spiaggia vennero raccolti i gusci dei seguenti mollu- 
schi moderni: 

Pholas dactyììJis Lin. in valve staceate; assai frequente. 

> candida Lin. molto più rara della specie precedente. 
Bonax trunculus Lin. abbondante. 
Fectunculus violacesccns Lamk. abbondante. 
Cardium iMmarckii Reeve abbondante. 
Spondylus gaederopus Lin. in valve frammentarie logorate. 
Mytilus gallO'provincialis Lamk. 

Frammenti di Pinna truncata Phil. e di Avicula tarentina 
Lamk. 

Valve di Anomia. 

Lima inflata Chemn. 

Ostrea (valve di mediocre grandezza). 

Murex hrandaris Lin. un esemplare logorato. 



(') Meli R., Notizie aopra alcuni resti ili mammiferi quaiern. (ossa e denti 
isolali) rinvenuti nei dintorni di Roma. Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. XV, 
1896, fase. 3, pag. 294-295. 

(^) Meli R., Sulla esistenza di stilati di torba affioranti in mare lungo 
la spiaggia di Foglino. Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. XV, 18%, fase. 1. 



Digitized by VjOOQIC 



BSCURSIONR GBOLOOrCA AUL LITTORALB DI NETTUNO X^SXIX 

Triton nodiferum Lin. frammenti dì im grande esemplare. 
> corrugatum Lamk. esemplare logorato. 

Sepia officinalis auct. (n. Lin.). = S. FilUoux Lafont (con- 
chiglie inteme) (*). 

Loligo vulgaris Lamk. =l L. mediterranea Targ.-Tozz. 

Si raccolsero anche numerosi resti di Lepas anatifera Linn. 
rz Anatifa laevis auct. Veletta spirans Eschsch. e campioni di 
Schizoporella spongites Pallas (Cettepora), Il prof. Neviani rac- 
colse pure una estesa colonia di Pedicettina cemua Pallas (Bra- 
chionus), per la prima volta ritrovata lungo il littorale romano. 

Si trovarono, parimenti su tutta la spiaggia, numerosi fram- 
menti di pomice ; i più piccoli sono ridotti a ciottoli, cioè arro- 
tondati completamente ed a superficie curva. I più grossi (') sono 
sempre logorati sugli angoli. Questi frammenti ciottoliformi di 
pomice sono disseminati su tutta la spiaggia romana, da Terra- 
cina fin oltre Civitavecchia e vi vengono lanciati dal mare in 
burrasca. Ne raccolsi anche sulla spiaggia delle Cannelle, ad E. 
dell'isola del Giglio, ed a S. del Giglio-marina, ma di diametro 
assai ridotto. Provengono dalle isole Lipari e, galleggiando sul 
mare, sono fluitate e trasportate a forti distanze. 

Si rinvennero ancora parecchi ciottoli di focaia giallastra 
con nummulitidi, e sezioni specialmente di Alveolina. 

Si trovarono pure sulla spiaggia alcune concrezioni sabbio- 
ferruginose, cementanti valve fresche di molluschi con frammenti 
di laterizi di epoca non antica, ma assolutamente moderna (^. 



(1) Per indicazioni maggiori sulla fi^ina conchiologica di questo tratto 
di littorale romano, si può consultare: Meli R., Sulla Eastonia ru- 
gosa Chemn. (Mactra) ritrovata vivente e fossile nel littorale di Anzio 
e Nettuno. Modena, 1897, in -8^. Nel Bull. d. Soc. Malacologica italiana, 
voi. XX. 1895-99. Vedansi gli elenchi alle pag. 47-50. 

(<) Sulla spiaggia di Pratica di Mare ne raccolsi un grosso fram- 
mento misurante cm. 15 nel diametro maggiore. 

(3) Queste concrezioni delle sabbie ferrifere devono formasi rapi- 
damente, anche oggi, a giudicarlo dalla freschezza e dal colore, ben 
mantenuto, nei gusc! dei Fectunculus violacescens Lamk., e dalla qualità 
dei frammenti laterizi assolutamente moderni, anzi contemporanei, che 
vi si trovano agglutinati. 



Digitized by VjOOQIC 



XL R. MELI 

Una di queste concrezioni di fomm ellissoidale aveva il diame- 
tro maggiore di mm. 90. Altra simile incrostazione di sabbie 
e minerali vulcanici, si trovò aderente ad un pezzo di legno 
tagliato a travicello C), forse un pezzo di filagna di stecconata. 

Arrivati alle Grottaccie, si vide la impossibità di passare 
sulla stretta striscia di spiaggia invasa dal mare e di recarsi 
a visitare le marne fossilifere, che, sottostanti allo straterello di 
ghiaie, ed ai tufi vnlcanico-alluvionali, affiorano sul mare, e 
perciò si dovette con dispiacere rinunciare a questa parte della 
gita, che veramente ne costituiva la parte più attraente per i 
raccoglitori di fossili. 

Nel ritomo si visitarono presso la distrutta fornace Morro- 
nese, gli affioramenti di tufo giallo con numerosi interclusi ciottoli- 
formi, calcarei, lavici (leucititi laziali in gran parte) con fram- 
menti di peperino laziale, con aggregati minerali svariati [p. es. 
sanidino, augite e melanite in cristalletti (110) (211)] con cri- 
stalli di augite e gusci di molluschi. Questi tufi riposano su 
sabbie marine quaternarie, ricche di fossili, ricoprenti a loro 
volta marne grigie parimenti con fossili marini, che sono la 

Sono analoghe a quelle ritrovate sulla costa di Sussex, aventi inca- 
stonati alcani gusci di ostriche ; alla concrezione ferruginosa, brec i- 
forme, racchiudente due monete d'argento di Ekloardo I, trovate nel 18 i2 
alla profondità di 10 piedi inglesi nel letto del Dove nella contea di 
Derby (ved. Penny Magaeiney november, 1831). Mantell scrive che 
molte migliaia di monete furono ritrovate in consimile conglomerato: 
« many thousand Silver coins, comprising a great varìety of the english, 
» irish and scotish coinage of the 13«' and 14'i> centuries, were found 
» imbedded in a hard conglomerate ». Cita ancora numerosi esempi di 
consimili conglomerati con monete romane e frammenti di terraglie rin- 
venuti nel letto del Tamigi. Fa#nche parola di un conglomerato fer- 
ruginoso, formato da pallottoline di vetro bucate nel centro, coltelli di 
ferro e sabbia, trovato sopra un vascello tedesco, naufragato un secolo 
innanzi sulla spiaggia di Hastings e poscia ricoperto da sabbia e fango. 
Infine soggiunge che la cementazione della sabbia, ghiaia ed altro detrito, 
per r impregnazione del ferro si fa ovunque. (Mantell Gideon, Thewonders 
ofgeology, sixth edition. London, 1848, voi. J, pag. 81-84). 

(') Incrostazione di tal genere ritengo sia quella aderente al fram- 
mento di osso metacarpale di Boa presentato nell'ultima adunanza della 
Società (14 febbraio 1904), del quale é parola nel relativo rendiconto 
(Boll. d. Soc. Oeol. ita] , voi. XXIII, 1904) e nella nota stampata alle 
pag. 171 del Bollettino predetto. 



Digitized by VjOOQIC 



ESCURSIONE GBOLOGICÀ SUL LITTORALB DI NETTUNO XLI 

continuazione delle stesse marne emergenti di un paio di metri 
Bui livello del mare, oltre le Grottaccie. 

Nelle ore del pomeriggio si andò ad Anzio, visitando il 
porto Innocenziano, la moderna protrazione del molo, e la costa 
à fdlaise nel tratto Nettuno-Anzio, costituita da strati inclinati 
dì Macco, ricchi di belli Echinodermi [SpatangiASy Dorociduris, 
JSchinas, Sphaerechinus granularis (Larak.), Echinocyamus pusil- 
lus (MttU.), Schijgaster, ecc.]. 

Col treno che giunge a Boma alle 18,41 si fece ritorno alla 
capitale. 

APPENDICE 

MATERIALI PER UNA BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DELLITTORALE ROMANO, 
COMPRESO TRA ARDE A E LA FOCE DEL FIUME ASTURA. 

La striscia di spiaggia romana, alla quale si riferisce la pre- 
sente bibliografia scientifica, comincia a N. con Ardea, e, andando 
verso S., passa successivamente per Tor S. Lorenzo, Tor Caldara, 
Capo d'Anzio, Anzio, Nettuno, S. fiocco, Foglino, Fornace Mor- 
ronese, Grottaccie, Torre Astura, fino alla foce dell' Astura. Entro 
terra, partendo da Ardea, passa per la Solfatara Altieri sulla 
via Ardeatina, quindi per Carroceto e per Conca, raggiungendo 
l'ultimo tronco del fiume Astura. 

Nella bibliografia sono indicate le pubblicazioni riguardanti 
la Mineralogia; la Geologia (nel senso lato del vocabolo, inclu- 
dendovi, cioè: Litologia e Petrografia, Sismologia e Bradisismi); 
la Paleontologia ; la Paletnologia ; la Geofisica (corrosione della 
costa ; insabbiamento ; magnetismo terrestre) ; le acque correnti ; 
le acque potabili e minerali; la Zoologia (specialmente i mol- 
luschi marini). Ho tralasciato di citare la letteratura, che si rife- 
risce alla Botanica dell'anzidetta regione, perchè per questo ramo 
della Storia Naturale rimando il lettore all'interessante lavoro 
del prof, fi Pirotta e del dott. E. Chiovenda: Flora romana, 
fase. I-II. Roma, E. Voghera, 1900-01, in-4**, nel quale è stam- 
pata una copiosa, esatta e mirabilmente accurata bibliografia, 
riguardante la storia e lo sviluppo della Botanica in Roma e 
nell'antico Stato Romano. In quella ricca miniera di notizie e 



Digitized by VjOOQIC 



XLIl R. MELI 



citazioni se ne hanno alcune relative nlla costa romàna, alle 
piante terrestri ed alle alghe, che vi vegetano. 

Il presente elenco non è molto ricco di citazioni, la maggior 
parte delle quali è moderna e data da pochi decenni. Alcune 
indicazioni bibliografiche sopra Anzio e Nettuno si trovano 
stampate nelle mie due seguenti memorie: Cenni geologici 
sulla costa di Anzio e Nettuno, ecc. (Annuario del B. Istituto 
Tecnico di Eoraa, annata IX, 1884. Roma, Centenari, 1884, in 8*. 
Ved. pag. 96-97, e 113-115, nelle note); Sulla esistenza di strati 
di torba affioranti in mare lungo la spiaggia di Fogliìio presso 
Nettuno (Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. XV, 1896, fase. 1, pag. 15-18 
nelle note). 

Assai più ricca e numerosa di citazioni sarebbe la lettera- 
tura generale, specialmente quella che si riferisce all'Ingegne- 
ria, alla Storia, all'Archeologia. Quantunque interessante, ho 
creduto tuttavia di sopprimerla nel presente elenco, stampato in 
appendice alla breve relazione della gita eseguita dalla Società 
Geologica Italiana il 15 febbraio 1904 a Nettuno e dintonii, 
perchè sarebbe stata fuori di argomento. 

Una parte delle citazioni era già stata preparata per una 
bibliografia di quel tratto di costa romana, che da Anzio si 
estende a Terracina; bibliografia, che accompagnava una me- 
moria da me presentata all'Adunanza generale tenutasi dalla 
Società Geologica, Italiana in Vicenza il 10 settembre 1892 (*), 
la quale non venne finora pubblicata per mia trascuranza. 

Ho riunito le presenti indicazioni bibliografiche in poche 
ore, né ho avuto il tempo di riscontrare molte di esse. Mi sono 
servito delle numerose schede, che ho trascritto in parecchi 
anni, e che riguardano le pubblicazioni su i comuni delia pro- 
vincia di Koma. Dallo schedario generale, comprendente anche 
la parte storica, artistica, archeologica, ecc., ho estratto i titoli 
di quelle pubblicazioni, che si riferiscono alla letteratura scien- 
tifica della costa romana circostante ad Ardea-Anzio-Nettuno- 
Astura, e che potranno servire come materiali per una biblio- 
grafia scientifica dell'anzidetta regione. 

0) Ved. BolUtt. d. Soc. Geolog. Jtal, voi. XI, 189*2, pag. 661^62. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SOIBNTJFIGA DEL LITTORALR ROMANO XLIII 



I. 

Pubblicazioni riguardanti la Mineralogia, Geologia, 
Sismologia, Paleontologia e Paletnologia. 

1. Abbate Enrico, (ruida della provincia di Boma, - Pub- 

blicazione del Club Alpino Italiano, Sezione di Boma. 
V edizione. Roma, Tip. della E. Àccad. d. Lìncei, (Er- 
manno Loescher e C." editori), 1890, in 16** di pag. xxxii 
e 905 con 13 cartine topogr. (itinerarie), 2 carte topogra- 
fiche della provincia a colorì, nella scala V'souoo ed una 
carta stradale della saddetta provìncia nella scala di V5..0.000. 

In molti punti di questa guida si parla di Àrdea, Anzio, 
Nettuno, Astura, Conca, ecc. 

Trattando dei terreni pliocenici, sono ricordate le argille 
grigie a Pecten histrix del Capo d'Anzio ed il macco di 
Anzio (pag. 95-96; vedi anche pag. 101). 

2* edizione - Roma, E. Ferino, 1901, in 16°, voi. 2, con carte 
topografiche. 

Nel voi. II della 2* edizione, pag. 264-271, si parla di 
Anzio, Astura, Conca, Nettuno, ecc. 

2. Accademia (R.) dei Lincei. Nelle Notizie degli scavi di an- 

tichità, settembre 1883, pag. 341, è fatta parola di al- 
cuni ritrovamenti archeologici, avvenuti negli scavi della 
ferrovia secondaria Albano Laziale-Anzio, tra i quali sono 
menzionati due scarabei di pasta con invetriatura, forse 
rinvenuti entro rozzi fittili laziali, ed alcune tombe, in cui 
si raccolsero varie fibule di bronzo, e vasi di bucchero 
lavorati a mano. 

Nel Bullett. di paletnolog. ital., Anno X, 1884, n. 1 e 2 
pag. 32, è riprodotto il brano, relativo al rinvenimento 
degli soarabei e delle tombe di tipo laziale. 

3. AiEAoei Carlo. Echinidi postpliocenici di Moìiteleone Ca- 

labro. Milano, 1900, in 8°, di pag. 10. Estr. d. Atti d. 



Digitized by VjOOQIC 



ZL1Y R. MELI 

Società Italiana di scienze naturali^ voi. XXXIX, 1900, 
Milano. 

Yì sono riportate, sulle indicazioni del Meli, come fos- 
sili di Anzio, le seguenti specie di echinìdi-: 

1. Ecldnus melo Lamk. 

2. Arhacina nwìiilis Desra. (Ecliinus). 

3. Sphaerechimis granularis Lamk. (Echinus), 

4. Echiììocyamtds pmillus Milli. (Spatangiis), 

4. Id. Echinidi terziari del Piemonte e della Liguria. Nella 

Palaeontographia italica - Memorie di Paleontologia pub- 
blicate per cura di Mario Canarari^ voi. VII, 1901, 
pag. 148-218, tav. XIX-XXVII. 

Alla pag. 14-15, n. 5 della memoria e n. 8 (= pag. 162-163 
del volarne) sono citate come specie rinvenute nel macco 
di Porto d^Anzio V Echinus melo Lamk. e V Echinocyamus 
pusillus (Milli.). 

5. Almsi Ugo e Giorgis Giovanni (Ved. Giorois G.). 

6. Antonelli Giuseppe. Contributo alla flora fossile del suolo 

di Soma. Roma, Tip. della E. Accad. d. Lincei, 1889, 
in 8^ di pag. 23. Estr. d. Bollett. d. Soc. Geohg. Itah, 
voi. VII, 1888, fase. 3". 

In questa memoria sono citate le impronte di foglie 
del Laurus nobilis Lin., rinvenute dal Meli in un tufo 
grigio nel fosso dì S. Lorenzo, presso la torre omonima, 
a circa 20 km. da Anzio. 

7. Baratta Mario. Il terremoto laziale del 22 gennaio 1892. 

Roma, Tip. d. R. Accad. d. Lincei, 1892, in 8* di pag. 30 
con 1 tavola. Estr. d. Bollett. d. Soc. Geol. Ital., voi. XI, 
fase. 1, 1892, pag. 36-62 con 1 tavola. 

Parlando delFattività vulcanica nel Lazio, scrive che 
ora è pressoché spenta, e che unici rappresentanti del- 
Tintemo dinamismo sonò i fenomeni secondari, fra cui i 
principali si hanno nelle solfatare di Torre Caldana sulla 
costa dì Anzio e di Altieri sulla via Ardeatina. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DBL LITTOBALB ROMANO ZLV 

Alla pag. 12 sono date notizie sulla scossa di terremoto, 
risentita in Anzio ad 11\34' pom. del 22 gennaio 1892, 
con la intensità VI della scala De Bossì-Forel. 

Alla pag. 16 l'aatore dà notizie sulla scossa risentita 
a Nettuno alle 11\25'. 

Stante la piccola distanza, che separa Anzio da Net* 
tuno, il tempo sopracitato in cui si risenti la scossa nelle 
due località non può essere esatto, e crede eirato il tempo 
di Anzio. 

'S. Bakatta Mario. Terremoto laziale del 19 luglio 1S99. Nel 
Bollett. d. Soc. Geogr. Itah, serie III, voi. XII, n. 8, 
agosto 1899, pag. 359-361. 

A Genzano, Civitalavinia, Anzio e Nettuno, la scossa 
fu molto forte e produsse qualche danno. Avverte l'au- 
tore, che nel terremoto del 1897, le vibrazioni sensibili 
non interessarono la costa fra Nettuno e Fiumicino. 

"9. Belli Andrea. Grotta bituminosa presso Ardea, Nelle No- 
tizie d^l giomOy Roma, Anno 1840, n. 46. 

L'articolo è riprodotto nell'opuscolo: Diporti e riposi villeì-ecci, 
2* edizione, Roma. 1851, alle pag. 78-74, col titolo: Storia na- 
turale. 

Dice di aver trovato la pece minerale, o asfalto natu- 
rale, stillante dalle volte delle caverne, che sono nella 
cittadella, a modo di stai lattiti. 

10. Id. Diporti e riposi villerecci del dottor Andrea cav. Belli, 

2* edizione di 100 esemplari. Bpma, Marini e Morini, 
1851, in 8* di pag. 83, con l'elenco in 3 pagine dei la- 
vori pubblicati dall'autore. 

Alle pag. 73-74, sotto il titolo: Storia naturale, è ri- 
prodotto l'articolo suirasfalto, rinvenuto in una grotta 
presso Ardea, già stampato nelle Notizie del giorno, 
Anno 1840, n. 46. 

11. Battarra Johannes Antonius. Rerum naturalium historia 

existentium in Musaeo Kircheriano, edita jam a P. Phi- 

IV 



Digitized by VjOOQIC 



XLVI R. MELI 

lippo Bonannio, nunc vero nova methodo distribuia, notis 
illustrata, in tabulis reformata, novisqtie observationìbus 
locupletata a Johanne Antonio Battarra. Bomae, in typ. 
Zempelliano, 1773, voi. 2, in fol. con tavole. 

Nella parte l"", alla pag. 108, è riportato il testo del 
Bonanni, relativo alla Solfatara di Tor Caldara ed al me- 
todo, ivi tenuto per la estrazione dello zolfo. 

12. BoNANNi PfliLiPPUS. Musaeum Kircìterianum. Romae, typ. 

G. Plachi, 1709, in fol. 

Alla pag. 217 si parla della Solfatara presso Tor Cal- 
dara, e del metodo ivi usato per l'estrazione dello zolfo. 

13. BoNSTETTEN (de) CHARLES ViCTOR. Voyage sur la scène des 

six demiers livres de V Eneide. Suivi de quelques obser- 
vatiofis sur le Latium moderne, (ienève, J.-J. Paschoud,, 
Anno XIII (1804), in 8"" picc, di pag. 580, con una carta 
topografica. 

L'opera fu tradotta in tedesco, col titolo seguente: 

Reise durch das alte Latium {aus dem Franzosiscìien 
von K. G. Schelle). Leipzig, 1805, 2 voi. 

E ne fu fatta una ristampa in francese: Grenève, 1861, 
in 16"* di pag. 360, con carta topografica. 

Alla pag. 343 si menzionano i banchi di conchiglie di villa 
Mellini al Monte Mario, simili a quelli che si ritrovano 
ad Anzio e Nettuno. 

Alle pag. 348-349 l'a. scrìve che tutta la costa sabbionosa 
da Ostia ad Anzio è opera delle alluvioni del Tevere. 

Alla pag. 350 cita le argille lungo la riva nei din- 
torni di Nettuno, che potrebbero, secondo l'autore, rife- 
rirsi a depositi del Tevere (!). Parla poi del modo di com- 
portarsi delle sabbie mobili lungo il littorale tirreno. Ac- 
cenna alle costruzioni romane, che si veggono distinta- 
mente sott'acqua lungo la costa d'Anzio e di Astura : le 
sabbie rìcnoprono quei resti di costruzioni, ma alcune volte 
(e ciò accade dopo le mareggiate quando il fondo è stato 
sconvolto) ne sono sbarazzati. Secondo Bonstetten, la dire- 
zione di queste sabbie muoventisi è da N. a S. La loro 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCISNTIVIOA DBL LITTORALE ROMANO XLYII 

massa, sempre crescente, ha elevato le dune lungo la 
costa dì Lanrento. 

È data poi la notizia curiosa, che gli venne raccontata 
dagli abitanti di Nettuno, che nei mesi di agosto e set- 
tembre il mare si ritira dalla costa di Nettuno e d'Anzio 
al punto che si va sulle rocce sulle quali si passa in bar- 
chetta il resto dell'anno. Io spiegherei cosi questa inesatta 
notizia. Nei mesi di agosto e settembre il mare d'ordi- 
nario è tranquillo e placidissimo ; nella bassa marèa lascia 
sporgenti scogli e ruderi tra Anzio e Nettuno, ai quali si 
può accedere da terra. Nell'inverno invece, e quando il mare 
è agitato, copre non solo quegli scogli, ma batte la costa a 
falaise^ demolendola. 

14. BouRT (de) e. Étude critiqm des Scalidae miocènes et plio- 

cènes d'Italie. 

Nel Bollettino della Soc, Malacologica Italiana. Voi. XIV, 
1890, pag. 161 a 326, con 1 tav., e voi. XV, 1890, 
pag. 161-212, con 1 tavola. 

Alla pag. 179, passando in rassegna l'opera del mar- 
chese A. Di Gregorio: Iconografia conchigliologica medi- 
terranea vivente e terziaria, I. Studi sul genere Se alari a 
{Annales de Geologie et Paleontologie^ 6' livraison, 1889), 
indica la Scalarla communis, citata fossile 'dal De Gre- 
gorio a Porto d'Anzio. 

15. Brocchi Giovanni Battista. Catalogo ragionato di una rac- 

colta di rocce disposto con ordine geografico per servire 
alla geognosia dell'Italia, Milano, I. B. Stamperia, 1817, 
in 8^ di pag. xl-347. 

Alla pag. XXVIII sono citate le sabbie siliceo-calcari di 
Nettuno. 

Alla pag. Ili, n. 10, è segnato lo zolfo di Torre Cal- 
dara. 

Alla pag. 113, n. 8, citasi la Terebratula ampulla Brocc. 
(Anomia) nelle rocce tra Anzio e Nettuno, e nella nota al 
n. 17 avvertesi che il deposito del macco di Anzio con gusci 
di Pecten è identico a quello del Monte Mario presso Boma. 



Digitized by VjOOQIC 



XLYIII R. MBLI 

In generale si trovano in quest'opera indicazioni im- 
portanti sulle roccie della regione in parola al § XII 
€ Litorale d^l Lazio da Fiumicino a Nettunio; via Ardea- 
tina e ccntorni » specialmente ai nnm. 7-9 (Torre S. Lo- 
renzo); num. 10-14 (Torre Caldara); num. 15-22 (Anzio 
e Nettuno); 23-28 (Solfarate Altieri); 30 (Ardea) [vedi pa- 
gine 111-115]. 

16. Brocchi Giovanni Battista. Descrizione di una nuova con- 

chiglia bivalve della costa del Brasile (Anomia carnea) 
con osservazioni intomo ad alcuni altri testacei. Lettera 
del sig. Brocchi al sig. Canali^ professore di Storia natur 
rale n^lV università di Perugia. 

Nella Biblioteca Italiana o sia giornale di letteratura 
scienze ed arti. Milano, Anno II, tom. Vili, ottobre-dicem- 
bre, 1817. 

Dopo aver descritto e figurato col nome di Anomia 
carnea (= Terehratulina rosea Sow.) un brachiopodo del 
Brasile, il Brocchi avvisa di aver ritrovato presso Nettuno 
il Trochus Pharaonis (?), un Trochus corrispondente al 
roseus di Chemnitz, il tessellatus, Vumbilicaris^ il conulus 
ed altri, che meriterebbero una particolare descrizione, 
perchè non corrispondono a veruna delle specie conosciute 
(Ved. pag. 283-285). 

17. Bullettino di Paletnologia italiana. Nella ser. II, tom. IV 

1888, Anno XIV, n. 7-8, nelle notizie diverse trovasi 
un articolo col titolo: Selci lavorate delibi provincia di 
Poma (pag. 130-132), nel quale si ricordano le selci scheg- 
giate nei tumoleti di Nettuno, le quali per il primo indicai 
nel 1884 nei Cenni geologici sulla costa di Anzio e Nettuno. 

18. Calindri Gabrielle. Saggio statistico-storico del pontificio 

Stato, Perugia, Garbinosi e Santucci, 1829, in 4*. 

Alla pag. 77 sono menzionate le acque Ardeatine, come 
acque solforose. 

Parlasi del porto d'Anzio alla pag. 70; di Astura alla 
pag. 71; di Anzio (città) alla pag. 182; di Nettuno alla 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFIOA DBL L1TT0RALB ROMANO XUX 

pag. 349. Alla pag. 445 è detto che nei dintorni di Anzio 
si pesca il corallo (CoralUum nobile). 

Alle pagine 456, 457 si cita lo zolfo e il travertino 
ad Ardea; così pure sono indicate alla pag. 463 materie 
vnlcaniche (tufi) ad Ardea. 

Alla pag. 643 parlasi della fortezza di Nettano, e del 
forte di Anzio. 

Alla pag. 447 citasi il minerale dì ferro a Porto d'Anzio: 

19. Cancellieri Francesco. Sagrestia vaticana eretta dal re- 

gnante pontefice Pio Sesto e descritta da Francesco Canr 
cellieri romano. Eoma, A. Casaletti, 1784, in 8**. 

Alla pag. 20 è stampato che il ferro si lavorava nelle 
ferriere di Conca presso Nettuno. 

20. Cermelli Pier Maria. Carte corografiche e memorie riguar- 

danti le pietre, le miniere e i fossili per servire alla 
storia naturale delle provincie del Patrimonio^ Sabina, 
Lazio, Marittima Campagna e dell'Agro Romano. Napoli, 
V. Plauto, 1782, in-4°, di pag. xiii-48 con 4 carte coro- 
grafiche. 

Alla pag. 26, n. 133, menziona lo zolfo estratto dalla 
cava di Torre Caldana (oggi detta Torre Caldara). 

21. Ceselli Marco. Sui prodotti minerali utili della provincia 

romana. Roma, Tip. Bipamonti e C, 1877. 

Nella Giovane Roma, rivista economica, amministra- 
tiva, letteraria, ecc.. Anno II, n. 17, 1*" settembre 1877^ 
(ved. pag. 277-281). 

Il medesimo lavoro è stampato, parimenti collo stesso 
titolo, nel Popolo Romano, Anno V, nei nn. 246 e 248 
(venerdì 7 e domenica 9 settembre 1877). 

Vi è menzionata la formazione del macco di Anzio; h 
anche citato l'uso di questa roccia come materiale da co- 
struzione. 

È pure ricordato lo zolfo di Anzio. 

Tra le acque minerali trovansì menzionate: le acque 
solforose di Anzio nella località detta Mettipane, sulla 



Digitized by VjOOQIC 



L R. MELI 

Strada che conduce ad Àrdea; l'acqua marziale di Porto 
d'Anzio presso Torre Caldana. 

22. Ceselli Marco. Tavola topografica e climatologica di Boma 

e sua Campagna compilata dalV ingegnere Marco Cesèlli 
(pubblicata per cura del Comizio Agrario di Boma). 
Boma, Tip. Artero e Comp., 1878. 

Un foglio grande a stampa contenente uno schizzo to- 
pografico geologico della Campagna romana. 

A Porto d'Anzio sono segnate sabbie detritiche moderne. 

23. Clerici Enrico. Contribuzione alla flora dei tufi vulcanici 

della provincia di Boma. Roma, Tip. della R. Accad. d. 
Lincei, 1888, in 8^ di pag. 5. 

Estr. dal Boll. d. Soc. Geolog. Italiana, voi. VII (1888), 
fase. 3** (da pag. 413 a 415). 

Nel quadro, ove la flora dei tufi della provincia di 
Boma è messa a confronto con quelle fossili dei tufi di altre 
località italiane, è segnato il Laurus nobilis Lin., le cui 
finiti raccolsi nel tufo presso Tor S. Lorenzo a 20 km. 
circa da Anzio, e donai nel 1884, insieme ad una quan- 
tità di echinodermi fossili del macco in splendidi cam- 
pioni, al Museo Geologico dell'Università di Roma. 

24. Id. La formazione salmastra nei dintorni di Boma. Atti 

d. B. Accad. d. Lincei, 1893, serie 5*. Bendiconti — 
Classe di se. fisiche, matem. e natur. Seduta del 5 feb- 
braio 1893, voi. II, fase. 3^ V semestre, pag. 147-154. 
Parlando, a pag. 152, delle marne a pteropodi del Gia- 
nicolo, Vaticano, Valle dell'Inferno e M. Mario, dice che 
appartengono alla parte superiore di quella formazione, 
che toma allo scoperto al Eosso del Castellaccio presso 
Palidoro ed a Tor Caldara presso Anzio, nelle quali lo- 
calità è caratterizzata anche dalla presenza del Pecten 
histrix Doderl.-Meli. 

25. Collegno (de) H. Esquisse d'une carte géologique d^ Italie. 

Paris, chez J. Andriveau-Goujon (nouvelle édition), 1844. 
Nei dintorni di Anzio è segnato il pliocene. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALE ROMANO LI 

26. CoLLEONO Giacinto. Elementi di geologia pratica e teorica 

destinati principahnente ad agevolare lo studio del stuolo 
dell'Italia. Torino, G. Pomba e C, 1847, in 16^ di pag. xvi 
e 446 più una carta di errata-corrige. 

Alia pag. 216, parlando del terreno pliocenico, scrive: 
« Al sad di Boma vedesi presso il mare a Nettano e Capo 
» d'Anzio un deposito di sabbia calcarea semiconsolidata, 
» con conchiglie marine, analogo intieramente a quello di 
» Monte Mario ». 

27. De Angelis Gioacchino. I zoantart fossili dei dintorni di 

Boma. Boma, Tip. della K. Accad. d. Lincei, 1893, in 8'' 
di pag. 27 con una figura. 

Estr. d. Boll. d. Soc. Geol. ital, voi. XII, 1893, fase. 1% 
pag. 1-25. 

Delle marne plioceniche inferiori dì Tor Caldara è ci- 
tato il Trochocyathus mitratus E. H. (pag. 9 estr.), la 
Caryophyllia clavus Scacch., convertita in zolfo (pag. 20), 
non che il Flabellum Woodii^ parimenti cambiato in zolfo 
(pag. 23). Nel tufo di Foglino è citata la Cladocora 
caespitosa E. H. (pag. 19). 

Yed. anche il quadro alia pag. 24, ai nn. 1, 6, 8, in 
corrispondenza delle marne sabbiose di Tor Caldara. 

28. Id. Il pozzo artesiano di Marigliano (1882). Studio geo- 

paleontologico. Catania, 1894, Tip. Galàtola, in 4**, di 
pag. 50. 

Estr. d. Atti delV Accademia Gioenia di se. nat. in Ca- 
iani-a, voi VII, serie 4*, 1894 (memoria VII*). 

Alla pag. 48 trovasi stampato che l'autore ha riscontrato 
più di una volta foraminifere del genere Glohigerina, get- 
tate nelle attuali sabbie marine del nostro littorale da 
Civitavecchia a Nettuno. < Ultimamente, scrive Ta., ne 
» trovai svariatissime forme nella sabbia raccolta a S. Rocco 
» (Nettuno) allo sbocco del Loricano » (con tal nome avrà 
voluto indicare il finmicello Loracina, menzionato anche 
da Cicerone). 



Digitized by VjOOQIC 



Lll R. MOLI 

29. De Angelis d'Ossat Gioacchino. La geologia agricola e Ze 

rocce delle provinole di Boma e di Perugia, Parte V. 

Nel Bollettino del Naturalista, Anno XXI, n. 5-6^ 
Siena, 15 giugno 1901, pag. 57-66, n. 8, 15 agosto 1901, 
pag. 90-93. 

Alla pag. 62, sotto il n. 18 è citato il macco d'Anzio- 
ed alla pag. 65, sotto lo stesso numero sono date per 
questa roccia le seguenti indicazioni: molta anidride fo- 
sforica; 92.65 di carbonati, con grande rapidità nella 
svolgimento del CO, e residuo colorato. Tali determina- 
zioni furono fatte con un calcimetro dello Scheibler. 

Parlando delle sabbie, dà l'analisi del sabbione ocraceo 
{lehm) presso Nettuno (pag. 92, n. 4). 

30. Demarchi Lamberto. I prodotti minerali della provincia 

di Boma. Roma, Eredi Botta, 1882, in 8° di pag. 119. 

Estratto dagli Annali di Statistica pubblicati dal Mi- 
nistero di Agricoltura, Industria e Commercio (Direzione 
della Statistica generale), serie 3", voi. II. 

Alle pag. 12-13 tra le solfatare della provincia è ci- 
tata quella della Torre Caldana presso Anzio. 

Alla pag. 28 sono menzionate le ricerche pel minerale 
di solfo nella contrada Spalviera presso Torre Caldana^ 
eseguite tra il 1830 ed il 1840, ed alle pag. 55-56 le 
ricerche di lignite nel territorio di Nettuno (quarto delle 
Gragnuole). 

Vi si trovano poi alcune notizie relative alle ferriere 
di Conca, che erano in attività sotto il governo pontificio. 
(Ved. specialmente le pag. 15 e 73 dell'estr.). 

Alla pag. 99 si parla del macco di Anzio. 

31. De Rossi Michele Stefano. Bapporto sugli studi e sulle 

scoperte palcoetnologiche nel bacino della Campagna ro- 
m>ana con appendice osteologica del prof. Giuseppe Ponzio 
* Roma, Tip. Tiberina, 1867, in 8° di pag. 72 con una 
tavola. 

Estr. d. Annxili dell' Instituto di Corrisp. Archeologica^ 
tomo XXXIX, 1867. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA 8CIBNTIP1CA DBL LITTORALE ROMANO MIX 

Avverte che le più belle e perfette armi litiche dell'età 
neolitica sono presso di noi quelle provenienti dalla spiag- 
gia del mare e quelle rinvenute coi crani brachicefali nel 
sepolcro superiore di Cantalupo-Mandela. È ricordata (alla 
pag. 49 dell'estr.) una freccia di sorprendente lavoro di fo- 
caia bianca dell'epoca neolitica, trovata a Porto d'Anzio dal 
Big. Giorni, che la donò al Pigorini per il museo di Parma^ 
ed una lancia, comunicata all'autore dal Busconi, prove- 
niente da Terracina, che è disegnata alla figura 16 della 
tavola annessa alla memoria. Finalmente fa parola di armi 
in pietra, perfino manicate, state descritte all'autore come 
rinvenute e trascurate in Ardea (pag. 33). Sono pure ci- 
tati i suddetti ritrovamenti alle pag. 48, 49 (descrizione della 
fig. 16), ed alla pagina 49 è fatta speciale menzione di due 
freceie rinvenute ad Ardea, dove si dice di rinvenirsene ogni 
qualvolta rompesi il terreno per i lavori di agricoltura. 

32. De Bossi Michele Stefano. Le fratture i^ulcaniche laziali 

ed i terremoti del gennaio 1873. Studi. 

Negli Atti delV Accademia pont. de Nisovi Lincei, Anno 
XXVI, Sess. 2* del 19 gennaio 1873. Boma, Tip. d. Se. 
matem. e fisiche, 1873, in 4"^, estr. di pag. 46 con 1 ta- 
vola topografica. 

Alla pag. 16 avvertesi che al cratere di Nemi, fanno 
capo due fratture, una delle quali può essere riconosciuta 
fino in riva al mare, dove è la Torre Caldara con una 
copiosa solfatara presso Porto d'Anzio. Alle pag. 23-25, 29 
sono menzionate le scosse di terremoto avvertite in Anzio 
il 19 gennaio 1873. 

33. De Gregorio Antonio. Iconografia conchigliologica mediterra- 

nea vivente e terziaria. I. Studi sul genere Scalaria. Pa- 
lermo, C. Clansen, 1889, in 4*" (6* dispensa con 1 tavola). 

Negli Annales de Geologie et de Paleontologie (6*"* li- 
vraison). 

Alla pag. 5 cita la Scalaria communis Lamk., forma 
trinacria Phil., come rinvenuta fossile a Porto d' Anzio 
della quale possiede un esemplare, proveniente dalla col- 



Digitized by VjOOQIC 



lilV R. MELI 

lezione del dottor Tiberì, al quale fa probabilmente in- 
viata dal Bigaecì. Però De Boury nel suo Étude critique 
des Scalidae miocènes et pUocènes d'Italie [Bollett. della 
Soc. Malacologica Italiana^ voi. XV, 1890, pag. 179), 
scrive che la Scalarla communis figurata nella tav. I, 
fig. 2 del De Gregorio, è una delle varietà del Clathrus 
proximus, da lui stabilito, le cui coste sono più ripiegate . 
verso la sommità che nel CI. communis. 

34. Desallier D'Argenville Antoine-Joseph. L'histoire natu- 

relle éclaircie dans deux de ses parties principales, la Li- 
tholoffie et la Conchyliologie, dont Vune traile des pierres 
et Vautre des coquillages, etc. Paris, De Bure, 1742, in 4**, 
con tavole. 

Indicando i luoghi più conosciuti d'Europa per i fossili, 
nomina Monte Mario e Nettuno (cap. VI, parte 2", pag. 174). 
La medesima indicazione è ripetuta nelle edizioni posteriori 
di quest' opera, la più interessante delle quali è quella ese- 
guita da De Favanne de Montcervelle col titolo : La con- 
chyliologie ou histoire fiaturelle des coquilles de m^r, d'eau 
douce, terrestres et fossiles avec un traité de Zoomar- 
phose, etc. Paris, Guillaume De Bure, 1780, 2 voi. in 4® 
(Ved. pag. 110). 

Lie successive edizioni furono stampate a Parigi nel 1755, 
nel 1757 e nel 1780. Se ne ha una traduzione tedesca pubblicata 
a Vienna nel 1772 in fol. con 41 tav. 

35. Desjakdins Ernest. Essai sur la topographie du Latium. 

Thèse pour le Doctorat présentée à la Faculté des lettres 
de Paris. Paris, Aug. Durand, 1854, in 4"*, di pag. vi 
e 276 con sei tavole ed una carta topografica dell'antico 
Lazio con piccola carta geologica della Campagna romana 
inserita nell'angolo superiore sinistro della stessa carta. 

Alla pag. 163 parlasi brevemente della spiaggia com- 
presa tra Ostia e Anzio. 

Nel piccolo schizzo di carta geologica, tracciato sulle 
osservazioni del prof. Ponzi, è indicato il terreno plioce- 
nico dei dintorni di Anzio e di Soma. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL lilTTORALB ROMANO LY 

36. De Stefani Cablo. Atti della Società toscana di scienze 

naturali residente in Pisa. Processi verbali^ voi. II. Adu- 
nanza 9 novembre 1879, pag. 6-7. 

Alla pag. 6 dice che i calcari pliocenici ad Amphiste- 
ginae si trovano sopra roccie sabbiose, citando Palo e Capo 
d'Anzio. 

37. Id. Sul Pecten histrix e Angelonii. Nel Boll. d. Soc. Geol. 

Itah, voi. VI, 1887, pag. 449. 

La nota fn presentata nell'adunanza estiva tenuta dalla 
Società Geologica italiana a Savona nel 1887 e fn pub- 
blicata nel Bollettino nel volume 1888, come viene in- 
dicato nella seguente citazione. 

38. Id. Precedenza del Pecten Angelonii Mgh. al P. histrix 

Dod. Nel Boll. d. Soc. geol. ital, voi. VII, 1888, fase. 2% 
pag. 166-167. 

Tra le località, citate in questa nota, nelle quali si 
trova il P. histrix, è menzionato Comete ed Anzio nella 
provincia di Boma. 

39. Id. / vulcani spenti delV Appetinino settentrionale. Boma, 

Tip. R. Accad. d. Lincei, 1892, in 8^ di pag. 109. Estr. 
d. Bollett. d. Soc. Geol. ItaU voi. X, 1891, fase. 8% 
pag. 449-555. 

Alla pag. 527 scrive che i prodotti dei vulcani albani 
coprirono terreni marini coutemporanei a Foglino presso 
Nettuno; inoltre avverte che questi terreni quaternari ri- 
coperti dai tufi laziali sono prettamente di mare libero. 

40. De Stefani Carix) e Fantappié Liborio. I terreni terziari su- 

periori dei dintorni di Viterbo. Nei Rendiconti della E. Ac- 
cademia dei Lincei. Classe di se. fis. matemat. e naturali^ 
voi. Vili, 2^ semestre, serie 5% fase. 3% 1899, pag. 91-100. 

Vi si trova citata la seguente specie rinvenuta nelle 
marne della costa tra Anzio e Torre Caldara (erroneamente 
è indicata nelle marne di Nettuno) : Pecten Angelonii Mgh. 
(pag. 95). 

Alla pag. 97 scrive che le marne plioceniche della 
Mattonaia Falcioni sulla via di Vetralla presso Viterbo 



Digitized by VjOOQIC 



LYI R. MBLI 

(delle quali dà l'elenco dei fossili rinvenuti. Yed. pa- 
gine 95-97) sono le stesse del Vaticano, di Nettuno (più 
esattamente della costa tra Anzio e Tor Caldaia, non di 
Nettuno, che sono più recenti) e che le predette marne 
si osservano sotto Cometo-Tarquinia. 

41. De Stefani Carix). I terreni terziari della provincia di 
Roma. III. Miocene superiore. IV. Pliocene. Nei Ren- 
diconti d. R. Accad. d. Lincei y serie V, voi. XI, fase. 3°, 
2"" semestre, 1902, pag. 70-74. 

Vi è citato il mxicco dì Anzio come pliocenico. Le 
marne biancastre di mare profondo, a Pecten Angelonii 
Mgh. =: P. histrix Dod., sono dal De Stefani dette di 
facies vaticana. Avverte inoltre che sono sottostanti ai caU 
cari ad Amphisteghia nel littorale da Anzio a Nettuno. 
Veramente le marne grigiastre si mostrano scoperte sul 
littorale, non da Anzio a Nettuno, ma sopra Anzio, cioè 
da Capo d'Anzio a Torre Caldara. Tutto peraltro fa ri- 
tenere con certezza che si continuino sotto il ma^cco tra 
Anzio e Nettuno, quantunque non affiorino. 

Dopo Nettuno invece (alla fornace Morronese, oggi di- 
strutta, ed alle Grottacce) e non tra Anzio e Nettuno, si 
osservano marne bigìo-azzurrognole, più recenti, sia stra- 
tigraficamente, che per i fossili racchiusi. 

Il De Stefani scrive ancora che un piccolissimo lembo 
di pliocene riapparisce lungo la ferrovia, che da Anzio con- 
duce a Roma « verso il casello 30 presso Carroceto » 
(pag. 71, Refidiconti cit.). Ora, il casello 30 trovasi più 
vicino ad Anzio che non a Carroceto, giacché la stazione 
di Anzio ha l'ordinata progressiva 34,895, mentre la sta- 
zione di Carroceto trovasi alla progressiva 17,6, e perciò 
il casello 30 (che trovasi sui cosi detti Larghi di Anzio), 
citato dal De Stefani, resta più vicino ad Anzio che non 
a Carroceto, distando di poco meno di 5 km. dalla prima 
località e di oltre 12 km. da Carroceto (^). 

(*) Sui Larghi di Anzio si trovano due caselli ferroviari, l'uno 
alla progressiva 29,689 e l'altro alla 30,G23. Evidentemente il De Ste- 
fani ha voluto indicare il primo, se si tenga conto che sul muro dei 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DBL LITTORALE ROMANO LVH 

Del resto, qaesto affioramento di pliocene fa da me ci- 
tato, venti anni fa, tra le colonnette migliane XXXV e 
XXXYI sulla via rotabile, perchè allora non agiva la 
ferrovia. (Meli B., Cenni geologici sulla costa di Anzio 
e Nettuno stampato nelF Annuario del B. Istituto Tec- 
nico di Roma, 1884. Ved. pag. 119, ove è detto: € Le 
» rocce fossilifere del macco spantano entro terra a poca 
» distanza dalla costa. Affiorano tra le colonne migliane 
» XXXV e XXXVI sulla via rotabile di Albano; dietro 
» la villa Borghese nella via Cupa », ecc.). 

42. Db Tournon (le comte). Études statistiques sur Home et 

la partie occidentale des États Bomains. Paris, Treuttel 
et Wtirtz, 1831, 2 voi. in 8° con atlante. 

Nel voi. I, al cap. IV si trovano menzionati Conca e 
Campomorto (ved. pag. 117-118); sono anche citati alla 
pag. 275-276; della tenuta di Campomorto si parla ancora 
alla pag. 322-326. Le ferriere di Conca trovansi menzio- 
nate alla pag. 344 dello stesso voi. I; se ne parla pure 
alla pag. 9 e 10 del voi. II. 

Di Satricnm sì fa parola nel voi. I, pag. 117. 

43. De Vescovi Pietro. Notizie sulla formazione di un nuovo 

lago nella provincia di Boma e considerazioni dal punto 
di vista della fauna lacustre. Comunicazione fatta alla 
Società romana per gli stndt zoologici nella seduta del 
12 giugno 1895. Estr. dal Bollettino della Soc. Bomana 
per gli studi zoologici; voL V, fase. I e II, pag. 55-71, 
Anno V, 1896. 

Incidentalmente (ved. pag. 67) scrive che presso Net- 
tuno si trova un tufo vulcanico ricco di molluschi marini 
e di bellissimi echinodermi, che forma la spiaggia recente. 
Ora, qui Ta. confonde il tufo con materiali vulcanici e 

caselli della ferrovìa secondaria A Ibano-Cecchìna-Carroceto- Anzio- 
Nettuno, le progressive distanze, a partire da Albano, sono segnate con 
numeri grandi per i km. e con cifre più piccole per il resto, scritte sotto 

ai km., nel modo seguente: 

o2o 



Digitized by VjOOQIC 



LTIII R. MELI 

fossili marini, ma non con bellissimi echinodenni, che 
trovasi salta spiaggia di Foglino, alle Grottacce presso 
Nettano, che è quaternario, con il macco, che è tra Anzio 
e Nettano, il quale è pliocene recente e racchiude bellis- 
simi echinidi. 

44. Enciclopedia (nuova) italiana, ossia dizionario generale di 

scienze, letterey industrie, ecc., compilata dal prof. Giro- 
lamo Boccardo. Sesta edizione. Torino, Unione tipogr. edi- 
trice, 1875-1893, in 4^ 

Nel voi. XIX (1885), all'articolo Boma, parlando della 
costituzione geologica del bacino romano e della sua oro- 
grafia, segna tra le ultime manifestazioni geologiche del- 
Tepoca quaternaria certe oscillazioni del suolo e special- 
mente il sollevamento della costa marina in parecchi punti 
da Civitavecchia a Palo, ove vennero a secco depositi 
marini e sabbie ferruginose recenti; lo stesso deve essere 
accaduto sul littorale dal Capo d'Anzio al Monte Circeo, 
contribuendo non poco a formare la gran conca acquitri- 
nosa, che oggi forma la palude pontina (pag. 558). 

45. Fantappié Liborio e De Stefani Carlo (Ved. De Stefani C). 

46. Fischer Teobaldo. La penisola italiana. Saggio di coro- 

grafia scientifica. Prima traduzione italiana arricchita di 
note ed aggiunte a cura delVing. V, Novarese, dott. F. M^ 
Pasanisi e prof. F. Rodizza. Torino, Unione tip. editrice,. 
1902, in 8* gr. con tavole. 

Fa seguito e complemento alla traduzione italiana del Neumayr 
4C ia terra y^. 

Alla pag. 60 trovasi una carta geologica della Cam- 
pagna romana nella scala di un milionesimo. La costa 
di Nettuno- Anzio-Tor Caldara è segnata come quater- 
naria. 

Alla pag. 113 è detto che i tumuli di sabbia man- 
cano dalla punta di Astura fin oltre Anzio; ma, invece 
ho osservato più volte che le colline di sabbia da Astura 
si continuano alle Grottacce, fino a Foglino verso Nettuno. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA 8C1BKT1FICA DBL LITTORALE ROMANO LJX 

Tra Foglino e le Grottaccìe le dune hanno 8 metri di 
elevazione; ma, tra le Grottaecie, Puntagrande e Astura 
hanno 12 m. ed in un punto raggiungono 13 metri di 
quota sul livello marino. 

47. Foresti Lodovico. Sul Pecten histrix Doderlein-Meli. Nel 

Boll. d. Soc. Geol Ital, Anno IV, 1885. 

Parla di questa specie, ritrovata nelle marne di Tor 
Caldara, ed avverte anche che venne rinvenuta nelle marne 
di Cervetri. 

48. FoENASiNi Carlo. Textularina ed altri foraminìferi fossili 

nella tnama miocenica di San Eufillo presso Bologna. 
Nel Boll. d. Soc. Geol Ital., voi. IV, 1885. 

Nella nota a piedi delle pagg. 106-107 è detto che,, 
esaminando i residui di un saggio di marna di Tor Cal- 
dara, l'a. vi ritrovò un esemplare della Textularina 
(Clavulina) Gat4dryinoides da lui descritta, figurata, e 
rinvenuta precedentemente nelle marne mioceniche di San 
Bufillo presso Bologna. 

49. Id. Varietà di Lagena fossile negli strati a Pecten hystrix 

del Bolognese. - Nel Boll. d. Soc. Geol. Ital., Anno V, 
1886, fase. 3^ 

Nella nota a piedi della pag, 350, tra le località, ove 
fu rinvenuto il P. hystrix Dod.-Meli, citansi le marne del 
Porto d'Anzio. 

50. Id. Textularia gibbosa e T. tuberosa. - Nel Boll. d. Soc. Geol. 

Ital, voi. VI, 1887, fase. 2", pag. 159-162 incl., con tav. 
Alla pag. 162, tra le località, ove si rinvenne la T. tu- 
berosa, cita le marne di Anzio (marne di Tor Caldara) e 
ne figura un esemplare di questa località con ingrandi- 
mento di 27 diametri. 

51. Id. Intorno ai caratteri estemi delle Textularie.-'Sél Boll. 

d. Soc. Geol Ital, voi. VI, 1887, fase. 3', pag. 374-377, 
con una tavola (tav. IX). 



Digitized by VjOOQIC 



1.X R« MSLI 

Alla pag. 377, nota 1 (pag. 4 estr.), scrive di aver tro- 
vato la Textularia Soldanii Forn, nelle marne plioceniche 
di Porto d'Anzio, cioè tra il semaforo d'Anzio e Tor Caldara. 

52. FoRNASiNi Carlo. Indice delle Textularie italiane; appunti 
per una monografia. Roma, Tip. della E. Accad. d. Lincei, 
1887, in 8** di pag. 20, con tavola. Nel Bollett. d. Soc. 
Geol. ItaU voi. VI, 1887, fase. 3% pag. 378-398. 

Sono citate nelle marne grigie a Pecten hystrix di Anzio 
la Textularia Soldanii Fornas. e la Textularia tuberosa 
D'Orb. 

o3. Galli Ignazio. Cenni economico-statistici sullo Stato pon- 
tificio^ con appendice. Discorso sull'Agro romano e sui inezsi 
di migliorarlo. Koma, Tip. Camerale, 1840, in-8**. 

Parlando delle località, ove si estraeva zolfo nello Stato 
pontificio, indica Tor S. Lorenzo (pag. 140). Evidente- 
mente ha voluto indicare la solfatara di Tor Caldara, a 
circa 14 km. a S. di Tor S. Lorenzo. 

54. Giordano Felice. Cenni sulla costituzione geologica della 

Campagna romana. - Nel Boll. d. R. Comit. Geol. d'Ita- 
lia, Anno II, n. 1-2, gennaio e febbraio 1871, pag. 11-27. 
Alle pag. 14-15 fa parola del macco d'Anzio; alla 
pag. 22 accenna il sollevamento della costa marina tra 
Capo d'Anzio ed il Circeo. 

55. Id. Condizioni topograficlie e fisiche di Roma e Campagna 

romana. Nella Monografia archeologica e statistica di 
Roma e Campagrìa romana, presentata dal Governo Ita- 
liano alla Esposizione universale di Parigi del lS7fi. 
(Ved. voi. I, pag. i a Lxxxvi). 

Alla pag. XXVI fa parola del macco, come pietra da 
costruzione, e dei depositi pliocenici scoperti sulla costa 
d'Anzio, ed avverte che quivi il macco inclina vereo est. 

56. Governo pontificio. Elenco generale degli oggetti spediti dal 

Governo pontificio alV Esposizione internaziofiale di Londra 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGBAPIA 8CIBNTIF1CÀ DSL IJTTOBALE ROMANO LXI 

pel 1** maggio 1862, per mezzo del Ministero del Com- 
mercio^ Belle Arti, Indmtria, Agricoltura e Lavori Pub- 
blici. Boma, Tip. della Eev. Cam. Apostolica, 1862, in 8*" 
di pag. 16 non numerate e pag. 64 numerate. 

Tra i materiali da costruzione dei dintorni di Roma, 
inviati all'Esposizione di Londra, è segnato il tufo vul- 
canico di Porto d' Anzio, cioè di Foglino, sulla spiaggia 
di Nettuno (Ved. pag. 29, n. 33), ed il macco di Anzio, 
(pag. 30, n. 68). 

57. GiORGis Giovanni ed Alvisi TJao. Pozzolane naturali ed 
artificiali. Palermo, Tip. Lo Statuto, 1900, in 8", di pa- 
gine 180. Estr. d. Gazzetta Chimica Italiana, tomo XXX, 
parte 1', 1900. 

Alla pag. 11 (estr.) si menzionano le cave di pozzo- 
lana di Porto d'Anzio a circa km. dall'abitato, sulla 
sinistra della strada che conduce a Roma. 

È data l'analisi chimica di A. Bombolotti della poz- 
zolana delle cave di Tor S. Lorenzo (pag. 21-22 del- 
l'estr.). 

Alla pag. 85 sono dati i risultati ottenuti da Luiggi e 
Cardi, esperimentando la pozzolana rossa di Anzio. Di 
questa pozzolana è riportato il titolo dello zuccherato di 
calcio (pag. 89 dell' estr.), e la quantità di CaO tolta 
su 100 parti di pozzolana (pag. 105 e 107). 

•58. Jervis Guglielmo. I tesori sotterranei dell'Italia; descri- 
zione topografica e geologica delle pi^incipali località nel 
regno d^ Italia, in cui riscontratisi rocce economiche, ordi- 
vate secondo i bacini idrografici del paese, ecc. 

Parte III. Begione delle isole ed addenda ai precedenti 
volumi. 

Parte IV. Geologia economica delV Italia; illustrazione 
delle pietre da costruzione, da taglio, da ornamento, quelle 
per la scoltura, l'intarsio, ecc., impiegate nello svolgere 
di trenta secoli, fin dai tempi degli Etruschi, dei Fenici, 
dei Greci, degli Egiziani e dei Romani. Torino, Ermanno 
Loescher, editore; 1873-1889, voi. 4 in 8^ 



Digitized by VjOOQIC 



LXII R. MBLl 



Nel volume III segna la magnetite titanifera grana- 
lare (var. iserina) nelle sabbie di Porto d'Anzio e Net- 
tuno, e lo zircone nelle stesse sabbie. A Nettuno poi 
mette anche la lignite (pag. 530, n. 2081 ter et quater)- 

Nel voi. IV, alla pag. 372, n. 1257, è citato il macco 
d'Anzio ed alcuni dei fossili, che più comunemente vi si 
rinvengono; è pure citata la pozzolana, che si cava a. 
9 km. dal paese, nella macchia di Anzio. 

Alla pag. seguente 373, n. 1258 (Nettuno), è ricor^ 
dato il macco. 

L'a. riferisce il macco della costa d'Anzio e Nettuno 
al pliocene inferiore, e lo segna come sincrono dei macchi 
di Palo e Corneto. Il macco d'Anzio però è più moderno 
di quello di Palo e di Corneto e tutt'al più può riferirsi 
alla parte superiore del pliocene recente. 

59. KiRCHERUS Athanasius. Latium id est, nova et parallela 

Lata tum veteris tum novi descriptio, qua quaecunquc vel 
natura, vel veterum jRomanorum ingenium admiranda ef- 
fecit, geographico-historico-physico ratiocinio, juxta rerum 
gestarum temporumque seriem exponitur et enucleatur^ 
Amstelodàmi, ap. Joannem Janssonium a Waesberge et 
haeredes Elizaei Weyerstraet, 1671, in folio. 

Nella carta corografica del Lazio è segnata la solfatara 
di Tor Caldara ed altra solfatara presse Conca, vicino alle 
ferriere. 

Alle pag. 24 e 25 parlasi di Anzio, Capo d'Anzio, Astara 
e del Circeo. 

60. Ludwig Kudolph. Geologisclie Bilder aus Italien. Moskau, 

Typ. der Universitat, 1874, in 8**, con tav. Estr. d. Bui- 
letin de la Société Impér. des Naturalistes de Moscou. 
Année 1874, n. 1 (da pag. 42 a 131 inclusiv.) con 8 
tavole. 

Parlasi della geologia di Tor Caldara, Anzio, Foglino^ 
È la memoria più importante, stampata fino a quell'anno,, 
relativa alla geologia dei dintorni anziatì. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA BCUDNTIFIOA DEL LITTOBALB ROMANO LXlII 

61. Ludwig Budolph Appunti geologici sull'Italia, - Nel Boi- 

lett. d. R. Comit. Geolog. d'Italia. Anno VI, n. 5-6, maggio 
e giugno 1875, pag. 165-179. 

È an santo in italiano della memoria « Geologische 
Bilder aus Italien » stampata nel Bulletin de la Société 
Impér. des naturalistes de Moscou. Année 1874, n. 1, da 
pag. 42 a 131 inclusivamente, sopra citata. 

Si parla del sollevamento della spiaggia di Anzio 
(pag. 170) e della sezione geologica di Tor Caldara, 
delle sabbie ferro-magnetiche della spiaggia sotto Net- 
tano (pag. 171), delle sorgenti solforose di Tor Caldara 
(pag. 176-177). 

62. Mantovani Paolo. Descrizione geologica della Campagna 

romana. Torino, E. Loescher editore, 1875, in 12**, con 
4 tavole ed una carta geologica. 

Alla pag. 48 parla del macco di Anzio, che riferisce 
al pliocene inferiore. Scrive che « i fossili vi sono nume- 
» ròsìssimi, rinvenendovisi quasi tutte le specie del Monte 
» Mario ed anche qualche altra specie ». Avverte poi che 
nel macco abbondano gli echinodermi riferibili al genere 
Schizaster. 

Nel 1884 alla steBea edizione del 1875 si mise un frontispi* 
zio nuovo con la indicazione di Seconda edizione, 1881, ma in 
realtà non é che una semplice copertura applicata all'edizione 
del 1875. 

63. Id. Costituzione geologica del suolo romano. Roma, Tip» 

Elzeviriana, 1878, in 8"* di pag. 31. Estr. d. Monografia 
della città di Rama e della Campagna romana, pubbli- 
cata dal Ministero di Agricoltura, Industria e Commercio 
- Direzione della Statistica generale, ecc. (Vedi voi. I, 
pag. 51-79), col titolo: Uno sguardo alla costituzione 
geologica del suolo romano. 

Alla pag. 23 (estr.) fa parola del macco tra Anzio e 
Nettuno, che riferisce al zancleano. 

64. Masi Francesco e Ponzi Giuseppe (Ved. Ponzi G.). 



Digitized by VjOOQIC 



LXiy R. MELI 

65. Meli Romolo. Notizie ed osservazioni sui resti organici rin- 

venuti nei tufi leucitici della provincia di Boma. Boma, 
Tip. Barbèra, 1881, in 8^ di pag. 32. 

Estr. dal Bollettino del R. Comitato Geologico d'Italia^ 
Anno 1881, n. 9-10, pag. 428-457. 

In qaesta memoria trovasi una sezione geologica da 
Albano ad Anzio e sono stampati alcani elenchi di fossili 
rinvenuti nelle marne delle Grottaccie sul littorale di 
Nettuno. Ved. pag. 452-457. 

66. Id. Le marne plioceniche del Monte Mario. Roma, Tip. Na- 

zionale, 1882, in 8^ di pag. 7. 

Estr. d. Bollettino del JS. Comitato geologico d'Ital. Anno 
1882, n. 3-4, pag. 91-96. 

Nella nota 1, a piedi della pagina 4 (estr.), è detto che 
nelle marne grigie tra Capo d'Anzio e Tor Caldara tro- 
vansi belli esemplari di Ostrea cochlear Poli, var. aluta 
Foresti, e var. navicularis Broec. 

67. Id. Ulteriori notizie ed osservazioni sui resti fossili rinvenuti 

nei tufi vulcanici della provincia di Boma, Roma, Tip. Na- 
zionale, 1882, in 8^, di pag. 32, con 3 tav. in fototipia. 

Estr. dal Bollettino del B. Coniit. geologico d'Ital. Anno 
1882, n. 9-10. 

Sono dati in questa memoria elenchi di fossili rinve- 
nuti nelle marne e nei tufi alluvio-marini delle Grottaccie 
presso Nettuno. 

68. Id. Cenni geologici sulla costa di Anzio e Nettuno ed elenco 

dm molluschi pliocenici ivi raccolti. Boma, Tip. Fratelli 
Centenari, 1(^84, in 8"* gr., di pag. 31 con tavola. 

Estr. dsAV Annuario del B. Istituto Tecnico di Boma^ 
1884 (Ved; pag. 95-123). 

Alle pag. 113-115 è stampato un elenco delle pubbli- 
cazioni, che si riferisccmo alla geologia di Anzio, alle 
quali rimando il lettore per maggiori indicazioni. 

Una rivista bibliografica di questa Memoria trovasi stampata 
nel Bollettino d. B. Comitato Geologico d'Italia, voi. XV, n. 9-10, 
settembre-ottobre 1884, pag. 337-338. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCiBNTlFICA DBL MTTORALB ROMANO LZV 

69. Meli Romolo. Echinodermi fossili. Nel Bollettino del Neh 

turalista collettore^ allevatore, coltivatore. Siena, Anno Y^ 
1885, n. 6 (Ved. pag. 83.84). 

Sono indicate varie a(^cie di echinodermi, rìnrenati nel 
macco d'Anzio. 

70. Id. Echinodermi e altri fossili pliocenici di Anzio. Boma^ 

Tip. Nazionale, 1885, in 8% di pag. 4. 

Estr. dal Bollettino del R. Comitato Geologico d'Italia^ 
Anno 1885, n. 5 e 6 (pag. 188-190). 

71. Mbli Romolo e Ponzi Giuseppe. Molluschi fossili del Monte 

Mario presso Roma. - Negli Atti d. R. Accad. d. Lincei^ 
Anno CCLXXXIII, 1885-86. Serie 4*. Memorie della Classe 
di se. fis. mat. e natur.y yol. Ili, seduta del 7 febbraio 1886, 
pag. 672-698 con 1 tav. 

Le marne grigie di Tor Caldara sono indicate come 
sincrone delle marne vaticane e riferite al pliocene infe- 
riore, di mare profondo (nota 2 in fondo alla pag. 675). 

Come viventi nella rada di Anzio sono indicate le se- 
guenti specie di molluschi bivalvi : Gastrochaena dubia Penn. 
{Mya) negli scogli del molettone Panfili (pag. 676, n. 2). 

Eastonia rugosa Gmel. {Mastra). Una valva fresca sulla 
spiaggia tra Anzio e Nettuno (pag. 677, n. 11). 

Saxicava arctica Lin. (Mya). Rada di Anzio (pag. 679, 
n. 25). 

Lucinopsis undata Penn. (Venus), qualche esemplare 
sulla spiaggia di Anzio (pag. 682, n. 52). 

Cardium erina^ceum Lin. esemplari dragati nella rada 
di Anzio (pag. 689, n. 88). 

Loripes divaricatus Lin., {Tellina) (pag*. 690, n. 111). 

72. Meli Romolo. Notizie bibliografiche sulle rocce magnetiche. 

Nel Bollettino della Soc. Geol. Bah, voi. IX, 1890, 
fase. 3", pag. 609-670. 

Alla pag. 624, nota 2, è riportato che il Secchi 
avverti che l'inclinazione magnetica cala regolarmente 
presso Anzio, perchè ivi non si trovano depositi tufacei, 
che possano influire colla loro vicinanza sulla sbarra ma- 



Digitized by VjOOQIC 



XiXVI R. MELI 

gnetica. Si aggiange poi che per trovare depositi tufacei in- 
torno Anzio, bisogna andare alle Grottacce presso Foglino, 
verso Tor S. Lorenzo, oppure neirinten^o della macchia 
di Anzio. L'autore scrive accora che ai tumuli di Nettuno 
si trova una sabbia, un poco argillosa, molto ferrifera. 

Alla pag. 638 è dato il valore della declinazione ma- 
gnetica, determinato nel 1885, per Porto d'Anzio UM' 
ovest con diminuzione annuale di &. Alla pag. 642 è 
detto che la isogona di Soma passa presso Anzio. 

73. Meli Romolo. Cenni sul granito delVisola del Giglio e biblio- 

grafia scientifica (principalmente geologica) relativa a 
quest' isola. Roma, Tip. d. B. Accad. dei Lincei, 1892, in 8**, 
di pag. 59. Estr. d. Bollettino della Soc. Geol. ItaL, 
voi. X, 1891, fase. 3" (pag. 383-439). 

Alla pag. 18 dell'estr. (pag. 398 del Bollettino) avver- 
tesi che un frammento di antica colonna in granito, che 
trovasi piantata sul molo Innocenziano del porto d'Anzio, 
poco prima di arrivare all'attuale Capitaneria del porto, 
è di granito gigliese. L'autore potè precisarne la prove- 
nienza per la presenza della pinite, che trovasi appunto 
nel granito dell'isola del Giglio. E, siccome quel fram- 
mento di colonna proviene dagli avanzi dell'antico Antium, 
con tutta probabilità, cosi resta confermato che i romani ca- 
varono granito gigliese e lo usarono nei loro monumenti. 

74. Id. Breve relazione delle escursioni geologiche eseguite con 

gli allievi della R, Scuola di Applicazione per gli Inge- 
gneri di Soma, nelV anno scolastico 1891-92. Con indi- 
cazioni bibliografiche su Borghetto, Caprarola, Bagnaia 
ed appendice bibliografica su Viterbo. Roma, Tip. d. R. Ac- 
cad. dei Lincei, 1893, in 12°, di pag. 262. 

Alle pag. 3-5 si trova una succinta relazione della 
gita geologica eseguita dal prof. Meli con gli allievi a 
Nettuno ed alle Grottaccie. 

La suddetta relazione con qualche variante é pure stampata 
neWAnnuai-io della Scuola di Applicazione per gli Ingegneri per 
Vanno scolastico 1892-93. Ved. Università (R.) Romana al n. 144 
della presente Bibliografia. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LIl^ORALB ROMANO LXVII 

75. Meli Romolo. Notizie sopra alcuni fossili recentemente ri- 
trovati nella provincia di Roma. Comunicazione fatta dal 
prof. Romolo Meli alla Società geologica italiana nell'Adu- 
nanza tenutasi a Firenze il 21 aprile 1895. Roma, Tip. 
d. R. Accad. d. Lincei, 1895, in 8®, di pag. 6. 

Estr. d. Bollett. d. Soc, geol. it., voi. XIV, 1895, 
fase, r, pag. 91-94. 

Vi si parla anche di un molare di Cervtis rinvenuto 
nelle pozzolane laziali nella perforazione eseguita nella 
tenuta di Carano a circa 5 km. da Campo-morto. Il dente 
è conservato nel Gabinetto di Geologia dell'Università di 
Roma. È pure avvertito che nella predetta perforazione 
si rinvenne altro dente di mammifero fossile e che l'autore 
ha fatto ricerche per vederlo e studiarlo. Nella nota a 
piedi della pag. 98 si danno notizie geologiche sulla per 
forazione di Carano. 

'75 bis. Id. Notizie su resti di mammiferi fossili rinvenuti recente- 
mente in località italiane. Roma, tip. R. Accad. Lincei, 
1896, in 8^ di pag. 20. 

Estr. d. Boll d. Soc. Geol. ItaL, voi. XIV, 1895, fase. 2, 
pag. 148-164. 

In questa memoria si contengono molte notizie su Conca, 
sulle pozzolane rosse, che vi si trovano, e sull' Astura. 

Nella nota a piedi della pagina 159 è data una biblio- 
grafia indicativa su Conca e Carapomorto. Si parla della 
corrosione della costa da Tor S. Lorenzo a Foglino presso 
Nettuno ; del ritrovamento di due corni di Cervus elaphus 
Lin. tossili sotto il lehm presso Nettuno e sul fine della 
memoria è dato l'elenco dei resti di mammiferi fossili 
rinvenuti fino allora nei territori! di Anzio e Nettuno 
(pag. 163-164). 

'76. Id. Sulla esistenza di strati di torba affioranti entro mare, 
lungo la spiaggia di Foglino presso Nettuno nella pro- 
vincia di Roma. Nel Bollettino della Società Geologica 
Italiana, voi. XV, 1896, fase. 1% pag. 15-86. 

Nelle note a piedi delle pag. 15-18 trovansi segnate 
tutte le memorie dell'autore, nelle quali si fa parola, 



Digitized by VjOOQIC 



LXVIII R. MBLI 

anche incidentalmente, della geologia del territorio an- 
ziate e nettunese, con un sunto bibliografico di ciascuna 
memoria. 

Nella nota alla pag. 18 trovansi citati con ordine cro- 
nologico tutti gli autori, che parlarono della storia natu- 
rale inorganica della regione. 

A questo elenco rimaado il lettore per le mie pubblicazioni 
relative alla geologìa della costa di Anzio e Nettuno fino al 1890. 

77. Meu Romolo. Molluschi fossili recentemente estratti dal 

giacimento classico del Monte Mario (3"^ comunicazione), 
Roma, Tip. d. R. Accad. d. Lincei, 1896, in 8** di pag. 13. 
Estr. d. BolL.d. Soc. Geolog. Ital., voi. XV, 1896, fase, l^ 
pag. 74-84. 

Parlando (ved. pag. 75 del Bollettino) della Lucina 
leucoma Turt. iz: L. lactea Poli et auct. (n. Linn.) è detto 
che si trovarono numerosi esemplari, spatizzati, di questa 
specie nelle marne quaternarie incontrate nelle fonda- 
zioni del nuovo diversivo del Linea nelle Paludi Pontine. 
È pure detto che la specie è vivente nella rada di Civi- 
tavecchia e di Anzio. 

Il Bonax (Serrula) venusta Poli è citato nelle sabbie 
quaternarie della fornace Morronese e nelle sabbie miste 
a ceneri vulcaniche sottostanti al tufo giallo della cava 
di Foglino, ove è piuttosto comune (pag. 76 del Bolletta). 

Sono citati esemplari completi di Venerupis irus Linn. 
{Bonax), quateniart in un travertino sabbioso con Helix 
nelle sabbie sottostanti ai tufi alla Fornace Morronese 
sulla spiaggia di Foglino, ed esemplari vivi negli scogli 
del macco tra Anzio e Nettuno, sotto al villino Menga- 
rini (pag. 76 del Boll,). 

78. Id. Alcune notizie di geologia riguardanti la provincia di 

Boma. Nota del prof. Romolo Meli presentata alla So- 
cietà Geologica Italiana il 5 settembre 1896. Roma, Tip. 
d. R. Accad. dei Lincei, 1896, in 8'' di pag. 9. 

Estr. d. Boll. d. Soc. GeoL Ital, voi. XV, 1896,. 
fase. 3", pag. 281-287. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA 8CIBNT1FICA 1>KL LITTOUALB ROMANO hI.lX 

Alla pag. 4 dell'estr. (=282 del Bollettino) è detta 
che il tufo peperìniforme di Formello, nel circoiidario di 
Koma, per i ciottoli calcarei che raochiade, ricorda gli 
analoghi tafi delle Grottaccie snl littorale di Foglino presso- 
Nettuno. 

79. Meli Romolo. Breve relazione delle escursioni geologiche 

eseguite air isola del Giglio (Toscana) ed al nuovo lago 
di Leprignano (circond. di Roma) con gli allievi della 
R. Scuola d'applicazione per gV Ingegneri di Roma nel- 
Vanno scolastico 1895-96. - Roma, R. Àccad. d. Lincei, 
1896, in 8^ di pag. 20 con tavola. 

Vi è detto che pomici bianche, trasportate e gettate 
dai flatti, si trovano lungo tutto il littorale romano, e si 
raccolsero sulla spiaggia -di Terracina, Astura, Foglino,. 
Anzio, ecc. (Vedi pag. 11 dell'estr., e pag. 95 dell'in- 
nuario per Vanno scolastico 1896-97). 

80. Id. Sidla € Eastonia rugosa Chemn. (Mactra) > ritrovata 

vivente e fossile nel littorale di Anzio e Nettuno (prò- 
vincia di Roma). Nel Bollettino della Società Malacolo- 
gica Italiana^ Anno 1897, da pag. 45 a 73, con tavola. 
Vi è anche riportato un elenco di molluschi viventi 
sulla costa d' Anzio. 

81. Id. Escursione geologica sul littorale di Nettuno. Roma, Tip, 

della Pace di F. Cuggiani, 1904, in 8* di pag. 8. Estr, 
d. Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. XXIII, 1904, fase. 1, 
pag. xxxvi-xLi. 

82. MiLES J. Edwin. a rambler in Italy, Nel Brighton Herald^ 

maggio 1887. 

Brano di lettera in inglese su Nettuno, Anzio e dintorni. 

83. Id. Spring in Central Italy and summer in Switzerland^ 

Nel Brighton Herald, luglio 1888. 

Vi si parla di Anzio e dintorni ; è dato un cenno della 
sua situazione, usi degli abitanti, antichità; vi sono anche 
accennati i fossili del macco. 



Digitized by VjOOQIC 



1.XX R. MELI 

S4. Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio. Annali 
di Agricoltura, 1890. JRivista del Servizio Minerario 
nel 1888. Firenze, G. Barbèra, 1890, in 8^ 

Alla pag. 842-343 parlasi della cava dì pozzolana 
detta del Carrocetello, a 17 km. dal molo di Anzio, e 
vengono dati dei particolari rispetto alla giacitura ed 
ubicazione della cava. È data poi l'analisi di questa 
pozzolana, eseguita nel laboratorio della Scuola di Appli- 
cazione di Torino (pag. 343). 

^85. Monaci Tito. Guida cofnmerciale, scientifica, artistica, in- 
dustriale, nwnumentaìe, geografica, statistica, amministra- 
tiva e religiosa di Roma e provincia, compilata per cura 
di Tito Monaci, per Vanno 1889. Anno XIX (1889). 
Roma, Tip. Nazionale di Beggiani e Soci, 1889, in 8* gr., 
di pag. 1108. 

Nella Guida della provincia di Boma, alla pag. 824 
trovansi alcune indicazioni su Anzio, ed alla pag. 885 su 
Nettuno. Ad Anzio sono segnate cave di pietra (tufo 
delle Grottaccie e macco) e sorgenti solfuree ferruginose 
di proprietà Borghese, a 12 km. dal paese. Evidente- 
mente si sono volute indicare le acque, che trovansi presso 
Tor Caldara, che il Palmieri chiamò Borghesiane nella 
sua pabblicazione. Però è inesatta la distanza di 12 km. 
dal paese, giacche trovansi solo a circa 6 km. da Anzio. 
Alla pag. 885 si trovano alcune indicazioni su Nettuno. 
Nelle Guide pubblicate negli anni seguenti, fino a quella 
per il corrente anno 1904 (Anno XXXIVj, sono ripetute 
le medesime notizie. 

Nel cenno geografico-statistìco sulla provincia dì Boma, 
che precede le indicazioni della Guida pel 1904, tra le 
acque minerali del circondario, sono menzionate le acque 
solforate di Anzio (Tori-e Caldara) e quelle ferruginose 
della suddetta località (pag. 342). 

È pure citato lo zolfo a Tor Caldara ed alla Solfatai-a 
sulla via Ardeatina (pag. 352). 

86. MuRCHisoN Impey Roderick. On the igneous and volcanic 
rocks of the Papal States and the adjacent part of Italy. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBUOOBAFIA 80IBNTIFIGA DEL LITTORALB ROMANO LXXI 

Nella The literary Gazette, London, 16 february 1850, 
n. 1726, sotto la rubrica Geólogical Society 6*^ february, 
pag. 128. 

L'a atore menziona Porto d'Anzio, avvertendo che i depo- 
siti laziali giunsero fino al mare, abitato dai presenti ani- 
mali, e perciò quei depositi vulcanici sono da ritenersi 
post-pliocenici, o quaternari. 

57. MuRCHisoN Impey Koderick. On the earlier volcanic rocks of 

the Papal States and the adjacent parts of Italy. - Nel 
Quarterly Journal of the Geólogical Society of London, 
august 1850, voi. VI. Extract from pag. 282-310. 

Alla pag. 299-300, sull'autorità del Ponzi, considera il 
macco di Anzio come quaternario; giacché racchiude fram- 
menti di i-occe vulcaniche derivate dalle bocche più re- 
centi laziali. '(Veramente i tufi e le rocce vulcaniche sono 
superiori al macco). 

Importanti le osservazioni, che seguono sulla presenza 
di questi frammenti a cosi grande distanza dal centro 
eruttivo. 

58. Murray. A handbook of Rome and its environs, 9*'' edition 

carefully revised on the spot to' the latest period with a 
large pian of Kome, a map of the environs, etc. London, 
John Murray, 1869, in 12", di pag. LVi e 491, con piante 
topografiche. 

Parlasi di Pratica (pag. 448-449), di Ardea (pag. 449), 
di Porto d'Anzio (pag. 449-452), di Nettuno (pag. 452), 
di Astura (pag. 452-453). 

Nella 13^'»(thirtheenth) edition, London, 1881, in 8^ 
alle pag. 576-578 si parla di Anzio; alle pag. 578-579 
di Nettuno ed alle pag. 579-580 di Astura. 

Nella successiva edizione, London, 1887, in 8'*, si parla 
di Anzio e della geologia dei suoi dintorni. 

Lo scrivente forni al dott. E. Miles le indicazioni rela- 
tive alla geologia dei dintorni di Boma, che si trovano 
stampate in questa ultima edizione. 



Digitized by VjOOQIC 



LZXII K. MULI 

89. Nardoni Leone. Nel BolleU. di Paletnologia italiana^. 

Anno V, 1879, n. 5-6, pag. 96. 

Fa parola di ana caspìde di freccia, raccolta nella mac- 
chia a Porto d'Anzio, in pietra focaia, giallo-chiara, con 
peduncolo ed alette. 

90. Nevi ANI Antonio. Nuova specie fossile di Stichoporina. Bo- 

logna, tip. Gamberini-Parmeggiani, 1895, in 8\ di pag. 4. 
Estr. d. Rivista ital. di Paleontologia, fase, di dicembre 1895, 
pag. 247-250. 

È descritta e figurata la Stichoporina persimplex sp. n., 
ritrovata nelle marne grigie di Tor Caldara (plioc. inf.)^ 

91. Id. Brioeoi post-pliocenici di Spilinga {Calabria). Catania, 

C. Galatola, 1896, in 4°, di pag. 67, con figure interca- 
late nel testo. 

Estr. d. Atti d. Accad. Gioenia di Se. Naturali in Ca- 
tania, voi. IX, serie 4". 

È citata, come rinvenuta nel macco di Anzio, la Porina 
borealis Busk. (OncJhopora). 

92. Id. Briozoi d^lle formazioni plioceniche e post-plioceniche di 

Palo, Anzio e Nettuno. Boma, Tip. della B. Accad. dei 
Lincei, 1898, in 8', di pag. 15. Estr. d. Boll. d. Soc. 
Geol Ital, voi. XVII, 1898, fase. 4^ pag. 220-232. 

Vi si trovano indicate 61 specie di Brìozoari trovati 
nei dintorni di Anzio e Nettuno, cioè nel quaternario di 
Foglino (Fornace Morronese), nel macco di Nettuno e 
Anzio, e nelle sottostanti marne di Tor Caldara. Di queste 
61 specie, ne sono indicate 18 per la 1" località (Foglino), 
41 per macco e 21 per le marne grigie del littorale da 
Anzio a Tor Caidara. Alcune delle specie sono comuni 
alle suddette località. 

Vi si trovano ricordate le pubblicazioni anteriori del Meli, 
nelle quali si hanno citazioni specifiche sui briozoi di Anzio* 
e Nettuno (pag. 221-222). 

Le specie delle marne di Tor Caldara, sono: 

1. Actea recta Hks. 

2. Caberea Boryi Aud. 



Digitized by VJiOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIONTIFIGA DBL LITTORALB ROMANO LXZIII 

3. Scrupocellaria scruposa Lin. 

4. Membranipara reticulum Lin. 

5. » goleata Bk. 

6. Onychocella angulosa Bss. 

7. Melicerita fistulosa Lin. 

8. Cribrilina radiata Moli 

9. Chorieopora Brongniarti Aud. 

10. Stichoporina persimplex Nev. 

11. ilfyriO;8?owt» ^rtinca^ww Pali. 

12. Schizoparella monili fera M. Edw. 

13. » vulgaris Moli 

14. » o&v^'a Manz. 

15. Osthimosia coronopus S. Wood 

16. Smittia (Marsillea) cervicomis Pali. 

17. Umhonula ramulosa Lin. 

18. Crisia denticulata Lamk. 

19. » elongata M. Edw. 

20. » fistulosa Hcll. 

21. Tubulipora (Filisparsa) seriatopora Bss. 
^2. » (Stofnatopora) major. John. 
23. » (Tubipora) flabellaris Fabr. 

Macco (Anzio-Nettuno). 

1. Mefnbranipora reticulum Lin. 

2. » irregularis D'Orb. 
d. » lineata Lin. 

4. » galeata Bk. 

5. » winaa: Bk. 

6. Onychocella angulosa Rss. 

7. Micropora (Calpensia) impressa Moli 

8. Cribrilina radiata Moli 

9. Microporella (Fenesindina) oiliata Lin. 

10. » ( » ) » » var. ca- 

strocarensis Nev. 

11. > {Diporula) verrucosa Peach. 

12. » {Reussina) polystomella Rss. 

13. » (Calloporina) decorata Rss. 



Digitized by VjOOQIC 



18. 


» 


19. 


» 


20. 


» 


21. 


» 


22. 


» 



LXXIV B. MBLI 

14. Hippoporina foliacea EU. et Sol. 

15. Myriozoum truncatum Pali. 

16. )^ crtistaceum Smitt 

17. Schijsoporella linear is Hass. 
sanguinea Nev. 

■ Clerici Nev. 
squamoidea Bss. 
unicomis John. 
Dutertrei Aod. 

23. Teuchopora castrocarensis Manz. 

24. Osthimosia coronopus S. Wood. 

25. Retepora cellulosa Linn. 

26. » Beaniana King. 

27. Smittia yMarsillea^ cervicomis Pali. 

28. » [Mucranella] coccinea Abild. 

29. » » var. fulgurans Manz. 

30. Umbonula ramulosa Linn. 

31. Cycloporella costata M. Gill. 

32. Porina borealis Bk. 

33. Homera frondlculata Lamk. 

34. » striata M. Edw. 

35. Idmonea serpens Linn. 

36. » Milneana D'Orb. 

37. Tubulipora {Stomatopora) major John. 

38. » » dilatans John. 

39. » {Pavotubigera) dimidiata Ras* 

40. Entalophora proboscidea M. Edw. 

41. Lichenopora hispida Plem. 

42. » mediterranea Blainv. 

43. » cespitosa Gioii 

44. Frondipora verrucosa Lmx. 

45. » Marsilii Mich. 

Nettuno {tufi submarini). 

1. -Mi?w6rawfpora reticulum Linn. 

2. Melicerita Johnsoni Bk. (Foglino). 

3. Myriozoum truncatum Pali. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALE ROMANO LXZV 

4. Schieotheca fissa 6k. 

5. Osthimosia coronopus S. Wood 

6. Sniittia reticulata M. Gìll. 

7. » (Miicronella) coccinea Abild. 

8. Homera frondiculata Lamk. 

La nota fu anche pubblicata nel Boll, d. Soc. Romana per gli 
studi zoologici voi. VII, 1898, come é segnato nella citazione 
seguente. 

93. Neyiani Antonio. Brioeoi neoeoici di alcune località d'Italia. 

Parte V. Nel Boll, della Soc. JRomana per gli studi 
zoologici, Roma, voi. VII, 1898, fase. 3-6, pag. 97-109. 

Il cap. XVI ha per titolo: Briogoi delle formazioni 
plioceniche e post-plioceniche di Palo, Anzio e Nettuno 
(pag. 106-109). 

Vi si trovano enamerate 65 specie di Brìozoi, delle 
quali 23 delle marne grigie di Tor Caldara, 8 trovate a 
Nettuno nei tafi sabroarini, e 45 nel macco d'Anzio, ri- 
portate nella citazione precedente. 

94. Id. Briozoi neogenici di alcune località d'Italia. Parte VI* 

(cap. XVIIj. Briozoi pliocenici di Savignano (Modenese). 
Nel Bollettino della Società Zoologica Italiana. Serie 11^ 
voi. 1, Anno IX, 1900, fase. I e II, pag. 58-68. 

Parlando della Porina borealis Bask, avvertesi ohe fu 
rìnvenata nel macco (pliocene) da Anzio a Tor Caldara 
(pag. 61-62). 

95. Id. Bevisione generale dei briozoi fossili italiani. I. In- 

ìiONKE. Roma, 1900, in 8", di pag. 16. 

Estr. d. Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. XIX, 1900, 
fase, r, pag. 10-25. 

Vi e segnata la Idmonea Milneana D'Orb. rarissima 
nel macco d'Anzio (pag. 18, n. 21); e la Idm. serpens 
Linn. nel post-pliocene di Nettano (pag. 20, n. 28;. 

Nella tabella alla pag. 23 è citata la 1* specie, come 
fossile del pliocene di Anzio, al nam. 15. 



Digitized by VjOOQIC 



liZXVI lU MBT.I 

96. Neviani Antonio. Materiali per una bibliografia italiana 

degli studi sui Briozoi viventi e fossili dal 1800 al 1900. 
Nel Boll, d. Naturalista. Anno XXIII, n. 3, Siena, 15 
marzo 1903, pag. 32, n. 75. 

Sotto il n. 75 trovasi citata la nota del prof. Meli: 
Echinodermi ed altri fossili pliocenici di Anzio {Boll. 
Com. Geol. ital., 1885), e vi sono riportate le diverse 
specie di Briozot rinvenutevi. Vi è aggiunta la notizia 
che il Neviani dette una nota di 65 specie di Briozoari 
di questa località e delle altre vicine di Nettuno, Tor 
Caldara e Palo nel Boll. d. Soc. Geol Ital., voi. XVII, 
1898, pag. 220 (V. questa bibh, n. 92). 

97. Id. Materiali per una bibliografici italiana d^gli studi sui 

Briozoi viventi e fossili dal 1800 al 1900. Nel Boll. d. 
Naturalista, Anno XXIV, n. 1. Siena, 15 gennaio 1904, 
pag. i-iv. 

Al n. 121 è segnata la memoria del Neviani: Nuova 
specie fossile di Stichoporina (Riv. It. di Paleontologia, 
pag. 247. 1895, Bologna). 

Passate in rassegna tutte le specie note del genere Sti- 
choporina, l'autore stabilisce la nuova specie S. persim- 
plexj trovata nelle marne plioceniche di Tor Caldara. 

98. Omboni Giovanni. Geologia delV Italia. Milano, V. Maisner 

e C. edit., 1869, in 16°, di pag. viii e 460 con 5 carte 
geologiche. 

Alla pag. 304, parlando delle paludi Pontine e della 
loro conca, avverte che, verso il mare, si stende una se- 
rie di basse colline, di terreno pliocenico, da Porto d'An- 
zio al Circeo, e che dalla punta di Astura al Circeo si 
ha un doppio cordone littorale, cioè, quello formato dalle 
colline plioceniche e Taltro in riva al mare formato dalle 
dune. 

99. Pantanelli Dante. Pecten Angelonii e Pecten histrix. Nel 

Boll. d. Soc. Malacologica italiana, voi. XIII, 1888, 
fase. I, pag. 21-22. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAPfA 8CIBKT1FI0A DRL LITTORAUB ROMANO LXXVII 

Conviene col Foresti che il P. AngéUmii Menegh. e il 
P. histrix Dod.-Meli sono sinonimi e cita qaesta specie 
nelle marne di Tor Caldara presso Anzio. 

100. Pareto Lorenzo. Della posizione delle rocce pirogene ed 
eruttive dei periodi terziario^ quaternario ed attutale in 
Italia. Qenova, Tip. Sordomuti, 1852, in-S"". 

Alla pag. 23 sono menzionati i sedimenti del Capo 
d'Anzio, che vengono ritenati dal Pareto come pliocenici. 

101. Pellati Nicolò. Nella Relazione delVing. N. Pellati al 
R. Comitato Geologico sui lavori eseguiti per la carta 
geologica nell'anno 1898 e proposte di quelli da eseguirsi 
nel 1899, stampata negli Atti ufficiali in appendice al 
Boll, del R. Comitato Geologico d'Italia, Anno 1899, 
2'' trimestre (voi. XXX della Baccolta, fase. n. 2), pag. 43 
(Gite diverse), si trova stampato che il dott. Di Stefano 
fece alcune escursioni, durante il 1898, per ricerca di fos- 
sili, e segnatamente nel litorale romano tra Anzio ed Astura 
con l'ing. Sabatini. 

102. Petraglia Giulio. Brevi cenni di geografia medica di Net- 

tuno. Boma, tip. Arch. clinico ital., 1880. 

Contiene alcune poche notizie sulla geologia dei dintorni 
di Nettuno, non sempre esatte. 

103. Id. QuaVè il clima di Nettuno? Profili di climatologia me- 
dica. Roma, Savio, 1882. 

Vi si trovano alcune poche indicazioni sulla costitu- 
zione geologica del suolo nei pressi di Anzio. 

104. PiGORiNi Luigi. Sopra le antichità delle popolazioni pri- 
mitive della Campagna romana. Nel Boll, dell' Istit. di 
Corr. Archeolog., per Vanno 1866. N. IV e V, aprile- 
maggio, pag. 97. 

Nell'Adunanza dell'Istituto, tenutasi il 23 marzo 1866, 
il Pigorini presentò «una freccia in silice di stupenda 
conservazione, riferibile alla seconda età della pietra, ri- 
vi 



Digitized by VjOOQIC 



LXZVIII R. MBLI 

trovata dal sig. Giorni a Porto d'Anzio e da lai donata 
al Museo di Parma». 

105. PiGORiNi Luigi. La paleoetnologia in Roma, in Napoli^ 
nelle Marche e nelle Legazioni, Belajrione del doti. Lmgi 
Pigorini a S. E. il Ministro della Pubblica Istrtmone. 
Parma, Tip. Kossi-Ubaldi, 1867, in 4% di pag. 42. 

Biferendo la comunicazione fatta dall'autore il giorno 
23 marzo 1866 all'Istituto di Corrispondenza Archeologica 
di Boma, sugli oggetti preistorici della Campagna ro- 
mana, menziona « una punta di freccia, di dimensioni non 
» comuni e del più squisito lavoro, raccolta in quel di Porto 
» d'Anzio» e donatagli dal sig. Pietro Giorni di Albano 
(ved. pag. 16). 

106. Id. Paleoetnologia. ^eìVAnmuirio scientifico ed industriale 
per Francesco Grispigni e Luigi Trevellini. Anno III, 
1866. Firenze, G. Civelli, 1867, in 8'. 

Alla pag. 169 l'autore ricorda che egli presentò all'Adu- 
nanza dell'Istituto di Corrispond. Archeologica {Boll., ecc. 
n. 4 e 5, aprile e maggio 1866), armi in silice del terzo 
periodo della pietra, o dell'epoca geologica attuale, mo- 
strando due frecce di selce, l'una scavata a Porto d'Anzio 
e l'altra a Veio. 

107. PiNTO Giuseppe. Roma, VAgro romano e i centri abita- 

bili. 2'^ edizione aumentata. Boma, E. Loescher, 1882, 
in 8^ 

Alla pag. 44 parla del sollevamento di Anzio. 

108. Id. L'igiene del circondario di Boma e suoi rapporti con 
le leve militari. 2" edizione. Boma, Tip. d. B. Accad. dei 
Lincei, 1885, in 8®, di pag. 148 con una tav. grafica. 

Nel cap. Ili, (condizioni geologiche, orografiche, idro- 
grafiche e climatiche dei Mandamenti e Comuni di Boma), 
dice che laddove la spiaggia mediterranea si protende, da 
Palo fino ad Anzio, trovansi innumerevoli depositi sab- 
biosi. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBUOORAFIA SOIBNTIFIOA DBIi LITTORALE ROMANO LXZIZ 

Di Anzio, Nettuno, Astnra, fino al Circeo si parla a 
pag. 61^ ove è riportato un brano della relazione del dott* 
Carinoci sn tali località. 

Alla pag. 84 è stampato « A Porto d'Anzio e Nettano 
rimane stazionaria la coltura degli olivi e in grande e 
progressivo sviluppo quella delle viti » . . . « nel suolo ar- 
gilloso ed alluvionale di Porto d'Anzio e Nettuno preval- 
gono presso a poco i vitigni medesimi » (cioè i vari treb- 
biani, aleatico, e cesanese). 

Alla pag. 85 trovasi stampato: che se a questa benefica 
influenza dei boschi si aggiungano le prerogative naturali 
dell'aria di mare su cui, senza intermezzo di palude o di 
vento, si affacciano in amena e ridente situazione Porto 
d'Anzio e Nettuno, non rimarrà alcun dubbio sulla na- 
turale salubrità di questo mandamento. 

Anche alle pag. 74-75 si fa brevemente parola delle 
condizioni igieniche di Anzio e Nettano. 

109. Ponzi Giuseppe. Sulle ossa fossili della Campagna ro- 
mana. - Atti délV Vili Riunione degli scienziati italiani 
tenuta in Genova dal 14 al 29 settembre 1846. Gtenova^ 
Ferrando, 1847, in 4*^ (da pag. 677 a 687). 

Parlando dei terreni terziari subappennini della Cam- 
pagna romana, menziona quelli, che sì osservano al Porto 
d'Anzio (ved. pag. 677-678). 

110. Ponzi Joseph. Mémoire sur la Bone volcanique d* Italie. 
Paris, L. Martinet, 1850, in 8°, di pag. 15 con carta geo- 
logica. 

Estr. d. Bull. d. la Soc. Oéohg. de France. 2* série^ 
tomo VII, 1850. 

Nella piccola carta geologica si trova indicato esatta- 
mente il pliocene di Anzio. 

111. Ponzi Q. Catalogo ragionato di una collezione di mate- 
riali da costruzione e di marmi da decorazione dello Stato 
Pontificio ordinata da S. E. il sig. Barone P. D. Co- 
stantini Baldini pei' VEsposiz. Univ. di Londra del- 



Digitized by VjOOQIC 



Vanno 1862. Eoma, Tip. delle Belle Arti, 1862, in 4^ 
Estr. d. Atti d. Accad. poni, de' Nuovi Lincei^ Anno XV, 
Sess. 3* del 2 febbraio 1862. Ved. pag. l'53-171. 

Alla pag. 8 (estr.), n. 33, cita il tufo di Foglino. 

33. Tufo di Porto d'Anzio. « Si cava nel fosso di Fo- 
» glino a Porto d' Anzio, e sì adopera nella costrazione 
» del porto ». 

Alla pag. 13 parlasi del macco di Porto d'Anzio. 

68. Macco di Porto d'Anzio. « Le formazioni di questa 
» pietra sono molto estese a Porto d'Anzio, dove forma le 
» coste scogliose e rilevate. Eiesce benissimo per le strade 
> di campagna, come per altri usi ». 

112. Ponzi Giuseppe. Sopra i diversi periodi eruttivi determi- 
nati nell'Italia Centrale. Soma, 1864, in 4^ Estratto dagli 
Atti d. pont. Accad. Lincei, Sess. 3*, 14 febbraio 1864, 
tomo XVII. 

Alla pag. 30 cita il Porto d'Anzio come pliocene supe- 
riore. 

113. Id. Quadro geologico delV Italia centrale. Roma, 1866, 

4 pag. in-4'', con grande tabella avente il medesimo titolo. 
Estr. d. Atti delV Accad. pont. de^ Nuovi Lincei, tom. XIX, 
sessione III, 4 febbraio 1866. 

Nel quadro è collocato il giacimento fossilifero di Anzio 
nel pliocene superiore, come sincrono del giacimento clas- 
sico fossilifero del Monte Mario, di Formello, e di Cor- 
neto-Tarquinia (Ved. il n. 16 del quadro). 

114. Id. Storia fisica delV Italia centrale. Roma, tip. d. Belle 
arti, 1871, in-4°, di pag. 36 con qu^adro geologico delV Italia 
centrale. Estr. d. Atti delV Accad. R. dei Lincei, sessione IV, 

5 marzo 1871. 

In questa memoria il macco è per la prima volta ri- 
guardato come spettante al pliocene inferiore, sincrono 
col zancleano di Seguenza (pag. 14). Come tale è sem- 
pre ritenuto in tutte le memorie posteriori dello stesso 
autore, qui appresso segnate. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIIBNTIFIOA DBL LITTORALB ROMANO LXXXI 

Nel qtMdro, annesso alla memoria, il macco d' Anzio 
è indicato nel pliocene inferiore al nnm. 16. 

115. Ponzi Q. Del hadno di Boma e 8t4a natura per servire 
alla illìAStrazione della carta geologica delVAgro romano. 
Boma, E. Tipogr., 1872, in-8®, di pag. 52 con carta geo- 
logica a colori. Estr. dagli Ant^li del Ministero di Api- 
coltura^ Ind. e Comm. Serie I. 

La memoria fu ristampata ancora nel Boìlettino della Società 
Geografica italiana, Voi. Vili, 1872, pag. 26-52 con la carta geo- 
logica a colorì, e nel volnme Studi sulla geografia naturcUe e civile 
delV Italia pubblicati per cura della deputazione ministeriale isH- 
tuUa presso la Società Geografica italiana — Roma, tip. Elzevi» 
riana, 1875, in 8^ gr. col titolo « Carta geologica del bacino di 
Boma » pag. 65-97, ma senza la caila geologica. 

Alle pag. 21-22 il macco d'Anzio è riferito al pliocene 
inferiore ; ma, nel quadro sinottico, alla pag. 50, il macco, 
per inavvertenza, è segnato nell'astiano. 

116. Ponzi Giuseppe e Masi Francesco. Catalogo ragionato dei 
prodotti minerali italiani ad uso edilizio e decorativo 
spediti dal Ministero di Agricoltura, Industria e Com- 
mercio alV Esposizione intemazionale di Vienna ed or- 
dinati e descritti dai signori professori G. Ponzi e F. Masi 
colla scorta delle notizie fomite dalle Giunte speciali di 
ciascuna provincia. Boma, Tip. Coltellini e Bassi, 1873^ 
in 8", di pagine vi e 222. 

Alla pag. 24, n. 68, è citato il macco di Porto d'Anzio, 
che è riferito al pliocene inferiore (pag. 24, n. 68) ed 
equiparato al macco di Palo, descrìtto al n. 69 seguente. 
La medesima roccia è segnata alla pag. 12, sott(> il n. 68 
nel Catalogo sommario dei prodotti minerali italiani ad 
ttso edilizio e decorativo, ecc., ordinati dai medesimi au- 
tori. Boma, Coltellini e Bassi, 1873, in 8**, di pag. 32. 

117. Ponzi G. Crona,ca subappenninica o abbozzo d'un quadro 
generale del periodo glaciale. Boma, G. B. Paravia, 1875,. 
in 4^ di pag. 82. 



Digitized by VjOOQIC 



LZXZIl B. MRU 

Estr. d. Atti della XI Eiunicne degli scienziati ita- 
liani tenuta in Soma dal 20 al 29 ottóbre 1873 (dalla 
pag. 268 alla 346). 

Alle pag. 280, 282 (pag. 15 e 17 deirestr.) ed parla 
del macco di Porto d'Anzio. 

118. Ponzi Q. Dei monti Mario e Vaticano e del loro solleva- 
mento. Roma, Salvincci, 1875, in 4*, di pag 14 con ta- 
vola. Estr. d. Atti d. R. Accadem. d. Lincei, tomo 2*, 
serie II. 

Alla pag. 10 si parla del macco d'Anzio, Palo e Cor- 
neto, avvertendo che le sae stratificazioni sono inclinate. 

119. Id. La Tuscia romana e la Tolfa. Eoma, Salviucci, 1877, 
in 4', di pag. 54 con 2 carte geologiche. Estr. d. Atti della 
R. Accad. dei Lincei. Classe di Se. fis., mat. e nat. Voi. I, 
serie 3*. 

Del macco di Anzio parlasi alle pag. 15 e 24. 

120. Id. Le ossa fossili subappennine dei dintorni di Boma. 
Eoma, Salviucci, 1878, in 4**, di pag. 30. Estr. d. Atti 
d. R. Accad. dei Lincei. Mem. d. Classe di se. fis., mat. 
e nat., serie 3*, voi. II, sedata del 5 maggio 1878. 

Alla pag. 5 è menzionato il macco d'Anzio. 

121. Id. Della eona mia^smatica lungo il mare Tirreno e spe- 

cialmente delle Paludi Pontine. - Nella Rivista marittima, 
gennaio 1879. (Estr. di pag. 54, in 8"*, con carta in litogr. 
a 5 colori nella scala di V43«,ooo)' 

Nella carta geologica, annessa alla memoria, è indicato 
il deposito pliocenico di Anzio. 

122. Id. Sui lavori del Tevere e sulle variate condizioni del 
suolo romano. - Negli Atti d. R. Accad. d. Lincei, serie 3*. 
Transunti, voi. IV. Seduta del 6 giugno 1880. Estr. di 
pag. 6, in 4**. 

Accennando al lento movimento ascensivo della costa 
tirrena, ricorda come una delle prove, che i fondamenti 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DKL LITTORALB ROMANO LXXXIII 

del porto Neroniano di Anzio sono faori d'acqua a bassa 
marea. 

128. Ponzi G. / terremoti delle epoche subappennine. Roma, in 8% 
di pag. 12. Estr. d. Boll del R. Comitato GeoL d'Italia, 
anno XI, 1880, n. 3-4, pag. 175-183. 

Anche in questa nota sono menzionati i terreni fossili- 
feri del macco di Anzio, i quali sono sollevati ed hanno 
le stratificazioni inclinate di un angolo di 45''. Sono rife- 
riti al pliocene inferiore, (Ved. pag. 1 76 e 182). 

124. Ponzi Giuseppe e Meli Bomolo. (Ved. Meli B.). 

125. PoRTis Alessandro. Contribueioni alla storia fisica del ba- 
cino di Roma e studi sopra V estensione da darsi al plio- 
cene superiore, voi. II, parte 4* e 5*. Torino, 1896, di 
pag. 514, in 4'', con 5 tavole. 

Un intero capitolo è dedicato alla costa d'Anzio; ne è 
data nna sezione, tracciata secondo le speciali idee soste- 
nute dall'autore, dal fosso dello Schiavo sopra a Tor Cai- 
darà, fino ad Astura. Tutto, compresi i materiali vulcanici, 
è riferito al pliocene superiore. 

126. Rath (vom) Gbrhardt Geognostischrmineralogische Frag- 
mente aus Italien. I Theil. Rom und die Rimiscke Cam- 
pagna. Berlin, J. F. Starcke, 1867, in 8*" con 3 tavole. 
Est. d. Zeitschrift d. deutschen geohgischen Gesellschaft. 
Voi. XVIII, Anno 1866, pag. 487-642. Furono anche 
stampati nello stesso anno (1866) nei: Sitzungsbericht 
der niederrheinischen Gesellschaft fiir Natur- und Heil- 
kunde au Bonn e nei Verhandlungen des naturhistorischen 
Vereines der preussischen Rheinlande und Westphalens. 

A pag. 559 riporta l'opinione del Ponzi sulle ultime 
manifestazioni del vulcanismo laziale, che ritiene oggi 
rappresentato dalle emanazioni gassose, emesse dalle sol- 
fatare. Tra queste cita quella presso le Frattocchie, al- 
cune sulla strada presso Ardea (diejenige an der Strasse 
nach Ardea) ed una vicino Porto d'Anzio. 



Digitized by VjOOQIC 



LXZXIV R. MELI 

127. Eeumont (von) Alfred. Bomische Briefe von einetn Fio- 

rentiner. Leipzig, F. A. Brockhaus, 1840-44, voi. 4, in 16**^ 
Nel voi. IV, lettera XXI* Latium maritimum (pag. 175- 
209), si parla della strada, che da Carroceto va ad Anzio,' 
della foresta di Nettano, di Astara, di Porto d'Anzio, di 
Ardea e della Solfatam salla via Ardeatina. 

Alle pag. 207-209 descrive la Solfatara Altieri salla 
via Ardeatina, e dice che il suolo, per una considerevole 
estensione, è imbiancato a causa delle emanazioni solfo- 
rose, le quali hanno impregnato di zolfo tatto quel terreno. 

128. Ristori Giuseppe. Contributo alla fauna carcinologica del 
pliocene italiano. I crostacei fossili di Monte Mario. Pisa, 
Tip. T. Nistri e C, 1889, in 8^ di pag. 26 con 1 tav. 
Estr. d. Atti d. Soc. tose, di Scienze Naturali residente 
in Pisa, voi. XI, 1889. 

Vi si trova citato il Cancer Sisfuondae May. rinvenuto 
nelle marne plioceniche di Tor Caldara, ed è descritta e 
figurata una chela di Callianassa subterranea Leach var. 
dentata Bist., rinvenuta nei tufi submarini delle Grottaccie 
sulla spiaggia da Nettuno ad Astnra, la quale è anche 
disegnata nella tavola alle fig. 19-20. 

129. Id. Contributo alla fauna carcinologica. del pliocene itor 

liana. Negli Atti della Soc. Tose, di Se. Natur. resid. in 
Pisa. Memorie, voi. XI, 1891, pag. 3-18 con tav. 

Descrive e fignra il Cancer Sismondae May. di Tor Cal- 
dara. 

130. Sabatini Venturino. / tmlcani dell'Italia centrale ed i 
loro prodotti. Parte I; Vulcano Laziale. Roma, Tip. naz. 
di G. Bertero, 1900, in 8^ di pag. xvi e 392 con dieci tav. 
ed una carta geologica nella scala di 1 a 75,000. 

L'autore colloca un cratere secondario alla Solfatara 
Altieri presso la via Ardeatina (Ved. tav. X). Ponzi collo- 
cava una bocca craterica più a N., cioè alla Cecchignola. 

Nella carta geologica del vulcano laziale trovasi, nel- 
l'angolo S.-W., la regione compresa lungo le vie, Lauren- 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALB ROMANO LXXXV 

tina ed Ardeatina. Vi sono segnati i tufi litoidi lionati ed 
i tufi gialli, che s' incontrano, Inngo la via Ardeatina a 
Monte Migliore, alla Solfatara Altieri e verso Ardea, e 
che perciò trovansi nell' area topografica della presente 
bibliografia. A Santa Procala non è segnato il tufo pe- 
periniforme, grossolano, litoide, che osservai nel letto del' 
torrente sottostante al casale di Santa Procala, e che per la 
sna facies litologica è tanto interessante. Nella memoria 
si parla più volte di Anzio, Nettuno, Grottaccie, ecc., ed 
alle pag. 110-111 sono date due sezioni geologiche, l'una 
tra la Vallericcia e la rotabile di Anzio, e l'altra tra la 
Cecchina, Carroceto ed Anzio. 

Questo lavoro è assai interessante per le molte notizie 
geologiche, mineralogiche e per lo stadio petrografico delle 
roccie laziali. Alle pag. 367-387 è stampata una copiosa 
bibliografia scientifica su Boma e sai Lazio. 

131. Salmojraghi Francesco. Materiali naturali da costrizione^ 

Caratteri litologici^ requisiti costruttivi, impieghi, estra- 
zione, lavorazione, distribuzione in Italia, Milano, Ulrico 
Hoepli, 1892, in 8% di pag. x e 464. 

Alla pag. 410 è citato: Calcare: Porto d'Anzio, Nettano. 
Grossolano, arenaceo, conchigliaceo, bianco o bianco gial- 
lognolo, poroso, leggiero, tenero, del pliocene detto macco 
(pietra grezza; pietra concia, pietrisco; poco atto a pietra 
da taglio). 

Alla pag. 412 cita il tufo di Foglino presso Nettano. 

132. Scilla Agostino. La vana speculazione disingannata dal 
senso. Lettera responsiva circa i corpi marini che petri- 

* ficati si trovano in varj luoghi terrestri. Napoli, appresso 
Andrea Colicchia, 1670, in S"*, di pag. 8 non numerate e 
168 con 28 tavole, e l'antiporta figurata. 

Questa opera fu tradotta in latino: 

Scilla Augustinus. De corporibus marinis lapidescen- 
tibus, quae defossa reperiuntur, auctore Augfistino Scilla,^ 
addita dissertatione Fabii Columna^e de glossopetris. Editio 
altera emendatior. Bomae, 1747, in 4'', con antiporta in- 



Digitized by VjOOQIC 



I.XXXVI R. MELI 

cisa e 28 tavole di fossili, più la tavola annessa alla me- 
moria di Fabio Colonna. 

Trascrivo il brano, che si riferisce alle conchiglie fossili 
del macco d'Anzio: 

« Prope maris litora non infrequentes sant haias generis 
» lapidicinae, seu melins dixeris strata lapidefacta; nam 

> non longe ab antiqua Antiatum urbe vidimas haec strata 

> ex minimis cochlearam et concbamm fragmentis nna 
» cam solidiore arena coagmentatis lapideam indaisse na- 

> taram > ( ved. pag. 3). 

Interessante, per l'epoca, è il giudizio che segue: « Omnia 

> haec animalia veras conchas estimavi, nec uila de hoc 
» mens haesitatione laboravit intellectus » (pag. 3). 

Queste superiori citazioni mancano nell'edizione origi- 
nale del 1670 e sembrano aggiunte da chi ne fece la tra- 
duzione in latino. In ogni modo, nella edizione del 1752 
dello Scilla si trova stampata, se non la prima notizia, 
certo una delle più antiche indicazioni sulle conchiglie 
fossili di Anzio. La prima citazione su questo argomento 
è quella che trovasi nella r edizione, 1742, di Desallier 
d'Argenville. 

Di questa traduzione in latino, ho le seguenti edizioni nella 
mia Biblioteca: 

Romae, ex typ. Linguarum orìentalium Angeli Rotilii et Philipp! 
Bacchelli in aedibns Maximorum, 1752, in 4° di pag. vili e 84 nu- 
merate, più pag. 6 con V ìndice e 28 tavole, oltre quella che forma 
Tantiporta e Paltra annessa alla memoria dt Fabio Colonna, la 
quale é inserita alla pag. 75. 

Romae, ex typ. Joannis Zenipel prope Montem Jordanum, 1759, 
in 4^^ di pag. vili non numerate, e 82 numerate più pag. 6 con Pin- 
dice e 28 tavole in tutto simile alla precedente. Di questa ultima 
edizione ho due esemplari, con differente vignetta ciascuno sul fron- 
tespizio. L'uno ha una veduta con una torre (identica vignetta 
trovasi nell'esemplare della Casanatense) ; Taltro esemplare rap- 
presenta un nomo che corre con testa di cinghiale (Vesemplare 
della Bibl. Vittorio Emanuele 12, 26, H, 11 ha consimile figura). 

133. Spada La vini Alexandre. Sur Vàge des tufs de Vile d^ Is- 
chia. Lettera comunicata dal Segretario della Soc. Geol. 
di Francia nella sedata del 15 febbraio 1858. Nel Bull, de 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOORAFIA SCIENTIFICA DBL LITTORALB ROMANO LXZXVII 

ìa Soc. géól. de France, 2* sèrie, tome XV, 1857-58, pag. 362 
a 366. 

Fa parola del conglomerato ferruginoso di Porto d'Anzio 
(pag. 363) che riguarda come pliostocenico. Inoltre ac- 
cenna ai conglomerati vulcanici conchigliari di Nettuno, 
che furono composti da un rimaneggiamento di fram- 
menti di roccie vulcaniche preesistenti, la cui emersione 
è dovuta a un sollevamento uniforme e relativamente mo- 
dernissimo, che s'è operato lungo una gran parte del lito- 
rale mediterraneo. 

134. Sp ATARO Donato. Ingegneria sanitaria. Igiene delh abi- 
tazioni. Voi. IL Igiene delle acque. Proprietà fisico^hi- 
miche ^ ecc. Milano, U. Hoepli, 1891, in 8**, con fig. e tav. 
colorate. 

Nella tav. V, inserita tra le pag. 232-233, trovasi una 
carta geologica a colori della Campagna romana (ripro- 
duzione in piccola scala di quella pubblicata già dal 
R. Comitato geologico), nella quale è indicata la zona di 
pliocene, scoperta sulla costa Nettuno-Anzio-Tor Caldara. 
Alle pag. 233-234 si fa parola della zona di sabbie lito- 
rali, formanti dune sulla spiaggia, da Anzio al Circeo. 

135. Struever Giovanni. Studi sui minerali del Lazio. Parte T. 

Boma, Tip. Salviucci, 1876, in 4^ di pag. 22 con 2 tav. 
Estr. d. Atti della R. Accademia dei Lincei, Tomo 3"*, 
serie IP. 

Tra le località del Lazio, delle quali si hanno campioni 
di zolfo nel Museo di Mineralogia dell'Università di Boma, 
è indicata la solfatara di Porto d'Anzio (ved. pag. 8 estr.) 
e sono date alcune citazioni bibliografiche in proposito. 

136. Id. Contribuzioni alla Mineralogia dei vulcani sabatini. 

Parte I*. Sui proietti minerali vulcanici trovati ad est 
del lago di Bracciano. Boma, Tip. della B. Accad. dei 
Lincei, 1885, in 4^ 

Estr. d. Atti d. R. Accad. dei Lincei. Serie 4*, Memor. 
d. Classe di se. fis., mat. e natur., voi. I (1884-85). 



Digitized by VjOOQIC 



LZXXYIII R. MELI 

Alla nota (1) a piedi della pag. 5 (estr.) cita grossis- 
simi blocchi della roccia leacitico-hallyiiifera, analoga a 
quella che, erratica parimenti, si ritrova presso il Tavo- 
lato sulla via Àppia nuova, dall'autore rinvenuti presso 
Santa Procula, lungo la via di Àrdea, a 25 km. da Boma. 

Sulle località, ove questa roccia fu rinvenuta in blocchi erratici, 
cfr.: Brocchi, Catalogo, pag. 29, n. 19-20 ;Stru ver, oltre la memoria 
citata, anche: Studi petrografici sul Lazio (Atti R. Accad. Linceit 
Serie 8% voi. 1, 1876-77); Ponzi, Intorno alla sezione geolog. scoperta al 
Tavolato, ecc. (Atti R. Accad. Lincei, Serie 8^ voi. XII, 1881-82); 
Meli, Notizie su resti di mammif. fossili (Boll. d. Soc. Geolog. itaL, 
voi. XIV, 1895, fase. 2, nota (3) a piedi delle pagine 166-167) ; 
Sabatini, I vulcani delVIt Centrale - Psivie I, Vulcano Laziale, 
1900, § 19. Tavolato, pag. 235-246. 

In una escursione, che ho fatto in questi giorni a Monte Cavo, 
raccolsi, presso il Campo d'Annibale, un pezzo di leucitofiro, a 
grossi cristalli di leucite vetrosa, di aspetto analogo a qnello del 
Tavolato. Lo ritrovai compreso entro quel conglomerato tufaceo, 
ad elementi frammentari piuttosto grandi, che trovasi in posto 
sopra Rocca di Papa, nella direzione deipara; albana, per la via 
che conduce verso Monte Cavo. Il frammento, tondeggiante, era 
incastonato entro il conglomerato tufaceo ed aveva un diametro 
medio di cm. 16. 

In altra escursione, fatta ad Albano Laziale, Ariccia, ecc. nel 
mese corrente, trovai racchiusi nel peperino, che si mostra sco- 
perto nella via dei Villini di Albano, due campioni di leucitofiro 
hauynico, presentanti un aspetto macroscopico analogo a quello- 
del Tavolato, cioè, a grossi cristalli i cosi tetraedri di leucite viti*ea, 
con grani cristallini di haiiyna azzurra. Le leuciti contengono 
inclusi grani di hatiyna e cristalletti di augite. In uno dei cri- 
stalli di leucite osservai una decisa tendenza a rompersi secondo 
due piani di clivaggio, che mi parvero ortogonali. Ciò potrebbe 
derivare dalla trasformazione della leucite in sanidino, ovvero 
da intromissione di lamelle di sanidino nella leucite. 

137. Terrigi Guglielmo. I depositi lacustri e marini riscontrati 
nella trivellazione presso la via Appia antica. Nelle Me- 
morie del B. Comitato Geologico d^Itulia, voi. IV, parte I*. 
Firenze, G. Barbèra, 1891, in 4** (da pag. 53 a 131 con 
4 tavole). 

Parlando dello strato sabbioso, sottostante al terreno 
lacustre, rinvenuto nella trivellazione alla quota di 14°" 95- 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIBNTIFIOA DIBL LITTORALB ROMANO LZXXIZ 

sotto il livello marino, corrispondente al campione contras- 
segnato col n. 27, scrive l'autore che quello strato « ri- 
» chiama subito il pensiero a quello che si forma attual- 
» mente sulla nostra spiaggia del Tirreno ed in specie 
» lungo la spiaggia da Palo sino ad Anzio, col quale ha 
> tanta analogia. Esso può definirsi una sabbia augitico- 
» quarzosa per la prevalenza assoluta di cristalli di au- 
»gite; differisce però alquanto da quella odierna delle 
» spiagge del Tirreno per difettare un poco della biotite 
» nerastra in quella più abbondante > (ved. pag. 60). 
Il medesimo concetto è ripetuto alla pag. 120. 

138. TiTTONi Tommaso. La regione trachitica delVAgro Saba- 
tino e Gerite. Eoma. Tip. d. R. Accad. d. Lincei, 1886, 
in 8*", di pag. 42, con carta geologica a colori nella scala 
di 1 a 50,000. Estr. d. Boll d. Soc. Geol. Ital, voi. IV, 
1885, pag. 337-376. 

Alle pag. 346, 347, 348 si parla delle marne del plio- 
cene inferiore a P. histrix rinvenute in parecchie località 
dell'Agro Sabatino e Gerite, identicate per i fossili che 
eontengono, con quelle di Tor Caldara. Difatti, vi rinvenne 
tra Monte Arsiccio e Monte Castagno: 

Ostrea cochlear Poli. 
Pecten histrix Meli-Doderl. 

Ai poggi di Cornacchiola: 

Ostrea cochlear var. alata Foresti. 

Al fosso di Vaccina : 

Pecten histrix Meli-Doderl. 

Terebratulina [sp. intermedia tra la caput-serpentis 

Linn. e la crysalis (Schloth.), da me riferita alla 

T. granoso-radiata Seguenzaj. 

Al passo del fosso del Cecio, presso Castel Campanile, 
rinvenne le medesime marne, e in quelle tra Bota e Tolfa 
trovò : 

Ostrea cochlear Poli var. navicularis Brocc. 



Digitized by VjOOQIC 



XO R. MELI 

Nelle marne poi di Castel Campanile ritrovò: 

Ostrea cochlear Poli. 

Fecten hystrix Meli-Doderl. 

Terebratulina (sp. citata^ 

Pleuronectta comitatm Fontan. (Pecten). 

Pleuronectia sp.? differente dalla precedente per 
avere l'interno di ambedue le valve del tutto 
liscie, identica a quella da me rinvenuta nelle 
marne di Tor Caldara. 

Tutte le sopra citate specie si rinvengono nelle marne 
di Tor Caldara. 

139. ToMM ASI-Crudeli Corrado. Il clima di Bontà. - Confe- 
renea fatta nella primavera del 1885, inatigurando l'Isti- 
tuto d'Igiene sperimentale della R. Università di Poma. 
Boma, Loescher, 1886, in 8^, con una carta topografica 
e geologica dell'Agro romano e cinque tavole illustrative. 

Nella carta geologica dell' Agro romano (scala ^\oo»ooo) 
è segnato il pliocene sul bordo del mare tra Tor Caldara 
e Nettuno (marne e macco) (non è messo al faro e al 
Capo Anzio). Mancano però le indicazioni relative al plio- 
cene delle Grottaceie, alle sabbie della fornace Morronese, 
ed ai soprastanti tufi alluvio-submarini. 

140. Treveltan Calverlt Walter. Indications of recent eie- 

vations in the Islands of Guemsey and Jersey and on 
the coast of Jutland and on som^ tertiary heds near Porto 
d'Ansio. - Proceedings of the Geological Society of Lon- 
dm, voi. II (november 1833 to june 1838), pag. 577-578. 
Parlasi del macco, della sua inclinazione (S. E.), delle 
marne verso Tor Caldara, e dei gusci di conchiglie can> 
giate in zolfo. 

141. Ufficio (K.) Geologico. Carta geologica della Campagna 
romana e regioni limitrofe^ rilevata e pubblicata per cura 
del R. Ufficio Geologico. Boma, E. Carto-litogr. Virano^ 
1888, 6 fogli a colori, con una tavola di sezioni. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGBAFIA 8CIBNTIFICA DEL LITTOHALR ROMANO XCI 

Nel foglio di Cori è compresa la parte di carta geo- 
logica dei dintorni di Anzio e Nettano, nella scala di 1 
a 100,000. 

142. Ufficio (R.) Geologico. Brevi cenni relativi alla Carta geo- 

logica della Campagna romana con le regioni limitrofe^ 
Boma, Tip. Nazionale di Reggiani e Soci, 1889, in 8"", 
di pag. 23. 

Nel quaternario antico sono collocate le sabbie filicee 
della selva di Nettuno (pag. 6). Il macco d'Anzio e Net- 
tuno è stimato sincrono a quello di Cometo e di Palo 
(i quali due ultimi sono più antichi) e riferito al pliocene 
superiore ; però è avrertito che, per la stia posizione non 
bene definita nella serie pliocenica^ si è creduto di col- 
locarlo fra il superiore e l'inferiore (pag. 8). Questo è esatta 
per Palo e Cometo, ma non pel macco d'Anzio che è, a 
mio parere, più recente. 

Alla pag. 9 sono citate le marne lungo la spiaggia da 
Anzio a Tor Caldara, riferite al pliocene inferiore, e che 
sono indicate con precisione sui fogli della carta geologica 
(6 fogli, scala '/. 00,000)) che accompagna la memoria con 
color giallo vivo j)'. 

Del macco, come materiale da costruzione, è fatta pa- 
rola alla pag. 21 del citato opuscolo. 

143. Id. Nella Relazione al R. Comitato Geologico sui lavori 
eseguiti per la Carta geologica nel 1901, inserita nel 
Boll. d. R. Comitato geologico d'Italia, anno 1902, n. 2, 
alla pag. 18 trovasi un capitolo sulla Flora fossile della 
Campagna rofpmna, nel quale è detto che l'ing. Clerici 
si recò a Tor S. Lorenzo, presso Ardea, e vi raccolse fil- 
liti nei tufi vulcanici. 

144. Università (R.) Romana. - Scuola d'Applicazione per gli 

Ingegneri. - Annuario per l'anno scolastico 1892-93, com- 
pilato dal segretario della Scuola. Roma, Tip. d. R. Ac- 
cademia dei Lincei, 1892, in 12*" picc. 

Alle pag. 84-87 trovasi stampata una breve relazione 
dell'escursione geologica, eseguita dal prof. Meli cogli al- 



Digitized by VjOOQIC 



2GII R. MELI 

lievi del secondo corso, a Nettuno ed alle Grottaccie; vi si 
trovano menzionate le marne fossilifere ed i tufi di questa 
località. 

La predetta relazione trovasi anche riprodotta, con qual- 
che piccola variante, nell'opuscolo seguente: 

Meli Eomolo. Breve relazione delle escursioni geologiche 
eseguite con gli allievi della R.- Scuola d'Applicazione per 
gV Ingegneri di Soma, nell'anno scolastico 1891-1892^ ecc. 
•(Mem. citata già al n. 74). 

Per la escursione a Nettuno ed alle Grottaccie, ved. pag. 3-5. 

145. UziELLi Gustavo. Sopra lo zircone della costa Tirrena. 
Eoma, Salviucci, 1876, pag. 18 in 4°. 

Estr. dagli Atti d. E. Accad. d. Lincei, Anno 1875-76. 
Classe di Se. fis., matem. e naturali, serie 2*, voi. Ili, 
parte 2% 1876, da pag. 862-877. 

L'autore ritrovò lo zircone nelle sabbie ferrifere, rac- 
colte sulla spiaggia dell'antico porto Neronìano. 

Esaminò poi : le sabbie fra il fosso Foglino e Nettuno 
[straterelli sotto l'argilla sabbio-ferrifera (lehm) e depositi 
littorali recenti], le sabbie del porto Neroniano in Anzio, 
quelle di Tor S. Lorenzo, e del littorale di Palo e Civita- 
vecchia (pag. 863). 

Nel quadro (pag. 864) sono segnate le sostanze mine- 
rali rinvenute nelle sabbie delle anzidette località. 

Alla pag. 866 scrive che la sabbia fra il fosso Foglino 
e Nettuno, straterelli sotto l'argilla (lehm) presenta, come 
carattere speciale, una povertà di pirossene e di olivina; 
tolto il 50 a 60 ° di ferro magnetico, rimane una sabbia 
gialla con molti cristalli di zircone. 

Alle pag. 866 (n. 8) -868 e riportata la traduzione di 
un brano del Ludwig, circa i depositi di ferro magnetico 
di Nettuno ed è riprodotta pure la figura dello stesso 
Ludwig dei tumuleti di Nettuno. 

Seguono (pag. 868-869) alcune osservazioni dell'Uzielli 
sui giacimenti di sabbie ferrifere dì Nettuno. 

Sostiene poi che i frammenti limpidissimi delle sabbie 
romane sieno non di quarzo, come ritiene il Ponzi (in 



Digitized by VjOOQIC 



BIBUOORXFiA SCIBNTIFICA DBL LITTORALR ROMANO XClII 

Cìaldi A., Sul nwto ondoso del mare, 1866, pag. 460), 
lua invece di sanidino (pag. 873). 

146. Verri Antonio. Alcune linee sulla Val di Chiana e luoghi 
adiacenti nella storia della terra. - Memoria popolare. 
Pavia, Successori Bizzoni, 1877, in 8°, di pag. 100, con 
carta geologica e veduta. 

A pag. 67 accennasi al sollevamento degli strati plio- 
cenici avvenuto lentissimamente; l'autore ritiene che se- 
guiti tuttora, stando alle osservazioni fatte a Porto d'Anzio, 
Palo e Civitavecchia. 

L'autore allude alla memoria del Ponzi, H Tevere e il suo 
Delta, in cui si parla del sollevamento della spiaggia romana. 

147. Id. I tufi vulcanici da costrujsione della Campagna di 

Roma. - Nel Boll. d. Soc. Geol. Ital., Anno XI, 1892, 
fase. 1«, pag. 63-75. 

Alla pag. 74 cita il pliocene a Porto d'Anzio, e presso 
l'osteria del Malpasso per andare a Castel Porziano. 

148. Id. Noie per la storia del vulcano labiale {Rilievo circo- 
stante al gruppo dei crateri). Boma, Tip. d. R. Accad. d. 
Lincei, 1893, in 8", di pag. 44, Estr. d. Boll. d. Soc. Geolog. 
Ital, voi. XII, 1893, fase. P, pag. 39-80. 

Alla pag. 17 estr. (53 del Bollett.) scrive che nel fosso 
della Moietta, dopo Carroceto, ha trovato sotto alle poz- 
zolane rosse, a quota 40 e 50, un banco di tufo brecciforme 
bigio-chiaro. 

Alla pag. 16 estr. (52 del Boll.\ parlando delle pozzo- 
lane, dice che la loro potenza è sempre grande a distanza 
di oltre 20 km., dal centro eruttivo, e cita quelle tra Car- 
roceto ed Anzio verso il Tirreno. 

Alla pag. 28 estr. (64 del Boli.) dice che il tufo posa 
su pozzolane rosse al Carroceto, su sabbie marine ad k rdea, 
e su marne marine a Nettuno. 

Nella memoria sono menzionate le pozzolane bigie con 
scorie rosse nei bacini dell'Incastro e dell'Astura. 

Alla pag. 31 estr. (67 del Boll.) parla della corrente tu- 
facea del fosso Astura in vicinanza di Conca e scrìve 

VII 



Digitized by VjOOQIC 



3rciV B. MBLI 

di aver trovato interclusi di tufo bigio-scuro, i quali inter- 
clusi ha pure rinvenuto nel tufo giallo della spiaggia 
fra Nettuno e Astura (tufo, ciot^, di Foglino e prossima 
località delle Grottaccie). 

Alla pag. 32 estr. (68 del Boll.) cita grinterclusi cal- 
carei nei predetti tufi della spiaggia di Nettuno. 

Dello stesso tufo e dei molluschi racchiusivi, parla an- 
cora alle pag. 32-34 estr. (68-70 del Boll). 

Alla pag. 37 estr. (73 del Boll.) cita pozzolane bigie 
nei bacini dei torrenti Incastro ed Astura. 

Alla pag. 38 estr. (74 del Boll.) dice che gli ammassi 
scorìacei che accompagnansi alle pozzolane bigie, talvolta 
hanno qualche grado di cementazione, ed è per questa 
circostanza che la Carta del R. Ufficio geologico, in al- 
cuni tratti del bacino delFAstura, li comprende tra i con- 
glomerati vulcanici diversi. 

Alla stessa pagina scrive : « Posano sulle pozzolane, 

> superiori al tufo giallo, le lave che da Frascati vengono 
» alle Grottaccie ». Ora alle Grottaccie non vi sono lave: se 
ne trovano sulla strada da Cecchina ad Anzio (Fontana 
di Papa, e l'altra verso Monte Giove, ove è aperta anche 
una cava con binario ferroviario), ma dopo Carroceto non 
ne affiorano altre. 

Alla pag. 39 estr. (75 del Boll.) avverte che avvenne un 
alzamento nel littorale di Nettuno, dove il tufo con inclusi 
molluschi marini si trova a quota 15 metri. 

Peraltro, i molluschi marini, compresi nel tufo, si tro- 
vano anche ad una quota molto minore. Nel tufo delle 
Grottaccie si rinvengono a poco più di un metro sul mare. 

Alla pag. 40 estr. (76 del Boll.) fa notare la < depres- 
» sione nel contiguo settore di Cisterna, dove il tufo scom- 
» pare sulla sinistra del ton-ente Astura, nel quale settore 

> cominciano le paludi pontine > ecc. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALB ROMANO XCY 



IL 

Pubblieazioiii rìgnarduitì la Oeofisiea. 
(Corrosione della costa ^ Ingabblamento, naimettsmo terrestre^ ecc.)» 

149. Accademia (E.) dei Lincei. 

Nelle Notizie degli scavi di antichità^ comanicate dal 
socio G. Fiorelli al Presidente della B. Accademia dei 
Lincei, nel mese di agosto 1884 (Vedi Atti della J?. Ac- 
cademia dei Lincei, 1883-84, serie 3*. Memorie della 
classe di se. morali, stor. e filologiche, voi. XIII, pag. 417- 
450), trovansi stampate importanti notizie sui ritrovamenti 
esegniti presso Anzio, specialmente nei tagli fatti per la 
ferrovia. Interessante è la notìzia che nel cavo dei mon- 
ticelli di sabbie (dune), che si trovavano presso il mare, di- 
rimpetto alla stazione ferroviaria, si rinvennero tombe a cas- 
settoni ed a capanna, con monete di (Gordiano III e dei due 
Filippi. Ciò dimostra che il bacino del porto neroniano 
non arrivava all'epoca dei predetti imperatori, fino a quel 
punto, come generalmente si credeva dagli scrittori di 
antichità anziati, e come del resto è confermato dallo studio 
geologico dei Ietti del sottosuolo. 

Vi si parla anche del teatro di Anzio, la cui scena 
cadde in quell'epoca sotto l'azione corrosiva del mare, che 
fa arretrare anche oggi la costa, e della scoperta dì un 
pozzo funebre rinvenuto presso Tor Caldara (pag. 428-429). 

150. Barattieri. Architettura d'acqua. 

Nel libro I, alla pag. 7 parla della corrosione operata 
dal mare sulla costa Anzio-Nettuno. II brano è anche ri- 
portato dal Fea nei suoi Opuscoli, III, in nota (1) alla 
pag. 18. 

151. Cardi V* e Luigoi L. (Ved. Luiggi L.). 



Digitized by VjOOQIC 



JCGVI R. MBLI 

152. Carlucci Olito. Sulle condizioni fisiche e stato civile della 
provincia romana e sulle infermità predominanti nella sua 
popolazione in rapporto alla leva militare. Relazione 
esposta al Consiglio provinciale di sanità di Boma. Soma, 
G. Via, 1876, in 8^ 

Alla pag. 27 dice che la spiaggia da Anzio verso Astara 
è in via di corrosione, e vi si scorgono reliquie di antiche 
costruzioni sporgenti fuori dal mare. Alla pag. 38 parlasi 
delFaria di Anzio, Nettuno e dintorni, ed alle pag. 102-103 
delle malattìe dominanti in questi due paesi. 

153. Chistoni Ciro. Misurazioni magnetiche in Italia, (Risul- 

tati delle misure assolute degli elementi del magnetismo 
terrestre, eseguite nell'anno 1885 dal prof. Ciro Chistoni). 
Negli Annali della Società degV Ingegneri ed Architetti 
Italiani, Anno II, 1887, fase. V (pag. 75-95). 

Alle pag. 75-76, n. 1, riferisce le osservazioni eseguite 
nella vigna Perucci, a circa 4 km. da Anzio per deter- 
minare la declinazione magnetica, l'inclinazione e la com- 
ponente orizzontale. Il valor medio della declinazione W. 
sarebbe stato per quell'anno di IT 4,4; quello dell'incli- 
nazione 57"" 46', 3 e quello della componente orizzon- 
tale 0, 23485. 

154. Id. Contributo allo studio del magnetismo terrestre in Ita- 
lia e lungo le coste dell'Adriatico. (Riassunto di de- 
terminazioni degli elementi d^l ìuagnetismo terrestre, fatte 
prima del 1880). Boma, Bontempelli, 1889, in 4®. Negli 
Annali dell' Ufficio centrale di meteorologia e geodinamica. 
Parte I, voi. IX, 1887, (pag. 185-352). 

Sono date le coordinate geografiche di Anzio (lat. 41*27'; 
longitudine Est dal meridiano di Greenwich 12'' 36') alla 
pag. 185. Sono anche date alcune determinazioni dei va- 
lori magnetici per questa località alla pag. 315. 

155. CiNGOLANi Giov. Battista. Compendio delle misure e piante 
del generale territorio di Nettuno, misurate e delineate 
d'ordine delVIllmo e Revmo Monsig. Imperiali, tesoriero 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DRL LIITORALE ROMANO ICYII 

generale di N.** Signore, e delVTllmo e Revmo Monsig. 
Comissario Ferdinando Nua^i, Vanno 1689, In 8* obi., 
mas. su pergamena a colorì, di carte 36, delle quali le 
ultime tre in bianco. 

Interessante manoscritto inedito, che ho nella mia bi- 
blioteca, nel quale è tracciato l'andamento della linea di 
spiaggia in quell'epoca. È citato dal De Cupìs nel suo 
Saggio bibliografico al n. 551. 

156. CiNGOLANi Giov. Battista. Topografia geometrica dell'Agro 
Romano overo la misura pianta, e quantità di tutte le 
tenute, e casali della campagna di Roma con le città, terre 
e castelli confinanti ad esse tenute, le strade fiumi fossi 
acquedotti, et altre cose principali, e memorabili sì anti- 
che come moderne, misurate, e delineate con tutta esattezza 
dn Gio. Battista Cingolani dalla Pergola a beneficio pur 
blico et al mantenimento delV abbondanza di Roma del- 
l'annona, e di tutto esso Agro Romano. Intagliata da 
Pietro Paolo Girelli romano, Eoma, Stamperia di Do- 
menico de Eossi, alla Pace, con privil. del Sommo Pont» 
e licenza de' superiori l'anno 1704 (con dedica di Lorenzo 
Filippo de Bossi). In sei fogli (I a VI) di cm. 65 X cm. 46. 
Nel foglio VI trovasi disegnata la spiaggia da Torre 
di Foce Verde ad oltre Tor S. Lorenzo. Vi sono riprodotti 
in prospettiva: Torre Astura, Nettuno, la Fortezza, Villa 
Borghese, la Torre d'Anzio, il nuovo porto (Innocenziano), 
Tor Materna, Torre di Caldano, Torre di Lorenzo. Le 
figure prospettiche delle anzidette località devono essere 
fatte simili al vero. Vi sono indicate la Ferriera di Conca 
e quella di Campo Leone. Vi è segnata la linea della 
spiaggia, come si trovava in quel tempo, giungente in 
Anzio fino all'attuale Piazza Pia. 

Trovo meuzìoData un*edizione del 1602, che però non ho veduto. 

157. Conti Andrea e Richebach Giacomo. Posizione geografica 
de^ principali luoghi di Roma e dei suoi contomi. Negli 
Opuscoli astronoìnici di G. Calandrelli, A. Conti e G. Ei- 
chebach. Tomo VIII, Eoma, De Eomanis, 1824, in 4**, con tav. 



Digitized by VjOOQIC 



XCYIII R MBLI 

È data la latitudine e longitudine della Torre S. Lorenzo. 

Ne fu fatto un estratto a parte di pag. 120 con tavola. Per i 
▼alori delle coordinate geografiche di Tor S. Lorenzo vedansi 
le pag. 105, 108, n. 19 e 112, n. 19. 

158. Crescentio Bartolomeo. Nautica MedUerrm%ea di Bartolo- 
meo Crescentio romano, air illustre e reverendiss. Card. Al- 
dobrandino, nella quale si manifesta Verror delle 

Charte mediterranee e degli Astrolabij e Balestriglie, e 
da dove essi errori procedano, dando poi la vera Charta, 
et altro più giusto e facile Astrolabio e Ballestriglia, con 
una Bussola eh' in nessun meridiano gregheggi o mae- 

streggi In Boma, appresso Bartolomeo Bonfadino, 

1602, in 8* gr., con tav. e figure. 

Ecco quanto si riferisce alla declinazione magnetica per 
Boma e costa romana. 

€ Però se Toperatione et la Bussola si fa in Boma, ove 
la Bussola gregheggia una quarta di vento... > (pag. 224). 

Per la spiaggia di Anzio e Nettuno ecco i brani relativi: 
»... avvertendo che chi vorrà fare Porto in spiaggia ro- 
mana di novo, come sua Santità pretende bora fare in 
Nottuno (Nettuno) egli è necessario che sappia la natura 
della spiaggia, et della sua traversia et che da Capodanza 
à Monte Cercelli ad ogni palmo per dir così de lito fa 
diverso effetto la traversia » (ved. pag. 534). 

» Noi laudiamo sommamente la fabrica de gli Antichi 
nel formare i porti, perchè essi gli lasciavano certe cata- 
ratte, archi, ò scolatori fatti in tal maniera che l'acqua 
del mare vi entrava et gli rinfrescava continovamente et 
portava seco tal mondezza, et terreno di che il porto s'em- 
piva, e conservandogli in questo modo il primo fondo, et 
tali sono stati i porti di Pozzuoli, Mar Morto, Capodanza 
(Capo d'Anzio), e Civitavecchia, si come le sue rovine 
dimostrano » (pag. 534). 

159. Delesse M. Lithologie du fond des iners de France et des 
mers principales du globe. Paris, E. Lacroix, à Saint-Ni- 
colas-Varangéville (Meurthe), in 8°, di pag. viii e 479 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALE ROMANO XCIZ 

«OH 1 carta; altro voi. di quadri (tabelle), 1871, in 8**, di 
pag. 186 ed nn atlante in fol. con 4 tav. colorate. 

Nella Carta n. 2 dell'atlante (Carte Uthologiqtie des 
mers d'Europe) il suolo immerso sotto il mare, lungo la 
costa da Roma a Terracma, è indicato di natura sabbioso, 
con roccie pietrose nei dintorni di Anzio e Terracina. 

160. FOLGHERAITER GIUSEPPE. I punti distinti delle roccie magne- 
tiche e le fulminazioni, Roma, Tip. Elzeviriana, 1897, 
in 8^ di pag. 14. 

È il n. 5 dei Frammenti concernenti la Geofisica dei pressi di 
Bama. 

Nella nota ai piedi della pag. 12 è detto che il Keller 
trovò nei ruderi, rivestiti di mattoni, delle grotte di Ne- 
rone in Anzio, polarità magnetiche, capaci di deviare di 
QO*" l'ago di una hussoletta tascabile. Lo stesso Keller trovò 
un vero punto distinto in un masso isolato di pietra ga- 
bina che giace, anche oggi, presso la ferrovia a 80°" dal 
semaforo di Anzio. 

161. Kellek Filippo. Misure della componente orizzontale del 

magnetismo terrestre eseguite in alcune località dei din- 
torni di Boma. - Negli Atti d, R. Accad. d. Lincei, serie 3*, 
voi. II. Classe di se. fis., mat., ecc., seduta 2 giugno 1878. 
Alle pag. 4-5 (estr.) parla di Porto d'Anzio, ove l'au- 
tore fece stazione per la determinazione degli elementi 
magnetici, e delle roccie, che si rinvengono in quei din- 
tomi. 

162. Id. Risultati di alcune misure relative della intensità oriz- 
zontale del magnetismi terrestre eseguite nel 1898 lungo 
il parallelo di Roma, Roma, Tip. Elzeviriana, 1894, in S"", 
di pag. 19. 

Alla pag. 13 si trovano alcune indicazioni riguardanti 
il magnetismo della costa di Anzio. 

163. Id. Sull'intensità orizzontale del magnetismo terrestre nei 
pressi di Roma con note che riguardano le condizioni geofi- 



Digitized by VjOOQIC 



€ R. MBLI 

siéhe delle località esplorate. - Nei Frammenti concernenti 
la Geofisica dei pressi di Roma, n. 4. Koma, Tip. Elze- 
viriana, 1896, in 8**, di pag. 11. 

Nella nota ( 1) a pag. 2 è data la salsedine dell'acqua 
del mare attinta alle grotte di Nerone presso Anzio. L'au- 
tore dice che contiene 0,0372 di residuo solido. 

Alla pag. 6 parla delle sabbie nere magnetiche della 
spiaggia di Nettuno, ed alla pag. 7 parla delle esperienze 
eseguite per la loro azione sull'ago della bussola. 

164. Keller Filippo. Intensità orizzontale del magnetismo ter- 

restre a Santa Marinella ed a Magliano- Sabino. Nei 
Frammenti concemeìiti la Geofisica nei pressi di Boma^. 
n. 10. Spoleto, A. Bagnoli, 1900, in 8% di pag. 24 (Ved. 
per la memoria supracitata pag. 17-24). 

Alla pag. 19 è stampato: < Il soprasuolo contiene dap- 

> pertutto una percentuale assai debole di cristallini estrai- 

> bili colla calamita; ci troviamo qui sotto questo punto 
» di vista in condizioni assai simili a quelle delle loca- 
» lità di Anzio, ove vennero fatte le misure per la deter- 
» minazione della H (componente orizzontale del magne- 
» tismo terrestre) nel 1895 ». 

165. LuiGGi L. e Cardi V. Esperimenti sulle calci, sabbie, poz- 
zolane^ cementi, malte e murature eseguiti durante i lavori 
del porto di Genova. Nel Giornale del Genio Civile, parte 
non uflBciale, Anno XXXI. Roma, settembre-ottobre 1 893, 
pag. 445-573 con una tavola (tav. XVI). 

Alla pag. 462 è stampato: « E basta anche visitare gli 
avanzi dì costruzioni romane a Porto d'Anzio, lungo tutta 
la costa fino a Terracina per constatare con quale successo 
le malte di pozzolana resistono all'acqua di mare ». 

(Pag. 463). Fra le qualità esperimentate nel laboratorio 
dell'ufficio di (Genova si citano le pozzolane di Anzio 
(Roma) «... le quali pel colore rosso hanno molta somi- 
glianza colla pozzolana di S. Paolo, ma per qualità non 
sono egualmente raccomandabili. Cosi pure nei colli cir- 
condanti il lago di Bolsena si ha una pozzolana che ras- 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DBL LITTORALR KOMANO CI 

somiglia molto a quella di Napoli, cave di Bacoli, ma^ 
che, esperimentata facendone della malta messa a sta- 
gionare nell'acqua di mare, non raggiunse in un anno 
conveniente indurimento ». 

166. Maire Christophorus et Boscoyich Eogerius Josbphus. De 

litteraria expeditione per pontifkiam ditionem ad dime- 
tiendos duos meridiani gradm et corrigendam mappam 
geographicam, iussu et ampiciis Benedicti XlVpant. max^ 
stiseepta a patribus Societ. Jesu Christopìioro Maire et 
Bogerio Josepho Boscovieh. Romae, Nic. et Marc. Palea- 
ritti, 1755. in 4** di pag. xxii e 519 con 4 tavole. 

Parlasi di Anzio e Terracina (pag. 64-65) ed avvertesi 
che dal Circeo (S. Felice) fu congiunto il vertice del Ve- 
suvio (riconosciuto dal famo) con Anzio e parecchi luoghi 
del Lazio. 

Bicordo a questo proposito che nella gita eseguita sulla 
sommità del Vesuvio il 6 aprile 1890 cogli allievi del 2"^ 
corso della B. Scuola degli Ingegneri di Boma, riconobbi 
distintamente dall'orlo del cratere vesuviano il Monte 
Circeo e ne feci parola nella breve relazione pubblicata 
neìVAnntiario per Vanno scolastico 1890-91 (ved. pag. 90). 

167. Meli Bomolo. Notizie su resti di mammiferi fossili rin- 

venuti recentemente in località italiane. 

Nel Boll. d. Soc. G^oZ. »7aZ., voi. XIV, 1896. (Memoria, 
già citata al num. 75-bis del presente elenco). 

Nella nota a piedi delle pagine 160-162 si tratta della 
corrosione e demolizione della costa da Foglino a Tor 
S. Ijorenzo, operata dalle onde del mare; si parla ancora 
dell' andamento delle arene mobili e dell' insabbiamento 
del porto innocenziano in Anzio. 

168. Osservatorio ED Ufficio centrale di Meteorologia e di 
Geodinamica al Collegio romano. Calendario {dell'Osser- 
vatorio, ecc.), Anno XII, 1891. Boma, Tip. Eredi Botta,. 
1891, in 12^ 



Digitized by VjOOQIC 



Oli R. MELI 

Sono date le coordinate geografiche del semaforo di 
Anzio (iat. 4P. 27' e OMO' long. Est dal meridiano di 
Roma), non che la sua altezza (20'") sai livello del 
mare. 

Nei Calendari pubblicati negli anni sncce8SÌvi(Anno XIII, 
1 892, in poi) sono dati i valori della declinazione ed in- 
clinazione magnetica per Anzio, anno per anno, e le coor- 
dinate geografiche del semaforo di Anzio. 

169. Palazzo Luigi. Misure magnetiche eseguite in Italia nel 
1891 e contribuzioni allo studio delle anomalie nei terreni 
vulcanici. - Nei Rendiconti della R. Accademia dei Lincei, 
Classe di scienze fis. mat. e nat. Voi. Vili, 2^ sem., 
serie 5*, fase, r, 1899, pag. 22-28. 

Per Anzio sono dati i seguenti valori geografici e ma- 
gnetici : 

Lat. N. 4r.28'. 

Long. E. 12^37'.4'' da Greenwich. 

Declinazione W. 10". 34'. 4". 

Inclinazione boreale 57*'.38'.8". 

Intensità orizzontale 0,23483. 

I valori magnetici furono determinati nel 1891,6. Per 
la natura del suolo è data V indicazione: « argille sab- 
biose e ciottoli alluvionali » (Ved. pag. 23). 

170. Secchi Anqeix). Escursione scientifica fatta a Norcia ad 
occasione dei terremoti del 22 agosto 1859. Negli Atti 
deìV Accademia pontificia dei Nuovi Lincei, Anno XIIIj^ 
Sessione 1*, 4 dicembre 1859. 

Secchi avverte di aver trovato una enorme irregolarità 
n^la posizione dell'ago di inclinazione nelle osservazioni 
magnetiche eseguite nei colli Laziali. 

Ciò non può ripetersi che dall'azione magnetica eserci- 
tata dalle roccie di quella regione vulcanica; e, di fatti, 
Secchi l'attribuisce al magnetismo delle lave ed altri pro- 
dotti vulcanici, che si trovano in quella località (ved. anche 
Annali dell'Osservatorio del Collegio Romano dal 1857 
al 1859, pag. 204). 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALR ROMANO CHI 

Neil' inclìnazioDe misarata salla cima del Monte Caro, 
Secchi tro7Ò qaasi 3 gradi di più che non porti la lati- 
tudine del luogo, la quale all'incontro darebbe una dimi- 
nuzione, restando a sud-est del meridiano di Roma. Osserva 
poi che a Porto d'Anzio l'inclinazione cala regolarmente, 
giacché ivi non si trovano depositi tufacei, che possano 
influire colla loro vicinanza sulla sbarra magnetica (ved. 
Atti citati pag. 84, 87, 88). 

Ed invero per trovare i tufi vulcanici all' intomo di 
Anzio, bisogna andare sul littorale alle Grottaccie presso 
Foglino, al di là di Nettuno, e verso Tor S. Lorenzo, op- 
pure nell'interno della macchia di Anzio, ove parecchi 
anni fa, ritrovai depositi di pozzolane, eccellenti per le 
malte ed oggi escavate ed esportate. Però, sotto S. Rocco 
ed ai tumoleti di Nettuno, si trova una specie di lehm, 
cioè una sabbia, alquanto argillosa, molto ferrifera. 

Alla pag. 87 dà il valore della inclinazione magnetica, 
misurato nel settembre 1859 a Porto d'Anzio sulla ter- 
razza del casamento Pollastrini a fianco della chiesa sulla 
piazza principale di Anzio (long. E. 9' contata dall'Os- 
servatorio del Coli. Romano; lat. 4P. 24). In questa mi- 
sura trovò 58''. 43'. 5. 

171. Secchi Angelo. Sulla relazione de' fenomeni meteorologici 
colle variazioni del magnetismo terrestre. Roma, Tip. d. Belle 
Arti, 1864, in 8"*, di pag. 24.Estr. dal Giornale Arcadico^ 
tom. XXXVIII della nuova serie. 

Alle pag. 16-17 fa parola di esperienze eseguite sul filo 
telegrafico da Roma, Castel Gandolfo e Porto d'Anzio, per 
oltre un anno, per determinare l' influenza delle burrasche 
sugli aghi magnetici. Scrive che verificò effettivamente 
l'esistenza di correnti permanenti che circolano nel suolo 
e che diventano sommamente energiche all'accostarsi delle 
burrasche. 

172. «Tribuna ». Nel giornale quotidiano La Tribuna, Anno XIII, 

num. 357, Roma, mercoledì 25 dicembre 1895 (seconda 
edizione di città) trovasi una corrispondenza da Nettuno 



Digitized by VjOOQIC 



CIV R. MBLl 

(stampata sotto la rubrica: « Dalla provincia romana », 
Ved. 2* pagina, 6" (•x)lonna) nella quale si dice che, du- 
rante l'inverno 1895-96, la banchina e le mura sul mare 
del paese di Nettuno vennero fortemente danneggiate per 
effetto dei marosi, che in quell'epoca furono di eccezio- 
nale violenza. Per causa di tali corrosioni nelle mura 
castellane le soprastanti case minacciavano rovina. 

173. Tucci (Di) Pacifico. DelVantico e presente siato della cam- 
pagna di Boma in rapporto alla salubrità delVaria e 
alla fertilità del suolo. Koma, Tip. editr. rom., 1878, in 12* 
di pag. XVI e 174, con 2 tav. di sezioni geologiche. 

Alle pag. 19 e 20 parla dell'erosione, osservata lungo 
la costa compresa tra Nettuno e Porto d'Anzio, ed avverte 
che i ruderi di gran parte della città antica sono som- 
mersi. 

III. 

Pubblicazioni riguardanti le aeqne correnti, 
potabili e minerali. 

174. Anonimo. Saggio sulle principali acque minerali delVEur 

ropa. Milano, P. Lampato, 1842, in-24^ di pag. viii 
e 584. 

L'opera venne estratta dal Dizionario di medicina del 
dottor Fabro e costituisce l'articolo sulle acque minerali 
di esso Dizionario. Vi sono peraltro aggiunte alcune indi- 
cazioni, specialmente sulle acque minerali d'Italia, scritte 
dal dott. L. Marieni. Le aggiunte vanno dalla pag. 189 
alla 573. 

Dell'acquacetosa sulla via Ardeatina si parla all'articolo 
Boma (pag. 453) e ne è riportata l'analisi chimica. 

175. Baratta Mario. Il terremoto Laziale del 22 gennaio 1892. 

Boma, Tip. d. B. Accad. d. Lincei, 1892, in-8*', di pag. 30, 
con 1 tav. Estr. d. Bollet. d. Soc. geol. ital.y voi. XI^ 
fase. 1 (già cit. al n. 7). 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOaRAFIA SCIBNTIFICA DEL LITTORALB ROMANO GV 

Alla pag. 4 trovansi citate le aeque solforose delle sol- 
fatare dì Torre Caldana e di Altieri. 

176. Biondo. Italia. Scrive Alberti L. (Descrittione di tutta 
V Italia, edizione 1681), alla carta 74 (verso): « Il che 
» conferma Biondo nella sua Italia dicendo ciò che dee 
» parere impossibile, havendo lui veduto simile caso in- 
» tervenire nelle selve d'Anzio, ove è una picciola fontana 
» posta fra le gran roine degli edifìci appresso cui vide 
» due augelletti, che all'hora, all'hora pareano essere di 
» vita spenti, havendo gustata detta acqua ». 

177. Calindri Gabrielle. Saggio statistico-storico del pontificio 
Stato (Op. cit. al num. 18 del presente elenco). Perugia, 
Garbinesi e Santucci, 1829, in^'^. 

Alle pag. 74-82 parla delle acque minerali, tra le quali 
citansi quelle ardeatine. 

178. Cane VARI Eaffaele. Cenni sulle condizioni altimetriche 
ed idrauliche dell'Agro Roìnano. Relazione Cane vari. 
Koma, Stabil. tipografico alle Terme Diocleziane, 1874, 
in-8**, di pag. 543, con atlante di carte topografiche col 
titolo: Carta altimetrica ed idrografi^ca, ecc. 

Nell'allegato n. 6 (pag. 173-510), col titolo: Notizie 
sui corsi d'acqua, fontanili, sorgenti, terreni umidi e pa- 
lustri che si trovano nelle singole tenute dell'Agro Ro- 
mano, al comprensorio n. 24, tenuta 4, san Lorenzo (pa- 
gina 473), si trovano parecchie notizie su tale tenuta. Da 
esse rilevasi che ha la superficie di ettari 1786,38 con 
3 fontanili, alimentati da sorgenti allacciate con bottini 
e condotture. Fra la via di Porto d'Anzio e il mare evvi 
un pantano, che occupa la superficie di circa 368,000 m* ; 
il suolo è arenoso; l'aria eattiva. 

Analoghe notizie si hanno per le tenute di Carroceto 
-e Carrocetello, di Buon Eiposo, di Campo Morto e di 
Conca, nel comprensorio n. 25, (pag. 475-487). 

Per Carroceto e Carrocetello ved. pag. 479, n. 8 e 480 ; per 
Buon Riposo pag. 481, n. 10; per Campo Morto pag. 482, 
n. 12, 483-484: per Conca pag. 484, n. 13, pag. 485-487. 



Digitized by VjOOQIC 



evi R. MBLI 

179. Capogrossi Baldassarre. Cenni storici della città di Anzio 

e del porto Neroniano descritti da Baldassarre M. Capo- 
grossi. Boma, Clemente Puccinelli, 1847, in 8*", di pag. 22. 
Estratto dal Giornale romano La Pallade, n, 41. 

Alla pag. 17 fa parola di antiche terme e di una sor- 
gente d'acqua termale, dagli scrittori denominata Calda- 
mura (probabilmente quella che sgorga presso Tor Cal- 
dara), le cui acque furono portate nella città, al dire di 
Pirro Ligorio, con un acquedotto. 

180. Cavalli Atanasio. Lettere meteorologiche romane dell'A- 

bate Atanasio Cavalli. Tomo I, Roma, Stamp. Paglia- 
rini, 1785, in-8% di pag. 309, con tav. 

« Nella macchia di Nettuno havri la sorgente, o stagno 
di acqua zolfata, e la terra vicino al mare è pure zolfata. 
Vicino a Solforata havvi la zolfatara di acqua bollente 
zolfata e sonovi vari piccoli stagni di acqua limpida e 
bollente » (pag. 230). Con queste parole si parla della sol- 
fatara, presso Tor Caldara. 

181. Celli Angelo. Analisi d^lle acque potabili di Anzio. — 

Lettera al Sindaco di Anzio in data 9 agosto 1889. Vel- 
letri- Anzio, Tip. Stracca, 1889, in 4% di pag. 2. 

È dato il risultato delFanalisi chimica e batteriologica 
di tre delle acque potabili di Anzio (acqua del Bottac- 
cio, dello Speziale e della Società Ferrovìe secondarie 
romane). 

Di queste analisi trovasi anche una notizia nel giornale 
Il Popolo Romano, anno XVII, n. 235 (edizione di pro- 
vincia), giovedì 22 agosto 1889, in terza pagina. 

182. Ceselli Marco. Sui prodotti minerali utili della provincia 
rofnana (Mem. citata al num. 21 del presente elenco 
bibliografico). 

Tra le acque minerali della provincia, sono citate le 
solforose di Anzio nella località Mettipane, e l'acqua mar- 
ziale borghesiana di Torre Caldara (pag. 281). 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOOBAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALB ROVAKO OYI» 

183. CoRRADiNus Petrus Marcellinus et Vulpius Iosephus Boc- 
cus (Ved. Vulpius I. R.)- 

184. Costa Pietro. Sul ripristinamento delVantico porto nero- 
niano nella città di Anzio. Roma, Vino. Sciomer, 1870, 
in 8**, di pag. 34 con pianta topografica. 

Yi è menzionata Tacqna solforosa di Torre Caldara, e 
l'acqua marziale ; di entrambe è pure indicata la tempe- 
ratura (20^ R.). 

185. D'AuBREuiL et Guenée (Ved. Guettard). 

186. Del Torre Giacomo. Analisi chimiche di acque potabili. 
Roma, Tip. nazionale di G. Bertero, 1894, in 8** gr., di 
pag. 268. 

Alla pag. 210 trovasi l'analisi dell'acqua di Campo- 
morto presso la selva di Nettuno, ed alla pag. 211 sì ha 
l'analisi dell'acqua al fontanile del Casale della Mandria 
a circa 35 km. da Roma, al biforcamento delle strade di 
Nettuno e di Conca. 

187. Demarchi Lamberto. I prodotti minerali della provincia 
di Boma (Mem. citata già al num. 30 del presente elenco). 

Parlando delle solfatare, rileva che questi eentri di 
emanazioni solfidriche sono disposti, come la maggior 
parte delle acque minerali, da S.-E. a N.-O. Sono poi ci- 
tate le principali sorgenti di acque sulfuree, tra le quali 
quelle di Tor Caldara (pag. 13). 

188. De Rossi Michele Stefano. Le fratture vulcaniche la- 
ziali ed i terremoti del gennaio 1873. Roma, Tip. delle 
Scienze mat. e fisiche, 1873, in 4'', di pag. 46, con pianta. 
Estratto dagli Atti dell' Accad. pont. de' Nuovi Lincei, 
anno XXVI, sessione II*, del 19 gennaio 1873. 

Alle pag. 14-18 sono indicate parecchie sorgive ed 
acque minerali nel Lazio. Sono anche notati alcuni feno- 
meni osservati in talune acque minerali durante il pe- 
riodo sismico del gennaio 1873. 



Digitized by VjOOQIC 



-CVlll R. MBLI 

Alle pag. 23-25, 29 si menzionano scosse di terremoto 
avvertite in Anzio il 19 gennaio 1873. 

189. De Bossi Michele Stefkììo. Le emanazioni di gas durante 

il periodo sismico laziale deìVagosto 1877. Nel Bullet- 
tino del vulcanismo italiano, anno lY, pag. 112. 

Avvertesi che in seguito al terremoto del 24 agosto 1877, 
si notò aumenti» nelle emanazioni di anidride carbonica 
dalle acque Albnle e dalla Solfatara Altieri sulla via Ar- 
deatina. 

190. Galanti Luigi. Anzio e il st40 clima,, — La nuova ferro- 
via Boma-Anzio e i suoi vantaggi. — Osservazioni di 
attualità. Boma, M. Armanni, 1883, in 8**. 

Riprodotta anche nella Gazzetta medica di Boma, anno IX 
1888, n. 17 e IB, (1 e 15 settembre 18&S). 

Fa parola delle acque potabili di Anzio e delle sor- 
genti solfuree e ferruginose presso Tor Caldara. 

191. Genio Civile (Corpo K. del). Ufficio speciale di bonifica- 
mento dell'Agro Romano. Piano tecnico di massima per 
V allacciamento ed incatvalamento di tutte le acque del- 
l'Agro Bomano e per la sua spartizione in Consorzi idrau- 
lici. Boma, Fratelli Bencini, 1883, in 4**, di pag. 68 con 
grande pianta di unione degli 89 consorzi idraulici, nei 
quali fu diviso l'Agro liomano (^ scala ^^ ). 

Alla pag. 32, n. 89 è segnato il consorzio per la boni- 
fica della valle del fiume Conca (Astura). 

192. Gio AZZINI Ignazio e Pasquali Gustavo. La questione del- 
l'acqua nella Villa Albani in Anzio. — Metnoria e con- 
clusioni per la causa vertente innanzi al Trib. Civile di 
Boma, Sez. Ili, fra V Opera pia degli Ospizi marini pei 
fanciulli poveri rachitici e scrofolosi della città e provin- 
cia di Boma e il sig. Francesco Perucd di Anzio. Boma, 
Tip. La Cooperativa, maggio 1890, in 8** gr., di pag. 40. 

Nel 1° capitolo (Precedenti storici) si hanno molte no- 
tizie storiche sulla Villa Albani. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIBMTIFICA DEL LITTORALB SOMA NO CIX 

193. GoEi Fabio. Gita da Soma a Porto d'Aneio, a Nettuno 

e ad Astura. Nel Giornale Arcadico di se, lettere ed arti, 
voi. CXLIII (143), aprile-giagno 1856, pag. 38-79. 

Alla pag. 49 cita un copioso fontanile ad occidente di 
Anzio (il fontanile che è sotto il semaforo) e, seguendo 
il Ligorio, un'acquedotto diretto alle acque Caldane, cosi 
dal loro calore denominate. 

194. Grilli Salvatore. Anzio — Cenrhi storici — I porti ne- 
roniano ed innocensdano. Ruderi di Anzio volsca e romana. 
Anjrio. stagione climatico-balnearia. — Igiene dei bagni di 
mare. Boma, Stabilimenti del Fibreno, 1885, in-8*. di 
pag. 32. 

Alla pag. 25 menziona due acque minerali, a 4 km. 
da Anzio, verso ponente, presso la spiaggia. L'una sol- 
forosa, l'altra marziale, entrambe colla temperatura di 
20« K. (Sono le acque minerali, che sgorgano presso Torre 
Caldara). 

195. QuETTARD. Mémoires sur différentes parties de la physi- 

que, de Vhistoire naiurelle^ des Sciences et des Arts, etc. 
5 voi. Paris, 1774, 1783, in-4% con 266 tav. Voi. MII. 
Costard, fils et compagnie, 1774: voi. IV-V: Pbilippe-De- 
nys Pierres, 1783. 

La maggior parte di queste memorie erano destinate 
a comparire nelle Mémoires de VAcad. B. de Paris; ma, 
per abbondanza di materia, furono stampate a parte in 
5 volumi. 

Nel 1"* volume si trovano 9 memorie su diversi argo- 
menti, l'ultima memoria (la 9') contiene osservazioni sulla 
mineralogia d' Italia. Queste osservazioni non sono del 
Quettard. ma del D'Aubreuil e Guenée. 

Nel voi. I, memoria IX, pag. 386, si trovano citate 
parecchie acque minerali dell'antico Stato pontificio. Tra 
queste è menzionata Tacquacetosa sulla via Ardeatina. 

196. Lombardi Francesco. Anzio antico e modento (opera po- 
stuma). Roma, Fratelli Pai lotta, 1865, in 8^. 

vili 



Digitized by VjOOQIC 



OX R. MELI 

Nella nota in fondo alle pag. 331 e 332 dà le rea- 
zioni ottenute in un'analisi fatta nel 1850 snlFacqua po- 
tabile di Anzio. Alla pag. 378 fa parola dell'acqua sol- 
forosa e dell'acqua marziale, che trovansì presso Torre 
Caldara, o Caldana; di questa ultima acqua minerale tra- 
scrive i caratteri e le reazioni, togliendole dalla memo- 
ria del Palmieri : Brievissimo cenno di Anzio e delle sue 
nuove acque marziali Borghesiane, citata al num. 211 del 
presente elenco. 

197. Ludwig Rudolph. Geologische Bilder aus Italien (Memo- 
ria citata precedentemente al num. 60). 

Alla pag. 83 (estratto) parla della sorgente minerale 
presso la solfatara di Anzio, e della solfatara di Ardea. 

198. Id. Appunti geologici sulVItalia (Memoria citata già al 
num. 61 del presente elenco bibliografico). 

Alla pag. 7 (estr.) è ricordata la sorgente solforosa di 
Tor Caldara. 

199. Malaqu PeancÈsco. Studio di un nuovo acquedotto per il 
comune di Amio. Velletri, A. Lizzini, 1900, in 4**, di 
pag. 28. 

Il progetto propone di raccogliere, a monte di Anzio, 
le acque sotterranee e di condurre al paese. 

Di questo progetto stampato si parla nel giornale II Popolo 
Bomano, anno XXVIII, num. 174, martedì 29 maggio 
1900 (edizione di città, 2" pagina, 4* colonna). 

200. Mahchetti Raffaele. Sulle acque di Bornia antiche e mo- 
derne. Libri due. Roma, Tip. E. Sinimberghi, 1887,in 8^ 
di pag. 428. 

Alla pag. 168 menziona l'acquedotto di Anzio, costruito 
dall'imperatore Antonino Pio. 

« Nelle vite degli Augusti si legge che quest'impera- 
» tore fra le altre opere fece i bagni di Ostia e l'acque- 
» dotto d'Anzio. — Opera eius haec extant . . . lavacrum 
» ostiense^ Antiatum aqua^duetum ». 



Digitized by VjOOQIC 



BIBIJOGRAFIA SCIENTIFICA T>EL LITTORALR ROMANO CXI 

:201. Mbli Romolo. Cenni geologici sulla costa d'Anzio e Net- 
twMy ed elenco dei molluschi pliocenici ivi raccolti. Boma, 
Tip. Fratelli Centenari, 1884, in 8° gr., di pag. 31. Me- 
moria già citata al nnm. 68 del presente elenco. 

In questa memoria sono accennate acque idrosolforate 
in prossimità di Tor Caldara (Ved. pag. 5 estr.). 

202. Id. Bibliografia riguardante le acque potabili e minerali 
della provincia di Soma. Boma, L. Cecchini, 1884-85, 
in 8° picc, di pag. 108. 

In questa bibliografia delle acque, che sgorgano nella 
provincia di Roma, si trovano citate le pubblicazioni dei 
seguenti autori, nelle quali sono menzionate le acque mi- 
nerali di Ardea e di Tor Caldara sul litorale di Anzio: 

Bacci (1571) e Calindri (1829); entrambi questi autori 
menzionano le Aqtme Ardeatinae; Folchi (1838-35) per 
l'acqua Acetosa sulla via Ardeatina; Galanti (1883) per 
le acque minerali di Tor Caldara; Lombardi (1865) per 
le acque potabili di Anzio e le altre feiTUginose e solfo- 
i-ose di Tor Caldara; Marieni (1870) per le solforose fredde 
di Ardea; Meli (1884) per le minerali di Tor Caldara: 
Palmieri (1852 e 1858) per le predette di T. Caldara e 
per le acque Ardeatine; Ponzi P. (1884) per le acque di 
T. Caldara; Strtlver (1876) per le acque solforose della 
solfatara Altieri sulla via Ardeatina. 

203. Ministero dei Lavori Pubbuci. Cenni monografici sui sin- 
goli servizi. Voi. V. Fiumi. Boma, Tip. Eredi Botta, 1878, 
in fol. di pag. liv e 613 con carta idrografica del- 
l'Italia. 

Alla pag. 176, cap. XLIV, trattasi del bacino del fiume 
torrentizio Astura. 

204. Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio. Memo- 
rie descrittive della carta idrografica d'Italia, pubblicate 
dalla Direzione generale dell'Agricoltura; voi. XXVI. Te^ 
VERE. Boma, Tip. Nazionale di G. Bertero, 1899, in 8**, 
con atlante. 



Digitized by VjOOQIC 



CXII R. HBLI 

Alle pag. 58 e 59 si parla del bacino del fiame Àstnra^ 
e si accenna alla natura litologica e geologica delle roccie 
incontrate nel percorso, non che dei suoi af9uenti. 

Alla stessa pag. 59 si parla del fosso di Nettuno (tor- 
rente Loracina), che origina dal bosco del Padiglione, e 
che passa tra sabbioni quaternari. 

Alla pag. 110 si danno le portate delle sorgenti del- 
l' Astura e del fiume stesso. Alla pag. 276 trattasi del 
regime dell'Astura. 

205. Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio. Dire- 
zione generale della Statistica. Annali di Statistica. No- 
tizie sulle condizioni industriali della provincia di Roma, 
Fascicolo LXV, serie IV, n. 103. Roma, Tip. Nazionale 
6. Bertero e C, 1903, in 8^ con due carte topografiche. 

Alle pag. 50-71 si parla delle acque potabili di Boma 
città (pag. 50-59), e sono offerti in prospetti i principali 
dati (sia per Eoma che per gli altri comuni della pro- 
vincia), relativi alla lunghezza, portata e costo della con- 
dottura (pag. 59-71). Vi si trovano segnati i suddetti 
dati per le acque potabili di Anzio e di Nettuno. 

La condotta di Anzio ha una lunghezza di 2350 m., 
con una portata di 86.400 litri al giorno (pag. 62). Per 
Nettuno la lunghezza della condotta dell'acqua di Fontana 
di Papa è di km. 6,5 con la portata di 740.000 litri al 
giorno ; per la fontana dei Tinozzi invece si ha 2 km. di 
lunghezza e 80.000 litri, e per la Fontana vecchia nell' in- 
temo del paese 280.000 litri al giorno. 

Alle pag. 72-81 sono indicate le principali acque mi- 
nerali della provincia. Tra queste sono menzionate le acque 
solforose di Tor Caldara (pag. 72), le ferruginose della 
stessa località (pag. 73) e l'acqua acetosa sulla via Ar- 
deatìna (pag. 73 e 78). Vi è citato (pag. 90) lo zolfo alla 
solfatara sulla via Ardeatina, e alla Tor Caldara. 

206. MoRONi Gaetano. Dizionario di erudizione storico-eccle- 
siastica da S. Pietro fino ai nostri giorni. Venezia, Tip, 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIEMTIFIOA DSL LITTORALB ROMANO CXIII 

Emiliana, 1840-79, voi. 103, con 6 voi. di indice alfabe- 
tico delle materie. 

In questa opera si trovano sparse nei vari articoli, molte 
indicazioni sulle acque potabili e minerali della provin- 
cia romana. 

Nel voi. Ili (1841) si contengono alcune notizie sto- 
riche ed archeologiche su Ardea. Vi si trovano menzio- 
nate le acque solforose: Aqiuie Ardeatinae^ fontes sul- 
phurati (pag. 11-12). 

207. Nettuno (Municipio di). Analisi delle acqu^ potabili ese- 
guita dai laboratori scientifici (Direisione di sanità presso 
il Ministero delV Interno)^ addì 23 maggio 1898. Foli- 
gno, R. Stab. E. Campitelli. Un foglio senza data (ma 
1898), in 4"^, di pag. 4, nella prima delle quali è stam- 
pata la tabella delle analisi delle 3 sorgenti : Fontana di 
Papa, dei Tinozzi, della Fontana Vecchia. 

208. NicoiiAi Nicola Mabia. Memorie, leggi ed osservazioni sulle 
campagne e sull'annona di Bxyma. Boma, Pagliarini, 1803, 
3 voi. in 4^, con c^rta topografica dell'Agro romano, in- 
serita nel 2"* volume. 

Nella parte 1", pag. 207 (nota a piedi della pagina), 
parlasi delle acque Ardeatine, che ritiene essere quelle di 
Torre Caldara. 

209. Id. Proseguimento d^lla storia de^ Iteoghi una volta abitati 
nelV Agro romano, letto nell'Adunanza del dì 2 dicem- 
bre 1824. Nelle Dissertazioni dell'Accademia Romana di 
Archeologia. Tomo II, 1825 (pag. 463-566). 

Alla pag. 543 menziona acque solforose sgorganti nel 
territorio Ardeatino, e riporta il passo di Vitruvio ad esse 
relativo. 

210. Palmieri Adone, ^wore acque marziali di Anzio. Nel pe- 

riodico L'Album giornale letterario e di Belle Arti. 
Anno XVIII, distribuzione 32. Boma, 4 ottobre 1851^ 
pag. 254-255. 



Digitized by VjOOQIC 



OXiy R. MBLI 

211. Palmieri Adone. Brievissimo cenno di Anzio moderno e 
delle stie nuove acque marziali Borghesiane del cavaliere 
Adone Palmieri. Velletri, Ercole della Vedova, 1852, in 8", 
di pag. 26. 

Vi si tratta delle acque Borghesiane, solforose e ferru- 
ginose, sgorganti a Tor Caldara. 

Lungamente vi si ragiona di Anzio, della sua positura, 
della sua popolazione, dei suoi usi, delle sue industrie, e 
vi si trovano molte notizie ed indicazioni, siano storiche, 
che statistiche sul paese. 

212. Id. Topografia statistica dello Stato Pontificio, ossia breve 
descrizione delle città e paesi, loro malattie predomi- 
nanti, commercio, agricoltura, industria, istituti di pub- 
blica beneficenza, santuarii, acque potabili e minerali, ecc. 
Parte I, Soma (1857), di pag. viii-248, con appendice 
di pag. XXIV. Parte II, Comarca di Boma (1858), di 
pag. 208. Parte III, Provincie di Velletri, Bieti e Pro- 
sinone (1858), di pag. 204. Parte IV, Provincia di Civita- 
vecchia, Viterbo e Orvieto (1858), di pag. 168. Parte V, 
Spoleto e Camerino (1859), di pag. 174. Parte VI, Ma- 
cerata (1860), di pag. 118. Parte VII, Perugia (1861), 
di pag. 156. Parte Vili, Urbino e Pesaro (1863), di 
pag. 176. Boma, Tip. Forense, 1857-63, in 8° (parti 8) 

Nella parte II (Comarca di Roma) si hanno molte noti- 
zie su: Porto d'Anzio (pag. 16-21); Nettuno (pag. 21-23) 
Conca (pag. 23) ; Astura (pag. 24); Ardea (pag. 27-28). 

Si parla delle acque ferruginose e solforose di Tor Cal- 
dara (pag. 20), e delle potabili di Anzio (pag. 21), e sono 
soltanto menzionate le acque sulfuree ardeatine (pag. 28). 

Si hanno anche indicazioni sulle roccie e sui giacimenti 
minerali utili, che si rinvengono nei territori delle loca- 
lità sopra segnate. 

213. Pasquali ^Gustavo e Gioazzini Ignazio. (Ved. Gioazzini 1.). 

214. Pbrotti Norberto. Pud diventare Nettuno una stazione 
climatica invernale? Boma, M. Armanni, 1885, in 12**, di 
pag. 35. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DBL LITTORALB ROMANO CXV 

Alle pag. 33-34 sono menzionate le acque minerali fer- 
ruginose e solfuree della Solfatara, delle quali annunzia 
che il dott. L. De Cesaris stava facendo l'analisi chi- 
mica. 

215. Pbbotti Norberto. Nettuno stazione climatica invernale. 

Pubblicazione fatta a spese dell'on. Municipio di Nettuno. 
Boma, Mario Armanni. 1886, in-8^ di pag. 45 con una 
veduta in fototipia. 

Alla pag. 28 ricorda l'esistenza di acque minerali fer- 
ruginose, solfuree, sgorganti nel tenimento della Solfatara 
di proprietà Borghese. (Sono le acque minerali Borghe- 
siane, che si trovano presso Tor Caldara). 

216. Pirro Ligorio. Delle antichità romane^ nel qtuile si tratta 

de' circhi, teatri e anfiteatri. Ytneiiei, 1553, un voi. in-12\ 
Parla delle acque Caldane e cita un acquedotto, che 
conduceva le acque minerali di Tor Caldana, oggi Tor 
Caldara. 

217. Ponzi Pietro. Anjsio stazione elimatico-balnearia. Brevi 

cenni in occasione dell'apertura al pubblico esercizio della 
ferrovia Albano-Anzio-Nettuno il 23 marzo 1884. Boma^ 
Tip. della Pace di F. Cuggiani, 1884, in-8^ 

Fa parola delle acque minerali solfuree e ferruginose 
di Tor Caldara (Ved. pag. 37-38). 

218. SiNDici Augusto. L'acqua del Turco, Campagna romana. 
(Seconda serie), Vili Leggenda. Sonetti dialettali. Boma, 
Tip. d. Camei-a dei Deputati, 1898, in-8^, di pag. 32. 

Siccome in questi giorni il comune di Anzio ha deli- 
berato di raccogliere la sorgente del Turco, di sollevarne 
meccanicamente l'acqua e di condurla e distribuirla in 
Anzio per usi potabili, cosi ho voluto segnare nella pre- 
sente Bibliografia anche il sonetto del Sindici su tale 
sorgiva. 

Il fascicolo contiene nelle note molte indicazioni su 
Anzio. 



Digitized by VjOOQIC 



GZVI R. MRLI 

219. Struvee Giovanni. Studii sui minerali del Lazio. Parte 
prima. Atti R. Accademia dei Lincei, serie II, tomo 3*, 
1876. Eoma, 1876, in 4^ con tav. (cit. già al n. 135). 

Parlando del fosso della Solfatara, che attraversa la 
via Ardeatina, avverte che dalle acque, che vi sgorgano, 
si svolgono emanazioni gassose di solfare d'idrogeno (Ved. 
pag. 8 dell'estratto). 

220. ViTRUVius. Be Architectura. Nel lib. Vili, cap. Ili, parla 
di acque solforose fredde, sgorganti nel territorio Ardeatino. 

221. VuLPius losEPHUS Roccus et Cokradinus Petrus Marcel- 
LiNUS. Vetus Latium profanum et sacrum. Bomae, 1704- 
1705, (voi. I e II), Patavi, loseph. Cominus, 1726-1736, 
tomi 10, volumi 11, in 4®, con figure. 

Di quest'opera si ha anche un'altra edizione, citata dal Graesse; 
Bomae, 1742-45, parimenti di 10 tomi in 11 volumi in 4^, con 
figure. I due primi volumi, scritti dal Card. Corradiui, furono 
ristampati col titolo: De primis antiqui Latti populis, urbibu8, 
rcgil>u8, etc. Romae, 1748, 2 voi. in 4**, con tav. 

Il tomo III tratta de Anttatibttó et Norbanis. Patavi, 
los. Cominus, 1726, in 4", con fig. 

Il tomo V tratta de Lanuvinis et Ardeatibus. Patavi, 
los. Cominus, 1732, in 4^ di pag. xxviii e 258, con XVI 
tavole. 

In questo V volume, alle pag. 219-221, parla di acque 
solforose, dette dagli antichi Aquae Ardeatinae, ricor- 
date anche da Vitruvio, come fluenti nell'agro Ardeatino. 
Volpi ritiene che tali acque sieno quelle, che sgorgano 
sulla riva del mare nel luogo, detto la Solforata, ossia 
presso Torre Caldara. 

222. Nel giornale: Il Popolo Romano, anno XXVIII, n. 147, 
martedì 29 maggio 1900, edizione di città, 2* pagina, 
4* colonna, è stampato un articolo, col titolo: Da Anzio. 
Il problema dell'acqua potabile^ nel quale si parla di 
due progetti di condotta d'acqua potabile. Nel 1"* si pro- 
pone di condottare l'acqua del Turco con la portata di 10 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DBL LITTORALB ROMANO OXYII 

oncie dalla spiaggia verso Tor Caldara, sollevandola con 
un ariete idranlico; nel 2"* progetto a stampa delF inge- 
gnere Malagù si raccoglierebbero, a monte di Anzio, le 
acque sotterranee della campagna anziate, intercettandole 
prima di andare a diversarsi sulla costa del mare. Trovo 
questo ultimo progetto molto razionale. 



IV. 
Pabblicazioni riguardanti la Zoologia. 

223. Alessandrinj Giulio. Nel Boll. d. Soc. romana per gli studi 
eooìogki, Anno IV, 1895, voi. IV, n. IIUV, pag. 205, 
trovasi stampata una breve comunicazione, nella quale si 
dà notizia della pesca di due esemplari di Calappa gra- 
nulata Pabr., l'uno cf pescato in prossimità di Terracina, 
e l'altro 9 P>^so nel mare di Civitavecchia. 

Nella nota a piedi della pagina 205 è detto che il 
prof. Vinciguerra, quando era Direttore dell'Acquario ro- 
mano, ebbe un esemplare di questa specie, proveniente da 
Porto d'Anzio. 

.224. Angelini Giovanni. Sulla aumentata frequenza in Italia del 
Nibbio bruno, {3I'lvus Korschun Gmelin, M. migrans Bod- 
daert). Nel Boll, d. Soc. ZooL Ital.y serie IP, voi. IV, fase. 
IV-VI, Anno XII, 1903, pag. 153-158. 

Sulla fine della nota è riportata una lettera del prin- 
cipe Chigi, nella quale è scritto che il Nibbio bruno è ab- 
bondante nelle tenute di Castel Fusano e Castel Porziano, 
e che ebbe vivi due nidiacei presi nei dintorni di Ardea. 

225. Brocchi G. Battista. Viaggio al Capo Circeo ed osserva- 
zioni naturali in quei contorni. Lettere del sig. Brocchi 
al sig. Sebastiani^ professore di botanica nelV Università 
di Roma. Nella Bibliot. Ital. ossia Giornale di letterat., 
scienze, ecc., voi. VII, luglio-settembre 1817: lettera 1* 
(da pag. 257 a 275); lettera 2* (pag. 443450). 



Digitized by VjOOQIC 



CXyiII K. MELI 

Menziona i banchi conehigliari tra Nettano e Capo 
d'Anzio e, nella lettera 1", dà un elenco dei molluschi vi- 
venti raccolti sulla spiaggia romana. 

226. Brocchi G. Battista. Ragguaglio di alcuni molluschi e 
goofiti del ìnare Tirreno presso la costa romana, comuni- 
cato dal sig. Brocchi al sig. Benieri, professore di storia 
naturale dell' Università di Padova. Nella Bibliot, italiana 
predetta, Milano, tom. XIII, gennaio-marzo 1819, da 
pag. 311 a 327 inclus. 

Dei molluschi sono citati nel mare di Nettuno: 

Doris pleurohrancìiaca, del quale è data la figura 

(Nettuno). 
Tethys leporina Lin. (Astura). 
Amphitrite ventilahrum Lin. (Astura). 
Sipunculus nudus Lin. (Ardea). 

227. Id. Continuazione del ragguaglio di alcuni molluschi e zoo- 
fiti del mare Tirreno presso la spiaggia romana, ecc., del 
sig. Brocchi. Nella Biblioteca Italiana, voi. XIV, aprile- 
giugno 1819, da pag. 45 a 63 inclus. con 1 tavola. 

È citata la Tuhularia acetabulum Lin., rinvenuta a 
Capo d'Anzio da Pietro Assalti (pag. 60); cita pure la 
Cellepora spongites Lin. di colore bigio, rinvenuta fra Ter- 
racina e Capo Circeo. La Cellepora spongites Liun. è = 
Schizoporella spongites Pallas (Cellepora). 

Ne ho rinvenuti anche io pezzi sul littorale di Anzio, 
i quali conservo nelle mie collezioni. 

228. Carruccio Antonio. Note anatomo-zoologiche sulle mascelle 
dentifere di un Hexancht$s griseus adulto preso a Porto 
d'Anzio. Nel Boll, della Società romana per gli studi 
zoologici, voi. V, 1896, fase. V e VI, pag. 165-176 con- 
tavola, nella quale sono riprodotte in fototipia le mascelle 
del pesce-cane a V, della grandezza naturale. 

L'esemplare fu pescato presso Anzio il giorno 16 feb- 
braio 1886 e ne fu data notizia nel Catalogo dei pesci 
della provincia di Roma, esistenti nella nuova collezione 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEL LITTORALB ROMANO CXIX 

del Museo universitario, pubblicato dal prof. D. Vinciguerra 
nel voi. XXVII, 1889, fase. XI e XII del giornale Lo 
Spallanzani. Secondo i calcoli fatti dall'autore l'esemplare 
avrebbe avuto una lunghezza di 3°" 50. 

229. Clerici Enrico. Sulla Corbicul^ ftuminalis Mlill. dei din- 

tomi di Buina e sui fossili che l'accompagnano. Boma, 
Tip. d. R. Accad. dei Lincei, 1888, in 8*, di pag. 26 con 
2 tavole. 

Estr. dal Boll, della Soc. Geol. Ital, voi. VII, 1888, 
fase. 2\ pag. 105-128 con 2 tav. 

Descrivendo VHydrohia Melii n. sp. fossile, rinvenuta 
nel tripoli marnoso della Sedia del diavolo, presso Roma, 
l'autore avverte che VHydrohia ventrosa Montf. ("), specie 
vivente, abbonda sul littorale di Anzio, Nettuno e Civi- 
tavecchia, e che dal confronto degli esemplari di questa 
specie colla Hydróbia Melii, risultano le due specie molto 
prossime fra loro (ved. pag. 121 del Bollett.). 

230. Falconieri di Carpegna Guido. Sull'avifauna della provincia 

di Pesaro ed Urbino. Note ed osservazioni del conte Guido 
Falconieri di Carpegna comunicate alla Società romana 
per gli Studi zoologici. Nel Boll, della Società romana 
per gli Studi zoologici, Anno I (1892), voi. I, n. III-V, 
pag. 100-153. 

Alla pag. 102 scrive che il Circoetus gallicus (Aqui- 
lotto biancone) è assai frequente nelle foreste littoranee 
tra Ostia e Porto d'Anzio. 

231. Id. Piccola cronaca di caccia, ornitologia ed entomologia. 
Nel Boll. d. Soc. romana per gli studi zoologici, Anno I, 
1892, voi. I, n. 3-5, pag. 199-201. 

(') U Hydróbia ventraia Montf. é — Paludina acuta Drap. (Cy- 
clostoma). 

VHydrohia ventrosa Montf. é figurata col nome di Paludina 
atagnalia Bast (Turbo), nell'opera di Kttster: Die Gattungen Pa- 
ludina, Hydrocaena und Valvata. Niirnberg, 1852, in 4^, pag. (i^ 
71, tav. XIJ, ^g. 31-32. 



Digitized by VjOOQIC 



€XX R. MBLI 

Vi si trovano registrate parecchie specie di uccelli pas- 
sati e catturati nei mesi di aprile e maggio 1892 lungo il 
littorale romano. Cosi è detto che « le prime quaglie di 
passo furono avvertite il 10 aprile ; ma un primo discreto 
passo fu nei giorni 24 e 25, particolarmente sulla spiaggia 
di Porto d'Anzio » (Ved. pag. 200). 

Tra le importanti catture fatte nel maggio, sono citate 
due Berte maggiori (PuffinKS Kuhlii) e una Berta minore 
{Puffiniis Yelkuan), in abito giovanile, prese all'amo, 
mentre voracemente si gettavano addosso al pesce, presso 
Anzio e Nettuno (pag. 201). 

232. Falconieri di Carpegna Guido. Piccola cronaca di caccia 
e di ornitologia. Nel Boll, della Soc. romana per gli 
studi zoologici, voi. I, 1892, n. 6, pag. 283-284. 

Tra le varie notizie di cattura e di passaggio di uc- 
celli avvenute nell'estate e sulla fine del 1892 nella pro- 
vincia di Roma, è detto che nel dicembre, presso Porto 
d'Anzio, si vide la nordica Alca torda, la quale non rara- 
mente è edita d'inverno sulle rive mediterranee (pag. 284). 

233. Id, Cattura di un Tringa canutus {Piovanelh maggiore) 
nelVAgro romano. Nel Boll, della Soc. romana per gli 
studi zoologici, voi. VITI, Anno Vili, 1899, fase. 1« e 2^ 
pag. 70-7 J. 

L'uccello, al quale si riferisce la sopra scrìtta comuni- 
cazione, fu ucciso nel maggio 1899, sulla riva del mare 
presso Nettuno. 

La specie è rara nell'Agro romano, ed altro esemplare 
soltanto si conosce ucciso ad Ostia nella collezione Aldo- 
brandini. 

234. Gatti M. Nel processo verbale dell'Adunanza, tenutasi dalla 

Società romana per gli studi zoologici in Roma, il giorno 
6 giugno 1 896, trovasi menzionata una comunicazione di 
M. Gatti, col titolo: Sopra un esemplare di Molva elon- 
gata, pescato presso Anzio (Ved. Boll, della Società pre- 
detta, voi. V, Anno V, 1896, fase. 3" e 4% pag. 160). 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIENTIFICA DEr^ LITTORALE ROMANO CXZI 

235. KiBCHERUS Athanasius. Latium, id est nova et parallela Latii 

tum veferis tum navi deseriptio. AmstelodaiDl 1671, in 
fol. perg., con tavole. 

Alle pag. 24-25 si parla di Anzio, e della pesca, che 
si eseguisce nella rada; si parla pure della caccia alle 
pernici ed alle palombe, che si fa con abbondanza nei 
dintorni di Nettuno, Astura e del promontorio Circeo, 

236. Lepri Giuseppe. Nota degli uccelli più interessanti presi in 

Boma e dintorni nell'autunno 1891. Nel Bolh del Nor 
turalista, collettore, allevatore, coltivatore; supplemento 
mensile alla Bivista italiana di scienze naturali. Siena, 
Anno XII, n. 3, 15 marzo 1892, pag. 42-43. 

È una nota di 13 specie di uccelli catturati nel Bomano, 
seguita da osservazioni. Tra le specie è citata la gru {Grus 
communis), uccisa il 22 dicembre 1891 a Tor S. Lorenzo 
presso Anzio. L'esemplare fu acquistato dal march. Patrizi 
e fu imbalsamato per la raccolta ornitologica Lepri. 

237. Luzi Francesco. Cattura della Platalea leucorodia nelVAgro 

romano. I^qW Avicula^ giornale ornitologico italiano, Annoi, 
n. 4, 1^ agosto 1897, pag. 96. 

Vi è citato un esemplare della sudd. specie, ucciso nel 
maggio 1897, nelle vicinanze di Nettuno, dal cap. Cerchiari. 

238. Marath Joannes Franciscus. De plantis zoophytis et li- 

thophytis in mari Mediterraneo viventibus. fiomae, 1776, 
typ. Casaletti, in 8°. 

Lo studio di questi organismi marini fu fatto sopra 
esemplari viventi, raccolti nel littorale romano, da Ter- 
racina a Civitavecchia, Anzio e Nettuno compresi. 

A Pratica, tra Ostia ed Anzio, raccolse la Madrepora 
porpita Lin. 

239. Meli Bomolo. Sulle marne plioceniche rinvenute alla sini- 
stra del Tevere nelVintemo di Boma. - Osservazioni. Boma, 
Tip. dei Lincei, 1891, in 8^ di pag. 7. 

Estr. d. Boll. d. Soc. Geol. Ital, Anno X, 1891, fase. 1* 
ved. pag. 25-29. 



Digitized by VjOOQIC 



CXXII R. MELI 

Parlando del Murex brandaris Lin. var. spinosa, l'au- 
tore osserya che tale varietà è vivente ed è cornane sul 
littorale di Civitavecchia, e qualche volta è pescata pressa 
Anzio (Ved. pag. 6 dell'estratto ; pag. 28 del Boll.). 

240. Meli Romolo. Sulla Edstonia rugosa Chemn. rinvenuta 

tanto vivente che fossile sulla costa romana. Nel Boll, 
della Società romana per gli studi zoologici. Anno II, 
1893, voi. II, nn. 7 e 8, pag. 272. 

Nel resoconto del processo verbale dell'Adunanza tenuta 
dalla Società Zoologica romana il giorno 18 luglio 1893 è 
dato un breve sunto della comunicazione fatta in quella 
seduta sul rinvenimento della Eastonia rugosa nel litto- 
rale di Anzio. 

241. Id. Sopra due esemplari di Neptunea sinistrorsa Desh^ 
(Fusus) pescati sulla costa d'Algeri. Comunicazione pre- 
liminare fatta dal prof. Romolo Meli alia Società geolo- 
gica italiana nell'Adunanza generale tenutasi in Massa- 
Marittima (circond. di Grosseto) il giorno 19 sett. 1894. 
Roma, Tip. d. R. Accad. dei Lincei, 1895, in 8°, di pag. 5. 
Estratto dal Boll. d. Soc. geolog. ital., Anno XIII, 1894,, 
fase. 2^ pag. 166-168. 

È una breve comunicazione su due esemplari di 
conchiglie univalvi, provenienti dalle coste dell'Algeria, 
acquistate nell'estate dell'anno 1894 sopra una barca ad 
Anzio. 

242. Id. Sulla Eastonia rugosa Chemn. (Mactra) rinvenuta vi- 
vente e fossile sul littorale di Anzio e Nettuno (provin- 
eia di Roma). Nel Bull, della Società Malacologica ita- 
liana, voi. XX, 1897-99, pag. 45-73, con una tavola in 
fototipia. 

Memorìa già citata al num. 80 della presente bibliografia. 
I 

243. MiNGAZZiNi Pio. Catalogo dei Coleotteri della provincia di 

Roma, appartenenti alla famiglia dei Lamellicomi.- Nel 
Boll, della Società dei Naturalisti in Napoli, serie I, voL 
III, Anno III, fase. 1^ pag. 54-63. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIBNTIPICA DEL LITTORALK ROMANO CXXIII 

Vi Bi trovano citate sette specie, raccolte sai littorale 
romano, ad Anzio, Nettuno, Paludi, Circeo, Terracina, tra le 
quali lo ScarabaetiS sacer Linn. a Nettuno e Porto d'Anzio. 

244. MoNTEROSATO (marchese di). Nomenclatura generica e spe- 
cifica di alcune conchiglie mediterranee. Palermo, Tipogr. 
Virzi, 1884, in 8°, di pag. 152. 

Alla pag. 8 segna la Pinna truncata Phil., come vi- 
vente a Porto d'Anzio, sulla indicazione datagli dal pro- 
fessor Meli. 

245. Olina Gio. Pietro. Vuccelliera overo discorso della natura 
e proprietà di Riversi uccelli ed in particolare di que' che 
cantano con il modo di prendergli, conoscergli, allevargli 
e mantenergli. E con le figure cavate dal vero e diligen- 
temente intagliate in rame dal Tempesta e dal Villamena. 
Boma, Andrea Fei, 1622, in 4"* (1* edizione). 

Al foglio 54, parlando del colombaccio e sua caccia, 
scrive che si trova in tutta Italia « massime dove son bo- 
» scaglie, venendone nel fin dell' autunno e l' inverno a 
» Roma molte some di presi ne' boschi di Nettuno vicino 
> ad Anzo, porto famoso degl'antichi ». 

Il Brunet (Manuel du Libraire et de V amateur des livrea, cin- 
quiéme édition, tome IV, pag. 180) menziona alcuni esemplari 
della stessa edizione 1622, ma nel cui frontespizio é stampato: 
in Bracciano, appresso Andrea Fei, Fu anche pubblicata un^altra 
edizione : Roma, presso M, Angelo de Bossi, 1684, in 4^ gr. 

246. Parona Corrado. Notizie storiche sopra i grandi cetacei 
nei ìnari italiani ed in particolare sulle 4 Balenottere 
catturate in Liguria nell'autunno 1S96. Genova, 1896. 
Estr. dal Boll, dei Musei di Zool. ed Anat. Comp. della 
R. Università di Genova, 1896, n. 55, pag. 1 a 77. 

La memoria fu anche stampata negli Atti d, Soc, iial. di scienze 
naturali, Milano, voi. XXXVI, 1897. 

Cita, riportando la notizia dal Pouchet (Les échouages 
des cétacés du IX' au XVI ir siècle. Nella Berne scien- 



Digitized by VjOOQIC 



CXXIV R. MELI 

tifiquej tona. LI, Paris, 1893, pag. 521-524), un capodoglio 
arenatosi ad Astnra circa il 1625. Del capodoglio, gettato 
sulla spiaggia tra Netcuno ed Astura, fa parola il Fabri 
nell'opera di Hernandez (Berum medicarum Novae Hi- 
spaniae thesaurus ecc., alla pag. 571). Egli dice che fu 
osservato dal principe Federico Cesi, da cui ebbe una 
vertebra caudale ed un dente. Altri denti e vertebre sa- 
rebbero stati conservati presso il principe predetto (Ved. ta- 
bella a pag. 70-71) C). 

247. Targioni Tozzetti Adolfo. La pesca in Italia. - Documenti 

raccolti per cura del Ministero d'Agricoltura^ Industria e 
Commercio^ ordinati da Ed. Targioni Tozjsetti, Genova, 
1871-74, in 8^ (volumi 5). Nel voi. I, parte 1* trovasi la 
Relazione del circondario marittimo di Porto d' Anzio e 
di Terracina (pag. 327-328). 

248. Tellini Achille. Istruzioni per la raccolta, la preparazione 

e la conservazione dei foraminiferi viventi e fossili. Siena, 
Tip. e Lit. L. Lazzeri, 1892, in 8% di pag. 29. Estr. d. 
Rivista italiana di se. nat. - Bollettino del Naturalista. 
Siena, Anno Xl e XII (1891-92). 



(*) Nel maggio del 1898 sulla spiaggia di Fogliano, tra la torre di Foce 
Verde ed il lago dei Monaci, venne gettato dal mare un grande cetaceo^ 
mortOi che dalla descrizione fattami sembrerebbe essere stato forse un 
capidoglio (Physeter tnacrocephalìM Lin.). La testa del cetaceo fu rite- 
nuta dal Duca di Sermoneta, proprietario del lago di Fogliano e regione 
circostante, ed il resto del corpo fu fatto a pezzi dai pescatori venuti 
appositamente da Anzio. 

Di questo cetaceo, gettato sulla spiaggia di Fogliano, or sono appena 
sei anni, ninno ha fatto alcuna parola, quantunque sia stato oggetto di 
telegrammi, inviati al Duca di Sermoneta dal Ministero della Marina 
sulla proprietà dei cetaceo in parola. Io ne ebbi in quei giorni certa 
notizia dall'avv. G. Mazzoldi, Segretario del nostro Consiglio provinciale 
di sanità, il quale allora si trovava per incarico del Prefetto a Fogliano, 
ospite del Duca, che mi fece la descrizione del cetaceo. Ebbi, in seguito, 
conferma della notizia da alcuni marinai di Anzio, che erano accorsi 
sul luogo colle loro barche, e che fecero a pezzi il corpo del cetaceo 
per utilizzarne il suo grasso. 



Digitized by VjOOQIC 



BIBLIOGRAFIA SCIBNTIPJGA DEL LITTORALB ROMANO CZZV 

L'autore raccolse foraminiferi viventi in un seno tran- 
quillo a S/ Marinella non lungi da Civitavecchia (') ed 
in un breve tratto della spiaggia tra Circeo e Terracina. 
« In quindici chilometri di lido sottile ed arenoso, in quel 
» solo sito e certamente non in molti altri, si trovano dei 
» foraminiferi. Pare egualmente che non ve ne esista se non 

> in alcuni punti della spiaggia dei dintorni di Anzio e Net- 

> tuno (littorale della provincia di Boma) > (pag. 7, estr.)» 

* 249. Nel foglio Roma, Giornale politico quotidiano di Na- 
poli, Anno XXX, num. 39, 2'' edizione, domenica 8 feb- 
braio 1891, in 3"" pagina trovasi una corrispondenza da 
Boma, in cui è data notizia della cattura fatta sulla spiag- 
gia di Anzio di uno squalo, o pesce-cane, della lunghezza 
di 4" 20. È anche detto che lo scheletro fu acquistato 
dall'Università di Boma. Ora, posso accertare che, né la 
testa, né le altre parti dello squalo furono acquistati in 
quell'epoca dai Gabinetti di Zoologia ed Anatomia Com- 
parata dell'Università di Boma. È però vero che fu cat- 
turato in Anzio un grande squalo. Ciò mi risulta dalle 
informazioni, che assunsi subito sul luogo. 

250. Nel giornale II Popolo Bomano, Anno XXV, num. 293, 
sabato 23 ottobre 1897, edizione di città, in cronaca, 
3" pagina, 2*" colonna, è stampato un articolo, col titolo: 
Un bove marino, nel quale è data la notizia che in Anzio, 
nelle grotte dell'antico porto neroniano fu preso verso il 
20 ottobre 1897 un grande esemplare di pinnipede [Pe- 
lagus monachtiszii Monachm albiventer Cuv. {Phoca)]j della 
lunghezza di quasi 3 metri e del peso di 2SjO kg. Fu esposto 
al pubblico per vari giorni in Boma e parecchi giornali 
romani di quel tempo ne stamparono la notizia (^). 

(') Io rinvenni fin dal 1878 foraminiferi viventi appunto su questa 
spiaggia, ed il materiale raccolto lo comunicai al dott. Fornasini, il quale 
lo pubblicò in una lettera. Ved. Fornasini Carlo, Di alcuni foraminiferi 
provenienti dalla spiaggia di Civitavecchia. Lettera al prof, Romolo Meli 
(Boll d, Soc. Geol ital, voi. VI, 1887, fase. 3*, pag. 369-37H). 

(0 Nel giugno 1893 fu anche catturata in Anzio una grande testug- 
gine di mare, il cui scudo dorsale misurava nella maggior lunghezza 



Digitized by VjOOQIC 



CXXVI R. MELI 

251. Nelle Notizie dM giorno, Boma, 1" agosto 1844, trovasi 
stampato un artìcolo intitolato: Descrizione di un pesce 
raro trovato bielle acque di Anzio. 

L'articolo fu scritto da Telemaco Metaxà. 



cm. 96. Questa testuggine fu esposta in Roma, viva, nello stesso mese, 
e poi, morta, fu imbottita nel luglio successivo. Anche io ne acquistai 
due ben grandi, anni indietro, sulle paranze, che fanno la pesca giorna- 
liera nella rada di Anzio, ma le corazze non raggiungevano la dimen- 
sione sopra citata. 



Digitized by VjOOQIC 



EESOCONTO DELL'ADUNANZA GENEBALE 
tenuta in Catania nei giorni 17-20 settembre 11K)4 



Adunanza inaugurale del 17 settembre 
Presidenjsa Meli. 

La seduta è aperta alle ore 10 nell'Aula magna della B. Uni- 
Tersità, gentilmente concessa. 

Sono presenti, oltre il presidente Meli, i consiglieri Bucca 
« Di Stefano Giov., il tesoriere Statuti, l'archivista Clerici ed 
i soci Ambrosioni, D'Achiardi, Del Zanna, Dompè, Galli, Lais, 
Platania, Sormani, Viola. Il socio Clerici funge da segretario 
in luogo del prof. Neviani, assente per grave lutto di fami- 
glia. 

Hanno inviato lettere o telegrammi di adesione o per scu- 
sare l'assenza il vicepresidente Taramelli, i consiglieri Bassani, 
Brugnatelli, Mazzuoli, Pantanelli, Parona, il segretario Ne- 
viani, i soci Aldinio, Angelelli, Bellini, Bordi, Botti, Cac- 
ciAMALi, Caffi, Capeder, Cermenati, Conedera, De Angelis 
d'Ossat, De Stefano Giuseppe, Ferruzzi, FIìOres, Lattes, Mat- 
teucci, Prever, Reichenbach, Rosati, Sacco, Seguenza, Silve- 
stri, Spirek, Tuccimei, Verri e Vinassa. 

Assistono alla seduta S. E. Emilio Pinchia Sottosegretario di 
Stato per l'Istruzione pubblica, rappresentante S. E. il Ministro, 
il comm. Sedendo prefetto della provincia di Catania, Ton. De Fe- 
lice prosindaco, il comm. Clementi rettore della E. Università, 
il generale comm. Masone, i presidenti della Corte di Appello 
e del Tribunale, il presidente della Deputazione provinciale; 
molte altre notabilità, signore e signorine, molti studenti e scelto 
pubblico che gremiscono la sala. 

Il Presidente Meli legge le seguenti lettere indirizzategli 
dalle LL. EE. i Ministri della Pubblica Istruzione, Agricoltura 

IX 



Digitized by VjOOQIC 



CXXTIII RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALE 

Industria e Commercio e degli Afifarì Esteri, on. Tittoni, nostro 
socio : 

Ministero Boma, addì 9 settembre 1$04^ 

DELLA Pubblica Istruzione 



Illfio Sig. Presidente, 

Sono grato alla S. V. per PinTito, che in nome di codesta Società^ 
mi ha gentilmente rivolto. 

Io sarei ben lieto di accoglierlo e di porgere personalmente il mio 
saluto alla eletta schiera di scienziati, che si adunerà a Catania, se, per 
Pappnnto, in quel periodo di tempo destinato al Congresso, io non fossi 
trattenuto altrove da gravi cure di ufficio e da impegni, in precedenza 
assunti, cui non posso affatto rinunziare. 

Conscio, peraltro, della importanza della riunione indetta a Catania 
e desideroso che il Ministero della Istruzione non si astenga dal pren- 
der parte a questa bella e interessante affermazione dei cultori della 
scienza geologica in Italia, farò in modo che io sia rappresentato alle 
sedute del Congresso e — qualora non sia possibile a tutte — almeno^ 
a quella inaugurale. 

Con deferente stima 

Il Ministro 

Orlando. 

Il Ministro Boma, 11 setten^bre 1904^ 

PER l'Agricoltura, l'Industria 
E IL Commercio 



Egregio Sig. Presidente, 

Ho ricevuto la gradita lettera della S. V. con la quale, nel compie- 
garmi il programma a stampa della 23*^ adunanza annuale che terrà code- 
sta Società in Catania nei giorni 17-28 corrente, mi rivolge cortese invito 
di assistere alla seduta inaugurale. 

Nell'esprimerle sinceri ringraziamenti per il delicato pensiero avuto, 
sono dolente di doverle far conoscere che precedenti impegni e le tratta- 
tive commerciali tuttora in corso mi impediscono di assistere, come avrei 
desiderato, all'in te ressante riunione. 

Con particolare stima 

Rava. 



Digitized by VjOOQIC 



RB80G0MT0 DELLA ADUNANZA GBNERAUD CZXIX 

Il MliusTKO Bama, 19 settembre 1904^ 

DEGLI Affari Esteri. 



Caro Meli, 

Sarei stato veramente lieto di recarmi a Catania per assistere alla 
rionione annuale della Società Geologica, ma impegni imprescindibili 
mi impediscono di muovermi. 

Prego Lei di scusarmi presso i colleghi e di portare loro il mio 
saluto. 

Saluti cordialissimi dall' 

Aft. 
Tom. TiTTONi. 

Al Presidente è pare pervenuto il seguente telegramma del- 
l'on. sindaco di Acireale: 

Impedito venire pregola rendersi interprete sensi omaggio questa 
città illustri congressisti rappresentandomi seduta inaugurale 

Sindaco Grassi. 
Quindi il Presidente Meli legge il seguente discorso: 
Eccellenza, egregi Signori e Colleghi, 

È la terza volta che, nell'intervallo di 13 anni, la Società. 
Geologica Italiana sceglie come luogo di riunione per le sue 
Adunanze annuali questa splendida regione d'Italia, la Sicilia, 
cosi interessante per la sua storia, per i suoi numerosi monu- 
menti antichi e moderni, per i suoi incantevoli paesaggi, per 
la geologia del suo territorio, per le ricchezze minerarie, che 
racchiude. 

La prima volta, dal 2 al 12 ottobre 1891, la nostra Società 
si riuni in Taormina, e, sotto la guida dell'illustre prof. G. Gem- 
mellaro, di recente rapito alla scienza, all'Italia, ai suoi ammi- 
ratori ed amici, e con la cooperazione del eh. prof. Giovanni 
Di Stefano — che sono lieto di vedere tra noi, e che, succe- 
dendo, con plauso universale dei colleghi, nella cattedra del 



Digitized by VjOOQIC 



CXXX RB8UG0NT0 DBLLA ADUNANZA OBNEKALE 

grande Maestro, continuerà senza dubbio le gloriose tradizioni 
della scuoia siciliana — si studiarono i terreni mesozoici e ter- 
ziari, che costituiscono i rilievi montuosi dei dintorni di quella 
vetusta città, tanto celebrata per le sue costruzioni greco- 
romane e normanne, non che per il panorama veramente incan- 
tevole, che vi si ammii-a; poi si salì sul cratere centrale del- 
l'Etna e si visitarono successivamente Catania, Termini-lmerese, 
Palermo e la solfara di Lercara-Friddi. 

Un'altra volta, dal 7 al 17 aprile del 1900^ dopo la importante 
gita alle isole Eolie, si fece una breve sfuggita a Palermo, visi- 
tandone i suoi ricchi musei, e quel gioiello di architettura, che 
è il duomo monumentale ed il chiostro di Monreale, e si esa- 
minò il classico giacimento fossilifero del Monte Pellegrino, 
studiato dal marchese di Monterosato. 

Ed oggi, per la terza volta, si torna a visitare la Sicilia, riu- 
nendoci nella ospitale ed industre città di Catania con un pro- 
gramma veramente attraente, redatto sulle indicazioni fornite dal 
eh. collega prof, Bucca, comprendendovi, oltre l'ascensione al cra- 
tere centrale dell'Etna, parecchie escursioni in diverse direzioni 
alla base del vulcano per prendere sommaria cognizione della 
sua morfologia; una gita a Siracusa ed alle antiche latomie, sca- 
vate nei calcari grossolani sabbiosi del miocene medio (piano 
Elveziano); una visita ai terreni mio-pliocenici racchiudenti 
gessi e solfo nella miniera di Trabonella presso Iméra dei si- 
gnori Nuvolari e Luzzatti. 

L'interesse straordinario, che presenta la Sicilia per lo 
studio delle scienze naturali in genere, e delle geologiche in 
particolare, re-ta dimostrato dagli scritti e dai lavori pubblicati 
da una falange di dotti naturalisti, i cui nomi, cari alla scienza, 
sarebbe qui troppo lungo indicare (*). 

L'importanza mineraria poi dell'isola, specie per l'industria 
solfifera, apparirà subito se poniate mente, o Signori, a queste 
<5ifre. La produzione annuale dello solfo sul globo può essere 
valutata a 2 milioni di tonnellate; or bene, piìi di mezzo mi- 
lione di tonnellate, ossia oltre 500,000 tonnellate, di solfo greg- 
gio, in cifra rotonda, sono fornite dalla sola Sicilia. Dall'ultima 

(*) Ved. Pelenco stampato in appendice al discorso. 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA OBNERALB CXXXI 

statistica pubblicata dal Ministero dì Agricoltura, Industria e 
Commercio ('), che si riferisce alla produzione mineraria italiana, 
del 1902, si ricava che il valore dello solfo, prodotto in Italia, 
superò i 53 milioni di lire, in cifra rotonda, sopra una produ- 
zione mineraria totale, valutata 89,000.000 di lire, ossia circa 
i %o del ^d'iore dei minerali, annualmente escavati in Italia, 
sono rappresentati dallo solfo (*). Voi dunque vedete, o Signori, 
quale alto interesse economico e sociale per l'Italia, presenti la 
studio dei giacimenti solfiferì della Sicilia. 

Ed io sono lieto di rilevare che i nostri Soci sono qui ac- 
corsi in buon numero dalle varie e lontane regioni della penì- 
sola, animati dalla brama di vedere questa bella parte d'Italia, 
e di fame l'oggetto dei loro studi. Io sono certo, che, dopo le 
Adunanze, tornando sul continente riporteranno la più grata im- 
pressione di questa maravigliosa isola, e, come è avvenuto in 
me la prima volta, che la percorsi, sentiranno vivo il desi- 
derio ed il bisogno di tornarci più volte e di condurre seco 
amici e colleghi a visitarla perchè la imparino a conoscere ed 
a stimarla quanto essa si merita. 

La Società Geologica Italiana fu costituita per iniziativa di 
Q. Sella, cui si unirono l'ing. F. Giordano ed il senatore G. Ca- 
pellini, nel 1881 in Bologna, nell'occasione del IP Congresso 
Geologico Intemazionale, che ivi si teneva. Lo scopo della Società 
è di contribuire al progresso delle scienze geologiche, mediante 
pubblicazioni, discussioni, gite, incoraggiamenti e coll'agevolare 
i rapporti tra i soci. Per conseguire appunto questo ultimo scopo, 
la Società tiene annualmente due riunioni, l'una invernale, e 



(^) Ministero d'Agricoltura, Industria e Commercio (Direzione ge- 
nerale deir Agricoltura), Catalogo della mostra fatta dal Corpo B. delle 
Miniare alV Esposùione Universale di Saint- Louis nel 1904, con speciale 
rigttardo alla produzione italiana dei solfi e dei marmi. Notieie gene- 
rali, ecc. Roma, Tip. Nailon, di Q, fiotterò e C, 1904, in 8** (Ved. dia- 
gramma nella tav. I). 

(*) Dalla Bivista del Servigio mineraHo nel 1903, pubblicata nel 
novembre 1904, si rileva che la quantità di solfo greggio in Sicilia fu 
di tonn. 520305 per un importo di L. 50.022.123; mentre il totale ricavo 
in Italia fu di tonn. 577.342 per l'importo di L. 53.981.871. 



Digitized by VjOOQIC 



<3ZZX1I RESOCONTO DBLLA ADUNANZA. aSNERALB 

l'altra estiva. Nell'adunanza generale estiva si esegaiscono escur- 
sioni geologiche nei dintorni della città prescelta a sede del 
Congresso^ ed in tal modo si dà agio ai soct di visitare e cono- 
scere scientificamente le diverse regioni d'Italia. Nei 23 anni 
di esistenza della nostra Società si tennero congressi estivi, se- 
guiti sempre da gite e visite geologiche, nei seguenti centri: 
Verona (1882), Fabriano (1883), Milano (1884), Arezzo (1885), 
Temi (1886), Savona (1887), Eimini e S. Marino (1888), Catan- 
zaro (1889), Bergamo (1890), Taormina-Catania-Termini-Ime- 
rese-Palermo (1891), Vicenza (1892), Ivrea (1893), Massa Ma- 
rittima ed isola dell'Elba (1894), Lucca (1895), Eoma (1896), 
Perugia (1897), Lagonegro (1898), Ascoli Piceno (1899), Acqui 
in Piemonte (1900), Brescia (1901), Spezia (1902), Siena e Monte 
Amiata (1903). Oltre queste Adunanze generali estive, sareb- 
bero da indicarsi ancora le sedi delle Adunanze invernali, in 
alcune delle quali si eseguirono parimenti gite geologiche. Ma, 
volendo esser breve, ricorderò soltanto le interessanti escursioni 
fatte alle miniere della Sardegna (8-12 aprile 1896), quelle 
eseguite alle isole Pontine (8-22 febbraio 1898) ed alle isole 
Eolie (7-17 aprile 1900). • 

Tali riunioni offrono, come ho detto sopra, ai soc! il grande 
vantaggio di agevolare loro la visita e lo studio delle diverse 
regioni del nostro paese, di affratellarli e, con le discussioni sui 
luoghi, di scambiare le loro idee sulla natura e l'età dei terreni 
osservati, aumentando in tal modo le cognizioni scientifiche e 
pratiche di ciascuno di essi. 

Nei 23 anni, da che esiste la Società Geologica, si è pubbli- 
cato ogni anno un volume del suo Bollettino^ per modo che si 
ha oggi una serie di 23 volumi (*), i quali contengono ben 710, 
tra memorie e note, stampate complessivamente sopra 13.550 pa- 
gine, aventi a corredo 271 tavole, delle quali 21 sono carte 
geologiche, a colorì o a tratti, e 2 di fac-simìli (di autografi), 
senza tener conto dei clichés e delle numerose figure interca- 
late nel testo. Queste cifre, o Signori, vi mostrano manifesta- 
mente l'attività scientifica dei nostri soct. 



(') Del volume XXIIF, 1904, eransi pubblicati, all'epoca dell'Adu- 
nanza di Catania, due fascìcoli, il 1^ ed il 2^ 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA OBNBRALE CZXXIIT 

Faccio voti che la nostra Società prosperi sempre rigogliosa 
per numero e qualità dei soci, per le sue pubblicazioni, per i 
43UOÌ lavori scientifici, arrecando cosi maggiore lustro e decoro 
a.lla nostra patria e gareggiando con le altre società estere nel 
progresso, delle scienze geologiche. 

Dopo l'Adunanza invernale, dalla nostra Società tenutasi in 
Roma il 14 febbraio dell'anno corrente, la Presidenza, confor- 
memente alla deliberazione presa in quell'adunanza, si occupò 
^elle pratiche relative alla stampa della Bibliografia generale 
geologica sull'Italia dai più antichi tempi a tutto l'anno 1900. 
La Commissione fu composta, oltre che del Presidente e del 
Segretario, del prof. F. Bassani, del prof. M. Cermenati, noto per 
la sua ricca biblioteca geologica, del prof. F. Sacco, che si inte- 
ressò sempre di tale argomento, e dell'ing. C. Sormani, quale 
rappresentante del R. Comitato Geologico, che molto cortese- 
mente mise a disposizione il copioso schedario manoscritto delle 
pubblicazioni riguardanti la geologia italiana. La Commissione 
si riunì più volte e formulò alcune proposte, incaricando il 
prof. Cermenati di stendere la relazione, che io faceva conto 
^i presentarvi e di leggervi in altra seduta, sottoponendola alla 
vostra discussione. Ma, un telegramma del prof. Cermenati, giun- 
tomi poc'anzi, mi prega di scusare presso i colleghi la sua as- 
senza alla nostra riunione, e, non avendomi inviato la sopra accen- 
nata relazione, mi obbliga a rimandarne la presentazione e discus- 
sione alla ventura adunanza invernale del 1905. Esprimo fin d'ora 
il mio convincimento che l'opera grandiosa vedrà la luce e riu- 
scirà di onore alla nostra Società, sotto i cui auspici sarà stampata 
<;on indiscutibile vantaggio dei cultori delle scienze geologiche. 

In conformità del voto espresso dalla Società nell'Adunanza 
iemale, tenutasi in Roma il giorno 14 febbraio scorso, il Comi- 
tato Geologico dette incarico all'ing. Stella di eseguire il rilievo 
geologico della collina situata sulla sponda destra del Tevere 
itila Torretta di Tor di Quinto a circa 3 km. da Roma. Ese- 
guito il rilievo, l'ing. Stella scrisse una memoria, che attendiamo 
di vedere quanto prima stampata nel Bollettino del B, Comi- 
tato Geologico, Peraltro, siccome il proprietario della collina do- 
veva procedere ad una sistemazione della cava, ivi aperta, scari- 



Digitized by VjOOQIC 



CXXXIV RESOCONTO DBLLA ADUNANZA OBNEiRALB 

candovi materiali, seppellendo sotto gli scarichi la parte di se- 
zione messa allo scoperto dalFing. Stella, feci spedire una circolare 
ai soci, che si interessano notoriamente della geologia romana^ 
e li invitai a volersi trovare nell'anzidetta località, la mattina 
della domenica, 24 giugno, per osservare la sezione, e farne 
sul luogo argomento di ampia e serena discussione scientifica. 
Difatti, parecchi soct vi si recarono Q) e sulla faccia del 
luogo si tennero animate discussioni. Della visita eseguita in 
tal giorno, dei rilievi e delle discussioni avvenute fu dato in- 
carico al socio ing. Zaccagna di stendere esatta ed accurata, 
relazione, che fu già consegnata alla Presidenza e che sarà pub- 
blicata integralmente nel nostro Bollettino, dopo che avrà ve- 
duto la luce la memoria scritta dall'ing. Stella. 

Le pratiche per il consueto sussidio dato dal Ministero di 
Agr. Ind. e Comm. alla nostra Società sono in corso, e prima 
di partire da Roma conferii in proposito col Direttore Capo del 
Servizio Minerario, comm. Pellati, il quale mi assicurò che sarà 
concesso sull'esercizio finanziario 1904-05. Riserbandomi di rin- 
graziarne personalmente S. E. l'on. Rava, Ministro di Agr. Ind. 
e Comm., sento il dovere di esprimere anche al Capo del Ser- 
vizio Geologico vivi ringraziamenti per l'interessamento e l'ap- 
poggio, che il R. Comitato Geologico ha sempre addimostrato alla 
nostra Società. 

Prima di cominciare ì nostri lavori scientifici, compio il 
triste dovere di rammentare i soci defunti dopo l'ultima Adu- 
nanza generale estiva. 

Ricordo ring. Michele Anselmo, morto in Napoli TU aprile 
del corrente anno. Fu ingegnere capo di quel distretto mine- 
rario, e nel 1880-81 venne adibito, insieme all'ing. Baldacci^ 
al rilevamento geologico della Sicilia occidentale nelle provincie 
di Palermo, Trapani ed in parte di Girgenti. 

(^) Tennero rinvi to i soci: Clerici. Crema, Demarchi, Mazzuoli, Meli,. 
Sormani, Taccìmei, Zaccagna, Verri, Viola, i quali accedettero sul luòga 
ed espressero il loro parere sulla successione degli strati e sui dati di 
fatto presentati dalla sezione geologica della cava Mazzanti, nella parete- 
rivolta verso il Tevere e prpspettante sul viale del Lazio. 



Digitized by VjOOQIC 



RBSOCONTO IDELLA ADUNANZA UENERALB CXXXY 

Perdemmo anche il prof. ing. Gaetano Tenore di Napoli^ 
nno dei geologi dell'antica scuola italiana, socio fondatore della 
nostra Società. Del prof. Tenore verrà, in altra Adunanza, letta 
la commemorazione scritta dal collega prof. F. Bassani. 

Per l'amicizia sincera e profonda, che a Ini mi legava, con 
vero dolore devo rammentare la perdita dell'insigne geologo e 
paleontologo (Jaetano Giorgio Qemmellaro, onore e vanto di 
Catania e d'Italia nostra. La sua perdita è stata gravissima per 
la scienza. Dì esso udrete oggi stesso una breve commemora- 
zione pronunziata dai soci professori L. Bucca e Giov. Di Ste- 
fano. 

Permettetemi, o Signori, che prima di porre termine a queste- 
brevi parole, io ricordi a titolo di onore il nostro egregio Segre^ 
tario, prof. Antonio Neviani, il quale non ha potuto intervenire 
alla nostra Adunanza, per la cui riuscita si era tant^ affaticato, 
a causa della morte del suo ottimo genitore, avvenuta mentre- 
appunto si accingeva a partire da Roma e ad accompagnarmi 
in Sicilia. Ad esso, che con tanto amore, con tanta compe- 
tenza ed esattezza si occupa di tutto quanto riguarda la nostra- 
Società, sono lieto di tributare un pubblico e doveroso elogio. 

Un altri) sentito ringraziamento deve essere rivolto al nostra 
Tesoriere, ing. cay. Augusto Statuti, che ho il piacere di vedere tra 
noi, per l'opera sua disinteressata e tanto indefessamente pre- 
stata da molti anni, a vantaggio finanziario della nostra So- 
cietà. 

Debbo anche porgere ì ringraziamenti della Società al com- 
mendatore Bianchi, Direttore generale delle Ferrovie Sicule, per 
le grandi facilitazioni, che volle concedere ai nostri soci sulla 
rete ciciliana. • 

Esprìmo, da ultimo, i sensi del mio grato animo a S. E. l'ono- 
revole Pinchia, Sottosegretario di Stato per la Pubblica Istru- 
zione, che si degnò di onorare di sua presenza la nostra Adu- 
nanza ; alle Autorità, che gentilmente intervennero alla Seduta 
odierna; al Bettore di questa R. Università, che ci ha concessa 
il locale; alle gentili Signore, che allietano . sempre qualsiasi 
riunione; e a tutti coloro, che cortesemente qui convennero Sr 
rendere più solenne questa Adunanza inaugurale. 



Digitized by VjOOQIC 



•CUXVI RBSOCONTO DELLA. ADUNANZA QBNERALB 

Termino inviando un caldo saluto alla cittadinanza catanese 
ed alla Sicilia. 
Applausi. 

L'on. De Felice, prosindaco di Catania, con belle ed applan- 
•dite parole dà il benvenuto ai congressisti a nome del Comune 
^ della cittadinanza. 

S. E. PiNCHiA, Sottosegretario per Tlstruzione Pubblica, comu- 
nica il seguente telegramma, che da Vallombrosa gli ha inviato 
S. E. il Ministro deirAgricoltura : 

S. £. PiNCHiA, Congresso geologico — Catania. 

Giustifica mia assenza, tu che conosci miei doveri quassù. Duolmi 
anzi mancare a cosi bella e dotta riunione della Società che, studente, 
vidi sorgere a Bologna e oggi tanto lustro reca agli studt italiani. 
JDaolmi ancora rinunziare desiderata visita Sicilia. Salati affettuosi. 

Rata. 

Poscia S. E. PiNCHiA legge il seguente discorso, spesso inter- 
rotto da vivi applausi: 

« Questa magnifica terra dMncanti che dona il suo fascino 
^lla poesia ed alla storia, oiBfre le più vive attrattive alle me- 
ditazioni ed alle scoperte della scienza. 

» Bene è di voi, signori, che qui vi siete dato convegno per 
i vostri studi geologici. 

» Qui dove le millenarie rivoluzioni telluriche suggerirono 
le più audaci ipotesi, dove le mitologie, invano cercando la causa 
4ei fenomeni, improvvisarono le leggende delle quali le menti 
ancora fanciulle si appagavano, consolando collo splendore delle 
immaginazioni, le manchevolezze della ragione; qui forse l'im- 
ponenza degli spettacoli e la* singolarità degli aspetti e la tanta 
messe di scoperte, meglio al caso dovuta che all'indagine, pie- 
garono i primi intelletti alle austerità della riflessione e ispi- 
rarono ad essi il nobile convincimento dell'imminente vittoria 
AvX mistero. Onde venne la scienza. 

» La scienza che illumina e vivifica, che avvicina il cre- 
dente a Dio poi che lo fa conscio e quasi partecipe dell'opera 
-meravigliosa, che riconcilia l'uomo con sé stesso, e ne debella 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DBLLA ADUNANZA GBNBKALB CZXXVII 

lo scetticismo poi che T approssima alle fonti della vita, nutrì- 
eando l'aspirazione più eletta e delicata dell'anima umana: l'ar- 
dore di verità. 

» La scienza che ha le sue vittime, i suoi eroi ed i suoi 
martiri: da Plinio che, dopo aver scoperto la pietra agata nei 
fiumi di Sicilia, perdeva la vita indagatrice sul Vesuvio, al di- 
sgraziato professore di Pisa che l'altro giorno soccombeva alle 
insidie della infezione contratta durante un esperimento. 

» Onore a voi, dottori illustri, qui convenuti! 

» Voi ai quali la coscienza presaga suggerisce che il primato 
intellettuale è la mèta della lo.tta per la vita, segnata a questa 
Italia riunita in nazione per crescere fecondità ai doni della 
terra, alle sue meraviglie, alle attività spirituali dei figli 
suoi. 

> Questo fu essenzialmente il pensiero degli uomini che re- 
denta la patria dalla servitù, sollevatala dalla miseria politica, 
la ricondussero in Koma Laziale caput, non per rinnovare impe- 
riali esuberanze di dominio, ma per richiamarvi la grandiosità 
e la universalità della coltura. 

» E mi giovi di memorare fra questi il fondatore della so- 
cietà vostra: Quintino Sella, tanto abile a conoscere la misura 
dei cristalli, quanto a cementare una Ode oraziana o ad eccitare 
le più vibranti idealità in un discorso, pari a quei gentili uomini 
del rinascimento nostro che, non invano, a traverso Leonardo e 
Galileo, fecero pervenire infino a noi l'idea italiana col prestigio 
della intellettualità e del sapere. 

» A me sia dato di porgervi il saluto su questa terra di 
Sicilia, la quale cosi mirabilmente apre a voi il campo di studi; 
a me, venuto dalle Alpi, dove altri grandiosi fenomeni com- 
pletano il magnifico aspetto della creazione, della quale è il se- 
greto nelle ricerche vostre. 

» Bella Sicilia, ospitale,, dolce e fantasiosa! 

> Da queste plaghe si eleva la mente tra la profonda im- 
mensità dei secoli s^lle visioni sublimi e la lirica che adoma 
le prime pagine della sua storia moderna non è se non l'eco 
del poderoso poema che per te è scritto nei tempi ad onore 

•della umanità. 



Digitized by VjOOQIC 



OXXXVIII RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALE 

> Voi, signori, aggiungerete altre pagine a questo poema» 
Poi che è poesia la scienza allorché si innalza alla contempla^ 
zione delle origini e dona al lavoro industre, con liberalità mu- 
nifica, i frutti delle sue ricerche. 

» Sotto lieti auspici oggi, o signori, vi adunate. 

» Nella gioia famigliare del castello di Bacconigi il popolo 
d'Italia vede oggi la promessa di rinnovate fortune. Sorgano^ 
esse dalla scienza e per la scienza! 

» Sia questa là virtù del popolo nuovo, la corona del nuovo 
principe, T immacolato retaggio serbato all'avvenire! 

» Con questo augurio, o signori, in nome del Governo dei 
Be, dichiaro aperto il congresso della Società. Geologica Italiana». 

Il consigliere Di Stefano Giovanni legge una applaudita 
commemorazione del senatore prof. Gaetano Giorgio Gemmel- 
LARO, defunto il di 16 marzo di quest'anno (^). A lui segue 
il consigliere Bucca, il quale aggiunge acconcie ed applaudite 
parole di rimpianto per la perdita dell'illustre paleontologo cata- 
nese ('). 

La seduta è tolta alle ore 11,15. 

E. Clerici 

/f. di Segretari^. 



Adunanza del 20 settembre. 
Presidenza Meli. 

L'Adunanza ha luogo nella sala delle lezioni del Museo di 
Mineralogia e Geologia della B. Università : la seduta è aperta 
alle ore 14,35'. Intervennero, oltre il presidente Meli, i consi- 
glieri Di Stefano Giovanni e Bucca, il tesoriere Statuti, l'ar- 
chivista Clerici, i soci Aldinio, Ambrosioni, Cebulli-Irelu^ 
Colomba, D'Achiardi, Di Franco, Domfè, Galli, Lais, Platania, 
Banfaldi, Beichenbach, Boccati, Bovereto, Sormani e Viola. 

(M Questa commemorazione verrà pubblicata nel 1® fascicolo dei 
voi. XXIV (1905). 

(*) Pubblicato a pag. clxxi. 



Digitized by VjOOQIC 



URSOCQNTO OBI.LA ADUNANZA GENERALE CXXXIX 

Si dà per letto il verbale della Adunanza generale inver- 
nale del 14 febbraio 1904, pubblicato nel 1** fascicolo del Bol- 
lettino di quest'anno, pag. xix, e non essendovi osservazioni, si 
intende approvato. 

Il presidente Meli legge le proposte di nuovi soci: 

Ing. Angelo Barapfael a Napoli, e dott. Alfredo Bordi a 
Eoma, proposti da Meli e Neviani. 

Dott. Salvatore Di Franco a Catania, proposto da Bucca 
e Di Stefano. 

Sig. Gioacchino Frenguelli a Roma, e dott. Francesco 
RanfaIìDI a Messina, proposti da Meli e Clerici; 

L'Assemblea approva ad unanimità. I nuovi sòci Di Franco 
e Banfaldi sono invitati a prender parte alla seduta. 

Si partecipano le dimissioni dei soci Fabbrini pel 1904 e 
Pampaloni pel 1905, e FAssemblea ne prende atto. 

Si raccolgono le schede per le elezioni sociali ed il Presi- 
dente le consegna agli scrutatori Cerulli-Irelli e Platania. 

11 presidente Meli informa che dopo la seduta inaugurale, 
secondo quanto era stato deciso dal Consiglio, furono inviati i 
seguenti telegrammi: 

S. E. Orlando, Ministro Istruzione Pubblica — Roma. 

Società Geologica Italiana riunita Catania ringrazia vivamente 
Eccellenza Vostra gradita rappresentanza ed interessamento dimostrato 
scienze geologiche. 

Presidente prof. Meli. 

S. E. Rava, Ministro Agricoltura Industria Commercio — Roma. 

Società Geologica Italiana riunita oggi Catania invia Eccellenza 
Vostra rispettoso omaggio e vivi ringraziamenti interessamento dimostra- 
tole eonfidando vorrà continuarle benevolenza ed ambito appoggio. 

Presidente prof. Meli. 

Signora Maria Gemmbllaro ^- Palermo. 

Società Geologica Italiana commemorando oggi suo illustre consorte 
gliene invia partecipazione, sicura che V. S. vorrà gradire omaggio reso 
al grande geologo. 

Presidente Meli. 



Digitized by VjOOQIC 



GXL RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENBRALSt 

Professore Antonio Nevi ani — Roma. 

Società Geologica invia sentite condoglianze suo attivissimo segre- 
tario. Dispiacente assenza lo ringrazia sua valida opera. 

Presidente Meli. 

Al PEESiDENTfi pervennero i segaenti telegrammi: 

Benangurando lavori Congresso felicemente iniziati^ ringrazio cor- 
dialmente codesta Società del pensiero cortese rivoltomi, e S. V. che se 
n^é voluto rendere interprete gradito. 

Ministro Istruzione Orlando. 

Accetti e voglia comunicare ringraziamenti miei cordiali vivissimi 
gentile pensiero gradita manifestazione. 

Maria Gbmmullaro. 

Il Presidente partecipa Tiilvito fatto dal Comune ai con- 
gressisti di assistere alla serata di gala al Teatro Massimo 
« Bellini >j ove si rappresentava La figlia di Iorio del D'An- 
nunzio; e l'invito di intervenire ad nn ricevimento nelle sale 
del Comune. 

I soci incaricano il Presidente di manifestare all'illmo si- 
gnor sindaco la loro riconoscenza. 

II Presidente partecipa altresì che il socio Cermenati nello 
scusare la soa assenza, desiderando esporre verbalmente la rela- 
zione sulla progettata Bibliografia geologica e sapendo che altri 
membri della Commissione sono assenti, prega di rimandare la 
discussione sa questo argomento alla prossima riunione invernale. 
L'Assemblea approva. 

Il tesoriere Statuti presenta i bilanci consuntivi della Società 
e del legato Molon pel 1903, e deposita al tavolo della Presi- 
denza i documenti giustificativi, che sono a disposizione dei socì^ 
che desiderassero esaminarli. 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DRLLA ADUNANZA GENERALE 



CXLB 



Bilancio eonsantlTO dell'anno 1903. 



Attivo. 






Passivo. 






1. Tasse Bocisli . • 


L. 


8 385 — 


1. SUmpa del Bol- 






2. Interessi de) legato 






lettino . . . 


L. 


2 615,50 


Molon .... 


» 


340 — 


2. Spese per tavole 






3. Interessi diversi • 


» 


766,72 


e clickés. . . 


> 


367,10- 


4. Vendita di Bollet- 






3. Spese del Presi- 






tini 


» 


416 — 


dente .... 


» 


— 


5. Partite di giro . 


> 


453,50 


4. Distribuzione del 
Bollettino e al- 
tre spese po- 












stali .... 


» 


271,8T 








5. Spese di cancel- 












leria, circolari. 












ecc 


» 


87,80- 








6. Tassa di mano- 












morta. . . . 


» 


27,52- 








7. Rimborso spese 












viaggi al Se- 












gretario ed al 












Tesoriere - . 


» 


70,60 








9 Per aiuti al Segre- 












tario e al Teso- 












riere .... 


» 


110-^ 








9. Spese diverse e- 












ventuali . . . 


» 


116,25^ 








10. Partite di giro . 
Totale spese nel 


» 


453,50 


Totale entrate nel 








1908 


L. 5311.22 


1903 .... 


L. 


4 120,14 


Cassa al l"" gen- 






Residuo attivo al 






naio 1903. . . 


» 


5 971,28 


31 dicem. 1903. 


> 


7 162,36- 


Totale . . . 


L. 11 282,50 


Totale . . . 


L. 11 282,50 



Amministrìtzione del legato Holon. 



Attivo. 

Cassa al 1^ gennaio 

1903 .... L. 1 198,77 
Interessi legatoMolon. » 680 — 



Totale 



. L. 1878,77 



Passivo. 

Tassa di manomorta. L. 32 — 
Cassa al 31 dicembre 

1903 .... » 1846,77 



Totale 



. L. 1 878,77 



Digitized by 



Google 



OXL1I RESOCONTO DELLA ADUNANZA OBNBRALK 

La Commissione del Bilancio, nel riconsegnare l'incarta- 
mento, ha inviato la seguente relazione: 

I sottoscritti Com\DÌBsart del Bilancio, ayendo esaminato il Bilancio 
consuntivo della Società geolo^ca per l'anno 1903, hanno riconosciuto 
che esso é ^pienamente giustificato dai documenti contabili loro comu- 
nicati. 

Roma, 16 giugno 1904. 

Giovanni Aichino 
Makio Crrmbnati 
Pietro Zbzi. 

Ambedue i bilanci vengono approvati senza discussione, con 
un doveroso applauso al tesoriere Statuti, che da lungo tempo 
presta l'opera sua disinteressata ed attivissima a vantaggio della 
Società. 

II Segretario ff. presenta il seguente elenco degli omaggi 
pervenuti alla Società. 

Bassani F.: Gaetano Giorgio Gemmellaro. 8^ Napoli, 1004. 

Bellini R.: LHnfluema dei mezei come causa di variazioni e di disper- 
sioni nei molluschi, 8**. Napoli, 1904. 

Block J.: lleber einige Beisen in Griechenland, ecc. 8°. Bonn, 1902. 

Borredon G.: La grande scoperta del secolo XX. 8^ Napoli, 1904. 

Oaffi e.: JVuova carta geologica di S. Pellegrino e dintorni; ^ala 1 : 25000. 
Bergamo, 1904. 

— 8. Pellegrino e dintorni. Cenni illustraiivi. 8**. Bergamo, 1904. 
Callbgari G. V.: Una leggenda delle Lipari, 8°. Padova, 1904. 
Carez L.: Notes sur la geologie de la feuille de Quilìan. 8^ Paris, 1902. 

— Encore quelques mots sur Biarritz, 8^. Paris, 1903. 

— Feuilles de Tarbes, Luz, Bagnères-de-Luchon, St-Gaudens. 8**. Paris, 

1904. 

— Sur la cause de la présence du crétacé sup. à de grandes altitudes sur 

les feuilles de Luz et d'Urdos, 8**. Paris, 1904. 
Chbcchia-Rispoli G.: L' Harpactocarcinus punctulatus Desm. 8*^. Roma, 

1904. 
Clerici E.: Apparecchio semplificato per la separazione meccanica dei 

minerali, 4° p. Roma, 1904. 
Codazzi-Llbkas R.: Minerales alcalinos y terrosos de Colombia, 8*. Bo- 

gota, 1904. 
-Colomba L.: Eodonite cristallizzcUa di 8, Marcel (Valle d'Aosta). 8**. 

Torino, 1904. 



Digitized by 



Google 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALE CZLIII 

Colomba L.: Osservasiani petrografiche e mineralogiche sulla rocca di 
Cavour. 8**. Torino, 1904. 

— Ancora poche parole di risposta alVing. Franchi. 8°. Torino, 1904. 
Cortes S.: Monografia de las leguminosas de Colombia. 8^. Bogota, 1904. 
Dal Lago D.: Note sulV eocene del Vicentino occidentale, 8^. Venezia, 1904. 
Db Angeli s d'Ossat G.: Brano di logica f orinale della geologia. S\ Bo- 
logna, 1904. 

Dbloado J. F. Nbrt : Faune canibrienne du Haut-Alemtejo. 8^. Lisbona, 
1904. 

Dst Pretto 0.: Ipotesi delVetere nella vita delV Universo. 8*. Venezia, 
1904. 

Fi^ORBS E.: Mammiferi fossili nelle stazioni preistoriche di Molfetta. 4^ p. 
Trani, 1904. 

Calatola C: Catania e sue viciname. 8^ Catania, 1899. 

Ha A NEL E.: On the location and examinatùm of magnetic ore deposits ìyy 
magnetometric measurements, S°. Ottawa, 1904. 

Hobfer H.: Les conditions calorifiques des terrains à combustibles. 8^. 
Wien, 1904. 

LoHBST M., Hauets a. et ForirH: La geologie et la reconnaissance 
du terrain houillei- du Nord de la Belgique. 8^ Lìége, 1904. 

Meli R.: Bi-eve relazione delle escursioni geologiche eseguite con gli al- 
lievi-ingegneri della R, Scuola d'Applicazione di Boma nelVanno sco- 
lastico 1903-1904. 16^ Roma, 1904. 

Mbrcalli G.: Notizie vesuviane. 8^. Modena, 1904. 

Merciai G.: Le acque termali di Caldana presso Campiglia Marittima. 
S^. Pisa, 1904. 

Mbrlo G.: Le sorgenti del nucleo cambriano délV Tglesiente. 8^ Fossom- 
brone, 1904. 

— Sulla costituzione geologica delVIglesiente. 8**. Iglesias, 1904. 

— L'Iglesiente propriamente detto e la sua costituzione geologica. 8*. To- 

rino, 1904. 
BiiLLOSEViCH F.: Danburite di S. Barihélmy in Val d'Aosta. 4** p. 
Roma, 1904. 

— e Ranalli D.: Prima contribuzione allo studio geologico- agrario del 

territorio della B. Agenzia di coltivazione dei tabacchi di Benevento. 

8^ Sakrno, 1904. 
Mojsisovics V. E. : Allgemeiner Bericht und Cronik der im Jahre 1902 im 

Beobachtungsgebiete eingetretenen Erdbeben. 8**. Wien, 1903. 
Pbllati N.: Le carte agronomiche ed il Comitato geologico del Begno. 

8*. Roma, 1903. 

— Contribuziofie alla storia della Cartografia geologica in Italia. &*. 

Roma, 1904. 
Platani A G. : Sur les anomalies de la gravite et les bradysismes dans la 
région orieìitale de VEtna. 4**. Paris, 1903. 

— Ad Castello. Bicerche geologiche e vulcanologiche. 8**. Acireale, 1908. 



Digitized by VjOOQIC 



CXLIV RESOCONTO DELLA ADUNANZA GEMEKALB 

Rogo ATI A.: Ricerche pctrografiche sulle Valli del Gesso (Serra ddV Ar- 
genterà). 8". Torino, 1904. 

— Idem (Valle delle Rovine). 8^ Torino, 1904. 

Salmojraghi F. : Monte Alpi di Latronico in Basilicata ed i sttoi 
marmi. 8^. Torino, 1904. 

— Sullo studio mineralogico delle sabbie, ecc. 8^ Milano, 1904. 
Stefanoni L. : Tristi effetti del Governo parlamentare, 8*. Roma, 1902. 

Pervennero inoltre alla Società vari numeri dei seguenti pe- 
riodici, con i quali non si fa il cambio: 

L'Appennino centrale. Iesi. 

La Rivista tecnica delle scienze j delle arti applicate alV indìMtria, ecc.. 

Torino. 
Rivista italiana di speleologia. Bologna. 
Associazione mineraria Sarda. Iglesias. 
Alpi Giulie. Rassegna bimestrale della Società Alpina delle Giulie^ 

Trieste. 

Il Segretario ff. legge la Commemorazione del socio prof. Gae- 
tano Tenore, inviata dal socio Bassani (^). 

Legge dipoi Telenco delle memorie e note presentate per la 
stampa nel Bollettino: 

Colomba L., La leucite del tufo di Pompei. (31 agosto 1904). 

Bellini E., L'Elveziano nelle colline di Chivasso presso To- 
rino. (31 agosto 19Q4). 

Martelli A., Livello di Wengen nel Montenegro. (18 luglio 1904). 

Silvestri A., Contributo allo studio delle Orbitolininae. (10 set- 
tembre 1904). 

Capeder G., Le pozze a scaglioni e le colonne scalariformi nella 
grotta di Nettuno al capo Caccia (Sardegna). 
(10 settembre 1904). 

Colomba L., Cenni preliminari sui minerali del Lausetto (Valli 
del Gesso). (18 settembre 1904). 

Sacco P., Il Piacenzìano sotto Torino. (18 settembre 1904). 

EoccATi A., Ciottoli granitici nel terreno miocenico di Lojano 
(Appennino bolognese). (18 settembre 1904). 

(*) Pubblicata a pag. clxxiv. 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DBLLA ADUNANZA GENERALE CXLV 

Si preannancia da parte del socio De Angelis d'Ossàt la 
presentazione di una nota Sulla geologia della provincia di 
Roma. — Alcune sessioni geologiche del vulcano Labiale. 

Il socio D'AcHiARDi, per incarico avutone dal socio Mat- 
TEUCCij mostra la Carta delle colate laviche vesuviane del periodo 
effusivo 1903, nella scala di 1 a 10.000; la Veduta panoramica 
delVerudone laterale del 27 agosto 1903 nella Valle delVIn- 
ferno (Atrio del Cavallo), presa da Sud il 29 agosto 1903, ed 
altra analoga veduta, presa da Sud il 9 settembre 1904; quindi 
legge un Cenno sul periodo effusivo del Vesuvio iniziatosi 
il 20 luglio 1903 dello stesso Matteucci (*). 

Il presidente Meli svolge una breve comunicazione Sulla 
pretesa meteorite di Cor chiane nella provincia di Boma (*). 

Quindi fa cenno di una escursione eseguita, durante il viaggio 
per recarsi in Sicilia, con altri collegbi, al giacimento del qua- 
ternario inferiore con CyprifM islandica di Carrubare presso 
Beggio Calabria, che ritiene identico e sincrono a quello della 
Fornace Morronese a Foglino presso Nettuno, sulla costa ro- 
mana, ove, anni indietro, egli scopri una ricca ed importante 
fauna di molluschi fossili, jche, quantunque da lui studiata in 
gran parte, pur tuttavia attende di essere pubblicata (*). 

Il socio Clerici riassume una escursione geologica a Nord 
di Roma^ insistendo sulla utilità della bicicletta anche nelle 
escursioni geologiche, specialmente in quelle a scopo didat- 
tico. 

Il prof. Consiglio Ponte del Museo mineralogico della E. Uni- 
versità di Catania, espressamente invitato dal Presidente, mostra 
una interessantissima raccolta di proietti delVisola di Vulcano, 
riassumendo le sue osservazioni sulla morfologia dei mede- 
simi (*). 

Il socio Platania comunica il sunto di una sua memoria in 
titolata : Origine della Timpa della Scala. Contributo allo studio 
delle fratture del suolo nelle regioni vulcaniche. ■ 



(1) Pubblicata a pag. 504. 

(«) Pubblicata a pag. 487. 

(^} Questa comunicazione verrà pubblicata nel volume XXIV (1905). 

Ò) Pubblicato a pag 398. 



Digitized by VjOOQIC 



€XLV1 RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALE 

Gli scrutatori avendo già compiuto lo spoglio delle schede, 
il Presidente annuncia l'esito della votazione: 



Votanti 63. 
Schede bianche 1. 

Vicepresidente, pel 1905, eletto: 

Mazzuoli ing. Lucio, con voti 57. 

Consiglieri, pel triennio 1905-907: 

Sacco prof. Federico, con voti 55 

ToMMASi prof. Annibale, » 53 

Rovereto march. Gaetano, » 53 

Fucini dott. Alberto, > 48 

Consigliere per l'anno 1905 (in sostituzione del defunto 
prof. G. G. Gemmellaro): 

Scacchi prof. Eugenio, con voti 40. 

Ebbe poi maggiori voti per la elezione a Consigliere il socio 
Tuccimei. 

Il Socio RoccATi ripete la proposta, già fatta all'Adunanza 
di Siena, che i soci durante le riunioni abbiano da portare un 
-apposito distintivo. 

Il Presidente avverte che non essendo questa proposta messa 
all'ordine del giorno, non può essere posta in discussione, ma 
verrà presentata alla prossima Assemblea. 

Il socio Platania svolge i seguenti voti: 

l.*" Che sia istituita una cattedra di Fisico-Chimica terre- 
stre e vulcanologica, specialmente dell'Etna. 

2.** Che in tutte le Università del Regno, l'insegnamento 
della Geologia sia separato da quello della Mineralogia, ed affi- 
dato ad un geologo. 

Essendo esaurito l'ordine del giorno, il presidente Meli pro- 
pone, e l'assemblea approva per acclamazione, un voto di rico- 



Digitized by VjOOQIC 



BBSOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALI! CXLVIi 

noscenza e di ringraziamento ai soci Bacca e Dompè, per l'organiz- 
zazione del Congresso, alPon. De Felice prosindaco, al Bettore 
della Università, alla Direzione delle ferrovìe siculo e a quella 
della ferrovia circum-Etnea, alle Autorità ed a tutte quelle per- 
sone, che colmarono di gentilezze i geologi e si adoperarono per 
la buona riuscita delle riunioni e delle escursioni. 
La seduta è tolta alle 16,15. 

E. Clerici 

ff, di Segretario. 

\ 
APPENDICE AL DISCOESO DEL PEESIDENTE 



Kicorderò qui soltanto i nomi di coloro, che scrissero intomo 
alla geologia, alla petrografia ed alla paleontologia della Si- 
cilia. 

Nel seguente elenco indicativo non si è tenuto conto, per 
brevità, dei lavori anonimi e non vi sono segnati gli autori di 
scritti sulle isole circostanti alla Sicilia, cioè, sulle Eolie, sopra 
Ustica, sulle Egadi, sulle Pelagie, su Pantellaria, sull'isola 
Giulia e su Malta. Cosi pure non sono qui statnpati i nomi di 
coloro, che si occuparono esclusivamente delle acque potabili, o 
minerali, ovvero soltanto, dei terremoti siciliani, di paletnologia 
sicula, di magnetismo terrestre e di meteorologia. 

Dopo il nome dell'autore è collocato entro una parentesi 
l'anno della pubblicazione. Per gli autori di più lavori trovasi 
nella parentesi la data del primo e dell'ultimo scritto. 

Molte delle pubblicazioni, riguardanti la Sicilia, furono da 
me riscontrate, per l'anno di stampa, sulle opere e sugli opu- 
scoli, che possiedo nella mia privata biblioteca. 

Tra gl'italiani, volendo menzionare di preferenza gli scrit- 
tori siculi, indicherò, disposti per ordine alfabetico, i nomi di : 

Alessi G. (1824-38). Aracri G. (1810). 

Alfieri G. (1867). Aradas A. (1843-81). ^ 

Aloi A. (1892-93). Arcidiacono S. (1890-1904). 
Anca F. (1859-68). 



Digitized by VjOOQIC 



ex L VI ti 



RESOCONTO DBLLÀ ADUNANZA GENERALE 



Baldacci L. (1879-86). 

Baratta M. (1892-94). 

Barbagallo G. (1766). 

Barrasi G. (1857). 

Bartoli A. (1892-94). 

Basile G. (1875-93). 

Battaglia A. (1883-88). 

Bellaprima (Ved. Interlandi). 

Bembo P. (1495, con ristampe del 
1530, 1567, 1703, 1818). 

Biondi S. (1854-64). 

Biscari E. G. (1771). 

Bivona A. (1888). 

Blaserna P. (1879). 

Blasi (Di) G. E. (1860). 

Biasio (Di) A. (1874). 

Boccardo G. (1868-69). 

Bombicci L. (1890). 

Borelli G. A. (1670). 

Bottone D. M. (1692 e ristampa 
1721). 

Brocchi G. B. (1820-23). 

Brugnone G. A. (1862-80). 

Bruno-Sparapinato G. (1897-98). 

Brydone (1773 ed edizioni poste- 
riori). 

Bacca L. (1892-94). 

Buda C. (1839-41). 

Buda G. (1789). 

Cafici I. (1878-83). 

Calcara P. (1839-53). 

Caliri G. (1865). 

Campanella T. (1738 e ristampa 

nel 1750). 
Campoccia G. (1900). 
Canavari M. (1890). 
Capellini G. (1881). 
Capozzo G. (1840). 
Cappa U. (1893). 
Carapezza E. (1899). 
Carega di Murice F. (1877-80). 
Carrera P. (1636-86). 
Cattaneo L. (1879). 
Checchia G. (1903-904). 



Chelussi I. (1896). 
Chiavetta B. (1809). 
Ciofalo S. (1868-88). 
Cocco L. (1886 95,. 
Collegno G. (1847-49). 
Consiglio-Ponte S. (1891). 
Conti C. (1886). 
Coppa A. (1899). 
Cortese E. (1882-91). 
Corti E. (1876). 
Cossa A. (1879). 
Costa 0. G. ri855-66). 
Covelli N. (1823) 

Dal Verme L. (1886). 

De Amicis G. A. (1894-95). 

De Gregorio Brunaccini A. (1881- 

99). 
De Lorenzo G. (1895-96). 
De Luca P. (1832-46). 
De Luca S. (1877). 
Del Lungo C. (1892-93). 
De Natale G. (1851-71). 
Denza F. (1891-92). 
De Stefani C. (1888). 
De Stefano Giuseppe (1^00-1). 
Di Blasi A. (1891). 
Di Franco S. (1901-904). 
Di Milla R. (1902). 
Di Stefano Giovanni (1882-903). 

Emery C. (1891). 

Faggiotto A. (1900). 

Fazelli T. (1557 e posteriori edi- 
zioni e traduzioni 1560, 1628, 
1749-50, 1758, ecc.). 

Ferrara A. F. (1793-1845). 

Filoteo degli Omodei Ant. (1591 ; 
traduz. ital. 1611). 

Fodera D. (1819). 

Fomasini C. (1893-1902). 

Froda G. (1884). 

Galvagni G. A. (1835). 



Digitized by 



Google 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA GENERALE 



CXLIX 



Oalvani D. (1845). 
Gatta L. (1882). 
Oatto M. (1900). 
-Gemmellaro Carlo (1823-66). 
Gemmellaro Gaet. Giorgio (1853- 

902). 
Gemmellaro Giuseppe (1824-53). 
Gemmellaro Mario (1809-19). 
Gentile-Cusa B. (1886). 
Geremia G. (1834). 
Giacomo (Di) A. (1824-32). 
Giardina F. S. (1899). 
Giocni G. (1782-87). 
Gioeni S. (1815). 
Giusti G. D. (1819). 
Grassi M. (1865-79j. 
Gravina B. (1858-69). 
Gregori A. (1879). 
Grioni A. (1869). 
Onzzanti C. (1897). 

Ingria R. (1889). 
Interlandi-Bellaprima P. (1835- 

44). 
Issel A. (1896-97). 



Manzella E. (1895). 
Manzoni A. (1874). 
Maravigna C (1803-45). 
Mariani E. (1890). 
Marinelli G. (1898). 
Marinelli 0. (1899-900). 
Mascari A. (1899). 
Masi F. (1873). 
Massa S. I. ri708). 
Matteucci R. V. (1899). 
Mangino F. (1879). 
Mazzetti L. (1879-80). 
Meli R. (1891-1903). 
Meneghini G. (1864 j. 
Mercalli G. (1881-93). 
Mercurio G. A. (1847-63). 
Minà-Palumbo F. (1869). 
Mirone G. (1787). 
Molino (1870-73). 
Montagna C. (1873). 
Monterosato T. Allery (Di) (1872- 

94). 
Monticelli T. (1823). 
Mottura S. (1870-74). 
Musumeci (1832). 



Jervis G. (1874-88). 

Lancetta P. (1880). 
Xiandolina Nava M. (1831). 
La Valle G. (1892-1900). 
La Via G. B. (1823-35). 
Lazzaro N. (1879). 
Li Bani I. (1859). 
Libassi L (1859). 
Lisa (de) G. (1885). 
Longo A. (1864-86). 
Longobardo A. (1863-65). 

Maggiore G. (1839-46). 
Malfatti G. (1881). 
Idalvica F. (1835). 
Mancini C. (1669). 
Mantovani Paolo (1869-70). 
Mantovani Pio (1879). 



Navone C. (1870). 
Negri G. (1874). 
Nelli B. (1899). 
Neviani A. (1900). 
Nicotra L. (1882). 
Nocito G. (1852;. 
Novarese V. (1902). 

Omboni G. (1869). 
Ortolani G. E. (1808-809). 

Palmieri L. (1871). 
Pampaloni L. (1902). 
Parodi L. (1873). 
Pasanisi F. M. (1902). 
Pasquali G. M. (1788). 
Paterno T. (1669). 
Paternò-Castello G. (1893)» 
Pilla L. (1835-51). 



Digitized by 



Google 



CL 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA GSNBBALB 



Pini E. (1802). 

Platania Gaetano (1891-1904). 

Platania Giovanni (1885-95). 

Platania S. (1832). 

Pollini C. (1891). 

Ponte G. C. (1898-94). 

Ponzi G. (1873). 

Porzio S. (1618). 

Pucci F. S. (1902). 

Ragusa E. (1902). 
Rapìsardi B. (1834). 
Re (Del) L. (1843). 
Recupero G. (1755-1815). 
Ricciardi L. (1881-93). 
Ricco A. (1892-1902). 
Riso (De) (1809). 
Roberto (De) F. (1886). 
Rodizza F. (1902). 
Romano S. (1894). 
Rosati A. (1900-01). 
Rovere C. A. (1895). 

Salemi-Pace (1881-90). 

Salerno L. e Sammartano (1826; 
II.* edizione 1837). 

Salinas JE. (1897-1900). 

Salmojraghi F. (1892). 

Salomone S. (1886). 

Sava R. (1844). 

Saya M. (1865). 

Scacchi E. (1890-99). 

Scalia S. (1900-902). 

Schopen L. F. (1886-99). 

Sciacca E. ri671). 

Scilla A. (1670, ed edizioni po- 
steriori 1747, 1752, 1759). 



Scinà D. (1811-31). 
Sciuto-Patti C. (1856-87). 
Seguenza G. (1856-87). 
Seguenza L. (1900-904). 
Selvaggio M. (1541). 
Silvestri A. (1893-1904). 
Silvestri 0. (1864-93). 
Sirngo P. (1835-38;. 
Soldani A. (1798). 
Somma A. (1839-45). 
Spallanzani L. (1784-93 e post»* 

riori edizioni). 
Speciale S. (1876-81). 
Spezia G. (1892-94). 
Stella A. (1900). 
Stoppani A. (1867-73). 
Struever G. (1889). 

Tagliarini F. P. (1901). 
Talotti G. B. (1881). 
Tata D. (1772). 
Tedeschi T. (1669). 
Tedeschi (Di) E. V. (1880-83)i 
Tellini A. (1891). 
Tomabene F. (1843-64). 
Tosi A. (1896). 
Trabucco G. (1883-89). 
Travaglia R. (1879-89). 

Vagliasindi P. (1883). 
Vigo L. (1853). 
Viola C. (1897-1902). 
Viotti G. (1865). 

Zuccarella (circa il 1840). 



Tra gli stranieri, che scrissero salla geologia, petrografia e 
paleontologia della Sicilia, sono da ricordarsi: 



Abich H. (1837-58). 
Alexander C. (1839). 
Anderson T. 
Andreae J. L. (1710). 
Azour A. (1676). 



Baltzer A. (1874-93). 
Bartels J. H. (1787-92). 
Becke F. (1880). 
Benoit L. (1870). 
Bergh Th. (1873). 



Digitized by 



Google 



RESOCONTO DBLLA ADUNANZA GRNSBALB 



GLI 



Berlar A. (1898). 
Bidou L. (1894). 
Bischoff G. (1863-66). 
Bittner Al. (1876-80). 
Blake J. F. (1889). 
Bornemann J. G. (1855-56). 
Boschowitz A. (1884). 
Bone A. (1863). 
Brunfaut J. (1874). 
Bach (von) L. (1820-45 e nella 
edizione degli scritti 1877). 



Fleuriau de Bellevue (1800)* 
Fischer T. (1877-91 ; ediz. italiana 

aumentata 1902). 
Fouqué F. (1865-1901). 
Fraas E. (1897). 
Fresenius W. (1880). 
Friedel C. (1894). 
Friedel G. (1890). 
Fuchs C. W. (1866). 
Fuchs K. (1866-80). 
Fuchs T. (1872-76). 



Carini I. (1882). 

Carrey E. (1863). 

Chaix E. (1890-92). 

Christie Tumbull A. (1831-32). 

Cooke J. H. (1892) 

Coquand H. 

Contjean Ch. (1884). 

D'Archiac (1853-57). 
Daubeny Ch. (1826-51). 
Daubrée (1866-86). 
. Davy H. (1828). 
De Beaumont É. (! 836-66). 
De Borch (1776-80 e ristampa 

1796). 
Dechen (von) (1839). 
Deecke V. (1897) 
De Lue I. A. (1780-1806). 
De Saussure H. (1878-1888). 
Didimo (1840). 
Dietrich (in Ferber) (1776). 
Dolomieu D. (1788-95). 
Domnando (1835). 
Dotto de' Dauli G. (1845). 
Dupartì L. (1892-93). 
Du Pérou (1866). 
Durier C. (1880). 

Eichwald E. (1851). 

Falb R. (1875). 

Falconar H. (1859). 

Faujas de St. Fond. (1778-84). 



Geyler H. Th. (1876). 

Gibelin (179;3 traduzione italiana).. 

Goeppert (1879). 

Gosselet G. (1869). 

Gounot S. (1897). 

Gourbillon (de) A. (1820). 

Graebe D. (1866). 

Grandjean (1859). 

Gsell-Fels Th. (1877). 

Gumbel C. W. (1879). 

Hamilton W. (1772-84). 
Hauer (von) K. (1863). 
Heer o] (1845). 
Helmacker R. (1894). 
Herberger J. E. (1830-32). 
Hofr (von) K. E. A. (1822-41). 
Hoflfmann F. (1830-69). 
Humboldt (von) A. (1839). 
Hupfer. 

limoni I. (1839-41) 

Johnston-Lavis H. J. (1888-91)- 
Jones Th. R, (1860-97). 
Jullien Zohn J. (1880). 

Kraatz (von) K. (1896)^ 
Kircher At. (1678). 
Eudernatsch J. (1836). 

Lallemont (1792). 
Lang 0. (1892). 



Digitized by 



Google 



-OLII 



RESOCONTO DBLLA ADUNANZA GENERALE 



Lasaulx (von) A. (1878-80). 

Laube G. C. (1877). 

Leblanc (1858). . 

Ledoux C. (1875). 

Lenz 0. (1891). 

Leonhard (von). G. C. (1841-44). 

Loewe (1BB6). 

Lyell Ch, (1856-69 e nelle varie 

edizioni dei Frinciples ofgeo- 

logy). 

Malherbe A. (1841). 
Margollé (1877). 
Meyer A. B. (1893). 
Mojsisovics (von) E. (1896). 
Moli H. (1714). 
Montlément A. (1841). 
Moricaud S. (1819). 
Mrazec L. (1892-93). 

Neumayr M. (1887; trad. ita- 
liana 1896-97). 
Nougaret J. (1865). 

Odeleben (von). E. G. (1819). 

Paillette A. (1842-43). 
Palgrave F. (1836). 
Penk A. (1879). 
Pereira A. (1879;. 
Philippi A. (1834-46). 
PirsBon L. V. (1891). 
Plattner (1839). 
Pohlìg H. (1388-93), 
Poulett Scrope G. (1869-78). 
Power F. (1837-39). 
Prévost C. (1831-45). 
Prrystanoweky (von) R. (1822). 

<Juatrefage8 (de) A. (1847-66). 



Rammelsberg K. T. (1866). 
Rath (vom) G. (1870-79). 
Rebaux M. 
ReclnB E. (1866-77). 
Reyer E. (1877). 
Rodwell G. F. (1878). 
Rose G. 

Rosenbusch H. (1880). 
Rossi (de) M. S. (1879). 
Roth J. (1859-79). 
Rozet (1844). 
Rudolph E. (1896). 
Rutley F. (1878). 

Sainte-Claire-Deville Ch. (1847- 

65). 
Sartorias (von) Waltershausen W. 

(1846-61 e ristampa 1880). « 
Sauvage H. Ev (1871-73). 
Schaffer Fr. (1899).' 
Schmidt J. F. (1870-78). 
Schoun J. F. (1819). 
Schwager A. (1879). 
Schwager C. (1877-78). 
Silliman B. (1852). 
Simon L. (1833). 
Sjògren Hj. (1894). 
Smyth W. H. (1824). 
Stòhr E. (1876-80). 
Sndhaus S. (1898). 
Swinbnrne (1785). 

Thompson (1801-802). 
Tissandier G. (1877). 
Tschermak. 

Vallerant F. (1892-93). • 

Waters A. W. (1877-78). 
Winchelsea (conte di) (1669). 



Raffelsberger F. (1824). 



Zurcher (1877). 



ed altri, siano italiani o stranieri, specialmente viventi, che per 
Jbrevità ometto di nominare. 



Digitized by 



Google 



RB80COMTO DBLLÀ ADUNANZA GBNERALB CLIII 

Per maggiori indicazioni bibliografiche si possono consultare 
le seguenti pubblicazioni: * 

Bibliogrciphie géólogique et paléontolog. de l'Italie par les soins 
du Comité d'organisation dti 2.^ Congrès géolog. intemational à 
Bologne, Bologne, 1881, in 8.° Ved.: XIV. Provinces de Eeggio- 
Calabria et de Messina (pag. 285-803) ; XV. Provine, de Tra- 
pani, Palermo, Girgenti, Caltanissetta et Siracusa (pag. 305- 
316); XVI. L'Etna, la prov. de Catania, les iles Lipari, Ttle 
de Pantellaria et l'ile Ferdinandea, ou Giulia (pag. 317-380); 

Johnston-Lavis H. J., The South italian volcanoes, etc, Na- 
ples, 1891, in S.** (Ved. Bihliography of the Etna, pag. 109-164). 

Narbone A., Bibliografia sicida sistematica. Palermo, 1850-57, 
in 4 volumi. 

Mira G. M., Bibliografia siciliana. Palermo, 1875-84, in 
2 voi. Giunte e correzimii alla lettera A della Bibliografia 
siciliana di G. Mira. Palermo, 1881. 

Holm, Geschichte Siciliens in Alterthum. Leipzig, 1870-90. 

Marinelli, La terra, voi. IV. Parte ir (Italia), pag. 266-272 
(Etna) e note alle pag. 1384-86 (Palermo). 

Per le carte geologiche poi dell'intiera isola, ricorderò: 

Ferrara F., Carta mineralogica dell'isola di Sicilia, Ca- 
tania, 1810, scala 1 a 450.000 circa. 

Daubeny Ch., Geological map of Sicily, Edinburgh, 1825, 
scala 1 a 1.280.000. 

Hoffmann F., Geognostische Karte von Sicilien, Berlin, 1839- 
1869, scala 1 a 500.000. 

Brunfaut J., Carte sulfurifère de la Sicile, Paris, 1874, 
scala 1 a 800.000. 

E. Ufficio Geologico, Qarta geologica delVisola di Sicilia, 
Boma, 1883, scala 1 a 500.000. 

R. Ufficio Geologico, Carta geologica dell'isola di Sicilia, 
Roma, 1886. Scala 1 a 100.000, rilevata dal 1877 al 1882 e 
pubblicata per cura del R. Ufficio Geologico negli anni 1884-86, 
in 27 fogli con 5 tavole di sezioni. Serve come quadro d'u* 
nione ai 27 fogli la carta geologica precedente nella scala 
di 1 a 500.000. 



Digitized by VjOOQIC 



CLIV BBSOCOMTO DBLLÀ ADUNANZA GBNBRALB 

Baldacci L., Carta geologica della Sicilia nelle scale di 1 
milionesimo e di 1 a 500.000, che serve come quadro d'nnione 
per la carta geologica precedentemente indicata, nella scala di 
1 a 100.000. 

[La carta è unita alla Descrizione geologica delVisola di Si- 
cilia di L. Baldacci, Boma, 1886, un voi. in S."", che forma il 
voi. I.** delle Memorie descrittive della carta geologica d* Italia], 

Oltre le sopra indicate carte geologiche dell'intera Sicilia, 
se ne hanno parecchie altre, che si riferiscono ad una parte del- 
l'area sicula, come sono quelle di: 

Gemmellaro Carlo, Carta geologica dei vulcani estinti della 
Valle di Noto, 1829; Navone C.^ Carta geologica dello stretto 
di Messina, Torino, 1870, scala 1 a 20.000; Seguenza G., 
Carta geolog. dei dintorni di Barcellona e di Castroreale^ 
Boma, 1882, scala di 1 a 50.000 ; Cortese E., Schizzo geologico 
dello stretto di Messina, Boma, 1882, scala 1 a 50.000; Di 
Stefano G. e Cortese E., Carta geologica dei dintorni di Taor- 
mina, scala di 1 a 25.000, che fu unita in poche copie alla 
Guida geologica dei dintorni di Taormiìta, redatta dai medesimi 
autori, distribuita ai soci, che intervennero a quel Congresso, e 
stampata nel Bollett. d. Soc. Geologica Italiana, voi. X, 1891 ; 
e le carte geologiche dell'Etna riferentisi a porzione di terri- 
torio etnèo. Da ultimo, sono pure da nominarsi le carte mine- 
rarie, specialmente per le miniere di solfo, che trovansi pubbli- 
cate nelle Riviste del servizio minerario, stampate annualmente 
dal Corpo reale delle Miniere. 

Biguardo alle carte geologiche, esclusive per l'Etna, (senza 
indicare quelle in piccola scala (^) e le altre, che rappre- 

(^) Tra le carte geologiche in piccola scala, ricorderò quella, nella 
scala di 1 a 250.000, avente la data 1876, ma pubblicata nel 1879, da 
O. Silvestri ; Taltra dello stesso autore del 1883, annessa alla Eelazione 
^ulV eruzione deir Etna scoppiata il dì 22 marzo 1883; e le altre di 
Lyell Ch. (1859), di G. Mercalli (1883), di Gentile-Cusa B. (1886). 

Della carta topografica dell'Etna fu stampata una edizione, ridotta 
in piccola scala, con aggiunta di tutte le eruzioni posteriori alPanno 
1843, a Torino, in un foglio in 4.** 



Digitized by VjOOQIC 



RESOCONTO DELLA ADUNANZA GflNKRALE CLV 

sentano parte di territorio etnèo) (*), mi limiterò a segnare le 
seguenti : 

Recupero G., Carta orictografica di Mangibello^ Catania, 1815, 
scala di circa 1 a 170.000. 

Ferrara F., Carta delVEtna con indicazione delle lave, Pa- 
lermo, 1818. 

Le carte geologiche dell'Etna di É. de Bei^umont (1836-38), 
nella scala di 1 a 111.111 (*); le due carte pubblicate nel 
Geologisches Atlas (Stuttgart, 1841), da C, C. yon Leonhardt 
<^on le correnti di lava segnate secondo le indicazioni di Giu- 
seppe Gemmellaro; quella, ben conosciuta, di Sartorius von 
Waltershausen W., nella scala di 1 a 50.000 in 13 fogli, Frank- 
furt a. M., 1843; la stessa, ma in nero, che trovasi vtòW Atlas 
des Aetna, Weimar, 1848-61 ; quella di Carlo Gemmellaro, pre- 
sentata airAccademia Gioenia, e la Carta topografica dell'Etna^ 
'<»on indicazione delle lare in nero, Catania, 1860; di Zirbeck C, 
nella scala di 1 a 50.000; di Rodwell, 1878; di A. von Lasaulx, 
Karte des Aetna und scine Lavastròme, ricavata da quella del 
Waltershausen, nella scala ridotta, di 1 a 200.000, e con l'ag- 
giunta delle nuove eruzioni, Leipzig, 1880; la Carta vulcano- 
logica e topografica delVEtna di Emilio Chaix, nella scala di 1 
a 100.000, Ginevra, 1892, in gran parte redatta su quella di 
Waltershausen. 

Fra le antiche carte topografiche della Sicilia, menzionerò 
quelle, che trovansi nelle varie edizioni della Cosmographia uni- 

(^) Fra le carte geologiche rappresentanti un tratto di territorio 
etnèo possono citarsi quelle di:C. Lyell (1869): Sciuto-Patti C. (1873), 
per la città di Catania e suoi dintorni ; Baltzer A. (1874) ; Lasaulx 
(von) A. per la valle del Bove (1879); Baldacci L., Mazzetti L., 
Travaglia R. per l'eruzione dell'Etna del 1879 ; Gentile-Cusa B. (1886); 
Dal Verme L. (1886, nella scala di 1 a 75.000); Platania G. (1904) per 
i dintorni di Aci, nella scala di 1 a 25.(X)0, e di 5.000 per Pisola dei 
Ciclopi; ecc. 

(•) Annessa alla memoria Recherches sur la structure et sur Vori- 
gine du Moni Etna (Mém. pour servir à une descript, géologique de la 
France, etc, Tome IV, Paris, 1838; Ved. anche ^nnaZes des mines, III" 
sèrie, tora. IX, 1886, ove è stampata parte della memoria alle pag. 175-216 
« 575-630). 



Digitized by VjOOQIC 



GLVI RESOCONTO DELLA ADUNANZA GBNREALB 

versalis di Sebastiano Mtlnster (1541, 1550, 1552, 1575, ecc.); 
Taltra di Giacomo Ga«taldo piemontese « cosmographo in Ve- 
nezia » del 1545, che misura nell'incisione m. 0.87 X !»• 0.53; 
quella nel libro: Isole appartenenti alV Italia, descritte da 
F. Leandro Alberti bolognese, Venezia, G. Lodovico degli Avanzi, 
1567', (altra edizione: Venezia, G. Batt. Porta, 1581, in 4'' picc). 
Eicorderò ancora Topera del Cluverius Phil. (CItlwer): Siciliae an- 
tiquae libri duo, 1619, in fol.; la carta della Sicilia antica (Sici- 
liae veteris typus) di Giorgio Horn nella Accuratissima orbis 
delineatio sive geographia vetus sacra et profana, Amstelodami, 
apud J. Janssonium, 1660, in fol.; e la carta della Sicilia, che 
trovasi nel Theatrum orbis terrarum di Abramo Ortelio (An- 
tuerpiae Advaticorum, 1673, in fol.) Sicilia insula descripta a 
Jacobo Castaldo pedemontano cosmographo, che in sostanza è 
la riproduzione della carta topografica della Sicilia pubblicata 
da G. Gastaldo 128 anni innanzi, cioè nel 1545, precedente- ^ 
mente già accennata. 



Digitized by VjOOQIC 



CENNO SOMMARIO 

DELLE EIUNIONI ED ESCURSIONI 

FATTE DALLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 

NEL Sbttbmbrb 1904 



' Intervennero a tutte o ad alcune delle riunioni ed escursioni 
i soci: 

Ambrosioni, Aldinio, Bucca, Cerulli-Ibelli, Cleeici, Co- 
lomba, D'AcHiAKDi, Del Zanna, Di Franco, Di Stefano, Dompè, 
Galli, Lais, Meli, Platania, Ranfaldi, Reichenbach, Roccati, 
Rovereto, Sormani, Tonini, Statuti, Viola. 

Al mattino del 15 settembre buon numero di soci col pre- 
Bidente Meli, che in conformità di precedenti accordi si erano 
riuniti a Napoli, giunsero per ferrovia a Reggio Calabria, ove 
furono festosamente incontrati dai consoci Botti e De Stefano 
Giuseppe. Fatto un giro per la città si visitò l'Istituto tecnico 
con special riguardo alle collezioni di storia naturale fra le quali 
si conservano quelle mineralogiche e geologiche donate dal 
comm. Botti. A' cura della presidenza dell'Istituto venne offerto 
un rinfresco. 

Dopo la colazione, provveduta dal collega De Stefano, si risa- 
lirono in carrozza le alture dietro la città, ammirando la splen- 
dida vista dello stretto ; quindi a piedi, sempre guidati dal col- 
lega De Stefano, ci si internò in un vallone detto Carrubare e si 
visitò un giacimento fossilifero a Cyprina islandica, ben noto 
per gli studi di Scilla, Philippi, Giuseppe Seguenza, racco- 
gliendo in quelle sabbie ricca mèsse di molluschi e di briozoi. 

Alla sera, con chiaro di luna, si passò lo stretto col ferryboat 
ed alle 20 si scese a Messina ricevendo il saluto in terra sici- 
liana dal collega Sequenza, che si pose a disposizione dei soci. 

La mattina del 16, di buon ora, accompagnati dal Sequenza, 
si risali l'angusto vallone del Portalegno, che presto termina ad 



Digitized by VjOOQIC 



^LVIII E. CLERICI 

anfiteatro a ripide pareti, con belle sezioni naturali mostranti 
detriti e sabbie di roceie cristalline antiche, in basso, quindi 
sabbie e argille lacustri, poi argille marine, tripoli pure marini 
a Coscinodiscics, tutti del piano pontico, calcari e marne del- 
l'astiano e del siciliano ed infine, alla sommità, le sabbie lit- 
torali del quaternario. 

Si fece sosta alle mattonaie di Gravitelli ove si utilizzano 
le argille bluastre lacustri che contengono qua e là traccie di 
lignite. Si ebbero sul posto, oltre a frammenti ossei di poco 
conto, due bei molari isolati di Hippopotamus Sivalensis Falc. 
e un pezzo d'argilla con una mascella di Semnopithecus Mon- 
spessulanum Gerv. 

Si risali poi la strada che circonda la nuova cinta daziaria, 
donde si scopre una bella vista e si fece ritorno in città. Si 
visitò allora il Museo mineralogico e geologico universitario, 
soffermandosi specialmente alla bella raccolta dei vertebrati fos- 
sili pontici di Gravitelli e Scoppo, illustrata dal Sequenza nel 
voi. XXI del nostro Bollettino. 

Bestò ancora un po' di tempo per fare un giro per la città 
e vedere le cose più notevoli ed alle 12,32' si parti, per fer- 
rovia, alla volta di Catania. 

Lungo il percorso, bellissimo tanto dal lato del mare, che 
da quello delle alture, e per gli splendidi agrumeti, il presi- 
dente Meli forni molte notizie geologiche. Alle 16, 20'* si giunse 
a Catania. 



4> 



In conformità del programma, la mattina del 17 ebbe luogo 
l'adunanza inaugurale nell'aula magna della B. Università, con 
intervento di S. E. Pinchià, Sottosegretario di Stato per l'Istru- 
zione Pubblica, del prefetto comm. Bedendo, del prosindaco 
on. De Felice, del rettore prof. Clementi, dì molte autorità, 
largo stuolo di studenti e scelto pubblico. 

Dopo la seduta, si passò alla visita del Museo mineralogico 
e geologico universitario diretto dal collega prof. Bugca, ammi- 
randone l'ordine e l'eleganza e soffermandoci in particolar modo 
alla ricca collezione Etnea, alla splendida raccolta di zolfi, a 
•quella delle ambre, ai materiali da costruzione isiciliani. 



Digitized by VjOOQIC 



CENNO SOMMARIO DELLO RIUNIONI ED ESCURSIONI OUX 

Alle 13, all'Hotel Bristol, ebbe Inogo la colazione in onore 
di S. E, PiNcMiA, offerta dal Corpo accademico deirAteneo ca- 
tanese e dai geologi. 

Di poi con Tettare messe a nostra disposizione dal Muni- 
cipio, accompagnati dall'on. De Felice e da S. E. Pinghia, si 
visitò l'ospedale Vittorio Emanaele, gli scavi che si stanno fa- 
cendo in piazza Stesicoro per ritornare alla luce l'anfiteatro greco- 
romano. Indi si passò a visitare gli stabilimenti industriali : la 
raflSneria di zolfi Trewhella, il cotonificio del cav. Feo e lo 
stabilimento Insalare per la fabbricazione del solfuro di car- 
bonio, ne'quali si ebbero ampie spiegazioni sulle varie lavora- 
zioni, e dove furono offerti dei rinfreschi. 

18 Settembre. — Alle ore 7, con un tempo timidamente pio- 
vigginoso, i congressisti erano già riuniti alla stazione della fer- 
rovia Circum-Etnea, la cui Direzione aveva fatto approntare un 
treno speciale: si parti subito accompagnati dal vice-direttore 
cav. Bagusa e da altri funzionari. 

Alla gita prese parte anche S. E. Pinchia; si comprende 
facilmente quale festosa accoglienza e quanta affluenza di po- 
polo e di autorità colle rispettive bande musicali si trovassero 
lungo il tragitto in tutte le stazioni imbandierate per la circo- 
stanza. 

Alla stazione del Borgo si fece una breve sosta al catitiere 
della ferrovia Circum-Etnea ove ci furono mostrati, appena ulti- 
mati, i primi carri ferroviari, tutta opera del cantiere. 

Lo scopo della gita era quello di fare un largo giro intorno 
all'Etna per vederne i diversi profili. Il tempo, che dapprin- 
cipio era propenso alla pioggia, parve migliorare e le nubi si 
diradarono mano mano alquanto e permisero di vedere tutta la 
montagna fino alla vetta. 

L'entusiasmo della gente riunita nelle stazioni s'infonde 
ben presto anche in noi conquistati dall'impareggiabile succe- 
dersi di vedute ove si contendono il primato le orride lave 
nereggianti e i giganteschi cespugli di fichi d'India carichi di 
coloriti frutti, i bassi vigneti già in vendemmia e le altre col- 

XI 



Digitized by VjOOQIC 



CI.X E. CLERICI 

tirazioni. La ferrovia con ardito tracciato si eleva notevolmente, 
ed a Brente sorpassa i 900 metri sul mare. Da Ademò a Bronte 
e a Bandazzo attraversa campi sterminati di lave, immense fiu- 
mane colla superficie consolidata nella nota struttura cordata 
ed in altre forme le più bizzarre, fiumane che hanno investito 
dei rilievi di arenarie mioceniche ed eoceniche. Poco discosti, 
in alto, si ergono numerosi coni avventizi, minuscoli in con- 
fronto della montagna; ma paragonabili, alcuni, al Vesuvio per 
la quota raggiunta dalla loro sommità. 

Verso le 11 si giunse a Bandazzo, accolti, come nelle pre- 
cedenti stazioni, a suon di musica, dalle autorità e da folla 
plaudente. Nella residenza comunale fu offerto un vermouth, 
poscia, aspettando Torà della colazione, si fece uri giro per la 
città visitando i monumenti ed altri interessanti esempi di ar- 
chitettura normanna. 

Alle 15 si riparti da Bandazzo, però il rimanente della gita 
si effettuò quasi per intero colla pioggia. A Giarre-Biposto si 
discese, accolti come sempre festosamente, e nei rispettivi Muni- 
cipi si ebbero ricevimenti e rinfreschi. Presa la ferrovia della 
rete Sicula alle 20,30' si era di ritomo a Catania. 






19 Settembre. — Alle 9,30' si parti per ferrovia alla volta 
di Acireale. Alla stazione di questa elegante e tranquilla città 
fummo ricevuti dal ff. sindaco S. Grassi, dall'assessore baronello 
di S. Margherita, dal- presidente dell'Accademia degli Zelanti 
barone di Floristella, dal nostro consocio prof. Platania e da 
altre cortesi persone. Si visitò dapprima la biblioteca della B. Ac- 
cademia di scienze, lettere ed arti degli Zelanti, ricevendo mol- 
teplici informazioni sulle edizioni più pregevoli, sulla raccolta 
di libri ed opuscoli di Geologia e Vulcanologia di Orazio Sil- 
vestri, nonché sugli oggetti d'arte che vi si trovano, dai fratelli 
Baciti, bibliotecari, e dall'avv. Scuderi, presidente dell'Acca- 
demia Dafnica. Quindi si passò al palazzo del barone di Flo- 
ristella, ove si ammirò la stupenda collezione numismatica, 
unica per monete greco-sicule : il proprietario ne illustrò dot- 
tamente gli esemplari di maggior pregio, fra cui la famosa Are- 



Digitized by VjOOQIC 



CENNO SOMMARIO DELLE RIUNIONI ED ESCURSIONI CLXI 

tnsa. Qaindi, dopo breve sosta al Gabinetto di lettura della 
E. Accademia, fornito. di molti periodici scientifici, fummo ac- 
compagnati al giardino pubblico del Belvedere che ha una 
terrazza prospiciente al mare; un vero luogo di delizia. Nel 
vicino chalet fu ofiTerto un rinfresco a cura del Municipio. 

Dopo la colazione ci si diresse con vetture verso Aci Trezza 
ed Aci Castello per visitare le isole dei Ciclopi e le formazioni 
basaltiche colonnari. Ma appena messi in moto si scatenò un 
vero diluvio. Fu impossibile qualsiasi osservazione, e col primo 
treno passante per la stazione di Aci Castello si ritornò a Catania. 

Prevedendosi impossibile per Tindomani la gita all'Etna, il 
presidente decise di modificare il programma, lasciando frattanto 
liberi i soci di utilizzare il tempo come meglio potevano, il che 
fecero suddividendosi in gruppi. 



* 
* * 



20 Settembre. — La mattina del 20 il tempo non era molto 
migliorato, nondimeno un numeroso gruppo di soci volle riten- 
tare la gita ad Aci Castello e ad Aci Trezza. Si potè esaminare 
queirinteressante tratto di costa ove parecchie emissioni lavi- 
che si sovrappongono; ove i più antichi basalti mostrano in 
modo mirabile la divisione prismatica regolarissima. Nell'alta 
parete a picco su cui s'erge il Castello, il basalto è in forma 
di un ammasso di grosse palle alla lor volta formate da prismi 
raggiati. Si raccolsero campioni di basalto con belle zooliti, an- 
nidate nelle bollosità, e campioni del tufo palagonitico, pure esso 
ripieno di zooliti. Ad Aci Trezza si ammirarono i faraglioni, 
scogli piramidali di basalto prismatico; ma il mare essendo 
molto agitato, non si potè prendere la barca per avvicinarvisi 
e per scendere all'isola dei Ciclopi. Bitomati alla stazione dì 
Aci Castello, ove è visibile un enorme elissoide di basalto pri- 
smatico-raggiato, alcuni soci salirono a Nizzeti per raccogliere 
fossili nelle argille marine postplioceniche. Altri, preso il treno 
delle 9, ritornarono a Catania. Quivi visitarono il Museo e la 
biblioteca dei Benedettini e poscia l'Osservatorio astronomico 
e geodinamico, ricevuti dal flf. direttore ing. Mascari che mostrò 
i vari istrumenti intrattenendosi specialmente, a nostro desi- 



Digitized by VjOOQIC 



GLXII E. OLBRICI 

derìo, sai padiglione per la fotografia celeste ed ai sismo- 
grafi fra i quali ve ne ha uno a pendolo lungo ben 25 m. e 
colla massa di 300 kg. 

Alle 15 si tenne adunanza, nella sala delle lezioni del Mu- 
seo mineralogico e geologico, per il disbrigo degli afi*ari sociali, 
per le elezioni e per le comunicazioni scientifiche. 

Alla sera i congressisti assistettero, invitati dall'on. prosin- 
. daco, ad una serata di gala al Teatro Massimo « Bellini » rap- 
presentandosi la Figlia di Jorio di G. d'Annunzio. 

21 Settembre. — Alle 6 essendo cessata la pioggia ed il 
temporale della notte, si partì con vetture alla volta di Nico- 
losi, impiegando circa tre ore. Dirigeva la gita il socio Bucca. 
Il tempo si mantenne indeciso, ma non impedi che si potesse 
salire ai Monti Bossi ed ammirare la forma conservatissima dei 
crateri ed il paesaggio che deve essere incantevole quando il 
cielo è sereno e la montagna è tutta scoperta. 

L'avversità del tempo fece si che alcuni rinunziassero alla 
ascensione alla quale presero parte, neppure in gruppo unico, i soci 
Ambrosioni, Cerulli-Irelli, Del Zanna, Roccati, Rovereto, 
Tonini e Viola. Il collega Rovereto fu incaricato di redigerne 
la relazione. 

Gli altri fecero ritorno a Catania nel pomeriggio ed alla 
sera intervennero ad un ricevimento dato in loro onore nelle 
ampie sale del Municipio. 

L'on. De Felice colla sua abituale gentilezza s'intrattenne 
con tutti ì congressisti: si parlò delle nostre impressioni ripor- 
tate in Sicilia, del sicuro avvenire industriale di Catania. E 
portando il discorso sull'Etna che insistentemente si era celata 
al nostro sguardo fin dal giorno del nostro arrivo, l'on. De Fe- 
lice accennò ad un progetto di strada che permetta, a ricchi 
e poveri, naturalisti o semplici turisti, di accedere comodamente 
all'Etna a goderne le bellezze a ritemprare lo spirito nell'aria 
purissima ed in quel grandioso spettacolo della natura. 

Infine, assecondando un nostro desiderio, l'on. De Felice ci 
condusse al panificio municipale ove qualche centinaio di pa- 
nattieri erano al lavoro e cinquanta forni in azione. 



Digitized by VjOOQIC 



CENNO SOMMARTO DELLE RIUNIONI ED ESOURSIONI CLXIII 



22 Settembre. — Si parte alle 7,15' per Siracusa. La fer- 
rovia traversa dapprima la grande pianura alluvionale detta la 
Piana di Catania, col Simeto e il Gbfnalunga, quindi, presso 
Lentini, alcune colline con calcare conchigliare pliocenico e ba- 
salti e tufi basaltici. Si vede poi il bel golfo di Augusta colle 
saline: la ferrovia corre vicino alla costa ove si rimarcano i 
tufi vulcanici ed il calcare conchigliare postpliocenico, infine in 
prossimità di Siracusa si attraversa il calcare elveziano. 

Si arriva a Siracusa alle 10,15'. Si visitano gli avanzi del 
tempio di Minerva sui quali è edificato il duomo, dipoi il E. 
Museo Archeologico, la fonte d'Aretusa. 

Dopo la colazione alcuni soci si distaccano dalla comitiva 
per prendere il piroscafo per Malta. Gli altri si recano a ve- 
dere il teatro greco con lo splendido sfondo del mare, l'anfitea- 
tro romano, la via dei Sepolcri, le latomie, l'orecchio di Dio- 
nigi scavati nel calcare elveziano gremito di grossi Lithotham- 
nium, e le catacombe cristiane. 

Alle 16,30' si riparte per giungere a Catania alle 21,15'. 

* * 

23 Settembre. — Si parte da Catania alle 7,48' per la linea 
di Koccapalumba-Palermo che corre longitudinalmente per la 
Piana di Catania e risale la valle del Dittaino. 

In prossimità del M. Judica si lasciano i terreni quaternari 
e si entra nei diversi piani del miocene. 

Alla stazione di Imera erano ad attenderci il sig. Eliano 
Po LETTINI amministratore generale che rappresentava la Società 
Ing. Luzzatti e C, esercente la miniera di Trabonella, il 
sig. Conti direttore locale, i vicedirettori Eindonb e Lovullo, 
il consocio ing. Dompè e l'ing. Lovari del distretto minerario di 
Caltanissetta. Fatte le presentazioni, si andò alla miniera con car- 
relli trainati sul binario di servizio pel trasporto dello zolfo alla 
stazione. 



Digitized by VjOOQIC 



CLXIV B. OLBRICI 

Attirò subito il nostro sguardo una grandiosa sezione natu- 
rale all'opposto fianco della vallata la quale mostra una serie 
di strati notevolmente inclinati, cosi composti dal basso in alto : 
argille salifere del tortoniano - tfipoli - calcari solfiferi - gessi - 
trubi pliocenici - argille azzurre - arenarie del pliocene supe- 
riore. 

Le discussioni geologiche vengono interrotte da una lauta 
colazione offerta nei locali della Direzione, dopo la quale si 
visitò l'impianto elettrico per la tra:zione del minerale dall'in- 
temo della miniera, le motrici ed i gassogeni. Quindi divisi in 
vari gruppi si scese nelle principali sezioni della vasta miniera, 
che è la più importante della Sicilia, visitando tanto i lavori 
in cui il trasporto del minerale è fatto meccanicamente, quanto 
quelli in cui lo stesso trasporto è ancora eseguito parzialmente 
dai carusi. Si osservò la giacitura, il modo di escavazione, rac- 
cogliendo campioni di minerale, di tripoli, ecc. Si videro pure 
airesterno i calcaroni in attività ed una batteria di forni in 
costruzione del nuovo sistema Sanfilippo pel trattamento degli 
sterri o materiale minuto. 

Preso commiato dalle gentili persone che ci avevano usato 
tante cortesie, si risalì la collina, parte a piedi, parte con ca- 
valcature offerte dalla Direzione, per raggiungere la strada di 
Caltanissetta. Si attraversarono cosi i (rubi o marne a forami- 
nifere e le argille e le arenarie del pliocene. A Terra Pelata 
si vide una macaluba verificando la combustibilità delle bolle 
gassose che se ne svolgono. E colle vetture che erano venute 
ad incontrarci si giunse a Caltanissetta sul far della notte. Il 
consocio ing. Dompè, che era stato guida dell'interessante escur- 
sione, volle ancora riunirci ad un amichevole convegno all'Al- 
bergo Concordia. 

* 
* * 

24 Settembre. — Dato uno sguardo alle sabbie fossilifere 
plioceniche visibili nella città stessa, si parti alle 5,35' da Cal- 
tanissetta alla volta di Girgenti, ove si giunse verso le 10. La 
linea passa prima su terreni pliocenici, quindi sui vari piani 
miocenici e nuovamente sul pliocene nelle vicinanze immediate 
di Girgenti. Presso Kacalmuto, Grotte e Comitini, in piena zona 



Digitized by VjOOQIC 



CBNNO SOMMARIO DELLR RIUNIONI ED ESCURSIONI GtJtV 

solfifera, si mostrarono belle vedale e sezioni naturali; molti 
calcaroni e la caratteristica nebbia al fondo della ralle. 

Fatta colazione, si visitarono le antichità e specialmente il 
tempio di Giunone Lucina, quello della Concordia ed i ruderi 
del tempio di Ercole, tutti fatti di calca.re conchigliare plioce- 
nico, gli ipogei cristiani, e, lungo la strada, le argille ed iì cal- 
care conchigliare pliocenico. 

Si riparti alle 15,30' ed alle 19,50' si era a Palermo. 



4> 



25 e 26 Settembre. — A Palermo la comitiva, un po' assot- 
tigliata, ma ancora numerosa, fu guidata dal collega prof. Di Ste- 
fano. Si cominciò dal Museo geologico e mineralogico ove il 
compianto Gemmellaro ha accumulato tanti tesori, dalla ricca 
collezione di vertebrati quaternari a quella meravigliosa del 
permo-carbonifero. Vi ci trattenemmo a lungo ammirando ma- 
teriali editi ed inediti che ci venivano mano mano mostrati ed 
illustrati dal Di Stefano con vera competenza e con parola tra- 
boccante di affetto per il suo maestro. 

Col tram elettrico si sali poi a Monreale visitandone la Cat- 
tedrale e l'attiguo chiostro. 

Dna colazione offerta dal Di Stefano servi di chiusura defi- 
nitiva del congresso. 

Nel pomeriggio, ritornati a Palermo, si visitò la Cappella Pa- 
latina ed altri monumenti, l'Orto botanico, i giardini, le pas- 
seggiate e si accompagnarono al piroscafo alcuni colleghi che 
non potevano più oltre trattenersi. 

L'indomani, sempre guidati dal Di Stefano, che si rivelò 
anche ottimo cicerone, si visitò^ il Museo nazionale e si continuò 
il giro dei monumenti e la sera la comitiva, ormai troppo assot- 
tigliata, s'imbarcava per Napoli. 

E. Clerici. 



Digitized by VjOOQIC 



RELAZIONE DELL^ASCENSIONE SULL'ETNA 

COMPIUTA DALLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA 

IL 21 E IL 22 Settembre 1904 



Sottraendosi per dae giorni alle gentili accoglienze loro pro- 
digate dalle autorità, dai cittadini e dai colleghi di Catania, 
i soci : Ambrosioni, Cerulli, Del Zanna, Tonini, Roccati, Viola 
e il sottoscritto hanno compiuto l'ascensione dell'Etna; 

Da sacro amor costretti 

La vasta orma d'Empedocle 

Dal fumante li chiama ampio craier (*). 

Portatici a Nicolosi la mattina del 21 settembre, subito ne 
ripartiamo parte a piedi, pg,rte .su muli, essendo l'ora già al- 
quanto avanzata. Appena fuori del paese partecipiamo subito di 
quel fascino misterioso che ha sullo spirito di chi osserva ed 
investiga una regione vulcanica ; i muricciuoli a secco limitanti 
la strada, costrutti con frammenti di spugnose scorie laviche, 
il letto stradale di ceneri e di altri materiali vulcanici incoe- 
renti, sembrano come infuocati e che diano vampa al viso; il 
sinistro rilievo dei Monti Bossi, che nel 1669 ba ridotto ad un 
campo di lava la parte S.-O. di Catania, sita a 20 chilometri 
di distanza, e che si contomia subito dopo usciti dal paese, 
sembra ancora fumoso e ardenti. 

Non distruggono queste impressioni i lussureggianti vigneti 
ed i pometi, la grossezza dei cui frutti era già nota ad Ovidio, 
e fra i quali la strada continua ampia e polverosa. Non tar- 
diamo ad incontrare le lave della eruzione del 1886, provenienti 
dal M. Gemmellaro, e che produssero agli abitanti di Nicolosi 

(*) Cosi Mario RiipiBardi ai naturalisti radunati in Catania trenta- 
cinque anni or sono, e che salirono l'Etna il 27 agosto. 



Digitized by VjOOQIC 



RELAZIONE DBLI4' ASCENSIONE SULL^ETNA OLXVII 

angoscio inenarrabili, perchè passando tra i Monti Eossi e M. Pa- 
gano si arrestarono a soli 300 metri dal paese ; poi costeggiamo, 
ed anche attraversiamo, la colata del 1892, originatasi alquanto 
più a N., ma sulla stessa frattura del M. Gemmellaro, e le cui 
bocche d'eruzione formarono i Monti Silvestri. Le lave di questa 
colata, in parte sovrapposte a quelle del 1886, hanno ancora 
ben conservato per grandi tratti il loro mantello di scorie, e 
costituiscono un curioso contrasto per il loro dorso rilevato e 
nereggiante, insinuato in mezzo al verde dei vigneti in basso, 
dei castagneti più in alto. 

La piccola carovana giunge in tal modo, e rapidamente, per 
merito dei meravigliosi muli dell'Etna, docili, pazienti e pur agili 
e veloci, a Casa del Bosco, dove gode di un primo riposo, e 
dell'ospitalità offerta con la consueta cortesia siciliana dai cu- 
stodi della caseina. Qui terminano le vigne, e dopo una ristretta 
zona di castagneti, fra i quali la lava del 1892 manda un'apo- 
fisi linguiforme, si è fuori della regione boscosa e si attraver- 
sano estesi felceti, i quali a loro volta «essano, e prendono 
prevalenza i cespugli spinosi délVAstragalas sìcuIìas, i quali cre- 
scono a pane di zucchero coll'aumentare dèlie ceneri vulcaniche 
che cadono nel loro folto, e che essi trattengono. 

Prima però di questi caratteristici cespugli si incontra il 
rifugio detto Cantoniera Meteorico- Alpina (m. 1887), dal quale 
scorgesi assai bene l'allineamento dei conetti craterici dei Monti 
Silvestri, di cui il più basso, ha tuttora un pennacchio di bianchi 
vapori, e quello delle bocche del 1766, situate sulla stessa spac- 
catura. 

Queste spaccature, che hanno disseminato il versante per cui 
saliamo di innumerevoli coni, sono sempre radiali rispetto al 
cono centrale, e alcune volte si sono prodotte susseguentemente 
sui due lati opposti del cono, secondo la stessa generatrice. Il 
principale asse di tali spaccature, sui due versanti meridionale 
e settentrionale dell'Etna, parte dal cono centrale, ha una dire- 
zione meridiana, e corrisponde al cosi detto asse moderno o 
doleritico, in contrapposto all'asse antico o feldispatico della 
Valle del Bove. Questa antica osservazione di Mario Gemmellaro 
meriterebbe però ora di essere nuovamente esaminata, special- 
mente dal lato petrografico. Al fatto, che terminata la sua prima 



Digitized by VjOOQIC 



CLXVIU G. ROVERETO 

eruzione ogni cono avventizio e le sue bocche di fuoco si chiu- 
dono definitivamente, probabilmente perchè le lave rimangono 
rapprese nella spaccatura, si deve il gran numero di questi coni 
e gruppi di coni, ciascuno dei quali corrisponde ad un dato 
periodo eruttivo. 

Superiormente alla casa cantoniera, col cessare dei cespugli 
dell'astragalo, troviamo una prima tacca, ossia un deposito arti- 
ficiale di neve, fatto in una insenatura del terreno, e ricoperto 
con arena vulcanica per toglierlo dalla diretta azione dei raggi 
solari. Prima di giungere a Piano del Lago ci sorprende la 
notte, e due di noi salendo a piedi, essendo rimasti lontani dai 
compagni, vengono avvolti, nella massima oscurità, da una bufera 
da libeccio con nevischio, per cui riesce loro diflBcile Torien- 
tarsi; però non tardano anch'essi a giungere all'Osservatorio 
(m. 2.950), dove tutti, per disposizioni date dal prof. Ricco, 
troviamo ristoro ed un buon letto nelle stanze riservate al per- 
sonale dell'Osservatorio. Di questa squisita attenzione ci profes- 
siamo profondamente grati al solerte e geniale investigatore 
della geodinamica etnea. 

La mattina seguente, suU 'albeggiare, si intraprende la salita 
del cono centrale, ostacolata alquanto da un vento fortissimo. 
A pochi metri dall'Osservatorio, forse secondo la spaccatura 
determinatasi durante l'eruzione del 1883, vediamo una debole 
fumaruola di vapore, ed un trecento metri più distante il sof- 
fione del cosidetto Vulcarolo. A metà delle pendici del cono 
cominciano le emanazioni, fra le quali predominano quelle di 
anidride solforosa, e quando giungiamo sull'orlo del cratere 
diventano veramente abbondanti, e quasi ci asfissiano. 

Ma ciò che noi vediamo è veramente sorprendente ed im- 
pressionante. Il baratro craterico si scorge intero, col suo fondo 
fumoso di emanazioni micidiali, coi suoi fianchi dirupati, incro- 
stati di zolfo, e con l'orlo accidentato e rotto dalle frane. Non 
ha forma imbutiforme, ma cilindrica, con le pareti a picco, in 
nessun punto però strapiombanti, senza coni secondari, con il 
fondo situato a un centocinquanta metri di profondità, un po' irre- 
golare, senza notevole circuito di detriti e presentante delle de- 
pressioni, dalle quali provengono le più abbondanti emanazioni 
sotto forma di vapori bianchi. Tutto ciò osserviamo assai bene 



Digitized by VjOOQIC 



RELAZIONE DBLL^ASGENSIONB SULI/BTXA CLXIX 

dalla Belletta deirorlo craterico situata a capo del sentiero diret- 
tamente proveniente dairOsservatorio, e a poca distanza dalla 
quale si eleva una laceratura della cresta, che costituisce la 
massima altitudine dell'orlo craterico, che secondo Tultiraa mi- 
surazione è di m. 3.274. In complesso il cratere trovasi quindi 
nelle eguali condizioni descritteci dal Mascari, dopo le esplo- 
sioni del 19 e del 25 luglio 1899. 

Particolare curioso, Torlo del cratere è ghiacciato, e occorre 
la punta del martello per raccogliere dei frammenti di lava 
saldati al suolo dal ghiaccio. 

La discesa dal cono ci dà modo di fare altre osservazioni che 
ci sono molto istruttive. Passiamo vicino al cratere del 1819, 
e giungiamo sulla cresta della cerchia abbracciante la grande 
depressione della cosidetta Valle del Bove, la quale per le sue 
ripide ed arcuate pareti, e per essere casualmente chiusa verso 
il suo sbocco da un folto di nebbia, ci appare come un grande 
e rovinato cratere. Fu questo infatti il pensiero che ebbe per 
primo Mario Gemmellaro, condiviso in seguito da suo fratello 
Carlo, il quale invocò anche, e giustamente, l'azione di una po- 
tente denudazione posteriore ; ma non potè sottrarsi per intero 
ai preconcetti della sua epoca, e credette quindi che un grande 
sprofondamento avesse accentuato la depressione e aumentato la 
ripidità delle pareti. 

Osserviamo che gli strati di lava e di ceneri delle Rocche 
Gianicola, facenti parte della cinta di questo supposto cratere, 
si immergono sotto il cono centrale, e che questo quindi appare 
come posato e nato sui fianchi del cratere antico, ad esso ante- 
riore e forse primitivo. L'enorme quantità di materiali che il 
cratere ora attivo deve avere versato nel sottostante, l'azione 
meteorica, l'opera dei crateri secondari, manifestatisi posterior- 
mente, e, se si vuole, anche una squarciatura per esplosione 
obliqua verso levante, sono più che sufficienti a spiegare l'alte- 
razione delle forme che ha subito tale primitivo sbocco etneo, 
e la sua attuale modificazione nella accidentata conca detta 
Valle del Bove, che in realtà, più che la forma di valle, ha 
piuttosto quella di una irregolare e rovinata caldera. 

Il Waltershausen per primo ha visto anche traccie di un 
antico cratere nel Piano del Lago, che noi attraversiamo dia- 



Digitized by VjOOQIC 



OLXX 6. nOVERETO 

gonalmente dopo avere osservato la valle del Bove. Ma ciò è 
assai meno evidente, ed anzi si potrebbe forse sostenere che non 
è affatto vero, perchè in realtà gli orli di levante di qnesto 
supposto cratere sono qaelli stessi della valle del Bove. Anche 
il superiore e cosidetto cratere ellittico, da cui si eleverebbe il 
cono attuale, e che costituisce quel pianalto sul quale sta ad 
un estremo TOsservatório, potrebbe essere dovuto ad un riem- 
pimento operato dal cono centrale nell'intercapedine intercor- 
rente fra esso e l'orlo della valle del Bove. Ad ogni modo, 
anche convenendo nell'idea del Waltershausen, bisogna preci- 
sarla asserendo, che non si tratta di diversi crateri, ma di un 
unico a mano a mano cresciuto in altezza con coni sovrapposti, 
che gradualmente subivano una diminuzione nel loro diametro 
basale. 

Per lo studio della morfologia vulcanica è interessante l'os- 
servare quel grande incavo circolare, a pareti a picco, a fondo 
imbutiforme, detto la Cistemazza, che trovasi sui confini del 
Piano del Lago, dovuto ad una sola esplosione avvenuta du- 
rante Teruzione del 1792, senza notevole emissione di materiali 
solidi, per cui è solo un foro craterico, senza cono. Le depres- 
sioni lacustri maare dell'Eifel hanno la stessa origine. 

Pur troppo però la necessità di ritornare per tempo a Ca- 
tania ci costringe ad abbreviare le nostre investigazioni, e rapi- 
damente scendiamo al basso per la strada della salita, e quando 
già giunti sulla ridente strada fra Nìcolosi e Catania diamo 
un ultimo sguardo al gigante che abbiamo calcato, esso emette 
una densa nube di vapori che stranamente contrasta con l'az- 
zurro del bel cielo siciliano. Possa tu rendere perenne questo 
attuale riposo, ed essere sempre benedetto dalla ricca e fertile 
regione che hai prodotta! 

Genova, 10 ottobre 1904. 

G. Rovereto. 



Digitized by VjOOQIC- 



G. G. GEMMELLARO 



Commemorazione del prof. Lorenzo Bucgà 



Il nome di Gemmellaro è rilegato intimamente alla storia 
dell'Etna. Guardando questo maestoso valcano, si richiama alla 
mente una intera famiglia : Carlo, Mario, Giuseppe Gemmellaro; 
tutta dedicata allo studio dell'Etna, con quell'ardore, con quel- 
l'entusiasmo tutto proprio di quella benedetta alba dell'Italia 
nuova. 

Le scintille partite dalla rivoluzione francese non erano spente, 
«sse covavano nuovi fuochi, che si estrinsecavano non solo con 
i tentativi di rivolta per riacquistare la libertà, ma con quella 
falange di grandi nelle scienze e nelle arti, che diedero dritto 
a questa Italia d'essere nazione civile. 






Qui il Gioeni dava i primi spruzzi del suo genio, che me- 
glio dovea svolgersi nella storia del Vesuvio e del Somma; qiii il 
Giuseppe Becupero, abbozzava la prima Storia delVEtna^ tacciata 
di errori e di inesattezze, ma grande opera, se si pensa ch'essa 
aprì la strada à tutte le altre del genere che si seguirono; qui 
il nipóte, Geronimo Recupero, degno successore del Gioeni alla 
cattedra di StòYÌa naturale dell'Ateneo, infuse nell'animo dei 
giovani il suo éiìtusiasmo per la scienza positiva, e prodigò ad 
essi le sue profonde conoscenze in tutti i rami della Storia na- 
turale; ed intanto venivano su e si rendevano celebri nell'isola 
nostra e fuori: il Ferrara,^ l' Alessi, il Maravigna ed altri ancora. 
E tutta questa pleiade di dotti sentiva il bisogno di comuni- 
care cogli scienziati di terra ferma e dell'estero; e quindi li 



Digitized by VjOOQIC 



CLXXII G. G. GEMMELLARO 

vediamo in intima corrispondenza di affetto e di studi con l'Ha- 
milton, Saussure, con v. Buch, con A. v. Humboldt, col Werner, 
col Brocchi, Spallanzani, Dolomieu, ecc. Ma questa pleiade di 
dotti un altro bisogno sentiva, quello di affratellarsi, di riu- 
nirsi in fascio, per costituire una personalità unica. Ed ecco 
che al 1824 è fondata in questo Ateneo l'Accademia Gioenia, 
una delle più vecchie e delle più venerate Accademie scienti- 
fiche, dove fu tenuto alto il nome italiano, e vivo l'ardore nei 
giovani per il culto della scienza positiva. 

Questa fu l'epoca che vide sviluppare la giovane mente del 
compianto professore G. G. Gemmellaro, nostro amatissimo mae- 
stro. Alla scuola del Maravigna egli assimilò quella tenacia, 
quella resistenza agli studi, «quella fermezza di carattere che gli 
aprirono la splendida carriera. A chi pensa l'influenza esercitata 
da L. V. Bueh e da E. du Beati mont, colla loro teoria dei cra- 
teri di sollevamento, teoria accettata generalmente e ciecamente 
dappertutto, meraviglierà che in Maravigna trovarono i due il- 
lustri geologi uno dei più accaniti oppositori ; e benché i lavori 
del Maravigna non fossero andati tanto lontani come quelli del 
V. Buch, di E. de Beaumont e seguaci ; però il fatto di tenére 
un posto rispettato alla base dell'Etna, del più grande vulcano 
dell'Europa e dell'antichità, non pesava poco ! E quando il ge- 
niale Lyell veniva a trovare anche qui argomenti per combat- 
tere la teoria dei crateri di sollevamento, oltre agli esempi dei 
fatti, trovava delle convinzioni già assodate dei suoi principi 
d'attualismo. 

E il Gemmellaro lavorò anche col Lyell, e diverse cose pub- 
blicò sull'Etna: però la sua mente avea bisogno di espandersi 
su campi più vasti, e non limitarsi alla determinazione più o 
meno probabile di questa o quella colata di lava. Ripigliò per- 
tanto con un indirizzo nuovo lo studio dei minerali dell'Etna, 
già toccato da Maravigna, da Dolomieu, da Spallanzani. E 
cosi vediamo i lavori di Mineralogia del Gemmellaro, cioè : Sul 
ferro oligisto di Monte Corvo. — Descrizione di alcune specie 
mineralogiche de* vulcani estinti di Pala^gonia^ lavori che per 
lo stato in cui si trova attualmente la mineralogia, son ben 
poca cosa; ma per l'epoca rappresentavano un progresso notevo- 
lissimo nelle conoscenze mineralogiche, e davano affidamento 



Digitized by VjOOQIC 



O. O. GBMMBLLARO CLXXIII 

che il Gemmellaro fermandosi alla Mineralogìa, avrebbe acqui- 
stata non minor fama di qnella, di cui oggi gode in Paleontologia. 

Ma chiamato alla cattedra di Palermo, a sedere là dove ri- 
fulse fulvido quell'astro di Domenico Scinà, si propose un piano^ 
un programma, che parea impossibile, non che di sciogliere^ 
solo di tentare. Ma egli non solo l'iniziò; ma colla sua ferrea 
volontà svolse, ingrandi e completò, per onorare la Sicilia e 
l'Italia. 

Come ? L'ha già detto egregiamente. il collega Di Stefano, suo 
diletto e degno, discepolo, da lui chiamato al letto di morte,, 
perchè gli succedesse e continuasse l'opera sua grandiosa. 



* 
* • 



In quest'aula, dove ancora risuona la voce di tanti illustri 
naturalisti, giuristi, artisti, che onorano queste mura sacre alla 
Scienza, aleggia ora lo spirito di Gemmellaro. Egli è venuto a^ 
portare il suo saluto a questa gentile e forte Eccellenza, che 
ha voluto associarsi al nostro omaggio: a portare il suo sa- 
luto ai suoi discepoli, ai vecchi e giovani amici della Società 
geologica italiana; ai suoi vecchi maestri, agli amici, ai con- 
giunti e alla sua diletta Catania. 

Gemmellaro! finché Catania sarà orgogliosa dell'onore dei 
suoi figli, terrà vivo il culto della tua memoria, e vivo sarà- 
quello dei tuoi discepoli e dei geologi italiani. 



Digitized by VjOOQIC 



GAETANO TENORE 



Commemorazione del prof. Francrsco Bassani 



Gaetano Tenore, nato a Napoli il 18 Novembre del 1826, 
^appartenne a una famiglia di benemeriti. L'avo paterno, Vin^ 
•cenzo, era medico; il padre, Tommaso, ingegnere dèi Genio ci- 
Tile. L'illustre botanico Michele, senatore del regno, gli era zio. 
Dei suoi cinque fratelli, tutti premorti a lui, Vincenzo fu pro- 
fessore di botanica nella Scuola di medicina veterinaria di Na- 
poli; Michele, procuratore del re presso la Corte di cassazione 
della stessa città; Luigi, ^nche magistrato; Francesco, chirurgo 
nell'ospedale napoletano degl'Incurabili, e Baffaele, colonnello 
del Genio. 

Eicevuta la prima educazione letteraria a Chieti, dove il 
padre dimorò lungamente per ragione di ufi&cio, egli compi gli 
studii a Napoli, laureandosi ingegnere il 6 Settembre 1845. 
L'8 Gennaio del '50, in seguito a concorso, fu ammesso alunno 
alla Scuola di applicazione dei Ponti e Strade, e, meno di 
tre anni dopo, venne scelto dal Governo come membro, per 
la parte scientifica, di una Commissione composta di ufficiali 
di artiglieria e incaricata di ricercare le miniere ferrifere nella 
Terra di Lavoro e di riferire intorno alle loro condizioni e alla 
eventuale convenienza di utilizzarle. Nel '56 fu promosso aspi- 
rante alunno ingegnere, e nel '59 proclamato alunno ingegnere 
e applicato allo stabilimento siderurgico di Atina (Caserta), che, 
al pari degli altri di questo genere, dipendeva dalla Direzione 
di artiglieria. Nell'Agosto del 60 ebbe l'incarico dell'insegna- 
mento della mineralogia e geologia nel Liceo di Avellino, al 
quale rinunciò poco dopo. Nominato l'anno appresso ingegnere 
di 3^ classe nel Corpo del Genio civile, fu destinato ad Aquila 



Digitized by VjOOQIC 



GAETANO TBNORK CLXXT 

e contemporaneamente incaricato dello stesso insegnamento in 
quel Liceo. Da Aqnila (dove, nel '62, condusse in moglie la si- 
gnora Maria Altobelli, figlia di un distinto medico abruzzese) 
passò a Caserta, poi a Salerno e, finalmente, nel '71, a Napoli, 
raggiungendovi il grado d'ingegnere di 1* classe. Anche qui 
insegnò per qualche tempo, in qualità d'incaricato, mineralogia 
e geologia nella Scuola di applicazione per gl'ingegneri, alla 
quale .apparteneva dall'85 come libero docente. Il 5 Maggio 
del 1889, dopo quarant'anni di onorati servigi, fu collocato a 
riposo. 

Fin dalla prima giovinezza egli si diede a studii di geolo- 
gia, coltivandone specialmente le applicazioni. Già nel '44 (aveva 
allora diciott'anni) espose alcune osservazioni sui dintorni di 
Eoccamonfina, eseguite in un rapido giro di due giorni, fatto 
in compagnia del padre, e poco dopo forni brevi notizie sulla 
pietra da calce e sulle fornaci da calcina per la provincia di 
Caserta. Il 1** Gennaio 1849, nella solenne adunanza dell'Acca- 
demia degli Aspiranti naturalisti tli Napoli, lesse, per incarico 
di quella Presidenza, l'elogio funebre di Leopoldo Pilla (stam- 
pato, per varie vicende, oltre vent'anni dopo), pieno di ammi- 
razione verso il grande geologo venafrese, morto eroicamente 
sul campo di battaglia per la libertà della patria. Nel '51, quandi 
era alunno nella Scuola di applicazione dei Ponti e Strade, pub- 
blicò in un grosso volume, corredato di parecchie tavole litogra- 
fate, un corso di lezioni di mineralogia, ricco di notizie sulle 
applicazioni dei minerali e accompagnato da un trattatello teo- 
rico e pratico di litologia. Più tardi stampò un rapporto intomo 
alle ricerche compiute dal '53 al 55 sulle montagne circostanti 
al bacino di Alvito, come membro della Commissione governa- 
tiva per l'esame di quelle miniere ferrifere, dedicandolo allo zio 
Michele Tenore, che aveva guidato i primi passi di lui e verso il 
quale nutriva sentimenti di grande affezione e di riconoscenza de- 
vota. A questo lavoro, riguardante soltanto il distretto di Sora, e 
all'altro, pubblicato nei primi anni giovanili, intonio ai monti com- 
presi tra Cassino e il fiume Melfa, fece seguire, nel '72, una me- 
moria particolareggiata sull'industria mineraria e sulla costitu- 
zione geologica della Terra di Lavoro, allegandovi la carta geolo- 
gica della provincia, alla scala di 1 : 280,000, di cui aveva già 



Digitized by VjOOQIC 



■CLXXVI GAETANO TENORE 

dato xm saggio nel '67, in occasione dell'Esposizione intemazionale 
di Parigi. In questo studio, dopo aver descritto la topografia, l'oro- 
grafia e l'idrografia della regione, egli tratta dei suoi prodotti mi- 
nerali utili all'industria — annoverandovi la limonite, le ocre, la 
pirolusite, il calcare bituminoso, il calcare compatto, il travertino, i 
marmi, le argille, le marne, i tufi vulcanici, le lave e i combusti- 
bili fossili — e passa rapidamente in rassegna le principali for- 
mazioni sedimentarie che la compongono. In seguito, mise fuori 
una monografia su l'industria del ferro e dell'acciaio in Italia 
dopo il 1860, nella quale, premesso un capitolo relativo ai com- 
bustibili minerali e vegetali nella nostra industria siderurgica, 
prende in esame i minerali di ferro, le sostanze refrattarie e le 
sostanze cooperanti alla prima fabbricazione del ferro e dell'ac* 
ciaio, studia i modi di fabbricazione di questi due corpi e della 
ghisa, ed espone in ultimo alcune osservazioni generali sul- 
l'industria siderurgica italiana. Scrisse pure su l'importanza 
storica e industriale del giacimento liraonitifero di Mongiana 
in Calabria. Trattò su l'industria dei colori minerali, da fon- 
darsi nel circondario di Sora, che, secondo la convinzione di 
lui, sarebbe potuta sorgere in quella contrada, giovandosi dei 
depositi ocracei e manganesiferi ivi esistenti, senza bisogno 
di apparecchi molto costosi e di notevoli capitali d'impianto. 
Si applicò allo studio delle pietre naturali da costruzione e 
da decorazione, parlando anche intomo al modo più oppor- 
tuno dì classificarle, e si occupò dei giacimenti petroleiferì della 
valle del Liri in Terra di Lavoro e della loro impoiianza indu- 
striale. Diede alle stampe una memoria per contribuire all'at- 
tuazione del voto, promosso da lui nel Congresso degl'ingegneri 
-e architetti tenuto a Soma nel 1883 e approvato all'unani- 
mità, che nelle Scuole di applicazione fosse dato uno sviluppo 
allo studio dei mezzi atti a consolidare i terreni per loro na- 
tura franosi, allo scopo di renderli tanto stabili da assicurare 
le costruzioni stradali; e che ai progetti di strade, e particolar- 
mente di ferrovie, dovesse essere congiunto uno studio geologico, 
il quale determinasse in limiti sufficienti la natura dei terreni in 
cui cadono i tracciati. Propose un progetto di massima per il 
definitivo e più economico assettamento della frana caduta alcuni 
anni or sono lungo la spiaggia di Posillipo, presso Napoli, nella 



Digitized by VjOOQIC 



GAETANO TBNORE CLXXVII 

<]uale, dopo i provvedimenti adottati, si erano determinate naove 
lesioni. Sostenne a varie riprese, contro l'opinione del Vicat, il 
primato idraulico delle pozzolane ferrifere della Campania, e 
trattò del tnfo vulcanico delle provincie napoletane e delle sue 
applicazioni alle costrazioni, riassumendone le condizioni litolo- 
giche, topografiche, geologiche, tecniche ed economiche. Illustrò 
alcune cave di calcare argillifero e di calcare maraoso delle 
Provincie di Caserta, di Campobasso, di Aquila e di Salerno, rile- 
vando l'opportunità di sperimentarle su larga scala e, in seguito, 
di coltivarle, allo scopo dì promuovere l'industria del cemento 
« della calce idraulica. E negli ultimi anni scrisse ripetuta- 
mente sulla industria carbonifera in Italia, per farla sorgere 
anche nelle provincie meridionali, e, prendendo argomento da 
nna monografia dell'ingegnere Vittorio di Matteo sui combusti- 
bili fossili dell'Italia meridionale, si occupò in modo speciale 
dei giacimenti lignitiferi di Agnana nella Calabria e della valle 
del Sabato nel Beneventano, discutendo intorno ai mezzi più 
acconci per trarne vantaggio. 

In quasi tutte le sue pubblicazioni, anche fra le antiche, 
domina un'idea, costante, infrenabile: l'impianto d'industrie 
estrattive nel Mezzogiorno della nostra penisola. Egli ne era un 
propugnatore ardente, e nei congressi scientifici, nelle riunioni 
accademiche, nella scuola, nei convegni amichevoli, sempre e 
dovunque, ne parlava con fede profonda. Le lunghe ricerche 
personali fatte tanti anni addietro nella Terra di Lavoro per 
incarico del cessato Governo e le altre compiute più tardi nelle 
varie provincie da lui successivamente abitate per ragione di 
ufficio, gli erano fitte in mente ; e, mentre le ricordava con 
evidente compiacenza, se ne serviva per affermare che l'Italia 
meridionale contiene ricchezze naturali a dovizia, di cui non 
sappiamo giovarci. Egli diceva che l'industria mineraria nel 
nostro paese, rimasta ancora, per difetto di studii tecnologici, 
a un grado molto modesto e a processi quasi sempre insuffi- 
cienti, non può interessare né raddoppiare attività e capitali; 
giacché, coi metodi ordinariamente impiegati per esercitarla, 
cesta troppo e rende poco, né riesce in alcun modo a sostenere 
la concorrenza straniera. E lamentava la scarsezza di queste 
pratiche cognizioni, per la quale (aggiungeva) noi ci troviamo 



Digitized by VjOOQIC 



CLXXVIII QABTANO TENORE 

a un livello inferiore e diamo perciò modo a Società forestiere 
di arricchirsi nella estrazione e, qael ch'è più doloroso, dì spe- 
culare sulla preparazione del materiale greggio raccolto nelle 
miniere italiane. Egli deplorava spesso la nostra poca energia 
e la mancanza di spirito di associazione, che c^impediscono di 
rompere il giogo dell'importazione dall'estero e di menar vita 
rigogliosa. Augurava con tutte le forze che sorgessero Società 
industriali potenti, le quali, sborsati i fondi necessarii e fatti 
gli esperimenti opportuni, piantassero e sviluppassero neiritalia 
meridionale, con solide basi e su larga scala, le industrie estrat- 
tive e sopratutto la siderurgica e la carbonifera, alla quale in 
questi ultimi anni aveva rivolto la mente con ferma credenza 
e con pertinacia invincibile. Egli stesso aveva impiegato e, pur- 
troppo, perduto molto denaro in azioni di Società, che, pur mi- 
rando a un utile e lodevole scopo, erano state costrette a ces- 
sare per indirizzo poco razionale; ma il danno sofferto non 
l'aveva scoraggiato. E perseverava nella sua idea, chiamando 
a raccolta i capitalisti volonterosi, proponendo progetti e sug- 
gerendo provvedimenti. Eccitava il Governo a interessarsi diret- 
tamente della questione e a concederle tutto il suo patrocinio,, 
ordinando esplorazioni più profonde di quelle eseguite fino 
allora, o, almeno, a spronare i privati con incoraggiamenti no- 
tevoli, affinchè associassero le loro forze per raggiungere lo scopo. 
Né si sgomentava dell'indifferenza altrui e degli ostacoli, ma 
rinnovava con tenacità i suoi suggerimenti e i suoi voti, di- 
cendo sovente: Gutta cavai lapidem non vi, sed saepe cadendo, 
E talvolta s'infervorava cosi, che sembrava quasi impetuoso. 

Porse, nel suo zelo per ogni argomento di pratica utilità, egli 
era un po' troppo insistente e, senza avvedersene, si ripeteva e pec- 
cava di soverchia lunghezza negli scritti e nei discorsi, la quale 
nuoceva ai concetti di lui; forse, il grande affetto per la terra na- 
tiva e il desiderio intenso di vederla fiorente gli facevano velo e 
lo rendevano troppo ottimista; forse, nel suo entusiasmo incon- 
dizionato per i prodotti naturali dell'Italia meridionale, egli 
s'illudeva intorno al loro valore e non considerava abbastanza 
che, in generale, gli assaggi già praticati avevano dimostrate 
difficili le circostanze economiche delle varie località e poco 
•Boddisfacenti le condizioni di giacitura del materiale coltivabile 



Digitized by VjOOQIC 



GABTAKO TBNORB CLXXIX: 

e la saa qualità; onde spiegavano, fino a un certo punto, la. 
scarsa intraprendenza e l'eccessiva cautela del Governo e del 
pubblico. Ma, in fondo, egli merita lode, giacché cercava di 
scuotere la generale apatia; e, in ogni modo, era mosso da un 
nobile intento, poiché (giova ripeterlo) egli credeva fermamente 
che nelle vagheggiate industrie si racchiudesse una fonte sicura 
di prosperità nazionale. D'altra parte, è pur necessario ricono- 
scere che quasi tutte le indagini fatte fino a questo momento- 
nel Mezzogiorno d'Italia sono state piuttosto superficiali e non 
autorizzano a dare giudizii definitivi su l'entità dei giacimenti 
esplorati. 

La sua operosità scientifica gli valse premi ed onori. Già 
nel '47 era socio dell'Accademia degli Aspiranti naturalisti di 
Napoli, e più tardi, fra il '49 e il 70, venne successivamente 
nominato, con approvazione sovrana, socio corrispondente delle 
Società economiche di Terra di Lavoro, di Avellino e di Prin- 
cipato Citeriore. Dal 1881 apparteneva, come socio ordinario^ 
all'Istituto d'incoraggiamento e dal '98 alPAccademia Ponta- 
niana di Napoli. La sua monografia su « l'industria del ferro 
e dell'acciaio in Italia dopo il 1860 », presentata al concorso 
bandito per il '75 dal suddetto Istituto, meritò la medaglia 
d'oro. Nella Esposizione nazionale di Milano del 1881, a cui 
prese parte con una raccolta di piccoli campioni di prodotti 
naturali dell'Italia meridionale, quasi tutti scoperti o illustrati 
da lui, ebbe la menzione onorevole. Era u£Gziale dell'Ordine- 
della Corona d'Italia. 

Fu amantissimo della famiglia, che educò e mantenne signo- 
rilmente. Agiato per eredità patema, crebbe il suo patrimonio^ 
con la parsimonia, con gli onesti guadagni e specialmente con 
una mirabile amministrazione domestica. Strettamente economo,, 
faceva conto di ogni cosa, anche d'infimo costo; ma, all'occor- 
renza, sapeva largheggiare. In casa dominava, provvedendo diret- 
tamente a tutto e tenendo un ordine esemplare. Sollecito e pre- 
ciso nell'adempimento del proprio dovere e di ogni impegno, 
esigeva che gli altri si comportassero con lui altrettanto esat- 
tamente; onde talvolta pareva ruvido ed aspro. Ma chi lo giu- 
dicava cosi s'ingannava: sotto la corteccia scabra batteva uni 
ottimo cuore. Ben lo sa la diletta compagna della sua vita^ 



Digitized by VjOOQIC 



•GLXXX GAETANO TJBMORE 

nella qaale egli ave^a avato la fortuna d'incontrare una donna 
buona, gentile, caritatevole, che, pur secondandolo, ne tempe- 
raya opportunamente la rigidezza. Operosissimo, soleva levarsi 
di buon mattino e chiudeva la giornata quando aveva com- 
piuto tutto ciò che s'era proposto di fare, oltre i doveri del- 
l'ufficio e della professione. Nei momenti di riposo volgeva le 
cure alla sua ricca collezione geognostica, che gli era costata 
lunghe e intelligenti ricerche e per la quale "nutriva un grande 
interesse. Con nobile pensiero, legò i minerali e le rocce del 
Vesuvio e del Monte Somma in essa conservati al prof. Mat- 
teuc^ci, direttore dell'Osservatorio vesuviano, il quale li farà 
comparire nel museo vulcanologico, da istituirsi nell'Osservatorio 
atesso. 

La salute del nostro collega sub! una grave scossa qualche 
anno fa, quando gli fu miseramente strappato il figlio Alberto, 
dottore in medicina, morto ventisettenne per infezione settica 
«adaverica. Quell'eccellente giovine, che dava le maggiori spe- 
ranz^e di sé, s'era iscritto da poco al corso per la laurea in 
«cienze naturali, alle quali mostrava una speciale tendenza : chi 
«crive queste parole l'ebbe scolaro amatissimo all'Università e 
ne ricorda con tristezza le virtù e l'ingegno. Da quel momento, 
al povero padre, già avanzato in età, venne meno la lena e 
-cominciò a sfuggirgli la vita. Sul mezzodì del 14 Dicembre 1903 
•egli si spense tranquillamente, come lampada che non ha più 
olio, lasciando nel lutto la moglie, due figlie ed un figlio, dot- 
tore Tommaso. 

Agli sconsolati giunga il rimpianto della Società geologica 
italiana, che annoverava il defunto fra i proprii componenti dal- 
l'anno della sua fondazione ('). 

Francesco Bassani. 



(') Ringrazio vivamente il eh. prof. Nuuzio Federico Faraglia, archi- 
vista di Stato in Napoli, il quale, accogliendo la mia preghiera, ebbe la 
cortesìa di fornirmi molte notiiie sul povero estinto, a cui egli era legato 
da vincoli di antica amicizia. 



Digitized by VjOOQIC 



GAETANO TENORE CLXXZl 



Pubblicazioni del prof. ino. Gaetano Tenore 



1844. Bagffuaglio di un breve viaggio geologico alla contrada 

vulcanica di Sessa e di Boccamonfèna (Annali dell' Ac- 
cademia degli Aspiranti Naturalisti). — Napoli. 

1845. Brevi notizie statistiche, topografiche e geologiche sulla 

pietra da calce e sulle fornaci da calcina per la pro- 
vincia di Terra di Lavoro (Ibid.). 

1846. Sul Cinabro che è nella quarzite di S. Donato e sopra 

alcuni cristalli gemini d^ Pirite della stessa località 
(Atti della 7* adunanza degli Scienziati italiani). — 
Napoli. 

1847. Sopra la memoria del Prof. L. Pilla: Intorno ad un 

nuovo terreno da lui distinto nella serie geologica e chia- 
mato etrurio (Museo di scienze e letteratura, fase. 40). — 
Napoli. 

1849. Vedi 1871. 

1850. Notizia di una gita al Vesuvio nel giorno 10 Febbraio 1850 

(Rend. delle adunanze e dei lavori della B. Acc. delle 
Scienze di Napoli per Tanno 1849; Accad. d. Fis., 
China., etc, Torino). 

1851. Lezioni di Mineralogia ordinate specialmente per gli studi 
, dell' architetto-costruttore e dell'ingegnere dei Ponti e 

Strade, 1 voi. con 5 tav. litogr. — Napoli, Stab. ti- 
pogr. Pr. Azzolìno. 

— Cenni statistici e chimici sulla calce e sulle pozzolane di 

alcuni luoghi della provincia di Terra di Lavoro (Ann. 
delle Op. pubbl. e deirAreh.). — Napoli. 

— Su la opinione del Vicat rispetto alle nuove combinazioni 

chimiche, che si formano nell'atto della presa della poz- 
zolana con la calce per comporre il cemento idraulico 
(estr. dalie Lezioni di Mineralogia, ecc.). — Napoli. 

1852. Osservazioni geologiche da servire di dichiarazione alla 

carta geologica della catena di monti compresa tra Morir 



Digitized by VjOOQIC 



GLXXXII GAETANO TENORE 

tecassino ed il fiwne Melfa in Provincia di Terra di 
Lavoro [Con un abbozzo di carta geologica] (Poliorama 
pittoresco, n"* 21). — Napoli. 

1854. Osservazioni relative alla inflìienza utile dell'ossido di ferro 
nelle pozzolane adoperate per i lavori idraulici (Ann. 
delle Opere pubbliche e deirArchit; ed Ann. scienti- 
fici). — Napoli. 

1856. Breve raggiuiglio delle peregrinazioni geognostiche eseguite 
su le montagne circostantif al bacino di Alvito e dei 
lavori della Commissione destituita a ricercare le Beali 
miniere di ferro nel distretto di Sora durante gli 
anni 1853'54-55 (Annali civili del Eegno delle due 
Sicilie, fase* CXIII e CXIV). — Napoli. 

1861. Su la coltura delle miniere o su la industria mineraria 
della regione meridionale d'Italia. Lettera al signor 
Alessio Marone, professore di Chimica e di Tecnologia 
in Napoli. — . Avellino, Tipogr. Irpina. 

1863. Bagguaglio sulle miniere di ferro nel distretto di Sora 

e sui lavori della Coìnmissione destinata a ricercarle 
durante gli anni 1853'5é'55 (2* edizione). — Napoli. 

1864. Sui minerali e rocce utili del 8^ Abruzzo Ulteriore, più 

dappresso risguardanti le industrie delle miniere e delle 
costruzioni architettoniche di questa provincia (Ann. del- 
TAcc. degli Aspir. Natur.). — Napoli. 

1865. Sulle azioni chimiche e meccaniche dell'acqua come cagirmi 

attutali di topografiche modificazioni della valle del Ve- 
lino nel 2^ Abruzzo Ulteriore (Ibid.). 

1866. Cenno sull'industria mineraria della Provincia di Terra 

di Lavoro (Giornale « La Campania », n.* 244, 245 e 
246). — Napoli. 

1867. Cenno sulVindustria mineraria della Terra di Lavoro 

(Gazzetta Provinciale della Terra di Lavoro, anno I, 
n. 6, parte 3*). — Caserta. 
— Carta geologica della provincia di Terra di Lavoro. 
1:280^000 [1 foglio e una tavola di sezioni, colorati 
a mano]. — Caserta. 
1871. Elogio funebre di Leopoldo Pilla, con proemio del pro- 
fessor Giuseppe Pasquale, letti all'Accademia degli 



Digitized by VjOOQIC 



GAIDTANO TBNORB CLZXXIII 

Aspiranti Naturalisti r^elVadunanisa solenne del T Gen- 
naio 1849 (pubbl. nel 1871 negli Atti deirAssociaz. 
nazion. ital. di Scienziati, Letterati ed Artisti). — Napoli. 
1872. Saggio sulVindttstria mineraria e sulla costituzione geo- 
logica della Terra di Lavoro [con la. Carta geologica 
della Provincia] (Periodico « La scienza e Tarte del- 
ringegnere-Architetto », organo della Sezione architet- 
tonica dell'Assoc. di Scienz., Lettor, ed Artisti). — 
Napoli. 

1875. Sull'industria mineraria del ferro in Italia (Il < Piria », 

giom. di Chimica e Scienze affini). — Napoli. 

1876. V industria del ferro e dell'acciaio in Italia dopo il 1860 

(Atti del B. Istituto d'incoraggiamento alle scienze na- 
turali, economiche e tecnologiche). — Napoli. 

1879. La calcarea idraulica e la calcarea decorativa delle Pro- 

vincie napoletane (Riv. deirAssoc. naz. it. degli Scien- 
ziati, Letterati ed Artisti). — Napoli. 

1880. Necessità dell'industria della prima fabbricazione del ferro 

e dell'acciaio in Italia per la indipendenza e la ric- 
chezza nazionale (Atti del IH** Congresso degllnge- 
gneri ed Architetti italiani in Napoli). — Napoli. 

1882. La Esposizione ifidustriale naziofmle in Milano e il Con- 

gresso geologico intemazionale in Bologna nel 1881 (Atti 
Ist. incor.). — Napoli. 

1883. Sulla pretesa scoperta della miniera di Mongiana in Ca- 

labria' (Atti del Collegio degl'Ingegneri e Architetti in 
Napoli), — Napoli. 

1884. Discorso proemiale alle lezioni di Geognosia pratica nella 

JB. Scuola di applicazione per gl'ingegneri in Napoli, 
letto il 16 Gennaio 1884. — Napoli. 

1888. Sulle pietre naturali da costruzione e da decorazione. 

Considerazioni ed ordinamenti (Atti Ist. incor.). — 
Napoli. 
— L'industria dei colori minerali da fondarsi nel circonda- 
rio di Sora (Ibid.). 

1889. Priorità di osservazioni geologiche ed importanza indu- 

striale dei giacimenti petroleiferi della valle del Liri 
nella Terra di Lavoro (Ibid.). 



Digitized by VjOOQIC 



OLXZXIY GARTANO TRNOSB 

1890 Consolidamento delle rocce franabili e processi grafici geo- 
logici dei progetti stradali (Ibid.). 

1891. Per il diffinitivo assestamento della frana soprastante la 

strada di Posillipo (Ibid.). 

1892. Il tufo vulcanico della Campania e le sue applicazioni 

alle costruzioni (Bollettino del Collegio degl'Ingegneri 
ed Architetti in Napoli). — Napoli. 

1893. L'industria carbonifera in Italia ed il suo avvenire nel 

Napoletano (Atti Ist. incor.). — Napoli. 

1894. Primato idraulico delle pozzolane ferrifere della Cam- 

pania (Ibid.). 

1895. La calcarea idraulica e la calcarea cemento delle Pro- 

vincie napoletane (Ibid.). 

1900. Il rincaro del carbone e l'avvenire dell'industria carbo- 

nifera nell'Italia meridionale (Atti Accademia Ponta- 
niana). — Napoli. 
— Il rincaro del carbone e l'avvenire dell'industria carbo- 
nifera nell'Italia meridionale. Memoria II (Ibid.). 

1901. Esame critico relativo allo studio sulla sostituzione del 

Bianco di zinco alla Cerussa nella pittura ad olio per 
i signori Livache e Potain (Atti Igt. incor.). — Napoli. 



Digitized by VjOOQIC 



ACABODOMAZII E PILLITI 



Nou del prof. P. Pbola 



Alcnni botanici si sono dati da qualche tempo allo stadio 
di certi organi foggiati a fossette che si trovano qualche volta 
snlle foglie, specialmente di alberi. Essi erano prima ritenuti 
per ghiandole, per nettari extranuziali, e solo nel 1886 il Dei- 
pino n^lle sue classiche Memorie sulla fimzùme mirmecofila nel 
regno vegetale per il primo fece notare che tali fossette erano 
abitate da acari, e le nominò « domicilii di acari ». 

Ma fu il prof. Axel N. Lundsiroem di Upsala Q) che studiò 
di proposito tali formazioni. Anch' egli notò che dette fossette 
sono sempre abitate da acari, e quindi le chiamò acarodomazii 
casette di acari, e ne notò diversi tipi: a fossette, a tasche 
borsette, a ciuffi di peli, ed a ripiegature dell'orlo fogliare. 
Nella grande maggioranza dei casi però gli acarodomazii oc- 
cupano gli angoli formati dalle nervature secondarie colla ner« 
vatura mediana. Il Lundstroem crede che esista una specie di 
simbiosi fra gli acari e le piante acarofile; gli acari, in com- 
penso dell'ospitalità concessa loro da dette piante, ne liberano 
le foglie dagli attacchi di parassiti vegetali, pulendone la su- 
perficie, e distruggendo le spore e le ife fungine che venissero 
per avventura a posarsi sulle foglie medesime. 

Da allora vari botanici si sono occupati degli acarodomazii, 
ed ultimamente Penzig e Chiabrera (^), studiando esemplari rac- 

(') Luadatroem A. N., Pflamenbiologische Studien. - //. Die Anpas- 
sungen der Pflanzen an Thiere. Upsala, 18S7, ìq Nova Acta Reg. Soc. 
Se. Upsala, sene III. 

(*) Penzig 0. e Chiabrera C, Gontributo alla conoscenza delle piante 
acarofile, con 3 tav., Malpighia, anno XVII, voi XVII, Genova, 190^ . 
A pag. 46 deirestratto vi é la completa bibliografìa suIPargomento. 

1 



Digitized by VjOOQIC 



2 P. PBOLA 

colti da uno di loro nel giardino di Bnitenzorg (Giava), con- 
fermarono le vedute del Lundstroera sulla natura degli acaro- 
domazii, ed aumentarono di molto il numero delle piante aoa- 
rofile, dimodoché riunendo le specie da loro osservate con quelle 
studiate da altri autori, compilarono un catalogo di 426 specie 
divise in 44 famiglie. « I dati che possediamo in proposito, 
scrivono i suUodati autori (^), sono ancora troppo scarsi per ren- 
dere proficua una rassegna statistica comparativa, riguardante 
il diverso sviluppo dell' acarofilia nelle diverse regioni della 
superficie terrestre, o nelle varie divisioni del regno vegetale. 
Si può finora constatai-e soltanto, che la funzione acarofìla sembra 
più accentuata nei paesi caldi che non nelle regioni temperate 
e fredde; e che le piante ospitatrici di acari finora descritte 
appartengono senza eccezione alle Dicotiledoni legnose. Non co- 
nosciamo ancora alcuna pianta erbacea che presenti quell'adat- 
tamento simbiotico di difesa; ed in tutto il gruppo delle Mo- 
nocotiledoni, nelle Giranosperme, nelle Pteridofite non fu finora 
indicato alcun caso di acarofilia ». 

Gli acarodomazi costituiscono sulle foglie dei rilievi, degli 
ingrossamenti che lasciano le loro impronte nella roccia, insieme 
alle impronte delle nervature, e quindi è facile poterle osser- 
vare nelle filliti. Nelle filliti terziarie tali impronte sono spe- 
cialmente notate all'ascella delle nervature delle foglie di Lath 
ruSf di Ginnamomum e di Oreodaphne. Anzi le diagnosi di al- 
cune specie di detti generi danno come caratteri specifici la 
presenza di ghiandole o di verruche, che non sono altro che i 
moderni acarodomazii. Per il Laurus canariensis v. pliocenica, 
il Saporta (') dà come diagnosi: « Nervo primario valido, secnn- 
» dariis 8-10 sub angulo acuto emissis, arcuatis vel ad extre- 
» mitatem furcatis, interdum verriAcis axillaribus praeditis », ecc. 
Del Ginnamomum polimorfum l'Heer (') dà per diagnosi : « Fo- 
» liis longe petiolatis, ellipticis, basi attenuatis, triplinerviis, 
» nervis lateralibus margine non parallelis, apicem non attin- 



(') Penzig 0. e Chiabrera C, op, cit., p. 5. 

(*) Saporta et Marion, Recherches sur les végétaux fossiles de Méxi- 
mieux, p. 246 (Arch. Mus. hìst. nat., Lyon, I, 1876). 

(3) Heer, Flora tertiaria Helvetiae, II, p. 88, Winterthnr, 1855-69. 



Digitized by VjOOQIC 



ACARODOMA2II E PILLITI 8 

» gentibus, in axillis interdum gìandtilosis "^ ecc.; e dell' Oreo- 
daphne Heerii il GaudiD (*) dice: « Foliis,.. triplinerviis, nervis 
» suprabasilarìbus duobiis, suboppositis, in axillis glandulife- 
> ris)^ ecc. 

Tali ac^rodomazii non sono organi propri i di date specie 
di alcuni geoeri, ma, come i recenti stadi hanno dimostrato, 
sono invece formazioni accidentali, che, mentre non si possono 
trovare in tutte le foiglie della stessa specie, si trovano bensì 
in foglie isolate di mohe specie. Non potendosi ritenere come 
caratteri specìfici si devono escladere dalle diagnosi. 

Un'altra serie di considerazioni mi suggeriscono tali aca- 
rodomazii. Mi ricordo che vidi impronte di acarodomazii in 
molte delle filliti del terziario piemontese, ma in special modo 
nelle filliti dell'astiano di Bra. Sioeome, stando alle conclu- 
sioni dei signori Penzig e Chiabrera, la funzione acarofila sem- 
bra più accentuata nei paesi caldi che non nelle regioni tem- 
perate e fredde, si viene ad avere un argomento di più per 
ammettere un clima piuttosto caldo durante il pliocene. 

Come già avevo fatto notare in un mio studio ('), tra le 
diverse flore plioceniche, quella di Bra rappresenta una fiora 
di clima più caldo, e le filliti di Bra hanno un maggior nu- 
mero di impronte di acarodomazii. Umidità e calore regna nelle 
foreste dei paesi caldi dove è più accentuata l'acarofilia, poiché 
l'umidità ed il calore sono circostanze favorevoli allo sviluppo 
delle epifiti che invadono le foglie degli alberi ed arbusti delle 
regioni calde C)ì ^ ^^^ formano l'alimento degli acari. Bene 
quindi m'ero opposto dicendo (^) che caldo ed umido doveva 
essere l'ambiente in cui si sviluppò la fiora pliocenica di Bra. 

[mg. pres. 17 gennaio 1904 - ult. bozze 7 febbraio 1904]. 

(*) Gaiidin, Feuiìles fossiles de la Toscane, p. 85. Zurigo, 1858. 
(•) Peola P., La vegetazione in Fkmonie durante Vera terziaria, Riv. 
di Mat. Fi8. e Scien. nat^ Pavia, 1901, p. 43. 
(') Penzig 0. e Chiabrera C, op, cit,, p. 42. 
(*) Peola P., Flora fossile braidese. Bra, 1895, p. 12o-127. 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA 
DELL'ANFITEATRO MORENICO DI RIVOLI 

IN RAPPORTO ALLE DIVERSE FASI GLACIALI 



Nota del dott. Giuseppe Capkder 



L'anfiteatro morenico di Rivoli è già stato studiato da molti 
geologi, quali il Sismonda ('), il Gastaldi (*), il Martins (^), il 
Mortillet (^), il Baretti {^), il Sacco (•), che delimitarono i vari 
terreni quaternari e specialmente le cerchie moreniche che inter- 
rottamente chiudono la valle della Dora Riparia. Poco però ven- 
nero studiati i rapporti che esistono fra questi vari terreni e 
che contribuirebbero a fare un po' di luce sulla sempre contro- 
versa questione glaciale. E per non fermarmi che ai lavori più 
recenti, dirò che il Sacco, nel lavoro già citato, pare rilevare 
il fatto delle oscillazioni cui dovette andar soggetto il ghiac- 
ciaio della Dora, ma non accenna a depositi intermoreniei, per 
quanto rilevi l'esistenza del loess, che egli ritiene di origine 
acquea e di depositi alluvionali antichi, che distìngue col nome 
di diluvium, pseudo-diluvium e diluvio glaciale. Del resto, 



(}) Sismonda A., Notizie e schiarimenti sulla eostitueione delle Alpi 
piemontesi. Mera. R. Acc. Se, di Torino, serie II, tom. IX, 1848. 

(') Gastaldi B., Bicerche sul periodo glaciale. 1851. 

(3) Gastaldi B. et Martins Ch., Essai sur les terrains superficiels de 
la vallèe du Po. Ball. Soc. Geol. de France, sèrie II, t. VII, 1850. 

{*) De Mortillet, Carte des anciens glaciers du versant italien des 
Alpes. Ann. Soc. It. d. Se. Nat., voi. Ili, 1861. 

(5) Baretti M., La collina di Rivoli. Boll. Clab Alp. It., n. 24, 
voi. IX, 1875. 

(^) Sacco F., L'anfiteatro morenico di Rivoli. Boll. R. Com. Geol., 
n. 5 e 6, 1887. 



Digitized by VjOOQIC 



HUIiLA STRUTTURA DBLL'ANFITBATRO MORENICO DI RIVOLI 6 

non era questo l'obbiettivo dell'Autore nel precitato lavoro, dal 
quale invece potei trarre utili indizi sui limiti dei vari terreni 
ed avere una valida guida al facile ritrovamento dei tagli natu- 
rali e delle breccie profonde ove affiorano le varie formazioni, 
tanto rare quanto preziose. 

Il prof. Sacco osserva alla base di ogni formazione morenica 
un deposito ciottoloso stratificato, indubbiamente deposto dalle 
acque (diluvium). Sopra questo terreno un altro a struttura cao- 
tica depositato da ghiacciaio (morena). La morena, rimaneggiata 
all'esterno dalle acque, formò un terreno stratificato coi ciottoli 
morenici stessi (diluvio glaciale) e le acque, terrazzando e depo- 
sitando sui terreni antichi, formarono altri depositi (pseudo-dilu- 
vium terramano antico). Sulle morene egli osserva Valluvium 
recente, il lehm ed il loessj che pure sarebbero depositi dilu- 
viali. 

Durante una gita fatta col prof. Parona all'anfiteatro di 
Bivoli, si venne a parlare dell'ancora discussa origine del 
loess, che qui tanto abbonda e che per essere identico a quello 
della collina torinese, desta il massimo interesse e fu già og- 
getto di un mio studio coll'ing. Viglino C). Parlandomi delle 
varie glaciazioni e delle formazioni interglaciali ritrovate anche 
in Italia per l'anfiteatro del Lago di Garda (^), del Lago Mag- 
giore, di Ivrea (^) e per le formazioni moreniche della Valle 
del Pellice (% egli mi disse che sarebbe molto interessante 
verificare, se per l'anfiteatro di Rivoli si ripete quanto si 
osservò per gli altri ghiacciai antichi e specialmente per quelli 

(') A. Viglino e G. Capeder, Comunic, prelim. sul Loess piemont, 
Boll. Soc. Geol. It., 1898. 

(*) E. Nicoli?, Triph estens. glac. ad oriente del Lago di Garda, 
Atti R. Ist. Ven., 1899. — Strat nella pme. orient. delVanfit. moren. del 
Garda. Boll. Soc. Geol. It , 1901. — Cozzaglio Arturo, 7 paesaggi pre-- 
alpini e le moderne idee della Geologia continentale. Boll. Clnb Alp. It., 
1899, voi. XXXII, n. 65 — L'analisi scientifica del paesaggio» Id., voi. 
XXX UI, n. 66. — Ricerche sulla topografia p^-eglaciale e neozoica del 
Lago di Garda. Comm. Ateneo di Brescia, 1*J00-1902. 

(^) A. Penck, E. Briickner, L. Da Paeqnier, Le sysième glaciaire 
des Alpes. Ball. Soc. Se. Nat., Neuchàtel, 1894, XXII. 

(^) V. Novarese, Il quaternario della Valle del Pellice. Boll, R. Com. 
Geo!., 1896, voi. XXVII. 



Digitized by VjOOQIC 



6 G. CAPEDRR 

del Beno e del Kodano, illnstrati dal Pasquier, dal Penck, dai 
Favre, dal Bohm, dal Brttckner, dal Falsan, dal Sauer, dal 
Blaas, dal Baltzer, dal Gutzwiller, dal Geickie, dal Mtthlberg, 
dal Benevier, dal Meister, dal Belt e da altri molti, pei quali 
ghiacciai, si vennero a stabilire con certezza almeno tre inva- 
sioni glaciali distinte e perfino cinque, secondo Mtthlberg C). 

Io ebbi cura di percorrere tutto Tanfiteatro morenico di Bi- 
voli, di rilevare le sezioni più istruttive riguardo alle rela- 
zioni che esistono fra i vari depositi e di raccogliere prove a 
sostegno dell'ipotesi sulla pluralità delle glaciazioni. Ma, fra 
l'osservazione dei fatti e la giusta interpretazione dei fenomeni 
avvenuti corre una bella divergenza, epperò mi si permetta una 
breve digressione che varrà, come spero, a stabilire su quali 
fatti ci si potrà con una certa qual sicurezza fondare, per sta- 
bilire le prove delle varie fasi dei fenomeni glaciali. 

Bìportiamoci alla fine dell'epoca terziaria, quando le Alpi 
avevano raggiunta e forse superata l'altezza attuale ed erasi 
già stabilito il tracciato del sistema idrografico di oggi e le acque 
scendendo dai monti continuavano quell'erosione che, approfon- 
dendo ed allargando le valli, doveva avere per efietto l'interri- 
mento del bassofondo padano. Al sopravvenire della grande umi- 
dità e delle abbondanti precipitazioni dell'epoca glaciale, dovca 
esercitarsi più potente la demolizione delle alte cime ed i fiumi 
ingrossati sostenere un più potente lavorio alluvionale di tra- 
sporto e di deiezione, per cui si dovettero formare potenti de- 
positi ciottolosi stratificati. Intanto l'abbondanza delle precipi- 
tazioni, che sulle alture andava accumulandosi sotto forma di 
neve, determinò ben presto la formazione di potenti ghiacciai, 
il cui grande sviluppo, modificando pure la direzione dei venti 
per un diverso e più accentuato squilibrio termico, aumentava 
le precipitazioni sulle alte cime gelate a detrimento di altre 
regioni ed a detrimento delle acque alluvionali, che immagaz- 
zinate cosi in ghiaccio non potevano più esercitare, scendendo 
precipitosamente a valle, il loro lavoro di demolizione, di tra- 
sporto e di deiezione: in questa epoca le alluvioni subirono 

(*) M. Miihlberg, Der Boden wn Aarau, Festschrift zur Eròfnung 
des neuen Kantonschulgebaudes, 1896 (Revue Géol. Siiisse, 1896). 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA DELL'ANFITEATRO MORENICO Di RIVOLI 7 

dunqae una specie di sosta, per essere seguite invece ben presto 
da altri depositi, non meno importanti, che sono il risultato del 
lavoro lento, ma poderoso, di quelle ingenti masse di ghiaccio 
che avevano accumulate in loro tanta somma di energia. 

Le valli erano traboccanti, ed il ghiaccio discendendo per 
proprio peso, portava con sé le morene provenienti dalle nude 
cime e dalle pareti rocciose che opponendosi al movimento ve- 
nivano erose. Che ove la valle coperta da ghiaccio non s'op- 
pone al libero corso, ne rimane, anziché erosa, protetta ; d'onde 
ne vien quasi il paradosso che a grandi ghiacciai corrispon- 
dono scarse morene ed a piccoli ghiacciai morene abbondanti. 
D'altronde ciò non infirma punto le nostre idee, perchè sap- 
piamo benissimo che le morene sono piuttosto il prodotto della 
degradazione meteorica che di erosione del ghiaccio e che alla 
esiguità dei materiali può supplire la durata del fenomeno. 

I ghiacciai intanto per l'eccessivo sviluppo dovevano sboccare 
dalle rispettive valli nel piano ed allargare la propria fronte 
per mancanza di sostegno laterale e dopo avere eroso in parte 
od asportato livellando i materiali deposti dalle precedenti allu- 
vioni, depositare le morene in varie cerchie a seconda delle 
oscillazioni. Intanto per cause non ancora note, essendo variate 
le condizioni meteorologiche, andava mancando l'alimento alle 
alte cime e la fronte dei ghiacciai dovette retrocedere nello stesso 
tempo che, le acque, provenienti dalla loro rapida scomparsa, 
arrestate in parte delle cerchie moreniche dilagavano ed inizia- 
vano l'erosione dei cordoni morenici, deponendo altrove o rima- 
neggiando i loro materiali. 

Questa sarebbe la teorica successione dei fenomeni di un'e- 
poca glaciale: ma dallo studio degli antichi depositi morenici 
come è noto, si viene alla conclusione che debbono essersi suc- 
cedute più epoche glaciali, e ripetuti depositi morenici devono 
essersi costituiti e parzialmente sovrapposti. Però i depositi sue 
cessivi avranno posizione e facies diversa a seconda dello svi- 
luppo glaciale e della sua i>otenza: ed allora potremo avere 
morene di età diversa a contatto, o sovrapposte o intercalate 
da depositi alluvionali ; più esterne o più elevate, rispetto allo 
sbocco della valle quelle antiche, più interne e situate più in 
basso quelle più recenti. Frattanto nell'interno degli anfiteatri 



Digitized by VjOO^IC 



1 



8 G. capbdeh 

morenici, comunqae si siano sacoedate le fasi si devono osser- 
vare le cerchie moreniche delle nltime glaciazioni eventualmente 
coperte da lehm o da depositi recenti e sotto ad esse si potranno 
trovare, se il ghiacciaio non ebbe potenza erosiva, le traccie delle 
morene e dei depositi interglaciali precedenti sovrapposti nel- 
Tordine loro cronologico. Alla periferia degli Anfiteatri, poi si 
avranno i migliori indizi delie vàrie glaciazioni, perchè quivi 
si potranno trovare i depositi dilaviali stratificati, direttamente 
sovrapposti o intercalati colle morene e con facies diversa e 
diversa successione a seconda delle fasi avvenute nelle glacia- 
zioni. 

Naturalmente la varietà degli accidenti locali influirà sulla 
regolarità dei depositi, ma certe relazioni ricondurranno sempre 
alla genuina interpretazione dei fenomeni avvenuti. Ed entro in 
argomento: 

Nell'anfiteatro morenico di Rivoli osserviamo almeno cinque 
cerchie moreniche, interrotte e terrazzate dalle acque uscenti 
dalla valle di Susa; una grande depressione si trova a monte 
di queste cerchie e questo ci dice che il ghiaccio dovette pos- 
sedere una certa forza erosiva sul fondo, per cui dovette aspor- 
tare ogni deposito antico. Nella regione intema, che potrebbe 
essere la più istruttiva, non è dato perciò di poter raccogliere 
alcun fatto interessante per stabilire la potenza o il numero 
delle glaciazioni e la loro durata. I depositi morenici ed inter- 
morenici neirintemo dell'anfiteatro sono cosi scarsi e rimaneg- 
giati, che si può argomentare essersi il ghiacciaio ritirato molto 
rapidamente dopo aver formato le ultime cerchie moreniche. 
L' unico rivestimento che trovasi in questa conca è formato da 
un velo di morenico non cementato, costituito di ciottoli di varia 
dimensione a spigoli vivi. Questa morena verso £ si fa più 
potente, specialmente ove cominciano a trovarsi le prime cer- 
chie sempre mal definite ed interrotte. Le cerchie moreniche 
interne sono di solito coperte da uno strato abbastanza potente 
di lehm: terreni diluviali dovrebbero esistere alla base di dette 
formazioni, ma sfortunatamente non trovai nella regione tagli 
profondi abbastanza da mettere allo scoperto il diluvium Botto- 
stante, seppur come già dissi, non venne del tutto asportato 
dalla massa ghiacciata che depositò il morenico, come si veri- 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA DELL'ANFITEATRO MORENICO BI RIVOLI 9 

fica con certezza per la parte più alta dell'anfiteatro alle falde 
del Moneuni, delle roccie dì Avigliana e dì Bnbiana. 

Il vero terreno morenico, va dunque facendosi via via più 
spesso yerso E, nello stesso tempo che vanno pure comparendo 
1 terreni sottostanti preglaciali e inteiiglaciali. Intanto verso But- 
tigliera e Bosta si fa potente il Uhm giallo-rossastro, sabbioso, 
fine, caratteristico di tutta questa regione. Questo Uhm cosi 
disciolto viene molto facilmente trasportato dall'acqua e dal 
vento, sicché la regione acquista un aspetto tutto particolare, 
stante che le strade insolitamente polverose, debbono avere le 
scarpate rivestite di muratura di solito a secco, ad evitare frana- 
menti dannosi ad ingombro per l'eccessiva polvere: esse si ab- 
bassano rapidamente e quando piove si trasformano in veri tor- 
renti di fanghiglia e ad ogni minimo spirar di vento nugoli di 
polvere si sollevano fino a grande altezza, onde potremmo an- 
cora assistere oggidi al trasporto eolico di qualche importanza, 
se quei venti si mantenessero costanti. Presso la stazione di 
Bosta si può vedere la grande potenza che può assumere il 
lehm puro: vi si osserva bene la stratificazione ed il suo infil- 
trarsi nella morena, alla quale di solito si trova sovrapposto, 
benché non sia raro di trovarlo sotto, come a C. Cappello, od in- 
tercalato fra morene, come a Yillarbasse. Tutta la regione che 
è compresa fra le prime morene e le colline di Beano, che sono 
la continuazione del versante N della Cresta Grande di Bivoli, 
è coperta di lehm più o meno potente che riveste il morenico 
recente, formato di ciottoli e massi non cementati. Soltanto in 
un punto di questa regione osservai uno strato potente di lekm 
coprire morene certamente più antiche, come al bivio della strada 
che conduce da Bivoli alla stazione di Bosta. Sulla strada poi 
che conduce da Bosta alla stazione, in uno scavo aperto per 
la costruzione di una casa, potei osservare distintamente un 
velo morenico coprire strati diluviali stratificati: la mancanza 
di cementazione nei materiali tanto della morena che dei ciot- 
toli diluviali e la freschezza della loro superficie, come pure 
altre considerazioni che esporrò in seguito, mi fanno ritenere 
la morena dell'ultima glaciazione ed il diluvium sottostante del 
secondo periodo interglaciale. 



Digitized by VjOOQIC 



10 G. GAPEDBR 

Depositi di loess 

I depositi di loess^ tipico e caratteristico, potenti parecchi 
metri, appaiono soltanto fuori del più grande ed esteso cerchio 
morenico, specialmente fra Corbiglia e Rivoli a ridosso del ver- 
sante N-0 della Costa Grande: essi facendosi più sottili e men 
puri, vanno poi confondendosi col terreno vegetale della pia- 
nura. Sono i depositi più superficiali di questa regione, e non 
li trovai coprire che morene che io ritengo della seconda gla- 
ciazione, come sarebbero le morene che formano la Costa Grande; 
ben di rado li trovai coprire morene cementate o ferrettizzate. 
Trovai invece che strati alluvionali possono essere intercalati 
a depositi di loess tipico e potente, come presso C. Antonietti 
e presso C. I. Benetti. 

II loess può essere invece coperto dalle morene dell'ultima 
glaciazione e benché ciò sia raro si verifichi, perchè occorse 
che quelle morene raggiungessero i depositi di loess senza ri- 
maneggiarli, mi è stato possibile di verificare il fatto in due 
sezioni: una presso C. Poma, l'altra sulla strada da Villarbasse 
a Sangano. Tale fatto importantissimo era già stato segnalato 
in un precedente lavoro colPing. Viglino, nel qual lavoro è ri- 
portata una sezione presa presso C. Barberis, ove si scorge net- 
tamente che il loess è intercalato a depositi prettamente mo- 
renici. 

Le morene della prima glaciazione o le morene interne del- 
l'anfiteatro, non sono mai coperte di loess, ciò avrebbe, come 
vedremo in seguito, una grandissima importanza per stabilire 
la durata e financo il clima dei periodi interglaciali. Che il 
loess sia un deposito del secondo interglaciale, ce lo dice anche 
una breccia aperta ad di Bivoli presso la C. Bieca. Questa 
breccia è molto interessante per trovarsi fra Bivoli e Pianezza 
ove le colline moreniche furono erose dalle acque che uscivano 
dall'anfiteatro. Quivi s'incontrano i seguenti depositi: 

1. Alluvione (ciottoli fluitati e sabbie non cementate). 

2. Loess tipico, potente 2 o 3 metri. 

3. Diluvium non cementato, in parte ferretti zzato. 

4. Morena non cementata. 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA DELL' ANFITEATRO MORRNIGO DI RIVOLI 11 

Evidentemente il deposito più recente è Valluvione super- 
ficiale post-glaciale, sotto la quale dovrebbe trovarsi la mo- 
rena della terza glaciazione: la sua mancanza ci dice che il 
ghiacciaio in questa fase dovette fermarsi molto più a monte; 
il loess sarebbe (iniudi un deposito del secondo interglaciale, il 
diluvium sottostante e la morena, come lo indica la loro ferret- 
tizzazione, sarebbero più antichi. Il loess è perciò certamente 
più recente dell'arco morenico di Kivoli, che io ritengo della 
penultima glaciazione, ma potrebbe benissimo darsi che per le 
oscillazioni del ghiacciaio qualche lembo di loess sia stato co- 
perto da un velo di morenico della terza glaciazione e pare 
confermarlo la sezione di C. Barberis. 

Non ostante il loess non sia per l'anfiteatro di Eivoli un 
deposito che possa veramente istruire sulla pluralità delle gla- 
ciazioni non trovandosi di solito che a coprire morene, è però 
sempre un deposito interessantissimo, perchè ci dà modo di 
spiegare l'origine di un'eguale formazione che esiste abbon- 
dante sulla collina di Torino. In un precedente lavoro cpll'ing. 
Viglino, si dimostrò la identica composizione mineralogica del 
loess di Rivoli col loess della Collina: tale identità non è cer- 
tamente fortuita, ma deriva da eguaglianza di origine; credo 
perciò di essere nel vero affermando che il loess della Collina 
proviene dall'anfiteatro morenico di Rivoli, e che è sincrono del 
loess di Bivoli, cioè data dalla seconda fase interglaciale. La 
vicinanza delle due formazioni, in un colla identità perfetta di 
struttura fisica e di composizione chimica e mineralogica, e la 
distribuzione, sono un valido argomento, per far ritenere questo 
deposito di origine esclusivamente eolica Q), 

Infatti il loess è un terreno non stratificato, formato di ma- 
teriale finissimo, traversato da fori che si ritengono le tracce 
di radici di antichissime vegetazioni^ ricco di conchiglie di 
molluschi terrestri, e presente soltanto sui clinali delle morene 
e della Collina non esposti al versante N-0 Quale ipotesi, se 
non l'eolica, può spiegare tale facies? Notisi inoltre che la 
mancanza del loess nell'interno dell'anfiteatro di Rivoli, e l'es- 



(1) Parona C. F., Tratt, di Geologia con spec, nguardo alla Geoh 
d'Ital, pag. 99 e 667, ed. Vallardi, 1903. 



Digitized by VjOOQIC 



12 G. CAPEDRR 

sere il loess un deposito interglaciale, confermaDO l'ipotesi eo- 
lica. Infatti, nell'interno dell'anfiteatro, se non si trova loess si 
trova lehm in abbondanza, e chi ha percorso le morejie di Ki* 
voli non pnò aver fatto a meno di notare l'estrema finezza di 
quel materiale, sciolto a segno da affondarvi il piede, e da 
rendere disagevole il passo: è evidente che un materiale cosi 
fino potè essere facilmente trasportato dal vento. Però al tra- 
sporto eolico occorrono specialmente venti asciutti, quali ci fu- 
rono probabilmente in epoca interglaciale, ma nelle epoche in- 
terglaciali, tali perìodi asciutti difficilmente si possono supporre 
se non ammettendo grandi soste, ed ecco infatti che il loess 
manca, od è assai scarso nei depositi interglaciali antichi, 
mentre ciò non dovrebbe essere, se il loess traesse la sua ori- 
gine da depositi di acque o da depositi di altra provenienza. 

Se si dà poi uno sguardo alla distribuzione del loess sulla 
Collina e sulle morene di Rivoli, si osserva ad evidenza la legge 
della distribuzione delle polveri sollevate dal vento. Quando 
una corrente d'aria spira in una data direzione, ed incontra un 
rilievo, la velocità del vento diminuisce a ridosso del rilievo, 
mentre sul versante opposto si determina una controcon*ente di 
richiamo. 

Se il vento portava con sé materiali sospesi, questi si do- 
vevano depositare nelle conche ed insenature ed anche sul ver- 
sante del rilievo opposto allo spirar del vento, perchè quivi 
vengono portati dal turbine di aria, e depositati. Il deposito 
però sull'opposto versante non si sarà fatto dall'alto in basso, 
ma dal basso in alto, di guisa che esso va assottigliandosi verso 
la vetta della collina e va facendosi potente verso la base. 
Queste particolarità si osservano tanto pel loess di Bivoli, che 
pel loess della collina torinese. 

Il loess di Rivoli non si trova che a S-E della cerchia: 
Cresta Grande, fra Bivoli, Borgo TJriola, S. Maria, C. Boggiero 
e S. Grato, più qualche lembo qua e là; ebbene obbedisce per di- 
stribuzione e potenza alla legge sovresposta. La sua potenza mas- 
sima la si può studiare sulla strada da C. Antonietti a C. Poma, 
ove raggiunge i 15 metri di spessore, come pure ciò sì può ve- 
dere a S. Maria, mentre sull'alto della Cresta non c'è più loess, 
od appena un velo discernibile. 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA DBLL'ANPITBATRO MORENICO DI RIVOLI 18 

Il loess della collina segae la medesima distribnsione, ed 
infatti osservando la carta del prof. Sacco (^) sul loesSy si potrà 
vedere che tal deposito è abbondante sul versante S~£ della 
collina, seguendo la direzione da S-0 a N-E, spartiacque fra 
Moncalieri, Sevigliasco e Rosero. I depositi si vanno facendo 
più potenti verso il piano presso Trofarello, Testona, Sauglio; 
più sottili verso la cresta spartiacque. Esistono pure depositi 
verso Torino, a Cavoretto e S. Vito, ma sempre alla base 
della collina; questi depositi sono stati direttamente deposi- 
tati dai venti del N-0. Il loess della collina non è uniforme- 
mente distribuito, cioè con continuità, ma ciò dipende eviden- 
temente dall'erosione successiva, poiché lo si vede mancare nel 
fondo delle valli e dei torrenti, e si osserva che l'affioramento 
dei terreni più antichi sottostanti, segue le curve di livello. 
Ove queste curve si fanno convesse accennando ad un rilievo, 
quivi si trova il loess, mentre, ove si fanno concave accen- 
nando ad una depressione, quivi il loe^ manca, come pure 
manca sui pendii più ripidi. 

Nell'anfiteatro di Rivoli osservai a C. Roggiero, un potente 
strato di loess sulla morena che affiora dalla strada, e cosi presso 
la cappella di C. Poma ; presso la C. Poma, osservai uno strato 
ciottoloso certamente diluviale, coprire un potente strato di 
loess. Nel rio S. Quirico, presso C. Ugliardi, come pure fra 
Corbiglia e Roncaglia, nel rio e sulla strada, osservansi potenti 
strati di loess adagiati sulla morena; al bivio S. Maria, presso 
C. Gay, come pure sulla strada da Borgo Uriola a Rivalta, 
presso la Fornace, osservai la morena, coperta da loess potente, 
affiorare sulla strada, ed a C. I. Benetti il loess intercalato 
fra due strati alluvionali. 

Dalle sezioni naturali accennate si scorgono molto bene le 
relazioni che il loess contrae con i terreni glaciali e si vede 
come di solito formi il deposito più superficiale e sopra morene 
soventi cementate. In molti punti come a C. Poma, a C. Anto- 
nietti, a C. Ricca, il loess sta sotto ad un terreno ciottoloso che 
non accenna sempre a stratificazione e che io ritengo di more- 

(*) F. Sacco, I terreni quaternari della collina di Torino. Atti della 
Soc. It. di Scienze Nat., Voi. XXX, 1887. 



Digitized by VjOOQIC 



14 G. GAPBDEn 

nico vero o tutt'al più di morenico rimaneggiato e sempre del- 
l'altima glaciazione che segni la morena di base snlla quale 
si trova il loess. Benché il loess sia un deposito facilmente ero- 
dibile, pure l'erosione nella regione in discorso, non è stata 
ancora tanto efficace da scoprire la morena di fondo su cui 
poggia^ neppure dal fondo dei torrenti e sono abbastanza rari 
e di solito in breccie artificiali molto alte gli affioramenti della 
morena, ciò che mentre sta a dimostrare per la regione, la 
scarsità deirerosione post-glaciale, ci istruisce sulla potenza che 
deve aver avuto il loess. Il fatto poi di non trovarsi depositi di 
loess del primo interglaciale, ha una certa importanza. Alla for- 
mazione del loess occorre che i depositi di Uhm dissecchino e 
che perciò si ritiri il ghiacciaio e diminuiscano le alluvioni, e 
che nello stesso tempo i venti secchi sollevino in nubi polverose 
la parte più fina del lehm per trasportarle a formare il loess; 
occorre poi che tali condizioni durino qualche tempo. Ora queste 
condizioni non si poterono evidentemente verificare, nella prima 
epoca interglaciale, poiché sembra essere stata invece caratte* 
rizzata da clima umido e da condizioni atte alla ferrettizzazione, 
come ce lo dimostrano le morene antiche, e perciò in questo 
periodo non potevano esserci i venti secchi necessari alia for- 
mazione dei depositi eolici. In tali termini i fattori unici inter- 
glaciali che ci possano schiarire i fenomeni di quel tempo sono 
i depositi diluviali {lehm e diluvium) ed il terrazzamento antico, 
dovuto alle stesse acque che formarono i depositi diluviali, nonché 
la ferrettizzazione. 



Depositi interglaciali nella Dora. 

Neir intemo dell'anfiteatro di Rivoli i depositi interglaciali 
e glaciali antichi, fatalmente non possono osservarsi, come già 
dissi, per mancanza di tagli abbastanza profondi da intaccare 
tutto lo spessore delle morene superficiali ; del resto la forma 
a conca della regione, indica che il ghiaccio neir interno del- 
l'anfiteatro esercitò piuttosto azione erosiva che di deposito, opperò 
tutti i depositi antichi, se anche esistessero, sarebbero di molto 
assottigliati e rimaneggiati. 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUTTURA DSLL^ANFITBATRO MORRNICO DI RIVOLI 15 

Questa forma a conca ha determinato in epoca post-glaciale 
Taccamulo delle acque e la formazione di laghi di sbarramento 
morenico: quelle acque aprendosi una breccia a valle, incisero 
profondamente la morena esterna, mettendo a luce i più pro- 
fondi depositi diluviali. Ed è precisamente dai tagli eseguiti 
dalla Dora che ho potuto rilevare sezioni molto interessanti per 
la storia dell'epoca glaciale. 

Sotto Pianezza presso C. Balma, si scorgono nettamente due 
depositi diluviali a contatto coperti da terreno morenico poco 
cementato. Il diluvium inferiore è fortemente cementato a costi- 
tuire un vero ceppo durissimo, ben distinto dal diluvium supe- 
riore, i cui limiti sono ben definiti per la minore compattezza 
e pel colore giallastro. La morena è pure giallastra, in qualche 
punto ferrettizzata ed a valle, verso il piano, va facendosi più 
sottile, finche scompare per essere sostituita da lembi sottili di 
loess e di terreno vegetale, mentre il diluvium si va facendo 
più potente fino a che presso Collegno, nel diluvium^ si pos- 
sono distinguere già più di due strati corrispondenti ai depositi 
delle varie glaciazioni. Nelle sezioni presso Collegno il diluvium 
acquista l'aspetto dei sincroni depositi esistenti a Beinasco, ora 
incisi profondamente dal Sangone. 

Ancora sotto Pianezza, ma più a monte, si osserva quest'altra 
sezione molto istruttiva: 

Sotto al terreno coltivabile esiste una morena non cemen- 
tata di colore giallo-chiaro, sotto a contatto diretto un deposito 
potente di morena fortemente cementata: le due formazioni ri- 
posano su strati diluviali. Più in là si osserva che il passaggio 
dalla morena non cementata alla morena cementata si fa non 
soltanto in senso verticale ma anche in senso orizzontale. Il non 
esistere depositi interglaciali fra queste due morene ^i età evi- 
dentemente diversa, ed il ritrovarli invece a monte ed a valle, 
ci dice che il ghiacciaio incontrando in una data fase la mo- 
rena cementata di più antica formazione, la erose potentemente 
livellandola e vi depositò poi le proprie morene e cosi si hanno 
a contatto due formazioni glaciali di età diversa. 

Ma v'ha di più: in un'altra sezione più a monte osservasi 
la morena recente a contatto orizzontale con la morena cemen- 
tata, e questa a contatto orizzontale col diluvium. Un'altra se- 



Digitized by VjOOQIC 



16 G. CAPBDBR 

zione interessante è stata presa nell'alveo della Dora sotto la 
località detta Sassetto. Qnivi sotto ad un velo di loess^ osservasi 
nettamente il passaggio orizzontale della morena tipica cemen- 
tata al diluvium: entrambe le formazioni giacciono sa nn diln* 
viale antico fortemente cementato; un vero ceppo. 

La morena di Rosta sarebbe per me molto antica, essa ha 
il medesimo aspetto delle porzioni di morena che si trovano 
nell'alveo della Dora da ascriversi forse alla prima glaciazione 
e che stanno a diretto contatto del ceppo : Dilaviate antico. 



Depositi interglaciali nel Sangone. 

Nelle breccie profonde ed estese che il Sangone incise fra 
Beinasco e Mirafiori, ma specialmente fra Beinasco e Drosso, si 
possono molto bene studiare i depositi diluviali e si distinguono 
quasi dappertutto molto chiaramente quattro strati diversi per 
struttura fisica, compattezza e dimensioni degli elementi che 
formano i depositi, essendo compattissimi gl'inferiori e via via 
più sciolti, ed a ciottoli diversi i superiori. Evidentemente queste 
breccie ci fanno vedere tutti sovrapposti gli strati interglaciali, 
ma è ben difficile, a cagione della loro fusione reciproca, netta- 
mente distinguere fra loro tali depositi e dalla loro disamina 
trarre argomento alla pluralità delle glaciazioni. Né a migliori 
risultati potei giungere osservando altre sezioni. 

Sulla strada per Doirone, dalla strada Rìvalta-Beinasco, 
osservai una morena molto ferrettizzata di color rosso-sangue 
che poggia su diluvium, ma più interessante è una sezione osser- 
vata sulla strada da Yillarbasse a Sangano. Si osserva discor- 
danza fra due depositi diluviali e morenici e siccome la stra- 
tificazione degli strati inferiori pare essere parallela alla linea 
di discordanza, tale fatto accennerebbe a movimenti di quegli 
strati, movimenti che dovettero compiersi in epoca glaciale, 
forse per causa stessa dei ghiacciai. Infatti adagiati contro ad 
uno strato inclinato diluviale e ad uno morenico compatto so- 
vrapposto, stanno uno strato morenico ed uno diluviale, ed in- 
tercalato fra i due, il loess che si fa potente un po' più oltre. 
Evidentemente la morena inferiore è più antica di quella che 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA STRUITURA DELL* ANFITEATRO MORENICO DI RIVOLI 1? 

le sta sopra a diretto contatto, come pure il diluvium inferiore 
ò più antico delle due morene e del diluvium che sta sopra 
con discordanza ben evidente ed infatti è pure costituito di ma- 
teriali molto alterati. 

Sul Trac Monsagnasco, presso il torrente Qarosso di Kivoli, 
osservai un deposito indubbiamente morenico, coperto da mate- 
riali stratificati e ferretti zzati; quei materiali non poterono cer- 
tamente ferrettizzarsi in epoca post-glaciale, dunque sono antichi 
e furono eertamente seguiti da altre morene e da altre allu- 
vioni; nel torrente Qarosso di Bivalta poi, presso C. Bionda, 
esiste un profondo taglio naturale nella morena, nel quale si 
scorgono per lo meno otto strati fra diluviali e morenici ; il più 
profondo è un vero ceppo simile a quello che affiora nella Dora, 
sul quale si osservano almeno tre strati diluviali intercalati a 
strati di morena rimaneggiata. Oli strati più profondi sono o 
cementati o ferrettizzati, i più superficiali sono sciolti; interes- 
sante è inoltre il fatto che lateralmente questi depositi cessano 
bruscamente per essere stati probabilmente erosi, come si vede 
anche dalla carta topografica, sulla quale però non risulta ciò 
cosi evidente dalle curve di livello, perchè la conca ora trovasi 
in massima parte riempita di loess puro potente parecchi metri 
e che raddolcisce le falde del rilievo. E questo è un altro argo- 
mento che mi fa ritenere il loess di origine eolica e di forma- 
zione interglaciale. 

Nel rio Ollasio, sotto Colombe inferiore, ho potuto osservare 
il diluvium tipico coperto dalla morena fresca e non cementata : 
il taglio è poco profondo e non appaiono altre formazioni, però 
pare che il fondo del letto del rio non sia di diluvium ma di 
morenico e fortemente cementato. Questo diluvium è caratteri- 
stico per essere formato di ciottoli sferici tutti di quasi eguali 
dimensioni con scarsissimo limo e terra di riempimento. Molto 
importante infine è una sezione presa ove il rio Freddo attra- 
versa la strada Glaveno Avigliana. Quivi osservasi una morena 
decomposta a contatto orizzontale con un'altra morena fresca; 
quest' ultima affiora poi ancora da sola più in basso alla quota 395, 
ove esiste una p3tente inaisione segnata sulla carta topografica 
m ilitare. 



Digitized by VjOOQIC 



18 Q. GAPfiDER 






Qaeste sono le principali relazioni che ho potato verificare nel 
Bistema morenico frontale di Rivoli fra i terreni glaciali, relazioni 
che ci conducono ad ammettere almeno dae glaciazioni distinte. Il 
fatto poi di trovare nel piano estemo quattro strati diluviali ben di- 
stinti e sovrapposti, diversi pei caratteri fisici, ci indica che qnesti 
strati debbono considerarsi come quattro distinte formazioni di- 
luviali formatisi in tempi diversi e probabilmente accennanti 
a tre depositi interglaciali. Il trovarsi due strati diluviali sotto 
alla morena estema dell'anfiteatro, ci dice che delle tre inva- 
sioni glaciali forse la seconda fu la più estesa ; il diretto con- 
tatto poi di morene di età diversa senza depositi interglaciali, 
ci istruisce sul limite del ghiacciaio nelle varie sue fasi. 

Conchiaderemo perciò che anche per l'apparato glaciale di 
Bivoli si possono stabilire tre periodi di massimo sviluppo gla- 
ciale separati da due periodi interglaciali, dei quali il secondo 
probabilmente era caratterizzato da un clima aaciutto, mentre 
il primo da condizioni che favorivano la ferrettizzazione. 

Lo sviluppo glaciale fu preceduto, com'è noto, da un pe- 
riodo diluviale e seguito da un periodo alluvionale o di ritiro 
del ghiacciaio. 

B. Museo Geolofcico ~ Torino. 



[ms. pres. 18 gennaio 1904 - ult. bozze 18 febbraio 1904]. 



Digitized by VjOOQIC 



IL FASCIO STRATIGRAFICO BOTTICINO-SERLE 
IN PROVINCIA DI BRESCIA 



Nota del prof. G. B. Càccia mali 



La regione da me esplorata nelle vacanze del 1903 — alla 
qnale già accennai in precedente comunicazione C) — presenta 
tali interessanti fatti tectonici che panni del caso far conoscere 
ai cultori della geologia. Lo schizzo planimetrico ed il profilo 
che unisco a questa mia nota si spiegano in gran parte da sé ; 
e quanto alla descrizione litologica posso in gran parte rife- 
rirmi, oltreché alla già citata, ad altre mie anteriori comunica- 
zioni ('); per conseguenza mi dispenso dal fare lunghe descri- 
zioni e considerazioni e posso esser brevissimo. 

La plaga è ben delimitata orograficamente: sul suo confine 
occidentale, da S. Eufemia della Fonte al passo di S. Vito, 
abbiamo la lunga cresta di M. Maddalena — sul confine set- 
tentrionale abbiamo M. Dragoncello e M. S. Bartolomeo — da 
S. Vito scende al piano di Nave, posto a NO., la Val Salena — 
tutto il resto della regione degrada a SE. verso la pianura pa- 
dana, e ne scendono brevi corsi d'acqua, tra i quali Rio Rino 
e Rio Bedoletto. 

Le rocce affioranti nel territorio spettano a tutte le for- 
mazioni mesozoiche dairinfralias alla Creta. L^Infralias è 
costituito dai soliti calcari grigi e neri con intercalazioni di 

(') Vlnfragiura bresciano (Boll. d. Soc. Geol. It. pel 1903, fase. 3*»). 

(*) Geologia delle colline circostanti a Brescia (Boll. d. Soc Geol. It. 
pel 1899, fase. 3*). 

Studio geoìofjico della regione Pnlosfio-Conche a nord di Brescia 
(Boll. d. Soc. Geol. It. pel 1901, fase. T). 

Osserpazioni geologiche sulla regione tra Villa Cogosco ed Urago 
Mella (Boll. d. Soc. Geol. It. pel 1901, fase. 3""). 



Digitized by VjOOQIC 



ì 



20 Q. B. GACCIAMALI 

scisti argillosi. La parte inferiore del Lias inferiore è rappre- 
sentata dalla Coma, calcare bianco compatto in grossi banchi 
— la parte superiore del Lias inferiore e tutto il Lias medio, 
ad occidente di M. Maddalena dal Mcdolo, calcare marnoso 
grigio con selci ; e ad oriente di M. Maddalena dal Corso bianco 
e dal Corso rosso, calcari compatti a sottili strati — ed il Lias 
superiore dalle note marne grigio-verdognole, cui sovrastanno 
alcuni strati di calcari bianchi con selci. L'Infragiura è costi- 
tuito in basso da pochi strati di un calcare rosso a facies di 
Corso rosso, ed in alto da strati di un calcare grigio-turchiniccio 
a facies di Médoìo — ed il Giura da due formazioni ben di- 
stinte: Selcifero e Maiolica, 11 Selcifero comincia con alcnni 
sottili strati di un calcare compatto turchiniccio — ma la sua 
massa principale consta di sottili straterelli di selci policrome, 
i noti € scisti ad aptici > — e finisce in alto con calcari rosso- 
vinati. La Maiolica consta di calcari bianchi compatti a frat- 
tura concoide. L'Infracreta è rappresentata ancora da Maiolica, 
che differisce però da quella giurese per gli strati più sottili, 
per la tinta grigia, per la presenza di selci nere; e la Creta 
infine consta in basso, di marne varicolori, ed in alto della nota 
< scaglia rossa », cui intercalansi calcari rosati e sottili strati 
di arenarie grigio-verdi. 

Le dette formazioni sono corrugate in due anticlinali e due 
sinclinali, e rotte da grandi fratture parallele agli assi di cor- 
rugamento. 

La prima anticlinale ha dapprima direzione NNE., andando 
da S. Eufemia a V. Salena; poi direzione E., passando per 
M. Dragoncello e M. S. Bartolomeo: il suo asse, nascosto da 
frattura solo nel tratto che fiancheggia M. Maddalena, trovasi 
nella Coma, salvo in due punti dove tocca Tlnfralias, cioè alla 
Pieve Vecchia di Nave Q) e sulfaltopiano di Cariàdeghe. 

Sul fianco di sera di questa anticlinale si adagia la potente 
formazione del Médolo, che scende fino a Brescia; su quelli di 
mattina e di mezzodì solo in tre punti alla Corna succede il 
Corso bianco, con strati quasi verticali a Cajonvico, con strati 

C) Questo lembo d'Infralias m'era efuggito nel mio citato stadio sulla 
regione Palosso-Conche. 



Digitized by VjOOQIC 



ì 



FASCIO STRATIGRAFICO BOTTI CIM0H3RRLB 21 

rovesciati in Y. Salena e sotto M. S. Bartolomeo, Coma e Corso 
bianco urtando poi contro una grande frattura. 

Dall'altra parte di questa grande frattura ecco la prima sin- 
clinale, cbe diremo di S. Gallo-Castel di Serie, ed il cui asse 
alle sue due estremità va a nascondersi nella frattura stessa. 
L'ala di sera e di nord di questa sinclinale, con strati di Creta 
ed Infracreta, Giura ed Infragiura ed un lembo di Lias supe- 
riore, è rovesciata; l'altra ala, regolare e con strati anche di 
Lias medio ed inferiore, è inten'otta da due altre grandi frat- 
ture. Delle tre fratture, la mediana si biforca presso Castel 
di Serie, ed i suoi due rami vanno a congiungersi rispettivamente 
colla prima e colla terza: si formano cosi due curiosissimi cunei 
di Giurese {Selcifero e Maiolica) incastrati nella Coma. 

Segue, venendo verso SE., la seconda anticlinale, che diremo 
di Botticino mattina-Serie, con asse totalmente nella Coma^ 
attivamente scavata nelle note cave di Botticino mattina. 

E viene infine la seconda sinclinale, la bella regolarissima 
sinclinale di Molvina. 

Il fatto della regolare concordanza tra le nostre formazioni 
mesozoiche fino alla Creta dimostra che il corrugamento ed il 
fratturamento degli strati si determinarono in tempi terziari — 
e la direzione delle pieghe tectoniche e delle grandi fratture 
dimostra che la pressione laterale determinante venne da ESE. 
e da S.; a questo proposito anzi soggiungiamo come via via 
che procediamo dal Benaco alla Y. Trompia sia constatabile il 
graduale passaggio da una direzione NNE.-SSO. ad una dire- 
zione E.-O. negli assi di corrugamento: abbiamo cioè una tipica 
tectonica benacense, una tipica tectonica triumplina, ed infine 
una tectonica di raecordamento fra queste due, presentata dalla 
regione in esame. 

Non dimentichiamoci poi che nelle fasi dei protofenomeni 
orogenetici ha sempre importanza grande anche la diversa re- 
sistenza delle rocce colpite dalla pressione laterale, diversa re- 
sistenza dovuta alla diversa natura e potenza delle stesse ; onde 
interessa osservare tanto l'influenza della eteropicità in senso 
orizzontale, quanto quella della eteropicità in senso verticale. 
Riguardo alla prima, ecco subito una plausibile spiegazione del 
fatto per il quale la zona costituente il M. Maddalena, benché 



Digitized by VjOOQIC 



22 G. B. GACCIAMALI 

la più lontana dalla regione benacense, si è corrugata secondo 
gli assi tectonici di questa : quella zona, venendo in essa ornai 
la spinta da S., avrebbe dovuto corrugarsi secondo gli assi tecto- 
nici triumplini ; ma invece obbedì ancora alle pressioni di ESE. 
perchè l'eteropismo tra le sue potenti formazioni Massiche di 
mattina e di sera tracciava appunto, pressoché da SSO. a NNE, 
una linea di minor resistenza, linea che determinò il M. Mad- 
dalena. 

Quanto al comportamento diverso delle diverse rocce della 
serie normale, notiamo subito il contrasto, nel modo di corru- 
garsi e nella resistenza alla rottura, tra formazioni a banchi 
grossi e compatti (es. Coma), formazioni a strati sottili e com- 
patti (es. Maiolica infracretacea) e formazioni a strati sottili e 
fragili (es. Selcifero giurese): pieghe blande, con rade spacca- 
ture nel primo caso ; contorsioni d'ogni genere, inflessioni le più 
strane e bizzarre nel secondo e nel terzo caso ; ma quasi senza 
rotture nel secondo, e con una vera frantumazione della roccia 
nel terzo. 

Ai protofenomeni (corrugamenti e fratture) tennero dietro gli 
epifenomeni (erosioni e soluzioni, frane e cementazioni), dei quali 
pure bisogna tener conto nello studio deirorogenesi ; è anzi per 
questi che ci possiamo spiegare le trasformazioni oro-idrografiche 
avvenute nella regione dal suo primo costituirsi ad oggi. 

Il rilievo originario doveva offrire livelli molto più elevati 
degli attuali, ed i corsi d'acqua dovevano essersi determinati 
secondo le sinclinali ed i salti o rigetti ai labbri delle fratture; 
ma da un lato le erosioni ed i franamenti, e da un altro lato 
la soluzione dei calcari, dovettero non solo andar gradatamente 
abbassando i livelli, ma anche mutare alquanto si le forme del 
territorio che la sua rete idrografica. Tale e tanto è il mate- 
riale asportato, si meccanicamente come per via di soluzione, 
ohe dobbiamo ritenere i lembi delle nostre più recenti forma- 
zioni altro non essere per lo più se non i residuati fondi delle 
sinclinali, incastrati nella potentissima Corna, la quale in ori- 
gine doveva essere per la massima parte da quelle formazioni 
ricoperta. Ma enormi quantità della Coma stessa debbono es- 
sere state asportate per soluzione, come ne fan testimonianza i 
potenti depositi di terre rosse: oltreché in Cariàdeghe, tipico 



Digitized by VjOOQIC 



FA8010 STRATIGRAFICO BOTTICIMO-SBSLB 28 

altopiano di natura carsica, dette terre rosse abbondano infatti 
sulla Coma in ogni plaga più o meno pianeggiante. 

Cercando ricostituire alcune delle trasformazioni idrografiche, 
diremo : che Y. Salena, determinatasi probabilmente in frattura 
trasversale, in origine doveva essere limitata alla gamba NO. 
dell'anticlinale ; ma poi per erosione retrograda andò mano mano 
conquistando terreno, a SE., spostando il partiacque fino a 
S. Vito (0 — che Rio Rino e Rio Bedoletto dovevano non avere 
affatto il corso attuale, ma seguendo la sinclinale di Castel di 
Serie ed il fascio delle grandi fratture, sboccare nella insena- 
tura di Botticino sera; al corso attuale furono richiamati per 
catture, come vedremo ora — che la sinclinale di Molvina do- 
vette determinare una valle sboccante al Moliuetto, onde il co- 
stituirsi qui di larga insenatura piana ; spostatosi via via verso 
SE. Falveo di essa valle, un suo afQuente di destra allungatosi 
asportò, tra Molvina e Botticino mattina, il Selcifero, l'Infra- 
giura ed il Lias superiore, mentre altro suo affluente di destra, 
per erosione retrograda, catturò Rio Rino — e che la presenza 
della pianura a SE. della nostra regione deve aver presto de- 
terminati in questa piccoli corsi d'acqua diretti verso la pia- 
nura stessa: uno di detti corsi, per erosione retrograda, gua- 
dagnò grado grado le superiori zone, catturando le acque di 
Rio Bedoletto. 

Interessantissimi sono infine i rapporti tra la tectonioa della 
nostra regione e la sua idrografia sotterranea: il fascio strati- 
grafico che comprende la sinclinale S. Gallo-Castel di Serie e 
la zona delle grandi fratture dà molte ed abbondanti sorgenti, 
da quella delle falde meridionali di M. S. Bartolomeo a quella 
di V. Salena, a quelle di Botticino mattina, a quella di S. Eu- 
femia detta appunto della Fonte; Y. Salena e Rio Rino hanno 
perciò acqua perenne, conti'asto notevole con Y. Carrobbio e Rio 
Bedoletto, dagli alvei sempre asciutti. Anche la sinclinale di 
Molvina dà un importante bacino idrografico sotterraneo, al 
quale va certo riferita la grossa sorgente del Molinetto. Le ac- 



(0 Questa interpretazione dò ora al passo di S. Vito: il Chiese non 
sarebbe mai passato di qui, come supposi nella mia memoria sulla re- 
gione tra Cogozzo ed Urago. 



Digitized by VjOOQIC 



24 O. B. CACCI AH ALI 

que inghiottite dall'altopiano calcareo di Serie escono all'incon- 
tro tra Eio Bedoletto e la sinclinale di Molvina, e servono poi 
al comune di Nuvolera. 

Sall'altopiano poi di Cariàdeghe, le acque inghiottite da 
centinaia di doline sono certo convogliate, per mezzo di una 
sinclinale che si trova a nord dell'anticlinale di M. Dragoncello, 
verso la V. del Garza, e — colle acque sotterranee di questa 
stessa valle e con quelle delle falde NO. di M. Maddalena — 
danno la fonte di Mompiano a nord di Brescia, fonte che for- 
nisce a questa città l'acqua potabile. Le falde invece SO. di 
M. Maddalena danno origine alle minori sorgenti di Bebuifone 
e della Bornata a mattina di Brescia. 

[ma. pres. il 7 febbr. 1904 - ult. bozze 26 febbr. 1934J. 



Digitized by VjOOQIC 



Boll.d.Soc. Ceoi.Ilaliana .Voi. XX 



(rHa e hi/ha ereta 



dura e In/ha^ura 



\ f ^ m^M J 



e parie deU' ùirf 



^ Slhfiein/^drl 



■-^ 



OXinv 




-"' "c"^ "-^^ ^'^ 




Piano di A^aw S. 




Digitized by 



Google 



Digitized by 



Google 



I PORAMINIFEBI EOCENICI DEL GRUPPO DEL M. lUDICA 

E DEI DINTORNI DI CATEN ANUOVA 

IN PROVINCIA DI CATANIA 



Nota del dott. Giuseppe Checchi a-Rispoli 



Parte geologica. 

Come abbiamo annunziato in una breve nota preventiva (*), 
il materiale che forma l'oggetto di questo studio fu raccolto in 
varie escursioni dal prof. Giovanni Di-Stefano, che volle affi- 
darlo a me in istudio. Esso proviene dai dintorni di Catena- 
nuova, sulla sinistra del fiume Dittaino (provincia di Catania) 
e dai terreni del gruppo del Monte ludica, che comprende parte 
del territorio di Catenanuova e parte di quello di Rammacca 
(frazione Giardinelli). 

Le località principali da cui provengono i fossili si trovano 
«ulla sinistra del fiume e sulla sua destra; sono sulla sinistra 
il Colle di S." Maria, che pure essendo contiguo a Catenanuova, 
appartiene al territorio di Regalbuto; le regioni Sparacogna e 
Frechissa, fra Centuripe e il Colle di S.'' Maria, e il vallone 
della Cuba presso Catenanuova. Si trovano sulla destra tutte 
le altre località comprese nella vasta regione, che si estende 
dal territorio di Catenanuova sino a Giumarra-Barconieri (sotto 
Monte Capezzano), nel territorio di Rammacca; tali località 
sono: regione Castellace sotto il lato orientale del M. Scalpello; 
Vallone Canazzi tra M. ludica e- M. Scalpello; regione Santa 
Lucia e poi più in là Passo del Ladrone e Giumarra-Barconieri. 

L'Eocene è molto esteso in questa regione: esso ricopre i 
terreni secondari o vi urta e in qualche caso, secondo il 

0) Checcbìa-Rìspoli G., I foraminiferi eocenici del gruppo del M. lu- 
dica e dei dintorni di Catenamwva in provincia di Catania. CNota pre- 
ventiva). (Boll. Acc. Gioenia di Se. Nat. in Catania, fase. LXXVII, 190:3). 

3 



Digitized by VjOOQIC 



26 G. CHECCHIA-RISPOLI 

Di- Stefano, è ad esso sottoposto per effetto di fratture ordinarie 
o per accavallamenti. 

L'Eocene è formato di argille, scisti marnosi con intercala- 
zioni d'arenarie quarzose, gialliccie, talvolta grigie o rossastre ; 
di calcari numraulitici, brecciuole nummulitiche e marne di color 
rosso vinaccia, con lente di calcari nummulitici. Alla parte su- 
periore contiene anche dei calcari marnosi bianchicci a fucoidi 
come nella regione Mandre Bianche. 

Le arenarie vi si trovano talvolta stratificate regolarmente, 
tal'altra formano delle masse che per la denudazione delle ar- 
gille e delle marne, emergono in forma di aspre rupi e formano- 
talvolta la sommità delle alture. Queste arenarie intorno al 
M. ludica e specialmente intorno a Catenanuova, furono già 
riferite al Miocene, per la somiglianza d'aspetto con le arenarie 
mioceniche della Sicilia, come ha già scritto il prof. 6. Di Ste- 
fano (*), ma esse sono indubbiamente eoceniche, perchè intercalate 
nelle argille con brecciuoline nummulitiche. Del resto anche in 
queste arenarie si raccolgono nummuliti, come nella regione Fa- 
raspola, S.'' Lucia, S. Nicola, ecc. 

I fossili qui illustrati provengono tutti dal medesimo livello, 
cioè dalle brecciuole intercalate fra le argille e gli scisti marnosi. 

In tutte le località avanti dette si raccolgono nelle brec- 
ciuole abbondanti i foraminiferi appartenenti ai generi Num* 
mulites, Orbitoides, Alveoliìia^ Operculina, Assilifui^ Calcarina. 
Inoltre sulla superficie erosa degli strati si osservano non rari 
avanzi di coralli, piccole colonie di briozoi, placche isolate e 
radioli di echinidi, talora forse determinabili genericamente, 
avanzi di crinoidi e frammenti di valve di Pecten costati e delle 
piccole Ostrea. Solamente la Serpula spirulea Lamk. si presenta 
in parecchi e ben conservati esemplari. 

Sin dal 1858 il Gravina (*), il primo e l'unico che abbia 
riconosciuto l'abbondanza dei foraminiferi e specialmente delle 

(') Di Stefano G., Il Calcare con grandi Lucine dei dintorni di 
Centuripe, ecc, (Atti Acc. Gioenia di Se. Nat. in Catania, serie 4", 
voi. XVI), 1903. 

(') Gravina B., Note sur ha terrains tertiaires et quaternaires des en- 
virons de Catane. (Boll. Soc. Géol. de France, sér. 2«, t. XV, pag. 391-421),. 
anno 1858, Paris. 



Digitized by VjOOQIC 



FOBAMINIFERI EOCENICI DEL M. lUDICA 27 

nuDìmaliti in questi luoghi, pubblicò la seguente lista di fossili, 
che io cito: OrbitoUtes stella d'Arch., Orb. stellata d'Arch., Orb. 
subfnedia{?) d'Arch., 0'6. Fortisi d'Arch.; Nummulites laevi- 
gata Lamk., Numm. Gmttardi Haime, Numm. variolaria Sow., 
Numm. TchiJiatcheffi d'Orb., Numm. curvisplra Mgh., Numm. 
striata d'Orb., Numm. contorta Desh., Numm. placentula Desh.; 
Alveolina Boscii Defr.; Botalia suessoniemis d'Orb. e Pectun- 
culus cor Lamk. 






L'abbondante e ben conservato materiale, che ho avuto in 
istudio, mi ha permesso di aumentare notevolmente l'elenco 
delle specie, le quali ascendono ora a trenta, oltre a numerosi 
frammenti di altre, che però non sono specificabili a causa della 
incompleta conservazione. Delle specie determinate 14 appar- 
tengono al gruppo delle Nummulites, 8 a quello delle Orbi- 
toides, 4 al gen. Alveolina, 2 al gen. Operculina, 1 al gen. 
Assilina e 1 al gen. Calcarina. 

Diamo qui l'elenco delle specie determinate: 

1. Camerina laevigata Lamarck sp. 

2. » subitalica Teli sp. 

3. Lenticulina Kaufmanni Mayer. sp. 

4. » subgarganica Teli. sp. 

b. > )► » var. sammtica Checchia» 

6. » curvispira Mgh. sp. 

7. » irregularis Desh. sp. 

8. » Bamondi Defr. sp. 

9. » latispira Sav. e Mgh. sp. 

10. » Guettardi d'Arch. sp. 

11. » Beaumotiti d'Arch. sp. 

12. » Tchihatcheffi d'Arch. et. H. sp. 

13. > contorta Desh. sp. 

14. » budensis v. Hantken sp. 

15. Lepidocyclina aspera Gumbel. 

16. Orthophragmina dispansa Sow. sp. 



Digitized by VjOOQIC 



28 G. CHECCHI A -RISPOLl 

17. Orthophragniina Fratti Michelin sp. 

18. » tenuicosfata Giimb. sp. 

19. » epìiippium Schloth. sp. 

20. » stellata d'Arch. sp. 

21. » stella Gtimb. sp. 

22. » patelìaris Schloth. sp. 

23. Assilina suhspira De la Harpe. 

24. Operculina granulosa Leyni. 

25. » canali fera d'Arch. 

26. Calcarina tetraedra Gunib. 

27. Alveolina Schivageri Checchia. 

28. » cfr. oblonga d'Orb. 

29. > Di-Stefanoi Checchia. 

30. » Crefuae Checchia. 






GeneralmeDte nel bacino mediterraneo TEocene medio e il 
superiore rivestono un carattere molto uniforme, presentandosi 
sotto l'aspetto del terreno nummulitico degli antichi autori. In 
esso riesce per lo più assai difficile, e in non pochi casi im- 
possibile, di poter distinguere nettamente il Parìsiano dal Bar- 
toniano. 

La difficoltà di poter stabilire una successione d'orizzonti 
paragonabili a quelli di altre regioni classiche per lo sviluppo 
dell'Eocene definitivamente studiate, trova la sua principale ra- 
gione nel valore molto relativo che ha la sola presenza dei 
foraminiferi in molte regioni del bacino mediterraneo, rappresen- 
tati in massima parte dalle nummuliti, le quali spesso si pre- 
sentano capricciosamente mescolate fra di loro, mentre nei gia- 
cimenti tipici caratterizzano l'uno o l'altro piano dell'Eocene. 
Solo quando allo studio di questi esseri si ha la fortuna di 
aggiungere anche quello di altri organismi è possibile potersi 
pronunziare in modo più definito. 

Cosi, per esempio, l'età precisa dell'Eocene del noto M. Gar- 
gano potè bene stabilirsi solo quando allo studio dei foramini- 
feri si aggiunse anche quello degli Echinidi. Per le ragioni 
dette riesce quindi impossibile di poter in questi territori pro- 



Digitized by VjOOQIC 



F0RAM1N1FERI EOCRNICI DEL M. lUDICA 29 

vare le divisioni stabilite per l'Eocene del bacino anglo-parigino. 
Generalmente per il bacino mediterraneo si può adottare l'antica 
divisione dell'Eocene in tre piani: Suessoniaìio d'Orb., Pari- 
siafw Mayer non d'Orb. (= Luteziano de Lapparent) e Bar- 
toniaìw Mayer, che corrispondono alla parte inferiore, media e 
superiore dell'Eocene, non comprendendo in questo il piano di 
Priabona, che rappresenta o un termine di passaggio tra l'Eo- 
cene e l'Oligocene, oppure la parte inferiore dell'Oligocene. 



He « 



Ciò premesso, tenteremo ora di schiarire brevemente quale 
sia il posto da assegnare nella scala cronologica alla vasta 
formazione nnmmulitica che da Giumarra-Barconieri (Bammacca) 
si estende sino ai dintorni di Catenanuova e, lateralmente, più 
oltre. 

L'Eocene in Sicilia, per quanto abbia un grande sviluppo 
sia in superficie che in potenza e si presenti anche sotto vani 
aspetti litologici, è ancora troppo poco studiato paleontologica- 
mente, se si eccettuano i dati paleontologici fomiti dai lavori 
del Seguenza C) e del Baldacci (*), e da quelli del Di Stefano C) 
e del Tellini {*) sui dintorni di Taormina e del Ciofalo C) su 
quelli di Termini-Imerese. 

Ora lo studio dei fossili, che forma l'oggetto di questa Nota,, 
permetterà dì fare estesamente conoscere i sedimenti eocenici 
del gruppo montuoso del M. ludica e dei dintorni di Catena- 
nuova, che fanno parte della grande formazione delle argille 
scagliose di tutta la Sicilia. Questa formazione nella provin- 
cia di Messina, di Palermo e in altre località, riposa in vari) 



{^) Seguenza G., Brevissimi cenni intorno la serie terziaria della 
provincia di Messina. (Boll. R. Coni. Geol.. voi. IV), 1873. 

;•) Baldacci L., Descrizione geologica delV Isola di Siciliay 1886. 

(3) Di Stefano G. e Cortese E., Guida Geologica dei dintorni di 
Taormina. (Boll. Soc. Geol It., voi. X, fase. V), 1891. Di Stefano G., Op. cii. 

{*) Tellini A., Relazione delle escursioni fatte nei dintorni di Taor- 
mina, nei giorni 3, 4 Ottóbie 1891. (Soc. Geol. It., voi. XIV), anno 1892. 

(^) Ciofalo S., L'Oligocene dei dintorni di Termini-Imerese. (Atti 
Acc. Gioenia di Se. Nat. in Catania, voi. II, ser. 4*). 



Digitized by VjOOQIC 



80 G. CHBCCHIA-RI8POLI 

casi BUÌ calcari a grandi nummnlìti e aasiline dell' EoccBe 
medio, ma assai spesso trasgredisce sopra ogni terreno più an- 
tico della serie geologica deirisola. 






Se diamo uno sguardo airelenco dei fossili poco innanzi 
riportato, non osserviamo una spiccata mescolanza di specie di 
varii piani, come avviene in altri casi, ma bensì una relativa 
omogeneità dì fauna. Infatti delle forme più antiche, solamente 
qualcuna persiste (Lentìculina curvispira Mgh.), ed è rappre- 
sentata da pochi individui; abbiamo invece un'abbondanza di 
specie giovani, alcune delle quali si spingono sino nel più 
giovane Oligocene (Lentìculina budensis v. Hantk., Ortìiophrag- 
mina tmuicostata GUmbel, Orth. patellaris Schloth., Orth. stella 
Gtimbel, ecc.). Ora, se alla presenza di queste specie, nonché 
a quella della Lenticulina contorta Desh., che generalmente 
caratterizza gli strati superiori deirEocene, noi aggiungiamo la 
mancanza delle grandi nummuliti e assilìne, le quali, nono- 
stante il valore talora molto relativo delle diverse scale crono- 
logiche dì questi foraminiferi, sono sempre indicate nei livelli 
medii dell'Eocene, e aggiungiamo il carattere dell'abbondanza 
delle orbitoidi, tanto comuni nelle parti più elevate dell'Eocene 
e nell'Oligocene, noi abbiamo degli argomenti non trascurabili 
per poter in un modo più preciso giudicare dell'età delle for- 
mazioni in esame. L'insieme di tutti questi fatti sta ad indicare 
indubbiamente, pei depositi eocenici del gruppo del M. ludica 
e dei dintorni di Catenanuova un carattere di maggior gio- 
ventù rispetto a quelli dell'Eocene medio, senza che per altro 
sì possano ascrivere ad un livello più giovane del Bartoniano, 
per la grandissima abbondanza delle nummuliti quasi tutte eo- 
ceniche. 



Digitized by VjOOQIC 



FOKAMINIFERI BOCENIGI DEL M. lUDIOA 31 

Parte paleontologica. 

Fam. PENEROPLIDAE Schwa^'er. 

Gen. Alv BOLINA d'Ori). 

Omettiamo qui la descrizioDe delle specie appartenenti a 
questo genere. Ne parleremo in una memoria di prossima pub- 
blicazione, ove verranno descritte e figurate insieme con pa- 
recchie altre alveoline provenienti pure dalla Sicilia. 

Come risulta dall'elenco dei fossili da noi dato più avanti, 
-delle quattro specie di Alveólina da noi distinte, solamente una 
i già nota ed è VAlvcolina ohìonga d'Orb. ; le altre indubbia- 
mente costituiscono tre tipi nuovi; di essi per ora diamo sola- 
mente i nomi e sono: 

Alveólina Schivageri Checchia. 
Alvcolina Di-Stefanoi Checchia. 
Alveólina Creniae Checchia. 

Fam. EOTALIDAE Carp. 

Gen. Calcarina d'Orb. 

Calca riiia tetraedra Giimbel. 
(Tav. Il, fig. 12;. 

18()S Calcar Ina tetraedra Giimbel, Beitriige sur Foraminifeien fauna der 

nordalpinen Eocàngebilde, pag. 78, tav. II, 
fig. 97 rt e b. 

Conchiglia tetraedrica, composta di quattro raggi di eguale 
lunghezza, che si originano da un bottone centrale subrotondo 
<ii forma cilindrica ed ottusi alle estremità. La superficie dei raggi 
è solcata da grosse costole longitudinali, che verso la parte cen- 
trale si risolvono in tante granulazioni, le quali la ricoprono 
tutta. Fra queste granulazioni se ne distingue una più grande 
delle altre a forma di tubercolo, circondato verso la base da 
due depressioni concentriche. 



Digitized by VjOOQIC 



32 G. CHECCHIA-RISPOLl 

La sezione principale mostra 4 o 5 giri di spira, ognuno 
dei quali è composto dì nove eoncamerazioni interrotte dai fasci 
di canali, che giungono quasi sino alla parte centrale della con- 
chiglia. 

Questa specie fu stabilita dal GUmbel su materiale raccolto 
a Mosciano presso Firenze; secondo il Trabucco il calcare di 
Mosciano ricco di foraminiferi, specialmente di orbitoidi, di nuni- 
muliti, alveoline, assiline, operculine, ecc., appartiene all'Eocene 
medio (Parisiano) (^). 

Dimensioni: Abbiamo trovati parecchi esemplari di cui il 
più grande misura mm. 3 di lunghezza dall'estremità di un 
raggio al margine opposto. 

Località: Regione Le Rocchette, presso la stazione di Muglia. 

Fam. NUMMULINIDAE Carp. 

Gen. Opercvlina d'Orb. 

Operculina granulosa Leym. 
(Tav. II, fig. 13}. 

1844 Operculina granuìona Leyraerie, Mémoirea sur le terrain à Num^ 

mulites des Corhières et de la Montagne 
Noire (Mém. Soc. Géol. de France, 2« sèrie, 
tome 1, pag. 369, pi. XIII, fig. 12). 

1B68 » granulata Gumbel, loc, cit., pag. 85, t. II, fig. IH a, 6, e. 

1875 » granulosa v. Hantken, Dit Fauna der Clavulina Seah'À 

Schichten; Th. /, Foramtni/ercn (Mitthl. auft 
dem Jahrb. d. k. iingar. Geol. Amt., pag. 80). 

1900-01 » » Oppenheim, Die Priabonaschichten und ihre 

Fauna (Palacontograpbica, pag. 36). 

Pochi esemplari ben conservati ci permettono di riferire la 
specie in esame a\V Operculina granulosa Leymerie. La conchiglia 
è appiattita, di forma ovale, con tre giri di spira, rapidamente 
crescenti. Esternamente si osservano i rilievi che i setti fanno 
sul guscio della conchiglia, ornati di una serie di piccole gra- 
nulazioni, che si rendono meno visibili via via che la conchiglia 
cresce. Nella parte centrale le granulazioni si agglomerano e s'in- 

(*) Trabucco G., Sulla posizione del calcare di Mosciano e degli altri 
terreni eocenici del bacino di Firenze, pag. 2, Firenze, 1894. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFRRI BOCBNICl DBL M. lUDIGA *SS 

grandiscoDo: Tultimo giro della spira è avvallato nel mezzo e 
mostra nettamente il cordone dorsale. 

La sezione mediana mostra una concamerazione piccolissima 
(microflfera); i setti, avvicinati nel primo giro, diventano sempre 
più lontani fra di loro col crescere della spira. 

Dimensioni: mm. 4. 

Qnesta specie fa anche rinvenuta nei calcari nummalitici 
di Castello presso Verona; a Gassino (Piemonte), la di cui età 
è stata stabilita definitivamente dal Bassani (orizzonte intermedio 
tra il Parìsiano e il Bartoniano); nei dintorni di Potenza, ecc. 
Fuori d'Italia a Biarritz, alle Corbières e alla Montagna Noire 
(Luteziano). In Ungheria negli strati a ClavuUna Szabói (Oli- 
gocene); a Priabona (Oligocene); in Algeria, ecc. 

Località: Regione tra Sparacogna e Frechissa (sinistra del 
Dittaino). 

Operciilina canalifera d'Arch. 

[forma a microsfera (B)] (*) 
Tav. II, fig. 14). 

1S53 Opercuìina canalifera d'Archiac et Haime, AnimaiLX fosB, du groupe 

nummuliiique de Vlnde, pafi^. 346, tav. 35, 

1S68 » » Giimbel, ìoc. cit., pag. 86, tav. II, fig. 112. 

1):<83 » cf. canalifera, Schwager, Foraminìferen. Eocaen Ablag. 

lib. Wiisteund Aegypt, pag. 144, tav. 6, tìg. 3. 

1890 » subcanalifera Telimi, Le 2^umtnu1iii della Majella, ecc.^ 

pag. 41. 

1900-01 » » Oppenheiin, Die Priabonaschichien, ecc,^ 

pag. 36. 

1902 » » Martelli, Le formazioni geologiche e i fos- 

sili di Paxos e Aniipaxoa (Boll. Soc. 
Geol. Ital., voi. XX, pag. 413). 

(>) Il dimorfismo, segnalato già in molti generi dì foraminiferi, non 
è stato verificato per tutte le specie di uno stesso genere; per ora 
qnindi in questo scritto distingueremo solamente la forma A (a mega- 
sfera) e la forma B (a microsfera), di quelle specie in cui con sicurezza 
é stato accertato il dimorfismo. Per le altre, sebbene questo carattere 
non si possa escludere a priori^ presentemente non si può fare veruna 
distinzione, sino a quando ulteriori ricerche non abbiano accertato resi- 
stenza di corrispondenti forme a microsfera o a megasfera. 



Digitized by VjOOQIC 



Si O. CHECCHIA-RTSPOLI 

190*2 Operculina subcanalifera Marinelli, Descrizione geologica dei din- 
torni di Tarcento in Friuli (Pubbl. del 
R. Ist. di st. sup. e di perf. in Firenze, 
pag, 182, tav. V, fig. 8}. 

Pochi esemplari ben coDservati ci permettono una sicura 
determinazione di questa specie. La conchiglia è spessa, solida, col 
margine arrotondato e composta da tre giri di spira rapidamente 
<;rescenti: sulla superficie si osservano i rilievi che fanno ì nu- 
merosi setti a forma di falce. 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale pic- 
«eolissima, e una spira rapidamente crescente, con setti equidi- 
stanti, arcuati posteriormente nei primi giri, e regolarmente 
inflessi verso il dorso nell'ultimo, ove sono più numerosi e quindi 
più ravvicinati fra di loro. 

Dimensione: mm. 4. 

Questa specie si trova abbondante in molte regioni d'Italia: 
fu indicata nel Gargano, in Piemonte, Toscana, nei dintorni di 
Tarcento nel Friuli, ecc. In Francia sulle Corbières; nelle isole 
Paxos e Antipaxos; a Priabona (Oligocene), in Egitto, nel- 
l'India, ecc. 

Località: Regione Le Bocchette, presso la stazione di Muglia; 
tra Sparacogna e Frechissa (Catenanuova). 

Gen. Camerixa Brug. (*) 
Camerina laevigata Lmk. sp. 

1801. Nummulites ìaevigata Lamarck, Systeme des animaux sans vertè- 

bresj jiag. 101. 
1853. » » d'Arcbiac, Op. cit , pag. 103, tav. IV. fig. 1-7. 

(*) Recentemente disponendo di un ricco materiale di studio, il Dou- 
villé {}) e quasi contemporaneamente il Prever (*), poterono compiere 

(') Douvillé H., Becherches sur ìes Nummulites. (Bull. Soc. Géol. 
-d. France, 4« sèrie, tome II). Paris, 1902. 

Id., Etudes sur les Nummulitts: Première Note. (Bull. Soc. Géol- 
d. France, 4« sèrie, tome II, n° 2), 1902. 

(*) Prever P., Le Nummuliti della Forca di P^-esta nelV Appennino 
centrale e dei dintorni di Potenza nelV Appennino meridionale. (Mém. Soc. 

Paléont. Suisse, voi. XXIX). Genève, 1902. 

# 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMIMIPRHI BOGEKICI DBL M. lUDlCA 85 

1879. Nummulitea laevigata v. Hantkenf JHe Miiih. der H, Héhert u. 

Mìinier-Chalmas uber die ungariseh, alter- 
Uà ren J.ildungen, tav. I e li. 

1901. » > Gentile G., Su alcune nummuliti delVItctlia 

mendionale (Mem. estr. d. voi. XI, ser. 2*, 
n** f, d. Atti d. R. Acc. d. Se. ita. e mat. 
d. Napoli, pag. 6, fig. 4). 

1902. Brughieria laevigata Prever, loc, cit., pag. 90, tav. Ili, fig. 27 a 29. 

numerose osservazioni sui caratteri esterni delle specie appartenenti alle 
nummuliti. Tali osservazioni permisero di poter risolvere alcuni pro- 
blemi riguardanti lo sviluppo di questi importanti foraminiferi e di 
poterne stabilire un ordinamento, perché, a causa dei loro caratteri 
esterni essenzialmente differenti, non potevano più essere contenuti nel- 
Tunico genere Nummulites. 

Il Dou ville, studiando Torigine delle forme granulate, osservò in 
quelle striate, sulle ramificazioni delle strie che danno luogo al reticolo, 
dei rigonfiamenti irregolari, i quali sviluppandosi danno le granulazioni 
tubercoli; ne concluse che le forme g^'anvlate non sono che un caso 
particolare delle reticolate. 

Secondo il Prever poi le forme reticolate e le striate sarebbero ori- 
ginate dalle subreticolate y che sarebbero le prime nummuliti nella scala 
cronologica. 

Riassumendo brevemente, secondo il Prever, le forme 9ubreiicolate 
dischiformi ebbero origine da quelle subreticolate mammellonate : in queste 
il mammellone da regolare potrebbe diventare irregolare, frangiato 
all'orlo, e in seguito frazionarsi in 8, 4, 5, 6 porzioni, che per trasfor- 
mazioni successive darebbero un numero corrispondente di granula- 
zioni al posto del mammellone. Intanto nei punti ove le strie e le dira- 
mazioni di queste offrono delle anastomosi, che determinano la chiusura 
delle maglie del reticolo, si osserva un rigonfiamento. Mentre il mam- 
mellone centrale si fraziona e si stabiliscono nettamente le granulazioni, 
le maglie del reticolo andrebbero perdendo la loro primitiva forma, si al- 
lungano, accennano ad aprirsi e tendono a scomparire, mentre le strìe 
assumerebbero uu aspetto subretto o ad S; contemporaneamente le ana- 
stomosi si trasformerebbero anch^esse dando 'origine a vere e proprie gra- 
nulazioni. Questo sarebbe uno dei modi di origine delle granulate- striate. 
Per simile processo, astraendo dalle granulazioni, dalle subreiicolate si 
originerebbero forme semplicemente striate» In queste ultime forme acca- 
drebbe talora che le strie si trasformerebbero in pieghe, su cui si origine- 
rebbero degli ingrossamenti locali, che leggieri da principio, andrebbero 
assumendo in seguito il carattere di vere granulazioni ; però in questo caso 
le granulazioni sarebbero non arrotondate, ma allungate, snbelissoidali. 

Le subreticolate dunque, trasformandosi, potrebbero dare origine alle 
striate semplicemente o alle granulate- striate. Inoltre potrebbero ori- 



Digitized by VjOOQIC 



S6 G. CHECCHIA-RISPOLI 

Nummalite di discrete dimensioni, lentiforme, spessa verso 
la parte centrale e dal margine ottuso. La superficie è rico- 
perta di filetti sottili ondulati, visibìli specialmente verso la 
periferia, divisi e suddivisi in modo da intrecciarsi fra loro, 
dando origine ad un reticolato di maglie poligonali. 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale 
piccolissima e una spira formata di dodici giri, su un raggio 
di mm. 4, 5, il cui passo e sempre costante. 

ginare le reticolate propriamente dette, aameutando le maglie del retì- 
colo in modo da coprire interamente la superficie conchìgliare. Nelle 
reticolate poi per analogo processo a quello più su descritto, aumentando 
le granulazioni, si passerebbe alle granulate- reticolate. 

Per quanto riguarda il nuovo ordinamento sistematico, noteremo 
che dai vari autori, i quali da tempo bì sono occupati di quest'importantis- 
simi foraminiferi, il gen. Nummulites aveva subito degli smembramenti in 
gruppi fondati sui caratteri estemi dipendenti dalle diverse ornamen- 
tazioni della superficie conchigliare. Tuttavia queste divisioni o gruppi 
rimasero inclusi nell'unico genere Xummulites; ora in base della più estesa 
conoscenza di questi organismi, l'antico genere é stato creduto insuffi- 
ciente per comprendere tutte queste forme. 

Il Douvillé perciò ha proposto di scindere l'antico gruppo in due ge- 
neri, adottando il nome di Camerina Brughière, 1792, per quelle forme 
ornate di strie flessuose, che, anastomi zzandosi fra di loro, danno origine 
ad un reticolo; e il nome di LeniicuUna Lamarck, 1804, per quelle ornate 
di strie radiali subrette, o falciformi o ad S. 

11 Prever propose inoltre di suddividere questi due generi in due sot- 
togeneri ognuno, adottando il nome di Brughitria per le Cannerina sprov- 
viste di granulazioni e il nome di Laharpeia per quelle che ne sono 
provviste. Egli chiamò inoltre Giimbelia le Lenticulina provviste di gra- 
nulazioni e Paronaea quelle che ne sono sprovviste. 

Cosi diviso e suddiviso l'antico genere Nummulitea acquisterebbe 
il valore d'una sottofamiglia e comprenderebbe tutte le nummuliti pro- 
priamente dette, restandone assolutamente escluso il genere AssiHna d'Or- 
bigny, per ragioni che facilmente si comprendono. 

Abbiamo creduto di riportare qui i risultati delle osservazioni 
ultime compiute su questi organismi, in modo puramente obbiettivo, 
tanto più che il prof. Douvillé ha promesso di occuparsi ancora e molto 
di questo importante argoment<i, che solamente dopo una serie di mol- 
teplici e minuziose osservazioni potrà essere risoluto definitivamente. 
Tuttavia non ci sembra prematuro di adottare in questo lavoro la di- 
visione proposta dal chiaro pale.intologo francese nei due generi Ca- 
merina e Lenticulina, in attesa che siano discusse ed adottate le altre 
suddivisioni. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFBRI fiOCBNIOI DEL M. lUDICA 87 

La lamina spirale, sottile nei primi giri, si {spessisce nei 
saecessivi, divenendo ugnale e talora anche maggiore dell'al- 
tezza delle loggie. I setti sono fitti, sottili, equidistanti, pochis- 
simo inclinati nei primi giri, e curvati alquanto in quelli della 
parte mediana e periferica. Le concamerazioni sono più o meno 
rettangolari: se ne contano nove in un quarto del V giro, do- 
dici in un quarto del VII e quattordici in un quarto dell'ul- 
timo. 

Dimefisioni: -^ mm. 

Questa specie è molto diffusa sia neir£ocene medio che nel 
superiore: in Italia si trova nel Gargano, presso Mosciano, a 
Spina di Potenza e a Viggianello (Basilicata), in strati ritenuti 
dell'Eocene superiore. Poi a Cassel, nei dintorni di Soissons, 
nel Laonnois, a Bartennes, a Gaujacq nei Bassi Pirenei, in 
Algeria, ecc. 

Località: Discretamente abbondante nella regione S. Maria 
(territorio di Begalbuto); nella regione Le Rocchette presso la 
stazione di Muglia; nella parte inferiore del Yalloncello la 
Cuba (Catenanuova). 

Canterina italica Teli. sp. 

[ forma a megasfera (A) ]. 

(Tav. II, ^R, 28 e 29). 

1890 NummuUtes italica Tellinì, loc, cxL, pag. 38, tav. XIII, fig. 4, 

tav. XIV, fig. 13-15. 

1902 » » Marinelli, loc. ciu, pag. 189. 

1902 Laharpeia sttbitaìica Prever, loc, cti., pag. 41, tav. I, fig. 30. 

1903. Nummuliies mbitnìica Martelli, I fossili dei terreni eocenici di Spa- 
lato in Dalmazia, pag. 38, tav. II, fig. 5 
(Palaeontographia italica, voi. Vili}. 

Nnmmulite discoide, poco spessa nella pai-te centrale e 
dall'orlo assottigliato. Superficie conchigliare tutta ricoperta di 
granulazioni regolarmente disposte a circoli concentrici; la reti- 
colatnra delle strie è poco visibile all'esterno, per contrario si 
vede bene verso la periferia quando si asporta porzione della 
lamina spirale. 



Digitized by VjOOQIC 



3^ G. CHE4i:CHfA-BISPoLI 

Lei Spira sobrecrolare eomineìa da osa inegasfera 8nbeirc«> 
lare Ki^iuljfliiiiia, sìik; a misurare talcoa mm. 1 di diamehro. 

PaiMO della spira crescente sino alla metà del raggio e de- 
freseente sino alla (lerìferia. Lamina irre;rolarmente spessa, po- 
tendo talora assottigliarsi o ispessirsi di molto. 

Il numero dei giri è di (> sn nn raggio di circa mm. 4. 

I setti sono ondulati, ineqnidistanti, nn po' inclinati; ne ri- 
sultano qaindi delle concamerazioni poco nniformi e general- 
mente più alte che larghe verso la parte centrale e mediana del 
raggio e viecFersa verso la periferia. 

Jjimetisimxi: -^ mm. 

Qaesta specie fn istitaita dal Tellini sn esemplari prove- 
nienti dal Monte Gargano. Essa è stata rinvenuta pure nei din- 
tomi di Taroento nel Friuli e a Spalato in Dalmazia. 

Località: Abbondantissima a Santa Maria; nella regione Spa- 
racoigna; alle case di Gìumarra-Barconieri sopra l'angìtite (Bam- 
macca). 

dm, Lesticvlisa Lamarck. 

Lentlcalina garganica Teli. sp. 

[ forma a megasfera (A) ]. 

(Tav. Il, iig. 7-8;. 

1890 Nummuliies subgarganica Tellini, loc. ciL, pag. 26, tav. XII, ^g, 10. 

È una bella specie, abbondantissima, che si presenta talora 
con individui alquanto più grandi di quelli tipici, che si trovano 
sul Gargano. 

Conchiglia di forma lenticolare, gonfia, con la superficie co- 
perta di grosse granulazioni, di diversa forma e grandezza, di- 
sposte secondo una linea spirale; in mezzo alle granulazioni si 
scorgono delle strie raggianti. 

La sezione mediana mostra al centro una concamerazione 
grande e rotonda e poi 5 o giri di spira in un raggio di 
nim. 2,5. 

La spira ha il passo regolarmente crescente; la lamina 
aumenta gradatamente di spessore dal centro verso la periferia. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFBRI EOCENICI DEL M. IODICA 3^ 

I setti sono regolari, quasi diritti, poco numerosi e verso la 
parte eentrale più avvicinati che non verso la mediana e pe- 
riferica; ne risulta quindi che nei primi giri le concamerazioni 
sono alquanto più alte che larghe, che non in quelli successivi. 
Le concamerazioni hanno il soffitto leggermente a volta. 

Dimensioni: -^ : — mm. 

1,4 ' 2,4 

Questa specie fu istituita dal Tellini su esemplari provenienti 
dal semaforo di M. Saraceno nel Gargano; ad essa il Tellini 
riferì pure alcuni esemplari provenienti dalla Maiella, ma che- 
però noi crediamo debbano andare separati se non specifica- 
mente, almsno come varietà della N. subgarganica^ secondo ve- 
dremo appresso. 

Località: Begione tra Frechissa e Sparacogna; case di Gin* 
manra-Barconieri, sotto M. Capezzano. 

var. samnitica Checchia 

[forma a megasfera (A)]. 

(Tav. II, fi^. 30). 

1890 Nummulites subgarganica Tellini, ìoc. cit, tav. XII, fig, 11. 
1901 » » Gentile, ìoc, cit., tav. I, ^g. 11. 

Accanto agli esemplari da noi riferiti alla forma precedente, a 
cui abbiamo conservato il nome datole dall'autore, sia perchè fu 
studiata la prima volta su esemplari provenienti dal M. Gar- 
gano, sia perchè ivi è anche abbondantissima, ne esistono degli 
altri, che rispondono bene alla figura 11 della tavola XII della 
monografia del Tellini, e che rappresenta la sezione di un esem- 
plare proveniente da Colle Alto (Caramanico, Maiella). Questi 
altri esemplari secondo noi costituiscono una varietà della specie 
dianzi descritta. Essi, sia per i caratteri esterni che per la forma, 
in nulla differiscono dalla forma che abbiamo presa a tipo; 
internamente però la lamina spirale si mostra molto spessa sin 
da principio, tanto che talora nel primo giro supera Taltezza 
delle concamerazioni. In tutto lo svolgersi della spira lo spessore 
si mantiene quasi costante, mentre nella specie tipica questa 
cresce regolarmente dal centro verso la periferia. I setti poi sono- 



Digitized by VjOOQIC 



40 6. CUBOCHIA-RISPOLI 

anch'essi molto più spessi e più inclinati posteriormente. 8{)e- 
eialmente nel primo giro ove sono anche più fitti. In generale 
l'andamento dei setti è alquanto irregolare e le concamerazioni 
hanno ana forma sabrombiea. 

Teniamo tuttavia questi esemplari uniti alla specie tipica 
per i caratteri estemi, per le dimensioni, per un egual numero 
di giri su uno stesso raggio, differendone solamente per i carat- 
teri dei setti e della lamina spirale. 

Dimensioni: -^ ; -~- mm. 

Crediamo che a questa varietà si debbano piuttosto riferire 
gli esemplari provenienti dal calcare di Manoppello (Chieti), 
anziché alla specie tipica, cui furono rapportali dalla signorina 
G. Gentile. 

Località: Regione tra Frechissa e Sparacogna; case di Giu- 
marra-Barconieri, sotto M. Capezzano. 

Lenticnlina cunispira Menegh. sp. 
(Tav. II, fig. 31). 

fl851 NummuUtes curvispira Savi e Meneghini, Considerazioni sulla 

geologia della Toscana, pag. 137. 
1853 * » d^Archiac et Hairae, loc. cit., pag. 127, 

tav. VI, fig. 15 a, h, e. d. 
1883 > » De La Harpe, Monog, d, in Aeg. u. d. ìyh. 

W, rork. Numm., pag. 46, tav. V, ^g. 

42a, 67. 

1901 > » Martelli, Le formazioni geologiche e i fos- 

siliy ecc, pag. 425. 

1902 » » Checchia, Gli JEchinidi eocenici del Monte 

Gargano (Boll. Soc. Geol. Ita!., 1, pag. 
66), 1932. 
1902 » » Martelli, / fossili dei terr, eoc.^ ecc., pag. 2?, 

tav. I, fig, 10. 

Questa specie si trova in poche località della formazione 
eocenica del gruppo del Monte ludica e dei dintorni di Catena- 
nuova, ed è rappresentata da un sufficiente numero di individui, 
i quali ci han permesso di constatare le modificazioni che può 
assumere questa specie rispetto ai caratteri ornamentali della 
superficie conchigliare. 



Digitized by VjOOQIC 






FORAMIMIFBKI EOCENICI DEL M. lUDICA 41 

Accanto ad individui a superfìcie quasi liscia od ornata con 
-sottilissime strie radiali, ve ne sono molti provvisti da strie più 
o meno sinuose. Nella maggior parte degli esemplari la super- 
ficie è ornata di granulazioni che si trovano sui prolungamenti 
^ttali. Il numero di queste granulazioni, come la loro grandezza 
« posizione, è anch'esso variabile, potendosi talora raggruppare 
49econdo direzioni radiali sui prolungamenti settati, tal'altra 
formando una spirale regolarissima su tutta o parte della su- 
perficie. Generalmente le granulazioni non raggiungono mai la re- 
gione marginale. 

Tra le varietà a superficie quasi liscia, tra quelle ornate da 
«trie sinuose e quelle granulate vi sono per altro tutti i diversi 
gradi di passaggio. 

Questa specie, per quanto variabile nei suoi caratteri estemi, 
offre internamente una struttura costante. Nella parte centrale 
-della conchiglia si osserva sempre una concamerazione grande, 
talora grandissima (megasfera), più o meno rotonda, o anche 
iiTcgolare; a questa concamerazione ne segue un'altra semi- 
lunare. 

La spira, generalmente regolare, consta di un numero di giri 
variabile secondo lo sviluppo della conchiglia. In un esemplare 
di raggio uguale a mm. 3,5 si contano sette giri di spira; in 
un altro con raggio uguale a 1,8 mm. se ne contano tre. Il 
primo e il secondo giro sono quasi sempre irregolari ed hanno 
un passo più grande di quello dei giri mediani, che sono in 
vece regolari e a passo costante. Il passo negli ultimi due è 
piccolo. 

Lo spessore della lamina è talora variabile; nella maggior 
parte degli individui è sottile e di spessore costante. In indi- 
vìdui più gonfi la lamina si ispessisce sino a diventare alta 
•quanto la concamerazione stessa. 

I setti in tutto lo svolgersi della spira sono equidistanti; 
la parte inferiore di essi è diritta, mentre l'ultimo terzo supe- 
riore è fortemente inclinato. 

Le concamerazioni della parte centrale sono grandi e larghe; 
verso la parte mediana alte e curvate; le periferiche subrom- 
biche e basse. 



Digitized by VjOOQIC 



42 G. CHBCCH[A-UI8POLI 

La sezione trasvereale è piriforme o biconica e si distingue 
per la sua grande concamerazione centrale chiusa «la una parete 
spessa e per il gran numero dei pilastri, corrispondenti alle gra- 
nulazioni della superficie. 

Dimetisioni: In individui dello stesso diametro lo spessore 
è variabile secondo che gli esemplari sono più o meno gonfi. 
In un individuo, fra i più grandi, le dimensioni sono mm. -^ , 
in un altro gonfio, mm. 4- • 

La N. curvispira. fu una volta confusa specialmente con la 
N, lucasana Defr., ma quest'ultima se ne distingue per avere 
le granulazioni più addensate dal centro verso la periferia e 
per la posizione di queste tra i filetti settali, mentre nella 
N. curvispira si trovano sui filetti stessi. 

Questa specie è stata trovata in alcune località italiane: 
negli strati nummalitiei del M. Gargano; nel calcare nummu- 
litico di Villamagna e di Mosciano presso Firenze; nel Vero- 
nese, ecc. Poi a Pax OS, in Crimea, a Mokattan (Egitto), nel de- 
serto libico, ecc. 

Località: S.'' Maria presso Catenanuova: regione Prechissa tra 
Centuripe e Catenanuova. 

Lenticulina Kaufnianni Mayer sp. 

(Tav. ir, fig. 32). 

1658 NumtnuUtes distans d'Arcbìac et Haime, loc. ett, pag. 91, tav. 11^ 

fig. 4-6. 
1877 » Kaufmanni Mayer, Parxser stufe von Einsiedeln^ p. 22^ 

lb90 » » Tellinì, loc. ciU, pag. 6, tav. XI, fig. 1. 

Questa specie, istituita dal Mayer solamente su alcune figure 
riferite dal d'Archiac alla Nummulites distans Desh. nella grande 
Monografia (v. tav. II, fig. 4-5), fu meglio studiata dal Tellini 
su esemplari raccolti nel calcare eocenico di Peschici nel Gar- 
gano. Egli potè così stabilire i veri rapporti tra la specie in 
esame, la N. distan>$ Desh. e la N. complanata Lmk. 

La N. Kaufmanni, per i caratteri generali della superficie,^ 
della spira e dei setti appartiene allo stesso gruppo della N. cotn- 
planata e della N, distans; per contrario queste tre specie si diflfe- 
riscono pel diverso numero dei giri su di uno stesso raggio. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFEUI EOCENICI DEL M. lUDICA 4^ 

I nostri esemplari appartengono indabbiamente alla N. Kauf- 
nianni perchè hanno il nnmero dei giri ugnale ai millimetri 
del raggio. 

Gl'individui studiati sono dì grande diametro, a superficie 
ondulata, di sottile spessore, leggermente rigonfi verso la parte 
centrale e assottigliati verso il margine. Fitte strie confusamente 
ripiegate ornano la superficie conchigliare. 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale pic- 
colissima (microsfera) ; il Tellini crede che questa forma sia la 
corrispondente a microsfera della N. latispira Savi e Menegh. 
della N. densispira Teli, a megasfera, senza che la riferisca 
con certezza ad una delle due. La spira è quasi regolare; cre- 
sce rapidamente nei primi giri e si mantiene poscia di passo 
presso a poco eguale nei successivi; nell'ultimo giro il passo va 
restringendosi. 

II numero dei giri è di 9 su un raggio di mm. 8 ; ma, come 
osserva il Tellitìi, per avere dei numeri meglio paragonabili, 
per stabilire le differenze tra la N. distans, N. coniplanata e 
N. Kaufmannif bisognerebbe nel calcolo dei giri fare astrazione 
di quelli che si trovano nella parte eentmle della spira, poiché 
negli individui a piccolo diametro e quindi con pochi giri di 
spira, vi sarebbe una sproporzione troppo forte tra i due ter- 
mini della notazione, in conseguenza della quale verrebbe dimi- 
nuita la larghezza dei giri della parte mediana e periferica, che 
hanno la maggiore importanza nella determinazione delle specie. 

I setti, affilati alla loro estremità superiore, sono più fitti 
nei primi giri ed ugualmente inclinati durante il percorso della 
lamina. 

Le concamerazioni hanno forma rettangolare ed un'altezza 
uguale al doppio dello spessore della lamina spirale. 

Dimensioìii: -^ mm. 

Questa specie fu rinvenuta la prima volta nei calcari bianchi 
e nelle marne della Crimea; poi nel calcare di Peschici nel 
Monte Gargano. 

Località: Regione Le Eocchette presso Muglia; Vallone 
Acquannova sotto Castellace; Casa Quocina (Catenannova) ; 
Colle Santa Maria e regione Sparacogna (territorio di Regal- 
buto). 



Digitized by VjOOQIC 



44 G. CIlECCHIARiSPOLI 

Lenticulina irre«:iilaris Desh. sp. 
[forma a raierosfera (B)]. 

1838 Nummulites irregularis Deshayes, Mém, Soc, GéoL de France, 

voi. Ili, pa^. 67, pi. VI. tìg. 10. 11. 
1853 * » d'Archiac et Haime, loc. cit,, pag. 1?8, 

tav. Vili, fig. 16-19. 
1888 » > De La Harpe, Elude Numm. Suisse, parte 

> » III, pag. 154, tav. V, fig. 1-2. 

1890 > » Tellini, he, ciU, pag. 8. 

1902 » » Marinelli, loc. cH., pag. 184, tav. V. fig. 7. 

Conchiglia discoide, piatta, leggermente rigonfia verso la 
parte eentrale, dal margine tagliente ed ondulato e dalla saper- 
ficie ricoperta da sottilissime strie flessuose. 

Concamerazione centrale piccolissima: quattro giri di spira 
su di un raggio di mm. 3, irregolari, flessuosi, rapidamente cre- 
scenti, talora ayvicinantisi di molto tra loro e tal' altra allon- 
tanantisi. 

Tanto la lamina spirale che i setti sono sottilissimi. Questi 
sono molto fitti, ondulati, irregolarmente arcuati e talora for- 
manti un angolo supero-posteriore acutissimo. 

Dimensioni: -^ mm. 

Questa specie è stata rinvenuta in molte località italiane: 
nel calcare di Viesti sul Gargano ; nei dintorni di Tarcento nel 
Friuli ; presso Mosciano (Firenze) ; in varie località della provincia 
di Roma, ecc. Inoltre nella Svizzera, nei Pirenei, in Crimea, ecc. 

Località: Regione Le Rocchette presso Muglia. 

Lenticulina Bamondi Defr. sp. 
[forma a megasfera (A)]. 

1888 Nummulites subBamondi De La Harpe, Monogr, d. in Aeg. u. /y&. 

Wiis, vorìc. Numm,, ecc., l. e, p. 175, 
tav. XXXI, fig. 13 a, 17. 

1902 Hantkenia » Prever, loc, cit, pag. 93, tav. IV, fig. 

3«, 37. 

Conchiglia subglobosa, regolare, dal margine tagliente, rico- 
perta da sottili strie radiali leggermente flessuose e appena 
arcuate verso il margine. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFERI EOCENICI D£L M. lUDICA 4& 

Concamerazione centrale, grande, rotonda (megasfera), talora 
bipartita; prima concamerazione seriale falciforme. Su di no 
raggio di mm. 3,5 si scorgono otto giri di spira, regolarmente 
svolgentisi dal centro alla periferia. La lamina si mantiene di 
spessore costante in tutta la spira, e solamente verso l'ultimo 
giro ò decrescente. Lo spessore della lamina è presso a poco 
ugnale all'altezza delle concamerazioni stesse. 

Setti avvicinati fra loro, più fitti verso la parte centrale 
della conchìglia che alla periferia; sottili, equidistanti, legger- 
mente inclinati e curvi leggermente alla parte superiore; negli 
ultimi giri sono alquanto più inclinati indietro. Concamerazioni 
numerose, eguali, poco più alte che larghe, subrettangolari, ta-; 
lora subrombiche. 

Dimensioni: — mm. 

Questa specie, di cui non abbiamo potuto trovare la forma 
a microsfera, si trova frequentemente nell'Eocene del Medi- 
terraneo. In Italia trovasi nel Gargano; presso Potenza; a Mo- 
sciano presso Firenze; nella provincia di Boma; nel Pie- 
monte, ecc. Poi nei Pirenei, a Paxos, in Egitto, nel deserto- 
libico, ecc. 

Località: SJ" Maria e regione Sparacogna (Segalbuto). 

Lenticulina Beaamonti d'Arch. sp. 
[forma a microsfera (B)]. 

1853 Nummulitf'S Beaumonii d'Archiac et Haime, loc. cit.j pag. 138^ 

tav. VITI, fig. 1, 2, 3. 

1883 Nummuliits Beaumonii De La Harpe, Monogr. d, in Atgypt ecc.^ 

pag. 26, tav. II, fig. 37-47. 

1902 Hantkenia Beaumonii Prever, loc. ciU, pag. 95, tav. IV, fig. 40. 

1903 Nummulites Beaumonii Martelli, I fossili dei ier. eoe, di Spalato, 

pag. 19, tav. J, fig. 7. 

Conchiglia discoide, gonfia, dal margine arrotondato; super- 
ficie apparentemente liscia, ma ad un torte ingrandimento 
mostra numerose e sottilissime strie radiali leggermente pie- 
gate. 

Concamerazione centrale indistinta (microsfera) ; spira rego- 
lare, crescente lentamente nei primi giri, di modo che questi 



Digitized by VjOOQIC 



46 G. CHBCCHIARISPOLI 

sono aTvieiDatì. Nei giri successivi il passo cresce e si man- 
tiene costante per tntto il resto della spira. Si contano 10 giri 
di spira su di un raggio di circa mm. 4. 

Lamina spirale spessa, talora tanto da eguagliare in alcuni 
punti l'altezza delle concamerazioni stesse. 

Setti numerosissimi, sottili, regolari, equidistanti, inclinati 
nella loro parte superiore di un angolo di 25*^. 

Camere regolari, eguali, subrettangolari o snbrombiche. 

Dimensioni: -^ mm. 

Questa specie fu rinvenuta in parecchie località italiane: 
a Spina di Potenza e a Piscone Pezzuto (Basilicata); a Mo- 
sciano presso Firenze; a Spalato in Dalmazia, ecc. Poi in 
Egitto, ai piedi dell'Himalaya, ecc.... 

Località: SJ" Maria in regione Sparacogna; regione Le Roc- 
chette: Valloncello tra S.* Maria e Torre di Muglia. 

Lenticnlina latispira Sav. e Menegh. sp. 

1850 Nummulitea latispira Savi e Meneghini, Considertmofii sulla geo- 
logia della Toscana, pag. 465 e 475 (pars). 

1853 > » d'Archiac et Haime, loc. ciu, pag. 93, tav. I, 

fig. «ia. 

1890 » » Teli ini, loc, di , pag. 17, tav. Xl, fig. 13 15. 

1902 Hantkmia latispira Prever, loc. cit,, pag. 72, tav. IV, ^g. 3 4. 

1903 Nummulites latispira Martelli, I fossili dei ter, eoe. di Spalato, 

pag. 13, tav. I, fig. 3. 

Specie di discrete dimensioni, appena più spessa nella parto 
centrale e dal margine assottigliato ; superficie ricoperta da sot- 
tilissimi filetti radiali alquanto flessuosi. 

Concamerazione centrale relativamente piccola, pur essendo 
sempre una megasfera; spira subregolare, che cresce rapidamente 
nel primo giro, si mantiene costante nei successivi e decre- 
scente neirultimo. Si contano sette giri di spira sii di un rag- 
gio di mm. 4,5. 

Lamina d'avvolgimento sottilissima ed uguale presso a poco 
ad un quinto dell'ampiezza del passo. Setti numerosi, sottilis- 
simi, appuntati, in media equidistanti in tutta la spira. Nel- 
l'ultimo terzo superiore essi sono mediocremente inclinati all'in- 
dietro. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFBRI EOCENICI DEL M. IODICA 47 

Prima concamerazione seriale semilnnare ; le altre falciformi, 
e quattro a cioqae volte più alte che larghe. 

Angolo antero-inferiore grandissimo (70° circa); angolo po- 
iStero-superiore acutissimo (10'' circa) 

Dimensioni: -zr > 4- n^w- 

Questa specie è cornane nel Gargano, a Forca di Presta 
{Potenza), a Mosciano presso Firenze, nella Majella, ecc., poi 
a Spalato in Dalmazia, ecc. 

Località: Begione Le Bocchette, Colle S." Maria e regione 
Sparacogna (Begalbuto), Valloncello della Cuba. 

Lenticulina Oaettardl d'Arch. sp. 
(Tav. II, iSs^ 4. 5. 6), 

1857 NummuUtes Guettarài iV ArcìhìSLC et E.gkìme, Animaux fostt d.groupe 

numm^f pag. 130, tav. VII, fig. 18. 
1879 » » De La Harpe, Les NummuUtes du Comte 

de Nice (Bull. ecc. Vaud. dea Se. nat. 

serie 2% voi. XVI, pag. 210, tav. X 

fig. 9aeM. 
1879 » « De La Harpe, JVumtnuZt^ ({«8 ^2|)tf« Franar 

(Bull. Soc.Vaud., a. 2*, voi. XVI, pai?. 420 
1883 » » De La Harpe, Monogr. d in Aeg. w. lyh. 

WusU vork. Numm., pag. 171, tav. XXX 

iig. 29 42. 
J894 » » Oppenheim, Ueber die Nummuìiten des Ve 

netianiachen Tertiàrs, pag. 11. 
1S96 > » Oppenheim, Dos AlUertiàr dei' Colli Serici 

in Venetienj ecc, pag. ?5. 
1901 » » Gentile, ìoc. ciu, pag. 4, fig. 2. 

1901 » » Martelli, Zc/(wmanom //eo/., ecc., pag. 427. 

1902 Hanikenia Guettardi Prever, loc. cit., pag. 75, tav. IV, fig. 10.15. 

1903 Nummulitea Guettardi Martelli, I fossili dei tetr. eoe. di SpalaiOy 

pag. 17, tav. I. fig. 18. 

È una specie abbondantissima nelle località da noi studiate. 
Generalmente gli individui hanno forma lenticolare, sono gonfi 
e dal margine arrotondato. Le strie radiali della superficie sono 
forti e assumono talora l'aspetto di pieghe, alquanto allonta- 
nate fra di loro e talora leggermente flessuose verso Torlo. Le 
pieghe irraggiano talvolta da un mammellone centrale più o meno 
rilevato. 



Digitized by 



Google 



48 O. CHECCHI A-R 18 POLI 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale rela- 
tivamente grande, rotonda, talora bipartita. Su di un raggio- 
di mm. 2 si contano da 4 a 5 giri di spira., che è regolare. 
Lamina spirale spessa, aumentando talora sino ad uguagliare 
l'altezza delle eoncamerazionì stesse; però nel primo e neirul- 
timo giro è sempre alquanto assottigliata. 

Setti poco numerosi, spessi, subeqnidistanti, perpendicolari, 
leggermente incurvati nell'estremità superiore ; pili inclinati negli 
ultimi giri. 

Prima concamerazione seriale semiiunare; eoncamerazionì 
successive subeguali, subregolari, e presso a poco tanto alte 
quanto larghe. 

Dimensioni : -^ ; ^ mm. 

fiecentemente i dottori 0. Marinelli e Martelli hanno riunito in 
un'unica specie la Numm. Giiettardi d'Arch. e la N. hiarrit- 
zensis d'Arch. : la prima rappresenterebbe la forma a megasfera 
e la seconda quella a microsfera dell'unica specie N. biarritz- 
ensis. 

Ora se è facile di poter riunire in una sola specie due 
forme che non differiscono se non per la diversa grandezza- 
delia camera iniziale e per le dimensioni, non è altresì facile 
e prudente di riunire in una sola due forme, le quali presen- 
tano parecchi caratteri differenziali, di cui si deve tenere 
conto. Tale, crediamo, sia il caso della N. Guettardi e della 
N. hiarritzensis: la prima, infatti, oltre ad essere molto più 
gonfia, mostra la superficie conchigliare assai regolare ed or- 
nata di pieghe poco flessuose, talora molto larghe ed obsolete ; 
la seconda invece, oltre ad essere molto più depressa, ha la 
superficie irregolare, coperta di numerosissime strie sottilissime, 
molto flessuose, ondulate e talora a zig-zag. Riguardo alla strut- 
tura interna, la N. Guettardi ha una spira regolare e la 
lamina molto spessa; la N, hiarritzensis invece l'ha subrego- 
lare e in essa lo spessore della lamina cresce regolarmente 
dal centro verso la periferia. In questa inoltre i setti sono 
molto più avvicinati fra di loro e quasi diritti in tutto il per- 
corso della spira, mentre nella N, Guettardi i setti sono più 
radi e inclinati nella loro estremità superiore, specialmente* 
nell'ultimo giro. 



Digitized by VjOOQIC 



F0RAM1NII<^£RI EOCENICI DEL M. lUDICA 49 

Per questi fatti noi stimiamo dunqae di dovere tener se- 
parate queste due specie: gli errori che potrebbero derivare 
dal fatto della loro riunione, sarebbero eertamente più gravi 
di qaelli che ne nascerebbero tenendole ancora separate. 

La N. Gìiettardi è una specie che ha una grande diffu- 
sione verticale; essa quasi inalterata passa attraverso tutto 
l'Eocene e l'Oligocene; grande è pure la sua distribuzione geo- 
grafica. 

Località: Regione Vallone Acquanuova, Castellace (alla Casa 
Quocina, presso Catenanuova) ; nelle marne rosse con calcari 
bianchi sotto la Casa Gemmellaro, Giumarra-Barconieri sotto 
l'augitite (Bammacca). 

Letitienlina Tehihatcheffl d'Arch. et H. sp. 

1853 NummuUtes Tchihatcheffi d'Àrchiac et Haime, he. cit, pag. 98^ 

tav. I, fig. 9. 
1890 » » Tellini. toc. cit, pag. 14, tav. XI, iig. 8-12^ 

tav. XIV, fig. 19, 26, 29. 
1901 » » Gentile, ìoc. cit, pag. 12, ^g. 12. 

1901 » » Mar te) li, X«/br mattoni /;reoL, ecc., pag. 421. 

1902 Hantkenia Tchihatcheffi Prever, ìoc. cit, pag. 70, tav. Ili, tìg. 27^ 

28, 29. 

1903 Nummuìites Tchihatcheffi Martelli, / fossili dei ter. eoe, di Spa- 

lato^ ecc., pag. 10, tav, I, ^g, 1. 

Specie abbondantissima: tutti gli indivìdui da noi studiati 
si distinguono per la loro depressione, per avere il margine ottuso,, 
e per essere egualmente spessi tanto nella parte centrale che 
nella periferica. La superficie appare liscia ad occhio nudo ; ma 
con una buona lente fa osservare numerose strie sottilissime, 
meandrìformi. 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale 
grandissima, che può arrivare ad avere, in alcuni individui, un 
diametro di mm. 1,5. 

La spira in tutti gli esemplari da noi studiati è sempre 
subregolare e la lamina è un poco flessuosa. Si contano su un 
raggio di mm. 4 sei giri di spira. 



Digitized by VjOOQIC 



50 O. CHECCHIA-RISPOLI 

Il passo della spira è più grande nei primi giri che negli 
ultimi e propriamente è crescente nei primi tre giri e legger- 
mente decrescente negli ultimi tre; il passo deiraltimo giro 
poi è più piccolo della metà di quello del secondo che è il più 
largo. Lo spessore della lamina è quasi costante in tatta la 
-spira, solamente è più sottile nel primo, penultimo ed ultimo 
giro. 

I setti sono affilati airestremìtà, ondulati ed inclinati oltre 
i due terzi dell'altezza; nell'ultimo giro poi sono inclinati sin 
dalla base, facendo un angolo postero-superiore assai acuto; 
inoltre sono inequidistanti, iiregolari e raggiungono il tetto delia 
eoncamerazione verso la metà di quella avantultima. Le con- 
-camerazioni sono poi di varia forma secondo l' inclinazione dei 
setti e il passo della spira. 

Dimensioni: — : — mm. 

Anche per tale specie, la quale frequentemente, ma non 
«empre, trovasi accompagnata con la N. cofnpianata Lamarck, 
resta a verificarsi se ne sia veramente la forma a megasfera di 
quest'ultima. Intanto il maggior numero dei giri in proporzione 
dello sviluppo del raggio, lo svolgimento quasi regolare della spira, 
lo spessore costante della lamina, il passo piccolissimo, l'anda- 
mento molto più regolare dei setti, sono caratteri della N. coni- 
planata, di cui bisogna tener conto, prima di riunire questa 
specie con la N. Tchihatcheffi, 

La N. Tchihatcheffì è molto variabile per le dimensioni, 
e per la forma, forse per causa della sua grande diffusione 
verticale e geografica. Essa infatti si può dire che attraversa tutto 
l'Eocene e si presenta in moltissime località del bacino medi- 
terraneo. 

Località: È forma abbondantissima nelle regioni Santa Maria 
e Sparacogna; alle Bocchette pressò Muglia; nel Valloncello 
della Cuba; a Giumarra-Barconieri sopra l'augitite (Rammacca). 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIPKRI EOCENICI DRL M. lUDlGA 61 



Lentienlina contorta Desh. sp. 

[forma a inierosfera (B)]. 

(Tav. II, fig. 1). 

1834 Nummuìites contorta Deshayes, in Ladoucette, Histaire^ topographie^ 

ece, de» Hautes Aìpes, atlas, pi. XIII, fig. 9. 

1850 » » d'Archiac, Histoire dea progrès de ìa Geologie, 

voi. HI, pag. 235. 

1853 > » d^Archiac et Haime, Animaux d, groupe numm , 

pag. 1J)6, tav. Vili, fig. 8 a-b. 

1879 » » De La Harpe, Les Numm, du Comté de Nice, 

pag. 206. 

1883 » » De La Harpe, Monogr, d. in Aeg. u. ìyb. W, rork. 

Xumm., pag. 18t, av. Il, iig. 1-4. 

1893 » » Trabucco, Sulla vera posizione dei terreni ter- 

ziari del bacino piemontese, p. I (Atti Soc. 
Tose. Se. Nat., voi. XIII, pag. 22). 

1903 » » Martelli, I fossili dei terr. eoe. di Spalato, ecc. 

pag. 20. 

Conchiglia di forma lenticolare, poco spessa, appena più alta 
nella parte centrale, dal margine ondulato e acato. Snperficie 
ricoperta di filetti radiali sottili, stretti, disposti a fasci e pie- 
gati verso la parte centrale. 

Concamerazione centrale, per causa delia sua piccolezza, in- 
visibile. 

Spira regolare, con passo lentamente crescente. La lamina 
spirale aumenta regolarmente di spessore dal centro verso la pe- 
riferia. Si contano 13 giri di spira su un raggio di mm. 5,5. 

Setti numerosi, quasi perpendicolari e più avvicinati nei 
primi giri; alquanto inclinati negli ultimi. 

Concamerazioni regolari. 

Sezione trasversale lanceolata, appuntita alle sue estremità, 
composta di lamine sottili, dello stesso S])es8ore ed equidistanti. 

Dimensioni: —- ; -^ mm. 

La N. contorta^ una volta fu riunita alla N. striata d'Orb. 
e poi venne separata come specie autonoma; sembra realmente 



Digitized by VjOOQIC 



52 G. CHECCHIA'RISPOLI 

che formi una Boia specie con la N. striitay rappresentandone 
la forma a microsfera. 

Queste due forme infatti oltre che per i caratteri della su- 
perficie, si somigliano per quelli della struttura intema, cioè per 
l'andamento della spira, per lo spessore della lamina, per la 
forma e inclinazione dei setti, differendone solamente per le 
diverse dimensioni e per la diversa grandezza della concame- 
razione iniziale. Noi non abbiamo trovato la forma a megasfera, 
N. striata d'Orb. ma questa è stata indicata dal Gravina. 

Questa specie si trova negli strati superiori deirEocene ad 
est di Siauh in Egitto; inoltre si trova nel Nizzardo, a Mont- 
Faudon nelle Alpi, ecc.; poi nel Piemonte; a Spalato in Dal- 
mazia, ecc. 

Località: Colle di Santa Maria presso Regalbuto. 

Lenticalina budeusis v. Hantken sp. 
(Tav. II, «K. 2). 

1875 Nummulites hudensis v. Hantken, Die Fauna der ClaruHna Seàboi- 

Schichten, pag. 82, tav. XI, ^g. 8. 
1883 » » De La Harpe, Elude dea Nummulites de la 

Suisse, pag. 163, tav. V, fig. 24-34. 
1893 » » Oppenheim, Venet, Nummuh, pag. 11. 

1900-01 » » Oppenheim, Die Priabonaschichtefif pag. 41. 

Conchiglia alquanto depressa, ricoperta esternamente da filetti 
settali sporgenti sulla superficie, piegati nel mezzo e allonta- 
nati fra di loro. 

La sezione mediana mostra una concamerazione iniziale grande, . 
alla quale ne seguono ancora due o tre di forma e di grandezza 
uguali alla prima. Spira svolgentisi assai rapidamente, tanto 
che l'ultimo giro è quasi tre volte più alto del primo. Su di un 
raggio di meno di 2 millimetri si contano tre giri. 

I setti, come la lamina spirale, sono sottilissimi e molto pie- 
gati indietro verso il tetto delle concamerazioni ; la distanza 
fra i setti va aumentando dal centro verso la periferia; il nu- 
mero di essi e di 6 nel primo giro, di 9 nel secondo e di 12 
neirultimo. 

Dimeìisioni: -^ mm. 

1.2 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFERI BOCBNIGI DBL M. lUDlCA 53 

Questa specie si distingue facilmente dalla N. striata d'Orb. 
per essere meno gonfia, per aver la spira crescente in modo 
molto più rapido e per il minor numero dei setti e dei giri su 
di uno stesso raggio. 

La NufnmuUtes hudensis è una delle specie più giovani fra 
le nummuliti ; essa, quantunque abbondante negli strati oligoce- 
nici, tuttavia già comincia a manifestarsi nell'Eocene superiore. 
Essa fu rinvenuta la prima volta da von Hantken in Ungheria 
negli strati a ClavuUna Szdhoi (Oligocene); fu trovata anche 
dal dott. Oppenheim a Priabona. 

La sua presenza nella formazione, di cai ci occupiamo, sta 
ad indicare un carattere di gioventù dei depositi eocenici del 
gruppo di Monte ludica e dei dintorni di Catenanuova, senza 
però che questi si possano riferire assolutamente ad una serie più 
elevata dell'eocenica. 

Località: Begione Frechissa, tra Centuripe e Catenanuova, 
nei calcari dentro le argille. 

Gen. AssiLiNA d'Orb. 

Assilina spira de Boissy sp. 

[forma a megasfera (A)]. 

(Tav.II,fig.3). 

1853 Nummulites spira D'Archiac et Haime, (pars) ìoc. cit., pag. 155, 

tav. XI, fig. 3 a, 4 a, 0, 5. 
1879 Assiìina suhspira De La Harpe, Nummulites du Comté de Nice, 

pag. 33. 
1890 > » Tellini, Le Nummuliti della Maiella, ecc., pag. 40, 

tav. XIII, fig. 10, 12, 14, tav. XIV, fig. 24, 

31-34. 
1902 > » Prever, ìoc. cit , pag. HO, tav. VIII, fig. 9, 10, 19. 

L'esemplare che descriviamo è indubbiamente la forma a 
megasfera delV Assiìina spira de Roissy, in quanto che corri- 
sponde sia per i caratteri estemi che per gli interni alle de- 
acrizioni che i vari autori hanno dato di questa specie, dif- 
ferendone solamente per la grandezza della camera iniziale. 
Conchiglia discoide, poco spessa, quasi piana, dal margine ar- 



Digitized by VjOOQIC 



54 U. CHECCHIA-BISPOLI 

rotondato ; il centro è occupato da un tubercolo da cui partono 
numerose granulazioni, le quali seguono lo svolgersi della lar 
mina spirale. 

La sezione mediana mostra una coneamerazìone centrale, 
rotonda, di discrete dimensioni, con quattro giri di spira su un 
ra-rgio di 2 mm. La spira è regolare, con passo crescente sino alla 
periferia; lamina spirale con spessore relativamente notevole, 
che cresce gradatamente dal centro verso la periferia. 

Prima camera seriale semilunare. Setti regolari, alti, poco 
inclinati posteriormente ; alquanto incurvati nei primi giri e di 
spessore quasi costante. Camere alte, subrettangolari, superior- 
mente fatte a volta leggermente arcuata; in un quarto del terzo 
giro si contano cinque concamerazioni. 

Dimensioni: * mm. 

Questa specie è abbastanza comune in Italia, e trovasi negli 
strati nummulitici del M. Gargano (Eoe. medio), nei dintorni 
di Potenza, ecc. Poi alla Chalosse (Francia), nei Carpazi, ecc. 

Località: Vallone Acquanuova sotto Castellace e alla Casa 
Quocina (Catenanuova). 

Gen. Orbitoides d'Orb. 

Il prof. Douvillé, seguendo le idee del Munier-Chalmas,. 
propone di dividere l'antico genere Orbitoides d'Orbigny nei tre 
seguenti : Orbitoides (s. str.), Orthophragmina e LepidocycUna^ 
distinti da questi caratteri: 

1"* Orbitoides (s. str.): nucleo centrale muUiloculare, circon- 
dato da una parete spessa; concamerazioni equatoriali arrotondate,, 
somiglianti per forma e disposizione, alle squame dei pesci 
cicloidi. Le specie di questo genere, come p. es. Orb. media 
d'Orb., ecc., si riscontrano esclusivamente nel Campaniano su- 
periore (Maestrichtiano o Dordoniano). 

2° Orthophragmina: concamerazioni equatoriali rettango- 
lari [Orb. dispansa Sow., Orb. Fratti Michelin, ecc.). Carat- 
teristico dell'Eocene. 

3** Lepidocyclina : nucleo iniziale che sembrerebbe essere- 
sempre biloculare; concamerazioni arrotondate come nelle Orbi- 
toides (s. str.), anche ogivali {Orb. Mantelli Merton). Le Le-- 



Digitized by VjOOQIC 



FOBAMINIFERI EOCBNICl DEL M. lUDICA Ih 

pidocycUna sarebbero caratterìsticbe dell' Oligocene, e, secondo- 
Io Schlamberger, sono sostìtiiitte alla base del Miocene o alla 
sommità dell' Aquitaniano, dalle Miogypsina Sacco, che si distin- 
guono dalle orbitoidi, per avere all'inìzio non più nn nucleo a 
parete spessa e distinta, ma una serie di celle disposte a spi- 
rale regolare e occupante una posizione più o meno eccentrica. 

Questa nuova classificazione per quanto pratica, non si può 
riguardare come compiuta e definitiva. Lo stesso prof. Douvillé 
fa notare le somiglianze dell'interna struttura tra le Orhitoides 
(s. str.) e le Lepidocyclina. Tra le varie specie riferite a que- 
st'ultimo genere, 1' Orh. marginata Michelotti (Miocene dei Colli 
di Torino) è quella che spiccatamente presenta le concamera- 
zioni disposte come le scaglie dei pesci cicloidi, secondo anche 
avviene nel gen. Orhitoides. Inoltre la forma delle concamera- 
zioni mediane differisce ben poco da quelle delle Orhitoides s. str.. 
Esse sono rombiche nell'aspetto generale, ma la curva che le 
limita anteriormente è ogivale. 

Abbiamo fatto queste osservazioni per indicare come tali 
distinzioni generiche non siano molto nettamente distinte. Iden- 
tiche condizioni si ripetono pure per la Orfc. {LepidocycUna) 
Gilrnheli Pantanelli, non Segnenza, proveniente dall'Eocene su- 
periore dell'Appennino Modenese Q) e per un'altra Orbitoide 
proveniente dall'Eocene del W*. San Calogero presso Sciacca, 
che ho riscontrate su esemplari di proprietà del professor Gio- 
vanni Di Stefano. 

Un'altra osservazione bisogna fare riguardo all'Ora, aspera 
Gttmbel, cioè se sia da iscrivere tra le Lepidocyclina oppure tra le 
Ortlwphragmina. Finora la Orh. aspera è stata descritta e figurata 
dai vari autori come se avesse le concamerazioni di forma rettan- 
golare. Abbiamo studiato degli esemplari di Orhitoides dell'Eocene 
superiore del gruppo del M. ludica (destra del Dittaino) e dei 
dintorni di Catenanuova (sinistra del Dittaino), i quali per 
tutti i caratteri estemi sono identici alla Orh. aspera, a cui 
crediamo di doverli riferire. Però dalle molte sezioni eseguite 



(*) Pantanelli D., Sopra un piano del Nummulitico superio^-e nel- 
V Appennino Modenese. (Alt. Soc. Nat. d. Modena, serie III; voi. XII,. 
pag. 85), anno 1893. 



Digitized by VjOOQIC 



16 O. CHBCCUJA-BISPOM 

abbiamo osservato che le ooneamerazioni sono a forma di esa- 
gono, ora eqai laterale, ora un po' allungato. Ci pare dunque 
che si tratti di una Lepidocyclina nel senso del Douvillé; allora 
questo genere non sarebbe esclusivamente oligocenico. Dobbiamo 
però aggiungere che il Douvillé in una prima classiiìcazione 
delle orbitoidi ascrìve quelle a concamerazioni esagonali alle 
Lepidocyclina; poscia in un'altra posteriore leggermente modi- 
ficata non fa più cenno delle orbitoidi a concamerazioni esa- 
gonali. 

Facciamo infine notare che le Orthophragmina non sono 
esclusive dell'Eocene, ma che risalgono anche nell'Oligocene, 
dove troviamo la Orh, (Orth,) Fratti Michel., Orò. (Orth.) ephip- 
pium Schloth., ecc. 

Le Lepidocyclina^ che già cominciano a comparire nell' Eo- 
cene, trovano la massima diffusione nell'Oligocene. Se la Orb, 
^ìmrginata Michl. (vedi pag. 52, tav. II, fig. 25-27) nonostante 
la rassomiglianza delle sue concamerazioni con quelle delle 
Orbitoides s. str., deve mantenersi nel genere Lepidocyclifia, si 
può asserire, che questo sale nel Miocene, dove non è più so- 
stituito, ma accompagnato dalle Miogypsina. 

Le orbitoidi che studiamo in questo lavoro sono distribuite 
tutte nel gen. Orthophragmina. VOrb. aspera, la manteniamo 
provvisoriamente nel gen. Lepidocyclina, fino a quando non 
sarà ben chiarito il posto generico delle orbitoidi a maglie esa- 
gonali. 

Gen. Orthophragmina Munier-Chalmas. 

Orthophragmina dispatisa Sow. sp. 
(Tav. II, fig. 9 e 23). 

1837 Licophris dispansiM L de C. Sowerby, Geol. TransacL, 2« sér., voi. V, 

pi. 24, fig. 15-16. 
1850 Orbitolites dispansa d'Archiac, Histoire des progrèa de la Geologie, 

voi. Ili, pag. 230. 
1860 Orbitoides dispansa GUmbel, Beitriige zur For amini fei'en fauna , ecc., 

pag. 123, tav. Ili, fig. 40-47. 
1875 » » V. Hantken, loc. ciU, pag. 82, tav. XI, ^g, 3. 

1893 » » Trabucco, ìoc, cit., pag. 26. 



Digitized by VjOOQIC 



PORAMINIFBRl ROGGNIGt DBL M. lUDIOA 57 

1900 Orbitoides dispansa Blanckenhorn^ Nmes zur Geologie und Paìàon- 

tologie Aegyptens; IL Dos Palaeogen. A, Das 
Eocàn. (Zeitachrift. d. d. geo!. Gesell., Bd. h% 
Heft. 3). 
1900-01 » » Oppenheim, Die Triabonaschichten und ihre 

Fauna, pag. 45. 

1901 > » Martelli, Le formazioni geoL, ecc., pag. 418. 

1902 » » Marinelli, Descrizione geologica dei dintorni di 

Tarcento in Friuli, pag. 192. 

1903 » » Martelli, I fossili dei ten\ eoe, di Spalato, ecc., 

pag. 41, tav. II, fig. 7, 8. 

Questa specie è rappresentata da moltissimi individui di varie 
dimensioni. La forma ne è circolare o quasi; verso la parte cen- 
trale della conchiglia mostra un rigonfiamento a forma di grosso 
tubercolo, mentre il suo margine è assottigliato e più o meno ondu- 
lato. La superficie del tubercolo è ricoperta da grosse granula- 
zioni, le quali poi man mano che s^avvìcinano verso il contorno 
della conchiglia diventano sempre più piccole. 

!N'on esiste in questa specie una concamerazione iniziale mo- 
noloculare o biloculare con parete nettamente distinta; invece la 
parte centrale è occupata da un certo numero di concamerazioni 
piccole, irregolari e disordinatamente aggregate. Attorno a questo 
nucleo di concamerazioni si svolge la lamina spirale sottile con 
un andamento subregolare, e che talora si sdoppia in due file 
di logge; tal'altra due file si fondono in una. 

Le concamerazioni che si trovano verso la parte mediana 
hanno un'altezza doppia della larghezza e sono a forma di ret- . 
tangoli, molte regolari, talora assai allungati; quelle che si 
trovano verso la periferia hanno una forma quasi quadrata. 

Dimensioni: Degli esemplari da noi studiati il più grande 
ha misurato mm. 7 di diametro e mm. 3 di spessore. 

V Orbitoides dispansa per i caratteri esterni si può confon- 
dere facilmente con la Orbitoides marginata Micht. (^), come è 
avvenuto parecchie volte. 



(') Michelotti, Saggio storico dei Rizopodi caratteristici dei terreni 
sopracretacei (Meui. della Soc. Ital. di Se. Nat. di Modena, t. 2*2, pag. 4p, 
tav. Ili, fig. 4), 1841. 



Digitized by VjOOQIC 



58 G. CHBCCIIIA-KISPOLI 

Per evitare di cadere in qualche errore, mi parve necessario 
di dover stabilire un confronto tra le due specie, che poco o 
nulla si distinguono per i caratteri esterni. 

Della Ori). ìnarginata, per quanto sia ricca la bibliografia, 
dall'epoca della sua istituzione sino ad oggi, non possediamo 
che la descrizione della forma esterna. 

Ho avuto Toccasione di poter studiare quest'ultima specie, 
per quanto poteva permetterlo il piccolo numero di esemplari 
in parte favoritimi gentilmente dal Prof. G. Di-Stefano, e in 
parte dal noto raccoglitore G. Forma di Torino. 

Le sezioni che ho preparato hanno mostrato una spira abba- 
stanza regolare, le cui concamerazioni sono disposte come le 
squame dei pesci cicloidi e che sono anteriormente di forma 
ogivale (v. tav. II, fig. 25, 26 e 27). 

La parete di queste concamerazioni è sottilissima e appena vi 
si intravedono gli esili canali che l'attraversano. Come nel- 
l'Ore, dispansa, la parte centrale è occupata da concamerazioni 
poligonali, irregolari, confusamente aggregate, in modo che è 
difficilissimo di poter distinguere una camera iniziale. 

VOrb. marginata, come è noto, è abbondante sia negli strati 
aquitaniani che in quelli elveziani dei Colli di Torino. 

VOrb. dispansa è invece diffusa in quasi tutto l'Eocene e 
l'Oligocene del bacino mediterraneo e si trova in moltissime 
località. 

Località: Begione Le Bocchette; fra Castellace e Paraspola, 
sotto la Casa Quocina; Castellace, tra la Via Acquanuova e 
Casa Testai; Turcisi marne rosse del Monte (lato settentrionale, 
poco sopra il Dittaino). 

Orthophragmina Fratti Michelin sp. 

1846 Orhitulites Pratti Michelin, Iconogiaphie jsoophyU, L. XIII, pi. 63, 

^g. U. 
1868 Oi'hitoides papiracea Giimbel, loc. cit, pag. 112, tav. 3, fig. 3-12, 

19-29. 

1875 » » V. Hantken, loc, city pag. 81, tav. XI, fig, 1. 

1876 » » V. Fritsch, Einige eocàne Foraminiferen von 

Bomeo, pag. 140, tav. XVIII, ^g. 14, 



Digitized by VjOOQIC 



1893 


> 


» 


1901 


» 


» 


1902 


» 


» 


1908 


» 


» 



I>H)RAM]NIFBRI BOCKKICl D£L M. lUDICA 59 

1883 Orbitoides papyracea Schwager, Die Foraminiferen aus den Eo- 

caenabì., d. lyh, WùsU u. Aeg. ecc., pag. 61. 

Trabucco, loc, ciU, pag. 24. 

Martelli, Le formazioni geolog,, ecc., pag. 417. 

Marinelli, loc, cit, pag. 191. 

Martelli, / fossili dei ierr. eoe, di Spalato^ ecc, 
pag. 43. 

Questa specie si distingue per la sua superficie piana e 
quasi liscia e pel suo sottile spessore. 

La sezione mediana mostra nella parte eentrale un certo 
numero di concamerazioni poligonali confusamente aggruppate 
e circondate da una parete molto spessa. Riesce difficile il dire 
se si debba riguardare come megasfera la concamerazione chiusa 
da tale parete oppure se la megasfera si trovi tra le concame- 
razioni poligonali. 

Attorno a questa parete si svolge la lamina spirale con un 
andamento molto regolare. 

Le concamerazioni sono di forma rettangolare; quelle della 
parte centrale e mediana sono in genere meno alte di quelle 
periferiche, la cui altezza è tripla della larghezza. Tanto la la- 
mina che i setti sono sottilissimi. La sezione trasversale mostra 
i pilastri di forma conica, abbastanza spessi e disposti molto 
vicini. 

Dimensioni: -^7" ^^' 

Questa specie viene da taluni considerata come la compagna 
della Orthojphragmina Fortisii d'Arch. sp., colla quale solita- 
mente ha comuni i caratteri esterni e la forma delle concame- 
razioni; però quest'ultima ha una microsfera e manca della 
grande concamerazione centrale racchiudente le cellule poli- 
gonali. 

Questa specie, come è noto, è abbondantemente diflFusa in 
tutto TEocene e l'Oligocene. 

Località: Poco abbondante in regione Le Bocchette e a Passo 
del Ladrone (Rammacca). 



Digitized by VjOOQIC 



60 G. CHECCIlIARISrOLI 

Orthophragmina ephippiam Schloth. sp. 

1820 Lenticuìites ephippium Schlotheim, Die Petrefactenkunde, pag. 89. 
1868 Orbitoides ephippium Giimbel, ìoc. dt, pag. 118, tav. Ili, fig. 15-16, 

38-39. 
1876 » » V. Fritsch, loc, dt, pag. 141, tav. XVIII, 

fig. 11, tav. XIX, ^g. 6. 
1900-01 > » Oppenheim, Die Priahonaschichten und ihre 

Fauna, ecc., pag. 44. 
1904 » > Martelli, I fossili dei terr. eoe, di Spalato, ecc. 

pag. 44. 

Conchìglia sottile, che va gradatamente e leggermente ispes- 
sendosi verso la parte centrale, senza però che ivi si differenzi 
un vero e proprio tubercolo. La sua superficie è ricoperta da fitte 
granulazioni, piccolissime, tra cui si intravede una disposizione 
secondo una linea spirale. In questa specie il piegarsi della 
conchiglia a forma di sella è normale; vi si osservano inoltre 
delle ondulazioni nella piegatura. 

E stato difficile di poter ottenere delle sezioni complete; 
tuttavia da alcuni frammenti è stato possibile osservare che la 
disposizione e la forma delle concamerazioni è presso a poco 
identica a quella della Orthoph, Fratti; però per individui della 
stessa grandezza quelle concamerazioni della Orth. ephippium 
che si trovano nella parte centrale e mediana sono più piccole 
e le periferiche non sono soprapposte a strati numerosi. I pi- 
lastri conici inoltre sono più sottili e più lontanamente disposti 
che nella specie precedente. 

Dimensioni: Il più grande esemplare da noi esaminato ha 
misurato — mm. 

Questa specie, come la precedente, è abbastanza diffusa in 
quasi tutto TEocene e FOligocene. 

Località: Kegioni Le Rocchette, Frechissa e Sparacogna, 
e Passo del Ladrone (Kammacca). 

Orthophragmina tenuicostata Gtimbel sp. 
(Tav. II, fig. 17 e 18). 

1802 Discolites quadraginta radiatm Fortis, Mém, p, servir à Vhist. nat, 

d. V Italie, voi. Il, pag. 108, pi. II, 
fig. Y. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFERI EOCBNICI DEL M. lUDICA 61 

1850 OrbiiuUtes radians D'Archiac, loc, cit,, pag. 129, t. 2, fig. 116 a-d. 
1868 OrUtaides ienuicostata Gurabel, loc. cit, pag. 131, tav. II, fig, 114, 

tav. IV, fig. 35. 
1875 » » V. Hantken, he, cit, pag. 83, tav. XI, fig. 7-8. 

1894 Orbitoides ienuicostata Oppenheim, Das Altertiàr der Colli Berici 

in Venetien, ecc., pag. 33. 
1900-01 » » Oppenheim, 2)t6ÌViaòona«cAtc?ifen, ecc., p. 47. 

Conchiglia sottilissima, fornita di nna piccola sporgenza a 
forma di tubercolo nella parte centrale. Da questo sino al mar- 
gine corrono delle costole esilìssime, in mezzo alle quali ne esi- 
stono altre, che non raggiungono mai il tubercolo centrale. Tutta 
la supcrfice è ricoperta da piccolissime granulazioni. 

Biinensioni : Il più grande dei pochi esemplari da noi rin- 
venuti misura mm. 8 di diametro. 

Questa specie, generalmente poco diffusa nell'Eocene supe- 
riore e nell'Oligocene, è stata trovata in Italia presso Granella, 
a Priabona; in Ungheria negli strati a Clavulina Szàbói^ e poi 
in Egitto, nell'India, ecc. 

Località: Begione Le Bocchette presso la stazione di Muglia. 

Orthophragmina patellarls Schloth. sp. > 
(Tav. II, fig. 36). 

1820 Asteriacites patellaris Schlotheim, Tetrefactenkunde^ II, pag. 71, 

tav. II, fig. fi. 
1868 Orlntoides jiatélUris Gumbel, loc, cit, pag. 133, tav. IV, fig. 28-38. 
1875 > > V. Hantken, loc. city pag. 83, tav. IX, ^g, 6. 

Conchiglia piatta, con una leggera sporgenza centrale, dalla 
quale partono numerose pieghe che si biforcano verso il mar- 
gine, dove s' indeboliscono talora sino a sparire. 

La superficie è ricoperta da abbondantissime granulazioni, 
che sulle costole sono più grandi di quelle che si trovano negli 
spazi intermedi fra una costola e l'altra. 

Blmensioni: L'unico esemplare da noi rinvenuto ha un dia- 
metro di mm. 10. 

Questa specie, come è noto, è pochissimo diffusa nell'Eocene 
superiore e nell'Oligocene; essa è stata trovata in Ungheria 



Digitized by VjOOQIC 



1898 


» 


» 


1900-01 


» 


» 


1902 


» 


» 


1902 


» 


» 


1903 


> 


» 



62 O. CHKCCHIAR18P0M 

negli strati a Clavulina Szahói; nell'Eocene di Kreseenberge a 
Castel rotte presso Verona, ecc. 

Località: Regione Le Bocchette presso la stazione di Muglia. 

Orthophragniina stellata d'Arcb. sp. 
(Tav. II, l^f;. 19, 20 e 21). 

1850 Orbiivlites stellata D'Archiac, Mém, d. l. Hoc, Géoh de France, 

2« sèrie, tome III, pag. 405, pi. Vili, ^g. 14. 

1868 Orhitoides stellata Giiipbe], loc, cit,, pag. 135, tav. Il, fig. 1 15 a-c, 

tav. IV, iig. 47. 
1873 » pr%aìxmensisy,B.SintkeiìyDerofnerMergel,M\iih,3iA.JsihTb. 

d. Kon. Ung. geol. Anstalt., pag. 224. 
1875 » stellata v. Hantken, Die Fauna der Clavulina Szalm 

Schichten, pag. 84, tav. XI, fig. 2. 
Trabucco, Zoe. cit, pag. 25. 
Oppenheim, Die Piiahonaschìchten, ecc., p. 47. 
Checchia, loc. cit, pag. 55. 
Marinelli, he. cit, pag. 192. 
Martelli, I fossili dei teìi-. eoe, di Spalato, ecc., 
pag. 45, tav. II, fig. 13. 

Conchiglia a forma di stella, più o meno spessa verso la 
parte centrale, da cui partono 4, 6, 6, 7 e sino ad 8 apofisi 
radiali, lunghe, sporgenti, in mezzo alle quali si distende più 
meno ampiamente parte della conchiglia. Tutta la superficie 
è coperta da granulazioni; di queste, le più grandi, tubercoli- 
formi, si trovano nella parte mediana e sulle costole. 

Dimensioni: Esse sono variabili; i più grandi eseni})lari 
non misurano più di 5 a 6 mm. di lunghezza dall'estremità di 
una apofisi al margine opposto. 

Questa specie è abbondante nelle località da noi studiate 
ed anche variabilissima di forma; uno studio più dettagliato su 
tale specie potrebbe forse stabilire se il numero diverso delle 
apofisi invece di costituire delle semplici variazioni individuali 
costituisca un carattere specifico. 

Questa specie comparisce nelVEocene medio ed è abbastanza 
diffusa in quello superiore e nell'Oligocene. 

Località: Eegione IjC Itocchette; Colle Santa Maria e re- 
gione Sparacogna; regione Frechissa tra Centuripe e Catena- 
nuova. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMINIFERI BOGUNICI DBL M. lUDlCA 63 

Orthophragmina stella Qtlmbel sp. 
(Tav. II, fig. 22). 

1861 Hymenocycìus stélla Giimbel, Geognostische Beschreibung der bayer, 

Alp,, I, pag. 653. 
1868 Orbitoides stella Gumbel, Beitr. zur Foraminifer., ecc., pag. 138, 

tav. II, fig. 117 ac, tav. IV, fig. 89, 19. 
1875 > » V. Hantken, loc. cit., pag. 84, tav. XI, fig. 10. 

1886 » > Uhlig, Microfauna, pag. 204 (Jahrb. d. k. k. geol. 

Reìcb , Bd. 36). 
1893 » » Trabucco, loc, ct«., pag, 25. 

1900-01 » > Oppenheim, Die Priabonaschichten^ ecc. ecc., p. 48. 

1902 » » Marinelli, loc. ciU, pag. 192. 

1903 > > Martelli, / /b««t7» dei terr, eoe. di Spalato, ecc., 

pag. 45, tav. II, fig. 14. 

Conchiglia lenticulare, molto gonfia nella parte centrale ben 
differenziata e regolarmente arrotondata, dalla quale partono 
cinqne apofisi corte e di forma triangolare. 

La superficie è coperta di numerosi tubercoli, che diven- 
tano più piccoli man mano che s'avvicinano verso il margine. 

Dimensioni: Il più grande esemplare da noi rinvenuto mi- 
sura mm. 3 di lunghezza dall'estremità di una apofisì al mar- 
gine opposto. 

Questa specie si distingue dalla Orth. stellata, oltre che per 
le più piccole dimensioni, anche perchè mentre in essa si di- 
stingue una parte centrale ben differenziata, da cui sporgono 
le apofisi sempre in numero di cinque, nell'altra invece non 
si distingue una parte centrale netta e le apofisi sono sempre 
di numero variabile. 

Questa specie è discretamente diffusa nell'Eocene superiore 
e nell'Oligocene inferiore; e fu trovata a Priabona, nel Friuli, 
in Toscana, e poi in Ungheria, in Egitto, ecc. 

Località: Begione^Prechissa tra Centuripe e Catenanuova; 
regione Le Bocchette; marne rosse della base di M. Turcisi. 



Digitized by VjOOQIC 



64 Q. CHECCHIARISPOLl 



Gm. LKPiDOCYCLfNA Douvillé. ' 

Lepidocyclina (?) aspera GUmbel. 
(Tav. II, fig. 10, 11, 15 e 16). 

1868 Orbitaides aspeia Giimbel, loc. city pag. 120, tav. Ili, fig. 13-14, 

33-34. 
1875 » » V. Hantken, loc. cit, pag. 821, tav. XI, fig. 4. 

1900 » » Oppenheim, Die Priabonaschichten ecc., ecc., 

pag. 44. 

1902 > » Marinelli, loc. cit., pag. 191. 

1903 » » Martelli, J fossili dei terr. eoe. di Spalnto^ ecc., 

pag. 43, tav. II, fig. 9-10. 

Conchiglia a forma di lente biconvessa, dal contorno circolare 
e regolare. Superficie ricoperta da un fitto reticolato di granu- 
lazioni, alquanto più grandi verso la parte centrale che verso 
la periferia. 

La sezione mediana mostra una concamerazione centrale pic- 
colissima di forma subovale chiusa da una parete spessa e situata 
più meno eccentricamente in un'altra concamerazione molto 
più grande, di raggio triplo della precedente; lo spazio com- 
preso tra la piccola e la grande concamerazione è occupato da 
cellule a forma di esagono molto irregolare e confusamente 
aggruppate. 

Attorno alla grande concamerazione si svolge la lamina 
speciale con un andamento molto regolare. Le concamerazioni 
hanno la forma di un esagono allungato, la cui altezza è gene- 
ralmente poco più del doppio della lunghezza. Tanto la lamina 
spirale che i setti sono sottilissimi. Per quanto riguarda i dubbi 
sulla appartenenza generica di questa specie, rimando a quanto 
ne ho scritto a pag. 49. 

Dimensioni: I più grandi individui non misurano più di 
4 mm. di diametro e 2 mm. di spessore. 

Questa specie, come è noto, è diiOfusa in quasi tutto l'Eocene 
e rOligocene del bacino mediterraneo. 



Digitized by VjOOQIC 



FORAMIKIFBHI EOCENICI DEL If. lUDIOA 65 

Località: Begione Le Bocchette; Castellace, sotto la Caga 
Oemmellaro presso la sorgente solfarea (nei calcari tra le marne 
rosse); Cima di M. Tnrcisi (lato nord); Yalloncello tra Salina e 
la Torre di Muglia. 

Roma, Laboratorio di Paleontologia del R. Ufficio Geologico. 

[ma. pres. il 5 febb. 1904 - ult. bozze 4 marzo 19D4J. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA * 



Fig. 1. Lenticuìina contorta Desh. sp. Forma B, Ingrandita una volta 
e mezzo. 

> 2. Lenticuìina budensis v. Hantk. sp. Sezione mediana. Ingrandita 

sette volte. 

> 3. As8ilina spira de Roissy sp. Forma A. Sezione mediana. In- 

grandita otto volte. 
» 4. Lenticuìina Cruetiardi d'Arch. sp. Sezione mediana. Ingrandita 
otto volte. 

> 5, 6. Lenticuìina Guettardi d'Arch. Ingrandita due volte e mezzo. 
» 7. Lenticuìina garganica Teli. sp. Forma A. Sezione mediana. 

Ingrandita nove volte. 

» 8. Lenticuìina garganica Teli. sp. Ingrandita poco più di due volte. 

» 9. Orthaphragmina diapansa Sow. sp. Parte di una sezione tra- 
sversale ingrandita di molto. 

> 10. Lepidocycìina (?) aspera Giimbel. Sezione trasversale incom- 

pleta verso il margine di molto ingrandita. 

» 11. Lepidocycìina (?) aspera GUmbel. Parte di una sezione trasver- 
sale ancora più ingrandita e mostrante nettamente la forma 
esagonale delle concamerazioni. 

» 12. Caìcarina teiraè'dra Giimbel. Ingrandita quattro volte. 

» IB. Opercuìina granuìosa Leym. Ingrandita. 

» 14- Opercuìina canaìifera d'Arch. Forma B. Ingrandita. 

> 15. Lepidocycìina (?) aspera Giimbel. Ingrandita tre volte e mezzo. 

> 16. La stessa, vista di profilo. 

> 17. Or<^p^ra^mtnat0nt«tco8to<a Giimbel. sp. Leggermente ingrandita. 
» 18. La stessa, vista di profilo. 

* Tutti gli esemplari descritti e figurati in qnesta Nota fanno parte 
della collezione privata del prof. G. Di-Stefano. 



Digitized by VjOOQIC 



66 G. CHECCHIA-RISPOLI 

Fig. 19-21. Orthophragmina stellata d'Arch. sp. Tutti gli esemplari sono 

iDgranditi da due a ti*e volte. 
» 22. Orthophragmina stella Giimbel sp. Ingrandita cinque volte. 
» 23. Orthophragmina dispansa Sow. sp. Leggermente ingrandita. 
» 24. La stessa, vista di profilo. 

> 25. Lepidocyclina marginata Micht. sp. Grandezza natur^e. 
» 26. La stessa, vista di profilo. 

> 27. La stessa, frammento di sezione mediana molto ingrandito. 
» 28. Camerina italica Teli. sp. Forma A, Grandezza naturale. 

» 29. La stessa. Sezione mediana ingrandita due volte. 

» 80. Lenticulina garganica Teli. sp. var. samnitica Checchia. Forma A^ 

Sezione mediana ingrandita sette volte. 
» 31. Lenticulina curvispira Menegh. sp. Sezione mediana ingrandita^ 

quattro volte. 
» 32. Lenticulina Kaufmanni Mayer sp. Sezione mediana ingrandita. 

due volte. 
» 33. Serpula (Jtotularia) spimlea Lamarck. Grandezza naturale. 

> B4. La stessa, vista dalla bocca. 

» 35. Orthophragmina patéllaris Schloth. sp. Grandezza naturale. ' 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. Soc. G«ol. Itai. Voi. XXIII (1904). 



( Checchia ) Tav. II. 



«IT 



!<« 







ELIOT. CALZOLARI 4 FERRARIO - MILANO 

Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



CONTRIBUTO ALLO STUDIO DEI VERMETI FOSSILI 



Nota del socio Gaetano Rovereto 



A chi 8i occapa di anellidi fossili lo stadio dei vermeti è 
nn complemento necessario, poiché raramente gli verrà dato di 
studiare ana collezione di tabi di serpale, senza incontrarvi 
frammisti dei tabi di vermeti; e il 'presente lavoro è appunto 
nato dall'aver trovato nelle collezioni di anellidi inviatemi in 
comunicazione parecchie forme nuove o poco conosciate che ri- 
tengo appartenenti invece ai mollaschi. 

Sui vermeti viventi ha scritto, come è noto, una monografia, 
purtroppo non sufficientemente accompagnata da figure, l'illustre 
conchiologo danese 0. Morch, che è pure autore della Revisio 
critica serpulidarum. Di tale monografia sarebbero state com- 
plemento le illustrazioni della Conchologia Iconica del Seeve, 
perchè redatte in gran parte sulla collezione Cuming, quella 
stessa studiata dal MQrch, ma il fascicolo corrispondente ai 
vermeti non venne pubblicato, e le posteriori pubblicazioni del 
Tryon e del Clessin riparano solo in parte a tale lacuna. 

Ho tra mani parte del volume del Clessin, riguardante le 
Siliquaria, i Caecum ed i Vermett^, e che si va ora pubbli- 
cando nel Systematisches Conchylien- Cabinet von Martini u, 
Cìieninitz; ma è facile constatare che tale lavoro non è di 
certo degno di far parte di quella serie di memorie conchiolo- 
giche cui collaborarono il Philippi, il Pfeiffer, il Dunker, il 
Eobelt, e tanti altri illustri conchiologi tedeschi. È in realtà 
una abborracciatura fatta sul lavoro del MOrch, condotta senza 
critica e senza precisione, e per di più con un corredo di cita- 
zioni sbagliate e di errori tipografici che ne rendono la con- 
sultazione alquanto pericolosa. Ad esempio: 



Digitized by VjOOQIC 



68 O. ROVERETO 

per Bivonia goreensis Gm. è dato invece il Sipìwnium arenarium 
L. var. 

> Bivonia semisurrectus (sic) Biv., è dato invece la Bivonia 
triqaetra, mentre che è Vermefus semisurre- 
ctus la fig. 3 della stessa tavola. 

» Sipìwnium arenarium L., è dato invece il F. giganteus 
Q. e G., 

« cosi di molte altre figure, che sono tutte copie, e che è 
•quindi facile stabilirne il vero significato. 

Uno studio condotto seriamente è quello del Monterosato, il 
•quale però si riferisce solo ai vermeti del Mediterraneo. 

Speciali contributi allo studio dei vermeti fossili del ter- 
ziario si eb])ero, posteriormente alla monografia del Mórch, per 
i lavori del Deshayes e del Koenen ; ma Topera di quest'ultimo 
non è scevra di en*ori, come avrò occasione di dimostrare più 
volte nel lavoro presente e in quello sugli anellidi fossili che 
si sta pubblicando nella Palaeontographia Italica. Lo Stoliczka 
ha discusso e stabilito dei veimeti fossili un ordinamento ge- 
nerico, che è quello stesso che venne poi introdotto dallo Zittel 
nel suo trattato, e che io pure per ora accetto. 

La presente modesta contribuzione è stata redatta badando 
specialmente ai caratteri del protoconco, forse i soli che pos- 
sano valere a sicuramente distinguere i vermeti dalle serpule. 

Nov. Gen, Discovermetulus mihi. 
(tipo: DiscovermetulìAS Pissarroi n. sp.). 

Diagnosi. — Tubolo aderente, avvolto in spira piana, for- 
mante un disco più meno regolare, fornito di un nucleo em- 
brionale liscio e visibile al centro della spira. Questo nucleo o 
protoconco consiste in una vescichetta rigonfia, la quale presso 
la sua estremità iniziale presenta un solco di restringimento, 
probabilmente consistente nella saldatura di un primo giro em- 
brionale; non può dirsi se sia omeostrofo od eterostrofo (^), 
perchè non è visibile il nucleo apicale, situato come è di contro 

(*) Cfr. Cossmann M., Essais de paléoeonch. comparée^ voi. I, pag. 10. 



Digitized by VjOOQIC 



VBRMETI FOSSILI 69^ 

al primo giro di spira della conchiglia. È però un nucleo spi- 
rale, con l'asse longitudinale in piano, e quindi normale a quello 
della spira, forse paucispirato, essendo presenti, oltre che il nucleo 
apicale, due soli giri prima del cominciare della regolare orna- 
mentazione della conchiglia. 

Rapporti e affinità. — Tale embrione in modo assoluto non 
permette che le forme che ne vanno fornite appartengano agli anel- 
lidi; confrontandolo con gli embrioni dei gasteropodi, ha carat- 
teri eosi distinti e peculiari, che questi sommati con quelli for- 
niti dal complesso della spira a disco piano, irregolare, sini- 
strorso (non è escluso che possa talvolta essere destrorso) costi- 
tuiscono un genere a sé, che colloco fra i Vermetidae; perchè 
le altre famiglie e gli altri generi a spirale piana facilmente 
si escludono per la forma della spira. 

Nei vermeti che mi sono noti, e che si avvolgono in spira 
piana, ad esempio nelle Bivonia, i giri embrionali non occu- 
pano, se non eccezionalmente, il centro della spira; ma si tro- 
vano sotto i giri maggiori, con un nucleo quasi microscopico, 
accompagnato da parecchi piccoli giri di spira attorno ad un 
asse diversamente inclinato da quello dei giri maggiori. Questo 
nucleo è al centro invece nei Tuhuh&tium e in altri afBni, che 
si collocano fra gli anellidi, ma che io sono profondamente per- 
suaso di dovere ascrivere ai Vermetidae. Nel noto Tubulostium 
spirulaeutn il protoconco è somigliante a quello delle Bivonia^ 
e si sviluppa senza mai essere aderente; nelle altre specie 
invece è aderente, come succede per i vermeti che rientrano 
nel genere Burtinella, e si stacca in seguito dal resto della con- 
chiglia, per cui non ho mai potuto osservarlo. 

Diffiésione. — Appartengono ai DiscovermetultiS parecchie 
forme tutte provenienti dall'eocene francese, che qui descrivo, 
raggruppandole in almeno due specie ; avvertendo però che per 
l'estremo polimorfismo si rende un po' incerta questa suddivi- 
sione specifica. 



Digitized by VjOOQIC 



70 G. ROVKRBTO 

Diseovermetalas Pissarroi n. sp. 

(Tav. Ili, ^g. 1, la, 2, 2a, 26). 

Piccolo tabolo del diametro massimo di 1 mm., a pareti ora 
sottili ora alquanto ispessite, avvolgentesi in una spira ad an- 
fratti fortemente saldati fra loro e interamente aderenti ad un 
«ostegno. Se questo non è piano, il disco, pur avvolgendosi 
sempre su di nn piano, si fa irregolare ed incurvato. Presso 
l'estremità boccale il tubolo negli esemplari ben conservati si 
raddrizza, e per breve tratto è staccato dalla spira. 

La sua ornamentazione è varia; molte volte ne è privo o 
«olo presenta sottili strìe di accrescimento, che possono diven- 
tare più visibili e convertirsi in fitte e regolari ondulazioni. 
Longitudinalmente, in rari casi, si hanno delle costicine appena 
visibili (fig. 2b). 

Località. — Bois-Oouét, comune (luteziano); Qres ville e Hau- 
ieville, nel bacino di Parigi, raro (luteziano); invio Pissarro. 

var: eostnlata. 

(Tav. Ili, fig. 5). 

Le costicine longitudinali della forma tipica (v. fig. 2 fr> 
diventano molto rilevate, in numero di circa quattro, e divise 
4a solchi profondi, trasversalmente lamellosi. 

Località, - Bois-Gk)uét (luteziano). 

Discovermetulas goneteusis n. sp. 
(Tav. Ili, fig. 3, Sa), 

Si distingue dal precedente per la forma del disco^ rotata 
in modo da far ricordare alquanto quella delle Discokelix, te 
•quali però, anche non tenuto conto della loro perfetta regola- 
rità spirale e del non essere mai aderenti, si distingualo net- 
tamente per il protoconco che, come nei Solarium, presentano 
profondamente compreso nella spira. 

Il fianco estemo di questa rotella è alquanto incavato,, e 
forma la base di un dorso piatto, circuito da due costole a 



Digitized by VjOOQIC 



VBRMBTI FOSSILI 71 

cordoncino, la esterna più rilevata della intema, con ano spazio 
fra loro finamente ragoso. Un esemplare di maggiori dimen- 
j»ioni è d'ornamentazione molto più semplice, più appiattito, con 
costole e rugosità molto meno accentuate, e sa di esso stabi- 
lisco ana varietà che chiamo var. simpUcula (tav. Ili, fig. 4). 
Località. — Bois-Grou^t (v. sopra), non raro; invio Pissarro. 

Sub. Gen. Burtinella MOrch p. p. 

Per vedere nn po' più chiaro, che non sinora, nelle specie 
di questo sottogenere, cosi poco conosciuto, bisogna alquanto 
limitarne il significato originario qual si trova in Mórch. Questi 
vi riferiva infatti il Solarium Nysti Gal., e numerose forme del 
«econdario che si possono scindere in due grappi, di cui l'uno 
fa capo alla specie descritta dal Galeotti, e l'altro alla Serpula 
^turbinata Phil. 

Fra il Solarium Nysti e la Serpula turbinata, come indì- 
•cano gli stessi erronei riferimenti generici, corrono dei rapporti 
molto larghi: si hanno nei due casi delle conchiglie aderenti 
allo stato giovane, libere adulte e avvolte in spirale; ma nel 
JS. Nysti questa spirale forma un disco appiattito, nel quale i 
giri spirali si dispongono obliquamente, e diventano angolosi e giu- 
staposti in modo da formare un disco tanto regolare da somigliare 
alla conica rotella dei Solarium, ci offre quindi tutti i caratteri 
dei Tubulostium; nella S. turbinata invece la spirale è conica, 
.«on i giri sovrapposti che conservano la loro forma rotonda e 
si presentano come liberi in modo da risultarne un aspetto ser- 
pulideo. 

Delle Burtinella terziarie, secondo il senso restrittivo che 
loro do, si conosce la sola S. turbinata, vi si potrebbe proba- 
bilmente aggiungere la Rotularia Mayeri Eov. (*) {Botularia 
hognoriensis Mayer, non Mantell (*)), ed ora ho la fortuna di 
aumentare la lista di altre tre, qui sotto descritte. Nel cretaceo il 



(^) Rovereto G., Serpulidae del terziario e del quaternario, pag. 65. 
(*) Mayer K., Dea Parisian der Umgegend von Einsiedeìn, tav. Ili, 
«g. 13. 



Digitized by VjOOQIC 



72 G. ROVERBTO 

genere Burtinella è rappresentato dalla Serpula conica Hagen.(^) 
e da qualche altra. Come Burtinella è pure considerata dallo 
Zittel la Serpula granulata Sow. del senoniano; ma dimostrerò 
prossimamente che essa è il tipo di un nuovo genere di anel- 
lidi, di cui ho ritrovato l'opercolo, e che ho denominato Neo- 
microrbis. 

Bartinella turbinata Phil. 

1846. Serpula turbinata Philippi in Paleontographica, voi. I, pag. 80^ 

tav. X a, ^g. 14 (non 14 a, b, cP), 

1860. Burtinella turbinata Phil., Mòrch, in Journal de Conchyliologie^ 

voi. Vili. 

1891. Vermetus turbinatus Phil., Koenen, Dos NorddeuU Unter-OUgoc,^ 

fase. 8^ pag. 743, tav LII, ^g. 8, 9. 

var. taurinensis mihi. 
(Tav. Ili, fig. 20}. 

Questa forma, comunicatami con squisita gentilezza dal conte 
fiovasenda, è interessantissima, perchè si collega strettamente 
al tipo del genere Burtinella, che sino ad ora ritenevasi estinto 
nell'oligocene. Per quanto si può giudicare dalle figure del 
Eoenen, l'esemplare qui descritto, si distingue dai tipici per 
l'inflessione meno conica della spira, e per l'accenno di una 
sottile cresta dorsale. Altezza dell'asse spirale 6 mm., diametro 
massimo del cilindro spirale 4 mm., diametro del tubo mm. 1 '/,. 

Località, — Collina di Torino (elveziano); invio Bovasenda» 

Bartinella Zitteli n. sp. 

(Tav. Ili, flg. 30). 

È costituita da un tubo rotondo, inornato, di B mm. di dia- 
metro, gradualmente contratto presso l'estremità boccale, avvol- 
gentesi in giri sovrapposti, poco ascendenti da destra a sinistra, 
in modo da formare un cono, che probabilmente era molto ampio 

{}) Hagenow, Monographie, in N. Jahrb., pag. 666, tav. IX, fig. 15, 
1840. Esistendo nn^ anteriore Sé conica Fleming 1825, propongo il nome 
di Burtinella obnixa n. mut. 



Digitized by VjOOQIC 



VBRMBTI FOSSILI 7d- 

rispetto a quello delle altre specie, perchè i tre ultimi giri, che 
sono gli unici conservati, danno un angolo spirale di circa 65^ 
Nel centro della spirale rimane un largo ombelico, chiuso dai 
primi giri. L'estremità boccale si stacca dall'ultimo giro e si 
protende orizzontale; questo giro ha un diametro di 14 mm. 
Località. — Kressenberg (luteziano); invio Zittel. 

Bnrtinella praei^tigiosa n. sp. 

(Tav. Ili, tìg. 17). 

È una piccola specie, avvolta nel modo caratteristico della 
Burtinella^ il cui asse spirale non è più lungo di 3 mm., e il 
raggio del disco formato dall'ultimo giro di spira è di mm. 1 7sr 
che ho creduto per qualche tempo una forma giovane di qualche 
altra specie, che però non ho mai ritrovata. Non ha ornamen- 
tazione; il suo minnscolo fubo è liscio e translucido, di materia 
salda e cristallina; alcune volte è tuttora aderente. Non fu si- 
nora descritta perchè ritenuta una serpula, e l'ho ricevuta come 
tale parecchie volte. 

Località, — Mouchy, nel bacino di Parigi (luteziano), invio 
Pissarro; Kressenberg (luteziano), invio Zittel. 

Bnrtinella i spirintorta n. sp. 

(Tav. IJI, ^g. 8, 8«, 86, 8 e). 

Numerosi esemplari, ma tutti in cattivo stato di conserva- 
zione, per cui la sua diagnosi non è completa. Tnbolo rotondo, 
all'apertura boccale di circa 1 mm. di diametro, gradatamente 
assottigliantesi, fornito di una o due costole dorsali, visibìli 
nell'ultimo giro, e specialmente nel tratto staccato dalla spirale 
che può essere proteso obliquamente od eretto. L'angolo della 
spira è di circa 60*, ed è dato da giri regolarmente sovrap- 
posti in numero di circa sei, alti mra. 7. In alcuni casi il cono 
non è regolare, e l'ultima sua voluta è sproporzionatamente più 
ampia delle inferiori (diametro massimo mm. 8). L'ombelico è 
ben distinto in forma di cono rovesciato. 

Località. — Kressenberg (luteziano); invio Zittel. 



Digitized by VjOOQIC 



^i O. ROVERRTO 

Gen. TvBVLOSTiuM Stolic. 

Spirulaea Bronn: Jahrb. f. Min. 1827. II; non Péron 1807 (mollusco). 
Eotularia Defrance: Dictionn. Se. Natur., voi. 46**, 1827; non Lamo- 

roux 1822 (celenterato). 
Vermicularia Mtinster: Ke/fert, Detit. VI, 98, 1828; non Lamarck 1799 

(altro sottogenere di Vennetidae). 
Vermeiua Sowerby: Min. Conch. n.' 102, tav. 196, 1828; non Adanson 

1757. 
Tubulostium Stoliczka: Cretaeeous Ga^tr apoda of South. India ^ pag. 237, 

1868. 

Per completare ciò che si è detto delle Burtinella sono ne- 
cessarie alcune spiegazioni sa di un gruppo di forme che si 
collegano alla Serpula spirulaea, che è la più nota fra tutte. 
Prima di ogni altra cosa però bisogna stabilire qual nome ge- 
nerico gli spetti: »reyo già preferite Rotularia per ragioni in- 
dicate nel mio lavoro precedente, ora però trovo che la stessa 
denominazione specifica è già stata adoperata in altro signifi- 
cato, e che lo stesso è di Spirulaea, di Vermicularia, e come 
tutti sanno anche di Vermetus; bisogna quindi scendere ad esa- 
minare il genere dello Stoliczka. Esso venne stabilito in quel 
classico lavoro che è la descrizione della fauna del cretaceo 
dell'India, senza tener conto delle denominazioni anteriori, con 
la seguente diagnosi: Testa libera, solida, sublaevigata, planar- 
boidea seu late conica, saepissime sinistrorse - rare dextrorse - 
torta, anfractibus inteme tubulosis, externe callositate junctis, 
in superficie rotundatis seu carinatis; apertura valde atque 
abrupte contracta, tubulosa, rostriforme prolungata. L'autore non 
stabilisce un tipo, ma aggiunge che vi appartiene will probably 
la Serpula spirulaea e is certainly il Verìnetus tumidus Sowerby; 
figura poi due nuove specie: il Tubulostium discoideum (pag. 240, 
tav. XVIII, fig. 20-25) che si può considerare l'antenato della 
Vermicularia bognoriensis Sow., e il Tubulostium callosum 
(pag. 241, tav. XVIII, fig. 26-32) che somiglia ad una varia- 
zione turriculata della Serpula spirulaea; quindi a me pare 
molto legittimo riferire definitivamente la Serpula spirulaea a 
questo genere sinora dimenticato, e che fortunatamente ci di- 
spensa dal proporre un nome nuovo. 



Digitized by VjOOQIC 



YERMETI FOSSILI 75 

Bimane a stabilirsi quali rapporti hanno con esso le altre 
numerose forme del secondario e del terziario riferite a Vermi- 
cularia, a Botularia o semplicemente a Serpula. Limitandoci 
per ora a quelle del terziario, abbiamo che il Tuhulostium spi- 
rulaeum è in realtà una forma a se, che si distingue netta- 
mente dalle altre: solo forse per esso è esatta la frase della 
diagnosi festa Ubera, poiché il T. spirulaeum non è mai ade- 
rente, mentre le altre specie lo sono almeno nello stadio gio- 
vanile (ho verificato ciò per il T. bognoriense, per il T. angti- 
losum e per il T. Nysti\ ha disco piano, eccetttsati i giri eni- 
brionalij i quali sono in spirale saliente; nelle altre specie il 
protoconco non è visibile, perchè appunto, data la sua adesione 
nello stadio giovanile, è sempre mancante nelle conchiglie adulte 
(vedansi ad esempio le figure 7, 7&, 8a, 11, 13, 136 della tavola). 
In queste altre specie abbiamo inoltre che i giri del disco si so- 
vrappongono, ed è interessante constatare che esistono delle va- 
riazioni non ancora note della S. spirulaea, ed una specie ad 
essa afiBne, descritta dall' Oppenheim - Serpula (Rotularia) 
pseudo-spirulaea C) - che per essere turriculate servono di le- 
game fra questi due diversi gruppi di Tubulostium, La varia- 
zione cui accenno, e che denomino var. euganea^ è stata da me 
riscontrata, benché molto raramente, nell'eocene del Nizzardo, 
del Vicentino e di Kressenberg (tav. ITI, fig. 12), i suoi giri 
sono salienti in modo da formare una conchiglia trocoide e sa- 
larioide come quella del T. Nysti. 

Nel Tubulostium bognoriense Sow. (che il suo autore ha 
descritto come una Vemiicularia, e il Noetling come una Bur- 
tinella) abbiamo: l'adesione iniziale, i giri spirali posti quasi 
in piano, il protendimento dell'estremità boccale accompagnato 
da una strozzatura estema del tubo, come di frequente si os- 
serva nel T. spirulaeum; la sezione quadrangolare del tubo è 
bastevole a distinguere a prima vista il T. bogìtoriense dal T. Nysti 
col quale alcune volte è stato grossolanamente confuso (tav. IH, 
fig. 13, 13a, 136). 



(*) Oppenheim P., Ueber einige alttertiàre Faunen der Osterreich,- 
IJngar, Monarchie, pag. 149, tav. XI, ^^, 3-5. 



Digitized by VjOOQIC 



76 G. ROVERETO 

Altra specie quadrangolare, differente però dal T. hognoriense 
per la sua ornamentazione, è il Tuhulostium angulosum Chenu, 
interamente dimenticato, e al quale spetta il seguente nuovo 
quadro sinonimico: 

1842. Spirorbis anguìosa Chenu, Illtistr, Conchyl^ pag. 1, tav, f , fig. 24, 

24 a. 
1846. Serpula qiMdricarinata ? (flon Miinster) Leymerie, Ttrr, à numiMu- 

lites dee Corbièrea. Mém. Soc. Géol. 

France, 2* Ber., voi. I, p. 1, 1844, p. 369, 

tav.Xlir, fig. 17a, 6,18. 
1859. » » Leym. D'Archiac, Paléont de la France, 

pag. 375. 
1863. Spirorbis anffulosa Chen. Morch, Bevisio critica serpulidarum. Na- 

tur. Tids., voi. I, 1863, p. 461. 
1863. Spirulaea an Bitrtinella quadri car inaia Leym. Mòrch, ibid., p. 4C6. 
1882. Serpula cwharica Meunier Chalmas in Hébert, Bull. Soc. Géol. 

France, pag. 867. 
1898. Botularia Leymeriei n. mut. Rovereto, Serpulidae, pag. 65. 

L'esemplare tipico del Chenu era proveniente da Grignon 
(luteziano) ; il qui figurato venne raccolto dal Yidal a San Adrian 
nella provincia di Lerida, appartiene quindi all'eocene medio 
(tav. Ili, fig. 11). 

Il Tubulostium Nysti Gal., dalle forme regolari e molto fisse, 
descritto dapprima come un Solanum^ ha un tubo con sezione 
ellittica potentemente angolosa, da ciò il suo aspetto salarioide 
(tav. III, fig. 7, 7 a, 7ft, 7 e). Vi si accosta, e in realtà non 
mi sono ancora fatto un concetto preciso per quali caratteri se 
ne distingua, il Vermetus tumidus Koen. per il quale, esistendo 
già una specie del Sowerby di eguale nome, ho proposto il nome 
di Rotularia Koeneni che ora riferisco ai Tubulostium, benché 
una forma aflSne, la Vermicularia concava Sow., lo Stoliczka 
rabbia riferita a Burlinella. 

Sub'Gen. Stephopoma Morch. 

Non credo che questo sottogenere sia mai stato citato fos- 
sile del terziario; lo Stoliczka vi riferisce con dubbio il Ver- 
metus cochleiformis Mtill. del cretaceo. Se ne hanno viventi 



Digitized by VjOOQIC 



YBRKKTI FOSSILI 77 

qaattro specie ricordate dal M5rcb, dal Tryon e dal Clessin 
(che scrive Stephostoma): costituiscono dei piccoli dischi spirali, 
aventi da 2 a 4 mm. di diametro, variamente ornati, o sem- 
plicemente mgosi, che allo stato adulto si fissano, e vivono so- 
litari agglomerati. Le loro strie di accrescimento arcuate e 
retroflesse costituiscono anche come una lamina laterale e cir- 
colare. 

L'Oppenheim ha di recente descritto dall'eocene, sotto il 
nome di Serpula (Spirorhis) laterecristata, una piccola forma 
discoide e spirale la quale, perchè fornita di una cresta lami- 
nare e arricciata, che non ha nessun riscontro fra gli Spirorhis 
viventi, può ritenersi uno Stephopofna (*). Inoltre Ivolas e Peyrot (*) 
hanno figurato una specie inedita del Mayer, denominata Adeor^ 
bis cristatus, che potrebbe rappresentare il genere Stephopoma 
negli strati neogenici; Ivolas e Peyrot hanno invece dubitato, 
poiché il riferirla ad un Adeorhis è sembrato anche a loro non 
molto sicuro, che sia l'embrione di un trochide, ed avendola comu- 
nicata al De Bonry, questi la ritenne l'embrione di una Basi- 
lissa. 

NUOVE SPECIE DI RIFERIMENTO SOTTOGENERICO DUBBIO. 

Yermetas (Siphoninm 2) obductus n. sp. 

(Tav. III, fig. 16, 15 o, 6, e). 

Specie assai curiosa per la foggia del tubo, ed assolutamente 
eccezionale per il suo opercolo in gran parte calcareo. 

Il tubo irregolarmente rugoso, a pareti assai ispessite e con 
un diametro da 7 a 10 mm., si presenta in frammenti che, 
essendo tutti arcuati e forniti da una parte di un profondo solco, 
indicano che l'intera conchiglia avvolgevasi in spirali ampie a 
giri sovrapposti, poiché il solco è dovuto all'adattamento che 
la parete ventrale del giro superiore faceva sul dorso del giro 



(*) Oppenheim P., Alttertiàre Fauna, ecc., pag. 276, tav. XIII, 
fig. 12, 13. 

(') Ivolas J. et Peyrot A., Contrib. à Vétude paléant, des faìuns de 
la Tauraine, pag. &5, tav. II, fig. 35-89. 



Digitized by VjOOQIC 



78 G. ROVERETO 

inferiore. Con soli questi dati sono stato per lungo tempo incerto 
se considerare questa specie una serpula od un venneto, e per- 
sino sospettavo che ])otesse essere una siliquaria, a rima aperta 
solo presso l'estremità boccale, poiché le siliquarìe presentano 
appunto questi solchi di sovrapposizione. Essendo però molto 
frequente nel pliocene di Savona, sono finalmente riuscito a 
trovarvi un carattere che in modo certo ne stabilisce la posi- 
zione sistematica. 

Questo carattere consiste in un opercolo, prevalentemente 
calcareo, rivestito però dalla parte interna da uno strato ne- 
rastro di solfuro di ferro, 
che deve aver sostituito un 
rivestimento chitinoso ine- 
guale pseudomorfosi ho os- 
servato nella Proiulophi- 
la). Otturava completa- 
mente il tubo, e dalla parte 
che con tutta probabilità 
era restema, si presenta 
liscio e regolarmente con- 

Fiff. 1. — Opercolo calcareo-chitinoso del , ii • 

rerme/us obducttts: a, visto daUa parte in- VCSSO, benchè l SUOI mar- 
terna; *, visto dalla parte esterna (in<?randito gini UOU siaUO perfetta- 
mente circolari. Dalla parte 
opposta, e quindi forse interna, è concavo, con un bottone rile- 
vato al centro. Sono evidenti i rapporti che esso presenta con 
gli opercoli o cornei, o chitinosi, o membranacei dei vermeti, 
e specialmente con quelli del sottogenere Siphonium come è 
stato recensionato dal Mftrch. Abbiamo nei due casi, non un 
opercolo rudimentare, ma completo, concavo da una parte, con- 
vesso dall'altra, e un bottone al centro della parte interna che 
il Mòrch chiama mamilla. 

Non conosco altri opercoli calcarei di vermeto. 

Località, — Savona, comune; Lugagnano, raro (pliocene in- 
feriore); Collez. Museo di Genova. 



Digitized by VjOOQIC 



VKRMBTl FOSSILI 79 

Yennetas (Yermicalus i) Gossmaiini n. sp. 

(Tav. Ili, fìg. 14;. 

Avvolto in spirale saliente, irregolare, il sao cono appare 
ristretto e allungato, costituito da cinque giri di spira saffieien- 
temente distinti, fra cui Tultimo molto allargato. L'ornamenta- 
zione è ben visibile presso l'estremità boccale, interrottamente nel 
resto, e consiste in un solco mediano di cui il margine rispetto 
all'asse spirale esterno è più rilevato dell'interno e che in se- 
guito è situato attorno alla sutura della spira. Qua e là, spe- 
cialmente presso l'apertura boccale, si hanno traccie di ru- 
gosità. 

Il genere Vermicultis Lister, cui questa specie riferisco con 
dubbio, come è stato recensionato dal Morch, e accettato dagli 
autori, solo alcuni ne mutano il nome in quello di Vermicu- 
laria, ha a tipo la Serpida lumbricalis L., ed è suo carattere 
precipuo la foggia iniziale della spira turritelloidea. Tra le forme 
del terziario che vi si riferiscono è notevole il Vermetus cari- 
natus Hòrn. (*), il quale però rappresenta un gruppo affatto di- 
verso, perchè il suo tubo continua, benché irregolarmente, oltre 
lo stadio giovanile ad avvolgersi in spira unita, e perchè è 
fortemente angoloso, e questa sua angolosità ha influenza sul- 
l'orifizio boccale che non è rotondo, ma allungato, da un lato 
acuto, come avviene, benché in altra posizione, nei Siphonium. 

Località. — San Adrian (prov. di Lerida), eocene medio; 
invio Cossmann. 

Vermetus Vincenti n. sp. 

CTav. Ili, fig. 9). 

Tubo sottile, di materia salda e cristallina, avvolto in spira 
piana, con un nucleo embrionale in spira saliente. I giri svol- 
gentesi su di un piano sono quattro, e l'ultimo è terminato da 
un peristoma ampio e leggermente imbutiforme, alquanto rile- 
vato dal piano spirale; tali giri inoltre sono regolarmente più 

(») Hòrnes M., Moli foss. Witìiy voi. 1, pag. 486, tav. LXVI, fig. 17. 



Digitized by VjOOQIC 



■80 G. R0VBR8T0 

ampi dal centro ombelicale venendo airesterno, per il crescere 
graduale del diametro del tabo. Molto caratteristica ne è l'or- 
namentazione, che elimina in modo assolato qualsiasi rapporto 
o confronto che si volesse stabilire fra questo vermeto e gli 
anellidi: consiste in costicine longitudinali, una mediana posta 
sul dorso del tubo, ben visibile, accompagnata da altre due per 
lato, inframmezzate da linee anch'esse lievemente rilevate. 
Queste costicine sono squamose, e presentano ad intervalli quasi 
regolari un nodo dato dal rialzo del margine delle squame, che 
sono in tal modo embricate, come si osserva in molti pettini. 
Diametro del disco spirale mm. 10, diametro del peristoma 
mm. 3. 

Località. — Nil-Saint- Vincent (bruxelliano) ; invio Vincent. 

Vermetas (Spiroglyphus?) delimatus n. sp. 

(Tav. Ili, fig. 18;. 

È una piccola specie che è sfuggita alle ricerche dei pa- 
leontologi, perchè probabilmente è andata sinora confusa con 
i giovani del Vermettis intorttts Lam. Ne ha infatti a tutta 
prima l'aspetto; la sua spira, interamente aderente e allungata, 
si avvolge attorno ad un asse parallelo al piano di adesione, 
ma gli anfratti sono alquanto abbattuti all'indietro; il tubo è 
quadrangolare e privo di ornamentazioni. Il suo principale ca- 
rattere distintivo consiste nell'essere corrodente, per cui sulle 
conchiglie cui aderiva sono rimasti ben impressi in serie rego- 
lare i solchetti che gli anfratti vi hanno come stampati. 

Ho avuto tra mani conchiglie dell'Oceano Indiano con ade- 
renti e infossati dei tuboli somiglianti ai fossili che credo rap- 
presentassero il Siphonium lituella Morch, che il Carpenter ha 
considerato uno Spiroglyphtis e Marcel de Serres una Stoa, 
ossia che è stato riferito a sottogeneri il cui più saliente carattere 
è di essere corrodenti. Mancano osservazioni su vermeti di tali 
gruppi appartenenti al nostro terziario: lo Zittel considera uno 
Spiroglyphtis il Serpulites muricinus Schloth. di Ronca; io ho 
-considerato e figurato come dovuti a Spiroglyphus degli incavi 
spirali, visibili in una ostrica del tongriano ligure (^). 

(') Rovereto G., Molluschi tongrianij pag. 145, tav. I, fìg. 4. 



Digitized by VjOOQIC 



VERMBTI FOSSILI 81 

Località. — Su grossi frammenti di Pecten a San Fruttuoso, 
presso Genova, raccolti da me (pliocene inf.), 

Yemietiis? lorum n. sp. 
(Tav. Ili, fig. 16). 

Si è annidato nell'interno di un^ Arca, alla quale deve la sua 
•conservazione. Ha un solo carattere distintivo, ma sufficiente 
per farlo considerare una specie a sé e facilmente riconosci- 
bile: è a sezione quadrangolare, il dorso è piatto, i fianchi sono 
leggermente rigonfi, ma può dirsi che cadano diritti, tutta la 
conchiglia è a superficie irregolare. Forma un mal abbozzato 
giro spirale, al cui centro sta un orifizio aperto secondo il piano 
delia spira, che indica dove doveva staccarsi una parte libera 
«d eretta. Mancando la parte iniziale, il suo riferimento gene- 
rico è dubbio. 

Località. — Savona (pliocene inf.); coUez. Museo di Genova. 

Termetns dapaticus n. sp. 
(Tav. III. fig. 6, 6 a), 

Pìccolo tubo caratterizzato da una ornamentazione di lamine 
trasversali, fitte, sottili, rilevate, leggermente ondulate e quasi 
embricate, da ricordare quelle delle Scalarla. Forma a prin- 
dpio una massa aggrovigliata, aderente, e sulla sua superficie 
di adesione scorgesi ravvolta in parecchi piccolissimi giri, spi- 
rali secondo un asse parallelo al sopporto, la parte iniziale ed 
embrionale della conchiglia, e ciò è di certo carattere di ver- 
meto. Superiormente la parte più giovane del tubo si raddrizza, 
mantenendosi leggermente flessuosa, e privandosi delle carat- 
teristiche lamine ornamentali. Non so a qual specie vivente o 
fossile ravvicinarlo. 

Località. — Gresville, nel bacino di Parigi (luteziano); invio 
Pissarro. 

Termetus Rovasendai n. sp. 

(Tav. III, &g. 19, 19 a). 

Il conte Eovasenda ha opportunamente radunato su di un 
solo cartone una serie di esemplari di questa specie per i quali 

7 



Digitized by VjOOQIC 



82 G. ROVERETO 

rimane dimostrato che da una forma giovanile, quale è quella 
rappresentata dalla fig. 19a, si passa alla forma adulta fornita 
di caratteri affatto differenti dalla fig. 19. Allo stato giovane gli 
anfratti sono senza ornamentazione, saldati, ricoperti da una 
patina estema, e costituiscono un cono tronco dal quale sporge 
l'orifizio boccale. Gradatamente la patina scomparisce, il tubo 
diventa carenato, quindi triquetro, in spira piana, ad anfratti 
distinti, però verso la bocca si ha ancora una parte libera, eretta 
e rotonda. Ai lati della carena si possono avere dei solchi op- 
pure delle fine strie, circa sei, alquanto granulose, la carena è 
allora ispessita e anch' essa granulosa. 

Località. — Colli Torinesi (elveziano); invio Rovasenda. 

[m8. pres. 9 febbr. 1904 - ult. bozze 16 marzo 1904]. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA 



Fig. 1, la, 2, 2 a, 2 &. Biscovertnetultts Pissarroi n. gen. et n. sp., loc. i 
Bois-Gouet (Collezione PÌssarro\ 

> 3, 3 a. Di8covermetulu8 gouetensis n. gen. et n. sp., loc. : BoisGouèt 

(Collez. Pissarro). 

» 4. Discovermetulus gouetensis, var. simplicula, loc: Bois-Gouet 
(Collez. Pi88arro\ 

» 5. Discovermetulus Pissarroi, var. costuìata^ loc.: Bois-Gouèt (Col- 
lez. Piasarro). 

» 6, 6a. VevìMtus dapaticus n. sp., loc: Gresville (Collez. Pissarro). 

» lfla,7btlc. Tubulostium Nysti Gal., loc: Cantertoverent -Wem- 
meliano - (Collez. Vincent). 

» 8, 8 a, 86, 8 e. Burtinella spirintorta n. sp., loc: Kressenberg (Col- 
lez. Museo di Monaco di Baviera). 

» 9. Vermetus Vincenti n. sp., loc : Nil-St -Vincent (Collez. Vincent). 

> 10. Burtinella Zitteli n. sp , loc: Kressenberg (Collez. Museo di Mo- 

naco di Baviera). 

» 11. Tubulostium angulosum Chenu sp., loc: San-Adrian prov. di Le- 
rida (Collez. Vidal). 

» 12. Tubulostium spirulaeum Lmk. sp. var. euganea, loc: Kressen- 
berg (Collez. Museo di Monaco di Baviera). 



Digitized by VjOOQIC 



VRRMETI FOSSILI* 83 

Fig. 13. Tubulostium bognoriense Sow. ap., loc. : Neu Pede - ipresiano - 
(Collez. Vincent). 

> 13a, 13&. Tuhulostium bognoriense Sow. sp., loc: Jone-ten-Noode 

- ipresiano - (CoIIez. Vincent). 
» 14. Vermetus Cossmanni n. sp., loc. : Sau-Adrian provincia di Lerida 
(Collez. Cossmann). 

> 15, 15 a, 156, 15 e. Vermetus obductus n. sp., loc: Savona (Collez. 

Museo di Genova). 

> 16. Veì-metusP lorum n. sp., loc: Savona (Collez. Museo di Genova). 

> 17. Burtinelia praestigiosa n. sp., loc: Mouchy (Collez. Pissarro). 
» H. Vermetus delimatits n. sp., loc: San Fruttuoso (Collez. Museo di 

Genova). 
» 19, 19 a. Vermetus Bovasendm n. sp., loc: Colli di Torino (Collez. 
Rovasenda). 

> 20. Burtinelìa turbinata Phil. sp., var. taurinensis, loc: Colli di 

Torino (Collez. Rovasenda). 



Digitized by VjOOQIC 



SULLA GEOLOGIA DELLA REGIONE OSSOLANA 
CONTIGUA AL SEMPIONE 

Nota di A. Stella 



II socio Stella espone in vìa preliminare, alcuni dei risultati 
del rilevamento geologico da lui eseguito sulle tavolette sA 
25.000 per TUfficio Geologico in questa interessante regione al- 
pina nell'ultimo biennio. E a corredo del suo dire presenta una 
tavola di 8 profili geologici riassuntivi al 100.000, ricavati da 
profili parziali particolareggiati in scala maggiore, e condotti 
in direzione NNW-SSE attraverso alla regione rilevata; inoltre 
6 tavole di fotografie illustranti i particolari più importanti cui 
accenna; oltre a una serie di campioni delle principali rocce e 
fossili, e relativi preparati. 

La regione rilevata estendesi nei monti dell'Ossola, che com- 
prendono i bacini influenti nella Toce a monte di Domodossola, 
oltre una parte della regione svizzera finitima, specialmente 
orientale. Anzitutto egli premette un breve cenno sulla distin- 
zione delle formazioni della regione in due gruppi principali,, 
cioè « gruppo gneissico » e « gruppo scistoso » (schistes Instrées- 
in senso lato), e ferma l'attenzione sui seguenti punti C). 

1. Nel gruppo gneissico è nota la distinzione fatta dal 6er- 
lach di diverse masse di gneis, l'inferiore delle quali sarebbe 
per lui e per altri geologi il cosi detto « gneis d'Antigorio » (gneis 
granitico e occhiolato a due miche). Il rilevamento ha masse in 
evidenza anche nelle altre masse di gneis, lenti e zone anche 
importanti di gneis affatto simili al detto gneis d'Antigorio; il 



(^) Cf. quanto TA. ebbe già a esporre nella sua Relazione sulla cam-' 
pagna geologica del 1902. Boll. Com. Geol., 1903, n. 2, pag. 34 e aeg» 
della Parte Ufficiale. 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. d. Soo. Geol. Ital. Voi. XIII (1904). 



1'/. i^Vi 



( Rovereto ) Tav. Ili 



•9# 



«V. 



*«•/> »V. 



3»'/, 



^ 




à 




2'-V. 



"'■^ s 




e 



^^^ 12 




«»V. 



"7. 




2«'/, 




14 



^ 



13 






11 



V- a 



13» 






CUICHÉ8 PORMA E PREVER 



ELIOT. CALZOLARI & TERRARIO - MILANO 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



GBOLOGIA DELLA REGIONB OSSOLANA 85 

quale poi a sna volta sì raccorda e sfuma verso NE nella massa 
del cosi detto gneis del Ticino, in modo analogo alle altre lenti 
di gneis granitico della regione. Cosicché invece di nna distin- 
zione stratigrafica non abbastanza giustificata, pare più conve- 
niente una distinzione litologica delle masse di gneis granitici 
e occhiolati in mezzo ai gneis scistosi e zonati. Il gneis d'Àn- 
tigorio (Gerlach) sarebbe una delle maggiori di tali masse, però 
alquanto ridotta nei suoi limiti; e altra massa importante sa- 
rebbe quella attraversante obliquamente Talta V. Vigezzo (già 
segnata da Traverso e Porro) cui sono legate le note pegmatiti 
a minerali (studiati da Cossa, Spezia, Struever) di cui fu con- 
statata in posto la grande diffusione. 

2. Meritano speciale attenzione i gneis brecciati e conglome- 
ratici i. p. già citati dairA. (V. Cairasca, Vallone di Agaro, Val- 
lone Vannino, monti fra V. Formazza e V. Bavona), i quali hanno 
tanto maggiore importanza dacché anche nella galleria del Sem- 
pione, dal lato di Iselle, furono incontrati analoghi tipi gneis- 
sici la cui posizione nella serie è della massima importanza 
per la interpretazione stratigrafico-tettonica generale. 

3. Nelle masse di gneis cingenti tutt'attomo la principale 
complessa fascia scistoso-calcarea dell'Alta Ossola {Devero- 
Sehiefer, Gerlach), si trovano intercalazioni lenticolari non solo 
di anfiboUtiy ma anche di serpentine, queste ultime presenti non 
soltanto nella porzione nord-occidentale (Cervandone-P. Rossa, 
studiate da Preiswerk) ma anche nella porzione sud-orientale 
(presso la cresta V. Antigorìo-V. Onsernone, e V. Onsernone- 
V. Vigezzo, e diversi punti di V. Vigezzo) ; in V. Vigezzo già ri- 
levate in parte da Traverso e Porro. 

Le anfiboliti inserite nei gneis in quest' ultima valle nel suo 
versante sinistro, cioè già prossime alla cosi detta « zona dio- 
ritica d'Ivrea », hanno talora carattere di ortoanfiboUti di natura 
dioritica; mentre le altre più a NW sono strettamente legate 
a micascisti e anche a calcescisti e calcefèri marmorei, così da 
dover essere ritenute con tutta probabilità paraanfiboliti. La 
duplice distinzione sarebbe cosi analoga a quella già da me ri- 
levata per le anfiboliti dei calcescisti (schistes lustrées) della 
regione, parte delle quali, cioè le ortoanfiboUti e prasiniti af- 
fioranti oltre il confine di Stato, furono recentemente bene stu- 



Digitized by VjOOQIC 



^6 A. STELLA 

diate da Preiswerk. L'accennata doplice distinzione e il le- 
game di rocce scistoso-calcaree cristalline colle saddette anfi- 
boliti dei gneis porta a tenere queste limitate masse di calcescisti 
e marmi distinte geologicamente dalle maggiori zone di calce- 
scisti certamente mesozoici. 

4.yenendo al « gruppo scistoso » della regione (schistes lustrées 
1. s.), di cui PA. già ebbe a dire la complessa natura litologica, 
notasi come nei profili presentati, al pari che nelle tavolette di 
rilevamento, è tenuto distinto un sottogruppo principale di cai- 
cesoisti e scisti micaceo-fiììadici con essi alternanti (certamente 
mesozoici, i. g. p. giura), dagli scisti micaceo-gneissici (V. For- 
mazza) e dai micascisti granatiferi (Baceno, Varzo). Sono pure 
segnati distinti i banchi e lenti di calcari più o meno dolo- 
mitici, camiole^ gess^i, arenarie e qtiarziti (trias) che spesso ac- 
compagnano lateralmente le zone dei calcescisti. 

Se prima d'ora solamente la zona esterna nord-occidentale 
dei calcescisti, che corrono dal Nufenen per Binn a Brieg aveva 
forniti fossili, ora anche in altre zone più inteme ne furono dal- 
l'autore scoperti; e precisamente: cr inoidi nella zona calcare che si 
interpone fra le due zone dette dal Gerlach degli gneis di 
M. Leone e degli scisti di Devero; belemniti nei calcescisti che 
accompagnano la prosecuzione di questa stessa zona calcare 
verso NE al Zum Stock; finalmente belemniti (dubbie sebbene 
molto probabili) nei detriti scendenti dalla fascia di calcescisti 
della cresta V. Antigono - V. di Bosco. 

Questi ritrovamenti di fossili, insieme colla continuità delle 
singole zone scistose, colla mirabile ripetizione degli identici 
tipi litologici dall'una all'altra zona, e col quasi costante ac- 
compagnamento delle rocce calcareo-gessoso-quarzìtiche ai bordi 
lungo presso il contatto colle zone gneissiche, confermano 
l'ordinamento stratigrafico intravveduto già dal Gerlach (ripreso 
poi dubitativamente dal Benevier, e meglio dal Taramelli, e più 
recentemente da Schardt e specialmente da Schmidt) per cui 
le zone di calcescisti apparentemente intercalate fra le zone 
dei gneis sono da ascriversi al mesozoico, cioè al triàs (zone 
di calcari, gessi, quarziti e scisti alternanti) e al giurese (masse 
dei calcescisti e scisti alternanti). 



Digitized by 



Google 



GEOLOGIA DELLA REGIONE OSSOLANA 87 

5. Se abbastanza chiara e semplificata risalta cosi la stra- 
tigrafia della regione, ne diventa oltremodo complicata e diflS- 
cile la tettonica; trattandosi di nna serie di sinclinali costipate^ 
ridotte talora ad apparenza di banchi intercalati, fra i gneis^ 
e seguibili regolarmente dal confine nord-occidentale di V. For- 
mazza al confine orientale di V. Antigono. 

Lo stadio di queste sinclinali costipate e dei loro contatti 
coi gneis mostra però dae fatti importanti. 

Il primo fatto è T arricciamento complicatissimo che si 
osserva spesso nei, calcescisti, malgrado l'andamento loro gene- 
rale, grossolanamente parallelo a quello degli gneis. 

Il secondo fatto è la presenza di straordinari fenomeni di 
contatto meccanico fra gneis e scisti, ancor più fra gneis e cal- 
cari, -già in parte da me accennati. Sono incuneamenti degli uni 
negli altri, compenetrazioni talora con inclusioni reciproche, fina 
ad aversi delle vere breccie di frizione miste: del che sono 
esempio alcune delle fotografie e dei campioni presentati (Ta- 
mier, Agaro, Gondo-Alpien, Creil Horm). 

Cosicché si è condotti a ritenere, che sia dovuta alle azioni 
orogeniche, e quindi secondaria, non soltanto l'apparente alter- 
nanza delle zone gneissiche colle zone di calcescisti, ma anche 
la stessa apparente concordanza loro ai contatti ; la quale quindi 
non sarebbe originaria. Si avrebbe qui la ripetizione del fatta 
messo in evidenza fra calcescisti mesozoici e carbonifero dai 
rilevamenti miei e del collega Franchi, nell'alta Valle di Aosta. 

Quanto poi alla natura e successione di questi movimenti 
orogenici potenti, e al sistema di pieghe ottenibili mediante 
raccordamento delle linee tettoniche riportate nei profili rilevati, 
va notato, come l'esame di queste lince rilevate non consente 
ancora una soluzione attendibile che sia conforme a una o ad altra 
delle diverse ipotesi emesse finora. Il rilevamento conferma la 
piega coricata di Baceno già tracciata dal Gerlach, alla qaale 
corrisponde analoga piega a Varzo già indotta dal Tarameli!, e 
positivamente verificata dalla galleria elicoidale testò compiuta. 
La galleria del Sempione, come incisione artificiale più pro- 
fonda delle incisioni naturali delle valli, è atta a fornirci ele- 
menti preziosi ; ne ha già fomiti sin d'ora, e ancor più impor- 
tanti sono quelli che deve fornire nell'ultimo nucleo da perfo- 



Digitized by VjOOQIC 



88 A. STELLA 

rare. E siecome l'interpretazione delle linee tettoniche dì questa 
regione, implica, oltre che un difficile problema tettonico localCi 
uno dei più importanti problemi di geologia alpina in generale, 
pare ragionevole attendere anche questi ultimi dati di fatto, 
per utilizzarli insieme coi dati di rilevamento, onde avvicinarci 
al vero in argomento di tanta importanza. 

Roma, B. Ufficio Geologico. 

[ms. pres. neiradunanza della Società il 24 febb. 1904 - ult. bozze 
16 marzo 19041. 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DELLE TESTILARINE 
NEGLI STRATI MIOCENICI D^ITALIA 



Appuntì del dott. Carlo Fornasint 



Scarsi resti di testilarine e malamente determinabili, furono 
sinora osservati, come ho detto precedentemente (*), nelle rocce 
compatte di certi depositi che furono ascritti dai geologi al 
miocene inferiore. Tali sono, ad esempio, quelli che appaiono 
nel calcare ittiolitico e nell'arenaria superiore del Monte Mo- 
jscalli nel Veronese, delle quali rocce, ridotte in sezioni sottili, 
Nicolis pubblicò buone figure (*). Del calcare di Bismantora 
nel Reggiano, Malagoli illustrò tre nitide testilarie (^), e nell'a- 
renaria di Lama Mocogno nel Modenese egli osservò sezioni di 
forme che gli parvero riferibili a Textilaria abbreviata, T. gib- 
bosa e Bigenerina nodosaria {*). Nei calcari di Bercede e Baigno, 
dei dintorni di Torretta, di San Leo e Jano, nel Bolognese, 
Capellini e Pantanelli ebbero ad incontrare sezioni di testi- 
larine (^); ma soltanto dalla marna del Rio Crasale nel Bellu- 

(0 Boll. Soc. Geol. It, voi. XXII, 1903, pag. 96. 

(*; Oligocene e miocene nel sistema del M. Baldo, 1884, tav. III, 
fig. 1, 3. 

(») Mem. Soc. Nat. Modena, s. 3*, voi. VII, 1888, pag. 112, tav. III, 
fig. 1-3. — Per ciò che riguarda Tetà della famosa pietra di Bisman- 
tova, vedasi la nota del dott. G. Del Bue pubblicata nel 1900 (Riv. 
It. Paleont., pag. 121). Quel calcare spetterebbe non al miocene inferiore, 
ma al medio. 

(*) Rend. Soc. Nat. Modena, s. 3*, voi. Ili, 1887, pag. 108, tav. I, 
^g^ 1-4. 

(S) Mem. Acc. Se. Bologna, s. 4% voi. II, 1881, pag. 186. — Mem. 
R. Acc. Lincei, s. 8% voi. XII, 1882, pag. 392, 393 

8 



Digitized by VjOOQIC 



90 G. FORNASINI 

nese poterono venir isolati alcuni resti, fra i quali Mariani 
riconobbe la T. abbreviata ('). 

Le tre zone, onde vuoisi oggidì costituito il miocene medio, 
vale a dire la profonda o « langhiana », la coralligena o « tor- 
toniana » e la littorale o « elveziana », sono in Italia rappre- 
sentate da depositi marnosi, argillosi e arenacei, nei quali i 
fossili microscopici trovansi in uno stato variabilissimo di con- 
servazione. Le marne e le arenarie ascritte al langhiano sonOy 
in generale, tanto compatte, che i resti di foraminiferi vi si 
presentano difficilmente classificabili. E scarsi, per conseguenza,, 
sono i dati relativi alle testilarine di quegli strati. Xeirare- 
naria compatta di Pantano, in provincia di Beggio Emilia,. 
Malagoli avrebbe osservato una sezione di Tcxtilaria gramen ('); 
nella molassa di Stilo, in Calabria, Segnenza riesci ad isolare 
alcuni resti, che egli riferi in parte a T. abbreviata e a Sp. 
carinata (var. miìior), e in psirte, ma con dubbio, a ClavuUna 
rudis, a T. mariae var. inermis e a Bigetierina nodosaria ('); 
ma Cafici, nei calcari compatti e marnosi di Licodia Eubea in 
Sicilia, non potè determinare che Textilaria in genere 0. Al 
contrario, da quella serie di depositi che furono dai geologi 
ascritti alFelveziano e al tortoniano, fu estratto un materiale 
ricchissimo di foraminiferi, molte volte in ottimo stato di con- 
servazione nel quale il gruppo delle testilarine è senza dubbio 
uno dei meglio rappresentati, come lo dimostra la seguente 
sinoi^si, nella quale ho cercato di ordinare, corredandole di note 
critiche, tutte quante le osservazioni che furono fatte sull'argo- 
mento da Seguenza, E. Mariani, Stoehr, Schwager, Cafici, Corti^ 



(>) Ann. R. Ist. Tecn. Udine, s. 3% voi. XI, 1893, estr., pag. 9. 

(«) Boll. Soc. Geol. It., voi. IX, 1890, pag. 431. 

(3) Mera. R. Acc. Lincei, 8. 3*, voi. VI, 1880, pag. 65. 

{*) Ibidem, voi. XIV, 1883, pag. 74. — Non so bene a quale zona 
appartenga il calcare miocenico del vecchio Castello di Baiso nel Reg- 
giano, ove da Malagoli furono osservati in sezione frammenti di T, sa- 
(jittuìa (??) e dì T. agglutinans (??) (Boll. Soc. Geol. It., voi. VI, pag. 520, 
tav. XIII, fig. 1, 2), nò quello a bivalvi di Gesso nel Bolognese, con 
Texiiìaria sp , esaminato da Pantanelli (Mera. R. Acc. Lincei, s. 3% 
voi. XII, pag. 393). 



Digitized by VjOOQIC 



DI8TRIBUZJONB DRLLB TRSTILARINR 91 

Malagoli, Coppi, A. Silvestri, Jones e Parker, Sismonda, Fuchs, 
Dervieux, Hantken, Brady, M. Mariani, Trabucco, e da me 
medesimo. 

Textilaria gibbosa d'Orbigny. 

Textularia gibbosa Jones e Parker 1860. Qaart. Journ. Geol. Soc, voi.. 

XVI, pag. 302, prosp., num. 67. 

» amphorina Sismonda 1871. Mera. R. Acc. Se. Torino, s. 2% 

voi. XXV, pag. 267. 
» gibbosa Fuchs 1878. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. LXXVII, 

pag. 473. 
Plecanium partschi Seguenza 1880. Menu. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. VI, 

pag. 1&2. 
» tuberi forme Seguenza 1880. Ibidem, pag. 152, tav. XIV, fig. 10» 

Texiuìaria punctulata Coppi 1884. Boll. R.Com. Geol. It., voi. XV, pag. 199. 
» gibbosa Malagoli 1892. Boll. Soc. Geol. It., voi. XI, pag. 90. 

» tuberosa Malagoli 1892. Atti Soc. Nat. Modena, s. 3", voi. X^ 

pag. 80. 
» gibbosa Dervieux 1895. Boll. Soc. Geol. It, voi. XIV, pag. 306» 

307. 
7> gibbosa (Vj Silvestri 1900. Mem. P. Ace. Nuovi Lincei, voi. 

XVII, pag. 279. 

La T. amphorina di Michelotti non fu mai descritta o figu- 
rata, ma l'esame di un originale del Museo di Boma (BolL Soc. 
GeoL It., VI, 1887, p. 384) e lo stesso termine specifico m' in- 
ducono a ritenerla identica alla T. gibbosa. La T. partschi di 
Czjzek fu, sino dal 1887 (1. e, p. 160), da me associata alla 
T. gibbosa, e lo stesso fecero, otto anni dopo, i rizopodisti in- 
glesi (Mon. Foram. Crag, p. 153). Essa è da riguardarsi pro- 
babilmente quale forma microsferica. La T. tuberosa di d'Or- 
bigny è varietà ovoidale o subcilindrica, ed è inseparabile da 
essa il Plec. tuberiforme di Seguenza. Anche la T. punctulata 
di d'Orbigny, come ci è dimostrato dalla figura delle « Plan- 
ches inédites » (Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5", Vili, p. 368), 
è inseparabile dalla T. gibbosa. 

La T. gibbosa fu raccolta nei dintorni di Torino (Jones e 
Parker), e precisamente a Seiolze (Sismonda, Fuchs), nonché a 
Sant'Agata-Fossilì e a Stazzano (Dervieux). Nel Modenese, fu 
rinvenuta al Capriolo (Coppi), a Monte Gibio e a Panilo (Ma« 



Digitized by VjOOQIC 



92 e. fornàsini 

lagoli). Pare che non manchi a Sansepolcro in provincia di 
Arezzo (Silvestri), ne manca sicuramente a Benestare in Cala- 
bria (Seguenza). 

Textilaria (?) trochns d'Orbigny. 

Plecanium trochus Seguenza 1880. Mem.-R. Acc. Lincei, b. 3', voi. VI, 
pag. ^2. 

È specie cretacea, la quale, a traverso del neogene, arriva, 
a quanto pare, sino airattnalità. Ed è, probabilmente, non già 
una testilaria, ma una gaudryina. 

Rara a Benestare in provincia di Reggio di Calabria. 

Textilaria acuminata Seguenza sp. 

Plecanium acuminatum Seguenza 1880. Mero. R. Acc. Lincei, s. 3*, voi. VI, 
pag. 92, tav. X, fig. 5. 
» cuneatum Seguenza 1880. Ibidem, pag. 151, tav. X, fig. 5. 

Fu associata da Millett (Joum. R. Micr. Soc, 1899, p. 562) 
alla T. candeiana di d'Orbigny; ma ne diflFerisce per il molto 
minore sviluppo delle ultime due camere. 

Rarissima a Malochìa e a Benestare in Calabria. 

Textilaria agglutinans d'Orbigny. 

Textularia agglutinans Fuchs 1878. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. 
LXXVII, pag. 473. 

Non sappiamo a quale illustrazione della specie orbignyana 
siasi Fuchs riferito nel determinare i suoi esemplari. 

I quali erano stati rinvenuti a Sciolze nei dintorni dì Torino. 

Textilaria mayeriana d'Orbigny. 

Plecanium irregulare Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3*, voi. VI, 
pag. 151, tav. XIV, fig. 7. 
» 8peyeri(ì) Seguenza 1880. Ibidem, pag. 152. 

II PZ. irregulare di Seguenza ha margine arrotondato nella 
regione terminale, ma nella iniziale è compresso e earenato. 
£ tali sono appunto i caratteri della T. mayeriana. Anche il 



Digitized by VjOOQIC 



DTSTRIBUZIONR DELLE TESTILARINE 98 

PI. speyeri di Beass è assai compresso nella regione iniziale, 
né appare molto diverso dalla T. nìayeriana. 
Comune a Benestare in Calabria. 

Textilarìa laevigata d'Orbigny. 

PUcanium laevigatum Segaenza 1880. Mem. R. Acc. Lìncei, 8. 3% yol. VI, 
pag. 91. 

Questa specie non è ben definita. La pubblicazione della 
figura delle « Planches inédites » (Mem. B. Acc. Se. Bologna, 
s. 5"", X, p. 7), invece di arrecar luce, ha segnato un contrasto 
con la illustrazione della forma fossile di Nnssdorf, alla quale 
si è certamente riferito Segnenza nella sua determinazione. 
D'Orbigny ne (jualificò per liscia la superficie, ma Heuss e 
Earrer, al contrario, l'osservarono sempre ruvida, essendo il 
guscio arenaceo fSitz. k. Ak. Wiss. Wien, LV, p. 66; LVIII, 
p. 128). Beuss, in particolare, la trovò più compressa di quello 
che è indicato nella figura orbignyana, con margine acuto nella 
regione iniziale, e vicinissima alla var. inermis della T. niariae.. 

Bara ad Ambuti in provincia di Beggio di Calabria. 

Textilaria mariae d'Orbigny. 

Textularia mariae Fachs 1878. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. LXVII^ 

pag. 473. 
PUcanium mariae, var. inermis (?) Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lìncei, 

8. 3*. voi. VI. pag. 65. 
Textularia articulata Coppi 1884. BolLR.Com. Geol. It, voi. XV, pag. 199. 

Secondo Beuss (Sitz. k. Ak. Wiss. Wien, LV, p. 64), la 
T. articulata di d'Orbigny è identica alla var. inermis della 
T. mariae. 

Possile a Sciolze presso Torino (Puchs), al Capriolo nel Mo- 
denese (Coppi), e fors' anche a Stilo in Calabria (Seguenza). 

Textilaria snbangnlata d'Orbigny. 

Pìecanium subanguìatum Segaenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% voi» 

VI, pag. 92, 152. 
Textularia suhangulata Coppi 1884. Boll. R. Cora. Geol. It, voi. XV> 

pag. 199. 



Digitized by VjOOQIC 



94 e. FORN ASINI 

Textularia subangulata Malagoli 1886. Rend. Soc. Nat. Modena, 8. S*, 
voi. II, pag. 126. 

> subangulata Mariani 1887. Atti Soc. It. Se. Nat., voi. XXX, 

pag. 128. 

> abbreviata (forma allungata) FornaBini 1887. Boll. Soc. Geol. 

It., voi. VI, pag. 400, tav. XI, fig. 3. 
» abbreviata (pars) Fornasini 1889. Tavola Foram. S. RufiUo, 

Fa associata da Heuss (Sitz. k. Ak. Wiss. Wien, LV, p. 63) 
alla T. abbreviata, dalla qaale essa è infatti separabile con 
qualche difficoltà. 

Fa raccolta a Monte Baranzone (Coppi) e alla Sarsetta presso 
M. Baranzone nel Modenese (Malagoli), a San Bufillo presso 
Bologna (Fornasini), a Monteleone, Ambuti e Benestare in Ca- 
labria (Seguenza), e al Capo San Marco in Sardegna (Mariani). 

Textilaria abbreviata d'Orbigny. 

Tttxtularia abbreviata Jones e Parker 1860. Quart. Joum. Geol. Soc, 

voi. XVI, pag. 902, prosp., num. 69. 
Pleeanium abbreviatum Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, 8. 3% voi. 

VI, pag. 65, 92, 152. 
Textularia abbreviata Mariani 1887. Atti Soc. It. Se. Nat., voi. XXX, 

pag. 129. 
» abbreviata (pars) Fornasini 1889. Tavola Foram. S. Rufillo, 

fig. 4. 
» abbreviata Mariani 1893 Ann. R. Ist. Tecn. Udine, s. 2*, voi. 

XI, estr., pag. 9. 

Vedasi un mio recente articolo su questa specie (Mem. B. 
Acc. Se. Bologna, s. 5*, X, p. 305, tav. 0, fig. 10). 

Fossile nei dintorni di Torino (Jones e Parker), al Bio Cra- 
sale nel Bellunese (Mariani), a San Rufillo presso Bologna (For- 
nasini), a Stilo e a Benestare in Calabria (Seguenza), e al Capo 
San Marco in Sardegna (Mariani). 

Textilaria grameii d'Orbigny. 

Textularia gramen Fuchs 1878. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. LXVII, 

pag. 473. 
Pleeanium gramen Cafici 1883. Mem. R. Acc. Lincei, s 3*, voi. XIV, pag. 85. 
Textularia gramen Coppi 1884. Boll. R. Cora, Geol. It , voi. XV, pag. 199 . 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DSLLB TfidT.LAR[.NB 95 

Textularia gramen Fornasini 1887. Boll. Soc Geol. It , voi. VI, pag. 4C0, 

tav. XI, fig. 4. 
» gramen Mariani 1887. Atti Soc. It. Se. Nat., voi. XXX, pag. 129. 

» abhreoiata (pars) Fornasiai 1889. Tavola Foram. S. Rufillo, 

fig. 2. 
» gramen Corti 1896. Rend. R. Ist. Lomb , 8 2*, voi. XXIX, estr., 

pag. 4. 

È strettamente connessa alla T. abbreviata. Vedasi un mio 
recente articolo in proposito (Mera. R. Acc. Se. Bologna, s. 5*, 
X, p. 304, tav. 0, fig. 9). 

In Piemonte fu rinvenuta a Sciolze presso Torino (Fuchs), 
in Lombardia nei dintorni di Como (Corti), nel Modenese al 
-Capriolo (Coppi), nel Bolognese a San RufiUo (Fornasini), in 
Sicilia a Licodia Eubea (Cafici), e in Sardegna al Capo San Marco 
{Mariani). 

Textilaria haneri d'Orhigny. 

Pìecanium hatieri Segaenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3*, voi. VI, 

pag. 92, 162. 
Textularia haueri Mariani lb87. Atti Soc. It. Se. Nat , voi. XXX, pag. 130 

È in intimi rapporti con la 1\ gramen^ come, del resto, 
:anche Brady ha fatto notare (Chall., p. 365). 

Fu rinvenuta a Benestare in Calabria (Seguenza) e al Capo 
San Marco in Sardegna (Mariani). 

Textilaria calarìtana Fornasini. 

Textularia sagittuìa, var. calarìtana Fornasini 1887. Boll. Soc. Geol. It., 
voi. VI, pag. 30. 
» luculenta, var. calarìtana Fornasini 1887. Ibidem, pag. 394, 

tav. X, fig. 3. 

Forse differisce meno dalla T. liiculenta di Brady, che dalla 
T. sagiUida di Defrance, ma è ben distinta si dall'una che 
dall'altra. 

Rarissima a San Michele presso Cagliari. 

Textilaria acuta Reuss. 

Textilaria praelonga Stcehr (Schwager) 1878. Boll. R. Com. Geol. It., 

voi. IX, pag. 513. 
Flecanium acutum Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. VI, 

pag. 92, 151. 



Digitized by VjOOQIC 



96 e. FORNASINI 

Sino dal 1849 la T. praelonga di Czjzek fn identificata da 
Benss con la saa T. acuta. Questa poi fu alla sua volta associata 
da Brady alla T. sagittula. dalla quale sembra però differire 
nella forma delle camere e nei contomi. 

Fossile ad Àmbutì (?) e a Benestare in Calabria (Seguenza), 
e a Stretto presso Girgenti (Stoehr). 

Textilaria bronniana d'Orbìgny. 

PUcanium hronnianum Segiienza 1880. Menu. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. 

VI, pag. 151. 
Textularia bronniana Mariani 1887. Atti Soc. It. Se. Nat., voi. XXX^ 

pag. 130. 

Fu essa pure associata da Brady alla T. sagittula, dalla 
quale sembra differire appena, come la precedente, nella forma 
delle camere e nei contomi. 

Baccolta al Capo San Marco in Sardegna (Mariani) e a 
Benestare in Calabria (Seguenza). 

Textilaria sagittnla Defrance. 

Plecanium sagittula Seguenza 1880. Mera. R. Acc. Lincei, 8. 3*, voi. VI,. 

pag. 92, 151. 
Textularia saffittula Malagoli 1892. Boll. Soc. Geo!. It, voi. XI, pag. 90. 

Dal confronto fatto da Seguenza del suo PI. costatum, di 
cui appresso, con la T. sagittula si arguisce che la forma di 
quest'ultima da lui osservata era corrugata o jugosa. 

Fu rinvenuta a Monte Gibio nel Modenese (Malagoli), e a 
Benestare in provincia di Beggio di Calabria (Seguenza). 

Textilaria costata Seguenza sp. 

Plecanium costatum Seguenza 1880. Meno. R. Acc. Lincei, 8. 3% voi. VI,, 
pag. 161, tav. XIV, fig. 8. 

Affine alla precedente, ne è, secondo l'autore, « distintis- 
sima per essere sempre piccola, colla superficie meno scabra, 
colle costole più strette, con una carena longitudinale mediana 
molto ottusa sopra ambo le facce, ecc. ». 

Rara a Benestare in provincia di Reggio di Calabria. 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBLLB TBSTILARINB 97 



Textilaria rugosa Benas sp. (?) 

Plecanium rugosufn(ì) Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, b. 3% voi. 
VI, pag. 152. 

Trattasi dì un unico esemplare, che, secondo l'autorC; avrebbe 
€ una certa somiglianza » con la specie reussiana. 
Nello stesso luogo della precedente. 

Textilaria deperdita d'Orbigny. 

Textularia deperdiia Fuchs 1878. Sitz. k. Akad. Wìss. Wien, voi. LXXVII, 
pag. 473. 
» cf. deperdita Dervieux 1896. Boll. Soc Geol. It, voi. XIV, 

pag. 306. 

Fu da Brady associata alla T. sagittula, dalla quale però 
sembra differire nella forma e nell'inclinazione delle camere. 
Per quest'ultimo carattere si avvicina piuttosto alla T. acicu- 
lata; ma anche da questa differirebbe, secondo d'Orbigny, per 
la minore obliquità delle camere stesse e per la maggiore com- 
pattezza. 

Binvenuta a Sciolze presso Torino (Fuchs), e fors'anche a 

Sant'Agata-Fossili (Dervieux). 

* 

Textilaria aratriformis Schwager sp. 

Plecanium aratriforme Schwager 1878. Boll. R. Com. Geol. It., voi. IX, 
pag. 513, tav. I, tig. 17. 

Fu dall'autore confrontata con la T. pala di Czjzek, ma, a 
quanto pare, le sue maggiori affinità sono da cercarsi piuttosto 
con la T. aciculata di d'Orbigny. 

Barissima a Stretto presso Girgenti. 

Textilaria pala Czjzek. 

Plecanium pala Stoehr (Schwager) 1878. Boll. R. Com. Geol. It, voi IX, 

pag. 613. 
Textilaria pala Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, 8. 3*, voi. VI, pag. 150. 

Differisce dalle due precedenti e dalla T. aciculata per le 
suture normali all'asse, e dalla T. sagittula per la diversa 



Digitized by VjOOQIC 



98 e. FOUNASINI 

forma delle camere. Sono desiderabili accurate osservazioni salla 
parte iniziale di questa specie, allo scopo di stabilire se si 
tratta di una vera Textilaria oppure, come s'è verificato in altre 
consimili, di una Spiroplecta. 

A Benestare in Calabria (Sequenza), e a Stretto presso Gir- 
genti (Stoehr). 

Textilaria pectinata Renss. 

Textilaria pedinata Seguenza 1880. Mem R. Acc. Lincei, 8. 3*, a'oI. VI, 

pag. no. 

Seguenza ha osservato che « questa specie varia considere- 
volmente nella sporgenza esteriore delle logge », e, in confronto 
con la T. pala, gli è parso « che alcuni individui stabiliscano 
delle gradazioni tra le due forme ». Quanto alla determina- 
zione generica, valga ciò che è notato nel paragrafo prece- 
dente. 

Comunissima a Benestare in provincia di Seggio di Ca- 
labria. 

Bigenerìiia nodosaria d'Orbigny. 

Bigenerina agglutinans Fuchs 1878. Sitz. k. Akad. Wiss.' Wien, voi. 

LXXVII, pag. 473. 
» nodo8aria(ì) Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. 

VI, pag. 65. 
> agglutinans Seguenza 18S0. Ibidem, pag. 152. 

» nodosaria (?) Cafici 1883. Ibidem, voi. XIV, pag. 85. 

» nodosaria Brady 1884. Rep. Foram. Chall, pag. 370. 

» agglutinans Coppi 1884. Boll. R. Com. Geol. It., voi. XV, 

pag. 200. 

Vedasi una mia recente illustrazione di questa specie (Mem. 
R. Acc. Se. Bologna, s. 5*, X, p. 308, tav. 0, fig. 12, 13). La 
B. agglutinans di d'Orbigny è inseparabile. 

Possile a Sciolze presso Torino (Fuchs), nel Modenese al 
Capriolo e a Monte Baranzone (Coppi), in Calabria a Stilo (?) 
e a Benestare (Seguenza), in Sicilia a Licodia Eubea (?) (Ca- 
iìci), e a Malta (Brady). 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE UELLB TKSTILARINE 99 

Spiroplecta carinata d'Orbigny. sp. 

Textularia carinata Sisinonda 1871. Mem. R. Acc. Se. Torino, b. 2^ voi. 

XXV, pag. 267. 
Textilaria carinata Hantken 1876. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. 

LXXIII, pag. 72. 
Textularia carinata Fuchs 3878. Ibidem, voi. LXXVII, pag. 473. 
Textilaria carinata i^^egaenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. VI, 

pag. 91, 150. 
» carinata var. minor Seguenza 1880. Ibidem, pag. 65. 

Textularia caHnata Coppi 18S1. Paleont. Modenese, pao;. 18*2. 
Textilaria carinata Cafici 1883. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3*, voi. XI V, pag. 85, 
Textularia carinata Malagoli 1886. Rend. Soc. Nat. Modena, s. 8*, voi. II, 

pag. 126. 
» carinata Mariani 1887. Atti Soc. It Se. Nat , voi. XXX, pag. 129. 

» carinata Dervieux 1895. Boll. Soc. Geo!. It., voi. XIV, pag. 

806, 307. 

Anche di questa specie ho trattato recentemente (Mem. B. 
Acc. Se. Bologna, s. 5*, X, p. 309, tav. 0, fig. 14). La var. 
minor di Seguenza è « una forma piccola, e sovente deformata, 
la quale somiglia a quella che vi riferisce Hantken, perchè 
manca di quei tali cordoni o rialzi che nella forma del d'Or- 
bigny separano le logge >. Tale mancanza fu da Seguenza osser- 
vata anche nella maggior parte degli esemplari di Benestare 
(p. 150), e da Mariani in quelli di Capo San Marco. Ciò significa 
che nella Sp. carinata non è costante il carattere di avere le suture 
coperte, carattere che è tanto comune nel genere Spiroplecta. 

Fu raccolta nei dintorni di Torino (Sismonda), e precisa- 
mente a Sciolze (Fuchs), a Stazzano (Sismonda, Dervieux) e a 
Sant'Agata-Fossili (Dervieux), a Monte Gibio (Coppi) e alla 
Sarsetta presso Monte Baranzone nel Modenese (Malagoli), a 
Stilo e a Benestare in Calabria (Seguenza), a Licodia Eubea in 
Sicilia (Cafici), a Capo San Marco in Sardegna (Mariani), e a 
Malta (Hantken). 

Spiroplecta (?) peetinata Hantken sp. 

Vulvulina pedinata Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, 8. 8^, voi. VI, 
pag 91, 150. 

Da prima fu riguardata da Hantken come una Textilaria, 
ma la forma dell'orificio, che è una fessura parallela al piano 



Digitized by VjOOQIC 



100 e. FORNASINI 

di compressione, lo indassero ad ascriverla ad altro genere. Non 
è improbabile che si tratti di una Spiroplecta, 

Barissima a Monteleone e comunissìma a Benestare in Ca- 
labria (Seguenza). 

Spiroplecta peunatnla Batsch sp. 

Plecanium corrugatum Stoehr (Schwager) 1878. Boll. R. Com. Geo!. It.^ 

. voi. IX, pag. 513. 
Venilina nikobarensis Coppi 1884. Ibidem, voi. XV, pag. 199. 
Bigenerina capreolus Fornasini 1885. Boll. Soc. Geol. It., voi. IV, pag. 109. 
Venilina nikobarensis Malagoli 1886. Rend. Soc. Nat. Modena, s. 3^, voL 

II, pag. 126. 
Bigenerina pennatula Fornasini 1889. Tavola Foram. S. Rafillo, iig. 5, 6. 
» pennatula Trabucco 1891. Atti Soc. Lìg. Se. Nat , voi. II, estr.^ 
pag. 5, 6. 

La TexL corrugata di Costa e la Bigenerina nikobarensis 
di Schwager furono, sino dal 1884, associate da Brady alla 
B. pennatula. Quanto alla Vulvulina capreolus di d'Orbigny^ 
non mi resta che a ricordare ciò che ho già più volte accen- 
nato intomo ai suoi intimi rapporti con la specie di Batsch^ 
della quale è probabilmente da riguardarsi come forma micro- 
sferica. 

Fu raccolta a Carpeneto dell'alto Monferrato (Trabucco), al 
Capriolo e a Monte Baranzone (Coppi) e alla Sarsetta presso 
M. Baranzone nel Modenese (Malagoli), a San Bnfillo pressa 
Bologna (Fornasini), e a Stretto presso Grirgenti (Stoehr). 

Yernenilina spinulosa Beuss. 

Verneufilina spinulosa Jones e Par«er 1860. Quart. Jouni. Geol. Soc, 
voi. XVI, pag. 302, prosp , num. 80. 
» spinulosa Brady 1884. Rep. Foram. Chall., pag. 384. 

Per l'illustrazione di questa specie vedasi Brady, opera ci- 
tata, tav. XLVII, fig. 1-3. 

Fossile nei dintorni di Torino (Jones e Parker), e a Malta 
(Brady). 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBLLB TBSTILARINB 101 

Yerneuìlina laevigata Schwager sp. 

Beu88ia laevigata Schwager 1878. Boll. R. Com. Geol. It, voi. IX, pag. 
526, tav. I, fig. 16. 

Per i caratteri generali spetta, a quanto pare, al tipo della 
«pecie precedente, dalla qaale però differisce, non solo per la 
mancanza delle spinosità, ma anche per la leggera obliquità 
delle camere. Il guscio è sottile e finamente poroso. 

Barìssima a Stretto presso Girgenti. 

Oandr^ina pnpoides d'Orbigny. 

Gaudtyina hadenensis Seguenza 1880. Mera. R. Acc, Lincei, s. 3% voi. VI, 

pag. 152. 
» pupoides Fomasini 1885. Boll. Soc. Geol. It., voi. IV, pag. 109. 
» pupoides Fornasini 1889. Tavola Foram. S. Rufillo, ^g» 7. 
» pupoides TrabHcco 1891. Atti Soc. Lig. Se. Nat., voi. II, estr., 

pag. 5. 
» pupoides Silvestri 1900. Mem. P. Acc. Nuovi Lincei, voi. 

XVII, pag. 278. 

Fino dal 1885 (1. e.) espressi Tidea che la G. hadenensis 
di Beuss potesse associarsi a quella forma che snolsi designare 
col nome di G. pupoides. Vedasi una mia recente illustrazione 
di quest'ultima (Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5"", X, p. 311, 
tav. 0, fig. 16-19). 

Fu rinvenuta a Carpeneto neiralto Monferrato (Trabucco), 
a San Bufillo presso Bologna (Fornasini), a Sansepolcro in pro- 
vincia d'Arezzo (Silvestri), e a Benestare in Calabria (Seguenza). 

Gandryina chilostoma Beuss sp. 

Oaudryina chilostoma Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% voi. VI, 
pag. 92. 
> chilostoma Coppi 1884. Boll. R. Com.Qeol.lt., voi. XV, pag. 200. 

» chilostoma M. Mariani 1902. Riv. It. Paleont., voi. VII, pag. 115. 

Mariani osserva che questa specie « oflFre nelle forme del 
terziario, come carattere che le distingue da quelle attuali, le 
loggie più compresse e perciò meno globose ». A me sembra che 
avvenga il contrario. Le forme recenti illustrate da Brady sono 



Digitized by VjOOQIC 



102 e. FORNA8!NI 

compresse e subcarenate: quelle oligoceniche figurate da Heuss 
e quelle neogeniche da me riprodotte hanno camere globose e 
margine arrotondato. 

Fossile al Capriolo e a Monte Baranzone nel Modenese 
(Coppi), ai Ponti presso Camerino (Mariani), e a Malochia in 
Calabria (Seguenza). 

Gaudryina textilarioides Hantken. 

Gaudryina textiìarioides (?) Sei^uenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3% 
voi. VI, pag. 92. 
» textilarioides (?) Coppi 1884. Boll. R. Com. Geol. It , voi. XV, 

pag. 200. 
» textilarioides Fornasini 1887. Boll. Soc. Geol. It., voi. VI, pag. 80. 

È una testilarina con porzione biseriaie molto sviluppata in 
confronto della triseriale. Hantken la trovò caratteristica per 
la zona inferiore degli strati a ClavuUna szahdi, ma s'incontra^ 
a quanto pare, anche nel neogene italiano. 

Fu rinvenuta al Capriolo e a Monte Baranzone nel Mode- 
nese (?) (Coppi), a Benestare in Calabria (?) (Seguenza), e a 
San Michele presso Cagliari (Fornasini). 

Claynlina commuuis d'Orbigny. 

Verneuilina communis Jones e Parker 1860. Quai*t. Joaru, Geol. Soc.,^ 

voi. XVI, prosp., num. 82. 
Valvulina communis Sismonda 1871. Mem. R. Acc. Se. Torino, 8. 2", 

voi. XXV, pag. 263. 
ClavuUna coìnmunis Hantken 187G. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. 

LXXIII, pag. 72. 
» communis Stoehr (Schwager) 1878. Boll. R. Com. Geol. It., 

voi. IX, pag. 513. 
» communis Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, 8. 3*, voi. VI, 

pag. 91, 151. 
» irregularis Seguenza 1880. Ibidem, pag. 151. 

> communis Calici 1883. Ibidem, voi. XIV, pag. 85. 

» communis Coppi 1884. Boll. R. Com. Geol, It., voi. XV, 

pag. 200. 
» communis Fornasini 1885. Boll. Soc. Geol. It, voi. IV, pag. 

109, tav. VI, fig. 1. 2. 
» communis Malagoli 1886. Rend. Soc. Nat. Modena, s. 3*, voi. II, 

pag. 126. 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBI.LE TBSTILARINR 103 

ClavuUna commìmia Trabucco 1890. Cron. Terr. Prov. Piacenza, pag. 34. 
» communia Trabucco 1819. Atti Soc. Lig. Se. Nat., voi. II, estr., 

pag. 4. 

> communia Dervieux 1895. Boll. Soc. Geol. It., voi. XIV, pag. 

306. 307. 

> communia Silvestri 1900. Mem. P. Acc. Nuovi Lincei, voi. 

XVII, pag. 278. 

Come facilmente sì rileva dalla lista precedente, è questa 
la più dìfifosa delle testìlarine mioceniche italiane. Vedasi : Mem. 
B. Acc. Se. Bologna, s. 3^ X, p. 312, tav. 0, fig. 20. La CI. 
irregularis di Costa non appare separabile, neppure come va- 
rietà. 

Fu raccolta nei dintorni di Torino (Jones e Parker) e pre- 
cisamente a Sciolze (Sismonda), a Carpeneto nell'alto Monfer- 
rato (Trabucco), a Sant'Agata-Fossili e a Stazzano (Dervieux), 
al Kio Lisone nel Piacentino (Trabucco), al Capriolo e a Monte 
Baranzone (Coppi) e alla Sarsetta presso M. Baranzone (Mala- 
golì), a San Rufillo presso Bologna (Fomasini), a Sansepolcro 
in provincia d'Arezzo (Silvestri), a Malochia, Ambutì e Bene- 
stare in Calabria (Seguenza), a Licodia Eubea (Cafici), a Stretto 
presso Girgenti in Sicilia (Stoehr), e a Malta (Hantken). 

Clayuliua gaudryinoides Fomasini. 

ClavuUna gaudryinoidea Fornasini 1885. Boll. Soc. Geol. It , voi. IV, pag. 
106, tav. VI, ^g. 3-9. 

Vedasi: Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5'', X, tav. 0, fig. 21. 
Comune a San Rufillo presso Bologna. 

Clavalina parislensis d'Orbigny. 

ClavuUna panaieìiaia Silvestri 1900. Mem. P. Acc. Nuovi Lincei, voi. XVII^ 
pag. 279. 

E cilindrica come la CI. communis, ma triangolare nella 
Sila parte iniziale. Brady la disse eocenica e recente. De Amicis 
e Silvestri ne hanno dimostrata' la presenza anche nel neogene. 

Rarissima a Sansepolcro nell'alta valle tiberina. 



Digitized by VjOOQIC 



104 e. FORNASINI 

ClaTttlina angnlarin d'Orbigoy. 

Clavulina triquetra Stoehr (Schwager) 1878, Boll. R. Com. Geol. It-, voi. IX, 
pag. 513. 

La GL triquetra di Renss fu da Brady associata alla spe- 
cie di d'Orbigny, la quale per tal modo si trova nel nnmmn- 
litico, nel neogene e nell'attualità. 

Karissima a Stretto presso Grirgenti. 

Clarnlina rndls Costa sp. 

Clavulina cylindrica Hantken 1876. Sitz. k. Akad. Wiss. Wien, voi. 
LXXIII, pag. 72. 
» cylindrica Seguenza 1880. Mena. R. Acc. Lincei, b. 3*, voi. VI, 

pag. 66, 161. 
» cylindrica^ var. major Seguenza 1880. Ibidem, pag. 161. 
» cylindrica Cafici lb83. Ibidem, voi. XIV, pag. 85. 
» rudis Fomasini 1886. Boll. Soc. Geol. It., voi. IV, pag. 109. 
>► f-udw Fomasini 1887. Ibidem, voi. VI, pag. 31. 

Lo Stesso Seguenza (1. c^ p. 229) scrisse che probabilmente 
alla CL cylindrica di Hantken doveva associarsi la Glandulina 
rudis di Costa, ed io, tre anni dopo, dimostrata V identità delle 
due forme, assegnai a Costa la priorità. La var. major di Se- 
guenza sarebbe più grande e più irregolare del tipo. 

Fu rinvenuta a San Bufillo presso Bologna (Fomasini), a 
Stilo (?) e a Benestare in Calabria (Seguenza), a Licodia Eubea 
in Sicilia (Cafici), a San Michele presso Cagliari (Fomasini), 
e a Malta (Hantken). 






Nella precedente sinossi non figurano alcune specie di Texti- 
laria citate da Fuchs per il miocene di Sciolze, per la semplice 
ragione che è impossibile farsi un'idea qualunque del loro va- 
lore. Tali sono: T. cotiisa d'Orb., T. complanata d'Orb., T. subti- 
lis d'Orb., T. gracilis d'Orb., T. cylindrica Miehtti, T, ohtusa 
d'Orb., e T. pygmaea d'Orb.; delle quali le prime cinque non 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBLLB TESTILARINB 105 

tro70 illustrate da nessuna parte. Esistono bensì ana T. subtilis 
di Ehrenberg ed una T. gradlis di Von Mtìnster (quest'ultima 
figurata anche da Michelotti), ma non sono forme ben definite. 
E molto indefinite sono parimente T. obtusa e T. pygmaea 
d'Orb. Anche la T. globosa (leggasi globulosa) Ehr. (non Heuss), 
citata da Stoehr per il trìpoli di Qirgentì (Boll. B. Com. Geol. 
It., IX, p. 505), non si comprende quel che possa essere. 

Nel seguente prospetto trovansi riassunte tutte le ricerche 
finora eseguite sulle testilarine del miocene italiano, in rapporto 
alla loro distribuzione nelle singole località, fatta eccezione per 
le forme osservate in sezioni sottili. 



Digitized by VjOOQIC 



106 



e. F0RNA8IMI 



»;i«K 






oojBK S o<i»0 


+ + + + 


^ 








• 


: + 


• 






. 




: + 


* 


«equa nipoDiri 






: + 




• •• 


• 


{"iJo%) Minfleaeff 


+ + + + + 


: + 


: + + + + - 


(•AX9) 0J»:^89UOa 




: + : 


: : + 


: \ 






: + 






9U03l9^aO]l| 






• 


+ 




















mqooi«ji 






: ^ 




• , 




;— 
















]^uquiv 




;— 


; — 




: \ \ 






cu 






; — ; 




OII^S 








CV. 


: + 
















naoa I 
















• 










— ■ 








ojofod9«ii«9 


CV. 






\— 


;— 


. 


• 




■— 


* 


;— 




;— ; 




oiwna s 


. 


;— , 




: + \ 


• + 




oiTn»<£ 


+ . 








\-\— 


— 


■— ; 










oiqio 9»noH 


\ 










— , 






\ 


; — ; 




«W9M»S 


• 










: + ; 
: + • 


.— 


— 


.— • 


— . 


; — 




9nostrejvg -jn 


, 












0|OUdìlQ 


+ 








: \ 




— 




9U08trj OJK 






















— 


— \ 


:; 


, — 




9IOTW0 OJH 














'— ; 


+ 




— ; 


;— ; 




otnoo 














• 


+ : 




OUVZZB^S 


+ : 












• 












•ssoj-wjtóy S 


+ : 












, 
















— \ 


» 


o;9U9djre3 


• 


- -i 










, 


















esqopg 


+ : 


\ : 




\ : 


• 


+ : 


— ; 












f 


omjox 


+ : 












+ : 














i 

OD 

3 




Textilaria. 
aibbosa d'Orb 


9 

,1 


1 


■'ii 

li 


9 
1 


T3 


o 


•s 

9 
1 


o 


•è 
% 

J 


e 

j 

s 


s 

1 

1 


T3 

1 


1 


1 


1 


"1 








■■ '" 































Digitized by 



Google 



DISTRIBUZIONE DELLE TE8TILARINB 



107 




Digitized by 



Google 



108 e. PORNASINI 

L'incertezza esistente intorno al carattere langhiano, elve- 
ziano, tortoniano, di certi depositi, e la diversità di criteri 
adottati dai vari autori nel designare con l'uno o con l'altro 
nome gli strati da loro presi in esame^ mi hanno indotto a non 
introdurre nel prospetto precedente alcuna distinzione fra i tre 
piani 0, se vuoisi, fra le tre zone batimetriche del miocene medio, 
In compenso, ho procurato di tener conto di tutte quante le lo 
calità che furono citate per le testilarine del miocene italiano 
affinchè, se per l'avvenire fossero meglio delineati i caratteri 
dei singoli depositi, sia reso possibile un più conveniente ordi 
namento. Intanto, sarà utile ricordare che gli strati di Torino 
che Jones e Parker, per le grandi nodosarine che racchiudono, 
trovarono fomiti dei tratti generali del pliocene, sono molto prò 
babilmente quelli stessi che Fnchs esaminò a Sciolze, e che 
vennero ascritti all'elveziano. Anche le marne di Carpeneto in 
Monferrato sarebbero elveziane; ma al tortoniano invece sono 
da riferirsi i depositi di Stazzano e di Sant'Agata-Fossili. Corti 
riguardò come elveziani gli strati di Como, e come tali, Tra- 
bucco e Coppi riguardarono quelli del Rio Lisone nel Piacen- 
tino, del Capriolo e di Monte Baranzone nel Modenese. Monte 
Qibio è troppo noto per i suoi fossili tortoniani, e tortoniane 
pure sarebbero, secondo Malagoli, le marne della Sarsetta presso 
Monte Baranzone. Gli strati di San Rufillo presso Bologna, privi 
di fossili macroscopici, sono però in diretta connessione con le 
marne compatte langhiane, e sembrano, a parer mio, più pros- 
simi ai depositi della zona profonda che a quelli della coral- 
ligena. In Calabria, gli strati di Stilo furono da Seguenza rife- 
riti al langhiano; quelli di Ambuti, Malochia, Monteleone e 
Benestare in parte, all'elveziano. L'argilla di Benestare, con 
Ancillaria glandiformis, è evidentemente tortoniana, e tortoniani 
vennero qualificati pure gli strati di Lìcodia Eubea e di Stretto 
in Sicilia, e di Capo San Marco in Sardegna. Patta eccezione 
per le marne del Rio Crasale nel Bellunese, che Mariani ascrisse 
al miocene inferiore, tutti i depositi indicati nel prospetto sono 
mediomiocenici, non escludendosi che taluno di essi debbasi rife- 
rire in parte all'una o all'altra delle tre zone. A Malta, p. e., 
il miocene è rappresentato per la maggior parte dalla zona 
langhiana, ma l'elvezìana non vi manca. Lo stesso avviene 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONB DBLLE TBSTILARINE 10^ 

probabilmente a San Michele presso Cagliari, ai Ponti presso 
Camerino, e fors' anche a Panilo nel Modenese. Le marne con 
Ellipsoidina di Sansepolcro in provincia di Arezzo, riguardate 
da prima come zancleane da Silvestri, vengono ora da lai stesso 
riferite al miocene medio (^). 

♦ « 

A proposito del piano zancleano, che Segnenza considerò 
come sinonimo di « plioceno inferiore o antico di vari scrit- 
tori » (*), torna qui opportuno ricordare che, stando all'opinione 
espressa dieci anni fa da De Stefani, il termine « zancleano » 
non ha ragion d'essere, poiché la parte superiore di questo pre- 
teso piano, rappresentata da calcari e sabbie, spetterebbe alla 
zona littorale del pliocene, mentre la parte inferiore, costituita^ 
da marne bianche, apparterrebbe alla zona abissale del miocene 
medio (^). Infatti, nel prospetto dei terreni terziari superiori del 
Mediterraneo dello stesso autore (1; e, p. 400), zancleano infe- 
riore è indicato come sinonimo di langhiano. Dal prospetto me- 
desimo però si rileva che anche la zona profonda del pliocene 
è in Italia rappresentata da marne bianche, cosicché si hanna 
nel neogene italiano due orizzonti costituiti da tale roccia : l'uno- 
più antico e l'altro più recente della formazione gessoso-solfifera, 
il primo formatosi a maggiore, il secondo a minore profondità» 
In Calabria, secondo Segnenza (1. e, p. 173), la parte più im- 
portante dello zancleano è rappresentata da sabbie e da marne 
con Ellipsoidina^ sopra le quali talvolta riposano altre marne 
con cui quelle « facilmente si confondono, perchè molto somi- 
glianti » (p. 183). Queste ultime vennero riferite all'astiano dal- 
l'autore medesimo, il quale non mancò di mettere in evidenza 
un fatto importantissimo, cioè: che le marne astiane, discor- 
danti con le zancleane, si depositarono dopoché queste ebbero 
subita « una grande denudazione » (p. 241). Ciò premesso, non 
appare infondato il sospetto, che i cosiddetti strati zancleani di 

(^) Atti R. Acc. Se. Torino, voi. XXXVIII, estr., pag. 12. 

(') Mem. R. Acc. Lincei, s. 8*, voi. VI, pag. 172. 

(3) Ann. Soc. Géol. Belgique, voi. XVIII, 1891 (1898), pag. 324. 



Digitized by VjOOQIC 



110 e. FORNASINI 

Calabria, al pari di quelli dell'alta valle tiberina, siano medio- 
miocenici, né è improbabile altresì che siano di essi contempo- 
ranee, al di là dello Stretto, le marne bianche inferiori con 
EUipsoidina del Messinese, e di altre località di Sicilia, già 
riguardate come plioceniche. Là ove esiste la formazione gessoso- 
splfifera, ovvero un corrispondente orizzonte del miocene supe- 
riore, difficilmente potrà avvenire una confusione fra i due depo- 
siti di mare profondo del miocene e del pliocene; ma non può 
dirsi altrettanto dei luoghi ove il secondo riposa direttamente, 
sia pure in discordanza, sul primo, e mancano in pari tempo 
nell'uno o nell'altro i fossili macroscopici. Di grande sussidio 
potrcbb'essere in tal caso lo studio della microfauna; ma questo 
non è sempre alla portata del geologo, al quale preme inoltre 
di venire sollecitamente alle sue conclusioni. Se V EUipsoidina 
eìlipsoides fosse esclusiva delle marne profonde del miocene 
medio, quali voglionsi, p. e., quelle di Sansepolcro, si potrebbe 
ritenere assai probabile che anche quelle di Calabria e di Si- 
cilia, che racchiudono i resti dello stesso rizopode, fossero da 
ascriversi alla stessa zona. Ma VE, ellipsoides fu raccolta pure 
a Bonfomello presso Termini Imerese, in istrati che vennero 
riguardati come pliocenici. Ora, delle due, Tuna: o la marna 
di Bonfomello è mediomiocenica, ovvero VE. ellipsoides rag- 
giunge la zona profonda del pliocene. Se poi la specie mede- 
sima si dimostrasse esclusiva della zona pliocenica profonda, 
allora gli strati di Sansepolcro sarebbero stati erroneamente 
riferiti al miocene medio, e sarebbero invece plioceniche le 
marne cosiddette zancleane di Calabria e di Sicilia, a meno che 
non si volesse ammettere l'emigi-azione della E. ellipsoides da 
nord a sud durante il miocene superiore. 

Tutte queste considerazioni ho voluto mettere innanzi, non 
tanto con l'intenzione di portar luce alla questione dello zan- 
cleano, quanto per giustificare e spiegare l'esclusione, dalla 
sinossi e dal prospetto precedenti, delle specie di testilarine 
raccolte nelle marne cosiddette zancleane di Calabria e di Si- 
cilia, specie che perciò prendo qui in esame distintamente, e 
per le quali possono valere in parte le note esplicative della 
sinossi. 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBLLB TE8TILARIMB 111 

Textilaria gibbosa d'Orbìgny. 

Textilaria glohuloBa, 3. ohtusa (?) Ehrenberg 1854. Mikrogeolo^e, tav. 

XXVI, fig. 9, 10. 
Fìtcanium gibhosum Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 8^, voi. VI,. 

pag. 229. 
» parUchi Seguenza 1880. Ibidem. 

Textularia ffibbosa De Amicìs 1895. Natan Siciliano, voi. XIV, pag. 63. 

Rara a Gerace, Portigliola, Palmi, Ardore, Benestare, Semi- 
nara e Testa del Prato in provincia di Reggio di Calabria (Se- 
guenza), rarissima a Bonfomello presso Termini Imerese (De Ami- 
cis). Si trova fors'anche nei trubi di Cattolica in Sicilia (Ehren- 
berg). 

Textilaria agglatinans d'Orbigny. 

Plecanium agglutinans Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3*, voi. VI, 
pag. 229. 

Comune a Sant'Agata, Testa del Prato, Terreti e Nasiti in 
Calabria. 

Textilaria granulata Costa. 

Textularia granulata Seguenza 1871. Mem. R. Com. G^ol. It., voi. I, 
pag. 79. 

Questa specie non fu descritta da Costa, né da altri. La 
figura che egli ne diede non pare certo delle peggiori, ma non 
rende conto dei caratteri marginali. 

Fu rinvenuta nei trubi dì Caltagirone. 

Textilaria subangalata d'Orbigny. 

Textularia subangulata Seguenza 1871. Mem. R. Com. Geol. It., voi. I, 
pag. 79. 

Nello stesso luogo della precedente. 

Textilaria abbreyiata d'Orbigny. 

Plecanium abbreviatum Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. ^^ voi. VI, 
pag. 229. 

Rara a Portigliola, Ardore, Testa del Prato, Terreti e Nasiti 
in Calabria. 



Digitized by VjOOQIC 



112 e. FORNA6INI 

Textilaria nagittala Defranee. 

•Grammoaiomum poly8tigma{?) Ehrenberg ÌSH. Mikrogeologi6,tay.XXVI| 

fig. 17. 
jPlecanium sagittula St«hr (Schwager) 1876. Boll. R. Com. Geol. It., 
voi. VII, pag. 473. 
» sagittula Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 3^, voi. VI, 

pag. 229. 
Textularia sagittula Fornasini 1894. Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5% 
voi. IV, pag. 228. 
» sagittula De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 63. 

Bara a Sant'Agata e a Portigliela in Calabria (Seguenza). 
Incontrasi nei trabi di Sicilia: a Messina (Fornasini), a Bon- 
fornello (De Amicis), a Girgenti (Stohr) e fors'anche a Catto- 
lica (Ehrenberg). 

Textilaria acata Beass. 

Tlecanium subacutum Seguenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 8*^, voi. VI, 
pag. 229. 

Non figurato. Differirebbe dalla T. acuta € per essere un 
po' meno acuta, ma specialmente per avere l'apertura più ri- 
stretta, e la regione anteriore... carenata come sono i due 
lati ». Non mi pare che tali differenze siano di qualche im- 
portanza. 

Bara a Gterace, Ardore e Palmi, in Calabria. 

Bigenerina nodosaria d'Orbigny. 

Bigenerina nodosaria Stòhr (Schwager) 1876. Boll. R. Com. Qteoh It, 

voi. Vn, pag. 473. 
» nodosaria Seguenza 1880. Mem. B. Aco. Lincei, s. 3\ voi. VI, 

pag. 280. 
» aggluHnans Segaenza 1880. Ibidem. 

Bara a (ferace e Ardore in Calabria (Seguenza), e nei trubi 
di Girgenti (StOhr). 

Bigenerina digitata d'Orbigny. 

^Bigenerina digitata De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 63, 

L'autore si riferisce naturalmente all'illustrazione bradyana. 
Bara a Bonfomello presso Termini Imerese. 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DBLLB TESTILARINR 113 

Bigenerina robusta Brady. 

^generina robusta De Amicìs 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 64. 
Come la precedente, e nello stesso luogo della precedente. 

Spiropleeta perniatala Batsch sp. 

Textularia mutabiliSy T. denticulata, T. rotundata Costa 1855. lu schedis. 

Coli. Museo Napoli (Foram. Messina), num. 88, 134, 135. 
Textularia corrugata Seguenza 1871. Mem. R. Com. Geol. It., voi. I, 

pag. 79. 
Plecanium corrugatum Stdhr (Schwager) 1876. Boll. R. Com. Geol. It., 

voi. VII, pag. 473. 
Schizophora caìabrosicula Seguenza 1880. Mem. R. Àcc. Liaceiv s. 3% 

voi. VI, pag. 229. 
Bigenerina pennatula Fomasini 1894-95. Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5% 

voi. IV, pag. 225, tav. Ili, fig. 1-3 ; voi. V, pag. 12, tav. IV, 

fig. 1. 2. 
» capreolusj B, pennatula De Amicis 1895. Natur. Siciliano, 

voi. XIV, pag. 64. 

La Sch. caìabrosicula non fu figurata da Seguenza, ma dal 
confronto ch'egli ne fece con la Sch. haeringensis 4i GUmbel 
{= Sp. pennatula) parmi di vedere che essa non è specifica- 
mente diversa dalla specie di Batsch. 

Rara a Gerace, Ardore, Portigliola, Palmi e Seminara, in 
Calabria (Seguenza); comune a Messina (Costa, Fomasini) e a 
Bonfomello (De Amicis). S'incontra pure a Caltagirone (Se- 
guenza) e a Girgenti (Stóhr). 

Gaudryina pupoìdes d'Orbigny. 

Oaudryina pupoides De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 64. 
Bara a Bonfomello presso Termini Imerese. 

Gandryina chilostoma Seuss sp. 

Textularia partschi Seguenza 1862. In schedis. Coli. Musei Bologna e 
Napoli. 
> partschi (?; Seguenza 1862. Not. sncc. terr. terz. Messina, p. 21. 

10 



Digitized by VjOOQIC 



114 e. FORNASIKl 

Gaudryina chilostoma Fornasini 1893-94. Mem. R. A ce. Se. Bologna, s 5\ 
voi. Ili, pag. 437, tav. I, fig, 6-8; voi. IV, pag. 228. 
» chilostoma De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 65. 

Bara a Messina (Seguenza, Fornasini) e a Bonfomello (De 
Amicis). 

Gaadryina rugosa d'Orbigny (?). 

Gaudryina ingasa Fornasini 1893. Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5% 
voi. III, pag. 437, tav. I, fig. 9. 

> cf. rugosa De Amicis, 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 65. 

La mia figura potrà corrispondere alla illustrazione bradyana^ 
ma è dubbio se la forma recente sia identica alla cretacea. La 
determinazione di De Amicis è da lui stesso dichiarata incerta. 

Rarissima a Messina (Fornasini) e a Bonfomello (De Amicis). 

ClaTullna comnmnis d'Orbigny. 

Chrymlidina cylindracea Costa 1856. In schedis. Coli. Museo Napoli 

(Foram. Messina), nnm. 188 
Clavulina communis Segiienza 1862. Not. succ. terr. terz. Messina, pag. 21. 
» irregularis Seguenza 1862. Ibidem. — In schedis. Coli. Museo 

Bologna. 

> irtegularis Seguenza 1871. Mem. R. Com. Geol. It, voi. I» 

pag. 79. 
» communis, Ch irregularis Seguenza 1880. Mem. R. Acc Lincei r 

s. 3% voi. VI, pag. 229. 
» communis Fornasini 1893-95. Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5% 

voi. III, pag. 436, tav. I, fig. 10-12; voi. IV, pag. 228; 

voi. V, pag. 12, tav. IV, ^g. 3. 
» communis De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 65. 

Comune a Gerace, Palmi, Ardore, Portigliola e Seminara in 
Calabria (Seguenza), a Messina (Costa, Seguenza, Fornasini), a 
Bonfomello (De Amicis) e a Caltagirone (Seguenza). 

Clavulina gaudryinoides Fornasini. 

Clavulina gaudryinoides Fornasini 1895. Mem. R. Acc. Se. Bologna, s. 5% 
voi. V, pag. 12, tav. IV, ^g, 4. 
» » De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, 

pag. 66. 

Rinvenuta a Messina (Fornasini) e a Bonfomello (De Amicis). 



Digitized by VjOOQIC 



DISTRIBUZIONE DRLLB TR8TILARJNE 11& 

ClaTulina parisiensis d'Orbigny. 
Clavulina parisiensis De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 65. 
Rara a Bonfornello presso Termini Imerese. 

Glantlina rndis Costa sp. 

Glandulina rudis Costa 1857. Mem. B. Acc. Se. Napoli, voi. II, pag. 142,. 
tav. I, fig. 12, 13. 
> rudis Sequenza 1862. Not. succ. terr. ter2. Messina, pag. 20. 

Cìavulina cylindriea Segnenza 1880. Mem. R. Acc. Lincei, s. 8*, voi. VI, 
pag. 229. 
» rudis Fomasini 1898-94. Mem. R Ace. Se. Bologna, s. 5*^ 
voi. Ili, pag. 432, tav. I, ^g. 13, 14; voi. IV, pag. 223^ 
tav. ni, fig, 5. 
» rudis De Amicis 1895. Natur. Siciliano, voi. XIV, pag. 66. 

Rara a Gerace, Portìgliola e Palmi in Calabria (Segaenza); 
comune a Messina (Costa, Seguenza, Fomasini) e a Bonfor- 
nello (De Amicis). 

* 
* * 

Sia che le testilarine sopra enumerate debbansi ritenere 
come raccolte in terreni decisamente miocenici, sia che i de- 
positi in cui furono rinvenute spettino per intero, o in parte 
soltanto, al pliocene, è indubitato che in massima parte esse 
sono comuni ai due perìodi del terziario, e che la loro presenza 
non è sufficiente a stabilire Tetà degli strati che le contengono. 
La recente e pliocenica Bigenerina rohtista soltanto non mi 
consta che sia ancora stata trovata in terreno più antico del 
pliocenico. La B. digitata, essa pure pliocenica e recente, sa- 
rebbe stata raccolta da Schubert in deposito oligocenico. La 
Textilaria granulata, citata da Seguenza anche per il pliocene 
di Calabria, è specie tuttora mal definita. E la Gaudryina ru- 
gosa, se la forma recente figurata da Brady è specificamente 
identica a quella illustrata da d'Orbigny, si troverebbe già nel 
cretaceo e nel paleogene. Le rimanenti quattordici testilarine 
sono comuni al miocene e al pliocene: sono specie «neoge- 
niche ». 



Digitized by VjOOQIC 



116 e. FORNASIMl 



♦ * 



Se per ragioni paleontologiche generali Tnao del termine 
€ neogene » non è da esclndersi per la designazione della parte 
meno antica del terziario, bisogna riconoscere che tale oso è 
più che mai giustificato dalla grande intimità di rapporti che 
esiste tra la fauna a foraminiferi del miocene e quella del 
pliocene. Avrei potuto, per conseguenza, trattare molto oppor- 
tunamente in queste stesse pagine della distribuzione delle te- 
stilarine in tutto il neogene italiano; ma i riguardi stratigra- 
fici, la nitida separazione che osservasi quasi sempre tra i de- 
positi subappennini e quelli del miocene superiore, l'intento 
di agevolare lo studio, mi hanno indotto a considerare in un 
distinto lavoro la distribuzione delle testilarine negli strati 
pliocenici d'Italia. 

[ma. pres. 14 febbr. 1904 - alt. bozze 14 marzo 1904] 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUE TERMALI DI TORKITE IN GABPAGNANA 



Memoria di Carlo Db Stefani 



Il terremoto, che ebbe sno epicentro in Barga, del 4 marzo 
1902, fece ricomparire presso Torrìte, non lungi da Castelnuovo 
Garfagnana in provincia di Massa, una sorgente termale che 
era già stata nota in antichi tempi, e che, dicevasi, un ter- 
remoto del 6 marzo 1740 aveva fatto scomparire. 

Trovasi questa sorgente nella valle della Torrìte Secca 
fluente al Serchio, nelle ultime pendici delle Alpi Apuane, 
circa 600 m. a monte del paesello di Torrite, e 100 m. sopra 
il ponte del mulino del Campedello, sulla destra del torrente, 
circa 2 m. sopra il livello di questo e sotto lo stradello che 
porta da Castelnuovo a Rontano a pie del monte detto antica- 
mente la Grotta de' Bagni. 

La sponda è a picco e le bocche della sorgente si aprono 
a livello del torrente o dentro una grotta in parte naturale ma 
amplificata artificialmente, che s' intema per m. 8. 

La roccia è costituita dai calcari infraliassici, fossiliferi, che 
formano lungo il torrente una cupola distinta fra Deccio e Tor- 
rite, e le acque vengono fuori dall'estremo settentrionale della 
cupola, a pochissima distanza, anzi quasi a contatto coi residui 
di calcari e schisti del lias inferiore che formano un brevissimo 
scoscendimento a sinistra del torrente subito sotto il Mulino del 
Campedello e coi calcari nummulitici eocenici che si trovano 
a valle sulla ripa destra. La presenza degli strati impermeabili 
soprastanti ai calcari permeabilissimi dell' infralias e l'interru- 
zione, conseguente a locali spostamenti, che passa, almeno 
superficialmente e parzialmente, tra infralias ed eocene, sono 
causa alla comparsa delle acque in quel luogo. Nello stesso 
modo, al contatto superiore con le rocce impermeabili, hanno 



Digitized by VjOOQIC 



118 e. DE STEFANI 

uscita le grosse sorgenti non minerali della Pollacela, dei (tan- 
gheri ed altre, nella stessa r^one. 

La roccia calcarea attorno alla sorgente presenta varie faglie, 
ed è molto screpolata pei movimenti cui fu soggetta, ma le 
fratture sono risaldate da carbonato calcico, per la qnal cosa 
essa è abbastanza unita e compatta e la circolazione delle ac- 
que vi ha luogo internamente per le solite cavità amplificate 
da cause chimiche e meccaniche proprie dei calcari, precipua- 
mente di quelli non intersecati da schisti e da selci, e molti- 
plicate all'infinito, sebbene più ristrette, nei calcari più o meno 
magnesiaci come il nostro. 

Per l'appunto uno dei rari strati di schisto calcareo nero, 
pieno di materia carboniosa e di cristalletti di pirite, tra- 
versa in qnel luogo il calcare con direzione circa da N.-O. a 
S.-E. e con pendenza a valle, a N.-E., e la grotta segue presso 
a poco la direzione di esso tenendosi sotto il medesimo nella 
parte intema dell'anticlinale. Le acque termali sorgono di sotto 
a questo strato schistoso impermeabile che, evidentemente, segna 
loro per uscita la strada, saliente a mo' di sifone, da qualche 
profondità. Nella volta della grotta lo strato schistoso è presen- 
temente tatto coperto da sottili incrostazioni di solfato calcico, 
verosimilmente accompagnato da tracce di akrì sali, prodotte 
dall'umidità salina e da gemitivi di acque le quali, come ri- 
tengo più probabile, depositano materiali da esse disciolti e de- 
composti o ricostituiti nel mezzo dello schisto stesso, oppure 
sono ultima filtrazione della stessa acqua termo-salina che sca- 
turisce nella grotta. 

La parte più intema della grotta è parzialmente occupata 
da frane scese dalla volta, mentre il snolo è riempito da fango 
nero derivante dallo sfacimento degli schisti argillosi sopra detti ; 
fino a 1 m. dal piano della grotta vendonsi ancora tracce e 
residui delle alluvioni abbandonate dal fiume nelle piene più 
straordinarie. 

In questo strato fangoso {lerò è un bozzo donde tuttora esce 
la sorgente, come ne' secoli passati. 

Essa è limpida, ha sapore leggermente salato ed appena 
aoidalo: infatti bollicine gassose, secondo ogni verosimigliansa 
di acido carbonico, vengono dal fondo in parecchi punti. 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUE TERMALI DI TORRITE IN GARFAGNANA 119 

Esternamente alla grotta e snl brevissimo pendio che la se- 
para dal torrente sono residui massicci di bagni costruiti senza 
risparmio, in tempi assai antichi: yì si vedono tuttora tubi in 
terra cotta destinati a portar l'acqua da un camerino all'altro. 
Nel 1903 una parte di queste costruzioni venne atterrata e sgom- 
brata per sostituirvi nuovi stanzini meno massicci. 

Cenni storici. 

È probabile che queste terme fossero note anche in tempi 
antichi. 

Il Yallisneri, interrogando i paesani, chi avesse fatto co* 
«truire i bagni a' suoi tempi esistenti, aveva ricevuto risposta 
<;he lo fossero stati dalla contessa Matilde (^), e ciò piDva per 
lo meno la tradizione dell'antica loro notorietà. 

Per lo meno dal secolo XYI, e non già dal secolo succes- 
sivo, come il Lavelli credeva, vi erano cistemini e fabbriche 
in parte rovinate. Nel 1580 il duca d'Este, Alfonso II, vi spese 
inutilmente molto denaro per ristabilire i bagni e tenerli sepa- 
rati dalle acque del torrente ('). Certamente si riferiva a queste 
acque, sebbene con improprietà, il medico Jacopo Lavelli di 
Castelnuovo, quando nel 1609 scriveva: « mille passus procul 
a Thermis (di Pieve Fosciana), sed in opposita parte alterius 
montis quaedam aquae thermales nuper inventae sunt » (^). Al- 
cuni hanno ritenuto che il Lavelli accennasse ad altre diverse 
sorgenti, ricordando che le acque di Torrite sono lontane non 
un miglio ma due (in realtà 4200 m.) da quelle della Pieve. 
Però con dire - nella parte opposta di altro monte - il luogo 
di Torrite è abbastanza specificato; né, escludendo questo luogo 
ch'egli dice essere sul fiume e -sotto un alto monte si sa- 
prebbe a quale altro riferire le parole del Lavelli. II Pac- 



(») Vallisneri A., Opere, t. II, Venezia, 1733, p. 443. 
(*) Vandelli D., Analisi d'alcun€ acque medicinali del Modenese, Pa- 
•dova, Conzatti, 1760, p. 101. 

L'Aldrovandi non parlò mai di queste acque. 

(*) Paolucoi P , La Oarfagnana illustrata, Modena, 1720, p. 78. 



Digitized by VjOOQIC 



320 e. DR STEFANI 

chi (^) scrive: < Ne' libri della Comanità di Castelnnovo si trova 
che qael pubblico ha fatto più volte risarcire questi bagni, e 
segnatamente del 1648, del 1669 e del 1670 spese a quest' ef- 
fetto non piccola somma; anzi in vista delle rilevanti spese 
fatte da quel Comune intorno al bagno di Torrìte, in quell'anno* 
stesso 1670 la Serenissima Duchessa ordinò che si facesse un 
Deputato stipendiato, il quale invigilasse all' istesso bagno, e 
fors' anche alla direzione delle bagnature >. 

Nell'estate del 1 708 il celebre Antonio Vallisneri da Tras- 
silice, allora professore a Padova, visitava quei luoghi C). Egli 
osservava « nobilissime fabbriche, delle quali compianse le rui- 
uose vestigia. Un bagno di bellissima strattura era pieno di 
sassi, di fango, d'immondizie e di spezzati avanzi d'una caduta 
casa, e le acque calde per altra via nel vicino fiume non con- 
siderate e neglette cadevano. L'altro bagno è con qualche di- 
ligenza conservato e può ancora servire al sollevamento degli 
infermi. È di figura quadra con le sue sedie di marmo all'in- 
torno e un'altra nel mezzo con una volta di mattoni cotti la^ 
vorata, coperto. L'acqua ferventissima per un sotterraneo acqui- 
dotto dal piede del monte, viene guidata dentro il Bagno... 
Contiguo all'acquidotto dell'acqua calda ve n' è un altro d'acqua 
limpidissima e freschissima, che segue il medesimo corso, e va 
a scaricarsi anch' essa nel detto bagno... Cosi temperano o tem- 
perar possono ora il troppo caldo dell'una, ora il troppo freddo 
dell'altra... È annessa una camera assai comoda per ritirarsi 
dopo presi i bagni, e v'erano altre fabbriche, ma diroccate e 
neglette. Il calore di quest'acqua, il sapore, l'odore e le virtù 
sono le stesse delle acque d'Abano, o de' Colli Euganei... Nel- 
l'opposto dosso del monte di là dal fiume sono molte di queste 
scaturigini calde, le quali non sono né punto né poco conside- 
rate, onde discendono e calano nel fiume». 

Oli abitanti attribuirono la deviazione delle sorgenti al ter- 
remoto del 6 marzo 1740. Ciò riferiva il Vandelli (^; e così 



(*) Pacchi D., Bicerche istoricke sulla Provincia della Gatfagnana,. 
Modena, 1785, p. 199. 

(«) Vallisneri, Opere, t. II, p. 406, 44-2. 
(') Vandelli D., An. d'ale, acque, p. 100. 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUE TERMALI DI TORRITB IN GARFAGNANA 121 

narrava il Pacchi pochi anni dopo C): « La disgrazia d^aver 
perduto quest'acque non sembra che debba attribuirsi, come 
pensa il Yallisneri, a colpa, o trascuratezza degli uomini di 
quei tempi; ma piuttosto a smarrimento, e deviazione dell'an- 
tico lor corso, seguita in occasione di qualche orribile terremoto^ 
e in ispecie di quello che accadde il 6 marzo 1740. E che sia 
il vero, persone degne di fede, e terrazzane di Torrite attestano, 
che qualche ora dopo di ((uel terremoto osservarono una sor- 
gente d'acqua torbida, che scaturiva nel letto della Torrìta un 
tiro di sasso al di sotto de' bagni verso levante, la quale intor- 
bidava anche le acque stesse della Torrìta, e da li in poi man- 
carono le acque ne' condotti de' bagni: Argomento evidente che 
nello scuotimento della terra si aprì una qualche via sotterra- 
nea onde le acque termali deviarono dall'antico suo corso ». 

Ora la rovina di una parte delle costruzioni era anterìore 
al Vallisnerì e forse intomo al 1740 rovinò anche l'altra parte; 
ma non è a ritenere che le acque si perdessero del tutto a causa 
del terremoto; poiché 19 anni dopo, a tempo della visita del 
Yandelli, come diremo or ora, esse si conservavano ancora ; sol- 
tanto apparivano alla superficie, come fanno oggi, in tempo di 
piena d'acque. È piuttosto a rìtenere che con l'andare del tempo, 
specie durante il secolo XIX, le acque si sieno perdute per l'ac- 
cumulazione delle altissime sabbie nell'interno della grotta fatta 
dalle maggiori, eccezionali, piene della Torrìte. 

Il Yandelli, che per ordine di Francesco III percorse tutto 
il Ducato di Modena, ne scrisse pure la Storia Naturale (*); ma, 
trasferitosi in Portogallo, portò seco il suo scrìtto, del quale non 
si ebbe più notizia. Però egli pubblicò qualche cenno di queste 
acque, quali le avea viste nel prìmo suo viaggio del 1759 (^). 
Egli vide le due camere fatte a volta piene di fango o di ro- 
vine e la caverna scavata nel monte : « L'acqua scaturiva nel- 

» l'inverno solamente o dopo grandi pioggie Ai 19 d'Agosto 

> asciuttissimi ritrovò i bagni ». 

(>) Pacchi D., 1. e. 

(') Yandelli D , Historia naturcUis agri Mutintnèia^ t. 2, cum charti8 
geographicis, et varììs iconìbus. 

(^) Yandelli D., Anàlièi d'alcune acque medicinali del modenese. Pa- 
dova, Conzatti, 1760, p. 9C. 



Digitized by VjOOQIC 



122 e. DB STEFANI 

Escivano ancora sulla sinistra del torrente e più a valle le 
sorgive termali notate dal Vallisneri, e il Yandelli le giudicava 
simili a quelle, non lontane, di Pieve Fosciana. La polla calda 
nascente dalla fenditura della grotta aveva 24"" Beaumur ; altre 
polle vicine, a tre braccia, eran fredde. 

Dal 1768 al 1773, mentre era governatore deila Garfa- 
gnana, il conte Camillo Munarini, essendo scomparse le sor- 
genti, come racconta il Pacchi : « fece fare alcuni piccoli ten- 
tativi per riconoscere se si erano molto allontanate da' primieri 
condotti, e con poca spesa ebbe il piacere di ritrovare le acque 
più basse, ma nel piano, e dentro la fabbrica istessa de' bagni. 
Erano queste bensì poco calde, perchè si vede che neirintemo 
del monte veniva rimescolata l'acqua fredda con la calda » C> 

Nel 1785 il Pacchi ne scriveva più a lungo. In quel tempo 
esistevano ancora le rovine come leavea viste il Yandelli, ma: 
€ non si scorge peraltro più acqua di sorta alcuna dentro de' bagni 
in estate ; e rarissime volte nell'invemo, cioè solo in tempo delle 
grandi escrescenze, dalle fenditure d'un sasso, dove probabil- 
mente era la sorgente de' bagni, si vede sortire poca quantità 
d'acqua fredda. In distanza di pochi passi da queste rovine 
verso ponente, al pelo dell'acqua della Torrita, scaturiscono 
grosse sorgenti d'acqua limpidissima fredda, di sapore alquanto 
salso — Al presente... queste acque... sono state usate in 
bevanda anche ai nostri di, e finché si è potuto averle pare e 

sincere Tuttavia esistono sempre le sotterranee sorgenti, e 

non sarebbe un'impresa affatto difficile, sebben dispendiosa, il 
cimentarsi a ricercarle nelle viscere del monte ». 

Le sorgenti calde osservate dal Yallisnerì e dal Yandelli 
nella sinistra opposta, parte della Torrite sorgevano ancora alla 
distanza di 20 passi dai bagni, verso levante, a valle, dalle 
fenditure di una grotta naturalmente incavata all'altezza di un 
braccio (m. 0,523) sopra il livello delle acque correnti, quando 
queste nell'estate erano alquanto basse. Secondo il Pacchi: 
« il sasso da cui scaturivano, avendo varie fenditure, quali più 
alte, quali più basse, le scaturigini a poco a poco si sono ab- 
bassate in modo, che al presente escono le acque dai più bassi 

(') Pacchi D., 1. e, p. 200. 



Digitized by VjOOQIC 



LK ACQUR TERMALI DI TORRITC IN OARFAGNANA 128 

pertagi del sasso sotto le acque stesse della Torrìta, e questo 
traoiandano continaamente gallozzole d'aria a fior d'acqua, ora 
in un luogo, ora in un altro; altre rasenti la Torrita dall'una 
e dall'altra sponda, ma basse in guisa da non poterle avere 
pure e sincero (*). E lo stesso Pacchi soggiunge: «i pesca- 
tori assicurano che ivi trovano l'acqua della Torrita meno fredda 
ehe altrove, ed in alcuni luoghi incontrano sorgenti d'acqua ben 
calda» (*). 

Forse anche le scaturigini cessarono dallo sgorgare libere, 
non tanto per essersi abbassate, quanto perchè la Torrite a valle 
s'ingorga e si rialza in amplissimo bozzo. 

Portata, temperatura, composizione. 

Negli ultimi 30 anni del secolo XIX, avendo io visitato talora 
quei luoghi, le circostanze non erano cambiate rispetto a quelle 
notate da Vallisneri, Yandelli e Pacchi nel secolo precedente. 
Sulla destra del torrente, presso le rovine dei bagni, una grossa 
polla limpidissima, fredda, alquanto salsa, quella che chiamerò B, 
indicata dal Pacchi, come l'altra, che chiamerò (7, non perfet- 
tamente fredda, un poco salata, sgorgavano quasi a livello del 
fiume; più sopra, nelle cavità del monte, il bozzo D e talora 
l'interno della grotta E ricettavano acque stagnanti e fredde o 
quasi. 

Le sorgenti calde subacquee ricordate dal Vallisneri, dal 
Yandelli, dal Pacchi sulla sinistra della Torrite esistono tuttora 
sotto il ponte e a valle del Mulino, per lunghezza di molti 
metri, rasente la ripa del torrente, proprio dove il calcare in- 
fraliassico permeabile cede il posto ad un tritume di rocce Mas- 
siche impermeabili. 

Una ventina d'anni fa, essendosi temporaneamente abbas- 
sato in quel luogo il livello del fiume, presso quelle sorgenti 
calde fu costruito un capannotto di paglia che serviva per bagni. 
Di queste sorgenti tiepide, come ai tempi del Pacchi si accor- 
gono i fanciulli che vanno nuotando ed i pescatori ; in tutto il 

(») Pacchi D , 1. e. 
(«) Pfteohi D^ p. 199. 



Digitized by VjOOQIC 



124 e. DB STEFANI 

tratto sopra detto, per più che la metà sinistra del finme, sor- 
gono dalle acqne, in una quantità di ponti, abbondanti e quasi 
continue bollicine gasose. Il 2 ottobre 1902 misurai la tempe- 
ratura di quei tratti della Torrite ove dicesì che sorgano le 
acque. Ad ore 15, mentre la temperatura dell'aria era 15'',5 e. 
e quella della Torrite 16°,5, sotto il Ponte del Mulino del Cam- 
pedello, a profondità di m. 1,30, entro acqua sufficientemente 
smossa trovai IT'^jS. Il grado superiore alla temperatura mi- 
surata altrove nel fiume poteva derivare da miscela con mi- 
nima quantità d'acqua calda ma anche da quella leggera varia- 
bilità di temperatura che ho sempre constatato avere da un 
punto all'altro le acque di un fiume. Però a valle del Mulino 
la temperatura della grande massa d'acqua, presso la ripa cal- 
carea, era 21'',5 e, dovuta certo alla commistione d'un' acqua 
ben più calda, con quella tra 16*" a 17* del fiume, conferman- 
dosi cosi l'asserzione popolare. È possibile che la sorgente più 
calda sia alcuni metri a valle, all'immediato contatto con le 
rocce impermeabili, dove non potei arrivare, e dove nell'estate 
1903 si era fatto temporaneamente un tale interramento che 
si sarebbero potuti fare dei casotti per bagno come venti anni 
prima. 

Io mi recavo ad esaminare la sorgente principale sulla destra 
del fiume per una prima volta il 9 aprile 1902, cioè 36 giorni 
dopo che essa era ricomparsa. 

L' acqua del torrente era limpida ed abbastanza alta. A ore 
17,30 la temperatura del torrente era 15",2c.; quella dell'aria 
All'ombra IS^. 

Cominciando le indicazioni da monte, sempre sulla destra 
del torrente, a livello di questo, anzi, con acque un poco più 
alte, sotto il livello, era una bocca £ donde esce costantemente 
una quantità d'acqua fredda ma leggermente salina, per com- 
mistione, cred' io, di una piccola quantità di acque termali con 
quelle del fiume scorrenti internamente e risorgenti in quella 
bocca B, come, lo vedremo, in parecchie altre più a monte. 
Circa m. 2 a valle, pure a livello del torrente, di sotto un 
masso franato, vidi una piccola polla d'acqua leggermente sa- 
lina, che chiamai C; la temperatura era 28*' e. La portata, sic- 
come usciva di sotto il masso e si perdeva, non la potei misurare. 



Digitized by VjOOQIC 



LS ACQUB TERMALI DI TORRITB IN OARFAONANA 125 

Pochi metri più a valle e circa 3 m. più alto è una cavità 
nel calcare, quasi parte della grotta principale ma separata da 
questa da un gran masso, e più bassa, nella quale era un bozzo 
intemo D, con acqua quasi fredda, appena salina, e presso che 
ferma. Circa 1 m. sopra è la grotta donde esce la sorgente 
principale E. 

La portata del bozzetto interno D misurata come sempre 
di poi con un recipiente di litri 6 e con un contasecondi, con 
una media di 5 misure, era, con leggerissime perdite, di L. 6 
ogni 36",4; pari a L. 0,166 per 1". 

La portata complessiva di tutte le acque uscenti nella sor- 
gente principale E misurata all'esterno era di L. 6 in 4',! pari 
a L. 1,42 per 1': la temperatura dell'acqua, all'imboccatura 
della grotta era SS'^jS e, al greto del fiume 33''. 

Il 12 aprile, dopo 37 ore di leggere pioggie continue l'ac- 
qua del fiume era ancora quasi egualmente alta, e limpida come 
sempre di poi ad ogni mia osservazione; ad ore 11 la sua tem- 
peratura era 12'' e; quella dell'aria 15*". 

L' acqua del bozzo D aveva temperatura dì 25"" mostrandosi 
con ciò che vi era mescolanza di acqua calda e fredda. 

L'acqua termale E aveva complessivamente la portata di L. 6 
ogni 3",4, cioè L. 1,58 ogni 1", temperatura, all'imboccatura 
della grotta 33'', 5. Esaminando partitamente le acque di questa 
terma si vede che esse provenivano da un certo numero di pic- 
cole polle, di temperatura diversa, alcune anche fredde, traver- 
santi le fessure del calcare. 

La più calda proveniva e proviene quasi dal mezzo del boz- 
zetto situato nella parte più intema della grotta, ed aveva tem- 
peratura di 34**,?. M. 1 a S.-O. era altra piccola polla che si 
univa ad altre polle minori più fredde; mentre dalla parete S.-E. 
e più intema proveniva dell'acqua fredda evidentemente di fil- 
trazione superficiale. Intanto risultava che l'ultima pioggia non 
aveva contribuito ad abbassare la temperatura dell'acqua ter- 
male e che la portata era dì poco aumentata. 

Nel maggio, per effetto delle piccole scosse di terremoto che 
seguitavano, o per cause indipendenti, il bozzo D e la sorgente E 
cominciavano a disseccarsi poco a poco, ed alla fine del mese 
il bozzo D era disseccato del tutto: la sorgente principale E 



Digitized by VjOOQIC 



126 e. DB STEFANI 

era ridotta ad una pozza stagnante nella parte pin interna della 
grotta. La polletta C buttava ancora e TS giugno ad ore 11 
la sua temperatura non superava 28*^ e. 

Successivamente, nel giugno, al sopravvenire di alcune piog- 
ge, la sorgente E rimesceva, come accadde verso la fine del 
mese: ma poi ricessò e il di 5 luglio vidi le cose come TS giu- 
gno. Il torrente era assai basso e scarso di acque: ad ore 18,35 
la temperatura sua era 20""; quella dell'aria 24"^. 

La bocca appena salmastra B avea 21'',5 comprovando ciò 
la mescolanza di alcune acque termali a quelle del fiume for- 
nite di temperatura più bassa. 

La sorgente C era a 30'' ed abbastanza abbondante: dopo 
cessate le, sorgenti più alte vi era perciò un aumento di tem- 
peratura. Le sorgenti D eA E erano rappresentate da bozzi sta- 
gnanti; il bozzo B aveva 26^; il bozzo E diventato semplice 
ricettacolo di acque superficiali non termali avea 23^. 

I giorni dipoi, dietro mio consiglio, si cominciarono a fare 
fruttuosamente nella grotta alcuni lavori che infatti rimisero a 
giorno le sorgenti E come prima. Io rivisitai i luoghi il 10 lu- 
glio. Il torrente aveva seguitato a calare. Ad ore 17,15 la tem- 
peratura del fiume era 2r, quella dell'aria 26"*. 

La bocca B aveva 20**, 7 (cioè meno deir8 giugno); la sua 
portata, che potei misurare, però con molte perdite, essendo il 
fiume assai basso, in una media di 7 misure, assai uniformi, era 
di L. 6 per 2,"04, pari a L. 3 per 1". Nella polla G sotto il 
sasso franato erano stati fatti alcuni lavori per togliere il masso 
e mettere allo scoperto le acque. La temperatura, dopo i la- 
vori fatti qui e nella sorgente maggiore -E, era alquanto ab- 
bassata. Nel posto dove prima sgorgava esternamente l'acqua 
era una scarsa polla C con temperatura di 28°, 5. La massima 
quantità dell'acqua sgorgava, sempre a livello del fiume, 1 m. 
più a valle, e verso il poggio, e sembrava uscire verticalmente 
dal terreno, con abbondante gorgoglìo di acido carbonico. Aveva 
28^, e nel punto ove il gorgoglìo era più abbondante, 28*, 3. 

Nella grotta E erano stati fatti varii lavori, amplifican- 
dola, asportando le materie che riempivano il fondo, e rintrac- 
ciando la sorgente ad un livello molto basso. Erano cosi state 
messe allo scoperto varie pollette e gemitivi provenienti dal 



Digitized by VjOOQIC 



LB ACQUR TERMALI DI TORRITR IN 6ARFA0NANA 127 

saolo in diversi punti della grotta, sempre sotto il livello 
degli schisti accennati a princìpio. 

Presso l'entrata, dal lato S. era nna prima polletta a 28'',5 
uscente direttamente da nna fessura del suolo; poco più in- 
terna era altra polla con bolle gassose avente 32"" ; sempre a S» 
altre ne erano poi di pìccolissima importanza. Queste pollette 
del lato S. insieme unite in un fossetto che le deviava, davano, 
in una media di 5 misure, L. 6 per 19",1, pari a L. 0,31 
per 1". Dopo 4 m. di percorso superficiale l'acqua del fossetto 
serbava temperatura di 30"". 

Nel lato N. era qualche altra simile polletta con bollicine 
gassose e, presso il fondo, nel solito posto dell'aprile, la polla 
più abbondante, alquanto più salina e più calda, con la stessa 
temperatura di 84",7 che aveva nell'aprile. La sua portata, 
media di 7 misure, era di L. 6 ogni 4",5 pari a L. 1,30 il 1 '• 

Nella parte più intema era un bozzetto, in posizione diversa 
da quelle più o meno variabili dei bozzetti precedenti, e l'acqua^ 
in parte di filtrazione superficiale, fermata sulle argille, aveva 
23% come aveva avuto l'intero bozzo intemo, nella misura pre- 
cedente, il 5 luglio. 

Le acque uscenti dalla grotta, dopo 6 o 7 m. dì corso su- 
perficiale, serbavano temperatura di 33'',5. 

Il gìomo 5 agosto, ad ore 11, le acque della Torrite erano 
straordinariamente basse. Poco a monte della bocca B si scorge 
il calcare lungo la sponda destra, tutto crivellato, con una 
quantità di fessure che danno uscita all'acqua del fiume stesso, 
scorrente sotterra, e penetrante nel suolo circa 1 Km. più a 
monte. L'acqua che esce da queste fessure è completamente 
fredda, mentre, come dicevo, non è tale quella della bocca JB, 
nel cui interno accade una commistione con certa quantità di 
acqua termale mineralizzata; tant'è vero che a Castelnuovo, per 
quanto essa sia leggerissima, la usano, in grande numero di 
bicchieri, come bevanda alquanto purgativa. Le sorgenti C 
erano alquanto diminuite, ma serbavano temperatura di 28**. 
Nella grotta E erano già stati costruiti tre casotti nuovi per 
uso di bagno, a livello più basso di quelli antichi, e di- 
straggendo in piccola parte questi. Però, pel servizio dei bagni 
l'incile delle sorgenti deirinterno della grotta era stato artifi- 



Digitized by VjOOQIC 



128 e. DB STEFANI 

eiosamente rialzato, e ciò aveva avuto per effetto di diminuire 
la portata dell'acqua, che aveva trovato sfogo altrove per fes- 
sure interne, e di diminuirne la temperatura. NelPintemo la 
seconda sorgente a S. aveva ancora 32^ come il 10 luglio, ma 
anche la sorgente intema, già più calda, era discesa a 32'',3; solo 
in un punto v'era 32^^,4, ed una delle poUette più vicine all'uscita, 
a N., aveva 32'',8. Nel condotto estemo alla grotta la temperatura 
era 3F,9; la portata di tutte le acque era di L. 6 in 10", pari a 
L. 0,60 il 1". Nel giorno seguente fu ribassato l'incile, acquistando 
maggior provvista di acque. Ma seguitando poi le magre nel 
settembre, ed essendosi pure il fondo della grotta empito di 
fango, la sorgente termale diminuì sempre più. Alla fine del 
mese, in rispondenza alla medesima fu fatto nel torrente, con 
argine di pochi centimetri, un ingorgo, che rialzò alquanto 
l'incile: nello stesso tempo fu chiusa con fango e pietre la 
sorgente C] ma l'acqua calda trovò sfogo più di m. 1,50 sopra, 
da fessure de' calcari, all'uscita della grotta E, 

In tale stato trovai le cose il 2 ottobre. Ad ore 15 la tem- 
peratura dell'aria all'ombra era 15^,5, quella della Torrita 16,5. 
La Bocca B aveva 19". 

Nella grotta E l'ingorgo che aveva il fondo fangoso, poco 
permeabile, imbozzava acque poco calde, a 26'',5, e al massimo, 
in un punto, a 28^6, che erano portate alle vasche da bagno. 
Presso l'imboccatura, dal lato S., la polletta, già notata il 10 
luglio, aveva 26'',2. Immediatamente all'uscita della grotta si 
trovava la polla più calda, a 32"^, che però non era portata ai 
bagni, e poco sotto, da una fessura nel calcare esci vano un ge- 
mitivo a 26'',7, ed altro a 29'',7. Una poHetta sotto la vasca 
più alta ha 30%5. 

La portata delle acque condotte alle vasche con tempera- 
tura complessiva di 28°,5 era L. 6 in 88" pari L. 0,068 per 1"; 
quella della sorgente calda più esterna L. 6 in 195'', cioè L. 0,03 
per l'è fanno un totale di L. 0,098 il 1": però tutte le pic- 
cole sorgenti esteme e l'acqua che si perde non sono contate 
in questa portata che, abbassando l'incile, sarebbe stata molto 
maggiore. 

Nel novembre successivo una grossa piena alzando alluvioni 
anche nella grotta, chiuse per alcune settimane la sorgente. 



Digitized by VjOOQIC 



LE AGQUB TERMALI DI TORRITE IN GARFAGNANA 129 

II 4 aprile 1903, ad ore 15,45, la temperatnra dell'aria, 
all'ombra, era 12^ e; quella della Torrita 11**,?. Quel giorno 
misurai la temperatura di varie sorgenti lungo l'alveo del tor- 
rente fino sopra il Ponte di Rontano, ed avevano tutte ir,7. 
€iò prova che era la stessa acqua del torrente la quale ricom- 
pariva dopo un percorso breve e superficialissimo. 

La bocca B aveva 18*, 7 e. 

Entrando nella grotta, dal lato S. e direttamente dal cal- 
care uscivano le due pollette principali notate il 10 luglio 1902: 
la prima aveva 30° e; la seconda 32*, 6, e 32*,6 aveva nel 
bozzo interno la polla più calda, cinta all'intorno da pollette più 
fredde. La miscela delle acque, all'uscita della grotta, aveva 
3P,8. Non misurai la portata, ma era alquanto maggiore del- 
l'ottobre 1902. 

Nell'agosto e nel settembre 1903, essendo il torrente quasi 
all'asciutto, la sorgente pure si era grandemente abbassata. 

Do qui in riassunto le variazioni di portata e di tempera- 
tura osservate nelle sorgenti dal 6 marzo al 4 aprile 1903. 



Sorgente. 

Sorbente princi- 
pale E 

9 aprile 1902 



12 aprile 

£ne di maggio 
line di giugno 

primi di luglio 

5 luglio 

6-9 luglio 

10 luglio 



5 agosto 

6 agosto 



Portata in L. per 1" 



Temperatura In C. 



Comparsa il 6 mar- 
zo 1902. I 

1,42 ; 33%5 all'imbocca- 

I tura della grotta. 

1,58, dopo leggere 34*^,7, la parte 'i^ìix 
piogge. I calda. 

Scomparsa. 
Ricomparsa dopo | 
piogge. I 

Scomparsa. \ 
Bozzo stagnante ! 23^. 
Ricomparsa peri 
lavori fatti. I 

0,31 la parte S. -f- j 28^5 — 32 - 34,7. 
1,30 la parte N. i 23"" il bozzo più 
j interno quasi sta- 
' gnante. 

0,60 I 82^ — 32,4 — 32,8. 

I Leggero aumento 
|per abbassamento 
deirincile. 



Salsedine. 

Salina. » 
Analisi del 6 apri- 
le 1902 ad ore 9. 
(Prassi). 



11 



Digitized by 



Google 



130 



e. DB STBFANI 



Sorgente. 

settembre 

2 ottobre 

4 aprile 1933 

Bozzo D: 9 aprile 

12 aprile 

fine di maggio 

5 luglio 

Sorgente C: 9 aprile 

fine di maggio 

8 giugno ore 11 

5 luglio 

10 luglio 

5 agoBto, ore 11 

fine di settembre 

Bocca Bt 5 luglio 

10 luglio 

2 ottobre 

4 aprile 1903 

Acqua della Torrlte 

« 9 aprile 

12 aprile 

5 luglio 

10 luglio 

2 ottobre 

4 aprile 1903 

Aria, all'ombra 9 

aprile 1902. ore 17,30 

12 aprile, ore 11 

5 Luglio, ore 18,35 

10 luglio, ore 17,16 

2 ottobre, ore 15 

4 aprile 1903, ore 

15,45. 



Portata In L. per \" Temperatura Ir C. 



Diminuzione con- 
seguente alla siccitA. 
0,03 -^- 0,068-»- a: 



26%2-26*,5— 28%6 

26,7,29.7-30,5-32. 

30« — 32*,6. 



0,166 

25*. 
Scomparso. 
Bozzo stagnante. 
Comparsa il 6 marzo? 
Non disseccata. 
Non disseccata. 
Aumenta di portata. 
0,39, il getto prin- 
cipale. 

Alquanto diminuita. 28 
Otturata. 1 

'2r,5. 

20^7. 

19*. 

18*,7. 



26*». 
28^ 

28^ 

280,3 - 28*,5. 



Salsedine. 



Appena salmastro. 



Leggermente salina.. 



l5^2. 

12^ 
200. 
21^ 
16^5. 

ir,7. 



15^ 
15^ 

24^ 

26». 
15^5. 

l2^ 



Appena salmastra. 



Nel 1760 fa fatta dal Vandellì nn' analisi della sorgente 
principale allora qnasi perduta ; egli vi trovò solfato calcico e 
cloruro sodico. 

Nel loglio 1785, narra il Pacchi, furono dal perito chimico 
Giovanni Giannotti, assistito dal dott. Bocco Coli, ambedue di 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE TERMALf DI TORRITR IN GARFAtiNANA 131 

CagtelnnoYO, raccolti i gas e Tacqua di tre sorgenti, due galla 
sinistra^ e sono quelle oggi subacquee, ed una sulla destra della 
Torrite. Dalle analisi fatte si vede che il gas è acido carbonico 
e che nelle aeque sono dei solfati e cloruro sodico. 

Analisi chimiche e batteriologiche esatte furon fatte dal dott. 
A. Prassi (0 con acqua presa il 6 aprile 1902 ad ore 9 ant^ 

Ecco l'analisi chimica dei costituenti il residuo di lOOO 
^mmi d'acqua: 

Ossido di sodio 1, 8015 

» potassio 0, 1431 

» calcio 1, 0525 

» magnesio 0, 2153 

» alluminio 0, 0068 

» ferrico 0, 0004 

Anidride silicica 0, 2717 

Cloro 1,3363 

Anidride solforica 1, 3305 

Anidride carbonica fissa 0, 0825 

Anidride nitrica 0, 0030 

Totale 6, 2436 
Anidride carbonica libera e semicom- 
binata 0,8526 

Ecco l'analisi batteriologica: 

« La presa di campioni fu effettuata il giorno 22 agosto 1902 
alle ore 17. I campioni furono tenuti in ghiaccio per circa due 
ore finché non fu possibile eseguire la seminagione. Furona 
quindi fatte numerose culture in gelatina ordinaria distribuendo 
nelle scatole di Petri quantità frazionate di acqua (Vio ^ Vio> 1 ^0 
dei vari campioni presi. Fu fatta col brodo di Abba la ricerca 
del i. colL 

Le scatole furono tenute alla temperatura di 23''-*25'' C 

Fu poscia fatto l'isolamento dei Tari germi per la diagnosi 
specifica. 

(') Frasai A., Analisi chimica e batteriologica delle acque termali di 
Torrite presso Castélnuovo di Garfagnana (Lldrologìa e Climatologia,. 
anno XIV, n. l;. 



Digitized by VjOOQIC 



132 e. DB STEFANI 

Resultati dell'analisi. 

Sorgente calda Sorgente calda Sorgente fredda, 
posteriore. anteriore. «««r^"^ .i«^««. 

Numero totale dei 
germi per ce. (con- 
teggio al 7° giorno). 139 32 33 

Numero dei germi 
fondenti per ce. 11 6 3 

Numero dei cro- 
mogeni per ce. 1 

Numero degli ifo- 
miceti per ce* 3 2 3 

Numero delle spe- 
cie riscontrate e loro 
designazione. 3 3 3 , 

Micrococeas fin- Mie. flavns lique- M. flava» lique- 
vus liquefaciens faciens. fHciens. 

(Flugge). 

Microc.ureae (Pa- M. candicans. Sarcina alba, 

steur Leube), 

Micr. candicans M. ureae. M. candican» 

(Flugge Adametz). 

Ne dalle placche ordinarie, né dalle culture col metodo di 
Abbe (usando 50 ce. di acqua) si ebbe sviluppo di colonie di 
h. coli di 6. colmmili... Nella sorgente posteriore, la attività 
dei germi fondenti e il numero dei germi per ce. si è dimostrato 
alquanto maggiore che nelle altre. Ciò, data la qualità delle 
specie, non costituisce affatto un pericolo, ed è da ritenersi che 
quando le tre polle sieno captate con un sistema più razionale, 
anche questa cifra potrà scendere a quella presentata dalle altre 
sorgenti » (Frassi). Infatti, presentemente, come si disse, la sor- 
gente posteriore esce in un bozzo melmoso. 

Sono notevoli le variazioni di portata e di temperatura, cui 
certamente risponderebbero, se le analisi potessero ripetersi fa- 
cilmente, le variazioni di salsedine. Tali variazioni, del resto, 
sono comuni a qualunque siasi sorgente termo-minerale, oppo- 
stamente al canone medico che stabilisce come invariabile la 
mineralizzazione di un' acqua secondo lo schema chimico di 
un' analisi qualsiasi fatta in un tempo determinato. 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUE TERMALI DI TORRITB IN GARFA^NANA 133 

La scomparsa e la ricomparsa di questa sorgente, come le 
variazioni di portata e di temperatura, per causa di terremoti, 
son fatti frequentissimi nella storia delle sorgenti. Almeno nella 
massima parte dei casi, essi non derivano da sommovimenti pro- 
dotti nelle regioni più profonde dalle vibrazioni del suolo ; bensi 
provengono dalla trasformazione delle vibrazioni in moto di massa, 
quale può avvenire soltanto nei tratti più superficiali del suolo, in 
rispondenza ad interstizi ed a massi franati od a rocce stac- 
cate fra loro. Ciò dev'essere avvenuto appunto nella sorgente 
nostra, della quale devesi ritenere che mai sia assolutamente 
scomparsa, ma ohe i terremoti soltanto ne deviarono il cammino 
esteriore, facendola sgorgare in punti più bassi, e mescolandola 
ad acque dolci, come del rimanente attestano la costante tra- 
dizione e l'esame dei luoghi fatto anche da me. Che le devia- 
zioni sieno state soltanto superficiali, è attestato anche dai la- 
vori, del resto semplicissimi, ordinati dal governatore Munarini 
circa nel 1770 e da quelli fatti nel 1902, lavori che hanno sempre 
ricondotto la sorgente alla superficie. 

L'esistenza e l'ampiezza delle fessure ^e delle comunicazioni 
superficiali è comprovata anche dalla miscela delle acque mi- 
neralizzate calde, non solo con quelle superficiali, ma con quelle 
del fiume Torrite. La miscela colle acque superficiali è provata 
dai gemitivi freddi che a traverso le fessure esteme dei calcari 
penetrano nella grotta jE, specialmente nell'estremo più interno 
sud, dove le predette acque talora imbozzano mescolandosi con 
gemitivi ealdi sorgenti dal suolo e formando una pozzetta quasi 
stagnante, a 23"^ e. Lo stesso avviene nel bozzo D. La miscela, 
almeno parziale, con le acque del fiume è comprovata dalla 
variabilità di temperatura delle sorgenti (7, E, derivante in 
parte, verosìmilmente, anche dalla mescolanza delle acque su- 
perficiali; ma specialmente è rivelata dalla abbondantissima 
bocca B, appena salina ed appena tiepida, che è, si può dire, 
l'ultima delle tante bocche locali che dal calcare, crivellato 
come uno staccio, rimettono a giorno le acque del fiume entrate 
sotterra poco più a monte. Nelle vie sotterranee più prossime 
alla sorgente termale le acque del fiume incontrano una parte 
di questa, con essa si mescolano, e ne abbassano la tempe- 
ratura. 



Digitized by VjOOQIC 



134 e. DB STEFANI 

Dal vedere che la temperatura della sorgente termale non 
papera 34''; 7 e, e ritorna costantemente a questo massimo, si 
può arguire che la sua temperatura normale, a meno di scen- 
dere a qualche profondità, non sia gran che superiore a questa, 
e che la sorgente stessa, per sorgere normalmente e con carat- 
teri di termicità e mineralizzazione snfficentemente costanti, 
qualche metro sopra il livello del fiume, deve avere un carico 
«uo proprio abbastanza ragguardevole e deve avere una origine 
prima, sua propria, abbastanza intema, indipendente dalle me- 
scolanze che più esternamente si verificano. Ciò è pure in ar- 
monia con la relativa costanza di portata almeno della sorgente 
principale E, la quale rivela la sua relativa indipendenza dalle 
vicissitudini atmosferiche. L'esistenza d'un carico abbastanza 
ragguardevole è provata anche dalla chiusura artificiale della 
polla C avvenuta nel settembre 1902, dopo la quale l'acqua, 
Inerbandosi calda, ha seguitato almeno in gran parte a sgorgare, 
nerbandosi calda, all'uscita della grotta E. Il fatto stesso della 
sorgente che esce calda e salmastra sulla sinistra della Torrite 
all'ultimo confine de^ calcare infraliassico con rocce impermea- 
bili, mostra che quella acquista temperatura e mineralizzazione 
A profondità sufficentemente ragguardevoli, donde, sempre lungo 
il confine di quelle rocce diverse, è guidata alla superficie. 

È notevole l'alzarsi e l'abbassarsi dell'incile della sorgente E 
secondo le variazioni di livello del fiume adiacente, fino a 
scomparire quasi in apparenza quando il fiume è bassissimo, 
tanto è vero che gli utenti delle terme, per rialzare queste, 
quando il fiume è basso, come nel settembre 1902, lo ingorgano 
alquanto in rispondenza alla sorgente. Ciò dipende, verosimil- 
mente, pur sempre dalle fessure e dalle comunicazioni superfi- 
eiali della roccia calcarea: le acque della Torrite rincollano e 
rialzano la sorgente, formando contro l'uscita di essa un osta- 
colo che il carico suo è ^empre sufficente a vincere, facendola 
sgorgare sopra il livello del fiume nell'interno della grotta: lo 
stesso avviene in tante sorgenti situate poco sopra il livello di 
up contiguo mare, il cui incile si alza e si abbassa secondo i 
movimenti del mare stesso, e in proporzione alle differenze di 
densità che sono nelle due colonne acquee, l'esterna e la mi- 



Digitized by VjOOQIC 



LB ACQUE TRRMALl DI TORRITB IN OARFAONANA 1B5 

nerale, nel caso nostro più calda e più leggera ad onta della 
«aa alquanto maggiore densità, perciò più alta. 

Dalle cose dette resaltano ammaestramenti atti a conservare 
la sorgente. È necessario anzitutto tener libera rascita, cioè il 
fondo della grotta E^ rimovendo le frane e sopra tatto il fango 
-che facilmente vi si forma per lo sfacimento degli schisti e che 
forma barriera impermeabile allo sgorgo, deviando le acque 
verso le più basse fessure laterali del calcare. Quantunque poi 
il lavorare in mezzo a calcari cosi crivellati non sia facile, 
cominciando il lavoro circa a due terzi dall'imboccatura della 
grotta, dove l'acqua sgorga più calda, occorrerebbe seguire le 
vie verticali di questa, perforando il calcare, sempre con la 
guida del termometro, e chiudere via via le fessure adducenti 
le filtrazioni fredde. Cosi si arriverebbe probabilmente ad assi- 
curare Tuscita perenne e forse anche a rialzare la sorgente te- 
nendone alta la temperatura e maggiore la salsedine. L'estra- 
2Ìone mediante una pompa applicata a profondità aumenterebbe 
probabilmente anche la portata. Naturalmente per rendere più 
sicuro l'esito del lavoro occorrerebbe la guida incessante di per- 
sone pratiche. 

Anzitutto però è necessario con un forte muraglione difen- 
dere i bagni dalle piene del fiume e dalle conseguenti sommer- 
sioni e possibili rovine. 

Credo poi che a tenere alta la sorgente gioverebbe il rin- 
«collo dell'acqua della Torrite, praticato istintivamente dagli 
utenti, mediante una serra a valle; cioè in altre parole la cat- 
tura idrostatica che Fran^^ois, ispettore generale deHe miniere 
in Francia, applicò fin dal 1838 in condizioni quasi identiche 
alle terme di Ussat sull'Arìège, e che fu poi applicata a Ba- 
gnères-de-Luchon, a Teplitz e altrove. Secondo De Launay ciò 
«i spiega con l'osservazione che riempiendo due vasi comuni- 
-canti uno di acqua dolce, l'altro di acqua minerale, queste si 
mescolano punto o pochissimo, bensì l'una fa da carico al- 
l' altra ('). 



{}) De Launay L., Lts principes du captage des wurees minérales 
<Bull. trina, de la Soc. de Tinduatrie minière, s. IV, livre III, 1902;. Saint- 
Etienne, p. 749. 



Digitized by VjOOQIC 



136 e. DE STEFANI 

Origine delle acque 
e paragone con altre acque minerali. 

La classificazione delle acque minerali è fatta fin qui in 
jnodo assolutamente empirico, tenendo conto quasi soltanto delle 
esigenze mediche locali. Sarebbe necessario applicare alle me- 
desime una parte almeno di quei criteri scientifici che recen- 
temente si sono andati applicando nella classificazione delle 
rocce. Prescindendo dalle acque metallifere, cioè ferruginose, 
arsenicali, cuprifere, ecc., da quelle acidule, solfuree, da quelle 
iodo-bromiche, ecc., le acque saline più comuni andrebbero di- 
stinte secondo il predominio o secondo la diversa proporzione 
degli agenti mineralizzatori più potenti, del Cloro, dello Solfo, 
dell'Acido carbonico : anche tenendo conto delle basi si avrebbe 
luogo, credo, di riscontrare quella frequente antinomia che si 
trova nelle rocce, fra il sodio e il calcio, e fra altri elementi. 
Ma non è questo il luogo d'intaccare simile importante que- 
stione. 

Volendo studiare scientificamente le origini della tempera- 
tura e della mineralizzazione di queste acque è utile compa- 
rarle con quelle aventi simili caratteri ed origine, delle regioni 
vicine. 

Simili paragoni sono peraltro assai difficili, anzi sovente 
impossìbili, perchè le analisi mancano, o sono imperfette per 
aver determinato i vari elementi nelle acque raccolte in tempi 
diversi o per certo altre diflferenti e più gravi ragioni; talora 
perfino furono accomodate ad arte per fare apparire taluni ele- 
menti creduti utili e farne scomparire o diminuire altri suppo- 
sti dannosi o inutili. Prescindendo da ciò ognun sa che la de- 
terminazione di certi elementi, ad esempio degli alcali, nelle 
analisi non recenti e non fatte con metodi precisi, è sempre 
imperfetta. 

Si aggiunga un'altra contrarietà che il più delle volte si 
presenta, ed è quella di sceverare i singoli elementi dalle com- 
posizioni attribuite dai singoli analizzatori, che talora giunsero 
pure a conclusioni stridenti e ad ammettere componenti incom- 
patibili fra loro. Noi ignoriamo ancora troppo in quale stato si 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUK TERMALI DI TORRITE IN GARFAGNANA 137 

trovino nelle aeque i singoli componenti, e sarebbe desiderabile 
si dismettesse Fuso d' indicare le combinazioni limitando le ri- 
sultanze dell'analisi alla enumerazione, come ha fatto pure il 
Prassi, degli ioni metallici positivi e degli ioni acidi ne- 
gativi. 

Inoltre la composizione delle acque allorquando giungono 
alFesteruo varia con la temperatura, poiché con la temperatura 
variano la solubilità e la conseguente quantità di certi sali ; ad 
esempio il solfato calcico ha la massima solubilità a 38"" e, tem- 
peratura alquanto maggiore di quella delle sorgenti di Torrite ; 
la solubilità del solfato sodico va rapidamente aumentando fina 
a 33"" e, per poi lentamente diminuire; i carbonati di calcio e 
di magnesio nell'acqua contenente Anidride carbonica sono molto 
più solubili a freddo che a caldo. Cosi la presenza e la mag- 
giore minore quantità di certi sali ostacola la soluzione di 
altri sali che abbiano un ione comune, la facilita se non vi è 
comunanza di ioni; lo stesso solfato calcico varia notevolmente 
col variare della quantità di sali alcalini (solfati e cloruri) coi 
quali può trovarsi a contatto, e conforme alle reazioni che esso 
può contrarre con altre specie chimiche, principalmente coi car- 
bonati. Naturalmente le variazioni nella quantità di un compo- 
nente, conseguenti a variazioni di temperatura o di pressione, 
inducono spostamenti in tutte le altre materie disciolte. 

Per tali ragioni acque aventi una origine ed un percorso 
identici possono all'analisi chimica mostrare certe differenze che 
rendano meno facile scoprire le affinità loro. 

Nel comparare poi fra loro le quantità dei residui fissi non 
deve ritenersi che questi sieno invariabili, poiché, quand'anche, 
come universalmente accade, non sieno stabiliti i limiti della 
variabilità questa deve esistere corrispondentemente alle varia- 
zioni di portata che qualsivoglia sorgente subisce nel percorso 
dei tempi, in grado maggiore o minore, corrispondentemente alle 
vicissitudini atmosferiche ed alle variazioni dei serbatoi intemi.. 
E probabile che assai più ristrettamente varino le proporzioni 
reciproche dei singoli sali costituenti il residuo fisso. Bitenendo 
queste proporzioni come invariabili, per rendere più sollecita- 
mente comparabili i residui fìssi d'una sorgente con quelli di 
un'altra, possiamo supporli ridotti tutti ad un comune quo- 



Digitized by VjOOQIC 



138 0. DE STEFANI 

diente, a 100 grammi, prescindendo dalla variabilissima quan- 
tità di acqua che li può diluire. 

Prima di procedere intendo fare un paragone, per quanto 
«ia poco conclusivo, fra l'acqua termale di Torrite ed un' acqua 
non termale che esce dagli' stessi calcari infraliassici in una 
regione contigua, nella parte opposta della Pania; voglio dire 
la sorgente dei Gangheri o Angari. Esce questa lungo la valle 
della Torrite di Gallicano, con portata grandissima non minore 
a 20000 m. e. il giorno, con temperatura di 9"* a 10** e. Mi pre- 
valgo della seguente recentissima analisi fatta dal prof. Nasini 
per il Comune di Firenze, che intendeva condurre quelle acque 
alla città. L'analisi fu fatta sopra il residuo di 100000 parti 
d'acqua, il 17 settembre 1901 



CaO 


— 


5,135 














MgO 


— 


1,063 














K'O 


— 


0,081 














Na'O 


— 


0,404 














CI 


— 


0,587 














N'O'' 


— 


0,064 














CO' 


— 


6,076 














SO' 


— 


0,391 














SiO' 


^^ 


0, 422, 
14, 223 


con 


tracce di 


ro\ 


¥eO\ 


A1*0^ 


I,L 



Le proporzioni dei componenti in ogni 100 parti di residuo 
solido si troveranno fra qualche pagina. 

Le analogie con le acque di Torrite, pur prescindendo dalla 
gran differenza nella quantità dei residui solidi, non sono rag- 
guardevoli, causa il grande eccesso nei Gangheri dei carbonati 
di calcio e di magnesio, che sono disciolti ai calcari cavernosi 
infraliassici. Pur eliminando nei Gangheri l'eccesso dei Carbo- 
nati, si noterebbe che il Cloro è \'.^ più, invece che pari all'Ani- 
dride solforica, ed in altrettale proporzione, invece di essere 
alquanto inferiore, è col Sodio: non vi ha dunque predominio 
dei Solfati sui Cloruri, né di Sodio sopra altre basi. 

Queste differenze derivano dalla superficiale orìgine delle 
relative acque raccolte in ampi cunicoli sotterranei coi pochi 



Digitized by VjOOQIC 



LB ACQUE TBRMALI DI TORRITE IX GARFAONANA 139 

materiali disciolti al SQolo vegetale, benché assai poco coltivato; 
ma sono pure correlativi alla assai più bassa temperatura dei 
Gangheri rispetto alle terme di Torrite. Infatti i Carbonati di 
Calcio e di Magnesio dei calcari infraliassici, possono essere 
disciolti a freddo in grandi quantità dalle acque dei Gangheri, 
di origine superficiale, a bassa temperatura (9** e.) trascinanti 
variabili quantità di Anidride carbonica, mentre a temperature 
più elevate la solubilità dei detti Carbonati rapidamente de- 
cresce, come mostrarono gli studi di Engel e Ville. Viceversa 
il solfato sodico incluso nelle rocce, o piuttosto formatosi per 
reazione di solfuri sopra schisti sodiferi, pochissimo solubile a 
bassa temperatura, aumenta di solubilità fino a 33^ e. per poi 
di nuovo diminuire, e ciò può spiegare la scarsa proporzione 
di ioni di Sodio e di Solfo nei Gangheri ed in altre acque 
fredde rispetto a Torrite che ha la temperatura più atta per la 
solubilità di quel sale. 

Perciò le due acque, quand' anche abbiano in parte le me- 
desime origini ed escano dalla medesima roccia, hanno natura 
differente. 

Passiamo a fare il paragone con le vicine sorgenti più o 
meno calde di Equi, Pieve Fosciana, Gallicano, Colombaia, Ba- 
gni di Lucca, Monsummano, San Giuliano, Uliveto, Casciana. 
Altre sorgenti clorurate, ferruginose, solforose, acidule o d'altro 
genere, non trovansi intercalate o concomitanti alle prime cinque 
pertinenti alla nostra regione apuano-appenninica. 

Le sorgenti di Equi nel Fivizzanese, nella parte più setten- 
trionale delle Alpi apuane escono dai calcari triassici e secondo 
il Repetti sono leggermente solfuree, perciò non sono parago- 
nabili alle nostre. 

Le nostre di Torrite vedemmo che escono dal calcare infra- 
liassico, dopo avere traversato una estensione grandissima dei 
suoi strati. L'altezza appariscente dì questi, a giudicare dall'an- 
damento loro lungo il torrente, è superiore a 300 m,; se non 
che le acque non li traversano normalmente, ma se provengono 
da terreni più antichi e più profondi, possono traversarli per 
grandissimo tratto con lievissimo angolo sulla stratificazione, 
poco meno che seguendo questa che è molto inclinata, e secon- 
dando il confine coi già notati sovrastanti strati impermeabili. 



Digitized by VjOOQIC 



140 e. DB STEFANI 

Perciò il contatto coi calcari infraliassici, principiante a note- 
vole profondità, può essere lunghissimo e può risultare nelle 
acque una sufGciente mineralizzazione, se questa non è comin- 
ciata già prima. 

Le acque termo-minerali di Pieve Fosciana (*) escono super- 
ficialmente dal pliocene lacustre, dopo avere traversato altis- 
sima serie di arenaria eocenica non atta a mineralizzare. E a 
ritenere che esse provengano precedentemente dai calcari infra- 
liassici i quali con grande altezza costituiscono la non lontana 
Pania di Corfino, le cui propaggini probabilmente si avvicinano 
di nuovo assai alla superficie nel territorio di Pieve Fosciana. 
Non si conoscono buone analisi di tali acque, le quali sono 
ricche di cloruro sodico, molto più delle nostre. 

A Gallicano lungo la Torrìte omonima si hanno delle sorgive 
che riproducono esattamente le circostanze di quelle da noi de- 
scritte lungo la Torrite di Castelnuovo. Soltanto sono anche 
meno saline e meno calde per la maggior quantità di acque 
superficiali e fluviali che con esse si mescolano. Escono esse 
dai calcari infraliassici identici ai nostri; ma non nelle parti 
inteme della valle; bensi, come sulla Torrite-secca, al loro con- 
fine superiore e più esterno cogli strati impermeabili del liaa 
superiore. 

Ne dette appena qualche cenno il Perrone ('). Una abbon- 
dante sorgente appena salmastra, secondo il Perrone a 17** e. e 
con portata probabile di lit. 60 il 1", esce, con forte carico, 
quindi talora con piccolo getto verticale, a sinistra dell'alveo, 
poco sopra il fiume appena a monte del paese: abbondantissime 
bolle gassose, come nella Torrite-secca, escono di sott' acqua, 
dal fondo dell'alveo, più a valle del viadotto pel canale irri- 
gatorio: altre due piccole sorgive incanalate vengono fuori nella 
fabbrica di carta sulla destra del fiume e nella fabbrica Gilles 
sulla sinistra, secondo il Perrone con portata di 1 lit. il 1" e 
con temperatura di 22*^,5 e. 



(^) De Stefani C, Le acque termali di Pieve Fosciana (Atti Soc. 
tose. se. nat, Voi. IV, 1879, Pisa). 

(') Perrone E., Carta idrografica d'Italia Arno, Val di Chiana e 
Serchio. Roma, 1902, p. 292. 



Digitized by VjOOQIC 



LB ACQUB TERMALI DI TORRITB IN OARFÀGNANA lil 

L'acqua salina, lassativa, tiepida, della portata di circa 50 L. 
per minuto primo, di Bologno, esce al casolare detto la Colom- 
baia, sotto la strada nazionale alla sinistra del Serchìo, a circa 
3 km. dal ponte della Corsonna ed altrettanto dalle Fornaci. 
Vien fuori dal pliocene e dall'arenaria eocenica. Sotto le 
arenarie, poco lontano, dalla parte dell'Appennino, sono molto 
alti i calcari nummulitici eocenici ; dalla parte delle Alpi Apuane 
sulla destra sono invece altissimi i calcari con selce neoco- 
miani e ginresi. I calcari infraliassici, pure altissimi, stanno 
al di sotto; è possibile che da essi pure rimontino le acque 
della Colombaia. 

Le acque termali dei Bagni di Lucca escono direttamente 
dall'altissima arenaria eocenica apparentemente non mineraliz- 
zante; ma è probabile traversino ultime propaggini sotterranee 
degli altissimi calcari con selce secondari, che la Lima traversa 
poco lontano sotto Vico e Lucchio, e che il Serchio pure in- 
contra a poca distanza. Quelle acque sono più calde di quelle 
di Torrite, avendo temperatura di 37° a 54** e; ma sono assai 
meno mineralizzate avendo, per ogni 1000 grammi, un residuo 
:fisso che va da 2,90 a 3,30 appena, in proporzione della tem- 
peratura. In 100 parti di residuo del Doccione paragonato a 
quello di Torrite, il calcio è quasi pari (15,0 : 16,8); gli alcali 
sono meno di metà (12,1 : 31,0); il cloro è un terzo (7,3 : 21,3); 
l'anidride carbonica fissa è otto volte più (10,0 : 1,3); l'anidride 
solforica è quasi tre quinti di più (51,4 : 21,3) C). 

Le acque dei Bagni di Lucca, essenzialmente solfato-calciche, 
non sono dunque paragonabili alle nostre. 

Nemmeno sono paragonabili alle nostre le acque clorurato- 
sodiche dei Bagni di Montecatini ; queste, formano un aves 
sotterraneo nelle ghiaie alternanti con le argille del pliocene 
valli vo; ma la origine loro prima è certamente più profonda, 
come lo prova anche la termalità delle Terme Leopoldine. A breve 
distanza in linea retta, nel monte, è la cupola di calcari lias- 
sici ed infraliassici di Maona, i quali calcari però, causa l'in- 
elinazione dei loro strati, e l'alto manto impermeabile di schisti 



(^) Tassinari P., Analisi chimica delVacqua del Doccione dei Bagni 
Caldi, Livorno, Debatte, 1895. 



Digitized by VjOOQIC 



142 



e. DE BTRFANI 



liassici, di diaspri giuresi, e di argille plioceniche che li ricopre^ 
debbono trovarsi a grandi profondità sotto il piano di Val di 
Nievole: infatti, perforazioni di 80 m. non finirono di traver- 
sare il pliocene. Per lo meno in quei profondi calcari infra- 
liassici sono le prime origini delle acque di Montecatini, le 
quali però probabilmente si arricchiscono maggiormente di sali 
all'esterno, in strati più alti. Esse hanno temperatura normale, 
salvo le Terme Leopoldine che arrivano a 31*, sempre meno 
delle acque di Torrite ; sono però assai più di queste ricche in 
sali solubili a freddo, poiché il residuo solido arriva sopra a 
28 grammi per lìtro^ ed è precipuamente di cloruro sodico. Di 
fronte alla sovrabbondanza di questo sale nelle acque di Mon- 
tecatini, sta nella nostra un tenore quasi tre volte maggiore 
di calcio e di solfati; i carbonati son quasi uguali. Perciò la 
nostra acqua sta quasi di mezzo fra quelle dei Bagni di Lucca 
e quelle di Montecatini. 

Essa ha invece affinità con le acque dei Bagni Parlanti 
a Monsummano e con le acque di Agnano e di Uliveto nel 
Monte Pisano, le quali escono da calcari infraliassici, come le 
sorgenti di Torrite. Ciò risulta chiaramente dal seguente para- 
gone fra i vari componenti 100 parti del residuo solido di cia- 
scuna delle predette sorgenti; riporto nel quadro solo i compo- 
nenti principali. I residui solidi sono calcolati secondo la somma 
totale dei componenti discioltivi analizzati: 

Principali componenti il residuo solido 
PER 100 parti, in grammi. 



! I 

Gangheri Componenti principali | Torrite Agnano 



Uliveto 
calda 



Parlanti 



2,8 


Ossido di sodio . . 


28,8 


18,7 


16,2 


18,1 


0,005 


» potassio . 


2,2 


0,9 


. . . 


2,5 


36,1 


» calcio. . 


16,8 


23,3 


15,1 


20,0 


8,0 


» magnesio 


3,4 


5,9 


2,5 


4,8 


4,1 


Cloro 


21,3 


15,1 


16,7 


11,3 


2,7 


Anidride solforica . 


21,3 


13,6 


19,1 


19,6 


43,7 


» carbonica . 


1,3 


21,5 


24,6 


31, (> 



Digitized by 



Google 



LE ACQUE TERMALI DI TOKRITE IN GARFAGNANA 143 

Le acque dei Bagni Parlanti, che escono in circostanze geo- 
logiche, le qaali sembrano una ripetizione delle terme di Baden 
in Aargau (Svizzera), hanno una temperatura di SI,!"" e.; quasi 
pan a quelli di Torrite, e, con una portata di L. 2 il 1", hanna 
un residuo solido di grammi 1,613 sopra 1000 d'acqua; perciò 
quasi 4 volte minore del nostro. Essi hanno meno cloro ed assai 
meno sodio (8,2 : 28,8 di NaO; 11,4 : 21,3 CI); poco meno sol- 
fati (19,7 : 21,3 dì SO^) e per converso maggior quantità di car- 
bonato calcico (22,1 : 16,8 di CaO; 31,8: 1,3 di CO-) C). 

L'acqua di Agnano, non termale (17^ e.) e ricca di anidride 
carbonica libera, ha un residuo solido di grammi 2,64341 per 
mille d'acqua, cioè di Vs minore alle acque di Torrite ; la com- 
posizione è poco diversa: alquanto meno cloro e sodio (18,7 : 28,8 
di NaO; 15,1:21,3 di CI); meno solfati (13,6:21,3 di SO^); 
più calcio e assai più anidride carbonica fissa (23,3 : 16,8 di 
CaO; 21,5 : 1,3 di CO*). Eispetto ai Bagni Parlanti ha più sodio, 
più cloruri, meno solfati e meno carbonati (*), le quali circo- 
stanze sono perfettamente in rapporto con la più bassa tempe- 
ratura. 

L'acqua calda di Uliveto ha analogie anche maggiori con 
la nostra. La sua temperatura è 34'' e. : quasi pari alla nostra -,. 
il residuo solido gr. 4,28337 per 1000 d'acqna, c!oè di * 3 mi- 
nore della nostra: e rispetto a questa ha alquanto meno cloro,, 
solfo, sodio, calcio, magnesio, ma più anidride carbonica fissa (^;. 

Le dette acque contengono tutte sali di litina; anzi tracce 
di Litio incontrò il Nasini pure nell'acqua dei Gangheri; niun 
dubbio quindi che studiando l'acqua di Torrite col delicato me- 
todo usato da Tassinari e Marchetti per l'acqua di Uliveto si 
troverà il Litio anche nell'acqua di Torrite. 

Le acque solfato-calciche dei Bagni di S. Giuliano pur nel 
Monte Pisano son diverse, presentando gli stessi caratteri di 

(}) Roster G. e Pone E., Analisi chimica dell'acqua termo-minerale 
dei fratelli Parlanti a Monsummano, Firenze, 1890. 

(*) Sestini F. e Martelli D., Acqua acidulo-àlcalina ferroso litinica 
della sorgente di Agnano (Pisa). Pisa, Nistri 1S94. 

(3) Taasinari P. e Marchetti C, Le acque gassose, acidule^ alcaline 
con litina degli stabilimenti balneari alle antiche terme di Uliveto. Pisa^ 
Pieraccini, 1883. 



Digitized by VjOOQIC 



144 G. DB STEFANI 

quelle dei Bagni di Lacca. Forse queste aflSnità derivano dal- 
Talta serie de' calcari secondar! con selce che esse traversano 
e dove probabilmente si mineralizzano. 

Le grandi affinità che sono fra le sorgenti uscenti tutte da 
calcari infraliassici, e le differenze dalle altre sorgenti della 
stessa regione, fanno credere che uguali sieno le cagioni della 
loro mineralizzazione, e che queste cagioni risiedano nei cal- 
cari medesimi e non altrove. È possibile che pur la tei-malità 
abbia le medesime cause, non profonde, della minemlizzazione. 
Determinare queste cause, salvo in pochi casi fra i quali non 
rientrano i nostri, è cosa estremamente difficile. Il più delle 
volte i due fatti sono in intimo rapporto fra loro in quanto 
un' acqua termale è suscettibile di mineralizzarsi molto più di 
un'acqua a temperatura normale. Che in molti casi la terma- 
lità sia conseguenza della stessa mineralizzazione fu ipotesi fatta 
più volte. Che le sorgenti sopra ricordate, fomite di una tempe- 
ratura di 20 e più gradi superiore alla media del luogo, acqui- 
stino il calore per semplice effetto dell'aumento del grado geo- 
termico nelle profondità del suolo è in parte possibile. Le acque 
di Torrite che sorgono a circa 33'' e, in un luogo nel quale la 
media è circa 10** e, dovrebbero sorgere dalla non grande 
profondità iì 690 m. supponendo 1' aumento di 1** e. ad ogni 
30 m. di profondità. Però la regione Apuano-appenninica, dove 
tali acque nascono, non è vulcanica e l'aumento del grado 
geotermico nella medesima è molto minore che nella Marem- 
ma, regione un tempo vulcanica, dove tuttora molte sorgenti 
hanno alta temperatura e sono accompagnate da gas variati. 
Le sorgenti nostre, in massima parte, e forse tutte, escono od 
almeno traversano calcari pieni di crepe e di fessure. 

Le acque che traversano calcari in ampie fessure, anche 
giungendo a grandi profondità sotto la superficie, non aumen- 
tano di temperatura, come si vede nelle regioni carsiche, anzi 
diminuiscono. La Pellaccia ed i Gangheri nella regione nostra, 
sorgenti grossissime ed abbastanza profonde, hanno una tempe- 
ratura (S"" e 9*) inferiore alla media dei luoghi ove nascono. 
Ove poi le fessure che le acque termo-minerali traversano per 
venire a gionio sieno ristrette e capillari, man mano che queste 



Digitized by VjOOQIC 



LE ACQUO TRRMALI DI TORRITB IX GARFAGNANA 14& 

salgono debbono perdere calore uniformandosi a quello dell'am- 
biente, Bieche nn' acqna che abbia acquistato calore soltanto per 
«ssere scesa a regioni molto profonde deve poi riperderlo il più 
delle volte quando lentamente ritorna alla superficie. Per tali 
ragioni credo che, senza escludere il possibile parziale aumento 
di temperatura per effetto del calore interno, parte delle sor- 
genti nostre acquisti calore in regioni poco distanti dalla super- 
ficie, per cause chimiche, pei fenomeni stessi che producono la 
mineralizzazione. 

I calcari infraliassici ed i pochi schisti concomitanti sono 
molto eterogenei, come è provato anche dalla estensione che vi 
hanno i calcari cavernosi senza restrizioni di luogo e di piano. 
Si notarono in essi, sovente, cristalli di albite e frequentissimi 
•cristalli anche microscopici di silicati del gruppo della scapo- 
lite. Tracce di limonite, un tempo solfuro di ferro, e cristalli 
di pirite inalterata abbondano negli schisti eventualmente con- 
comitanti, e da questi schisti poco permeabili sovente sgorgano, 
come nella stessa grotta E dei bagni di Torrìte, stillicidi di acque 
eariche di solfato calcico che abbandonano in incrostazioni con 
tracce di altri sali localmente originati. La formazione del solfato 
<5alcico per alterazione dei solfuri è quivi stesso abbastanza evi- 
dente, e questa formazione, se ha luogo, è accompagnata da svi- 
luppo di calore: il solfato calcico o magnesiaco è formato a spese 
del carbonato di calcio o di magnesio il cui acido carbonico si svi- 
luppa libero e può, a sua volta, secondo la temperatura e le 
pressioni, produrre soluzioni dei circostanti carbonati di calcio 
e di magnesio. Nelle parti schistose, che principalmente con- 
tengono solfuri, ed alla cui composizione prendono parte anche 
degli alcali, le scomposizioni possono dar luogo a solfati di 
«odio. 

Cosi pure la presenza di cloruri può spiegarsi non solo con 
le sicure, ma troppo scarse tracce di cloruro sodico che le stesse 
acque di pioggia, a si breve distanza dal mare, portano a cir- 
colare neirinterno del suolo, ma perfino col cloro che in mi- 
nime tracce è diffuso nei calcari infraliassici, come risulta da 
un' analisi del calcare infraliassico, compatto, di Avane presso 



12 



Digitized by VjOOQIC 



146 e. DR STBFAKl 

il Serchio in provincia di Pisa, fatta da Sestini e Mesoni, eh' io 
riporto (^), in 100 parti: 

Acqna igroscopica 0, 140 

Uesidao insolubile in HCl (scapolite, ematite) . 3, 953 

CO^ 41,533 

SO^ 0,039 

SiO« 0,080 

P-OS 0, 036 

CI 0, 020 

CaO 52,260 

MgO 0,503 

Pe-0' 0, 372 

Mn^O\ . . • 0,402 

Al'O^ 0,177 

H*S t raeee 

99, 515 

L'acido silicico presente nei calcari infraliassici ed in tutte 
le acque che ne escono, deriva forse dalla soluzione dei residui 
silìcei di radiolarie o di spongiari che si trovano diffusi nella 
roccia. 

Ad ogni modo le quantità di sali portate via annualmente 
all'interno del suolo dalle predette sorgenti è assai piccola, anche 
minore di quella che trascinano fuori sorgenti grosse di tem- 
peratura e di potabilità normali. 

Attribuendo alle sorgenti più saline di Torrìte la portata media 
di L. 1,50 il 1 ", sonoL. 129600 il giorno e metri cubi 47244 Tanno, 
che è circa la media diurna delle più grosse sorgenti che escono dai 
calcari nelle Alpi Apuane; la sorgente dei Gangheri infatti oscilla 
fra L. 238,95 (17 settembre 1900) e L. 750,39 (4 marzo 1901) 
il 1 '. Essendo il residuo solido delle dette sorgenti saline di 
grammi 6,2436 per litro, cioè grammi 6243 per m. cubo d'acqua, 
in un anno esso residuo sarà pari a grammi 294944292. Il peso 
specifico dei sali che rispettivamente lo compongono è 2,1 a 
2,2 pel cloruro sodico, 2 pel cloruro potassico, 2,3 a 2,33 pel 
solfato sodico, 2,5 a 2,78 pel carbonato calcico, ecc.; si può 



(') Sestini F. e Masoni G., Ricerche analitiche sul calcare nero di 
Avane (Proc. verb. Soc. tose, di se. nat., 8 marzo 1^03). 



Digitized by VjOOQIC 



LB ACQUE TKBMALl DI TORRITE IN GARFAGNANA 147 

prendere in inedia la cifra di 2,3. Dividendo il peso specifico' 
pei grammi si ha la cifra 12823664 che dà il volnme di meno 
di 13 m. e. Tanno e di m. e. 1282 per secolo, meno di qnello- 
che cape in nna stanza ayente 11 m. per lato, e m. e. 12823^ 
in nn millennio. S'intende che qoesta materia non è portata 
via tntta da nn Inogo, bensì qua e là, per modo da lasciare la 
roccia cariata e cavernosa come si vede sovente alla superficie 
e senza che avvengano per qnel fatto spostamenti veruni se non 
dopo lungo ciclo di secoli; nuovo esempio, pei profani, della 
estrema lentezza delle cause geologiche. Da anni ho sempre so- 
stenuto, e me ne convinsi sempre più che mai, che l'origine 
de' calcari cavernosi infraliassici ed eocenici nelle Alpi Apuane 
e nell'Appennino adiacente devesi, non già ad originaria sedi- 
mentazione, ma a lenta distruzione per via delle acque fil- 
tranti. 

Dalle cose dette pure si comprende come una piccola quan- 
tità di materiali eterogenei, solfuri o solfati, cloruri, alcali, ferro, 
diffusi nei carbonati calcarei e magnesiasi che costituiscono 
l'infralias della Torrite Secca, della Pania di Corfino, della Tor- 
rite di Gallicano, di Monsummano, del Monte Pisano, per ciclo 
di secoli, quanto può durare un'epoca geologica, è sufficientis- 
sima a produrre con le trasformazioni chimiche le incalcolabil- 
mente minime quantità di calore necessarie giornalmente a for- 
nire una sorgente termale, e le minime quantità di materie atte 
a mineralizzarla. Con ciò non dico che si possano spiegare il 
calore e la mineralizzazione di tutte le nostre sorgenti; ma credo 
assai fondata l'ipotesi che le cause dell'uno e dell'altra siano 
molto spesso; anzi il più spesso, superficiali ed assai limitate 
benché durature per età lunghissime. 

Bitenendo la portata della sorgente principale in L. 1,5 
per 1" a SS^'C, e 10"" la temperatura media del luogo, la sor- 
gente salendo da 10* a 33* C cioè a 23'' sopra la media locale 
consuma 34,5 calorie. Prendendo per equivalente meccanico del 
calore corrispondente a una grande caloria 423,5 chilogram- 
metri e ammettendo che la combustione di 1 Kg. di carbon 
fossile svolga 6000 grandi calorie, si ha che 34,5 calorie sona 
pari a chilogrammetri 0,08 per 1" cioè a chilogrammetri 253388 
in un anno, calore sviluppato da 42 Kg. di carbon fossile. 



Digitized by VjOOQIC 



148 e. DE STEFANI 

Si comprende da ciò che una causa minima basta ad ori- 
ginare la sorgente. 

Anche il Perrone, a proposito delle dette acque termali del 
Monte Pisano e delle altre che escono dai calcari infraliassici, 
sostiene che non acquistano la temperatura e la mineralizza- 
zione negli schisti sottostanti; ma nei calcari stessi C)j e solo 
attribuisce la presenza dei cloruri alle acque di pioggia, causa 
per verità inadeguata almeno pei non scarsi cloruri delle terme 
di Torrite. 

Le acque di Chìanciano, San Casciano dei Bagni, San Fi- 
lippo, vengono fuori, pur esse, direttamente o indirettamente da 
calcari infraliassici: ma si distinguono dalle nostre per essere 
in genere più termali, e per essere sovente accompagnate da 
solfuro idrico libero; sono nella composizione poi distinte per 
l'abbondanza dei solfati e dei carbonati e per correlativa scar- 
sità di cloro e di alcali. Quantunque la loro mineralizzazione, 
come quella delle acque nostre, abbia forse origine negli stessi 
calcari, pur le indicate differenze nelle dette acque della To- 
scana meridionale derivano probabilmente dal sorgere esse 
in una regione fino a poco fa vulcanica, la cui superficie e 
traversata da emanazioni di gas aventi origine più profonda 
dei calcari infraliassici, che turbano e modificano le trasforma- 
zioni manifestatesi in questi calcari. 

Fra le sorgenti straniere hanno le maggiori analogie con la 
nostra la Sprudel di Carlsbad, come risulta dall'analisi del Gòtti 
che riporto in nota, e che, salvo leggere differenze, pare una 
copia della nostra (*), le acque di Leamington in Inghilterra 
col 4,32 p. 100 di NaCl e 4,28 di Na, SO,, di SaintGervais 
in Francia, usate per bevanda, che sopra gr. 5,14 per litro di 
residuo solido hanno 2,03 di solfato sodico, e 1,60 di cloruro sodico. 

[ms. pres. 22 febbraio 1904 - ult. bozze 3 marzo 1904]. 

O Perrone E., Caria idrografica d'Italia. Amo, Val di Chiana e 
Serchio. Roma, 1902, p. 192. 

;*) Carbonato sodico 1,180; Carbonato calcico 0,263; Carbonato di 
magnesio 0,052; Carbonato di ferro 0,004; Solfato potassico 1,220; Sol- 
fato sodico 1,948; Cloruro sodico 1,136; Anidride silicica 0,137; Totale 
del residuo solido 6,968 (Gòtti, Liebig und Kopp, Jahresberìcht Chem. 
f., 1856, p. 772). 



Digitized by VjOOQIC 



IL MIOCENE MEDIO 
DI DULCIGNO E PISCTULJ NEL MONTENEGRO 

Nota del socio B. Nelli 



Nell'estate del 1902 il prof. Martelli, .facendo parte, in 
qualità di ge(»logo, di nna commissione scientifica per l'esplo- 
razione del Montenegro, riportava abbondanti collezioni geolo- 
giche, che gli serviranno per lo studio di quelle località. 

Approfittando della gentilezza dell'egregio collega ed amico, 
che volle mettere a mia disposizione il materiale raccolto presso 
il porto di Dulcigno, sotto la cittadella veneziana e quello di 
Pisctulj, mi sono accinto ben volentieri a questo breve studio. Il 
Tietze, che fu uno dei primi che si occupò di questi terreni, 
rimase incerto se potevano riferirsi al miocene oppure al plio- 
cene. Il Baldacci in seguito li riferiva decisamente al plio- 
cene per le somiglianze coi terreni pliocenici italiani. Il Suess 
infine intuiva bene che dovessero piuttosto considerarsi per 
miocenici, come ha potuto con prove paleontologiche dimostrare 
or non è molto il prof. Yinassa (*) e come può comprovarsi 
colle specie fossili da me studiate. La roccia che li racchiude 
riposa sopra terreni eocenici, ed è un calcare grossolano con 
Lithothamnium, insieme ai quali prendono parte tritumi minu- 
tissimi di conchiglie, briozoi e foraminifere del gen. Operculinay 
Amphistegina, Botalia, Discorbina, Biloculina, come risulta da 
alcune sezioni della roccia. I lamellibranchi vi si trovano pure 
in grandissima quantità, rappresentati in special modo da pecti- 
nidi e da ostree: la roccia prende a prima vista l'aspetto di 
una panchina. 

{}) Boll. d. Soc Geo). It., voi. XXI, 1H08, pag. 520 e seg. 



Digitized by VjOOQIC 



160 B. NELII 

Le specie esaminate non sono molte, ma tuttavia abbastanza 
<;aratterìstiche per una precisa determinazione. Esse sono le 
«egaentì : 

Cytherea muUilamella Lk. Peeten solarium Lk. 

Pecten incrassatus Partsch. » Malvinae Dub. 

(=P.^es«emH6niesD0DAndrz.). Badula Martellìi n. sp. 
Pecten revolutus Mìcht. Ostrea germanitula De Greg. 

» latissimtis Br. > crassissima Lk. 

» 9ca&r«7/tt5 Lk. Lithothamnium sp. 

Le specie provenienti da Pisctulj sono le seguenti: 

Ostrea crassissima Lk. Anamia ephippium L. 

» digitalina Dub. var. costato Brocchi. 

» gingensis (Schloth.). 

La facies di queste località corrisponde a quella elveziana 
-del bacino di Vienna e di molte altre località del miocene 
medio d'Italia. Se poi alle citate specie aggiungiamo il Pecten 
multistriatus Poli var. tauroperstriata Sacco, il P. deletus Micht. 
ed il P. Fuchm Font., indicate dal Vinassa, non è dubbio che 
questi calcari a lithothamnium non siano miocenici, riferibili 
anzi all'elveziano, cioè alla plaga delle laminarie del miocene, 
come il prof. Vinassa aveva riconosciuto prima di me. 

€ytherea multilamella Lk. 

Della specie abbiamo un solo esemplare in cattivo stato di 
conservazione. Tuttavia per la sua forma e per mostrare tracce 
assai distinte di lamelle concentriche sembra certamente riferi- 
bile alla specie detta. Questa presenta una eerta variabilità 
nella forma. Viene indicata in una quantità di luoghi nell'el- 
veziano e nel tortoniano d'Italia, come pure nel bacino di 
Vienna e nelFelveziano della Svizzera (Hórnes, pag. 131, 132). 
È comune nel pliocene ed è tuttora vivente. 

Pecten incrassatos Partsch. 

1848. Pecten incrassatus Partsch (in schedis) Hòmes. In Gejetk's - « Er- 

làuterungen sur geognosUschen KarU rem 
Wim » pag. 28. 



Digitized by VjOOQIC 



MIOCENE MEDIO DI DULCIONO E PISCTULJ XEL MONTENEGRO 151 

1865. Pecten Toumauerii May. Eym. (in echedis); Coli. Mns. dì Znrigo. 
1870. Pecten Besserii Hòrnes ^non Andrzejowski}. « Diefossiìen Moli, 

d. Tert Beck. von Wien>, pag. 404; tav. 

LXII; tav. LXIII, fig. 1-5. 
1900. Pecten incrassatus Partsch. Oppenheim. « Il miocene di Verona ed 

il P. Bes.serii degli autori ». Riv. it. di 

Pah, anno VI, fase, il, 30 giugno, pag. 94. 

Della specie abbiamo diversi esemplari, alcani dei quali 
rappresentati dalla valva superiore, altri dalla valva inferiore. 
Per quanto non interi, pure per i loro caratteri che non starò 
a riferire, essendo la specie abbastanza nota, corrispondono per- 
fettamente al P. Besserii (non Andr.) HOrnes (loc. cit.). 

Lo devo al prof. Yinassa se fu richiamata la mia attenzione 
«nlla forma in questione dell'Hòmes, della quale aveva già 
trattato il dott. Oppenheim. 

Hilber (*) per il primo aveva osservato che la specie de- 
scritta e figurata da H5mes come P. Besserii non corrispon- 
deva a quella di Andrzejowsky. In una mia nota sui < fossili 
miocenici dell'Appennino aquilano » (-) tenevo ben distinta la 
«pecie in questione di Hòrnes dal P. Karalitanus Menegh., cui 
Blanckenhom riferisce la detta specie, e piuttosto avvicinavo 
il P. Karalitanus al P. planosukattis Math., dal quale però 
«i distingue per un numero minore di coste. Oppenheim con 
varii ragionamenti esclude per la forma di HOmes, il nome di 
P, solarium Lmk., come pure quello di P. Angelica^ Dub., che 
•quell'autore fa sinonimo del suo P. Besserii, ma che è invece 
riferibile al vero P. Besserii Andr. Come osserva lo stesso 
Oppenheim restava a vedersi se per la specie del bacino di 
Vienna si poteva adottare il nome di P. conjux Smith (^, il 
<}uale avrebbe dovuto avere certamente la preferenza su quello 
di Partsch, qualora fosse stato realmente sinonimo del P. Besserii 
di Hòrnes. Oppenheim non è sicuro su questa sinonimia, per 

(*) Neue und itenig bekannte Conchylien aus dem ostgalizischen Mio^ 
•caen (Abhandl. der k. k. geolog. Reichsanstalt, Bd VII. Wien, 1882). 
• («) Boll. Soc. Geol. It.. 1900, voi. XIX, fase. IL 

(3) London, 1846. On the Age of the Teniary Beds of the Tagus, 
vith a Catalogue of the fosmU ^The quarterly journal of the geological 
Society of London, voi. II, pag. 418, tav. XVII, fig. 17). 



Digitized by VjOOQIC 



152 B. NELU 

cui sarebbe necessario rivedere l'esemplare di Smith, ed aver^ 
un più ricco materiale di confronto. Non si può negare certamente 
che il P. conjux, rappresentato, come sembra, dalla sola valva 
superiore, almeno a giudicare dalla figura e dalla descrizione, 
non presenti una certa somiglianza colla valva analoga figurata 
da HOmes (tav. LXIIl, fig. 1), Mancando però la valva infe- 
riore, di cui non si ha neppure la descrizione, la questione- 
resta molto incerta, per cui, almeno per ora, deve adottarsi il 
nome di Partsch riproposto da Oppenheim. La specie viene- 
indicata in molte località mioceniche italiane dall'aquitanìano- 
al tortoniano. È indicata nel bacino di Vienna ed altrove 
(Httmes, pag. 405). 

Pecten revolntas Micht. 

Della specie abbiamo un solo esemplare, rappresentato dalla 
valva destra. Il Depéret in una sua monografia sui Pectinidés 
néogènes de V Europe et des régions voisines (*) pone in sino- 
nimia della specie Vlanira Calabra del Seguenza('), che cor- 
risponde infatti alla specie del Michelotti. Ebbi già occasione 
di citare la specie tra i fossili dell'Appennino aquilano; del 
resto essa è comune e caratteristica dell'elveziano. 

Pectea latissimos (Br.). 

Della specie non abbiamo che un solo esemplare, non intero,^ 
rappresentato dalla valva destra. Per le sue dimensioni, per là. 
forma e l'ornamentazione delle coste, come pure degli spazi 
intercostali, corrisponde alla forma grande del bacino di Vienna 
dell'Hómes (loc. cit., tav. 56, fig. 1), che il Sacco pone fra le 
varietà della specie col nome di gihhoplana. I nostri esemplari 
non appartengono alla var. restitutensis Fontannes. 



C) Depéret et F. Roman, 1902. Mémoires de la Société Géologique 
de France. Paleontologhe, tome X, fase. I, pag. 46. 

(*) Seguenza, 1899. Le formazioni terziarie nella provincia di BeggiOy. 
pag. 75 e 122, tav. VII, fig. 13. 



Digitized by VjOOQIC 



MIOCENE MEDIO DI DULCIONO E PISCTULJ NEL MONTENF6R0 15^ 

La specie è comune nell'elveziano d'Italia, della Svìzzera, 
nel bacino di Vienna ed altrove (HOmes, pag. 396, 397), e cosi 
pure nel pliocene. 

Pecteu scabrellas Lk. 

I pochi esemplari da noi osservati, per quanto non in ot- 
timo stato di conservazione, non lasciano dubbio circa la loro 
determinazione per il numero delle coste, fitte e rotondeggianti. 
In gran parte mancano della parte estema del guscio, ma, dove 
trovasi, l'ornamentazione caratteristica delle coste e degli spazi! 
intercostali apparisce assai evidente. 

La specie è comune nel miocene medio d'Italia e nel plio- 
cene. 

Pecten solarium Lk. 

1B70. Peeten Tournalii (non Serres) Hòmes. mDiefoss. Moli, der 

Wien. B€ch>, tav. 58, ^g. 1-6, pag.398» 

1877, Macrochlamys? Tournalii Sacco. MolL terr. ters. Piem, ecc. Parte 

XXIV, pag. 36, 36, tav. XI, fig. 11-16. 

Della specie abbiamo la valva superiore, la quale corri- 
sponde perfettamente alla descrizione di Hòmes, mostrandosi 
ricurva, presso il vertice compressa, con 11 coste pressoché di 
eguale spessore, mentre quelle laterali sono molto ridotte, e 
costituiscono insieme una specie dì rigonfiamento. 

Credo inutile ritornare sulla questione della sinonimia, 
avendo già avuto occasione di parlarne. La specie è indicata 
nell'elveziano e tortoniano di molte località italiane, nel bacino 
di Vienna, nell'elveziano di Svizzera e di Francia. 

Pecten Malvinae Dub. 

Diversi esemplari, i quali per il numero delle coste e per 
la forma sono certamente da riferirsi alla specie. Alcuni mo- 
stransi provvisti di guscio, dove appariscono con evidenza le 
ornamentazioni caratteristiche delle coste. Questa specie è molto 
abbondante nei calcari di Dulcigno. In Italia essa è assai co- 
mnne nell'elveziano e tortoniano di molte località. All'estero è 



Digitized by VjOOQIC 



154 B. NRLLI 

indicata nel bacino di Vienna, nell'elveziano di Svizzera, di 
Francia, di Baviera, di Stiria, di Ungheria e di Gralizia. 

Radula Martelli! sp. n. 

Una valva snbtrigona, piuttosto stretta all'apice, legger- 
mente convessa, inequilaterale, molto obliqua. Lato anteriore 
<5orto, ed un poco convesso, lato posteriore quasi il doppio più 
lungo dell'altro e quasi retto. 

Margine della conchiglia integro, marcatamente convesso, se- 
<^ondo una curva brusca saliente ai lati. Superficie estema ornata 

di 21 coste raggianti, rin- 
nentisi in fascetto presso 
l'umbone, come apparisce 
manifesto dal lato ante- 
riore della conchiglia, dove 
essa è completa. Nella parte 
centrale manca un pezzo di 
guscio, e presso l'umbone 
solo lo strato esterno, dimo- 
doché nel substrato notansi 
deboli strie, rispondenti alle 
coste. Queste ultime, sottili 
e poco rilevate presso l'um- 
• bone, e lateralmente, vanno 
mano a mano allargandosi 
verso il margine della conchiglia, e nello stesso tempo fa- 
cendosi marcatamente convesse. Le coste laterali specialmente 
mostransi ornate di costoline minori appena marcate. Spazii 
intercostali larghi presso a poco quanto le coste, legger- 
mente concavi, nel centro dei quali risalta una piccola costo- 
lina ornata longitudinalmente di una serie di pieghette concen- 
triche parallele ai margini, che le contribuiscono un aspetto 
paglioso. Ai lati di questa costolina, nello spazio che decorre 
fra questa e le coste, notansi parimente le steme scagliosità 
«ulla superficie, caratteri che in certo qnal modo fanno rasso- 
migliare la specie ad un Pecten del tipo dello scahrellus Lk., 



Digitized by VjOOQIC 



MIOCBNB MKDIO DI DULClGNO B PISCTULJ NBL MONTENEGRO 155 

o deìVopermlaris L. Le orec(^hiette, per quanto in buona parte 
mancanti, appariscono nel loro insieme molto grandi, ornate di 
coste depresse, ramanti trasversalmente, alcune delle quali 
più larghe, fra le quali, raostransi altre costoline minori alter- 
nanti con esse: le une e le altre sono d'aspetto scaglioso, piit 
pronunziate al centro e al margine dell'orecchietta, e molto 
meno verso l'apice, dove quasi scompariscono. La nostra specie 
per questi caratteri non è da paragonarsi a nessuna delle forme 
mioceniche finora conosciute. Per la sua forma forse può pre- 
sentare una certa analogia colla Lima hians Gml., e come pure 
per mostrare larghi spazi intercostali; però le eoste di quella 
specie sono molto più sottili e molto meno rilevate, e non di- 
ritte come nella nostra forma, ma ondulate, e negli spazi in- 
tercostali non si trovano costoline minori. Per il numero e per 
l'aspetto delle coste potrebbe forse paragonarsi meglio colla 
L. tennis Desh. (*) dell'eocene, forma molto più piccola, dalla 
quale diflFerisce però per tutti gli altri caratteri ornamentali 
della conchiglia sopra descrìtta. 

Ostrea germanitala De Gregorio. 

1870. Ostrea plicatula (Gmel.) Hòrnes. « Die fossilen Molliuken des 

Tertiaer-Beckens von Wien>j Band. II, pag. 
439, tav. 72, fig. 3-8. 

1884. * germanitala De Greg. Studio su talune conchiglie mediter- 
ranee viventi e fossili con una rivista del 
gen, « Vulsella » e del gen. « Ficula >y ecc., 
pag. 47. 

1897. Alectryonia plicatula (Gmel.). var. germanitala De Greg. Sacco. I 

molluschi dei terr, terz, d, Piem. e lAg, Parte 
XXII, tav. V, fLg. 18-17, pag. 19. 

1900. Ostrea germanitala De Greg. Nelli. Foss. mioe. app. aquilano. Boll., 

Soc. geol. it., pag. 384. 

Non credo opportuno ritornare sulla questione della specie 
di cui già ebbi occasione di trattare (loc. cit.). Senza perciò 
stare a riportare quello che già dissi, resta assodato il nome 

(*) Deshayes, 1864. Animaux sans vertèbres du hassin de Paris, 
tom. II, pag. 67. Atlas I, pi. LXXVIII, fig. 20-22. 



Digitized by VjOOQIC 



166 B. NELM 

di 0. stentina Payr. per la specie vivente nel Mediterraneo, 
anziché quello di 0. plicatula Orni. Della specie abbiamo tre 
esemplari caratterizzati da pieghe numerose, grosse, irregolar- 
mente angolose, le quali nei nostri esemplari, non ben conser- 
vati, mostransi specialmente presso il margine della conchiglia, 
la quale prende cosi un aspetto ondulato. 

La specie viene indicata nel miocene medio in Italia, e nel 
bacino di Vienna; trovasi però anche nel pliocene. 

O^trea crassissima Lk. 

Un solo esemplare, il quale, per quanto non intero e non 
troppo ben conservato, pure per la sua mole, come per l'aspetto 
delle lamelle, è certamente riferibile alla specie detta. A questo 
esemplare di Dulcigno ne aggiungo altri di Pisctulj ad est di 
Mushura. 

La specie è comune nel miocene medio d'Italia, del bacino 
di Vienna, della Svizzera, della Francia, di diverse località di 
Boemia, Ungheria, Stiria, ecc. 

Ostrea digitalina Dub. 

Biferisco a questa specie tre buoni esemplari di Dulcigno, 
ed altri provenienti da Pisctulj. Trovasi nel miocene medio 
d'Italia. L'Hómes indica la specie nel bacino di Vienna. È in- 
dicata anche in Francia in molte località mioceniche, come 
pure nel Belgio (0. Ungulata TSyBt)^ in Slavonia, Transilvania, 
Ungheria, Galizia, Baviera. 

Ostrea gingensls (Schloth.). 

Un solo esemplare di Pisctulj, che, per quanto mancante del- 
l'umbone, per la sua forma, per l'aspetto delle lamelle e del- 
l'impronta muscolare deve certamente esser riferito alla specie 
detta. 

È comune nel miocene medio d'Italia. L'HOmes la indica 
nel bacino di Vienna; viene anche indicata nel miocene medio 
della Francia, in Germania (Wurtemberg), in Boemia, Unghe- 
ria, Croazia e Stiria. 



Digitized by VjOOQIC 



MIOCENE MEDIO DI DULCIGNO E PlftCTULJ NEL MONTENEGRO 157 

Anemia ephippiam L. var. costata Brocchi. 

Diversi esemplari di Pisctnlj, rappresentati da frammenti 
di guscio. L'HQmes indica questa forma nel bacino di Vienna 
(pag. 463). Trovasi inoltre nel miocene medio della Francia, 
dell'Ungheria e della Baviera. È comane nel miocene medio 
d'Italia e nel pliocene. VA. ephippium è specie tuttora vivente 
nel Mediterraneo. 

Lithothamnium sp. 

Probabilmente trattasi di una specie nuova, ma non posso 
affermarlo con sicurezza. Il tallo, divenuto calcareo, costituisce 
una massa compatta, alla superficie della quale appariscono 
delle escrescenze più o meno regolari, in forma di bitorzoletti 
di variabili dimensioni, spesso nodosi o scabrosi, anastomizzan- 
tisi fra loro. 

Le cellule dell'ipotallo sono rettangolari più o meno allun- 
gate, allineate e disposte in guisa da costituire delle stratifi- 
cazioni più meno regolari, ma, da quanto sembra, dovevano 
avere primitivamente struttura concentrica. La irregolarità di 
tali stratificazioni, dice il Poslie (*), devesi attribuire all'azione 
degli animali inferiori, ì quali hanno un'influenza perturbatrice 
anche sui concettacoli stessi. Gli strati fertili costituiti da cel- 
lule rettangolari, non presentano tutti un egual andamento at- 
traverso l'ipotallo; alcuni però conservano il solito andamento 
concentrico, e presentano serie di concettacoli di forma ovoi- 
dale più meno allungati del tipo di quelli del L. nummuli- 
ticum Gttmb., e disposti appunto come in quella specie. In una 
delle mie preparazioni ho potuto osservare meglio uno di questi 
concettacoli isolato, il cui diametro massimo è' di 180 t/.., in- 
torno al quale si piega il tessuto fertile in guisa da rivestirlo 
come di un astuccio di forma ovale, più acuminato ad una 
estremità, con diverse file di cellule, rettangolari, disposte in- 
torno in strati regolari concentrici. 

[ms. prea. il 24 febbraio 1904 — ult. bozze 4 aprile 1904]. 

(*) Stockolm, 1900. Calcartous Algae from Fuegia, by M. Foslie 
(Svenska expeditionen till Magellanslàndema, Bd. Ili, n. 4). 



Digitized by VjOOQIC 



SULL'OEIGINE DELLA «TERRA ROSSA: 



Nota del prof. P. E. Vinassa db Rrgny 



Sttirorigine della terra rossa si è lungamonte discusso, e 
pure oggi non si paò dire che tatti siano d'accordo sul modo 
esatto con cui si forma. Abbandonata 1' erronea ipotesi delle 
eruzioni fangose anche da quelli che più strenuamente la di- 
fesero, si ammise dai più che si trattasse di un fenomeno eso- 
geno, dovuto all'azione dell'acqua. 

La grande maggioranza degli autori, anche i più recenti, 
ammettono un'alterazione chimica del calcare per via di acque 
cariche di acido carbonico, e poiché quasi ogni calcare, anche 
puro, contiene in quantità più o meno grandi un residuo fer- 
ruginoso, cosi si accettò l'idea di un'asportazione del calcare,, 
con permanenza in posto del residuo ferrico. E ammesso il lungo 
volger di secoli si poteva spiegare il grande spessore di que- 
sta terra rossa cosi formatasi. 

Virgilio nel suo lavoro su Bari (*), parlando appunto della 
grande quantità di terra rossa, crede che il sale ferrico si sia 
disciolto chimicamente e rideposto per azione meccanica. A spie- 
gare il fatto che a Quattro-strade la terra rossa è esclusiva- 
mente ferruginosa e non contiene calcare, egli crede che in 
origine sia stata calcarea, ma che poi nuove acque abbiano di- 
sciolto il Ca CO3 per lasciare il sale ferrico insolubile puro, Vir- 
gilio si oppone poi all'idea di Jatta, che spiega l'origine della 
terra rossa per effetto di sorgenti ferruginose. A questo propo- 
sito egli nota come le sorgenti ferruginose depongano siderite, 
e come questa si alteri in limonite e non in ematite. Su que- 
sta idea non so quanti andranno d'accordo coll'egregio autore. 

(}) Morfogenia della prav. di Barù p. 19. 



Digitized by VjOOQIC 



SVLL'OBIOINE DELLA « TERRA ROSSA » 16^ 

Queflli Hioltre nel suo lavoro presenta ana notevole analisi di 
an calcare bianchisumo del Barese, nel qnale si rinviene la cifra 
a0tai rilevante di 0,63 V^ di residuo argilloso, rosso per sali 
di ferro. 

Neamayr, Tonla, Lapparent, Issel, Parona, Haas, per non 
citare che i recenti trattatisti, ammettono senz' altro an'ori- 
gine in posto, per asportazione del calcare disciolto e residua 
dell'argilla ocracea accnmalata coi secoli e riunita poi nelle 
doline più ampie a causa delle acque scorrenti. 

Il Neumayr a spiegare l'esistenza di questa argilla ocracea 
in quasi tutti i calcari anche bianchi ricorda come attualmente 
nelle profondità marine si abbia un sedimento rosso, ferrugi- 
noso, il quale pur nei tempi passati doveva formarsi e pertanto 
inquinare i calcari. 

Il Taramelli C) spiegava la grande quuitìtà di terra rossa 
nel Carso, considerando il lungo tempo durante il quale la re- 
gione è rimasta spoglia da ogni vegetazione esposta agH agenti 
atmosferici. 

Solamente il Walter C) abbandona il modo di vedere dei 
suoi predecessori, e molto logicamente ne fa una critica. Egli 
osserva che anche in questo caso, come in altri casi è avve- 
nuto spesso, l'esperienza eseguita in laboratorio, giusta in se, 
è stata male applicata a spiegare un fenomeno che avviene in 
condizioni diverse. Infatti in un vaso chiuso si può avere so- 
luzione di calcare e residuo, in poirto, di argilla ocracea; ma 
in natura non avviene cosi; si tratta di un mezzo assai di- 
verso, all'aperto. Come ammettere che delle acque che sciolgono 
e asportano decine di metri di calcare lascino in posto, fermo, 
il residuo ocraceo? Il Walter si limita a questa critica giu- 
stissima, ma non espone una spiegazione più plausibile. 

Effettivamente non è possibile, come dice il Walter, che le 
cose in natura si passino in tal maniera ed occorre ricorrere 
a qualche altra osservazione. E prima di tutto occorre stabilire 
alcuni dati di fatto. 



(}) DélV origine della terra rossa sugli affioramenti di suolo calcare. 
Rend. R. Ist. Lombardo, 2, XIII, 10-11. Milano, 1880. 

(•) Einleitung in der Geologie als historische Wissenschaft, I, p. 562- 



Digitized by VjOOQIC 



160 P. B. VINA88A DE RBONT 

Non è esatto ad esempio ammettere la presenza di nn re- 
siduo argilloso ocraceo in tutti qaanti i calcari bianchi come 
quelli carsici. Infatti non tutti i calcari lasciano questo resi- 
duo argilloso, mentre molti calcari, e anche dolomiti, bianchis- 
simi, contengono dei sali di ferro solubili, specialmente allo ' 
stato di carbonato ferroso. Rispetto a questo possiamo asserire 
che quasi non esiste calcare per quanto bianco, se si eccet- 
tuino forse» alcuni marmi, il quale non contenga in quantità 
più meno grandi del ferro o allo stato solubile o come resi- 
duo ocraceo. 

Va pure notato un altro fatto; che cioè non tutte le terre 
rosse sono argillose, ma se ne hanno anche delle calcarifere, 
come pure di quelle quasi esclusivamente ferruginose. E questi 
fatti escludono a priori che tutte le terre rosse siano originate 
pel residuo ocraceo argilloso dei calcari, come l'osservazione 
del Walter esclude l'origine in posto, almeno per parecchie 
di esse. 

La spiegazione dell'origine della terra rossa non può essere 
quindi quella sopra esposta, e che come si è veduto è ammessa 
dalla maggioranza degli autori. E prima di tutto dovremo am- 
mettere che varie siano le origini delle varie terre, poiché in 
natura raramente uno stesso effetto è prodotto da un'unica causa. 
Ond'è che anche per la terra rossa dovremo ammettere varie 
cause e tra queste, colle dovute correzioni, può anche accettarsi 
che sia appunto l'argilla ocracea, residuo dell' alterazione dei 
calcari, quella che produce i grandi depositi di « Terra rossa ». 
Ma per altre terre, come pure sul meccanismo di questa depo- 
sizione occorre far nuova luce. 

Pei calcari che tengono sali ferrosi solubili, per esempio car- 
bonato, è facile ammettere che le acque che Io hanno disciolto, 
venute alla superficie, perdendo anidride carbonica, depongano 
ossido ferrico insolubile : ma insieme al carbonato ferroso, si è 
disciolto anche il carbonato calcare, e alla superficie, perden- 
dosi CO2 , il calcare si riforma come travertino. In tal maniera 
quindi si tornerebbe ad avere su per giù la medesima propor- 
zione tra calcare e ferro ; solamente che nel travertino il ferro 
si troverebbe questa volta in stato insolubile. 



Digitized by VjOOQIC 



SULL^ORIGIMB DELLA « TERRÀ ROSSA » 161 

Vedremo in seguito come questo fatto possa avere un' im- 
portanza assai grande per l'origine dei depositi di terra rossa (^). 

Sino dal 1898, quando feci i miei primi studi sulle acque 
artesiane del comune di Cascina ('), fu attirata la mia atten- 
zione dai depositi ocracei da esse lasciati nei fossi pei quali 
scorrono, depositi che somigliano notevolmente ad alcuni dei 
tipi più comuni di terra rossa. 

L'acqua artesiana, limpida appena uscita dal pozzo, ha un 
forte sapore ferruginoso, e quindi rapidamente si intorbida e 
precipita l' idrato ferrico con contemporanea formazione di bol- 
licine gassose. Dopo un poco di tempo il deposito si riunisce 
nel fondo dei canali o dei recipienti e l'acqua toma ad esser 
limpida. 

Un' osservazione facilissima può farsi prendendo una bot- 
tiglia di quest'acqua. Essa sul primo è limpida, e benché il 
disgustoso sapore ferruginoso sia forte, non dà reazione col prus- 
ftiato. Lasciandola a sé, dopo un poco si nota un leggero inal- 
bamento e poi un intorbidamento più forte ; contemporaneamente 
la parete della bottiglia si cuopre di numerose bollicine gas- 
sose. Intanto sul fondo si raccoglie il precipitato bianco che 
rapidamente si riveste del precipitato fioccoso di idrossido fer- 
rico. Dopo qualche tempo l'acqua è limpida e ha perduto il suo 
sgradevole sapore. Il processo chimico avvenuto nell' acqua 
estratta e tenuta nel recipiente è assai semplice. Le bollicine 



(^) La terra rossa non va intesa del resto esclusivamente nel senso 
di quella speciale formazione caratteristica del Carso. Terre rosse sene 
hanno in varie regioni, di vari tipi, in alcuni punti quasi del tutto fer- 
ruginose, in altri calcaree e argillose; si possono anche avere argille 
leggermente arrossate ecc., le quali tutte insieme costituiscono per me 
il fenomeno della terra rossa, che é prevalente nelle regioni carsiche 
calcaree. 

La terra rossa, intesa In tal maniera, si forma anche attualmente 
sotto ai nostri occhi, e non é quindi un fenomeno oggi terminato e 
tanto meno limitato ad un esclusivo tipo di paesaggio, come sarebbe il 
Carso. 

(*) T pozzi artesiani nel comune di Cascina, Boll. S. geol. it., XVII, 4, 
p. 233-244 con carta geolog. 

18 



Digitized by VjOOQIC 



162 P, R. VINASSÀ DE REGNY 

gassose sono di CO^, l'intorbidamento bianco è carbonato cal- 
care insolubile, prodottosi per perdita di CO^ del bicarbonato 
solubile. 

Ma pel deposito del sale di ferro non si può ricorrere ad 
una reazione del genere poiché il ferro non si trovava sciolto 
nell'acqua, ma invece sospeso allo stato colloidale. 

Un fenomeno simile a quello dell'acqua dei pozzi artesiani 
di Cascina avviene per molte altre acque sotterranee artesiane 
freatiche, e anzi sono stati fatti impianti speciali per libe- 
rare l'acqua da questi sali di ferro. 

Il Haas C) fa osservare che tutta l'acqua di fondo della 
pianura settentrionale tedesca è ricca di ferro, e ciò è una ro- 
vina per le condutture ecc. delle città. Egli nota altresì che 
quantunque la preregione alpina meridionale e settentrionale 
sia geologicamente simile alla pianura tedesca, pure nelle acque 
mancano questi depositi ferrosi. A spiegare questo fatto egli 
ammette che le sabbie diluviali della pianura tedesca si siano 
imbevute dei prodotti di dilavamento delle lateriti ferruginose. 
Le interstratificazioni torbose agiscono come riducenti sull'ossido 
ferrico delle sabbie trasformandolo in ferroso, solubile nelle 
acque che vengono portate alla superficie. Qui il sale ferroso 
si ossida e passa a ferrico insolubile, che si depone nei con- 
dotti, intasandoli, nei recipienti ecc. e rende cattive le acque 
del sottosuolo. 

Anche Beck (*), parlando dell' origine del ferro palustre, 
accenna alla solubilità dei sali di ferro per riduzione, ed a ri de- 
posizione per effetto di ossidazione dei sali ferrosi solubili. 

Ed un altro fatto mi spinse ancora ad occuparmi di questo 
argomento, quando ebbi letto un interessante lavoro del pro- 
fessore Gasperini, relativo alla formazione di incrostazioni fer- 
ruginose nei tubi di condottura per effetto di un'alga, la Chre- 
notrix kuhniana detta il flagello delle condutture da tutti 
quelli che l'hanno studiata. 



(!) Quellenhunde. Leipzig, 1895, pag. 179. 

(*) Lehre der Erzlagerstàtten. Berlin, 1903, p. 134. 



Digitized by VjOOQIC 



SULL^ORIGIMB DELLA « TERRA ROSSA > 168 

Il Gasperini C) crede che la Chrenotrix, ch'è poi una Beg- 
giatoa, sia, se non l'unico, almeno il modo prevalente con cui 
il ferro può deporei, e spiega i depositi ocracei con fenomeni 
biochimici per la proprietà di alcuni microrganismi di porre in 
evidenza il ferro. Egli stesso però distingue la precipitazione 
di idrato ferrico in granulazioni aderenti agli organismi e l' im- 
medesimazione dell'idrato nella guaina cellulare. 

Secondo Gasperini molte acque, tra cui parecchie prove- 
nienti dai calcari cavernosi, depongono una terra rossa anche 
se svelano all'analisi una tenuta minima di ferro. E questa 
deposizione non avviene d' inverno quando la vegetazione è so- 
spesa, ma avviene in quantità durante l'estate quando è rigo- 
gliosa la vegetazione cespugliare dei filamenti. 

A proposito di questo è da osservare il fatto, notato ma 
non ancora pubblicato dal collega ing. Clerici che me lo comu- 
nicò gentilmente, che in alcune terre rosse si sono rinvenuti 
fossili i tubuli di alghe che fissarono il ferro. Questo fatto, col- 
legato alle osservazioni di Gasperini, dimostra come anche per 
le terre rosse fossili si debba in alcuni casi per la loro spie- 
gazione ricorrere alla presenza di organismi fissatori dell' idrato 
ferrico, e dimostra pure ancor più come sia erroneo attribuire ad 
una sola causa l'origine di tutte quante le terre rosse. 

Ripensando alla insufficienza delle spiegazioni date, alla com- 
plicazione delle reazioni chimiche supposte, ma più che altro 
alla mancanza di reazione pel ferro nelle acque artesiane di 
Cascina, che pure danno dei depositi ocracei fortissimi, mi 
venne in mente che si dovesse ricorrere ad un'altra spiegazione 
relativamente alla presenza del ferro nelle varie acque. E cioè 
ammettendo che il ferro si trovasse nell'acqua non allo stato 
di sale solubile, ma allo stato di sale sospeso, in soluzione 
colloidale. 

Seguendo tali idee ho creduto utile procedere ad una serie 
di ricerche sperimentali allo scopo di ottenere della terra rossa 
artificiale, studiandone il meccanismo di formazione. Ho ado- 



(') Sulla cosiddetta Chrenotrix kuhniana o j^olyspwa, in rapporto 
alla sorveglianza igienica delle acque potabili. Mem. Soc. tose. Se. na- 
turali, XVI, p. 240. 



Digitized by VjOOQIC 



164 P. R. VIKASSA DB RBGRY 

perato ana solnzione colloidale di idrossico ferrico, ottenuta me- 
diante un buon dializzatore. La pìccola quantità di cloruro fer- 
rico che talvolta può restare nella soluzione colloidale non in- 
fluisce sulle esperienze, poiché il cloruro ferrico non precipita 
durante le esperienze fatte colla soluzione colloidale. 

Con acidi o con soluzioni saline aggiunte, anche in quantità 
piccola, alla soluzione colloidale, si ha precipitazione dell' idros- 
sido. In natura la soluzione salina più comune sarà naturalmente 
quella del carbonato acido di calcio; anche questa soluzione, 
per quanto diluitissima, produce una precipitazione totale del- 
l' idrossido di ferro in sospensione. Mi sono servito per l'espe- 
rienza prima di una soluzione satura di carbonato acido di cal- 
cio, poi dell'acqua dell'acquedotto perugino che è fortemente 
calcarea. Dalla soluzione colloidale diluita di idrossido di ferro 
la precipitazione totale avveniva lasciandola traversare per qual- 
che tempo dall'acqua dell'acquedotto. 

Per determinare anche la quantità della precipitazione de- 
terminai prima la quantità di ossido idrato di ferro contenuto 
in un centimetro cubico di soluzione colloidale. Vidi cosi che 
ogni cmc. conteneva gr. 0,034 di sale di ferro. 

Con 10 cmc. di soluzione, pari a gr. 0,34 di sale di ferro, 
posti in 20 litri di acqua distillata, ebbi precipitazione totale 
colla semplice aggiunta di 50 cmc. di soluzione satura di bi- 
carbonato calcare. Nel precipitate esistevano solo tracce di car- 
bonato calcico insolubile. 

Altre prove erano dirette a vedere i materiali più comuni 
in natura, i quali potessero produrre la precipitazione del sale 
di ferro colloidale. 

Nella soluzione colloidale diluita aggiungendo terreno argil- 
loso grigiastro sospeso nell'acqua, dopo un poco di tempo si 
aveva deposto il materiale sospeso il quale era divenuto ocra- 
ceo, mentre nel liquido non restava più traccia di sale di ferro. 

Lo stesso avviene adoperando del caolino puro, anche se la 
solnzione è in piccola quantità. Ponendo 5 cmc. di soluzione 
dializzata in 10 litri di acqua distillata, e aggiungendovi gr. 30 
di caolino puro sospesi in altri 10 litri d'acqua pure distillata, 
il caolino che si depone è rossiccio per precipitazione dei gr. 0,17 
contenuti nella soluzione colloidale. Si avverte una colorazione 



Digitized by VjOOQIC 



sull'obiginb dblla «tbrra rossa» 166 

assai distinta anche adoprando 1 cnic. di soluzione (gr. 0,034) 
diluito in 10 litri d'acqua, e 50 gr. caolino sospeso in altri 
10 litri d'acqua. 

Presi poi della pura sabbia quarzosa e mediante due setacci, 
uno metallico con fori di 74 ^^' ^^ diametro ed uno di seta 
finissima, ne feci due porzioni. Lasciando cadere nella soluzione 
colloidale diluita la sabbia di ^'^ mm. non si aveva alcuna pre- 
cipitazione anche agitando fortemente la polvere nel recipiente. 
Lasciando cadere la polvere finissima si aveva iprecipitazione 
solo dopo ripetuta agitazione della polvere. 

Agendo nello stesso modo con polvere di marmo non si aveva 
al momento della immissione alcun precipitato. Ma dopo forte 
agitazione, se si trattava della sabbia di \'^ mm., dopo leggera, 
se si trattava della polvere fina, avveniva la precipitazione. 

Uguali risultati come colla polvere calcarea ho ottenuti 
adoperando invece materiale dolomitico. 

Credo che queste diversità e questi fatti possano facilmente 
spiegarsi. Infatti il quarzo, più duro, non dà coll'agitazione 
polvere cosi sottile che resti un poco di tempo in sospen- 
sione, e che cadendo abbia la possibilità di trascinar seco il 
sale di ferro. Mentre il calcare e la dolomia, più teneri, danno 
una tal polvere con maggior facilità. Oltre a ciò il calcare può 
in parte dìsciogliersi e presentarsi quindi il caso di una soluzione 
salina. 






Dimostrato cosi come per molte delle terre rosse un'origine 
per deposizione del sale ferrico da soluzioni colloidali sia pos- 
sibile, resta a vedere se soluzioni colloidali simili possano tro- 
varsi in natura. Bicordiamo prima di tutto che basta solamente 
che il sale ferrico sia estremamente diviso, perchè le acque lo 
possano portare in soluzione colloidale. Ora effettivamente mentre 
si può dire che quasi ogni calcare puro contiene del ferro so- 
lubile insolubile, si può dire altresì che questo è sempre in 
quantità cosi piccola che deve trovarsi sparso nella roccia allo 
stato di divisione massima. Onde le acque che asportano, scio- 
gliendolo, il calcare, possono asportare in soluzione colloidale 
il ferro insolubile. Inoltre, se si tratta di sali ferrosi solubili, 



Digitized by VjOOQIC 



166 P. E. YINASSA DB RRGNY 

già vedemmo come questi possano, alla superficie, passare rapi- 
damente a ossido idrossido ferrico insolubile, esso pure allo 
stato di grande divisione. E questo può avvenire tanto alla su- 
perficie dei calcari rocciosi, quanto per rideposizione dei cal- 
cari disciolti. Quindi in ultima analisi anche pei calcari con- 
tenenti sali di ferro solubili si passa facilmente a sali di ferro 
insolubili, ma asportabili dalle acque in soluzione colloidale. 
E quindi anche da precedenti depositi ocracei possono le acque 
asportare il sale ferrico sotto questa forma. 

Ammessa cosi la possibilità di trovare in natura soluzioni 
colloidali di idrato ferrico, vediamo come possano formarsi i 
depositi potenti e localizzati di terra rossa. 

Tali depositi si trovano specialmente nelle conche carsiche, 
nelle doline. Per coloro che ammettono la formazione in posto 
della terra rossa, tali ammassamenti nelle cavità calcari rap- 
presentano il lavorio delle acque, che hanno là trasportato e 
ammassato la terra rossa già formata sui calcari circostanti. 

Poiché fu dimostrato che la formazione in posto della terra 
rossa difficilmente può ammettersi, vediamo se meglio non ri- 
sponda alla verità il concetto che la terra rossa delle doline 
carsiche si sia formata non sul calcare ma invece nella dolina 
stessa. Effettivamente noi potremo ammettere che le aeque con- 
tenenti l' idrossido ferrico colloide si siano riunite in queste 
conche più o meno ampie, e che quivi si siano fermate per un 
tempo più meno lungo. Si sa che la soluzione colloidale è 
molto instabile, e che anche pel solo fatto di restare in riposo 
si può avere deposizione del sale di ferro. Inoltre vedemmo 
per Tesperienza fatta che in una soluzione salina come quella 
di bicarbonato calcare, il sale di ferro precipita rapidamente, 
mentre il carbonato acido calcare non si depone che in quan- 
tità trascurabile. Per il semplice fatto quindi dell'arresto di una 
soluzione colloidale in una conca carsica, e tanto più se Tacqua 
era anche salina, può ottenersi la deposizione del sale di ferro 
e quindi una terra rossa quasi esclusivamente ferrifera. Si noti 
a questo proposito che anche se nuove acque arrivano nella 
conca sino ad empirla non solo, ma anche a farla traboccare in 
modo che Tacqua continui il suo cammino, se Tacqua nuova ar- 
rivata è per le condizioni di densità, temperatura ecc. identica 



Digitized by VjOOQIC 



SULL'ORIGINE I^LLA « TERRA ROSSA » 167 

a quella contenuta nella conca, questa non prende parte al mo- 
vimento che in quantità trascurabile, e solamente nella sua por- 
zione più superficiale. Nel fondo della conca quindi può supporsi 
immobile l'acqua, e perciò possibile la deposizione del colloide. 

Ammettiamo adesso che in una conca carsica contenente 
una soluzione colloide giunga nuova acqua, ma questa volta 
carica di materiale argilloso. Niente di più facile che ammet- 
tere questo, poiché calcari argillosi sono assai comuni anche 
in mezzo ai bianchi calcari carsici. L'argilla giunta nella conca 
carsica, e trovandosi in ambiente tranquillo si deporrà trasci- 
nando seco il ferro sospeso. Ed eccosi formata una terra rossa 
argillosa. Noteremo a questo proposito che lo stesso avverrà 
anche se la conca carsica fosse stata già piena. La nuova acqua 
essendo più densa non passerà sopra al liquido preesistente, ma 
riuscirà a penetrarvi, cacciandone il meno denso superficiale. 

Supponiamo adesso che nella conca carsica, ove stanno 
acque con ferro idrato sospeso, arrivino nuove acque, ma questa 
volta sature di bicarbonato calcare; fatto anche questo facilis- 
simo ad avverarsi. Giunte nella conca e poste in quiete a con- 
tatto dell'aria, si avrà emissione di CO, e deposizione di car- 
bonato calcare, che trascinerà seco il sale di ferro colloidale: 
ed ecco originata una terra rossa calcarea. 

E lo stesso avverrà se in una di queste soluzioni colloidali 
si avrà uno sviluppo rapido di microorganismi, che formino 
quasi direi un precipitato, che trascini seco il sale di ferro, 
anche se gli organismi stessi non siano di quelli che assorbono 
direttamente i sali ferrici, come le Beggiatoa, le Gallionélla ecc. 

Naturalmente tutti questi esempi possibili e probabili in 
natura possono avverarsi anche nelle condizioni inverse, in cui 
cioè sia la soluzione colloide che viene a contatto con una so- 
luzione salina, o una sospensione precedenti. 

E potremmo fare anche altri casi a dimostrare la possibi- 
lità di quanto ho esposto. E ciò che per ripetute volte può ac- 
cadere nelle grandi conche, sino a formare un potente deposito di 
terra rossa, può anche avvenire in piccolo in qualsiasi incavo supera 
fidale del calcare, ove le acque possono pure fermarsi per un poco 
di tempo e dare origine a questi fenomeni. Le piccole conche ed i 
minori incavi andando poi distrutti per 1' erosione successiva, 



Digitized by VjOOQIC 



168 P. E. VINASSA DR BEONY 

la terra rossa che vi sì trova andrà sparsa qua e là a rico- 
prire la superficie dei calcari, e potrà allora essere erronea- 
mente interpretata come un'alterazione in posto dei calcari sot- 
tostanti. 

Nel Monte Pisano sono comuni nel calcare cavernoso delle 
piccolissime conche, talvolta del diametro di 10-20 cm. appena, 
le quali dopo le piogge sono sempre per qualche giorno ripiene 
d'acqua o cadutavi direttamente o discesa dai calcari sovra- 
stanti. Il fondo di queste minuscole doline è sempre coperto di 
terra rossa; e la quantità di essa è tale che certamente non 
può esser derivata dall'alterazione dei pochi centimetri quadri 
di calcare che forma l'incavo. Senza dubbio i piccoli incavi 
trattengono le acque scendenti dalla vetta calcarea tutta per- 
forata dalle acque, e facilitano la deposizione del sale ferrico 
sospeso. Le acque di questi incavi sono limpide, né danno la 
reazione dei sali di ferro disciolti; mentre, abbandonate a sé 
stesse, depongono in quantità più o meno grandi l' idrossido 
ferrico. 

Rispetto alla quantità del ferro nelle terre rosse è poi da 
notarsi che non occorre che esso si trovi molto abbondante. Un 
colore rosso può esser dato anche da quantità assai piccole di 
idrato ferrico. Quanto più grossi saranno del resto gli elementi 
ricoperti dall' idrato ferrico, tanto minor quantità di questo sarà 
necessaria, trattandosi naturalmente di minor superficie da rive- 
stire. È quello che si osserva nei terreni agrari, ove l'idrato ferrico 
colloidale è uno degli agenti cementanti assai importanti ('), e 
che a parità di colore è sempre in maggior quantità nei terreni 
a elementi sottili che non in quelli a elementi maggiori. E nel 
suolo agrario il colore rosso è dato quasi sempre dai sali di ferro 
colloidali. Può anche darsi il caso che nella stagione piovosa i 
sali ferrici passino a ferrosi e quindi divengano solubili; questi 
però tornano a sali ferrici nei terreni asciutti ed aerati. Il sale 
ferrico colloide che si forma allora o cementa grandi blocchi di 
arenaria, come avviene talvolta, o cementa piccole particelle 
del terreno dando loro il colore rosso caratteristico. Quello che 



CJ W^rrìngtou, Physical jìfoperties of Soih, pag. 28. 



Digitized by VjOOQIC 



BULL'ORiaiNB DELLA «TERRA ROSSA» 169 

ayyiene nel snolo coltivato quindi, sarebbe lo stesso di quanto 
avviene pure nella formazione della tipica terra rossa. 

Un'obiezione che si potrebbe fare a questa ipotesi è quella 
ehe soluzioni colloidali di idrato ferrico possono aversi anche 
dai graniti, da altre rocce cristalline, da arenarie ecc., mentre 
in tali rocce non si ha formazione di terra rossa. L'obiezione 
non mi sembra possa avere grande valore. Prima di tutto vi è 
da osservare che se il sale ferrico esistesse nei graniti e nelle al- 
tre rocce non calcaree nella proporzione stessa nella quale esiste 
nei calcari, o meglio nella quantità che, in parità di tempo, 
si altera nei calcari, si dovrebbe in qualsiasi maniera avere 
terra rossa anche ammettendo la vecchia ipotesi dell'alterazione 
in posto. Secondariamente, rispetto alle quantità del sale ferrico, 
sappiamo come le acque che derivano ad esempio dai graniti, 
siano molto più pure di quelle originate dai calcari. Finalmente 
occorre por mente ad un'altra importantissima condizione mor- 
fologica ; nei graniti e nelle altre rocce cristalline manca la forma 
a dolina, la quale permette la permanenza delle acque nella 
conca, e quindi la deposizione del colloide. 

A dimostrare la possibilità e la verosimiglianza di questa 
nuova spiegazione dell'origine delle terre rosse, almeno di una 
buona parte di essa, ho ricorso per ultimo ad un'esperienza 
facilissima, e che riproduce quanto può veramente avvenire in 
natura. 

Una serie di grandi vasi di vetro posti l'uno sotto all'altro 
funzionavano da doline. Nel pnmo vaso posi una soluzione col- 
loidale di idrossido di ferro diluita. In questo primo vaso feci 
penetrare o dell'acqua con argilla in sospensione o dell'acqua 
calcarea. Mediante sifoni l'eccesso dell'acqua passava da un vaso 
all'altro. Nel fondo dei vari vasi, naturalmente più nel primo 
che nel secondo e via di seguito, si formava poco a poco o 
una tipica argilla rossa, o dello idrato ferrico appena appena 
calcareo, a seconda dei due casi sopra accennati. 

Finalmente nel terzo o quarto vaso l'acqua restava del tutto 
limpida. E in tal maniera con piccola quantità di sale ferrico 
colloidale e con qualsivoglia quantità d'acqua ho potuto ripro- 
durre della tipica terra rossa disposta sul fondo dei vasi. 

14 



Digitized by VjOOQIC 



170 P. B. VINAS6A DB BEiQMT 

A me sembra che accettando quest'idea rispetto all'origine 
della terra rossa, siamo sempre nei limiti del possibile e ansi 
del probabile in natura, e si possono vincere le obieaoni che 
all'antica opinione dell'origine in posto, pel semplice disfaci- 
mento dei calcari, giustamente venivano fatte. 

Del resto l'ammettere la formazione delle terre rosse come 
dovuta ad un fenomeno di coiloidalità risponde assai bene ai 
concetti oggi ammessi universalmente rispetto all'origine, non 
di piccole masse quali sarebbero quelle della terra rossa, ma 
di grandissime estensioni quali sarebbero le formazioni fluviali 
deltizie, certamente originate pel passaggio allo stato flocculento 
delle particelle colloidali d'argilla sospese nell'acqua dei fiumi, 
al contatto di una soluzione salina, qual' è l'acqua del mare. 

Perugia, Laboratorio di Geologia del B. lai. superiore agrario. 

[ma. pres. il 7 marzo 1904 - alt bozze 90 marzo 1904]. 



Digitized by VjOOQIC 



UN INTERESSAVATE POSSILE DEI PEPEEINI 



Nota del socio dott. Alrssandro Portis 



Presento alla Società an oggetto dall'apparenza modestissima, 
e che, ciò malgrado, spero riescirà ad interessare i miei col leghi, 
se mi vorranno seguire nelle osservazioni che sovra di esso ho 
potato fare, e le dedazioni che ne sono discese. 

Benché non l'abbia io raccolto in posto, né estratto dalla 
roccia, ma l'abbia rinvenuto in particolari condizioni posteriori 
di giacitura, sarei per dire erratico; tuttavia, basta l'ispezione 
accurata della relazione dell'oggetto colla roccia che ancor par- 
zialmente l'avviluppa e, seguendone esattamente tutto il tor- 
tuoso andamento de' margini, ne penetra la cavità della quale 
ancor riveste tutte le pareti, per convincersi che l'oggetto, tal 
quale esso oggi si presenta, venne ad esser compreso dalla 
roccia in produzione^ e solo ne usci molto posteriormente per 
naturale degradazione e disgregazione della roccia stessa. 

La roccia incassante» malgrado il suo stato di decomposi- 
zione, è agevolmente riconoscibile come tufo peperinico; l'esame 
alla lente ne fa discoprire le miche, le augiti, le melaniti, le 
scoriuzze, ed i grani di rocce endogene diverse, il fondo ar- 
gilloso grigiastro che tutto avvolge e cementa le rocce etere- 
gene accessorie caratteristiche, quali sovrattutto: calcari meta- 
morfosati, e piromache. E per fame risaltare bene la identità 
ho dotato il campione di un complemento, molto meno alterato, 
di vero peperino, che a tale scopo ho ridotto in sobeggiole e 
frammentuzzi di diversa mole e forma. 

L'oggetto per se stesso parrebbe a prima vista un pe»imo 
e molto bistrattato moncherino di osso fossile, ma anche qui 
l'esame alla lente ci indica successivamente che nettano dei 
danni evidentemente sopportati dall'osso è posteriore alla ana 



Digitized by VjOOQIC 



172 A. PORTIS 

infusione nel peperino e alla saa fossilizzazione; che invece tatti 
vi sono anteriori, e che, a parte di alcuni per macerazione 
(sempre anteriori alla inclusione nella roccia), tutti sono decisa- 
mente intenzionali e voluti. 

L'osso, che evidentemente è un canone di ruminante, fu 
ostinatamente addentato, roso e divorato quando era ancor fresco 
e, per la presenza della parte organica, più soffice nelle sue 
parti più tenere e spugnose, da un carnivoro di non troppo 
grande mole che, dopo esservisi accanito contro, riusci a pri- 
varlo di entrambe le sue estremità articolari più massicce; e 
ad improntare profondamente i propri denti aguzzi e taglienti 
sopra la più dura ed incrostata diafisi cava, pure avendo ra- 
gione di una parte di essa ; ma che tuttavia lo abbandonò ad uà 
certo punto; allorché cioè il carnivoro vide quanto magro risul- 
tato si avessero i suoi tentativi di masticare e rodere più 
avanti. 

Ci rimane cosi una preziosa reliquia di 12 centimetri di 
lunghezza massima che, a ciascun capo, è tutto in giro marcata 
per 2 centimetri di lunghezza con una fascia di impressioni, di tagli 
promiscuamente sovrapposti, ad andamento sovrattutto girante, 
tanto più moltiplicati e profondi quanto più vicini ai margini 
delle estremità, in corrispondenza delle quali essi sfondarono a 
diverse altezze la parete ossea, e permisero l'accennato gra- 
duale distacco e distruzione delle estremità articolari. Ciascuna 
fascia di impressioni è poi, oltre i due centimetri detti, conti- 
nuata verso il mezzo della diafisi per meno di un centimetro 
di lunghezza in una zona di sfuggita delle addentature; in fatti 
vi si vedono scheggiature della lamina esterna dirette longitu- 
dinalmente e come conseguenza di particolari impressioni loca- 
lizzate di denti a tagli obliquamente giranti, dipendenti appunta 
da una improvvisa mancanza di presa, e da scivolamento dei 
denti verso la lunghezza dell'osso ; repressi facilmente dalla 
8proporzi<me della cavità boccale del carnivoro colle dimensioni 
dell'osso contro cui si accaniva. 

Egli è precisamente sullo esame delle piccole dimensioni 
dei denti, o meglio delle incisioni e tagli che si osservino in- 
dividualizzati, e sulle piccole dimensioni della cavità boccale 
non arrivante lateralmente, e quindi utilizzata soltanto a poeo 



Digitized by VjOOQIC 



UN INTERRSSANTB FOSSILB DEI PEPERINI 173 

più di metà larghezza, a dare un lavoro utile, che verrei a con- 
cludere si tratti di un carnivoro canide di non troppo grande 
mole, e a denti molto (per un canide) aguzzi e taglienti; ed 
un bell'esemplare della comune volpe farebbe molto bene al 
caso mio. 

Dopo che il carnivoro, per qualsivoglia ragione dovette 
abbandonar quell'osso contro cui tanto si era affaticato e con 
cosi magro risultato; l'osso stesso deve esser caduto ed aver 
qualche tempo macerato nell'acqua. Questo lo deduco da un 
tal quale attenuamento e contusione di alcuni dei tagli meglio 
individualizzati, e dallo stato di assoluta spogliazione dal te- 
gumento periosteo in cui il peperino rivesti il fossile, stato 
assai simile a quello in cui escono le ossa dalle vasche di ma- 
cerazione dei gabinetti di preparazione anatomica. 

Ho detto più sopra per brevità, che l'osso cosi bisti-attato 
(cosa comunissima) prima della fossilizzazione era agevolmente 
riconoscibile per un canone di ruminante, e con ciò certamente 
non ho detto molto. Ma dopo di aver cercato di scoprire e tro- 
vati l'azione e l'artefice della medesima, era naturalmente 
acuita la curiosità a rinvenire anche la vittima, e conoscerne il 
nome; ed anche per ciò non sono stato disgraziato, in quanto 
sarei giunto a qualche cosa di assai interessante nella mia 
istruttoria. 

Il canone è anteriore, cioè è un metacarpale destro, ed ap- 
partiene ad un bue, che, grazie alla durezza sua ed alla resi- 
stenza opposta alla voracità della volpe, o altro piccolo canide 
divoratore, mostra non fosse, quando ne subì le ultime opera- 
zioni eliminatorie, di prima gioventù. Quindi se un metacarpale 
destro di bue non troppo giovane, ricompletato non misurerebbe, 
come nel caso attuale, più di 191 mm. di lunghezza massima 
per 31 di larghezza trasversa (minima a mezzo della diafisi) e 
22 mm. di larghezza antero-posteriore (minima a metà della 
diafisi) noi dovremmo aver qualcosa di ben più piccolo, leggero 
e slanciato del Bos primigenius Boj. (o di un suo vitellino) al 
quale quasi unicamente si sarebbe rivolta la immaginazione 
quando ho potuto determinare che il mio metacarpale aveva 
appartenuto ad un Bos. 



Digitized by VjOOQIC 



174 a; portjs 

Dal dover pensare pel riferimento alla razza attuale Bos tau" 
ru$ hrachyceros BUtim. Q) si è ben presto condotti alla medesima 
razza o specie fossile chiamata ancora Bob braehyceros dal- 
rOwen (') e posteriormente, benché impropriamente, Bas lon^ 
gifrons dallo stesso Owen {^), E come essa, sniraffermazione 
sempre dell' Owen, si troverebbe fossile in Inghilterra fin nei 
depositi pliocenico-snperiori (^); cosi sì vién condotti per mezzo 
della specie nominale: Bos taurm hrachyceroides (^) del Pohiig, 
fondata sa avanzi raccolti nelle sabbie gialle pliocenico-marine 
di Cinaglio d'Asti, alla specie reale raccolta nel pliocene al- 
quanto più elevato dell'Astigiana stessa, nel Yaldamo ed in 
tanti altri ponti fossiliferi pliocenici italiani (^), e portante il 
nome di Bos etrusctis Falc. (Bos stenometopon E. Sism.): Si 
viene cosi a dover riconoscere attravei^so alle brevi ma concor- 
danti descrizioni dei caratteri dello scheletro di questa specie 
dati dal Falconer ('), dal Rtitimeyer, dal Pomel (*), dal P. Ger- 

O Rtitimeyer L., Die Fauna der Pfahlbauten in der Schtceig. Neue 
Denkschrif. d. Allg. Schw. Ges. f. gas. Naturwiss., Bd. 19, 1869, Zttrich, 
1n-4^, pag. 143 e seg., 205. i: Verstich einer natUrliehen GeschichU des 
Rindes in seiner lìesiehungen zu den Wiedei-Jcàuern im Allgemeinen, 
^•« Abth. Neue Denkschrif., etc, Bd. 22, 18H7, Zurich, in 4^ pag. 161 e 
«eg. 6: Die Rindeì' der tertiaeì' Epoche, nebst Voistudien zu einen Na- 
inrliehen Oeschichte der Antilopen. Abh. d. Schweiz. Palaeont. GeseliBchaft 
Bd. 5, 187778, S. 154-56, taf. 7, f. 3. Zurich, mA\ 1878. 

(^) Owen R., A history of hritish foasil mammaU and birdSf London, 
in-8^ 184«, pag. 509. 

(*) Owen R., A history of hritish fossil mammals, etc, pag. SOS- 
SIO, ng. 211212. 

(*) Owen R., Hist. hr'/t, foss. Mamm, etc, pag. 510 et 515. 

(^} Pohltg, in Verzeichniss n, 12 der hervorragende neuen Erwerbungen 
■der palaeontologischen Ahiìieilung des Rheinischen Mineralien Coniors 
Dr. F. Krantz. Bonn. Mai 1898, Seite 6, (2'« Spalto) and 7, (1*« Sp.) 
Bonn. in-4°. 

{^) Forsyth Major C. I., V ossario di OUroìa in Val di Magra. Proc. 
Terb. Soc Tose, di Se Kat., voi. 7 (P. 57-76), pag. 72-75. Pìm, 1890. 

(*) Falconer Hugh , Palaeontological Memoirs and Notes, voi. 29^ 
pag. 481, London, in 8^ 1868. Vedi anche: Lydekker R., Catalogne affossa 
mammals, Brii, Mus^ Part. 2, pag. 1920. London, in-S*', 1885. 

(^) Pomel, Catalogne méthodique et descriptif des verte'brés fossUes 
découverts dans le bassin hydrogr, sup. de la Loire^ etc Paris, in -8®, 1854^ 
<a pag. 114). 



Digitized by VjOOQIC 



UV INTRUK88ANTR FO.S{>ILB DRI PEPERINI 175 

vais (*), dairOwen e dal Depéret (*), come bì abbia precisa- 
mente, per essa, a fare con una specie piccola e slanciata; e 
tale, da potervi agevolmente riferire^ il nostro maltrattatissimo 
esemplare di metacarpale destro. Siccome poi, già da alcuni 
anni, erami conosciata nella fauna fossile pliocenico-superiore di 
Roma e provincia questa forma, ed io stesso, che ancora non 
avevo avuta occasione di registrarla nel 1896 (^), ebbi in seguito 
sicura documentazione di essa presso di noi; cosi vien resa 
tanto più attendibile la ulteriore documentazione per mezzo del 
metacarpale che presentemente ci occupa, e la determinazione 
dell'osso stesso in modo quasi sicuro al Bos etruscm Falc. {Bas 
flatus Pom. Leptobos Strozaii Btttim. con tutto il resto di sua 
sinonimia). 

Ecco quindi aperta un'altra serie di deduzioni sopra questa 
apparentemente tanto modesta impronta fisiologica. Un piccolo 
bue pliocenico: un individuo di Bos etruscus Falc, vuoi per 
violenza estema, vuoi per causa intrinseca individuale, viene 
a morire. Un canide, lupo o volpe che esso si sia, suo contem- 
poraneo, concorre con altre cause a distruggerne il cadavere, ed 
in particolar modo si arrabatta a distruggerne a suo prò' un 
osso fra i più resistenti dello scheletro, il nostro metacarpeo, 
osso che, stanco e malsazio, abbandona; osso che vien poi dalle 
acque accolto e conservato per qualche tempo, finché le ingiurie 
traumatiche patite, la macerazione e la putrefazione, ne sciol- 
gono e staccano il periostio e ne intaccano la sottostante la- 
mina compatta. Una o più esplosioni vuloanico-prodnttive av- 
vengono intanto, ed il materiale tufaoeo-peperinico che se ne 
ottiene incontra questo povero moncone, lo involge e tappezza 
da tutte le parti ; e persino è spinto dall'acqua dentro la doppia 



Q) Oervais P., Zoologie et Palaeontologie Frangaises, 2™« ed., Parìsr 
1859, in-4^ a pag. 184. 

(*) Depéret Ch., Nouvelles études sur les ruminanis pKocènes et qua- 
lémotres d'Auifergne. Bull. d. 1. Soo. Qéol. d. Fr., 8"* Sér., Tome 12, 
1884, pages 247-284, pi. 5-8, Paris, in-8*, 1884. (a pag. 274). 

(3) Portis A., Contribiufioni alla storia fisica del bacino di Roma, e 
studi sopra Vestensione da darsi al pliocene superiore. Volume 2^, Torino, 
Boux e Frassanti edit., in-4'', Torino, 1896. Vedi Telenco di pag. 106-118 
a pag. 109, sotto i numeri d'ordine 57, 57 bis e 58. 



Digitized by VjOOQIC 



176 A. PORTiS 

cavità interna rimasta penetrabile ai due capi per Tavvenuto 
divoramento delle più spugnose estremità articolari, e tende a 
rivestirne o ad adattarsi più strettamente contro le pareti sue. 
E cosi il residuo del magro e laborioso pasto del canide vien 
finalmente sottratto ai pericoli e conservato per Tavvenire. Ma 
conseguenza necessaria che ne deriva se la specie è pliocenica, 
l'individuo fresco che subì queste vicende era pliocenico, l'ani- 
male che ne guastò l'osso fresco dopo morto era pliocenico, e 
l'eruzione peperinica che avviluppo fresco e conservò questo 
metacarpale mal ridotto conservandoci cosi bene le tracce delle 
cause e del modo di maltrattamento, fu essa ancora pliocenica! 
Dunque una prova di più della pliocenicità dei peperini. 

Vengo di dire più su che il nostro prezioso esemplare vien, 
colla inclusione nel tufo peperinico, finalmente sottratto ad ul- 
teriori danni e pericoli, e conservato per l'avvenire, e credo 
con ciò di aver detto giusto, e tuttavia di non essere stato 
cronistoricamente esatto. Perchè io sia tale, bisogna che aggiunga 
un capitolo alla sua cronaca: quello che riguarda il come e il 
dove questo oggetto venne in mio possesso, e per conseguenza 
in quello dello Istituto geologico universitario di Soma. 

Dopo di aver successivamente esportato, e in modo minu- 
zioso esplorato, livello per livello, tutto quel po' di materiale 
sovraincombente (ed erano metri di potenza su diecine e diecine 
di metri quadrati di superficie) l'Architetto Giacomo Boni ve- 
niva a scoprire, e successivamente ad estendere, non in senso 
superficiale soltanto, ma eziandio verticale, il sepolcreto prero- 
muleo presso al tempio di Antonino e Faustina accanto la Via 
Sacra nel Foro Bomano. Ora è precisamente la tomba Pi di qael 
sepolcreto, cioè una tomba dei livelli più bassi e, fra le tombe, 
una le di cui fosse tagliarono quelle di altre preesistenti e 
quindi da ritenersi fra le relativamente più giovani, la tomba 
che mi ha fornito l'esemplare di cui mi sono fin qui occupato. 
Molte fra le tombe di questo sepolcreto erano, al di sopra del- 
l'oggetto inumato (cassa con scheletro, o dolio con vasi fune- 
rari e cinerari), guemite di un'ancora conservata piramide groB- 
solana di blocchi di roccia per lo più tufacea, a varietà assor- 
tite. Fra i residui del cumulo della tomba Pi si trovò il me- 
tacarpeo destro di cui è sopra questione, con la particolarità 



Digitized by VjOOQIC 



UN INTERESSANTE FOSSILE DEI PEPERINI 177 

t^he fra le diverse varietà e modalità di rocce tufacee già an- 
notate per nna ventina di tombe, il peperino non vi figura che 
una sola volta con parecchi blocchi di lapis gahinus alla 
tomba T, mentre la roccia residua che ancora tappezza ed ade- 
risce al metacarpeo di Bos etniscuSy è piuttosto da riferirsi al 
peperino pretto, come quel che si cava a Marino, o meglio 
ancora all'Àriccia. Bimane a sapersi, data la facile alterabilità 
del peperino, se Tosso venne inscientemente trasportato a Boma 
a far parte del mucchio funerario dentro un blocco di peperino 
•disfattosi poi ed avente così messo in libertà il nostro fossile; 
o se il disfacimento della roccia involgente, avvenuto presso il 
giacimento originale, abbia messo pressoché in libertà il fossile, e 
permesso cosi di portare allo interveniente da lontano al rito fune- 
rario a Roma, di portare, dico, un oggetto di pìccola mole giacente 
«ul terreno, ed offrente un'impronta particolare. Io opinerei per 
la prima ipotesi, quantunque il fatto di aver trovato, fra i mucchi 
di blocchi tufacei svariati ma oscuri di altre tombe dello stesso 
sepolcreto, bianchi ciottoli calcarei o silicei spiccanti sul fondo 
cupo dei tufi possa anche dar peso alla seconda, e farla j)re- 
valere. 

Roma, 13 febbraio 1904. 

[me. pres. 14 febbr. 1904 - ult. bozze 10 marzo 1904]. 



15 



Digitized by VjOOQIC 



INOCERAMI DEL VENETO 



Noni del dott C. Airaohi 



Oggetto della presente nota è lo studio di trecento esemplari 
circa d'inocerami del Veneto che mi vennero affidati per lo 
studio dai chiarmi proff. Omboni, Taramelli, Farona, De Stefani^ 
e dott. Dal Lago. 

Essi rappresentano le seguenti specie: 

Inoceramus duhius Sovv. 

> Oosterii Favre. 

> Coquandianus d'Orb. 
» cordiformis Sow, 

> Broìigìiiartii Sow. 
» labiatus Schloth. 

» Cripsii Mant. 

le quali, se si eselude Vln. duhius Sow. non ancora noto pel 
lias veneto, e Yln. Oosterii Favre coir/n. Coquandianus d'Orb. 
che fin dalla prima volta che vennero citati pei terreni veneti 
ebbero una giusta determinazione, passano, come risulta dai la- 
vori di Catullo ('), ^igno ('), Nicolis (^, Munier (^), Tommasi (*), 
Balestra ('^X Dal Lago('), sotto i nomi di: 

(') Catullo T. A., Saggio di Zoologia fossile della provincia veneta. 
Padova, 1827. 

(*) De Zigno A., Sulla cosiitgeol, dei M. Euganei (R. Acc. di Pa- 
dova), 1861. 

(') Nìcolis E., Note illustr, della carta geol. della provincia di Ve- 
rona. Verona, 1882. 

(^) Munier Chalmas, Etud. du ThiU, du crét. et du tert. du Vicentin. 
Parigi, 1891. 

(') Tomma8Ì A., I fossili senoniani di Vernasso. (R. Ist. Veneto). Ve- 
nezia, 1891. 

(®) Balestra A., Contrib, geol al periodo cretaceo del Bassanese (Club 
alpino bassanese, voi. Ili), Bassano, 1897. 

( ' ) Dal Lago D., Note geol, di Valdagno. Valdagno, 1899. — Note a- 
lustratice della carta geol, della prov. di Vicema, Vicenza, 1903. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



INOCRRAMI DEL VRNETO 179 

Inoceramus propinquus Mant. (vedi Catallo). 

» cuneiformis d'Orb. (vedi Zigno). 

» Lamarckii Eom. (vedi Zigno). 

» problematicus d'Orb. (vedi Nicolis). 

» Cuvierii Sow. (vedi Nicolis, Dal Lago). 

> Cripsii Mant. (vedi Tommasi, Dal Lago). 
» italicus Mun. (vedi Munier). 

> regularis d'Orb. (vedi Dal Lago). 

> Brongniartii Sow. (vedi Balestra). 

» siriatus Mant. (vedi Balestra, Dal Lago). 

» labiatus Schloth. (vedi Balestra, Dal Lago). 

> annulatus Oold. (vedi Dal Lago). 

> concentricus Sow. (vedi Dal Lago). 

A completare però l'elenco bisognerebbe aggiungere Vln. 
concentricus Sow. di Zigno trovato a Val Nogaredo e rappre- 
sentato da tre modelli intemi, che secondo il mio modo di ve- 
dere, caasa il loro deterioramento non permettono una deter- 
minazione specifica, e Vln. neocomiensis d'Orb. citato da Ba- 
lestra pel neocomiano di Po ve che non mi fu possibile avere 
in esame. 

Unitamente alle specie sopra citate m^ si presentò l'occa- 
sione d'illustrarne altre tre, una dell'albiano della Provenza, 
un'altra del turoniano della Vestfalia, e una terza del turoniano 
del Texas; quest'ultima sarebbe una specie tuttora, almeno cosi 
risulterebbe dalle mie ricerche, inedita di Boemer, le altre due 
nuove. Esse sono: 

Inoceramus praedigitatus n. sp. 
» conff4Sus n. sp. 

•p erenistriatus Boemer (m sched.). 

ConsiderqLzìom gienerali. 

Gl'inocerami del Veneto per la maggior parte proTUigono 
dalla creta superiore, dalla scaglia cinerea e rossa delle ben 
note località fossilifere di Novale, Valdagno, Magre, Teolo, 
Pnmane ecc., come Vln. labiatus Scht., Vln. cordiformis Sow., 
Vln. Brongniartii Sow., Vln. Cripsii Mant., che insieme ai di- 
Tersi echini [Cidaris pseudopistillum Cott., Echinocorys vulr 



Digitized by 



Google 



180 e. AIRAGHI 

garis Breyn., Sienoìiia tnberculata Defr., Offaster pilula Lam., 
Cardiasier subtrigonatusCBÌ.y Micraster fasti ffatus(hintìì, ecc. (')], 
caratterizzano il tnronìano e il senoniano. Meno numerosi sono 
gl'inocerami più antichi; quattro esemplari dell'in. Coquan- 
dianus d'Orb. accennerebbero la presenza dell'albiano a Solagna 
e a Val Nogaredo, i pochi delF/w. Oosterii Fabre provengono 
dalla zona a Peltoceras (ransversarium a Zulli e a Erbezzo nel 
Veronese ('), e i due soli esemplari di In. dubius Sow. raccolti 
dal prof. Taramelli provengono dal lias (toarciano) d'Agordo, 
località di cui finora non si conoscevano ìnocerami. Un'altra 
località di cui finora non si conosceva alcun inoceramo è quella 
di Castellavazzo nel Bellunese, dove da un calcare cinereo, duro, 
compatto, si ebbero dei belli esemplari d'In, cordiformis Sow, 
é d' J«. Bron(jniartiì Sow. che hanno il loro massimo sviluppo 
nel turoniano. 

In generale poi, come quasi sempre avviene per questi fos- 
sili, gl'inocerami del Veneto sono mal conservati, ma non man- 
cano le eccezioni, e due valve raccolte a Valrovina da Balestra 
presentano la superficie cardinale conservata quasi perfetta- 
mente, tanto che il fortunato raccoglitore, inviandoli in dono 
al prof. Parona, potè scrivere: * Due belli esemplari fomiti 
della cerniera, gli unici che in tante escursioni geologiche abbia 
trovato cosi perfetti ». Alcuni altri, con molta mia pazienza però, 
si prestarono abbastanza bene all'isolamento della superficie 
legamentaria dalla roccia, fatto questo che mi permise di poter 
fare delle considerazioni forse non prive d'interesse. 

Ho preso in esame i lavori di Brongniart (^), Mantell(^), 
Sowerby ('), Goldfuss (*), Itóemer (^, d'Orbigny 0, Zittel O, 

(}) Airaghi C, Echinidi della acaglia crei, veneta. Mem. R. Acc. delle 
Scienze di Torino, 1902-03. 

(*) Nicolis e Parona, Note strat e paleont. sul giura mp. della prov. 
di Verona. (Boll. Soc. geol. ital.). Roma, 1886. 

(^) Brongniart, DescripU géol. dea environa de Paria. Parigi, 1822. 

(*) Mantell G., Geol. of Suaaex. Londra, 1822. 

(^) Sowerby J., The Minerai Conchology. Londra, 182B. 

(«) Goldfuss A., Petrefact. Germaniae. 1834-40. 

(') D'Orbigny A., Ten\ crét. (Pai. fran^.). Parigi, 1843. 

(«) Ròemer F., Die Kreid. von Texaa. Bonn, 1852. 

(®) Zittel C, Die Biralven der Gosaugehil ecc. (Denk. der Kais. Aka- 
demie der Wissenschaften XXV). Vienna, 1866. 



Digitized by VjOOQIC 



INOCERÀMI DBL VRNBTO 181 

Stoliczka(0, Geinitz(0, MeekO, Schluter('), Decocq f ), Jack- 
HonC), Neumayr('), WoodsO, Doavillé O, Lahusen ('"), Ber- 
nard ("), Petrascheck, (") ecc., e a proposito delle cognizioni at- 

(^) Stoliczka F., Cretac, fauna ofsouih. India, voi. III. The Pelecy- 
poda, Calcatta, 1871. 

(*) Geinitz H. B., Ueber Tnoceramen der Kreidefor, (N. Jahrb.) Stutt- 
gart, 1873. — Dos Elbthalgeb. in Sachsen (Palaeontogr., XX). Cassel, 1873» 

(3) Meek F. B., Inveri. Crei. and. Tert foss. ofthe Upper Missouri coun- 
try (R. U. S. G. S., voi. IX). Washington, 1876. 

(^)SchluterC.,ZMrGa«. Jnoceramii«(Palaeont., XXIV). Cassel, 1877. 

(^) Decocq C. Sur les Inocérames Àssoc. frang. p. Pavane, des sciences, 
Lille 0874). 1875. 

(^) Jackson R. T., Phylogeny ofthe Pelecypoda (Mem. Boston Soc. 
Nat. Hist., voi. IV). Boston, 1890. 

(*) Neumayi% Beitrag. su einer morphologischefi Einth. der Bivalven^ 
(Denkschr. Akad. der Wissenschaften. voi. LVIII). Vienna, 1891. 

(«) Woods H., The Mollusca of the Chalk Back (Qnat. jour. of the 
Qeol. Soc. of London, voi. LUI). Londra, 1897. 

I®) Douvillé H., Lamellibranches (Ann. géol. univ., voi. V, VIII). Pa- 
rigi, 1888, 93. 

(^^) Lahusen J., Ueber die russischen Aucéllen (Mém. Cono. géol. Russie^ 
voi. Vili). Pietroburgo, 1888. 

('') Bernard F., Sur le développ. et la morph. de la coguille chez les 
LameUibranches(Bo\\. Soc. géol. fran^., voi. XXIII, XXIV). Parigi, 1895-96. 

(*') W. Petrascheck, Ueber Jnoc. aus der Kreide Bòhm. und Sachs. 
(Jahrb. der kais. geol. Reiehs, B. LUI) Vienna, 1903. 

Vedi anche i lavori di: 

Merton, Organic Eemains of the Cretaceous Group, ofthe U. S. 1834. 

Montagna C, Generazione della terra, Torino, 1864. 

Coquand M. H., Géol. Fai. de la région sud de la prov. de Costantine, 
Marseille, 1862. — Synopsis des anim.foss. (Boll. soc. géol. Fran^.), 1859. 

Pictet J. et Campiche G., Descript, d. foss. creU de S. Croix (Mat. 
p. 1. Paléont. suisse) Genève, 1868. 

Zittel C , Trait. de Paleontologie. Monaco, 1888. 

Fallot J. E., Et géol. d. Terr. crét, sud-est de la Trance. Paris, 1885. 

De Stefani C, Studi pai. sulla creta sup. e media delVApp. seti, (A ce. 
Lìncei). Roma, 1885. 

Fischer P., Manuel de Conchyologie, Parigi, 1887. 

Peron A., Notes pour ser. à VHist. du terr. crét. ecc. (Bull. S. Scien. 
hlst. nat.de TYonne). Auxerre, 1887. — Les étag. crét. sup. desAlpesMa- 
rit. (Boll. Soc. géol. frang.). Parigi, 1901. 

Miiller G., Die Moli, des Untersenon ecc. (Abhand. der kòn. Preuss. 
geol. Land.). Berlino, 1898. 

De Alessandri G.. Foss. cret. della Lomb. (Palaeont. Ita!.). Pisa, 1899. 

V^allemann A., Die Fauna der Luneb. Kreide {AhhBXid. der kon. Preuss. 
geol. Lf^nd.). Berlino, 1902. 

Anderson F., Cret. Dep. Pac. Coast. (Proc. Calif. Acad. of Scien.) 
S. Francisco, 1902. 



Digitized by VjOOQIC 



182 e. AIUAOHI 

tnali sul genere Inoceramus trovai da qualche autore espressa 
l'opinione che la forma ancestrale degli inocerami sia rappre- 
sentata dal genere Aucella avente una cerniera avìcnioide, che 
^li inocerami formano un ramo distinto dalle Gervillia e dalle 
Pema, e che la loro origine la si debba cercare tra le avicu- 
loidi. Ma pur ammettendo l'origine degli inocerami tra le avi- 
cnloidi, riguardo alla loro derivazione dalle ancelle è da osser- 
vare che mentre gì' inocerami si considerano esistenti fin dal 
trias, le aucelle solo dubitativamente sono citate per terreni più 
antichi del giura superiore. 

Si sa pure che la superficie legamentaria è lunga o breve, 
diritta leggermente obliqua, sempre fornita di piccole e nu- 
merose fossette parallele fra loro, ma non è ancora dimostrato 
in modo assoluto ch'essa, come è probabile, varii da specie a 
specie 

Finora le determinazioni specifiche degl'inocerami, più che 
a,ltro, si basarono sulla forma generale della conchiglia, sull'an- 
damento delle pieghe, sulla posizione e sviluppo dell'umbone, 
'Caratteri negl'inocerami di poco conto, perchè variabilissimi. 
Avvenne cosi che anche i migliori paleontologi cadessero in 
gravi errori, che per la stessa specie si avessero sinonimie dif- 
ferentissime, e talora si riunissero in una sola, delle specie 
molto diverse, come fece lo Schluter (1. e.) per l'/w. Brmgniartii 
Sow., coir/w. cordiformis Sow., e talora si considerassero in- 
vece come specie autonome delle semplici varietà. 

Visto pertanto che per ben determinare gl'inocerami, oltre 
-che i caratteri estemi, è bene studiare anche la superficie le- 
gamentaria, cercai di conoscerne il maggior numero possibile, 
non solo tra il materiale del Veneto, ma anche tra quello di 
altre località, esistente nel B. Museo geologico di Torino, iso- 
lando quella delle ieguenti specie: 

Inoceramus praedigiiatiis n. sp. (una valva sinistra). 
» concenfriciis Park, (due valve sinistre). 

» ìahiattis Schlth. (due valve sinistre e una destra), 

» cordiformis Sow. (due valve sinistre e una destra). 

» latiis Mant. (una valva sinistra). 



Digitized by VjOOQIC 



INOCBRAMI DBL VBNRTO 188 

Inoceratnus Brongniariii Sow. (due valve sinistre, due frammenti 
di valva destra). 
> cùnfìisus n. sp. (una valva destra). 

» Cripsii Mant. (una valva sinistra e diversi fram- 

menti). 



A 



Inoceramus praedigitatus n. sp. ('), specie dell' albiano. 
«Superficie legamentaria (fig. 1) subtrapezoidaie, oblr- 
>qna, lunga la metà della lunghezza della conchi- 
glia, fornita da quattro o cinque fossette snbqua- 
drate. 

Inoceramtis coneentricus Park. (fig. 2) specie ^^' ^' 

deiralbiano. Superficie legamentaria subtrape- 
^^^Tk zoìdale, obliqua, lunga la metà della lunghezza 
^^t^A della conchiglia, fornita da sette oppure otto 
^^^^^^ fossette. Si distingue da quella della specie 
'^ " precedente per il numero maggiore e per la 

i^ig 2. forma meno subquadrata delle fossette. 

Inoceramus labiatus Schlth., specie del turoniano (fig. 3). 
Superficie legamentaria subtrape- 
^oidale, obliqua, breve, meno della 
metà della lunghezza della conchi- 
glia, alta, con fossette numerose, 
fitte e poco profonde. Si distingue 
da quelle delle altre specie perchè 
più breve, più alta, e perchè le sue Wg. s. 

fossette sono sempre più fitte, più strette, più numerose. 



(^) Inoceramus praedigitatus n. sp. (Tav. iV fig. 13, 14). È una specie 
molto affine air Jn. sulcatus Park, pure dell'albiano; ovale, inequivalve, 
«ol lato anteriore subtronco, coirumbone sviluppato e ricurvo, ornata da 
sette o otto pieghe angolari, divergenti, separate da profondi solchi, 
striati trasversalmente, se non che queste pieghe invece di giungere 
fino all'umbone distinte le une dalle altre, si riuniscono insieme gene- 
rando un^unica piega più grossa nella parte mediana della conchiglia, 
come avviene press'a poco nei grandi esemplari d'In, digitattu Sow. 
della creta bianca del Nord d'Europa e della creta superiore del ba- 
cino del Mediterraneo. 

Albiano: Perte dn Rhone. 




Digitized by VjOOQIC 



184 



e. AIR AGHI 




Inoceramus cordiformis Sow., specie del taroniano e del 

senoniaDO (fig.4, tav.I\\ 
fig. 8). Superficie lega- 
mentaria snbrettangola- 
re, diritta, lunga quasi 
come la lunghezza della 
conchiglia, alta, con fos- 
sette ben delineate, rade, 
.^ì robuste. Si distingue da 
^ quella dell'/n. labiatus 
Pig. 4 Schlth. perchè diritta e 

non obliqua, perchè più lunga, perchè attraversata da fossette 
meno numerose e più profonde. 

Inoceramus latus Mant., specie del turoniano (fig. 5). Su-- 
perfide legamentaria subrettangolare, lunga diritta, più della metà 
della lunghezza della conchiglia, 
alta, con numerose fossette medio- 
cremente profonde. Un labbro su- 
periore alquanto robusto, sporgente 
sulla valva sinistra lungo tutto il 
margine superiore della superficie ^'^' °' 

legamentaria, la distingue facilmente da quella dell'/n. labiatus^ 
Schth., e dairz». cordiformis Sow., tanto più che nell'uno è 
fornita di fossette più grandi, e nell'altro poi è anche obliqua^ 
InoceramtiS Brongniartii Sow., specie del turoniano e del 
senoniano (fig. 6, tav. IV, fig. 3). Superficie legamentaria sub- 
rettangolare, diritta, lunga metà 
della conchiglia, alta, con fossette 
ben distinte, che solcano però sola- 
mente la metà superiore della su- 
perficie legamentaria, mentre quella 
Fiff. 6. inferiore rimane perfettamente li- 

scia. Queste due parti talora sono poste in un medesimo piano, 
talora lungo la linea di congiunzione formano un ben marcato 
spigolo. 

Inoceramus confiisus n. sp., specie del turoniano (fig. 7). 
Superficie legamentaria, diritta, lunga metà della lunghezza 
della conchiglia, bassa. Essa nella valva destra la si può con- 





Digitized by 



Google 




INOCBRAMl DEL VENETO lb5 

siderare come formata da dne parti, l'nna 
perpendicolare all'altra, e tutte e due attra- 
Pig. 7. versate da piccole fossette, e perciò la si 

distingue, facilmente da quella della specie sopracitata. 

Inoceramus Cripsii Mant., specie del senoniano e turoniano 
(fig. 8). Superficie legaraentaria diritta, 
lunga più della metà della lunghezza 
della conchiglia, bassa, fornita da fos- 
sette numerose, ma piccole, e anguste. 
Tra tutte le descritte questa è la più 



Da questo esame mi par di poter con- ^^^' ^' 

eludere che la superficie legamentaria degl'inocerami più recenti 
è lunga e diritta, quella dei più antichi è più breve e obli- 
qua, che in questi varii meno da specie a'specie che in quelli. 

Per assurgere però ad un giudizio veramente assoluto biso- 
gnerebbe conoscere la superficie legamentaria se non di tutti 
gl'inocerami noti, almeno di moltissimi altri ancora; pur tut- 
tavia non credo d'aver speso inutilmente la mia fatica nel ren- 
dere alla migliore conoscenza degl'inocerami il presente con- 
tributo. 



DESCRIZIONE DELLE SPECIE 

Inoceramus dubias Sow. 
(Tav. IV, fig. 1). 

1829. Inoceramus duhius Sowerby, The Minerai Conchologyj tav. 584^ 

fig. 3. 
1874. » » Dumortier, Bép, Jurass, du bassin du Ehóne, 

pag. 186, tav. 42, ^g, 6, 7. (cum syn.). 
1902. » » W. Janensch, Die Jurensisschichien des Elsas» 

(Strassburg), pag. 28. 

Due esemplari allo stato di modello intemo, subequivalvi^ 
arrotondati, convessi, fomiti di pieghe rotonde, concentriche^ 
sporgenti, che talora si fondono tra loro. Umbone piccolo, ri« 



Digitized by VjOOQIC 



186 e. ALRAOHl 

earvo, acuto, anteriore; lato anteriore più diritto del posteriore 
maggiormente espanso. 

Dimensioni: altezza . . . mm. 40 
lunghezza . . > 36 

Oltre questi due esemplari, ne ho in esame altri tre del 
lias superiore di Cóte-d'Or, uno dei quali maggiormente si av- 
yicina, per la forma più allungata, a quello figurato da Du- 
mortier, ma nello stesso tempo non credo si possa separare dai 
due del Veneto, i quali però presentano forse le pieghe meno 
regolari e più frequentemente, in modo speciale sui fianchi 
delia conchiglia, Tuna si fonde coH'altra. 

Questa s[>ecie, secondo Dumortier, è caratteristica della 
zona ad Amtn. hifrons. 

Lias sup.: Agordo. 

Inoceramus Oosterii Favre. 

1870. Inoceramus Oosterii E. Favre, Le Moleson^ pag. 33. 

1876. » > E. Favre, Descript, d. foss. du terr. oxfor. des 

Aìpes fribourg. (Mém. Soc. paléont. suisse), 

pag. 64. tav. 6, ^g, 2. 
i885. » » C. F. Parona, Note sirat. e paleont. 8ul Giura sup, 

delia prov, di Verona (I. e), pag. 45. 

Sono gli stessi esemplari studiati dal prof. Parona, i quali 
se permettono un sicuro riferimento specifico, non permettono 
però, come ha già fatto notare lo stesso prof. Parona, una de- 
scrizione completa, e di dare una buona figura di questa specie 
ancora incompletamente nota. 

Questa specie è della zona a Peltoceras transversar ium. 

Oxfordiano: Tulli, Erbezzo e Madonna della Corona nel Ve- 
ronese. 

Inoceramus Coquandiauus d'Orb. 

1848. Inoceramus Coquandianus d'Orbignyt Tert. crét^ Pài frane., voi. 

Ili, pag. c05, tav. 408, tg. 6, 8. 
1861. » » Zigno, Sulla costit, geol. dei M, Ettganei 

(1. e), pag. 17. 

Gli esemplari che riferisco a questa specie, sono alquanto 
mal conservati, per lo più allo stato di modello intemo. Sono 



Digitized by VjOOQIC 



IXOCBRAMI DEL VENETO 187 

d'una forma oblnnga trasversalmente, inequivaivì, la maggiore 
Alquanto convessa, la minore quasi piana; Tumbone sviluppato 
•e ricurvo. Sono corrispondenti a quello figurato da d'Orbigny, 
« solo forse diversificano pel fatto ch'essi dovevano, come ri- 
sulta dall'impronta lasciata, avere il guscio leggermente per- 
corso da piccole pieghe concentriche, come del resto osservasi 
sopra un perfetto esemplare della Provenza del Museo geologico 
di Torino. 

Per quanto riguarda alla superficie legamentaria, poco posso 
dire, poiché trattasi della sua impronta lasciata nella roccia, ma 
essa deve essere obliqua, molto bassa e fornita di piccolissime 
fossette molto vicine, in numero di una dozzina circa. 

Albiano: Val Nogaredo, M. della Madonna negli Euganei, 
Solagna nel Bassanese. 

Inoeerainu8 labiata^ Schloth. 
(Tav. IV, fig. 2 e fig. 3 intere ). 

1813. Inoceramus labiaUis Schlotheim in Léonard, Minerai Transchen- 

buch VII, pag. 93. 
1822. » mytiloides Mantell, Geoì. of Sussex ecc., pag. 215, tav. 

18, fig. 2. 
1828. » > Sowerby, The Minerai Conchólogy, voi. V, 

pag. 61, tav. 442. 
1836. » » Goldfuss, Petrefact. Germaniae, pag. 118. 

tav. 113, fig. 4. 
1887. > prcibìewaticus d'Orbigny, Terr. crei. (1. e), pag. 510, 

i^^. 406. ' 
1876. » > Meek. Inveri, Crei, and. Ieri. foas. of ihe 

Upper Missouri country (1. e), pag. 62, 

tav. 9. 
1876. » labiaius Schluter, Zur Gaii. Inoceramus (1. e ), pag. 262. 

Questa specie è una delie più comuni e delle meglio cono- 
sciute. Gli esemplari del Veneto, provenienti quasi tutti dal 
Vicentino, sono una cinquantina, e tutti quanti esternamente 
sono in un discreto stato di conservazione, cosi che il loro rife- 
rimento specifico riesce alquanto facile. 

È sempre una conchiglia piatta, molto alta e stretta, ma 
<;olle pieghe talora diverse da esemplare a esemplare. In al- 



Digitized by VjOOQIC 



188 e. AIRAGHI 

cani sono piccole, concentriche, regolari, numerose, a margine 
quasi sempi*e ottuso, accompagnate da strie concentriche ad 
esse, più meno parallele, e alquanto spesse: in altri invece 
sono molto più grosse, sviluppate e larghe, e per conseguenza 
più rade e meno numerose, con margine molto meno ottuso che 
nella varietà sopracitata. Un esemplare rinvenuto a Gfallio, del 
B. Museo geologico di Torino, sopra un'altezza di cm. 80 pre- 
senta solamente 15 grosse pieghe, regolari e concentriche, e direi 
quasi uniformemente sviluppate; mentre sopra un altro più 
grande esemplare dell'altezza certo maggiore ai cm. 120, su 
uno spazio corrispondente dell'altro, cm. 80, conta nientemeno 
che più di 30 pieghe, concentriche e piccole, e non perfetta- 
mente regolari e uguali tra loro. 

Secondo d'Orbigny, le pieghe sarebbero più numerose negli 
individui giovani, più rare negli individui adulti, ma da quanto 
ho detto, una tale regola non la si può ritenere come generale, 
e invece sarei inclinato a distinguere in questa specie due va- 
rietà, runa a pieghe spesse e piccole, var. multicostata^ l'altra 
a pieghe maggiormente regolari, più grosse e rare, var. rari- 
costata. 

Per quanto riguarda la superficie legamentaria, ho in esame 
tre valve, due sinistre e una destra, delle seguenti dimensioni: 

altezza . . . mm. 63, 51, 75 
lunghezza . . » 42, 37, ? 

che la conservano in modo da poterla bene studiare. E alquanto 
alta, ma molto breve, meno della metà della lunghezza della 
conchiglia, subtrapezoidale, obliqua e attraversata da fossette 
strette, fitte e numerose, e per.conseguenza anche poco profonde. 
Si distingue quindi facilmente dalle altre pure oblique e brevi, 
per la sua maggiore altezza, e in modo speciale per il numero 
di gran lunga superiore delle fossette molto più strette. 

Sopra una valva dell'altezza maggiore di cm. 120 si osserva 
pure in parte la superficie legamentaria, ma anche in un esem- 
plare cosi grande, si presenta eguale a quella sopra descritta. 

Per la sinonimia di questa specie ricorderò che Mantell Q\ 

(') L. e, pag. 21^, tav. 20. 



Digitized by VjOOQIC 



INOGBRAUI DBL VENETO 189 

Sowerby C), Goldfuss (-) la descrissero sotto il nome di In. 
mytiloides, d'Orbigny (^) e Meek (*) sotto quello di In. proble- 
maticuSy ma che Schlliter (^) nel 1876 ritornò al nome datole 
da Schlotheim nel 1813. 

A questa specie con tutte le probabilità credo si debba rife- 
rire Vln. hercynicus Petrascheck (*) dei dintorni di Praga. Come 
risulta dalle figure date dall'autore, essa venne fondata su esem- 
plari molto cattivi, e quel poco che presentano se li distingue dal- 
Vln. Cuvierii Sow. e dalF/w. Cripsii Mant. coi quali vennero 
confrontati, non basta a separarli dair/n labiatus Schloth. per- 
chè come in questa specie è l'andamento delle pieghe, e come 
in questa specie (vedi fig. 3, tav. Vili nel lavoro citato di Pe- 
traschek) è obliquo e breve il lato cardinale. 

L'In, l^biatm Schlth. è una specie delle più comuni del turo- 
niano e del senoniano dell'America, della Francia, Inghilterra, 
Oermania, Italia. 

Turoniano: Gallio nei Sette Comuni. 

Senoniano: Novale, Valdagno, Castel vecchio, nel Vicentino; 
Veronese 1. ind.; Albettone, M. della Madonna, M. Vignola 
sugli Euganei. 

Inoceramus cordiformls Sow. 
(Tav. IV, fig. 6, 7, 8, 9 e tg. 4 intere). 

1823. Inoceramus cordifortnis Sowerby, The Minerai Conchology, pag. 61, 

tav. 440. 
1836. » > Goldfuss, Peirefact Germaniae, pag. 113, 

tav. 110, ^g. 10. 
1876. » Brongniartii (pars) Schluter, Zur Gatt. Inoceramus (1. e), 

pag. 263. 

Questa specie descritta e figurata prima da Sowerby (1. e), 
di poi da Goldfuss (1. e), venne riferita dal d'Orbigny (1. e.) 

(1) L. e, pag. 62, tav. 442. 
(«) L. e, pag. 118, tav. 113, ^g. 4. 
(3) L. e, pag. 511, tav. 406. 
(*) L. e, pag. 12, tav. 9. 
(5) L. e, pag. 262. 

(^) W. Petrascheck, Ueher Inoc, aus der Kreide Bòhm, und Sachs. 
(1. e), pag. 4, tav. Vili, fig. 1, 3. 



Digitized by VjOOQIC 



190 e. AIRAGHI 

air Ji^. stnatus Mant., e più tardi dallo Schluter (1. e.) fasa con 
un'altra specie pare descritta da Sowerby, e precisamente col- 
Vln. BronffniartiL 

Ma io ho in esame degli esemplari alquanto ben conser- 
vati, specialmente per quanto riguarda la superficie legamen- 
taria, e constato che quelli che per l'ornamentazione estema 
corrispondono sAVIn. Brongniartii Sow. (1. e, tav. 441), non pos- 
sono essere uniti a quelli che non diversificano punto dalle 
figure date dallo stesso autore come tipi dell'/n. cordiformis 
(tav. 440) per la diversa conformazione della loro superficie 
legamentaria in primo luogo, e secondariamente per il diverso 
andamento di tutta quanta la conchiglia; credo pertanto oppor- 
tuno di considerare nuovamente distinte le due specie l'una 
dall'altra. 

I diversi esemplari corrispondono abbastanza bene alle figure 
date; alcuni, e sono i più numerosi, sono molto alti, con un nm- 
bone molto grosso e sporgente, ricurvo, antimediano; altri meno 
alti, maggiormente quadrangoliformi, coU'umbone meno spor- 
gente, meno ricurvo, ma più grosso e sempre anteriore. In tutte 
e due le varietà la conchiglia è ornata da cinque o sei robu- 
stissime pieghe principali, alte e lontane tra loro, separate da 
profonde depressioni, e accompagnate da coste secondarie a loro 
parallele, più numerose e più piccole. Il lato anteriore è quasi 
diritto e perpendicolare alla linea cardinale, quello posteriore 
pure diritto e perpendicolare, più espanso, il margine ventrale 
quasi semicircolare. 

Dimeìisioni: altezza . . mm. 93, 97, 93, 100, 100, 
lunghezza . > 65, 60, 68, ? 75. 

Tra le molte valve una conserva in modo quasi completo la 
superficie legamentaria, due altre la conservano solo in parte. 
È diritta, alta, lunga quasi come la conchiglia, e attraversata 
tutta quanta da fossette parallele tra loro robuste e ben deli- 
neate, quelle vicine al margine anteriore sono però un po' più 
lunghe che non le altre. 

Degna di nota credo che sia anche una valva d'un indi- 
viduo giovane (tav. IV, fig. 7). Essa è la sinistra, ed è carat- 
terizzata da una forma allungata obliquamente, da un umbone 



Digitized by VjOOQIC 



INOGBRAMT DEL VBNETO 191 

antemediano, molto sporgente e molto sviluppato. Lato ante- 
riore quasi diritto, quello posteriore alquanto convesso. È adoma 
dalle caratteristiche grosse pieghe specialmente nella parte in- 
feriore della conchiglia; tra queste quattro sono le più svilup- 
pate, e attraversano tutta qaanta la conchiglia, mentre invece 
le altre, molto ben distìnte ai margini, vanno man mano assot- 
tigliandosi nella parte dorsale. ^ 

Dimemioni: altezza . . . mm. 47 
lunghezza . . > 38. 

Questa valva si discosta un po' da quella d'individui adulti^ 
pur tuttavia non credo che la si possa da esse separare» 
Richiama alla mente Vln. inaequivalvis Schlttter, (zz: In. striattis 
Goldfuss, 1. e, tav. 112, fig. 2), ma presenta un umbone alquanto 
più piccolo e maggiormente sporgente, anche se la si confronta 
colla valva la più grande della specie stabilita da Schltlter. 

Più importante credo che sia lo stabilire up confronto tra 
Vln. cordiformis Sow. colF/n. Brongniartii Sow., poiché conside- 
rati dapprima come due specie autonome, vennero di poi dallo 
Schlttter fuse in una sola. Vln. cordiformis si distingue dal- 
Vln. Brongniartii Sow. per la sua conchiglia più alta, meno qua- 
drangoliforme, per l'umbone più sviluppato e ricurvo, per le pie- 
ghe, tra le quali quattro o cinque superano tutte le altre, per 
il loro maggior sviluppo, e infine specialmente per il diverso 
andamento della superficie l^amentaria. 

Neli'/n. cordiformis Sow. è alta, diritta, lunga quasi come 
la conchiglia, e attraversata in tutta la sua altezza da piccole 
fossette, nell'/n. Brongniartii Sow. la si può considerare come 
formata da due parti, delle quali solo la superiore è attraversata 
da fossette, mentre l'inferiore è completamente liscia, inoltre 
è sempre più alta. 

Vln. cordiformis Sow. si avvicina molto anche all'/n. stria- 
tns Mant., quale viene figurato da Geinitz (1. e, tav. 46), ma è 
sempre meno inequivalve, con un umbone molto più grosso e 
robusto, con pieghe sempire più sviluppate e rade, col dorso 
più uniformemente convesso. Inoltre nell'/w. striatus Mant., 
come constato dalie figure di Geinitz e da alcuni esemplari 
della Sassonia che ho in «eame, il margine cardinale è breve 



Digitized by VjOOQIC 



192 e. AIRAGHt 

obliquo anziché diritto e lango. Sarebbe importante conoscere 
bene la superficie legamentaria di questa specie, e importante 
pure sarebbe il poter stabilire dei confronti tra di essa e Yln. 
cordi formis e Vln. Brongniartii Sow., specie spesse volte confuse 
tra loro, ma gli esemplari che ho in esame non si prestarono al- 
l'isolamento dalla roccia della superficie legamentaria. 

Vln. cordiformis Sow. è una specie della zona a Micron 
ster breviportis di Joigny, del turoniano d'Inghilterra e della 
Sassonia; nel Veneto è tanto della scaglia cinerea, quanto di 
quella rossa. 

Turoniano: Valrovina nel Bassanese, Oallio nei Sette Co- 
muni, Castellavazzo nel Bellunese. 

Senoniano: Novale, Yaldagno, M. Magre S. Giacomo di 
Luisiana nel Vicentino, S. Pietro Montagon nel Padovano, M. Do- 
nati negli Euganei, Fumane nel Veronese. 

Inoeeramus Brongniartii Sow. 
(Tav. IV, ^g. 8, 4, 5 e ^g. 6 intere). 

1825. Inoeeramus Brongniartii Sowerby, The Minerai Conchology^ pag.60, 

tav. 441.' 
1836. » » Goldfuss, Petrefact, Germaniae, pag. 115, 

tav. in, ^g. 3. 
1843. » Lamarckii d'Orbigny, Terr. crét.^ (1. e), pag, 518, tav. 

412. 
1876. » Brongniartii (pars) Schluter, Zur Gatt Inoeeramus ( 1 . e. ), 

pag. 263. 
1887. » > Peron, Notes pour ser. h VHisL du terr. cU 

Graie ecc., (1. e), pag. 167. 
1897. » » Woods, The MolJusca ofthe Chalk Bock 

(1. e), pag. 880 (cum syn,). 

Stabilita la sinonimia della specie precedente, diventa facile 
«tabilire quella dell'/n. Brongniartii Sow. Prendendo per tipo la 
fig. 2 della tavola 441 del Sowerby (1. e), in cui la superficie 
legamentaria solamente per la metà superiore è ti*ascorsa dalle 
fossette, non si può non comprendere in essa anche l'esemplare 
figurato dal Goldfuss (tav. Ili, fig. 3) dove, pur non vedendo 
completamente la cerniera, essendo le due valve unite, lascia 
però scorgere che le fossette intaccano il limite estemo. Più dif- 



Digitized by VjOOQIC 



IMOCERAMI DBIi VRNRTO 193 

ficile è il voler porre nella sinonimia di questa specie Vln. La- 
marckii d'Orb, (I. e., tar. 412), ma ciò è spiegato da Peron, 
che studiando gl'inocerami della creta deil'Yonne, constatando 
Tidenticità de' snoi esemplari colle figure di Sowerby, trova 
quella di d'Orbigny molto fantastica. 

Alia specie cosi delimitata riferisco numerosi esemplari del 
Veneto. Essi sono quasi tanto alti, quanto larghi, gibbosi nella 
regione dorsale, ornati esternamente da forti e robuste pieghe 
e da strie concentriche, delle quali le pieghe nella regione in- 
feriore sono alquanto più larghe e alte. L'umbone è anteriore, 
ricurvo, il lato anteriore tronco, quasi perjìcndicolare alla cer- 
niera, quello posteriore pure diritto, leggermente arcuato. L'area 
cardinale diritta, perpendicolare all'altezza della conchiglia, 
lunga due terzi circa della lunghezza di questa, e relativamente 
alta, attraversata nella metà superiore da tante piccole fossette 
parallele tra loro, più piccole e profonde nella parte anteriore, 
più rare e larghe nella parte posteriore. La metà intema del- 
l'area legamentaria è invece liscia e piana, talora nello stesso 
piano della parte superiore, talora questa inclinata verso l'esterno, 
da formare lungo la linea di congiungimento un ben marcato 
spigolo. 

Quattro sono le valve di questa specie che presentano la 
superficie legamentaria, due scmo le sinistre, e due frammenti 
di valve destre appartenenti però ad individui diversi. 

Dimensioni: altezza . . mm. 75, 35, 80. 
lunghezza . » 70, 37, 75. 

Questa specie, oltre che con quella sopra descritta, presenta 
delle affinità anche coll'/w. striatiis d'Orb. (I. e, tav. 405), da 
non confondersi coll'/w. striatiis Mant. (1. e, tav. 27. fig. 5) 
del senoniano. Il d'Orbigny pare non abbia ben compreso la 
specie descritta da Mantell, e ad essa riferisce Yln. Ijamarckii 
Mant. e Gold., Vln. cordifomiis Sow. e Gold., l'In, striahis 
Gold., che in parte già da Schltìter, e ora in parte da me ven- 
gono considerati quali tipi di nuove specie, o inglobati in altre. 
Lo Schlttter con ogni probabilità ritiene che Vln. Lamarckii 
Mant. lo si debba riferire all'/n. Ctmm Sow.; dell'/n. 5^Wa/w5 
Gold, ne fa il tipo del suo In. inaequivalvis^ e deir/«. IjO- 

16 



Digitized by VjOOQIC 



194 e. AIRAOHI 

marchii Gold, quello del suo In. virgatm. Da me Vln. cordi- 
formis Sow. viene considerato come una specie autonoma, e 
cosi pure Vln. striattis d'Orb., che per distinguerlo da quello 
di Mantell, chiamerò In, confusm. 

Dì questo inoceramo ho in esame una valva ben conservata, 
proveniente dalla Vestfalia, (tav. IV, fig. 15 efig. 7 intere.) corri- 
spondente, per la forma subquadrangolare, per la gibbosità dorsale, 
per il lato anteriore diritto, perpendicolare alla cerniera, per quello 
posteriore arcuato, per le pieghe grosse concentriche e regolari, 
air/n. Brongniartii Sow. DiflFerenza grande invece esiste nella 
conformazione della superficie legamentaria, poiché mentre nel- 
Vln, Brongniartii^ come già dissi, la si può considerare come 
formata da due parti, una estema, e l'altra intema, quella at- 
traversata da fossette, questa piana, nelF/w. confusus la si può 
pure considerare come costituita da due parti, ma non come in 
quella, poste in un medesimo piano, bensì in due piani perpen- 
dicolari tra loro, e, tutte e due attraversate da piccole fossette, 
carattere questo che si può constatare anche nelle figure date 
da d'Orbigny (1. e, tav. 405). 

Vln. Brongniartii Sow. viene considerato dagli autori come 
caratteristico del turoniano, ma nel Veneto la si rinvenne anche 
nella parte superiore della scaglia rossa che rappresenta il se- 
noniano. 

Turoniano: Castellavazzo^ nel Bellunese, Valrovina nel Vi- 
centino, Gallio nei Sette Comuni. 

Senoniano: Novale, M. Magre, Albettone nel Vicentino, 
Teolo nel Padovano, Fumane nel Veronese, 

Inoceranms Cripsii Mant. 

(Tav. IV, ^g. 10, 11, 12 e fig. 8 intere). 

182-2. Jnoceramus Cripsii Mantell, Geol ofSussexy pag. 133, tav. 27, fig.ll. 
1866. » » Zìttel, Die Bivàlven der Gosaugebtl. ecc. (1. c.)i 

pag. 95, tav. 14, 15 (cum syn.). ' 
1877. » » Schluter, Zur Oati. Jnoceramus, (1. e), pag. 277 

(eum 9ìfn). 
1899. » » de Alessandri, Foss. crei . della Lombardia (1. e), 

pag. 194 (cìMn syn.). 
1901. » » Trabucco, Foss. strat. della creta sup. (Boll. Soc. 

geol. ital., voi. XX), pag. 290. 



Digitized by VjOOQIC 



r 



INOCBRAHI DRL VENETO 195 

È «no degl'inocerarDidei più comuni nei diversi bacini geologici 
deirAmerica, Africa, Europa. Si rinvenne nel senoniano supcriore 
di Francia (Charente), del Belgio (Maestricht), della Germania 
(Annover, Brunsvick, Leuford, Halden, Coesfeld, ecc.), d'Austria 
(Neue-Welt presso Gosau, Nagorzany ) Dereawacz) d'Italia (Appen- 
nino settentrionale e medio), d'Africa (Orten, Provincia di Co- 
stantina) e del Texas; in quello medio di Francia (Périgueux, 
Dordogna, Landes, ecc.), d'Italia (Lombardia), d'Africa (Provincia 
di Costantina, e presso Tripoli), del Texas, in quello inferiore 
d'Austria (Saint Wolfgang presso Gosau) e infine nel turoniano 
di Tours e di Oppeln. 

Per quanto riguarda alla delimitazione di questa specie, mi 
attengo allo Schliiter C) che riunisce all'In. Cripsii Mantell 
una lunga serie di forme dagli autori anteriori ritenute distinte, 
e cioè Vln. Barahinii di Morton (*), Vln. regularis e impressus 
d'Orbigny {\ Vln, confertim annulatus di Eomer (*), Vln. con- 
vexus, sublaevis, tmuilinrattis, expanstis, di Hall e Meek (*), 
Vln. Sagensls, altus, proximus, subcircularis, Balchii, Vamtxemii 
di Meek (^). A queste nel 1885 il prof. Carlo De Stefani (') 
aggiungeva Vln. eocsnicus Meneghini, Vln. Lamarckii^ pure di 
Meneghini; il dott. De Alessandri (*) vi riferiva recentemente 
altre forme dallo Stoppani e dai fratelli Villa riferite erronea- 
mente all'/n. Lanuirclài d'Orb., all'/». Brongniartii Sow., all'/n. 
Goldfussianus d'Orb., all'/n. regularis d'Orb., all'/n. prohle- 
maticus d'Orb., all'/n. Cuvierii Sow.] e il prof, Trabucco vi riferiva 
anche Vln. Guvierii Cocchi, Vln. subcardissoides Capellini (^). 
Infine dal canto mio riferirò a questa specie Vln. Heberti Fallot ('°), 



(1) L. e, pag. 277. 
(«) L. e. tav. 18, fig. 11. 
(3) L. e, tav. 409, tav. 410. 
(<) L. e, tav. 7, fig. 4. 

(^) Hall e Meek, Mem. Amer. Acad. Boston, 1835, voi. V, tav. 
(«) L. e, 12, 13, 14. 
C) L. e, pag. 103. 
(8) L. e, pag. 195. 
(^) L. e, pag. 290. 
('0) L. e, pag. 249, tav. 7, fig. 1. 



Digitized by VjOOQIC 



196 e. AIRAOHI 

e credo che ad essa si debba pure riferire Vlnoceranms sp. ind. 
di Urakavva descritto da Yokoyama Matajiro C) e Vlnoceramus 
sp. ind. figurato da Cacciamali (^). 

Alcuni dei molti esemplari del Vicentino sono caratterizzati 
da una forma ovale e trasversalmente bislunga, una volta e 
mezza più lunga che alta, dalle valve alquanto rigonfie, colla 
superficie ornata da pieghe concentriche, ondulate e sporgenti 
a margine oi*a ottuso, ed ora acuto, separate da intervalli pro- 
fondi e larghi quasi il doppio delle pieghe, e percorsi da strie 
concentriche ad esse più o meno parallele; dal margine ante- 
riore alquanto convesso, breve, subtroncato, quello posteriore 
arrotondato, formando un angolo ottuso col margine cardinale. 

Dimmsimii: altezza . . mm. 37 
lunghezza . i^ 67. 

Altri invece sono d'una forma meno allungata trasversal- 
mente, suborbicolare, colle pieghe meno numerose, e qnindi più 
grosse e più distanti le une dalle altre. 

Dimensioni: altezza . . mm. 57, 77, 
lunghezza . » 49, 72. 

Altri, e sono molti, hanno una forma maggiormente alta, miti- 
Ioide, con pieghe arcuate, concentriche e numerose. 

Dimensioni: altezza . . mm. PO, 47. 
lunghezza . » 70, ? 

Infine altri ancora, e sono i più numerosi, sono caratterizzati 
da una forma subtriangolare, leggermente oblunga trasversal- 
mente, con un umbone sempre forte e grosso, colla superficie 
ornata da piccole e spesse strie, che talora si vedono appena 
appena. Questi in generale, sono sempre i meno ben conser- 
vati. 



(*) Sokoyama Matajiro, Versi, aus àer japonisch, Kreide (Palaeon- 
toffraphica, voi. 36) tav. 18. 

(') G. Cacciamali, Boll. Soc. Geol. Ita!., voi. XX, pag. ccxxxi. 



Digitized by VjOOQIC 



i 



INOCEKAMI DEL VENETO 197 

Si hanno adunque nel Vicentino le seguenti varietà : var. re- 
gularis Zitte), var. /i/|9iVa Zittel, var. decipiens Zitte), var. tenui- 
lineata Hall e Meek. 

Questa specie, oltre che nel Vicentino, nel Veneto è pure 
comune anche a Vernasso, dove vennero trovati diversi esem- 
plari d'una buona conservazione, già studiati dal prof. Tom- 
masi (*) e rappresentanti le var. tipica e regularis. 

Infine, qualche frammento di questa specie venne pure rin- 
venuta sugli Euganei. 

Tra i molti esemplari che ho in esame non è difficile tro- 
varne di quelli che presentino, oltre quello figurato (fig. 8 intere), 
dei frammenti di superficie legamentaria. Essa è sempre, qualunque 
sia la varietà di questa specie a cui appartenga, lunga, diritta, 
perpendicolare all'asse della conchiglia, e soprattutto molto 
bassa, un millimetro, al massimo due, e fornita da numerose e 
piccole fossette, disposte parallelamente tra di loro, e corri- 
spondenti quindi in tutto a quella figurata da Zittel nel lavoro 
già citato. 

Questa superficie legamentaria è la meno alta tra tutte 
quelle che finora si conoscono. 

Alcuni esemplari di questa specie (var. regularis) talora si 
avvicinano molto all'iw. latus Mant., sia per le dimensioni che 
per l'andamento delle pieghe, ma facilmente si possono distin- 
guere se si può osservare la linea cardinale, poiché quella del- 
Vln. latiiSj come si può vedere dalla figura data, è pure di- 
ritta, perpendicolare all'altezza della conchiglia, e molto lunga, 
ma è anche più alta e attraversata da fossette parallele forse 
un poco più strette, ma molto più lunghe. 

Alla var. typica si avvicina Vln. crenistriatus Eomer che 
ritengo tutt'ora forma inedita del turoniano del Texas (Austin). 
Questo inoceramo (tav. IV, fig. 16), come Vln. (kipsii Mant., 
var. typica^ presentasi con una forma trasversalmente bislunga, 
più lunga che alta, colla superficie ornata da pieghe concen- 
triche, ondulate e robuste, separate da intervalli profondi e 

(^) Tommasi A., Contributo allo studio delia fauna crei, del Friuli. 
(1. e), 1891, pag. 1107, tav. 1, fig. 22. 23. 



Digitized by VjOOQIC 



198 e. AIRAOHI 

larghi, ma attraversate secondo l'altezza della conchiglia da 
pieghe secondarie, molto meno regolari e sviluppate delle prime, 
come si può osservare dalla fotografia unita, ridotta a una 
metà della sua grandezza naturale. 

Senoniano : Valdagno, Novale, Asiago M. Magre nel Vicen- 
tino, Vemazzo nel Friuli; M. Euganei a M. Baone, S. Piero 
Montagnon; Veronese loc. ind. 

Torino, B. Mnseo geologico, 1004. 
[ms. pres. 4 marzo 1904 — ult. bozze 22 aprile 1904]. 



Digitized by VjOOQIC 



Boi 



( C. Airaghi ) Tav. IV 



1« 1/ 



Digitized by 



Google 



Digitized by VjOOQIC 



IMOCEKAMI DEL VENETO 



199 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA IV 



Piano 



Località 
Agordo 



Collezione 

R. M. geol. Pavia. 



¥ìg \ . Jnoceramus dubius Sow., 

pag. 185. Liassnp. 

> 2. Jnoceramus labìatus 

Schloth., var. ranco^ 

stata, pag. 183, 187. Turoniano Gallio 

> B. Inoceramus BrongniartU 

Sow., pag. 184, 192. Turoniano Valrovina 
» 4. Inoceramus BrongniartU 

Sow., pag. 184, 192. Senoniano Fumane 
» 5. Inoceramus BrongniartU 

Sow., pag. 184, 192. Senoniano Fumane 

> 6. Inoceramus cordiformis 

Sow., pag. 184, 189. Senoniano S. Gìaoomo di 

Luisiana R.M.geol. Firenze. 
» 7. Inoceramus cordiformis 

Sow., pag. 184, 189. Senoniano Novale 
» 8. Inoceramus cordiformis 

Sow., pag. 184, 189. Senoniano M. Donati 
» 9. Inoceramus cordiformis 

Sow. pag. 184, 189. Senoniano M. Donati 
» 10. Inoceramus Cripsii Mant , 

var. reguìaris, pag. 185, 

194. Senoniano Novale 

» 11. Inoceramus Cripsii Mant., 

var.(yptca,pag.l85,194. Senoniano Novale 
» 12. Inoceramus Cripsii Mant., 

var. tenuxlineata^ pag. 

185, 194. Senoniano Novale 



R. M. geol. Torino. 
R. M. geol. Torino. 
R. M. geol. Pavia. 
R. M. geol. Pavia. 



Coli. dott. Dal Lago. 
R. M. geol. Padova. 
R. M. geol. Padova. 

Coli. dott. Dal Lago. 
Coli. dott. Dal Lago. 



R. M. geol. Torino. 



Ffg. 13. Inoceramus praedigitaius 

n. Bp., pag. 183. Albiano Perte du Rhòne R. M. geol. Torino. 

> 14. Inoceramus praedigitatus 

n. sp., pag. 183. Albiano Perte dn Rbdne R. M. geol. Torino. 

» 15. Inoceramus confusus n- 

Bp., pag. 185, 194. Turoniano Greez (VeBtfalia) R. M. geol. Torino. 

» 16. Inoceramus crenistriatus 

Róemer, pag. 197. Senoniano Austin (Texas) R. M. geol. Pavia. 

Tutte le figure sono in grandezza naturale, tranne quella del Pln. crenistriatus 
B emer ohe ò ridotta alla metà. 



Digitized by 



Google 



A PROPOSITO 
DELLA GEOLOGIA DEI DINTORNI DI SPALATO 

Comunicazioae del dottor A. Maktblm (') 



I signori Kerner e Schubert hanno pubblicato una critica 
ai miei studi paleontologici sui dintorni di Spalato in Dal- 
mazia O, attaccando principalmente le poche notizie geologiche 
che tali studi accompagnano. 

Mentre ringrazio detti Signori per le giuste rettificazioni che 
fanno ai nomi dei sottogeneri delle Orhitoides - rettificazioni 
che del resto avevo già fatto io stesso in una mia pubblica- 
zione (') - osservo che essi si diffondono a dimostrare nella 
loro nota che io non ho descritto né conosciuto la disposizione 
e la stratigrafia di tutti i terreni eocenici dei din tomi di Spa- 
lato. Per verità non mi ero prefisso di rilevare la carta geolo- 
gica dettagliata di quei luoghi, ma precisamente solo di stu- 
diare l'abbondantissima e interessantissima fauna eocenica di 
punti prima affatto sconosciuti, nei quali le nummuliti si tro- 
vano in buona conservazione e in grande quantità, come in pochi 
altri luoghi avviene. Non mi posi a raccogliere fossili passo 
passo nei singoli strati, come fu fatto per i dintorni di Metkovich, 

(1) La Presidenza della Società avrebbe desiderato evitare la stampa 
nel Bollettino di questa comunicazione del Martelli, ma vi si é indotta sia 
per il parere favorevole del vice-presidente e di alcuni consiglieri, sia 
perché la crìtica dei signori Kerner e ScLubert, ai lavori del Martelli, 
é veramente redatta in termini violenti. 

(') F. Kerner und R. Scbubert, Kritische Bemerkungen 2u Herrn 
A. MartelWs Arbeiten ùber die Geologie ton Spalato, Yerhanàl. der K. 
K. Geol. Reichs. n. 16, 1903, pag. 324-330. 

(^) Confr. Martelli A., Il Flysch dd Montenegro 8ud'l>rientale. Rend. 
Acc. Line, voi. XII, ser. 5*, fase. 4* e 6\ 



Digitized by VjOOQIC 



A PROPOSITO DELLA GBOLOQIA DRI DINTORNI DI SPALATO 201 

e solo dai fossili trassi le deduzioni cronologiche per le località 
fossilifere indicate ne' miei lavori. 

Forse la cartina del sig. Eerner attribuisce i pnnti nei 
quali ho descritto i fossili, ad età molto o poco diversa da 
quella cui li ho attribuiti io? Non oserei aflfermare che i si- 
gnori Kemer e Schnbert abbiano ben compresa la complicata 
stratigrafia dei dintorni dì Spalato; a me certo non proposi il' 
compito di sbrogliarla, né pretesi, come pretendono essi, di averla 
sbrogliata. 

Dissi che un'ampia sinclinale passa fra il Monte Marian e 
la Creta di Glissa, senza entrare in dettagli stratigrafici C). 
Non rispondono forse, precisamente a questo concetto, l'antichità 
maggiore degli strati di Glissa e del nucleo di Monte Marian, 
e gli spaccati di Eerner? 

E quali sono, di grazia, i lavori sni dintorni di Spalato che 
io non ho conosciuto? Forse le note pubblicate dai signori Kemer 
e Schubert dopo le mie senza citarmi? 



(•) Cfr. Martelli A., I fossili dei terreni eocenici di Spalato (Intro- 
duzione). Paleont. Ital., voi. VITI, pag. 45. 

Riporto pertanto anche le semplici affermazioni prettamente geolo- 
giche contenute nella mia nota preventiva pubblicata dalP Accademia 
dei Lincei (voi. XI dei Rend. 20 aprile 1902): 

«Ad oriente delPantica Salona e, in modo più preciso, alle falde 
» delle alture cretacee di Glissa ha principio la formazione eocenica che 
»di là si distende fino a costituire tutta la costa spalatina». 

«A Salona il calcare nummulitico poggia direttamente sulla creta 
» superiore ». 

« Sovrastante al calcare nummulitico considerato (cioè dei pressi di 
» Salona) dirigendosi verso Spalato, si osservano situati in largo sin- 
»clinale tra Salona e Monte Marian strati quasi orizzontali di marne 
» ad Hehnintoida alternate con arenarie, e, fra di essi, una brecciola che 
» viene poi a differenziarsi in un vero e proprio calcare screziato, al- 
» lorché i materiali che lo costituiscono divengono più uniti e più inti- 
»mamente fra loro cementati». 

« Dove la formazione eocenica mostra tutta la sua potenza e rag- 
» giunge il suo massimo, ó nel Monte Marian, che, a guisa di promontorio, 
» segna Pestremità nord occidentale della zona da noi studiata. Esso è 
» originato da una piega parallela al littorale, ed è per metà eroso dal 
» mare ». 



Digitized by VjOOQIC 



202 A. MARTBLI.I 

Quanto ai rovesciamenti in quei littorali, debbo ricordare 
che essi erano noti a noi prima degli studi dei signori Kerner 
e Schubert ('). 

Non ho descritto il calcare ad alveoline, nucleo del Monte 
Marian, non contenendo esso abbondante né isolata fauna da 
descrivere ; ma poiché ì signori critici annunciano che nel detto 
calcare ad alveoline ho ignorato un terreno fossilifero conosciuto 
da quarant'anni, io posso dire che qnei signori non avevano in- 
dicato mai alcuna specie, e nemmeno accennata mai la esistenza 
di un solo genere di quella fauna già da loro conosciuta (lo 
dicono essi) da quarantanni. 

Se poi una fauna studiata da me o da chiunque sì ripete 
in cento punti vicini o lontani, ciò non può essere imputato a 
critica come i detti signori si sono compiaciuti di fare per me. 

Relativamente all'associazione delle nnmmuliti ho riferito ciò 
che si verifica a Spalato e a Metkovich, giacché in altri luoghi 
eocenici della Dalmazia le circostanze sono un poco diverse. 
Quando avrò occasione di pubblicare qualche osservazione stra- 
tigrafica sulle nummuliti di altre delle regioni dalmate che co- 
nosco, e quando anche i miei critici avranno pubblicato qualche 
cosa sulle faune che essi conoscono da quarant'anni, potremo 
ritornare sull'argomento. Frattanto, credo di esserrai già soffer- 
mato abbastanza su ciò che nella critica dei signori Kerner e 
Schubert mi é sembrato meritevole di risposta. 

[mB. preB. 9 aprile 1904 - ult. bozze 27 aprile 1904]. 

(') Confr. De Stefani C, Viaggio nella penisola balcanica, Boll. Soc 
Geo!. Ital , voi. XIV (1895), pag. 284. 



Digitized by VjOOQIC 



SOPRA ALCUNI AVANZI DI MAMMIFERI QUATERNARI 
TBOVATI NELL'ALTA VALLE DEL POTENZA 



Nota del doti. M. Mariani 



Qaando pubblicai alcune mie Osservatimi geólogiclie sui din- 
torni di Camerino, accompagnate da un abbozzo di carta geolo- 
gica della regione, trattai brevemente anche del qtmtemario, 
che in essa si manifesta come conseguenza dell'azione dei corsi 
d'acqua del bacino, resa più potente dalle vicende climatolo- 
giche del periodo glaciale. I terreni quaternari si trovano prin- 
cipalmente nelle due valli che attraversano il Camerinese, ora 
percorse dai fiumi il Chienti e il Potenza, e ricoprendo consi- 
derevoli estensioni di terreno, formano talora strati e letti di 
grande spessore. 

Il secondo fiume, dei due citati, ha maggior importanza da 
questo lato, per il fatto che da Poggio Sorrifa, poco lontano 
dalla sua sorgente, fino ad alcuni chilometri al di là di Castel- 
raimondo scorre sempre in mezzo a terreni di formazione gla- 
ciale ed alluviale, fatta eccezione del breve tratto in cui ser- 
peggia fra gli scogli della gola di Pioraco. Da questo punto in 
poi scorre, nella regione che rilevai geologicamente, per più 
di 8 km., in mezzo a pianure del quaternario dove si è sca- 
vato, in seno alla breccia, un alveo fiancheggiato da sponde 
tagliate a picco che arrivano talora fino a 25 e più metri di 
altezza. Su queste pareti lambite dall'acqua si possono scorgere 
in parecchi punti degli strati orizzontali di materiali di trasporto 
di grosso volume, alternati con altri ad elementi più minuti, 
segnando evidentemente l'essere avvenute di tanto in tanto delle 
piene violente che hanno trascinato seco grande quantità di 
ciottoli di considerevoli dimensioni. 

Dal modo però con cui si presentano, in genere in tutto il 
Camerinese, i terreni quaternari, mi sembra apparire manifesto 



17 



Digitized by VjOOQIC 



1 



234 M. MARIANI I 

che qui non si è risentita la doppia fase glaciale, ammessa 
dalla maggior parte dei geologi, che in alcuni luoghi, come 
neìV anfiteatro d'Ivrea, ha fatto si che si vedano intercalati letti 
di alluvione con depositi morenici. Perciò ritengo che i piani 
di Lanciano, Torre del Parco e Castelraimondo siano dovuti a 
fenomeni avvenuti durante una stessa epoca geologica e che la 
maggior parte dei materiali minuti che vi predominano si for- 
massero dopo il ritiro dei ghiacciai e principalmente a spese 
delle morene e di frammenti di rocce di formazioni più antiche. 
Vi si presentano inoltre dei fenomeni geologici caratteristici 
dell'epoca, denominata dal prof. F. Sacco, terrazziana^ in cui 
i fiumi hanno scavato l'alveo, ora più ora ineno profondo, dal 
quale risultano, come nel Potenza, delle terrazze che valgono 
ad attestare gli antichi livelli del corso d'acqua. 

Non va dimenticato che, nelle località di cui parlo, in mezzo 
alla breccia sciolta, come viene chiamato dagli agricoltori questo 
terreno, si trovano disseminati dei massi, noti col nome di brec- 
cione, talvolta del volume di più metri cubi, formati di pie- 
coli ciottolini fluitati, riuniti tenacemente da spato calcare. 

Nella gola di Pioraco invece, non esistono vere formazioni 
quaternarie, se ne togli la pietra detta comunemente spugna, 
analoga al travertino e alla panchina di Livorno, la quale è 
data da calcare d'incrostamento depositato dalle acque che vanno 
a battere violentemente contro le rive; essa, come è noto, si 
viene formando tuttora. 

Siccome dunque è chiaro che questi terreni brecciosi sono 
stati tutti formati da acque dolci durante il quaternario, si può 
domandare se essi siano da attribuire all'antico o al recente. 
Gli avanzi fossili ivi trovati, vanno, secondo me, d'accordo con 
le considerazioni geologiche d'indole generale fattevi, in modo 
da poterli riportare al quaternario antico. L'essere ivi stato 
raccolto un cranio di Cervus Euryceros e un bel frammento di , 

corno di Cervus Elaphus porterebbe a farli ritenere contempo- 
ranei ai depositi della parte più alta della valle superiore del- I 
l'Amo. i 

Del cranio di C, Euryceros, trovato poco lungi dal villaggio ' 

di Rustano dai signori fratelli Lucarelli, e che ora fa parte 
delle collezioni di Zoologia ed Anatomia comparata della Uni- 



Digitized by VjOOQIC 



ALCUNI AVANZI DI MAMMIFFRI QUATKRNAKl 205 

versità dì Camerino, mi sono occupato an'altra volta in una 
piccola nota pubblicata nel Bollettino della Società Enstachiana, 
trattando specialmente deWosso occipitale in relazione con quello 
degli Artiodattili viventi. Ora intendo farne una descrizione 
breve, ma tale da dare una idea abbastanza esatta di tale im- 
portante esemplare, e mi propongo di considerarlo dal lato 
paleontologico ed anatomico, riportandomi in qualche parte a 
quanto già dissi. Le figure I, II, III della tavola annessa a 
questa nota, lo riproducono ad un quinto circa del vero, preso 
dai tre punti di vista più importanti. 

Il chiarmo prof. M. Canavari a cui fu mostrato questo cranio, 
lo attribuì al Cerims Euryceros Aid., quantunque la mancanza 
di coma e di denti ne rendesse difScile la determinazione spe- 
cifica. Egli ricordando quanto dice il Major, nelle sue classiche 
pubblicazioni sui Cervi fossili, è di avviso che il Camerinese, 
almeno per quanto si conosce fino ad ora, rappresenta la loca- 
lità più meridionale d'Europa in cui vivesse il C. Euryceros o 
Gerico dalle lunghe coma durante il periodo quaternario. Questo 
avanzo che, per la sua mole e per la forma massiccia delle ossa 
che lo compongono, può dare una idea della taglia colossale 
del C. Euryceros y si mantiene ancora così ben conservato da 
potersi riconoscere perfino che doveva appartenere ad un indi- 
viduo molto avanzato in età. Dai condili dell'occipitale fino 
all'estremità distale deìVosso intermascellare dà cm. 49,7 di lun- 
ghezza, su 24,3 cm. di larghezza massima, misurata dall'una 
all'altra apofèsi zigomatica. I marcati processi, le apofisi svilup- 
pate e le forti scabrosità della superficie delle ossa fanno sup- 
porre che vi si dovevano attaccare poderosissimi muscoli. Il 
diametro trasverso, che per tutta la regione temporo-frontale si 
mantiene molto ampio, raggiungendo il massimo in corrispon- 
denza delle cavità orbitali, diminuisce bruscamente verso il ma- 
scellare e le nasali e da questo punto in poi, fino all'estremo 
anteriore, ha un diametro pressoché uniforme di 8 cm. e mezzo. 
In questa regione sono bene visibili ai due lati gli orifizi in- 
feriori del condotto dentario superimr. Ho notato che le suture 
del frontale col mascellare e con le nasali non sono molto appa- 
riscenti, ma questo, secondo me, è più da attribuire alla vec- 
chiaia dell'individuo che non allo stato di conservazione del 



Digitized by VjOOQIC 



206 M. MAKJANl 

pezzo; i fori sovracciliari ampi, ovali, larghi più di dne cen- 
timetri, situati sopra alle arcate orbitali, sono considerevolmente 
riavvicinati verso il piano sagittale. Più indietro e più in alto 
si trovano i due processi frontali basali delle coma, del dia- 
metro di cm. 9 ed elevati per 6,5 cm. sul piano del frontale. 
Le suture frontali-temporali e la parieto-occipitale sono ancora 
bene marcate ; l'osso parietale, assai ristretto, è munito di una 
alta cresta trasversale che mostra i punti di attacco dei mu- 
scoli cervicali. L'occipitale ad esso sottoposto presenta in modo 
spiccato la tuberosità cervicale che verticalmente si prolunga 
fino al forame occipitale. 

La parte inferiore di questo cranio è quella che è rimasta 
più danneggiata, cosa del resto naturale, avuto riguardo alla 
relativa fragilità delle ossa che la compongono. Infatti comin- 
ciando dalle apofisi stiloidi di cui assai poco rimane, ed andando 
verso l'estremO'-anteriore del cranio, si notano rotte o almeno 
molto corrose le ossa dell'apparato uditivo ed i processi pteri- 
goidei che dovevano essere dati da lunghe e prominenti lamine. 
Vosso jìalatifw forma quasi un terzo della volta del palato e 
vi si scorgono ancora i due orifizi inferiori del condotto pala- 
tino; V incisivo intertnascellare è in ottimo stato e conserva 
intatte le due apofisi, intema ed estema. 

Confrontati tutti questi caratteri morfologici ed anatomici 
con quelli ofiferti dalle collezioni di Cervi fossili esistenti nei 
Begi Istituti Geologici di Parma e di Bologna, e consultata la 
bibliografia relativa (^), mi sono convinto della indiscutibilità 

(*) Brandt J. F., Zoogeograf. und paìaeont Beitràge, 1867, Geograf. 
Verbreitung des Rentiers ia Bezug auf Wiirdigung dei* fossiles Rost. der- 
selben. 

G. Struckmann, Verh-eitufig des Rentiers in dei- Gegenwart und in 
alter Ztit. Zeitschr. deutseh. geolog. Gesel, 1880; XXXJI, pag. 728. 

Cornalia, Mammiferi fossili della Lombardia, Stoppani, Paleontol. 
lomb., voi. 2; 1858-71, pag. 45). 

Depéret, Sur les ruminants pHoeénes et quaternaires de VAuvergne. 
Bullet. Soc. géol. frane, voi. 12, serie 3% 1884, p. 247. 

Gastaldi, Cenni sulla giacitura del G. Euryceroa, Rend. Acc. Lincei, 
fase. II; I, II, 1875. 

Id., Intorno ad alcuni fossili del Piemonte e di Toscava. Torino, 
1866, Atti Acc, Sc.j Serie li, t. 24, 



Digitized by VjOOQIC 



ALCUNI AVANZI DI MAHMIPERI QUATERNARI 207 

della detenniiiazioDe fatta dal Canavari. Sono grato a lai per 
avermi dato facoltà di descrivere qaesto importante esemplare 
che egli aveva già esaminato. 

Credo utile riassumere in uno specchio le misure prese da 
me su questo cranio e riportare le corrispondenti eseguite da 
Cuvier ne! pezzo migliore da lui studiato : 

cm. (Cuvier) 

Lunghezza dalla cresta occipitale fino all'estremo 

anteriore dell'osso incisivo 49, 7 51 

Larghezza in corrispondenza ielVapofisijsigomatiche 24, 3 25 

Diametro delle cavità orbitali 6 

Larghezza del cranio verso l'estremo anteriore . 8, 5 9 

> del bordo posteriore deilV occipitak. . 19, 6 20 
» dei processi basali delle coma ... 9, 5 

Distanza dei bordi estemi dei condili occipitali, 11,9 11, 5 

Diametro dei fori sovracciliari 2, 3 

Lunghezza dello spazio occupato dai molari . . 15 14, 6 

Ora due parole sull'altro resto di cervo, trovato presso al Para- 
diso di Pioraco. Rimontando il corso del Potenza, si attraversano 
le pianure che si stendono in vicinanza del castello di Lanciano, 
di cui ho già fatto parola, e ad 1 km. e mezzo circa da questo 
si trova sulla destra del fiume il posto dove fu raccolto il bel- 
lissimo frammento di corno di cervo che intendo descrivere. Esso 
ora è posseduto dai signori Zecchini, ricchi proprietari dei din- 
torni, e devo alla loro cortesia se ho avuto modo di studiare 
questo fossile interessante. Misura cm. 49, 5 di lunghezza e com- 
prende il tratto che va dalla corona fondamentale che si tro- 
vava attaccata al processo frontale corrispondente, fino all'al- 
tezza del terzo palco. 

Questa corona, del diametro di circa 8 cent., è solcata in giro 
da rugosità, profonde ed irregolari, uguali a quelle che si so- 
gliono notare nei cervi viventi. Esse si prolungano per tutta la 

Porti», Il Cerco della torbiera di Trana, Atti Acc. Se. Torino, vo- 
lume 18^ 1883. 

Forsyth Major, Atti Soc. Tose, di Se. Nat., 1875, II, p. 40-45. 

Cuvier, Becherches sur les ossemenU fossiles^ ece., tom. VI, !¥• édi- 
tion}, 1835, pag. 148, atlas II; p. 168, fig. 1-4. 



Digitized by VjOOQIC 



208 M. MARIANI 

lunghezza del corno. A 4 cm. al di sopra della corona, il corno 
si presenta fortemente schiacciato in corrispondenza del punto 
dove si spicca il primo palco, ora spezzato, e riprendendo poi 
gradatamente la forma cilindrica di circa cm. 15,5 di circon- 
ferenza, si appiattisce di nuovo all'altezza del secondo palco, 
che è stato danneggiato come il primo, e che dista dalla co- 
rona quasi 20 cm. Da questo punto in poi è cilindrico ed ha 
un diametro medio di 4 cm. È troncato all'altezza del terzo 
palco, di cui si vede appena l'accenno. 

Esso è un avanzo di corno destro; è ripiegato in dietro e 
in fuori rispetto al piano della corona, facendo con questo piano 
un angolo di circa 60^. 

La parte compresa fra la seconda e la terza ramificazione 
accenna a ripiegarsi leggermente in avanti ed in dentro. 

La fig. 4* della tavola, lo riproduce ad V^^ e mezzo del vero. 
Fattone il confronto col materiale dei Musei Paleontologici e 
Zoologici delle Università di Parma e di Camerino, ho creduto 
di poterlo riferire al Cervm Elaphus L. 

Tale specie ora ristretta a poche parti d'Europa, un tempo, 
e specialmente nel quaternario, vi era molto difi^usa, come è 
attestato da innumerevoli avanzi trovati qua e là, nelle breccia 
ossifere e nelle grotte. L'esemplare apparteneva, secondo me, 
ad un individuo adulto, di almeno 4 o 5 anni di età. Ne cfei 
alcuni modelli e quindi restituii l'originale ai signori Zecchini, 
che lo conservano nella loro villa di Pianicella. 

Nessuna traccia è stata trovata in queste pianure, di cui ho 
fatto parola, della presenza dell'uomo che doveva popolare questi 
luoghi, contemporaneamente alle due citate specie di Cervi. Per 
trovarne qualche vestigio occorre risalire ancora il corso del Po- 
tenza ed addentrarsi nella gola di Pioraco. Ivi non vediamo 
più la breccia ad elementi arrotondati che dimostrano di essere 
stati a lungo trasportati da acque impetuose, ma invece grande 
quantità di materiali detritici sciolti, staccatisi per opera dei 
ghiacci e delle acque dalle balze soprastanti o vicine ed ad- 
dossate ad esse in forma di coni dì deicdone. Ivi i fianchi di- 
rupati delle montagne presentano angolosità, fenditure innume- 
revoli e grotte, in genere poco profonde, ma che per la maggior 
parte potevano essere scelte come rifugio dell' uomo primitivo. 



Digitized by VjOOQIC 



ALCUNI AVANZI DI MAMMIFi«:UI QUATBRNAKI 209 

per difendersi pia facilmente contro le intemperie e contro le 
numerosissime belve in mezzo alle quali vivea. Parecchie di 
esse, come la Grotta delle rondini in principio di questa gola, 
e quelle dette à^W Ottollana e At\Y Ebreo nella valle di Sefro, 
sono state esplorate, specialmente per opera del Pigorini, ma 
con scarsissimi risultati. Si trovarono tracce di focolari, anche 
alternate a più riprese con strati di terriccio e di sassi, ma 
nessun prodotto apprezzabile dell'industria umana, né avanzi di 
animali di quei tempi. 

L'unico punto, in cui sono stati raccolti alcuni pochi resti 
di mammìferi quaternari, è situato presso lo sbocco della strada 
vicinale di Seppie, nella comunale di Pioraco e pochi metri al 
di sopra di questa. Ivi molto probabilmente il ciottolame di de- 
trito ha coperto qualche cavità della balza che li sopra si eleva 
a picco e che ha servito di rifugio all'uomo primitivo. Si trat- 
terebbe, secondo me, di uno di quei ripari sotto roccia od ahris 
som rocìie, come li chiamano gli scienziati francesi. 

Naturalmente, data la poca profondità di questi ripari, tutti 
i rifiuti del fuoco, dei pasti e degli utensili venivano man mano 
gettati fuori e spargendosi all'iutomo, hanno formato quel ter- 
rìccio cenerognolo scuro, il cui colore spicca in mezzo al gial- 
lastro del ciottolame con cui ora si trova intercalato. 

Una semplice cava di ghiaia, aperta pochi metri più in basso, 
ha messo allo scoperto queste tracce di focolari ed ha attirato 
in tal modo su tale località l'attenzione di qualcuno. 

Prima di dire due parole di quanto vi ho raccolto, devo 
ringraziare il Rev. Don Lodovici, parroco di Pioraco, che mi 
ha dato in istudio il dente canino di Urstis Spelaeus^ riprodotto 
nella fig. V*, ed un frammento di mascella di ftw/?, ivi raccolta 
da lui. 

Credo che vi si potrebbe ricavare copioso ed interessante 
materiale scientifico, capace di illustrare la fauna che popolava 
le nostre regioni durante il periodo quaternario, ed i costumi 
dell'uomo delle età litiche, qualora vi si praticassero estesi e 
profondi scavi. 

Intanto la presenza dell' CT. Spelaeus, ci permette di asse- 
rire che questi focolari, almeno in parte, risalgono al periodo 
glaciale e all'epoca detta del renne e del mammouth. Esami- 



Digitized by VjOOQIC 



310 M. MARIANI 

nando il pezzo di mascella accennata^ che i)orta traccia evi- 
dente della mano dell'uomo per essere stata molto abilmente 
segata in due punti, non si capisce bene a quale scopo, mi 
accorsi ben presto che non si trattava già di una mascella di 
carnivoro, come credo fosse stato detto da alcuni, e ciò special- 
mente per la forma caratteristica deirosso e dei molari, di cui 
rimangono ancora dei frammenti. Allora confrontandola con 
altre mascelle con cui poteva avere relazione, esistenti nei Mu- 
sei della B. Università di Parma, mi sono convinto trattarsi, 
come ho detto più sopra, di una specie di bue, se non identica, 
certamente molto prossima alla vivente. 

Nelle poche volte che ho fatto delle ricerche nella località 
saddetta, oltre a tre pezzi di silice scheggiata in modo da poter 
servire da raschiatoi o da coltelli rozzamente lavorati, ho potuto 
raccogliere un frammento di corno di bue (forse il B. Brachyceros\ 
un corno, quasi intero, di capra {Capra hircus vivènte), un 
dente di cinghiale {Svtó ferus) di considerevole dimensione, un 
primo molare inferiore destro di cavallo, e Vatlante, rotto in 
parte, di un cane di grossa statura. 

È probabile quindi che durante quel periodo, anche nelle 
nostre regioni, l'uomo avesse già addomesticato il cane; e credo 
che si possa inoltre ritenere che il bue, il cavallo, la capra ed 
il cinghiale entrassero a far parte dell'alimentazione dell'uomo 
dell'epoca del renne^ senza escludere che qualche volta non ri- 
corresse anche al cane, suo compagno ed amico. 

Questi sono i pochi resti dei mammiferi del quaternario, 
trovati nell'atta valle del Potenza e che, fino ad ora, ho potuto 
raccogliere e studiare. 

Nutro però speranza di poter continuare, con miglior risal- 
tato, le mie ricerche in questa località, che nel Camerinese, 
quantunque purtroppo in piòcóla' proporzione, rappresenta le 
interessantissime térreìna^'e di altre parti d'Italia, ed ì celebri 
Eicekkon^moeddìngs della Danimarca. 

• E. tst. Geol. B. Univ. Parma, loglio 1908. 

[ma. pres. il 22 aprile 1904 - ult. bozze 17 glugao 190i]. 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. 800. Q«ol. Ital. Voi. XXIII ( 1904 ) ( Mariani M. ) Tav. V 



E.IOT. CALZOLARI A FERR^ 



UrRT» - MILANO T 

Digitized by LjOOQIC 



Digitized by 



Google 



LAMELLIBKANCm LIASSICI 

DBL 

CALCAUE CRISTALLINO DELLA MONTAGNA DEL CASALE 
PRESSO BUS AMBRA IN PROVINCIA DI PALERMO 



Nota del dott. G. Merciai 

(Con nna Tavola, VI). 



Nei primi mesi dell'anno 1900, dietro il consiglio del mio 
maestro prof. Mario Canavari, iniziai Io studio della fauna del 
calcare di Casale, e la presente nota che fece parte della mia 
dissertazione di laurea, conseguita nel l'Università di Pisa nel 
luglio 1901, non fu potuta pubblicare prima perchè, per ragioni 
indipendenti dalla propria volontà, fui obbligato, per più di due 
anni consecutivi, ad abbandonare i miei studi paleontologici. 
Adesso, fatta una rapida revisione del lavoro, non credo del 
tutto inutile fame la pubblicazione, tanto più che è comparsa 
recentemente, sullo stesso argomento, una nota preventiva del 
dott. Scalia (^) (della quale non tengo qui nessun conto, non 
avendo egli ancora pubblicato la sua memoria descrittiva), ed 
avendo io inoltre la speranza di portare un modestissimo con- 
tributo alla conoscenza di quella fauna splendidamente illu- 
strata prima di tutti dal compianto prof. Gemmellaro (*) e poi 
dal dott. Giovanni Di Stefano e dagli ing. Tagliarini e Cara- 
pezza C). 

(^) Dott S. Scalìa, Sopra alcune niwve specie di fossili del calcare 
bianco cristallino della montagna del Casale in provincia di Falenno. 
Boll. delPAcc. Gioenia di Se. Nat. in Catania, fase. LXXVI, marzo 1903. 

(') Gemmeltaro, Sui fossili del calcare cristallino delle montagne di 
Casate e di BeUampo nella provincia di Palermo (Giornale della Soc. 
di Se. Naturali ed Econ. di Palermo, voi. XIII-XV, 1878-82). 

(^) Carapezza e Tagliarini, Sopra talune nuove specie di fossili pro- 
venienti dal calcare bianco cristallino della montagna del Casale presso 
BiMambra in provincia di Palermo (Estratto della Soc. di Se. Nat. ed 
Econ. di Palermo, n** III, 1894). 

18 



Digitized by VjOOQIC 



212 G. MBRCIAI 

Nel marzo 1900 feci venire per conto mio e del Mnseo Geo- 
logico dell'Università di Pisa, alcani quintali del calcare cri- 
stallino della montagna di Casale. Da quattro quintali e più 
di questa roccia, che è un vero tesoro paleontologico, furono 
estratti i fossili mediante il processo della semicalcinazione. 
Questo processo, come è noto, consiste nel riscaldare dei pezzi 
di roccia fino al color rosso, e poi gettarli subito nell'acqua 
fredda, dove si tengono fino a che non siano completamente 
raffreddati. Gli sgretolamenti che succedono in conseguenza della 
incompleta calcinazione della roccia, imbevuta poi di acqua, 
avvengono più specialmente sulle superficie dei fossili, e ciò per- 
mette facilmente il loro isolamento. Il processo della semical- 
cinazione, non seguito dal prof. Gemmellaro che per il primo 
illustrò la fauna di quel calcare, mi permise di ricavarne una 
gran quantità di fossili cosi splendidamente conservati da for- 
marne una delie più belle e ricche collezioni paleontologiche 
del Museo Geologico e Paleontologico della Begia Università 
di Pisa. 

Io intrapresi dapprima lo studio della classe dei Lamelli- 
branchi, riservandomi di fare in seguito quello dei Gasteropodi 
e dei Cefalopodi e completare cosi l'illustrazione di questa ric- 
chissima fauna. 

Le specie dei Laraellibrauchi trovate dal Gemmellaro nel 
calcare di Casale furono dieci, tutte affatto nuove, cioè: 

Macrodon Spallanzanii Gemm. 

Macrodon Pasinii Gemm. 

Modiola Mariae Gemm. 

Mytilus Casalensis Gemm. 

Mytilus ìeptus Gemm. 

Mytilus Cortesei Gemm. 

Lima Ino Gemm. 

Pecten isoplocns Gemm. e Di Bl. 

Pecfen {Chlamys) Uhligii Gemm. e Di Bl. 

Pecteìi (Amusium) megalotus Gemm. e Di Bl. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLLIBRANCHI LIAS81CI DBL CALCARE CRISTALLINO 218 

a cai se ne agginnsero pin tardi due trovate e descritte da Ta- 
^liarini e Oarapezza (*): 

Astarte Cdsalensis Tagl. e Car. 
Avicula Gemellaroi Tagl. e Car. 

lo ho ritrovato, oltre alle specie descritte da Gemmellaro, 
eccettuato il Mytilus Corfesel, il Pecten (Chlamys) Uhligii e il 
Pecten (Amiisium) meyalotus e alle altre dne di Tagliarini e 
Carapezza anche le seguenti: 

Ostrea efedra d'Orb. 

Lima pufUitata Sow. 

Lima compressa Terq. 

Lifna aequilateraìis Terq. 

Li^na Cìioffatu Di Stef. 

Lim>a Gemm^Uaroi n, sp. 

Lima sp. 

Lipta sp. ind. 

Pecten IjoUìì Gemm. 

Avicula Dunkerii Terq. 

Avicula Buvignierii Terq. 

Gerrillia siciliana n. sp. 

Gervillia sp. ind. 

Mytilus casaìensis var. curvatus n. sp. 

Mytilus li<isinus Terq. 

Mytilus sp. ind. 

Myoconcha scabra Terq. 

Myoconchu sp. 

Ci4culla£a Miirchisonii Cap. 

Macrodon aviculinum Schiluf. 

Astarte cingulafa Terq. 

Opis Canavarii n. sp. 

Quest'ultime sono le specie descritte e figurate nel presente 
lavoro, avendo tralasciato le altre già illustrate dai sopranomi- 
nati geologi. Gli esemplari da me esaminati sono di piccole di- 

{}) Mem. cit. 



Digitized by VjOOQIC 



214 G. MBRGIAI 

mensioni, come pure quelli delle altre due classi d'animali, e 
rappresentano delle specie che in altri sedimenti sincroni sono 
rappresentate invece da individui di maggiori dimensioni. Il ro- 
tolamento subito dalle conchiglie avanti della loro deposizione, 
avvenuta certamente in un mare poco profondo, ha corrosa al- 
cuna delle parti principali delia conchiglia ed ha cancellato 
talvolta l'ornamentazione superficiale, in modo che di qualche 
genere non ho potuto dare l'esatta determinazione specifica. 

Si aggiunga poi che il processo d'isolamento da me usato, 
se permette preparare copioso materiale, talvolta però in esso 
non restano ben conservati i delicati ornamenti. 

Quantunque la classe dei Lamellibranchi non sia ritenuta 
oggidì sufficiente per la determinazione cronologica dei terreni 
e piuttosto si preferiscano quelle dei Cefalopodi e dei Gasteropodi, 
pure si può fare la comparazione delle specie di Lamellibranchi 
da me studiate con quelle di altri simili sedimenti, e provare 
cosi anche per questa classe d'animali il sincronismo del cal- 
care di Casale con quello di altri sedimenti liassici. 

Questa fauna, oltre alle specie peculiari trovate dal Gemmel- 
Ì2^ e da me, ne comprende molte comuni a quelle di altri 
analoghi giacimenti italiani e stranieri. 

Infatti nel lias inferiore di Luxembourg ed Hettange si tro- 
vano le seguenti specie: 

Lima punctata Sow. 
Lhna compressa Terq. 
Avicula Dunkerti Terq. 
Avicula Buvignerii Terq. 
Mytilus liasintis Terq. 
Astarte cingulata Terq., 

e nel lias inferiore del Bacino del Bodano: 

Ostrea electra D'Orb. 
Lima punctata Sow. 
Myoconcha sccibra Terq. 
Astarte cingulata Terq., 

identiche tutte a quelle di questa fauna. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLUBRANCHl LTASSICI DBL CALCARE CRISTALLINO 215 

La Lima Choffatii Di Stef. esiste pure Dei depositi iiassici 
dei dintorni di Rossano in Calabria, di Taormina e di Longo- 
bacco; nell' infralias di Spezia se ne hanno in comune quattro 
specie: 

Lima punctata Sow. 

Anicula Buvignerii Terq. 

Ci4cullaea Murchisonii Gap. 

Astarfe cingulata Terq., 

e nei calcari ceroidi del Monte Pisano, illustrati dal Fucini : 

Ostrea eleetra D'Orb. 

Macrodon aviculinum Schàuf. 

Myoconcha scabra Terq. 

> 
Quest' ultima fu trovata pure dal Greco nella parte superiore 

del lias inferiore del circondario di Bossano in Calabria. 

Come si vede, dalla comunanza delle specie del Casale con 
quelle degli altri analoghi sedimenti spettanti al lias inferiore, 
possiamo dedurre, riguardo ai Lamellibranchi, l'età del calcare 
di Casale riferibile pure al lias inferiore. 

Si avverta poi che in questa fauna si hanno specie che, come 
abbiamo detto, esistono nell' infralias di Spezia e nei calcari 
bianchi ceroidi del Monte Pisano, questi ultimi del lias infe- 
riore, parte inf., e che le nostre forme di Macrodon e di Ciiculr 
laee sono molto simili a quelle del Trias delle Alpi illustrate 
dal Bittner. Tanto più perciò viene dimostrato che la fauna di 
questo calcare debba essere riferita ad uno dei più bassi piani 
del lias inferiore, come del resto il (xemmellaro ed altri ave- 
vano già osservato. Paò ricordarsi quindi che corrisponda alla 
fauna dei calcari bianchi ceroidi del Monte Pisano riferita dap- 
prima al piano A del De Stefani. Avendo però il De Stefani 
diviso più tardi il lias inferiore toscano in tre zone a PsiUmotì^ 
ad Angulatiy ad Arieti^ egli fece corrispondere alla zona ad 
Angulati il suo antico piano A ed alla zona ad Arieti il piano J?, 
ed allora in seguito a questo nuovo ordinamento i calcari bianchi 
ceroidi del Monte Pisano studiati dopo dal Fucini furono rife- 
riti dallo stesso alla zona a Schloteimia angulata Schl. dell'Eu- 
ropa centrale come i calcari ceroidi della Montagnola Senese, di 



Digitized by VjOOQIC 



216 6. MERCIAI 

Cetona, di Montierì, di Campiglia Marittima. In ultimo giova 
notare che il Gemmellaro, oltre che da considerazioni paleon* 
tologiche che gli resero sicuro il riferimento cronologico del cal- 
care di Casale, ne determinò l'età anche in seguito ad osserva- 
zioni stratigrafiche, poiché, come egli ha asserito, questa fauna 
fu trovata nella serie interposta fra il Retico e gli strati a Te- 
rebratula Aspasia Menegh. appartenenti al lias medio. 

Fatte queste brevi considerazioni sull'età della fauna del cal- 
care di Casale e sulla sua corrispondenza cronologica, passerò 
a descrivere le specie, facendo osservare che tutti quanti 
gli esemplari originali da me esaminati e descritti sì conser- 
vano nel Museo Geologico e Paleontologico della R. Università 
di Pisa. Nel tempo stesso sento il dovere di fare i più vivi rin- 
graziamenti ai prof. Canavari e Fucini che mi prestarono più 
volte il loro valido appoggio, sia per la preparazione del mate- 
riale di studio, sia per la determinazione di esso. 



DESCRIZIONE DELLE SPECIE 



Lamellibranchiata. 

Fam. OSTREIDAE Lamarck. 

Gen. OsTREA Linneo. 

Ostrea electra D'Orbigny. 
(Tav. VI, n. 1). 

1850. Osirea electra D'Orbigny, 7« Etage Sinemurien. N. 140. 

1867. Ostrea electra Diimortìer, Etudes paléontologiques sur les de'pdts 

jurassiques du Jìassin du Bhone (Lias inf.)., 

pag. 76, pi. XIII, fig. 6. 
1896. Ostrea cfr. electra Fucini, Fauna dei calcari ceroidi ecc. Atti d. Soc. 

Tose. d. Se. Natur., voi. XIV, pag. 211. 

A questa specie riferisco un esemplare di Ostrea^ della 
quale si conserva anche l'impronta. 

La conchiglia molto depressa ha la sua superficie alquanto 
irregolare, il suo contorno poco rotondato; essa è più alta che 



Digitized by VjOOQIC 



l.AMBLLIBRANCIII MASSICI DEL CALCARE CRISTALLINO 217 

larga; presenta presso al sao margine inferiore delle pieghe 
irregolari, raggianti, un poco nodulose, divise da intervalli 
lunghi ed ineguali. Nella regione eentrale ed apicale della con- 
chiglia queste pieghe sono corrose, e perciò invisibili. Essa ha 
mólta analogia con VOstrea arietis Qnenst., dalla quale diffe- 
risce per le sue coste raggianti alquanto irregolari. Il Fucini 
ravvicinò a questa specie un^Ostrea da lui raccolta nei calcari 
ceroidi del Monte Pisano. Io però, fattone il confronto anche 
con i miei esemplari, ho riscontrato che essi corrispondono 
molto più alla Ostrea eìectra, cojne viene figurata dal Dumor- 
tier, piuttosto che agli originali del D'Orbigny. 
La specie è propria del lias inferiore. 

Fam. LIMIDAE D'Orbigny. 

Gen. Lima Bruguiere. 

Lima punctata Sowerby. 
(Tav. VI, n. 2). 

1815. Flagiostoma punctata Sow., Minér. Conch., pi. 113, fig. 1-2. 

1849. Lima punctata Deshayes, Trait. de Canchyh, pi. 49, fìg. 2, 3. 

1850. > » Goldfuss, Petref. Germ,, pi. 101, fig. 2. 
1860. » » D'Orbigny, Prodrome, I, p. 30. 

1851. » » Chapuis et Dewalque, Description dea FossiL 

de tei: second. du Luxernhourg, pag, 201, 
pi. XXX, fig. 4. 
1855. » » Terquem, Paléont de laprov. du Luxembourg 

et de Heitange, Mém. de la Soc. Géol. de 
France, sèrie 2«, tome V, part. Il, pag. 317. 

1865. > » Sio^Y.2i.m.QéólogieetTQléont4)log%ede8couche8 

à Av. contorta tn Lombardie, pag. 73, pi. 
XIII, fig. 1-6. 

1866. » » Fossili infraliassici dei dintorni del Golfo di 

Spezia, pag. 71, tav. VI, fig. 7. 

1867. * » Dumortìer, Etudes paléontologiques sur les 

de'pots giurassiques du Bassin du Bhone 
(Lias inférieur), pag. 63. 
1888. » » SìmoììeWìjFaunuladelcalcareceroidediCam' 

piglia Marittima. Atti della Soc. Tose, di 
Se. Nat, voi. VI, pag. 123. 

Gli esemplari di questa specie sono incompleti, però credo 
che si possano riferire con sufficiente sicurezza alla Lima punc- 



Digitized by VjOOQIC 



218 O. MERCIAI 

tata Sow. Le conchiglie sono molto depresse, leggermente con- 
vesse, presentano le orecchiette piccole. Il bordo anteriore cade 
assai rapidamente. Noi abbiamo solamente le valve destre, la 
cui superficie è ornata da finissime strie radiali, i cui inter- 
valli in alcuni esemplari appariscono finamente punteggiati. 
Tali strie, vii<ibìli solo nella parte inferiore della conchiglia, 
mentre nella parte superiore appaiono sempre corrose, sono at- 
traversate da leggere strie concentriche, e non cadono mai di- 
rettamente dall'apice al margine inferiore. Delle due orec- 
chiette, che si conservano soltanto in un solo esemplare, Tan- 
teriore è maggiore della posteriore. L'angolo apicale è pres- 
soché retto. Per l'ornamentazione formata dalle fini strie ra- 
diali, per la punteggiatura degl'intervalli e per la sua forma, 
credo che questa specie non debba confondersi con altre Lime, 
perchè corrisponde, per la descrizione e per le figure, a quelle 
figurate dal Goldfnss C) e dallo Chapuis. Per la forma essa 
avrebbe qualche analogia con la Lima tenuistriata Munst., figu- 
rata da Goldfuss, però la sua striatura diversa fa pure chiara^ 
mente conoscere la diversità della specie. 

Di questa Lima abbiamo tre esemplari mal conservati, il 
più piccolo è in migliore stato degli altri: uno dei più grandi 
è sprovvisto dell'apice. 

Lima cfr. compressa Terquem. 
(Tav. VI, n. 3). 

18&5. Lima compressa Terquem, PaìéontoL de la prov, de 

Luxemhùurg et de Hettange, loc 
cit, pag. 319, pi. XXII, fig. 4. 

1894. Lima (Pìagiostoma) compressa Greco, Il lias inferiore del circondario 

di Rossano Calabro, Atti della Soc. 
Tose, di Scienze Nat., voi. XIII^ 
pag. 132. 

Molto dubbio è il riferimento di questa specie, poiché gli 
esemplari sono pochi e mal conservati. Mancano gli apici, ma 
le superficie, sebbene in parte rotte e in parte erose, lasciano 
però vedere la forma della conchiglia, ed anche la sua orna- 
mentazione superficiale. È per questo che io riferisco, non senza 

(*) GoldfuBS, Petrefaeta Germaniae. PI. CI, fig. 3. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLLIBRANCHI LIAS8ICI DBL OALOARB CRISTALLINO 219 

qaalche dubbio, alla Lima compressa Terq. i miei esemplari, 
non trovando altra specie alla quale essi più si avvicinino. La 
conchiglia è semicircolare, depressa, poco convessa, più lunga 
che larga; presenta la sua maggior larghezza in vicinanza degli 
umboni, i quali sono poco rilevati; le orecchiette sono molto 
disuguali, e striate come il resto della conchiglia. L'orec- 
chietta anteriore è pochissimo sviluppata, la posteriore invece 
è abbastanza estesa. Il margine anteriore è molto inclinato, 
presenta esso pure delle strie, ed è ben delimitato da un 
rilievo lineare che dall'apice va al margine della conchiglia, 
e che costituisce la lunula. La superficie è tutta quanta 
finamente striata. Le strìe raggianti sono ben marcate, sem- 
plici e vanno leggermente ingrossando verso i margini. Le 
strìe concentriche sono pochissimo visibili, eccetto che all'estre- 
mità, e modificano la direzione principale delle strìe raggianti. 
Mancando, come ho detto in prìncipio, qualche parte della con- 
chiglia, non possiamo con esattezza determinare il suo contorno, 
però dal complesso dei caratteri rìsulta questa specie essere 
simile alla Lima compressa figurata dal Terquem. I due soli 
esemplari che abbiamo di questa specie rappresentano: uno la 
valva destra più piccola e meglio conservata; l'altro la valva 
sinistra, ma in peggiore stato di conservazione. 

Lima cfr. aeqnilateralis Terquem. 
(Tav. VI, n. 4). 

1860. Lima aequUaieralis Terquem e Piette, Lìm inférieur de VEsi de la 

Trance, Meni; de la Soc. Géol. de France, 
tom. Vili, Sér. 2«, pag. 100, pi. XII, fig. 10, 
11, 12. 

Conchiglia depressa semicircolare, slargata presso l'apice. 
Essa non lascia vedere la sua ornamentazione, ma la sua forma 
è simile alla specie di Terquem e Piette a cui molto dubbia- 
mente viene riferita. Il dubbio è tanto più giustificato poiché 
l'unico esemplare è cosi malamente conservato da rendere impos- 
sibile qualsiasi descrizione dei suoi caratteri specifici e quindi 
una esatta determinazione. 



Digitized by VjOOQIC 



220 6. MERCIAI 



Lima Choffatii Di Stefano. 

1886. Liìm Choffaii , Di Stefano, Sui lias inf. di Taormina 

e dei sitoi dintoi'ni, pag. 109, tav. IV, 

^g. 26. 
1892. » > Fucini, Molluschi e Brachiopodi del 

lias inf. di Longobucco. Boll. d. Soc. 

Mal. It., Voi. XVIf. 
1891. Lima (Plagiostoma) Choffaii Greco, Il lias inferiore nel circondario 

di Bossano Calabro. Atti d. Soc. 

Tose, di Se. Nat., voUXIII, pag. 132. 

In UDO dei due esemplari che abbiamo di questa specie si 
conserva soltanto la parte posteriore obliquamente ovale. In quei 
punti ove è rimasta la conchiglia si scorge la sua ornamenta- 
zione che consta di strie raggianti ben marcate, piuttosto grosse 
e rade, ed è per questo che io la riferisco piuttosto alla Lima 
Choffatii Di Stef. che alla Lima punctata Sow. con la quale 
potrebbe confonderei l'esemplare mal conservato di questa Lima. 
Le strie raggianti presso Tapice sono fini e divengono più grosse 
man mano che scendono ai margini: sono separate da spazi 
due volte maggiori di esse : la loro direzione è modificata dalle 
numerose strie d'accrescimento. 

Nell'altro esemplare di questa specie si conserva la parte 
superiore della conchiglia. L'apice è depresso, appuntito al- 
l'estremità, l'orecchietta posteriore è molto sviluppata, l'ante- 
riore invece è appena visibile. Una sola differenza è da notarei, 
cioè che il margine posteriore della conchiglia è diritto e perciò 
non è un po' arrotondato come nella Lima Choffatii, però la 
ornamentazione superficiale formata dalle solite strìe raggianti, 
con intervalli assai larghi, ondulate e attraversate da nume- 
rose strìe concentriche, fa manifesta la sua intima relazione ean 
la Lima di cui parliamo. Dalla forma di questa parte supe- 
riore della conchiglia noi possiamo ricostruire molto approssi- 
mativamente tutta la forma generale della medesima, ed allora 
osserviamo che essa è più ovale e meno slargata della Lima 
Cfioffatii Di Stef. e perciò si avvicina assai alla Lima pre- 
cursor Quenst. Infatti la nostra specie per la sua strìatura 



Digitized by 



Google 1 



LAMBLLIBRANCHI LIASSICI DBL CALCARSI CRISTALLINO 221 

e per la sua fonna fa scaiiibiata con la Lima precursor Qnengt. 
dal Segaenza (*), ma poi il Di Stefano ('), a cni si deve la no- 
menclatura di questa s|)ecie, dimostrò, dopo osservazioni e con- 
fronti fatti con gli originali della Lima precursor Quenst., che 
essa non poteva essere assolutamente associata alla Lima del 
Quenstedt, quantunque alcuni esemplari, da lui trovati nel ter- 
ritorio di Taormina, fossero allungati e molto prossimi a quella 
specie. È per questo che ancor io, in seguito alle sopraddette 
osservazioni del Di Stefano, credo di poter riferire alla Lima 
Choffatii anche questo secondo esemplare. 

Lima Oenimellaroi n. sp. 

(Tav. VI, n. 5). 

Lunghezza .... mm. 17 
Larghezza .... » 18 

Quantunque non abbia a mia disposizione degli esemplari 
perfettamente completi di questa specie, pure posso dame una 
descrizione che valga a dimostrare la novità della specie che 
non trova paragone con le altre Lime liassiche già conosciate. 
Conchiglia convessa, obliquamente ovale, più larga che lunga, 
presenta il suo massimo spessore a metà della conchiglia; gii 
umboni piccoli e poco ricurvi arrivano oltre alla lìnea cardinale 
diritta; le orecchiette sono ineguali, T anteriore è piccola, la 
posteriore invece è assai i)i(i sviluppata; il margine anteriore 
è obliquamente arrotondato; il margine ventrale leggermente 
ricurvo come quello posteriore. La superficie è ornata da tante 
coste concentriche finissiuìe tagliate da tante strie radiali che 
partendosi dall'apice non cadono direttamente ai margini, ma 
giunte ad un terzo della larghezza della conchiglia deviano e 
cadono allora diritte sui margini. 

Quest'ultima porzione delle strie radiali è quella che si os- 
serva meglio dell'altra, i)erchè è più marcata: le linee sono 



(^) Seguenza, Intorno al sistema giurasaico del territorio di Taormina 
(Naturalista Siciliano, a. IV, n"" 10, 1886, pag. 252). 

(*) Di Stefano, Sui ìias inferiore di Taormina (Ice. cit., pag. 109). 



Digitized by VjOOQIC 



222 G. MBROIAl 

groBse, eqaidistanti tra loro, e non lasciano vedere linee secon- 
darie. Di qnesta specie ho trovato pochissimi esemplari nel cal- 
care di Casale, però quantunque non siano stati, come ho già 
detto, in grado perfetto di conservazione, ne ho potuto studiare 
i vari caratteri che ho già mostrato e la sua forma, e da ciò 
sono stato indotto a considerarla come nuova, poiché l'unica 
specie del lias inferiore, a cui questa possa ravvicinarsi, è la 
Lima punctata Sow. Da questa però se ne vede facilmente la 
differenza, se non altro per la sua forma. La Lima punctata 
Sow. è molto più allungata ed ha i due margini, anteriore e 
posteriore, più arrotondati ; la nostra specie invece è più corta, 
ed il margine posteriore cade quasi direttamente. Inoltre ne 
differisce per la punteggiatura delle coste. 

Un'altra specie, anche più vicina a questa Lima, è la Lima 
liasina Gemm., figurata e descritta dal Gemmellaro (M, che la 
trovò nel lias medio di Sant'Anna, presso Giuliana; però essa 
pure ne differisce, oltre che per la forma più arrotondata e per 
avere le due orecchiette uguali, anche per la sua striatura. 
Quindi, riconosciuta la differenza da queste Lime^ non esito a 
ritenere come nuova questa specie, alla quale pongo il nome 
del geologo siciliano, che tanto sapientemente ha illustrato la 
paleontologia della Sicilia. Dei vari esemplari conservati nel 
Museo di Pisa, quello descritto è uno dei migliori, quantunque 
manchi ad esso l'orecchietta anteriore, che è visibile in altri 
esemplari più grandi, ma in peggiore stato di conservazione^ 
essendo in parte corrosi o mancanti dì varie parti. 

Lima sp. ind. 

(Tav. VI, n. 6). 

Conchiglia molto inequilaterale, obliquamente allungata, ri- 
gonfia presso l'apice, bordo cardinale, un po' arcuato. È munita 
di due orecchiette, di cui la posteriore è più sviluppata dell'an- 
teriore, e sono ambedue ornate di strie concentriche. Il mar- 
gine posteriore della conchiglia è quasi tutto asportato, il mar- 

(') Gemmellaro, Sopra alcune Faune giureH e liassiche di SieOia^ 
Pag. 89, tav. XII, fig. 7. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLUBRANCHI LIA8SICI DEL CALCARE CRISTALLINO '228 

gine anteriore è molto allungato, e la lannla presenta strìatare 
concentriche. In tutta la superficie della conchiglia non ai scor- 
gono striature di sorta, essendo corrosa ed in gran parte aspor- 
tata. La sua forma generale, l'apparato cardinale con la fossetta 
ligamentare triangolare nell'area cardinale, mi fanno sicuro il 
riferimento di questo mio esemplare al genere Lima. Per la 
forma, essa avrebbe molta analogia con la Lima punctata Sow., 
però il suo margine anteriore, molto più allungato, ci mostra 
che abbiamo a che fare con un'altra specie, molto vicina, ma 
differente. La mancanza dell'ornamentazione e le varie parti 
mancanti della conchiglia, pongono nell'impossibilità di dare a 
questa Lima un'esatta determinazione specifica. 

Lima sp. ind. 

(Tav. VI, n. 7) 

Riferisco al genere Lima due esemplari di cui conservasi 
soltanto la parte anteriore della conchiglia. Ricostruendo a grandi 
tratti la forma della conchiglia, si osserva anzitutto che essa è 
molto più alta che larga, ovale, alquanto convessa, col margine 
anteriore pochissimo allungato. La sua superficie è ornata da 
tante strie concentriche, fini, equidistanti, che divengono più 
fitte presso l'apice. Esse sono attraversate da numerose strie 
radiali, più visibili presso i margini della conchiglia, dove di- 
minuiscono le strie concentriche, che sono pure ben marcate 
sulla lunula. L'unica orecchietta visibile, cioè l'anteriore, è abba- 
stanza grande, relativamente a quella delle altre Lime, ed è 
ornata da strie concentriche. Niente altro posso dire, riguardo 
alla conformazione ed alla ornamentazione dei miei due esem- 
plari, ai quali manca la parte posteriore, essendo rotti per metà, 
e quindi si comprende come mi sia impossibile il poter deter- 
minare la specie alla quale essi appartengono. 



Digitized by VjOOQIC 



224 G. MERCIAI 

Pam. PECTINIDAK Umark. 
Gm. Pectbn Klein. 

Pecteii Lotti! Gemmellaro e Di Blasi. 

(Tav. VI, 11. 8;. 

1878. Fecten LoUii Gemmellaro. Sui t'ossili del calcare cristallino delle 
Montagne del Casale e di Bellampo nella pro^ 
mncia di Palerìtw, Loc. cit., pag. 339, tav. XXX, 
fig. 1, 2. 

Conchiglia piccola, sub-orbicolare, non molto rigonfia. Poco 
si distingne la posizione deirapice, rispetto alla linea cardi- 
nale, poiché questa parte della conchiglia è molto corrosa. 

Sopra uno degli esemplari, meglio conservati, si osserva la 
superficie ornata da circa 16 grosse coste raggianti, che si par- 
tono dall'apice e decorrono direttamente ai margini; esse sono 
separate da intervalli più piccoli delle coste e disuguali tra 
loro, poiché tanto al Iato anteriore come a quello posteriore, le 
coste sono più fitte e quindi gli spazi sono assai più ristretti. 
Le coste hanno il dorso molto arrotondato e sono attraversate 
da numerose costicelle concentriche, molto risibili negli spazi 
intercostali, in cui esse sono addossate l'una all'altra. Poco o 
nulla possiamo dire delle orecchiette, perchè l'anteriore manca, 
la posteriore è corrosa ed incompleta. Ija sua forma generale, 
le sue coste raggianti con il dorso arrotondato ed il numero 
limitato di esse, quantunque manchino altri caratteri specifiei, 
mi fanno però abbastanza sicuro il riferimento di questa specie 
trovata dal Gemmellaro nel calcare di Bellampo e che, pur 
avendo molta analogia col Pecten cordiformis Qemm. e Di BL, 
ne diflferisce, se non altro, per il numero delle sue coste, che 
sono 56 nel Pecten cordiformis Geni, e Di Bl., e 16 nel Pecten 
Lotta Gemm. Si conservano, di questa specie, due esemplari 
che rappresentano la valva destra. 



Digitized by 



Google 



gie j 



LAMBLLIBRANCHl LIAS8ICI DRL CALCARB CRISTALLINO 225 

Fam. AVICULIDAE D'Orbigny. 

Gen. AricuLA Klein. 

ÀTieala Dunkerìi Terquem. 
(Tav. VI, n. 9). 

1855. A^icula Bunkeri Terquem, Paleontologie de la province de Luxem- 
bourg et de Hettange. Mém. de la Soc. Géol. 
de France, sèrie 2®, tom. V, parte II, pag. 314, 
pi. XXI, fig. 12. 

Conchìglia piccola, poco spessa, rigonfia presso l'apice, ine- 
qnìlaterale, obliqaamente ovale. L'apice sporge poco sopra al 
bordo cardinale che è diritto; T ambone è piccolo ed ottuso; 
l'orecchietta anteriore è piccola ed è distinta dal resto della 
conchiglia per una leggiera depressione che è sotto l'umbone; 
nel margine boccale presso l'origine dell'orecchietta anteriore si 
osserva un'insenatura; l'orecchietta posteriore è lunga, limitata 
da una solcatura lineare e perciò ben distinta. Mancando però 
la parte estrema di questa orecchietta nei nostri esemplari, non 
conosciamo la sua lunghezza né l' insenatura a cui essa dà luogo 
nel margine posteriore della conchiglia. 

Eiguardo all'ornamentazione superficiale posso dir poco perchè 
i due esemplari che posseggo hanno le superficie corrose per il 
rotolamento subito avanti della loro deposizione. In un esem- 
plare soltanto si osservano delle leggiere strie concentriche sparse 
su tutta la superficie. Questa specie non esito a riferirla alla 
Avicula Dunkerii Terq., poiché i miei esemplari, quantunque non 
siano perfetti, sono molto simili per la forma e per la grandezza 
alla specie figurata dal Terquem. Essa é molto vicina sàV Avi- 
cula Buvignerii Terq., pure descritta e figurata dal Terquem Q\ 
e quantunque a prima vista sembri identica a quella per la sua 
forma si osserva però che V Avicula, che vado descrivendo, é 
più slargata in prossimità dell'apice ed in complesso la sua forma 
appare più arrotondata in confronto a quella deìV Avicula Bw 

(>) Terquem, Mem. cit., pag. 3l5, tav. XXI, fig. 14. 



Digitized by VjOOQIC 



226 O. MSKC1A[ 

vignerà che invece è molto più obliquamente ovale. Tale diffe- 
renza osservata non mi ha ci'eato alcun dubbio sul riferimento 
di questa specie, avendo riferito poi altri esemplari alVAvicula 
Buvignerii Terq. che descriverò appresso. 

Inoltre i miei esemplari sono molto simili BÌVAvicida De- 
shayesei Terq., descritta e figurata da Terq uem (^), che però dif- 
ferisce deAVAv. Bunker a Terq^ per essere molto più slargata e 
ingrossata trasversalmente e per avere l'orecchietta posteriore 
più grande in modo che forma col margine posteriore un' inse- 
natura più larga e più ampia di quella della nostra specie. In- 
fatti se a noi manca in parte l'estremità dell'orecchietta poste- 
riore, possiamo però rintracciare la curvatura del seno mar- 
ginale posteriore e osservare che esso è piccolo ed ottuso e per- 
ciò identico a quello àeìVAmcula BunJcerii. Anche quest'ultimo 
carattere mi ha servito nella distinzione di questa specie dalle 
altre due già rammentate, a lei molto vicine. 

Avìcula Biiviguerìi Terquem. 
(Tav. VI, n. IO}. 

1855. Avicuìa Buvigneri Terquem, Paleontologie de la province de Luxem^ 
bourg et de Hettange. Loc. cit, pag. 315, tav. 
XXI, fig. 14. 

1866. > » Capellini, Fossili infraliassici dei dintorni del 

Golfo di Spezia, pag. 66, tav. V, fig. 7-8. 

Conchiglia piccola, inequilaterale, molto obliquamente allun- 
gata, poco spessa, linea cardinale diritta, umbone piccolo ed 
ottuso. L' orecchietta anteriore è piccola ed ottusa e ben distinta 
dal resto della conchiglia : in prossimità di essa, al margine boc- 
cale, si osserva una leggiera insenatura. L' orecchietta posteriore 
è grande, leggermente striata: ne manca la sua estremità ma 
si osserva sempre il seno che essa, prolungandosi, forma col mar- 
gine posteriore della conchiglia: questo seno è piccolo ed acuto. 
Tengo a mia disposizione un solo esemplare che riferisco con 
dubbio 2AV Avicuìa Buvignerii Terq. poiché ignoro se abbia, come 
questa specie, il cardine fornito di quella serie di piccoli denti 

('} Terquem, Mem. cit., pag. 315, tav. XXI, fig. 13. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLLIB RANGHI LIASSICI DEL OALOARB CRISTALLINO 227 

^caratteristici, rammentati dal Terqaem; inoltre è scomparsa la 
«na ornamentazione saperficiale, in modo che si scorgono sol- 
tanto delle leggiere coste concentriche salla superficie dell'orec- 
<;hietta posteriore. Qaantanque manchino vari caratteri princi- 
pali però, se non altro per la forma generale della conchiglia, 
• preferisco riferire questa specie eilVAvicula Buvignerii Terq. in- 
vece di quella precedentemente descritta che per i suoi carat- 
teri e per la forma meglio corrisi)onde 9XVAvicula Dunkerii Terq. 

Sottofam. Inoceraminàe Stoliczka. 
Gen. Gebvillia Defranee. 



Oervillia siciliana n. 


sp. 


(Tav. VI, n. 11). 




Altezza .... 8 


mm 


Lunghezza ... 15 


» 



Conchiglia allungata, poco spessa, inequilaterale rilevata ante- 
riormente, molto depressa posteriormente; margine cardinale di- 
ritto, umbone piccolo ed ottuso che sporge poco al di là della 
linea cardinale. L'orecchietta anteriore è stretta, termina in 
punta, ed è molto distinta da tutto il resto della conchiglia me- 
diante una depressione lineare che passa vicino all'umbone e 
termina al margine cardinale : essa è distinta pure dal margine 
boccale col quale fa un angolo ottuso ben marcato. L'orecchietta 
posteriore è breve e non presenta nessuna particolarità che la 
distingua. 

Numerose strie concentriche squamiformi ricoprono tutta 
quanta la superficie della conchiglia di aspetto piuttosto miti- 
liforme. In un esemplare di questa specie è visibile il cardine 
dove si osserva la linea cardinale grossa con delle fossette lar- 
ghe, separate da intervalli uguali e larghi quanto le fossette. 
Questo carattere distintivo del cardine mi ha reso sicuro il rife- 
rimento generico di questa conchiglia. In quanto poi alla sua 
determinazione specifica ho creduto opportuno di assegnarle un 
nome nuovo, poiché le più accurate osservazioni sulle Gervillie, 

19 



Digitized by VjOOQIC 



228 G. MERCIAI 

appartenenti al lias inferiore ed altre formazioni immediata- 
mente superiori od inferiori a quella mi hanno indotto a rite- 
nere nuova questa specie, non avendone riscontrate altre a cui 
possano riferirsi con molta sicurezza i miei due esemplari. La 
specie che sono andato descrivendo e che è molto rara nel cal- 
care di Casale presenta molte affinità con la Gervillia avicu- ' 
loides Sow. figurata da Goldfuss (*) e da Sowerby f). I miei 
esemplari somigliano più a quella figurata da Goldfuss che a 
quella del Sowerby, però ne diflferiscono per essere molto più 
piccoli, in proporzione più slargati e per la posizione dell'orec- 
chietta anteriore lanceolata, molto sporgente dal margine boc- 
cale col quale essa forma un distinto angolo ottuso. Quest'ul- 
timo carattere principale e la sua foima generale la fanno di- 
stinguere, oltre che dalle due specie sopra indicate, anche dalla 
Gervillia solenoides C) Sow. (molto più allungata) e dalle altre 
specie consimili. Perciò io propongo per questa specie il nome 
di Gervillia siciliana, trovandosi essa nella fauna siciliana di 
Casale, ormai tanto rinomata. Io ne ho trovati soltanto due esem- 
plari, uno dei quali è abbastanza completo ed è quello figurato 
nella tavola qui annessa. Esso mostra chiaramente i suoi carat- 
teri specifici quantunque sia corroso alla superficie; l'altro e più 
grande e mancante della parte posteriore in modo che non lascia 
vedere la sua forma venerale. 



t»^ 



Gervillia sp. ind. 
(Tav, VI, n. 12). 

Riferisco a questo genere alcune conchiglie corrose che non 
mostrano la loro ornamentazione superficiale ed hanno consu- 
mato varie parti, in modo che non se ne può dare una descri- 
zione e perciò fame una esatta determinazione specifica. Alcuni 
esemplari mostrano la loro linea cardinale dove si osservano le 
solite fossette ligamentari larghe separate da spazi uguali. L'o- 



(') Goldfuss, Fetrefacta Gernianiae, tav. CXV, fig. 8. 
(^) Sowerby, The mineraL Conchology of Great Britain. London^ 
1829, voi. f;, tab. 511, pag. 16. 

'J') Sowerby, Mem. cit, voi 6, tab. 510, fig. 1-4, pag. 14. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLLIBRANCHI LIAB8ICI DEL GALCARB CRISTALLINO 229 

recchietta anteriore è breve e 8i confonde* col resto della con- 
chìglia, la posteriore pare è breve ed è anita al margine poste- 
riore piuttosto arrotondato. 

Il margine cardinale è diritto e grosso. La forma generale 
della conchiglia, come si paò vedere nei migliori esemplari, è 
molto slargata, però non si conosce il suo contorno. Tatti qaesti 
pochi caratteri se mi rendono sicara la saa determinazione gene- 
rica non possono però farmi riferire con sicurezza ad nna data 
specie qaesti miei esemplari. 

Pam. MYTILIDAE Lamarck. 
Gen. Mytilus Brngniere. 

Mytilns lia^inus Terquem. 

(Tav. VI, n. 14). 

1856. Miftilus ìiaaintM Terquem, Paléontolo^ de la province de Luxem- 
baurg e de Hettange. Loc. cit., pag. 312, pi. 
XXI, lag, 9. 

Questo Mytilus, che si trova in gran quantità nella fauna 
che vado descrivendo, presenta una molteplicità di forme, vi- 
cine fra loro ma che però possono raggrupparsi tutte e riferirsi 
ad un'unica specie e cioè alla specie caratteristica di Terquem, 
La specie in discorso ha una forma allungata, ovale, ricurva, 
molto inequilaterale, non molto spessa. Il margine palleale è 
leggermente sinuato, il margine cardinale è diritto e raggiunge 
quasi la metà della lunghezza totale della conchiglia. Il lato 
boccale è ristretto in confronto a quello anale più lungo e più 
arrotondato. 

Dagli umboni subterminali ricurvi ed ottusi si parte una ca- 
rena diretta al punto di congiungimento del margine anale col 
margine palleale, però essa sparisce a metà della conchiglia. 
Questa specie, che il Terquem trovò assai comune neH' infralias 
di Hettange, è frequente pure nel calcare di Casale, ed io credo 
che non possa assolutamente confondersi con la Modiola Mariae 
Gemm., frequentissima pure in questa fauna ed alla quale il 
Gemmellaro la ravvicina. Vi sono tanti esemplari di individui 



Digitized by VjOOQIC 



2B0 O. MBRGIill 

giovani di questa specie che a prima vista sembrerebbero appar- 
tenere alla Modioìa Mariae Gtemm., ma poi esaminati attenta- 
mente se ne possono osservare le differenze, sia pare lievi, in 
modo che possiamo giudicare il nostro Mytiìus U<mnus come 
la specie più immediatamente vicina alla Modioìa Mariae del 
Gemmellaro. Infatti la specie di cai abbiamo parlato, differisce 
dalla specie descrìtta dal Gemmellaro per avere più stretto il 
lato boccale, per avere uno spessore minore e per avere il mar- 
gine palleale meno sinuato ed il margine cardinale più lungo. 

Mytìlus easalensis Gemm. var. curvatus. 
(Tav. VI, n. 13). 

Il Gemmellaro nei suoi studi sopra questa importantissima 
fauna di Casale non rinvenne che pochi esemplari di questo 
Mytilus, e fra essi non vi erano delle differenze notevoli da 
poterne fare delle varietà. Io invece, per il metodo usato della 
semicalcinazione, ho potuto trar fuori gran quantità d'esemplari 
di questa specie, che il Gemmellaro dice essere piuttosto rara, 
ed ho riscontrato che realmente una gran parte di essi presenta 
delle differenze in confronto a quelli caratteristici del comune 
MytiliAS easalensis, però queste differenze non sono tali da po- 
terne formare un'altra specie a parte, poiché si osserva bene il 
passaggio da una forma all'altra, ma dobbiamo considerarle 
piuttosto come una varietà; 

Questa nuova varietà ha la conchiglia più spessa, il margine 
cardinale non è diritto e si confonde col contomo anale il quale 
è meno slargato e meno arrotondato. Il contomo palleale è al- 
quanto curvato, invece nell'altro è diritto. Tanto la forma di 
questa varietà quanto la forma principale sono frequenti nel 
già rammentato calcare di Casale. 

Mytiìus sp. ind. 
(Tav. VI, n. 15). 

Biferisco al genere Mytilm un frammento di una conchiglia 
di cui si conservano l'apice ed una parte della porzione ante- 
riore. L'apice ha uno spessore abbastanza grande ed è stretto 



Digitized by VjOOQIC 



LAMJDLLIBRANGHI LIAS8IC1 DBL CALCARE CRISTALLINO 281 

e rìcuryo in aranti. Il margine boccale è sinaoso ed in esso sì 
scorgono delle strie che non si osservano poi in tatta la saper- 
ficie della conchiglia, essendo essa molto corrosa. Per la forma 
qnesto frammento di conchiglia è simile ad alcuni Mytilus de- 
scritti e figurati dal Goldfuss (^), però ne è molto differente per 
la sua insenatura, per la curvatura dell' umbone, in modo che 
non troviamo una specie che ad essa si possa ravvicinare con 
certezza. Però la mancanza di gran parte della conchiglia non 
mi fa conoscere molti caratteri per formarne una nuova specie. 

Fam. PBASINIDAE Stoliczka. 

Gen, Myoconcha Sowerby. 

Myoconeha scabra Terquem et Piette. 
(Tav. VI, n. 16j. 

1865. Myoconcha scabra Terquem et Piette, Le lias inf. de VEst de la 

France. (Mém. de la Soc. Géol. de France). 
1867. » » DnmortìeTyEtudespaléontólogiquessurlesdepots 

jwaasiques du baasin du Bhone (Lias Inf.), 

pag. 60, pi. X, fig. 6 e pi. XVIII, fig. 7. 
1890. » » Parona, I fossili del Lias inf, di Saìtrio, Atti 

d. Soc. ital. di Se. Nat, voi. XXXIII, pag. 24, 

tav. Ili, fig. 1-2. 
1893. » » Greco, Il lias inf nel circondario di Bossana 

Att. d. So<5. Tose. d. Se. Nat., voi. XIII, pag. 

246, tav. VI, fig. 4. 
1895. » » Fucini, Fauna dei calcari bianchi ceroidi ecc. 

Atti d. Soc. Tose di Se Nat, vol.XIV, p. 231. 

Questa specie tanto caratteristica per la forma e per la sua 
ornamentazione si trova abbondantissima nella fauna che sto 
descrivendo. I suoi caratteri specifici sono i seguenti: Conchi- 
glia allungata, modiolìforme, ripiegata in avanti, inequivalve, 
inequilaterale, stretta nella parte superiore, piuttosto larga nella 
parte posteriore. Presenta la massima altezza ed il massimo 
spessore, al terzo posteriore della sua lunghezza. Umboni pic- 
coli, anteriori, isolati da un piccolo solco. 

(') Goldfuss, Fetrefaeta Germaniae, 



Digitized by VjOOQIC 



282 O. MARCIAI 

In alcuni esemplari è visibile il dente laterale posteriore 
allungato. Non si conosce l'apparato cardinale. 

Sulla superficie si osservano tante costicelle concentriche che 
ricoprono tutta la conchiglia: quelle che si trovano presso 
l'apice sono rade e ingrossate, quelle presso al margine infe- 
riore sono più grosse e pid fitte. Esse sono attraversate da poche 
strie radiali scabrose un {)o' incurvate, che dall'apice vanno 
all'estremità della conchiglia e che sono separate da spazi ampi 
e diseguali. In corrispondenza delle strie radiali le coste con- 
centriche sembrano interrotte ed angolose. Tanto le strie radiali 
quanto le coste concentriche nel loro insieme danno alla con- 
chiglia la bella ornamentazione propria e caratteristica di questa 
specie. 

Vari esemplari di questa Myoconcha di Casale hanno la 
forma generale diritta ed assomigliano molto alla Myaconcìm 
scabra Terq. del Bacino del Rodano, figurata e descritta dal 
Dumortier, altri invece sono in generale curvati tanto che fareb- 
bero supporre di aver che fare con una varietà di questa specie. 
Molti esemplari poi si allontanano dalla Myoconcha scabra di 
Terq. et Pìette per avere un maggior numero di strie radiali, 
che la fanno somigliare piuttosto alla specie descritta dal Greco 
e proveniente dal Varco del Ceraso. 

Tutte queste forme molto aflSni, che non rappresentano altro 
che serie più o meno isolate di questa specie, le ho riunite sotto 
lo stesso nome specifico, non presentando esse dei caratteri net- 
tamente difi^erenziali da potérle considerare come specie di- 
stinte. 

La Myoconcha scabra è una specie propria del lias. infe- 
riore. 

Myoconcha sp. 
(Tav. VI. 1). 17;. 

Riferisco al genere Myoconcha un esemplare di una con- 
chiglia alquanto inequilaterale che ha il suo massimo spessore 
ad un terzo dell' altezza totale. La sua parte apicale è al- 
quanto ricurva, in modo che presenta nel contorno palleale una 
forte insenatura. Il contomo posteriore od anale è alquanto 
arrotondato. Gli umboni terminali non si vedono, essendo rotta 



Digitized by VjOOQIC 



LAMBLLIBRANORI LIASSICI DRL CALCARE CRISTALLINO 2''}8 

questa parte della conchiglia, ove è visibile soltanto il dente 
posteriore. La superfìcie, alquanto ineguale, presenta più qua e 
più là dei leggieri rilievi, ed è molto corrosa in modo che non 
si può esaminare la sua ornamentazione superficiale. Soltanto 
si vedono delle grosse strie concentriche fitte ed irregolari. La 
forma di questa Myoconcha è alquanto diversa dalle altre, se 
non altro per la sua forte curvatura nella parte apicale, ed io 
sarei stato indotto a considerarla come una specie distinta, se 
non ne fossi stato impedito dal cattivo stato di conservazione 
della conchiglia, che mi ha reso impossibile un'esatta descri* 
zione di tutti i suoi caratteri specifici. 

Fam. ABCIDAE Lamarck. 

Gen, ('ucuLLAEA Lamarck. 

CucuUaea Murchisoni Capellini. 
(Tav. VI, n. 18-19). 

18t)6. Cuculiata Murchisoni Capellini, Fossili infraliassici del Gólfo di 

Spezia, pag. 60, tav. IV, ^^, 1810. 

Conchiglia inequilaterale, trasversalmente allungata, spessa. 
Il lato anteriore breve, ristretto in confronto al lato anale, ter- 
mina in punta, ed è rigonfio presso la regione apicale. Il lato 
posteriore è sviluppatissimo, allungato e molto slargato, in modo 
che la maggiore larghezza della conchiglia si osserva ad un terzo 
posteriore della lunghezza totale. Il margine posteriore è tron- 
cato. Gli umboni sono alquanto rialzati e ricurvi verso Tarea 
ligamentare, spaziosa e lunga quanto tutta la conchiglia. Sulla 
superficie dell'area sì notano dei solchi disposti a losanga. Il 
margine cardinale è diritto, ed in alcuni esemplari ho potuto 
osservare anche l'apparato cardinale che risulta formato tanto 
nella parte anteriore come nella parte posteriore da tanti denti 
obliqui, ciò che mi ha dato la conferma della qualità generica 
di questa specie. La superficie della conchiglia e ornata da 
tante grosse ^trie concentriche, e da tante piccolissime strie ra- 
diali che si osservano soltanto presso al margine. Esiste una 
leggiera depressione quasi a metà delle valve. Dall'apice si 



Digitized by VjOOQIC 






284 G, MBRCIAT 

parte una grossa carena che giunge fino al margine posteriore 
descrivendo nna linea concava che circoscrive nettamente il 
corsaletto dove si notano, più che altrove, le pieghe concen- 
triche intersecate da ben manifeste e namerose strìe radiali. 
La Cucullaea Murchisoni Cap., ha qnalche somiglianza con la 
Ciicullaea similis Terqaem, però ne differisce molto, per essere 
più rigonfia, e per la sna notevole sproporzione fra la parte 
anteriore e la posteriore della conchiglia che è una delle sue- 
prìncipali caratteristiche. 

Questa specie, che il Capellini trovò in gran quantità nel- 
l'infralias dei dintorni della Spezia, e precisamente al Tinetto^ 
è pure comune nel calcare di Casale, dove io ne ho trovati 
degli esemplari splendidi che mi hanno mostrato evidentemente 
i loro caratteri identici a quelli della specie del Capellini. 

Gm. Macrodon Lycett. 

Macrodon aviculinam SchànfhRutl. 
(Tav. VI, n. 20,. 

1854. Arca aviculina Schftufhautl, Beitràge eur Kenntniss der ba^ 

yerxschen Voralpen. Neues Jahrbuch Léo- 
nard unii BroDD, pag. 546. 

1861. » » Stoliczka, Uéber die Gatftropoden und Act- 

phalen der HierlaU-Schichien. Sitzung- 
berichte der K. K. Akademie der Wissen- 
schaften. math. natur. Classe. Bd. XLIII, 
pag. 196, Uv. V, fig. 8. 

1878. » » Gemuellaro, Sopra alcune faune giuresi e 

liassiche della Sicilia, pag. 91. 

1895. Macrodon aviculinum Fucini, Fauna dei calcari bianchi ceroidi ecc^ 

Alt. d. Soc. Tose, di Se. Nat., voi. XIV, 
pag. 233, tav. Vili, fig. 8 9. 

L'unico esemplare che ho di questa specie non si trova in 
stato perfetto di conservazione, poiché gli manca una porzione 
della parte superiore del lato anteriore, e la parte inferiore del 
lato posteriore, però per la sua forma e per i suoi caratteri si 
adatta molto bene alla illustrazione originale dell'aroa avicti- 
limi data da Stoliczka. — Conchiglia trasversalmente allungata. 



Digitized by VjOOQIC 



LAMELUBRANOHI LIASSlCl DSL CALCARB CRISTALLINO 285 

molto ineqnìlaterale e depressa. II lato anteriore breve, rialzato 
verso l'apice, va lentamente comprimendosi verso il margine 
inferiore alquanto arrotondato. Il lato posteriore è molto svi- 
lappato e spatoliforme. Gli amboni ricurvi sono posti molto 
anteriormente, e sono poco rialzati; il margine cardinale è di- 
ritto, Tarea ligamentare è piccola e Innga quasi quanto la con- 
chiglia. Dall'apice si parte una carena ben distinta che arriva 
fino al margine posteriore. La saperficie della conchiglia è or- 
nata di numerose coste concentriche un po' corrose. Per la cor- 
rosione della superficie non sono nemmeno visibili le solite strie 
radiali. 

Questa specie fu riferita al genere Arca da Schànfhiiult, da 
Stoliczka e da Gemmellaro, finché il Fucini, che la trovò nei 
calcari ceroidi del Monte Pisano, potè esaminare il cardine di 
questa conchiglia, e osservò nella parte anteriore del cardine 
quattro o cinque lunghi denti diretti obliquamente indietro, e 
così egli venne a risolvere il problema del riferimento generico 
di questa specie che i suoi predecessori avevano considerata 
come un'arca, non avendone potuto esaminare il cardine. Egli 
invece la considerò come un Macrodan, ed è per questo che io 
ho citato questa specie col nome generico di Macrodofiy quan- 
tunque anche a me non sia stato possibile esaminarne il car- 
dine, ma essendo la mia specie per tutti i suoi caratteri, iden- 
tica a quella del Fucini, e quindi a quella di Hierlatz, sono 
sicuro del mio riferimento generico e specifico. 

Fam. ASTABTIDAE Gray. 

Gen. Astante Sowerby. 

A^tarte ciugulata TerqiTem. 
(Tav. VI, n. 21). 

1855. Asiane dngulaUi Terquem, Paleontologie de la Province de Luxern- 
hourg et de JSettange (loc. eit.), pag. 294, pi. 
XX, fig. 6. 

18G7. » » I>wmoTt\Qr^ Etudes Paìéontologiquee 8wr le Dépots 

jurassiques du Bassin du Bhwie^ Infralias, 
pag. 145, pi. XXIV, lag, 10, 11, 12. 

1867. > » Capellini, Fossili infraliassici del Golfo di Spezia. 

pag. 6J, tav. Ili, iìg, 98-24. 



Digitized by VjOOQIC 



286 G. MBBCIAI 

Conchiglia snb-equilatera)e, rigonfia presso Tapice e che va 
lentamente comprìmendosi presso ai margini. Il bordo cardinale 
è quasi diritto; gli amboni, molto ricnrvi, sono pressoché me- 
diani ; la superficie è ornata da coste concentriche ben marcate 
e larghe, divise da spazi larghi, dove si notano pure tante pic- 
cole costicene concentriche, distinte ed equidistanti. La forma 
della conchiglia sub-orbicolare è identica, anche per i caratteri 
anzidetti, eAVAstarte cingulata Terq., figurata dal Terquem. 

Gli esemplari miei somigliano, per la loro forma e pei carat- 
teri, molto più alla specie del Terquem, che dAVAstarte cin- 
gulata trovata dal Dumortier nell' infralias del bacino del Eo- 
dano, poiché quest'ultima differisce da quella per la forma e 
per il numero delle coste concentriche più grosse e più fitte. Il 
Dumortier inoltre osservò che essa era denticolata nella parte 
intema del margine, mentre la specie del Terquem non lo era. 
La mia specie pure è denticolata, almeno nella parte visibile, 
essendo una gran parte del margine tenacemente attaccato alla 
roccia ed un po' corroso. Nell'apparato cardinale sono ben di- 
stinti i due denti e la lunula abbastanza grande ; ciò mi rende 
sicuro il riferimento generico e specifico dei miei esemplari. 

(rcìi. Opis Deshayes. 

Opis Canavarli n. sp. 

(Tav. VI, n. 22-23-24). 

Altezza mra. 8 

Lunghezza » (> 

• 
Conchiglia piccola, inequi laterale, trigonale, curvatissima, 

umboni alquanto rilevati e ricurvi verso il cardine che non è 
visibile, essendo ad essa attaccata tenacemente la roccia. Dagli 
umboni si parte una grossa carena che va fino al margine infe- 
riore, dividendo in due parti distinte la conchiglia. La parte 
anteriore rigonfia, porta un rilievo arcuato come la carena, la 
parte posteriore cade giù direttamente dall'orlo della carena ed 
è rigonfia presso il margine. Sulla sua superficie si notano delle 
coste concentriche, visibili si)ecial mente nel lato i)osteriore della 



Digitized by VjOOQIC 



LAMELLIBRANGHI LIA8S1CI DSL CALCARE CRISTALLINO 287 

conchiglia. La piccolezza degli esemplari ed il rotolamento sabito 
da alcuni, avanti la loro deposizione, ha fatto sì, che una parte 
dì essi si è tanto aiterata nella forma, che mi ha impedito di 
poterne fare un esame più accurato ed una descrizione più par- 
ticolareggiata. In ogni modo, ho osserrato bene la sua diffe- 
renza dalle forme consimili, tanto da poterla ritenere come nuova. 
Questa specie, infatti, può ravvicinarsi rìVO^hs numisìnaUs di 
Oppel (0, dalla quale differisce per avere la parte boccale più 
larga. Differisce pure d^ìVOpìs sp. del Quenstedt (*), per essere 
assai stretta e più fortemente carenata, carattere che la distingue 
anche chiaramente dall' Op/^ bamensis dello Stoppani (^). 

Nel calcare di Casale ho trovato vari esemplari di questa 
specie, tutti però di dimensioni piccole, non superiori a quelle 
già date per l'esemplare descritto e figurato. 

ICoseo Geologico deUa R. Università di Pisa- 

[Ms. pres. il 27 aprile 1904 - ult. bozze 15 ìugÌM 1904]. 



0) Oppel, Der Mitilere Lias Schwabens, pa^. 86, tav. IV, flg. 27. 
(2) Quenstedt, Der Jura, pag. 151, pi. XVII 1, tìg. 33. 
(^) Stoppani, Monographxe de$ Fossiles de VAzzaroìa, pag. 52, pi. V, 
fìg.19,21. 



Digitized by VjOOQIC 



288 G. MERCIAI 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA VI. 



Fig. 1. Ostrea electra D'Orb. 
» 2. Lima ptinctata Sow. 
» 3. Z/tma cfr. compressa Terq. 
» 4. lAma cfr. aequilateralis Terq. 
» 5. Xtma Gemm^llaroi n. sp. 
» 6. Zima sp. ind. 
» 7. Xtma sp. ind. 
» 8. Pcc^cn Xofitt Gemm. 
» 9. Avicula Dunkerii Terq. 

» 10. ^rtcuZa fìuvigntrii Terq. 

» 11. Gervillia SicìHana n. sp. 

» 12. Gervillia sp. ind. 

» 13. Mytilus casalensis var. cwra<t*« n. var. 

» 14. Mytilus ìictsinus Terq. 

» 15. Mytilus sp. ind. 

» 16. Myoconcha scabra Terq. 

» 17. Myoconcha sp. 

> 18. Cuculiata Murchisoni Gap. 

» 19. > » altro esemplare visto di fianco 

» 20. Macrodon avicuUnum Schàuf. 

» 21. Astarte cingulata Terq. 

» 22. Opis Camit/*aru n. sp. vista dal lato dorsale. 

» 23. 



rt. ( - ' vista lateralmente. 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. 8oc. G«ol. Ital. Voi. XXIII ( 1904 ) 



( Merciai ) Tav. VI 



i 



i 



ì 



5 



^1 




IO 



14 



15 



17 





19 




2Ò 



18 




23 



./^ 



• 



22 



i ^ 'è 




11 






12 



16 





21 




ELIOT. CALZOLARI A FERRARIO - ¥ltANO 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



FAUNULA DEL GIURA SUPERIORE 
DI COLLALTO DI SOLAGNA (BASSANO) 

Nota del socio D. Dei. Campana 

(Con una Tavola, VII) 



Ayendo già avuto occasione di studiare la ricca fauna dei 
Oiura superiore nei Sette Comuni vicentini (*), dovei nel tempo 
stesso occuparmi indirettamente anche della fauna appartenente 
alla medesima età che si ritrova nelle cave di Solagna, presso 
Bassano e che, sebbene sia molto meno numerosa della prima, 
pure ha a comune c^n essa non poche delle sue specie. 

Una prima enumerazione delle forme titoniche di Solagna 
è dovuta al Parona (1881) che ebbe a sua disposizione le rac- 
colte di Andrea Secco di Solagna (*). 

Più tardi il Secco stesso (1883), avendo intraprese nuove 
ricerche nella regione, pubblicava colFaiuto dei professori Tara- 
melli e Parona, un nuovo elenco di specie appartenenti al tito- 
nico del Bassanese (^). Finalmente (1888) avendo lo stesso stu- 
dioso potuto scoprire nel grupjK) montuoso di Collalto, tra il 
titonico e Toolite, la zona intermedia ad Aspidocerds Acan- 
ihicum Opp., ne traeva argomento per un nuovo studio in cui 
diede un terzo elenco di specie da lui stesso rinvenute e deter- 
minate in parte dal Parona, in parte dal Meneghini (^), 

Oggi essendosi presentata favorevole Toccasione di rivedere 
la collezione del Secco delle cave dei dintorni di Solagna, ora 
posseduta dal Museo geologico fiorentino, non credei inutile 
tornare suir argomento, dando sulla fauna di quella località più 
amplie notizie ed introducendovi alcune rettificazioni. 

Aggiungo intanto l'elenco delle specie da me esaminate, con 
la distinzione dei piani e delle località in cui furono rinvenute; 
quelle controdistinte colla lettera (/?., furono citate già dal Secco, 
le altre segnate colla, lettera (P., dal Parona. 

{}) Del Campana D., Fossili del Giura superiore nei Sette Comuni 
(B. Accademia dei Lincei. Classe di scienze fisiche, matematiche e na- 
turali, voi. XII, 2^ serie 5% fase. 9°). Roma, 1903. 

(*) Parona C. F., Bi alcuni fossili del Giura superiore raccolti nelle 
Alpi venete occidentali (Rendiconto del R. Istituto Lombardo, serie II, 
voi. XIV, fase. XVII-XVIII). Milano, 1881. 

(^) Secco, Note geologiche sul Bassanese. Bas.sano, Pozzato, 1883. 

(*) Id., n piano ad Aspidoceras Acanthicum Opp. in CoUaltodi Solagna 
(Bollettino della Società Geologica Italiana, voi. V, fìisc. 2°). Roma, 1888. 



Digitized by VjOOQIC 



240 



D. DEL OAMPANA 






O 



•ddo HtHQMff 

'UV9V 9VJ990P 



o 
'A 

CO 



a 

o 
o 



P JT 



o 
S 

O 



OQ 



OS 



o 5 



«0 ^ 



5 XI 'O 



ò o 



O co e» 





eé 
> 


a 


1 


a 


5 






1 


« 


ee 


> 


3,(2 


e« 




O 




ce 


O 




'«rf 


t3 


S 


o 


o 




o 



o 
ce 



ee 



88 

a 










cg 






<s 



I 



o5 



E: a 

et « 
O Oh 



M + + + I 



+ I 



\ \ \ 



+ 1 t + I 1 I 



I I 




O 
OD 

"ée 



iS 3-1 



e 

o 



o 
Oh 



.2 

2 
o 



o 

.^ .^ ;g .^ 

2 2 § S 

3 3 aS 

"o "o "S *© 

c3 o ► o 



I I I I + + + 



+ } + I + 



il + I + + + + 




^ 



I 




Digitized by 



Google 



VAUMCLA I>BL OIURA SVPBRIORE 



241 



SS 

> > 
< «e 



I 



I I 



s 



3 





o 


<^ 




B 






1 






ns 


o 




e. 


1 

s 


08 


S 




1 

1 


hi 

1 


s 


•3 


3 


> 


1 


1 


1 


O OQ 





1 



2 

I 
ce 





e 

ee 

a 
o 



ce d ^ 



o 
Q 

i 



a 

ee 
O 






I 



rteeee eeceeeeen eo ce 

lllglllll I I 



•2 l; 



T3 *tS "tS 

9 o q? 

^ s; s; 

o o o 






s 



•0*0*0 



q? a> o « o 

► ► ► ► > 

ee ee ee rt rt 

O O O O O 




t + I +1 I + + 



+ + + f + I + + + + + + + + + 4 





•3 








^ 




o 








ee 




ee 








s 




^1 








cu 

1 


, 


' o 








I 


^ 


5 00 . 








g 


« , 


1 s« 1 


6 


o 


1 ^ 


S 


5 


5ll 


> 


1 




£ 


•0 


•■5W- 








t3 . 




. 'O 


•« 


•o 


•15 


O 


« 


Valpiana 
Pove - 
Collalto 








ce -«^ 


1 
1 


s 
1 


o 

1 

Q 


5 
o 


.si 



Oh Oh 
O O 

3 3 

"e "o 



2 
o 



ee 

§ 

5 



Il II 



+ I 



+ + MI 



I M II M I I I I il 




ft; a; 






Se Q 
iC^ -M ,«J 



e § è 



§ Il § 

111 




i^ I *" (^ g 1 S 5 ^ 






ll''^^ 



i I ^ J ^ 



Digitized -by 



Google 



242 D. DEL CAMPANA 

Dal quadro che precede, si vede come la zona a Peltoceras 
transversariwn Qaeiist., non abbia rappresentanti tra i fossili 
fin qui raccolti a Solagna. 

Tale osservazione fece già il Secco, ed io stesso, sebbene 
abbia avuto a disposizione maggior materiale di quello da lui 
studiato, non sono potuto venire a conclusioni diverse. Alcune 
specie, è vero, di quelle citate nella presente nota, furon tro- 
vate in altre località nella zona ora citata, ma in Solagna si 
rinvennero soltanto nella zona ad Aspidoceras acanthicum Opp., 
e quindi non si può dedurre dalla presenza loro, resistenza del- 
rOxfordìano nella località studiata. 

Come si vedrà nella descrizione delle specie, molte di esse 
mancano di sinonimia e sono brevemente accennate. Debbo dire 
che non credei necessario trattenermi a lungo sopra di esse 
perchè già studiate da me nel mio precedente lavoro sul Giura 
superiore dei Sette Comuni, che vedrà tra non molto la luce, e 
al quale rimando gli studiosi per quanto riguarda le specie sud- 
dette. 



Gm, Navtilus Hyatt. 
Nautilus sp. {S. 

Il cattivo stato di conservazione in cui si trova Tesemplare 
del quale intendo parlare, non permette di indicarlo diversa- 
mente. 

La forte erosione subita dalla conchiglia da ambedue i 
lati, ha messo allo scoperto le linee di sutura che partono 
dall'ombelico e si dirigono, tracciando una curva ben marcata, 
verso r esterno. 

A giudicare da quanto si può ancora vedere, l'ombelico era 
stretto e la spira aveva giri più alti che larghi. Tutti questi 
caratteri avvicinano l'esemplare in parola al Nautilus astacoides 
Y. e B. del toarciano. Osservando però bene le figure di quella 
specie, sembrerebbe che in quella si avesse un ombelico più 
largo e linee di sutura meno ravvicinate che nel mio esemplare. 

L' individuo in parola fu trovato a Collalto di Solagna e più 
precisamente al Pertuso (Sasso Caraower). 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DBCi GIURA SUPBRIORB 243 

Gen. Bhynchoteutis D'Orb. 

Rhynehoteutb sp. ind. (P. e S. 

Ho trovato di questi alcuni frammenti raccolti a Collalto di 
Solagna nel titonico. Con molta probabilità appartengono ad 
nn' unica specie, ma per il cattivo stato di conservazione non 
posso dire con esattezza se si tratti di una specie conosciuta 
oppure nuova, come lascerebbero supporre alcuni confronti fatti 
tra i frammenti in questione ed altre forme già studiate dagli 
autori. 

Gm. Belemnites List. 

Belemnites strangiilatus Opp. 

1865. Belemnites strangulatus Oppel, Die Tithon. Zeitschr, d, deut geol. 

Ges., XVII, B. 3, H., pag. 545. 
1868. » > Id., Die Cephah d, Siramberger Schichten, 

(PalaeontologìscheMìtthellungen-Zweiter 
Band) pag. 35, tav. I, fig. 6, 7. 
1873. » » Neumayr, Die fauna d» Schichten mit.^Aspi- 

doceras Aeanthicum > Opp., pag. 228. 
1880. » » Favre, Foss, d. Couch, Tithon, d. Alpes Fri- 

howrg. (Soc. Pai. Suisse-Genéve), pag. 12, 
tav. I, fig. 3 a 5. 

Stanno sotto tale denominazione alcuni frammenti di rostri 
provenienti dal Bosso Ammonitico delle cave di Solagna, i quali 
non offrono alcuna particolarità degna di nota. 

Località: Stramberg - Alpi di Friburgo - Tirolo meridionale - 
Appennino centrale. 

Belemnites tithonias Opp. 

1866. Belemnites tithonius Oppel, Die Tithon,^ pag. 545. 

1868. » » Id., Die Cephalopoden d. Strambeiger Schi- 

chten, pag. 37, tav. 1, fig. 12, 13. 

1870. » » Id., Die Fauna der aeltern Cephalopoden 

fuehrenden Tithonbildungen (Palaeontogr. 
BeitrSge) pag. 29. 

20 



Digitized by VjOOQIC 



244 D. DBL CAMPANA 

1871. Belemnites HthonitM Gemme! laro, Fauna d. cale. a<f. Terebratula 

Janitor » del Nord di Sicilia, pag. 20, tav- 
III, fig. 6, 7. 

1873. » » Neumayr, Die Fauna der Schichien mit. 

m Aspidoceras Acanthicum> Opp. (Geol. 
Reichsanstalt) pag. 223. 

1880. » » Favre, Foss. d. Cùuch. Tiifwn. d. Alpes Fri- 

ÒKHtr^.pag. 19, tav. I, fig. 18, 19. 

1881-82. > > Tarameli!, Geologia delle Provincie Venete, 

(Atti d. R. Acc. d. Lincei Anno CCLXXIX. 
Serie 3*, CI* di Se. Fisiche, Mat. e Natu^ 
rali. voi. XIII) pag. 427. 

1886. » » Nicolis e Parona, Noie stratigrafiche e pa- 

leontologiche sul Criura Sup. d, prov, di- 
Verona (Boll. d. Soc. Geol. Ital., voi. IV), 
pag. 11, 58, 64, tav. IV, fig. ha, b. 

Ho posto sotto questa denominazione diversi frammenti di 
rostri, di cai alcuni appartenuti ad esemplari abbastanza svi- 
luppati. Furono trovati nel Rosso Ammonitico delle cave di So- 
lagna. 

Località: Stram berg e Eoniakau - Alpi di Friburgo - Vo- 
lano e Brentonico nel Tirolo meridionale - Quarti sopra Asnello 
di Rovere, monte Ti marcio, fra Grezzana e Lonico, nel Veronese - 
Malanoce, presso Piana de' Greci, in Sicilia. 

Belemnites ensifer Opp. 

Specie rappresentata da un frammento di rostro trovato nel 
Sosso Ammonitico di Solagna e in cattivo stato di conserva- 
zione. 

Belemnites Schloenbaclii Zeusch. 

II frammento di rostro posto sotto tale denominazione fu 
trovato nel Rosso Ammonitico di Solagna, e perchè ben conser- 
vato facilmente potè esser riferito alla specie dello Zeuschner*^ 

Gen. Phyllocebas 

PliyUoceras consangnineum Gemm. 

Specie rappresentata da un unico individuo raccolto nella 
zona ad Aspidoceras cLcanthicum Opp. a Collalto di Pove, il 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DEL GIUmA 8UFBRIORB 346 

qnale mostra esatta somiglianza colle forme tipiche nella con- 
formazione della spira, nel disegno della linea lobale quasi com- 
pletamente conservata e nei caratteri del guscio che si vede 
conservato solo sull'estremità estema del giro. 

Phylloeeras isomorphom Gemm. 

Specie rappresentata da un solo esemplare proveniente da 
Yalpiana di Gollalto (zona ad AspidocerckS acanthicum Opp.) e 
che presenta assai ben conservati i caratteri delle forme tipiche. 

Phylloeeras ptychoicnm Quenst. (S.e P. 

Ho esaminato di questa specie, che è una delle più oomnnì 
tra quelle del Giura, numerosi esemplari di svariate dimensioni, 
raeettlli a Solagna e più specialmente alle cave a Cima Gn- 
sella (tìtmueoX CoUalto (titonico e zona ad Aspidoceras acan- 
thicum Opp.), Sehrelte (titonico superiore) e Yalpiana. Nessuno 
di questi si mostra bes conservato. La linea lobale è visibile 
soltanto in quattro esemplari^ di cui due di dimensioni assai 
piccole ; da un esame accurato mi sembra che detta linea non 
ofiEra nessuna diversità da quella che si nota nelle forme tipiche. 

Phylloeeras polyolcom Ben. {S. 
(Tav. VII, ^g. 1). 

Il Secco, nella sua nota sui fossili di Solagna della zona ad 
Aspidoceras acanthicum Opp., illustrò uno degli esemplari da 
me esaminati e che è dei meglio conservati. Gli esemplari da 
me avuti sottocchio, sono in buona parte non troppo conser- 
vati e hanno dimensioni svariate; però non offrono particola- 
rità degne di nota speciale. 

Le forme in questione sono state raccolte a Solagna nelle 
diverse località delle cave, di Gollalto di Po ve, di Cima Gn- 
sella e Yalpiana (zona ad Aspidoceras acanthicum Opp.). 

Ho riprodotto un frammento di grosso esemplare, il quale, 
conservando ancora intatto il guscio, può servire, insieme a quello 
figurato dal Secco nella nota citata, a conoscere meglio la specie 
in parola. 



Digitized by VjOOQIC 



246 D. DBL CAMPANA 

Phylloceras Loryl Mun. Chi. {S. 

Esemplari esaminati tre, di cui uno si trova in buono stato 
di conservazione ; furono raccolti a Coilalto di Pove, a Yalpiana 
di Coilalto (zona ad Aspidoceras acanthicum Opp.) ed alle cave 
di Solagna (titonico). 

Phylloceras Benacense Cat. {S. 

L'esemplare di questa specie da me esaminata proviene dalla 
zona ad Aspidoceras acanthicum Opp. di Yalpiana di Coilalto; 
mostra conservata da un lato parte del guscio e dove questa 
manca alcune tracce di linea lobale. 

II guscio, molto ispessito, si presenta ornato negli esemplari 
completi da strie falciformi che si originano dall'ombelico e si 
spingono in avanti, senza arrestarsi nemmeno nella regione sifo- 
naie. Di tanto in tanto un solco, ugualmente sinuoso e diretto in 
avanti, attraversa i fianchi della conchiglia. Nell'esemplare che 
ho sott'occhio i solchi, in numero di tre, si notano soltanto nella 
metà intema del giro ; sono però poco marcati per la mancanza 
del guscio. 

Quando il guscio è conservato, l'ombelico si presenta allora 
gradiniforme con angolo però smussato, e lascia vedere parte 
del giro intemo; il mio esemplare, essendo mancante del guscio 
nella regione ombelicale, non presenta visibili tali caratteri, ma 
l'ombelico appare in esso imbutiforme e per ciò apparentemente 
più ristretto. 

Tal fatto, del resto, ho avuto luogo di osservare altra volta 
nell'esaminare un individuo della stessa specie, mal conservato, 
rinvenuto nel Giura dei Sette Comuni vicentini. 

Quanto ai tratti di linea lobale che si vedono nell'esemplare 
di Solagna, confrontati coi disegni dati da altri autori che pre- 
cedentemente studiarono la specie, mostrano delle somiglianze, 
le quali convincono sempre più a ritenere giusto il ravvicina- 
mento fatto. 



Digitized by VjOOQIC 



VAUNULÀ DBL GIURA SUPBRIORB 247 

Phylloeeras Zisnodianum D'Orb. {S. e P. 

1847. Ammonites ZignocUanua D^Orbigny, Paleontologie franQaist^ 

Terrains CMitiques ou Juraatiques^ 
pag. 493. tav. 182. 

1871. Phylloeeras Zignodianum Qemellaro, Fauna del cale, a « Tere- 

bratula laniior » del Nord di Sidìia, 
pag. 47, tav. IX, fig. 1-2. 

1871. Phylloeeras Z gnoanum Neumayr, Jurastudien (Jahr. d. k. k. 

geolog. Beichs., XXI, B.), pag. 389; 

1876. Phylloeeras Zignodianum Canavari, Cenni geologici sul Canteri- 

ne$e(Bo\h d. R. Com. Geologico, n. 11- 
12), pag. 9 

1880. Ammoniten (Phylloeeras) Zignodianus Favre, Foas, d. Coueh. 

Tithon. d. Alpes, Fribourg.^ pag. 26^ 
pars. 

1881. Phylloeeras Zignodianum Parona, Fossili del Giura Superiore 

raccolti nelle Alpi Venete oceidentàlir 
pag. 8. 
1898-99. » » Dal Piaz, Il Lias nella Provincia di 

Belluno (R. Istit. Veneto di Se, Lett. 
e Arti, tomo LVIII, part. 2*), pag. 3* 

Dimensioni : 

Diametro massimo mm. 68, 5 

Altezza dell'ultimo giro .... » 35, 6 
Larghezza > »....» — 
» ombelicale » 7, 8 

L'esemplare che qni considero fu trovato a Collalto di Pove 
e si mostra identico alla figura tipica della specie data dal 
D'Orbigny (op. cit. in sin.). 

La conchiglia del Phylloeeras Zignodianum D'Orb. ha ac- 
crescimento rapido; i giri, assai involuti, lasciano però vedere 
nella cavità ombelicale, gradiniforme, i giri interni della spira. 
Negli esemplari ben conservati si notano sui fianchi vari solchi 
dì disegno assai caratteristico. Questi, infatti, si originano dal- 
l'ombelico e si dirìgono in avanti, descrivendo una linea spic- 
catamente curva; oltrepassata però la metà dei fianchi, il solco 
si volge bruscamente indietro e, descrivendo una seconda curva^ 



Digitized by VjOOQIC 



248 D. DBL CAMPANA 

va a conflaire col corrispondente della parte opposta nella regione 
sifonale. Il numero dei solchi negli esemplari del D'Orbigny è di 
cinque, anche sul mio se ne possono scorgere un ugual numero, 
ma non è da escludersi che un sesto solco esistesse nell'estre- 
mità intema del giro, ora reso invisibile dai processi della fos- 
silizzazione. I solchi si mostrano tanto più incavati, quando gli 
esemplari hanno ancora conservato il loro guscio; in tal caao 
si notano lungo la regione sifonale e sulla metà estema dei 
fianchi delle numerose strie aventi presso a poco lo stesso di- 
segno dei solchi; queste però scompaiono affatto nella metà in- 
terna dei giri. È da notare altresì che quanto più gli individui 
sono giovani, tanto più bruscamente si piegano verso l'interno. 

Della linea lobale nell'esemplare di Solagna, sono visibili 
gli elementi seguenti: 

Sella estema. Difilla per la presenza di un lobiciattolo assot- 
tigliato e trìfido. La fogliolina interna sembra un poco più pro- 
fonda dell'altra. 

Lobo estemo. Largamente peduncolato alla base; dal lato 
estemo ha una sola ramificazione, dall' intemo ne ha due e la 
più bassa ha dimensioni più piccole della precedente. Le rami- 
ficazioni terminali sono tre di cui T estema e l' intema molto 
più frastagliate della mediana, che si vede spostata verso l'in- 
terna, e che colle sue estremità va a toccare la V sella late- 
rale della linea lobale sottostante. 

i* sella laterale. Bipete in complesso il disegno della pre- 
cedente; è però un poco più profonda ed ha i lati più frasta- 
gliati per le diramazioni dei lobi con cui si alterna. 

i*' lobo laterale. Ha dimensioni più piccole e disegno va- 
riato da quello del lobo esterno. Infatti è formato da un pedun- 
colo piegato verso il lobo estemo e all'altezza della ramifica- 
zione intema di questo suddiviso in due parti. Il ramo estemo 
è corto, ha varie frastagliature e si dirige verso la regione 
sifonale. L'altro ramo invece si allunga fino quasi a toccare la 
linea lobale sottostante, ed ha ai lati ed all'estremità delle rami- 
ficazioni di forma e di disegno variato ed irregolarmente disposte. 

^ sella laterale. Ripete in piccolo il disegno della prece- 
dente, della quale è anche molto meno profonda. Lo stesso si 
dica delle altre selle che la seguono. 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DRIj GIURA 8UPBBIORB 249 

2* lobo laterale. Anch'esso ripete il disegno del primo, ma 
^li altri lobi sassegnenti lo modificano fino a ridursi a delle 
espansioni sempre più accorciate, coi lati e le estremità frasta- 
gliati da piccole ramificazioni. 

Molte sono le forme ascritte dagli studiosi alla specie in 
questione, ma come già da altri è stato giustamente osservato, 
buona parte di esse vanno riunite al Phylloceras Mediterraneum 
Neum., specie molto vicina alla precedente ma facilmente distin- 
guibile per vari caratteri, tra cui quelli dei solchi che in que- 
st'ultima sono semplicemente sinuosi, contrariamente a quanto 
abbiamo visto nella forma del D'Orbigny. 

Io per altro ritengo che il ravvicinamento fatto dal Favre 
{Fossiles des Couches tiihon, d, Alp. Fribourgeoises, pag. 25. 
Ginevra, 1880) alla specie del Neumayr del Phylloceras Zigno- 
dianum D'Orb., studiato dal Qemellaro, non sia esatto, avendo 
quella forma caratteri che la avvicinano chiaramente alla specie 
•del D'Orbigny; ciò che del resto si comprende anche meglio, se 
dopo avere esaminato la figura riportata dal Gemmellaro, si 
legga la descrizione che esso diede della forma da lui studiata. 

Località: Gigondas (Vaucluse) - Drays (Dignes) - Clappe 
(Basse Alpi) - Vicentino - Gagliole (Camerinese) - Calatafimi 
(Sicilia). 

Phylloceras ptychostoina Ben. (8. e P. 

18H5. Ammonites ptychoaioma Benecke, ZeiUchrift der deuUchen geologi' 

achen Gesèllschaft, XVII, pag. 550. 
1866. » » Benecke, Geognostische- Palàontologische 

Bet<ra^c.Er8terBand.,IHeft, pag. 190. 

tav. X, fig. 2 a, b. 
1868. Phyìlocer<i8 » Oppel. Die Cephaìopoden der Stramberger 

SchichUn, pag. 68, tav. VII, fig. ba, 6, 

tìg. 4 a, b, e. 
1870. » » Zi ttel, Die Fauna dea- altem Cephaìopoden 

fuhrenden TitJumbiìdungen, pag. 44. 
1870. > » Gemmellaro, Fauna del calcai/: Tetebra- 

tula lanitor » d. Nord di Sicilia, pag. 

28, tav. IV. tìg 2. 
1873. » » Neumayr, Die Fauna der Schichten mit 

« Aspidoceras Acanthicumi^ Opp.^ipSLg. 

22B. 



Digitized by VjOOQIC 



250 D. DEL CAMPANA 

1881. Phyìloceras piychasioma Parona, Fossili del Giura superiore rac- 
colti nelle Alpi venete occidentali,, 
pag. «. 

1883. » » Di Stefano, Sopra alcuni fossili del Tiionio 

inferiore di Sicilia, pag. 7. 

1886. » » ìiìeolÌB e PsLroQti, Note stratigrixfiehe e pa- 

leontologiche sul Giura Superiore della. 
Provincia di Verona, pag. 10, 58. 
» » » Dal Lago, Note illustrative alla carta geo- 

logica della provincia di Vicenza (Vi- 
cenza-Galla), pag. 68. 

L'unico esemplare di questa specie da me riscontrato nella 
collezione Secco proviene da Cima Gusella di Solagua (titonico). 
Non è conservato altro che sulla metà estema del giro, ma tut- 
tavia è stato potuto classificare con sicurezza come appartenente 
alla specie del Benecke. 

Località: Lubiara e Spiazzi nel Veronese - Diphiakalk di 
Valunga, Volano, Monte Nago, Torri e Pazzon nel Tirolo me- 
ridionale - Monte Catria e Bave Cupa nell'Appennino centrale 
- Castellana di M. Pellegrino in Sicilia - Bogoznik, Stramberg 
e Palocsa. 



Gen. Lytoceras 
Lytoeeras montanani Opp. {8, 

Gli esemplari esaminati furono raccolti nella zona ad Aspi- 
doceras acanthicum Opp. a CoUalto di Po ve, a Collalto di So- 
lagna, a Collalto al Pertuso e alle Cave (titonico). Assomigliano 
tutti perfettamente alle forme tipiche; uno solo, di dimensioni 
medie, è ben conservato per ciò che riguarda la conformazione 
della spira e la linea di sutura. 

Lytocerais quadrisulcatam D'Orb. (S, e P. 

Specie rappresentata da soli due individui i quali peraltro 
si trovano assai mal conservati e non offrono particolari degni 
di nota; furono trovati nel titonico alle cave di Solagna. 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DBL GIURA SUPRRIORB 251 



Gen. Ta&amelliceras nov. 

1908. Taramtìlia Del Campana, FosHli del Giura «uperiore nei Sette Co- 
muni, pag. B^B. 

Intorao alla denominazione generica di Tara^ncllia^ da me 
adottata nella nota citata sopra, ecco qaanto ebbi già laogo di 
Bcrìyere a giastificare il naovo nome da me introdotto nella si- 
stematica delle Ammoniti: 

€ Molto vicino al genere Oppelia è il genere Neumayria^ 
fondato dal Bayle, che nelle classificazioni da me adottate ap- 
pare sotto il nome cambiato di Taramellia. A giastificare tal 
cambiamento, debbo dire che il termine generico di Neumayria 
fa usato per la prima volta (1877) dal Prof. De Stefani per 
alcani gasteropodi pliocenici non marini d'Italia e di Transil- 
vania. Dopo di lai lo impose il Bayle (1878) ad alcane forme 
d'Ammoniti non molto diverse dalle Oppeliae, e più tardi il 
Nikitin (1881) tornò di nuovo ad usarlo per altre Ammoniti, 
appartenenti già al genero AmalthetiSj e da lui riunite in 
gruppo separato. La priorità dunque d'uso del nome Neumayria 
spetta senz'altro al Prof. De Stefani ». 

La nota contenente tali osservazioni, sebbene fosse già 
pronta per le stampe sino dalla primavera del 1903, pure noa 
fu potuta pubblicare che verso la fine dello stesso anno. In quel 
tempo, e senza che io ne avessi cognizione, il sig. L. Seguenza 
pubblicava un suo studio su i « Bissoidi neogenici della prò* 
vincia di Messina », nel quale dava ad un sottogenere di Bis- 
soidi da lui istituito, il nome stesso di Taramellia C). 

Siamo dunque nel caso identico verificatosi pel termine 
Neumayria; e poiché la memoria del sig. Seguenza fu pubbli- 
cata innanzi alla mia (10 agosto -8 novembre), è giusto ricono- 
scere che la priorità d'uso del vocabolo Taramellia spetta al 
paleontologo siciliano. 

Per ciò appunto ho creduto di dover sostituire il nome 
Taramelliceras, che ho adottato, perchè io pure, nel proporre 

(*) Seguenza L. fu G., Bissoidi neogenici della Provincia di Mes- 
Sina (Palaeontographia italica, voi. IX, 1906;. 



Digitized by VjOOQIC 



252 D. DEL CAMPANA 

una nuova denominazione pel genere Neumayria Bay., ebbi in 
tenzione, come il sig. Segaenza^ di rendere omaggio al chmo 
Prof. Torquato Taramelli. 

Taramelliceras sp. ind. - Ajf. Taramellleeras compsam Opp. {S. 

Ho posto sotto tale indicazione un esemplare di Collalto di 
Fove, di cui non si hanno conservate che le estremità intema 
ed esterna dell'ultimo giro, essendo il resto della spira eroso da 
ambedue i lati. La conchiglia aveva spira involuta, rapida- 
mente crescente, con ombelico piuttosto stretto. I fianchi erano 
ornati da coste sinuose identiche a quelle del Taramelliceras 
compsum Opp., al pari del quale, l'esemplare in parola pre- 
senta da ambo ì lati, lungo la regione sifonaie, una doppia serie 
di tubercoli che vanno facendosi sempre più grandi dall'interno 
verso l'esterno. 

Le lievissime tracce di linea lobale che restano visibili, 
sono talmente imperfette da non prestarsi a descrizioni o a con< 
fronti di sorta; cosi pure non posso dire se lungo la regione 
sifonaie mediana esistesse la terza serie di tubercoli che si ri- 
scontra negli esemplari tipici della specie dell'Oppel ricordata. 
Queste due ultime circostanze mi hanno consigliato a non dare 
all'esemplare in parola nessuna classificazione determinata; seb- 
bene il Secco annoveri il Taramelliceras compsum Opp. tra le 
specie da esso riscontrate nella zona ad Aspidoceras acanthi- 
eum Opp. di Solagna, però la si trova anche negli strati del 
titonico. 

Gen. Perisphinctes Waag. 

Perisphiiietes colabriims Bein. {S. e P. 

Specie rappresentata da tre esemplari non ben conservati, e 
raccolti alle cave di Solagna, nel titonico. 

Perisphinctes sp. ind. Cfr. Perisphinctes Albertinas Cat. 

Non so indicare diversamente un frammento di conchiglia 
raccolto a Collalto di Solagna nel titonico, appartenuto ad un 
individuo avente dimensioni piuttosto grandi, e sul quale si 



Digitized by VjOOQIC 



FAUMULA DEL QIURA SUPERIORE 253 

vedono conservate non troppo bene le eoste che ornavano i 
banchi della spira. 

Nell'interno le coste sono sempre pia ravvicinate tra loro, 
« per la sovrapposizione dei giri non lasciano vedere le bifor- 
<^azioni. Sul frammento però del giro estemo la biforcazione ap- 
parisce visibile, e si fa sulla metà intema dei fianchi. Le coste 
hanno direzione obliqua in avanti. 

Ho creduto di dover ravvicinare alla specie del Catullo Ve- 
«emplare in questione, perchè stando alle figure datene dallo 
Zittel (Die Fatma der c^ltem Cephalopoden fuehrenden Tithan- 
òildungen, tav. X, fig. 1), esso si avvicinerebbe molto a quella 
forma che l'autore ora ricordato figura come esempio di indi- 
viduo adulto. Ma l'essere detto esemplare in gran parte eroso, 
e il presentare nell'ultimo giro maggiori dimensioni che non 
quello figurato dallo Zittel, e le biforcazioni delle coste meno 
slargate^ mi consiglia a ritenerlo come specie indeterminata. 

Perisphinctes rectefarcatns Zitt. 

Tre esemplari, di cui uno discretamente conservato, rappre- 
sentano la specie. Provengono dal titonico delle cave di So- 
lagna, e non offrono particolarità alcuna degna di nota, perchè 
simili in tutto all'esemplare tipico dello Zittel. 

Perisphinctes adelus Gemm. 

Appartiene a questa specie un esemplare raccolto nel tito- 
nico superiore di Penise di Calceron. presso Solagna. Esso mo- 
stra spiccata aflCinità colla forma tipica del Perisphinctes adelus 
Gemm., ma per la sua mediocre conservazione non si presta a 
descrizioni speciali. 

Un secondo esemplare meglio conservato del precedente fu 
trovato negli strati ad aspidoceras acanthicum Opp., in CoUalto 
di Solagna, e si mostra perfettamente identico alla forma del 
Geramellaro. 



Digitized by VjOOQIC 



254 O. DEL CAMPANA 



Perisphinetes Aeneas Oemm. 

1872. Perisphinctei Aeneas Gemmellaro, Sopra (dcuni fossili della sona 

con « Pélioeeraa iransvorsariumy^ Qnenst . 
del Monte Erice, o S. Giuliano, neUa Pro- 
vincia di Trapani (Qiorn. di Scienze Nat. 
ed Econ., voi. XII, Palermo), pag. 162, tav. 
XX, fig. 12. 

1898. » » Siemlradzki, Monographische Beeehreiìmng^ 

der Ammonitengattung Feriephinetes^ pag. 
183 (Palaeontograph. Beitraege). 

Specie rappresentata da no solo esemplare raccolto a Col- 
lalto dì Pove nella zona ad Aspidoceras acanthicum Opp., in- 
completamente conservato, ma rawicinabile con facilità alla 
forma tipica del Gemmellaro. 

Località: Monte Erice (prov. di Trapani) in Sicilia. 

Perisphinctes pseudo lictor Ghoff. 

1893. Perisphinctea paeudolictor ChofTat, Descripiion de la faune juras- 

9ique du Pùrtugal Amm. d. Lusitanieiu 
pag. 48, tav. XVIII, ^g. 7-9. 

1898. » » Siemìradzki, Monographische Beschr. d^ 

Amm.gatt Pensphinctes, pag. 24 1 , pars. 

Ho indicato in tal modo un esemplare raccolto nella zona 
ad Aspidoceras acanthicum Opp. a Val Piana di CoUalto. La 
spira ha accrescimento regolare, con regione sifonale arroton- 
data; i fianchi, leggermente convessi, raggiungono il massimo 
spessore in corrispondenza dell'ombelico; quest'ultimo, data la 
poca sovrapposizione dei giri, è amplio ed ha contomi arroton- 
dati. 

Dalla cavità ombelicale si originano le coste che percorrono 
i fianchi in direzione obliqua verso l'esterno. Queste non sono 
mai semplici, ma, oltrepassati i due terzi del percorso, si sud- 
dividono talora in due, talora in tre coste secondarie più sottili, 
le quali attraversano, senza interrompersi, la regione sifo- 
nale; alle coste secondarie ne stanno frequentemente intercalate 
altre, le quali non vanno oltre la regione sifonale dei fianchi» 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DBL GIURA SUPERIORE 255 

Kei giri interni le coste hanno naturalmente dimensioni più ri- 
dotte e sono più ravvicinate tra loro; però a misura che l'esem- 
plare ingrandisce, vanno sempre più allontanandosi l'ana dal- 
l'altra. Di linea lobale, nell'esemplare di Sohigna, non resta 
visibile alcuna traccia. 

Da quanto però abbiamo visto, mi sembra risulti chiara la 
marcata somiglianza che corre tra di esso e la speoie di Choffat. 
Se una differenza dovesse nel caso notarsi, sarebbe quella di 
avere la forma studiata da Choffat giri appena più alti del no- 
stro. Ad onta di questo però, gli altri caratteri concordanonelle 
due forme in modo tale, che io non ritenni opportuno tener 
distinto il mio esemplare dal Ferisphinctes pseudolictùr Chof., 
di cui potrebbe essere tutt'al più una varietà con giri legger- 
mente più alti. 

Il Siemiradzki, studiando il Perisphinctes pseudolictor Choff., 
riunì ad esso la forma degli strati ad Aspidoceras acanihicum 
Opp. di Monte Serra, che il Canavari descrisse come affine al 
Perisphinctes Emesti De Lor. Fatti gli opportuni confronti, a 
me è sembrato che tale ravvicinamento non potesse farsi, avendo 
anche gli esemplari più grossi del Perisphinctes pseudolictùr 
Choff. una conformazione di giri assai diversa da quanto mostra 
la figura dell'esemplare studiato dal Canavari. 

Località: Àbadia - Valle de Barro - Cabanas de Torres - 
Sta Cruz, Granja e Cotovia presso Arruda, Alcoba^a in Porto- 
gallo. 

Perisphinctes Crussolfensis Font. 

1876. Ammonites (Ferisphinctes) Crussoliensts Dumortier e FontanDes, 
Descriptùm dee Ammonites de la Mone a « Ammonite» 
tenuilohatus » de Crussol, pag. 97, tav. XIV, fig. S, 

1885. j^ divisus Quenstedt, Ammonitene tav. 106, fig. 1 soltanto. 

1898. Perisphinctes Crussoìiensis Siemìradzki, Monographische Beichrei- 
bung der Ammoniten gattung Perisphinctes, p. 286. 

La specie è rappresentata da un frammento di spira trovato 
a CoUalto nella zona ad Aspidoceras acanthicum Opp., mal con- 
servato, ma facilmente ravvicinabile alla figura del Fontannes 
citata in sinonimìa. 

Tra le forme del Perisphinctes Crussoìiensis Font, ve ne sono 
alcune che presentano coste più numerose delle altre; il nostro 



Digitized by VjOOQIC 



2E>6 D. DEL CAMPANA 

esemplare sì ayyicina alle prime. Negli indiyidni completi la 
spira sì accresce regolarmente; la sezione dei giri prima sub- 
rotonda, ya poi diyentando oyale. Dall'ombelico assai largo per 
la poca ìnyolnzione dei giri, si originano le coste ben scolpite, 
in alcuni casi oblique yerso l'esterno, sempre più distanziate 
tra loro a misnra cbe la conchiglia si ingrandisce, nel più dei 
casi biforcate e qualche rara yolta triforcate. Di linea lobale 
nel mio esemplare non si scorge nessuna traccia. 

Il Siemiradzki riunisce alla specie del Fontannes la forma 
posta dal Quenstodi aotto il nome, di Ammanites divisus e già 
eitttto in sinonimia. Anche a me è sembrate^ dbe taàà rarviei- 
namento sia giustificato, data specialmente la yarietà di tipi 
che il Fontannes non a torto riunì sotto la sua specie. Per parte 
mìa, confrontando il mio esemplare colla figura del Qnenstedt 
citata, yi ho ritroyate le stesse somiglianze che riuniscono detto 
esemplare alla specie del Fontannes. 

Località: Crassei (Ardèche). 

Perlsphinctes n. sp. ind. 
(Tav. VII, fig. 2). 

Indico in tal modo un esemplare raccolto nella zona ad 
Aspidoceras Acanthicum Opp. a Valle della Segala, presso Col- 
lalto, e che mostra conserrata solo da una parte metà della 
spira. L' ìndiyiduo non doyeya ayere grosse dimensioni ; la spira 
sì accresceya regolarmente ed ayeya i fianchi a sezione oyale 
molto appiattita, ornati da coste leggermente oblique yerso l'e- 
sterno, falciformi. Per il solito molte coste sono semplici, però 
intercalate a queste ne stanno altre biforcate sino dal l"" terzo 
del loro percorso. La distribuzione di tali coste si fa senza ordine 
alcuno; esaminando anzi il guscio che si troya conseryato su 
piccola parte del giro ultimo, sembrerebbe che in alcuni casi la 
biforcazione non interessasse le pareti della conchiglia. Questo 
carattere, dal quale forse si potrebbe arguire che gli esemplari 
completi hanno le coste biforcate con maggiore regolarità, non 
è però yisibile sull'esemplare in discorso in maniera tale da 
poterne trarre con sicurezza delle deduzioni. Di quando in quando 
oltre alle coste, si yedono sui fianchi degli strozzamenti peristo- 



Digitized by VjOOQIC 



FAUMULA. DEL GIURA 8UPBRIORB 25T 

matici; questi segaono presso a poco lo stesso disegno falci- 
forme delle coste tra cni quelle che li precedono immediata- 
mente sono sempre biforcate. Esse inoltre vanno facendosi sempre 
più numerose a misnra che si procede verso V intemo, pnr tut- 
tavia conservando gli stessi caratteri già veduti. 

Nessun elemento di linea lobate è visibile neir esemplare 
descritto. 

Perisphinctes Fortlsli D. Cam. 

Questa specie che io ho fondato sopra alcune forme trovate 
nel Giura dei Sette-Comuni, è rappresentata nella collezione che 
sto illustrando da tre esemplari, i quali sebbene non completa 
mente conservati, pure mostrano delle somiglianze notevolissime 
cogli altri dei Sette-Comuni cui ho creduto di doverli riunire.- 
Furono raccolti alle cave di Solagca (titonico) e non meritano 
per il loro stato di conservazione una descrizione speciale. 

Gen. SiMOCERAS Zitt. 
Simoceras sp. ind. — Aif. Simoceras teres Neum. 

Non posso indicare diversamente un esemplare trovato nella 
zona ad Aspidoceras acanthicum Opp. a Valpiana di Collalto, 
che a prima vista offre notevoli affinità col Simocerus teres 
Neum., al pari del quale ha giri a sezione subquadrangolare, 
conchiglia a lento e regolare accrescimento, largamente ombe- 
licata per la poca involuzione dei giri. 

Anche le coste che ornano i fianchi sembra presentino in 
generale i caratteri della specie ora ricordata, ma l'erosione da 
esse subita non permette apprezzamenti di sorta. Considerando 
infatti quelle che si vedono sulPultimo giro, si nota che in se- 
guito alla erosione, alcune di esse presentano alla estremità 
esterna un rilievo a guisa di tubercolo, il quale in alcuni casi 
lascia incerti nel giudicare se si debba ritenere come vero e proprio 
carattere specifico, oppure, come io 8upp)ongo, lo si debba attri- 
buire allo stato di cattiva conservazione in cui l'esemplare si 
trova. 



Digitized by VjOOQIC 



^58 D. DBL CAMPANA 

Se ora a tatto ciò sì aggiunge che nessuna traccia di linea 
lobate è visìbile neiresemplare, si comprende anche più facil- 
mente le ragioni per cui io Tho descritto come specie indeter- 
minata. 

Simoceras Yolanense Opp. {S. e P. 

Gli esemplari grandi consistono soltanto in frammenti di 
spira; tra i piccoli se ne trovano invece dei meglio conservati 
•e mostranti assai bene i caratteri delle forme giovanili. Furono 
raccolti alle cave di Solagna (titonico). 

Simoceras Catrianam Zitt. {S. e P. 

1869. Ammonites Catriamu Zittel, Geologische Beobachttmgen aus der ceri' 

trai Apenn. (Geogn. PaUontol. Beitr&ge. 
Zw. B. II. H.) pag. 174. 

1870. Simoceras Cairianum Zittel, Die Fauna der aeltem Cepkalopoden 

fuehrenden Tithanbildungen, tav.SS, ^g. 2, 3. 

1880. » > Parona, Fossili fitonici dei dintorni di Caprino 

e di Longarone nel Veneto (Atti del R. Isti- 
tuto Veneto, Voi. VI, serie V), pag. 31, 

1881. » cfr. » Id., Fossili del Giura Superiore raccolti nelle 

Alpi Venete occidentali, pag. 8. 
1903. » » DAÌL&go. Note illwtrative alla carta geologica 

della proHncia di Vicenza, pag. 63. 

L'esemplare delle cave dì Solagna (titonico) da me posto 
sotto tale indicazione, fa già preso in esame dal Parona che 
nel 1881 ebbe agio dì studiare alcuni esemplari della collezione 
Secco. Ma il predetto autore sì limitò soltanto a ravvicinarlo 
alla specie in questione senza rinnirvelo, perchè sebbene esso 
fosse in molti caratteri simile alla specie dello Zittel, pure se 
ne discostava, a parer suo, per presentare una spira a fianchi 
più alti. Ora, dopo un attento esame, mi sembra che questo 
particolare sia dovuto al fatto che la conchìglia ha subito un 
notevole schiacciamento, il quale ha ridotto la sezione dei fianchi 
da un ovale regolare ad un ovale molto schiacciato, aumentando 
cosi l'altezza dei giri. 

Nella specie in questione la spira ha conchiglia largamente 
ombelicata ad accrescimento regolare, ornata negli esemplari più 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA 0RI. GIUBA SUPER lORB 259 

l^oyaBi e ben conseirati da una serie di tnbercoli disposti lungo 
il contorno ombelicale. Poco sopra la metà dei fianchi si ori- 
^nano le coste ravvicinate tra loro, ben scolpite ed aventi dire- 
zione obliqua verso l'esterno. 

Tutti questi particolari si notano nell'esemplare che ho sot- 
t'occhio, ad eccezione dei tubercoli, i quali mancano, per avere 
la conchiglia i fianchi assai erosi e, come dissi già, schiac- 
ciati. 

Di linea lobale l'individuo non presenta visibile che il lobo 
estemo, anch'esso però non del tutto conservato. Sembra che 
avesse un peduncolo da prima molto ristretto, ma che andava 
poi facendosi sempre più largo. Le ramificazioni laterali erano 
<^on probabilità, due da ciascuna parte; le tre terminali avevano 
dimensioni presso che uguali. 

Gen. AspiDOCEBAS Zitt. {S. 
Aspldoceras aeanthicum Opp. 

Questa specie, che è delle più note, è rappresentata nella 
-collezione da vari individui non tutti ben conservati, ma pure 
facilmente confrontabili colle forme figurate dall'Oppel e dagli 
altri autori colle quali concordano nei loro caratteri. 

Furono raccolti a Valpiana di CoUalto, a CoUalto di Pove 
ed alle cave di Solagna nella zona omonima. 

Àspidoceras avellanum Zitt. {S. e P. 

1869. Aspidocerc^ avellanum Zittel, Geologische Beohachtungen atM d, 

centraUApenninen, pag. 149. 

1870. » » Zittel, Die Fauna der aeltef-n Cephalopoden 

fuehrenden iiihonbildungen, pag. 86, tav. 
VII, ^g, 23. 
1878. » » Neumayr, Die Fauna der Schichten mit 

« Àspidoceras aeanthicum > Opp» pa- 
gina 199. 

1880. » > Parona, Fossili titonici di Caprino e Lon- 

garone nel Veneto, pag. 16. 

1881. » » Id., Fossili del Giura superiore raccolti nelle 

Alpi venete ocddentali, pag. 8. 

21 



Digitized by VjOOQIC 



260 D. DBL CAMPANA 

1882. Aspidocerca avdlanutn Nicolis, Sistema Liasico-Griurese ddla Pro-- 

vincia di Verona (Accad. di Agrìoolt^ 
Arti e Comm. di Verona, voi. LVIIIv 
serie III, fase. II), pag. 62. 

1903. » » Dal Lago, Note illustrative alla carta geo- 

logica della Provineia di Vicenza, pa- 
gina 61, 63. 

Ho esaminato dì questa specie quattro esemplari della zona 
ad Aspid. acanthicum di CoUalto, di Solagna, i quali concor- 
dano, per la forma della spira, colla figura dell'esemplare tipica 
data dal Neumayr. 

La conchiglia ha rapido accrescimento con giri tanto più' 
involuti, quanto più giovani sono gli individui. In questo caso 
si nota, lungo il contomo dell'ombelico, una serie di tuberco- 
letti che aumentano di grossezza a misura che sì procede verso^ 
l'esterno, ma che mancano affatto in buona parte del giro ultimo 
negli esemplari grandi. Negli esemplari che ho sott'occhio, questi 
tubercoli si vedono appena accennati, perchè nella regione ombe- 
licale la spira presenta il guscio o non troppo ben conservato 
o assente. Però le tracce che di detti tubercoli rimangono an-^ 
cora conservate, non lasciano luogo ad alcun dubbio circa l'iden- 
tificazione delle forme che stiamo studiando. 

La linea lobale è visibile assai chiaramente in uno degli 
esemplari e mostra i caratteri seguenti: 

Lobo si fonale. Ha una larghezza che va gradatamente aumen- 
tando dalla base verso l'estremità. Porta da ciascun lato quattro 
ramificazioni, di cui la prima è molto piccola, rispetto alle altre 
che sono frastagliate da minute denticolazioni. La direzione delle 
ramificazioni è obliqua verso l'interno per le prime tre; la ter- 
minale invece si distende parallelamente alla linea sifonale. 

Sella esterna. Nel suo complesso raggiunge circa il doppio- 
di larghezza del lobo descritto. È però divisa in due parti disu 
guali da un lobulo allungato, denticolato ai lati ed all'estre- 
mità ed avente direzione obliqua verso l'esterno. Ciascuna delle 
• suddivisioni ha i contomi smerlati finamente da ulteriori lobi- 
ciattoli ; la suddivisione interna è più stretta e meno profonda 
dell'altra. 

Lobo estemo. Poco più profondo del lobo precedente ha una 
larghezza presso che uguale in tutto il suo percorso ed ha d& 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DEL GIURA 8UFBRI0RB 261 

ciascun lato due corte ramificazioni. Quelle però più vicine alla 
base sono più piccole delle altre; e si nota che la diversità di 
dimensioni tra l'inferiore e la superiore è più accentuata tra le 
due del lato estemo. Delle tre ramificazioni principali, l'interna 
sembra più grossa delle altre due ; queste sono ravvicinate tra 
loro e la mediana è di poco più sviluppata della estema. 

1^ sella laterale. Anch'essa suddivisa come la precedente da 
un lobulo, il quale però non ha direzione obliqua. I due festoni 
hanno larghezza presso che uguale, e i bordi appaiono al solita 
frastagliati. La sella ha una larghezza complessiva quasi iden- 
tica a quella del lobo estemo, è però meno profonda della sella 
precedente. 

i^ lobo laterale. Bipete in dimensioni più piccole circa della 
metà, il disegno del lobo estemo. 

La stessa osservazione si può fare circa i caratteri della 
2^ sella laterale, relativamente alla V, 

Altri elementi della linea suturale non sono visibili. 

Località: Lubiara, presso Caprino, nel Veronese - Campo- 
rovere nei Sette Comuni - Gyilkos-kó in Siebenbtirgen. 

Aspidoceras Knopi Neum. 

1873. Aspidoceras Knopi Neamayr, Die fauna der Schichten mit « Aspi- 
doceras Aeanihicum :i^ Opp., pag. 203, tav. 
XLIII, fig. 1-8. 

Quattro esemplari, di cui tre consistenti in frammenti di con- 
chiglie e uno colla spira quasi del tutto conservata, rappresen- 
tano la specie in parola, e farono trovati a Collalto di Pove 
nella zona ad Aspidoceras Acanthicum Opp. 

La conchiglia ad accrescimento regolare ha giri poco so- 
vrapposti e presenta perciò un ombelico assai largo. I fianchi 
scendono rapidamente all'ombelico producendovi un contomo 
angoloso. La sezione dei giri può dirsi poligonale perchè i fian- 
chi sono pianeggianti e la regione sifonale per la presenza di 
quattro serie dì tubercoli non è arrotondata. Lungo i bordi del- 
l'ombelico si vede disposta una serie di tubercoli; da questi si 
originano le coste che hanno direzione per solito radiale, qual- 
che volta però anche leggermente retroversa. In qualche caso 



Digitized by VjOOQIC 



D. DBL OAMPANA 

da un solo tubercolo si orìginano due coste, in un altro caso 
una sola. Attraversati i fianchi e giunta sul bordo della regione 
i9Ìfonale, la costa presenta un nuovo tubercolo ugnale ad un di- 
presso ai primi e si sdoppia pel solito in due costicìne più pic- 
<M>le che si arrestano nella parte centrale della regione sifonale, 
lasciando libero uno spazio intermedio, e portano anch' esse un 
piccolo ingrossamento all'estremità. 

Della linea lobale sono visibili in uno degli esemplari da 
me esaminati i seguenti elementi: 

Lobo estemo. Corto e munito all'estremità da tre ramifica- 
zioni di cui la mediana e l'esterna hanno orìgine da uno stesso 
peduncolo. 

1^ Sella laterale. Di forma assai irregolare e trifilla per la 
presenza di due lobuli. La foglia esterna è molto più bassa delle 
altre due, e tra queste l'interna è più profonda della mediana. 
Presentano tutte e tre i bordi frastagliati ed hanno dimensioni 
presso che uguali. 

r Lobo laterale. Presenta presso a poco lo stesso disegno 
dell' altro, le tre ramificazioni terminali sono però in essa indi- 
pendenti l'una dall'altra. 

Località: Immendingen (Baden). 

Aspidoceras sp. Cfr, Aspidoeeras Bogoznieense Zensch. 
(Tav. VII, fig.3a). 

Specie rappresentata da un solo frammento di giro ritrovato 
a Collalto di Pove. 

Nella conformazione della spira è somigliante eAVAspido- 
ceras Bogoznieense Zensch., quale lo figura l'Oppel (D*> Cephalo- 
poden der Stramberger Schichten, p. 116, tav. 24, fig. 4, 5), ma 
nella linea lobale se ne discosta alquanto. Eccone qui i parti- 
<;oIari, i quali si possono anche conoscer meglio esaminando il 
disegno di linea lobale che ho dato, ricostruendolo sui diversi 
tratti che si vedono ancora sui fianchi dell'esemplare. 

Lobo sifonale. Ha peduncolo assai slargato e porta da cia- 
scun lato quattro ramificazioni di disegno assai irregolare, le 
<iuali sì fanno sempre più grandi scendendo dalla base vereo 
l'estremità. È inoltre da notare che nella disposizione e nel 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DBIi GIURA SUPERIORE 26^ 

disegno di tali ramificazioni si nota una inarcata asimmetria 
nel lobo descritto, ciò che sì riscontra raramente nello stndio 
delle Ammoniti. 

Nella specie dello Zeuschener all'opposto, il peduncolo del 
lobo è uniforme, e le ramificazioni laterali e terminali sono 
sostituite da denticolazioni presso che uguali. 

Sella estema. Larga quasi il doppio del lobo precedente e 
divisa in dne parti da un lobulo a peduncolo stretto, piuttosto 
allungato e trifido. La divisione esterna, poco più larga e pro- 
fonda dell'altra, è divisa a sua volta in due festoni subeguali^ 
di cni ciascuno è ulteriormente bipartito. La divisione intema, 
più stretta, è anche poco meno profonda dell'altra. 

Lobo esterno. Irregolare nel disegno ; ha da ciascun lato alla 
base nna ramificazione non molto sviluppata; l'esterna è leg- 
germente più grande dell'altra; ambedue sono oblique respet- 
tivamente verso l'ombelico e la regione sifonale. All'estremità 
il peduncolo del lobo si biforca bruscamente in due rami; nno 
molto sviluppato, si volge all'esterno ed ha quattro pìccole rami- 
ficazioni, di cui tre terminali, ed una intema laterale. L'altro 
ramo molto piccolo e stretto, si volge verso l'interno. Il lobo è 
presso a poco profondo quanto il precedente. 

Diversamente da quanto abbiamo visto, il lobo esterno della 
specie cai abbiamo avvicinato l'esemplare in discorso, ha pe- 
duncolo breve, slargato e munito di corte ramificazioni, presso 
che di dimensioni ugnali e disposte in ordine palmato. 

Altri elementi delia linea lobale non sono visibili nel nostro 
esemplare, però dopo i confronti fatti, mi sembra resulti abba- 
stanza chiara la ragione per cui ho creduto di doverlo soltanto 
ravvicinare bIV Aspidoceras Bogoznicense Zeusch. non ostante 
l'analogìa di forma che presentano le conchiglie. 

Gen. Aptychus. 
Àptychus Meneghinii D. Zig. 

Specie rappresentata da tre esemplari di grosse dimensioni, 
ma non ben conservati. Furono raccolti nel titonico alle cave 
di Solagna. 



Digitized by VjOOQIC 



264 D. DBL CAMPANA 

Aptyehus latas Parck. {S. e P. 

Esemplari di dimensioni svariate, alcani dei qaali in baono 
stato di conservazione. Furono raccolti nella zona ad Aspido- 
ceras Acanthicum Opp. a CoUalto di Pove, nel titonico al Sasso 
Camower sopra il Pertuso in CoUalto, a S. Vito (Fastro) e alle 
eave di Solagna. 

Aptychiis puuetatus Voltz. {S. e P. 

I numerosi esemplari esaminati provengono da Yalpiana di 
Solagna, Yalpiana di CoUalto (zona ad Aspidoceras Acanthi- 
4>um Opp.) e dalle cave di Solagna (titonico). Mostrano tntti 
conservato il guscio ad eccezione di uno che consiste in un mo- 
dello intemo. La specie è assai nota nel titonico. 

Aptychus sparsilamellosus Ottmb. 

La specie è abbastanza conosciuta ; gli esemplari che la rap- 
presentano provengono del titonico delle cave di Solagna ed 
hanno i caratteri specifici assai ben conservati. 

Aptychos Beyriehi Opp. 

Diversi esemplari, non tatti ben conservati e raccolti alle 
cave di Solagna nel Titonico. 

Gen. Terebratvla Llhwyd. 

Terebratula diphya Cot. {S. e P. 

Appartengono a questa specie numerosissimi esemplari di 
cui alcuni pochi furon raccolti nel titonico a Cima Gusella, 
molti altri alle cave di Solagna. Un esemplare proviene da 
Rovere di Velo, e tre dal titonico superiore di Barettin. 

Terebratula lanitor Pict. (S. 

I cinque esemplari ascritti a questa specie provengono dal 
titonico delle cave di Solagna e non offrono particolarità degne 
di nota. 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DEL GIURA 8CJPBRI0RB 265 

Terebratala Boaei Zeusch. 

I diversi esemplari che ho potuto esaminare di qaesta spe- 
-eie proyengono dalle varie località di Collalto di Pove (zona 
.ad AspidocercLS Acanthicum Opp.), cave di Solagna (titonico), 
Tresti (titonico giallo). 

L'esemplare trovato in quest' altìma località è assai ben con- 
servato e presenta visibili i caratteri delle forme tipiche; gli 
altri hanno la conchiglia in varie parti mancante e tra questi 
ve ne ha ano di dimensioni assai pìccole. 

Terebratala triangnlns Lamk. {S. e P. 

Gli esemplari cai alludo, numerosi e ben conservati, proven- 
.gono da Collalto di Pove e dalle cave di Solagna. I primi 
inrono rinvennti negli strati ad Aspidoceras Acanthicum Opp., 
gli altri nel Bosso Ammonitico. 

Terebratula rectangalaris Pict. {S. e P. 

1861. Terebratuìa rectangularis Pictet, Mélanges PaìéontoJogiques, IV, 

pag. 181,Uv. 84, fig. 4. 

1870. » > Zittel, Die fauna der aeìtem Cephaìopo- 

den Fuehrenden Tithonìnldungen, pag. 
131. 

1881. » » F^ron^Lj Di aìcìtni fossili del Giura Supe- 

riore raccolti nelle Alpi Venete occi' 
dentali, pag. 8. 

1885. » » ì^ìcoììB e P&ronti^ Note stratigrafiche e pa- 

leontologiche del Criura Superiore deUa 
Provincia di Verona, pag. 11, 60, 92, 
tav. 17, ^g. a, 6, e, d; fig. 18; fig. 19o, 
6. e, d; ^g. 20. 



Diametro antero-posteriore 
» dorso-ventrale 
» margino-laterale. 

I vari individui da me esaminati provengono dal titonico 
delle cave di Solagna e corrispondono alle forme tipiche della 
specie. 



Dimensioni: 






mm. 31 


mm. 21, 5 


mm. 10, 5 


. » 18 


» 10,6 


» 5,6 


. » 24, 3 


» 17,6 


» 11,9 



Digitized by VjOOQIC 



266 D. DEL CAMPANA 

Località: Quarti sopra Asnello di Koverè, Monte Tìmaroio 
fra Grezzana e Lonico nel Veronese - Diphyakalk di Trento e^ 
Croce di Gagnola. 



Gen. Ehynchonella Fisch. 

Bhynehonella capillata Zitt. 

1870. Bhynehonella capillata Zittel» Die fauna der aeltern Cephalopodet^ 

fuehrenden Tithonbildungen, pag. 149 
tav. 14, fig. 38. 

1873. » » Neumayr, Die fauna der Schichtén tnit 

« Aspidoceras Acanthicum » Opp.t pa- 
gina 209. 

1880. » » Favre, Fosailes d. Couch. Tithon. d. Alpe» 

Fribourg. pag. 61, tav. V, fig. 12, 13. 

1885. > > Nicolis e Parona, Note stratigrafiche e pa- 

leontologiche sul Giura Superiore della. 
Provincia di Verona, pag. 6. 

Dimensioni : 

Diametro antero-posteriore . mm. 12,6 mm. 11,5 mm. 8 
» dorso-ventrale . . » 7 » 6, 3 > 5 

» margino laterale . » 15,8 > 11,9 » 8,5 

La specie è rappresentata da numerosi esemplari i quali, 
come si è visto sopra, non raggiungono mai dimensioni grandi.. 
Detti esemplari furono raccolti nel titonico delle cave di Sola- 
gna e concordano esattamente colle figure tipiche di Zittel. La 
Bhynehonella capillata Zitt. si trova pure nel piano a Peltoceras 
transversar ium Quenst. (oxfordiano) ed in quello ad Aspidoceras 
acanthicum Opp. (kimmeridgiano). 

Località: Czorstyn in Biala Woda - Falstin - Rogoznik - 
Alpi di Friburgo - Camporovere nei Sette Comuni vicentini - 
Veronese. 

Corbula Pichleri Zitt. {S. 

1870. Coì'bula Pichleri ZitteXy Die fauna der aeltern Cephalopodenfuehren,. 

den Tilhonhildungen, pag. 119, tav. XII, fig. 8. 
1880. » » Parona, Fossili titonici di Caprino e di Longa- 

rone nel Veneto, pag. 16. 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DBL GIURA SUPBBIORB 267 

1882. Corbula Pichleri Nicolìs, Sistema lAassico Oiurese della Provincia 

di Verona, pag. 62. 

1885. » » Nicolia e Parona, Note stratigrafiche e paleonto- 

logiche, pag. 10. 

1888. » > Secco, Il piano ad « Aspidoceras Acanihicìéfn>y. 

Opp. pag. 6. 

Specie rappresentata da due esemplari già eitati dal Secco^ 
provenienti da Valpiana di Collalto, nella zona ad Aspidoceras 
Acanthicum Opp. 

Località: La Corbula Pichleri Zitt. fa ritrovata anche nel 
Diphyacalk di Volano presso Boveredo, e nel titonico di Lnbiara 
e Spiazzi nel Veronese. 

Geìi. Metaporhinvs Mich. 
Metaporhinns eonvexns Cat. 

Di qnesta specie titonica ho esaminato dieci esemplari mal 
conservati, ma facilmente ravvicinabili alle forme tipiche. Sona 
stati raccolti alle cave di Solagna e a Valpiana di Collalto. 

Gen. CoLLYBiTEs Desmonl. 

Collyrites Friboargensis Oost. 

Ho esaminato di questa specie propria del titonico un solo 
esemplare mal conservato e raccolto alle cave di Solagna. 

Collyrites Verneuill Cott. 

I diversi esemplari di questa specie titonica da me esami- 
nati provengono da Collalto e dalle cave di Solagna. Concor- 
dano colle forme tipiche della specie e non offrono particolarità 
degne di nota anche per la loro non buona conservazione. 

Gen, Hemicidarjs Ag. 

Hetnlcldarls Zlgnol Cott. 

1870. Hemicidaris Zignoi Cotteau in Zitte], Die fauna der aeltern Cepha- 

lopodenfuéhrenden Tithonbildungen,psig. 155,. 
tav.XV, fig.9a, 6,c. 



Digitized by VjOOQIC 



268 D. DBL CAMPANA 

1885. Hemicidaris Zignoi "SìisoMu e Fbtoia, Note stratigrafiche e paleonto^ 

logiche sul Giura Superiore della Provincia 
di Verona, pag. 10, 60. 

Di questa specie titonica ho esaminato vari radioli prove- 
nienti dalle cave di Solagna. Sono in generale mal conservati 
e non offrono particolari degni di nota speciale. 

Località: Il Cottean fondò la impecio su esemplari trovati a 
Trento e a Folgaria; altri ne furono trovati a Lubiara e Spiazzi 
nel Veronese. 

Gen. Phyllocrinus d. Kon. 

Phylloerlnus sp. Aff. Phyllocrinus nutantiformis Sch. 

Indico in tal modo un piccolo esemplare trovato nel titonico 
al Sasso Camower in Collalto di Solagna, e di cui è conser- 
vato solo in parte il calice che si avvicina molto alla forma 
ricordata dallo Shanroth. 

Gen. Sphenodvs kg. 

SphenodoH longidens Ag. (S. 

Specie rappresentata da vari denti di dimensioni presso che 
uguali, trovati negli strati ad Aspidoceras Acanthicum Opp. e 
nel titonico delle cave di Solagna. 

Essendo questi stati già esaminati dal prof. Bassanì per un 
suo lavoro sui pesci fossili del Veneto, cui egli attende già da 
parecchi anni, e che pel grandissimo materiale raccolto promette 
di riuscire assai importante, lascio all'illustre paleo-ittiologo, il 
dare a suo tempo di tali denti una descrizione dettagliata. 

Gen. Lepidotus Ag. 

Lepidotus maxlmus Wagn. 

Ho esaminato di questa specie numerosi denti rinvenuti a 
Solagna, a Collalto di Pove ed al Campaniletto di Pove nel 
titonico. 

Anche questi furono come i precedenti studiati già dal pro- 
fessor Bassani. 

[ma. pros. il 90 maggio 1904 - ult. bozze 29 luglio 1904]. 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. d. Soc. Geol. Ital. Voi. XXIII ( 1904 ) 



( D«l Campana) Tav. VII 



{ 




,C^V>3j|a- 



'^T 



ELIOT. CALZOLARI A FERRARIO MILANO 



Digitized by VjOOQIC 



FAUNULA DUL GIUBA 8UPBRI0RB 269 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA VII. 



Fìg, 1. PhyUaeeras polifóleum. Frammento di grosso esemplare, rico- 
perto dal guscio, visto di lato. 

> 2. Periaphinetes n. sp. ind. Visto di lato. 

» 3. Aspidoeeraa sp. ind. Cfr. Aspidoceras Bogoznicense Zeusch. Visto 
di lato. 

» da. Linea lobale di questo esemplare. 



Digitized by VjOOQIC 



SCHIZOTHECA SEBBATIMABGO HINCKS SP. 
(bbttificazione di nombnclatuba) 



Nota del prof. A. Nevi a ni 

(Con una Tavola, X). 



Con lettera gentile del 19 giugno u. s., il distinto briozoo- 
logo dott. Arth. W. Waters mi avvertiva che la mia Schiaopo- 
rètta sulcata (1895) deve riferirei a Sch. serratimargo Hks (1886). 
Verificati subito gli esemplari della mia collezione, ho constatato 
l'esattezza della osservazione del signor Watere; e mentre lo 
ringrazio di cuore dell'avvertimento datomi, mi affretto a ripa- 
rare alla svista da me commessa, riassumendo quanto si conosce 
di questa specie, .e facendo anzi notare come da ulteriori con- 
fronti ritenga che essa vada riferita al genere Schizotheca dello 
stesso Hincks. 

Schizotheca serratimargo Hks. sp. 

1885. jE?8cftara con/erto (non Ras.). De Amicis, lì calcare ad Amphistegina 

nella prov, di Pisa, ecc, Atti eoe. tose, 
se. nat., voi. VII (1886), pag. 224 (27). 

1885. Escharina graciìis {non d'Orb.). De Amicis, Z. e, pag. 225 (28). 

1886. Schizoporella serratimargo Hincks, The pólyz, of the Adriatic, Ann. 

Mag. Nat Hist., s. 5, v. XVII, p. 268, 

t. X, f. 6. 
1889. » » Carns J. V., Frodr, faun. MediU., voi. 11^ 

pt«. 2*, pag. 29. 
1889. » » Jelly E. C, Synon, catal, ree. mar. 

hryoeoa, pag. 233. 
1895. » sulcata Neviani, Nota prél. s. briozoi foss, d^ 

postpl. antico d. Farnesina e M. Ma- 

riOf Boll. 80C. rom. stud. zoolog., voi. IV^ 

pag. 69 (5). 



Digitized by VjOOQIC 



8CHIZ0THB0A SBRRATIMARGO HINGKS 8P. 271 

1895. Schisoporélla 9ulcata 'Sevì&nì, Brioeoineog. di, alche. cPItaliaf 

pi". /«, Boll. 80C. rom. st. zool., voi. IV, 
pag. 119 (11). 

1895. > » Neviani, Briozai fass. d. FarneHna e 

M. Mario pr. Boma, Palaeont. ita- 
lica, voi. I. pag. 112 (36), tav. VI (II), 
H' 4, 5. 

1895. » » Neviani, Brios. neoz, ecc.^ pt% ^, Boll. 

soc. rom. et. zooL, voi. IV, pag. 245 
(21). 

1900. » » Neviani, Brioe. neoe. ecc., pi*", 6^, Boll. 

soc. zool. italiana, a. II, voi. I, pag. 68 
(11). 

1900. » » ì^evìanU Brioe. iers. e postere. d. Tùscanaj 

Boll. soc. geol. ital., voi. XIX, pag. 366 
(22). 

1900. » » Neviani, Brioz. neoz. d. Calabrie^ Pa- 

laeont. italica, voi. VI, pag. 200 (86). 

1900. » » var. laeviffata Neviani, Brioe, iers. e 

pesiere, d. Toscana^ Boll. soc. geol. 
ital., voi. XIX, pag. 867.(28), fig. 4 
nel testo. 



Schizoporella serratimargo Hincks (1886). — Diagnosi del- 
l'aatore: Zoarìo eretto, bilaminato, ramificato, rami larghi, piani, 
compressi, arrotondati all'estremità. Zoect qaincnnciali ; se giovani, 
distinti, ovati, moderatamente convessi (sutura poco profonda), 
regione orale rialzata ; superficie densa, ineguale, intiera o con 
pochi pori marginali; orificio orale con un piccolo seno nel mar- 
gine inferiore, opercolo ingrossato da ciascun lato, in modo da 
dare l'apparenza di una depressione lungo la linea centrale; 
peristoma elevato e spesso molto grosso, porta quattro spine 
superiormente; cellule vecchie addensate, confuse, profondamente 
calcificate; orificio primario molto profondo; largo orificio secon- 
dario alquanto sporgente sulla fronte; frontale del zoecio quasi 
tutta occupata da un esteso rialzo che porta un avicolario ap- 
puntato. Oecio arrotondato, subimmerso, strettamente unito con 
i zoec! vicini; superficie liscia, intiera e una larga fessura in 
fronte, ad apertura ampia ed allargata in avanti. Lungo i mar- 
gini dei rami una fila di giganteschi avicolarì con mandibola 
a punta ottusa diretta all'infuori. 



Digitized by VjOOQIC 



272 A. KKViAna 

Schieoporella sukata Neviani (1895). — Diagnosi dell'an-^ 
tore: Zoecìsabromboidali o subesagonali a contorno poco regolare» 
Orificio rotondeggiante saperìormente, sinuato di sotto; frontale 
solcata irregolarmente in modo da limitare delle aree poligonali 
con margini ondulati, per lo più attraversate da un poro cen- 
trale; un avicolario laterale, presso la parte inferiore dell'aper- 
tura zoeciale, diretto in fuori, con mandibola acuta in alto. I zoect 
posti sul margine del zoario laminare sono provvisti di avico- 
lari molto più grandi, con apertura rivolta in fuori, e mandibola 
acuta in alto. 

Schizoporella stUcata Nev., var, laevigata Neviani (1900). — 
Diagnosi dell'antere : I zoect ripetono la forma della specie tipica ; 
ne diversificano per avere la frontale continua e non percorsa 
da solchi, ed è imperforata; ai lati dell'orifizio zoeciale, due 
brevi e robusti tubetti per la inserzione di due spine orali; i 
grandi avicolari marginali sono regolarissimi. 

Osservazioni. — Dal confronto delle riportate diagnosi ap- 
pare evidente che la specie istituita da me nel 1895 cade in si- 
nonimia con quella dell'Hincks (1886). Notisi pure che la var. lae- 
vigata meglio corrisponde alla forma tipica dell'Hincks; mentre 
la specie suìcata se ne discosta alquanto, sicché potrebbesi giu- 
stificare l'istituzione di una nuova varietà; infatti mentre i zoect 
adulti osservati dall'Hincks sviluppano una grande frontale che 
viene occupata quasi del tutto da un avicolario, nella nuova 
varietà la frontale è percorsa da solchi che la dividono in aree 
poligonali irregolari, e queste spesso presentano un forame cen- 
trale. Aggiungerò pure che nella maggior parte dei casi gli avi- 
colart laterali non sporgono dal margine del zoario, cosicché 
non danno ad esso la caratteristica indicata dal termine si)eci- 
fico serratimargo assegnato dall'Hincks. 

Nel mio lavoro sui briozoi della Toscana (pag. 367) a pro- 
posito della var. laevigata non parlai degli oect, e vi unii una 
figura non ben riuscita, la quale potrebbe invero trarre in errore 
lo studioso; in essa non abbiamo difatti la rappresentazione delle 
frontali degli oect, ma la superficie inferiore intema di essi, es- 
sendo la frontale distrutta. Dopo l'osservazione del Waters, ho 
riesaminati tutti gli esemplari da me posseduti, ed ho trovato 



Digitized by VjOOQIC 



SCHIZOTHBGA SEBRATIMARGO HINCKS SP. 27B 

qualche oecio intiero, corrispondente alla descrizione dell'Hìncks 
(tav. X, figg. 1, 2); in altri esemplari ho notato pare qnalche 
grande avicolario vicario nell'interno della colonia (figg. 9, 11). 

La incisnra dell'oecio mi fa riportare questa specie al ge- 
nere Schizotheca Hìncks, del quale genere ecco la diagnosi : Zoa- 
rio incrostante: zoeci con orificio primario snborbicolare, margine 
inferiore alquanto sinuato; orificio secondario elevato tubulare, 
anteriormente inciso; oeei terminali, con una fessura sulla super- 
ficie frontale anteriore ; avicolari nascenti su di un'area distinta 
e distribuiti fra i zoeci; qualche volta mancano (Hincks, On 
British Polyjsoa, A. M. N. H., s. 4, v. XX, 1877, pag. 528). 

Lo stesso autore nella sua opera magistrale: A history of 
the British marine Polyzoa (1880, pag. 283) ripete la stessa 
diagnosi, tralasciando però i sopra accennati caratteri circa gli 
avicolari. 

La specie tipica del genere Schizotheca è la Lepralia fissa 
Bk. ('), la quale oltre che per l'incisura degli oecì, anche per 
l'irregolare distribuzione degli avicolari vicari, ha molte affinità 
con la specie in esame. 

Per le figure degli oecì e degli avicolari si confrontino, oltre 
alle ultime citate del Busk in Zoophytoìogy, anche quelle del- 
l'Hincks per la Sch. fissa (') e per la Sch. serratimargo (^). 

La differenza che verrebbe indicata dalla diagnosi dell'Hincks, 
circa il portamento del zoario, che in Schizotheca dovrebbe es- 
sere incrostante, è ormai noto come non abbia alcun valore. 

Forse il genere Schizotheca potrebbe formare una sezione o 
sottogenere di Schizoporella. 

La variabilità di forma e distribuzione degli avicolari, nella 
medesima specie, è fatto abbastanza comune nei briozoari ; ma 
indubbiamente la specie che ora ci occupa è una di quelle che 
presentano le maggiori variazioni; notiamo difatti le seguenti 
sorta di avicolari: 

1.** Avicolari marginali. Questi sono quelli che raggiun- 
gono le maggiori dimensioni; si trovano distribuiti in serie lungo 

(*) Zoophytology, Quart. Journ. Micr. Se., voi. IV, 1856, pag. 308,. 
tav. IX, figg. 8, 9, 10. 

(*) Hincks, Brìi. mar. poi. (1880), tav. XLI, figg. 1-3. 
(3) Id., Poi. Adnatic (1886), tav. X, fig, 6. 



Digitized by VjOOQIC 



274 A. NBVfANl 

i margini delle branche della colonia, appartengono alla cate- 
gorìa degli avicolar! vicari, giacché tengono il posto di zoec! 
marginali; cbbì sono provvisti di mandibola alquanto ottusa, ri- 
volta in fnorì ed in alto (figg. 3, 4, 5, 8). 

2."^ Avicolari vicari interni. Questi sono assai più piccoli 
dei precedenti ; ne ripetono la forma, e sono per lo più rivolti 
in alto. Si trovano qua e là, non frequentemente però, disse- 
minati fra i zoecì normali; l'area zoeciale è sempre notevol- 
mente ridotta (tìig^. 9, 11). Non mi è stato dato di rilevare che 
questi avicolari stieno a rappresentare zoec! adulti trasformati, 
come asserisce l'Hincks. 

3/ Avicolari zoeciali. Mentre sono frequenti i zoec! privi 
di avicolan, non ho mai riscontrato il caso di zoec! con due 
avicolari simmetricamente disposti ai lati dell'orificio. L'avico- 
lario, che dirò normale, è sempre unico, e trovasi lateralmente 
e disotto all'orificio, ora a destra, ora a sinistra, sporge sulla 
frontale mediante un rilievo, in generale non molto pronunciato; 
la mandibola acuta è rivolta quasi sempre in alto (figg. 1, 2, 3, 9). 

4.** Avicolari oeciali. In qualche oecio ho notato un avi- 
colario inserito longitudinalmente nel mezzo, e con la mandi- 
bola rivolta in basso; questo avicolario non prende parte alla 
formazione della caratteristica incisura oeciale (fig. 1). 

5.** Avicolari sporadici. Forse dovrebbero essere classificati 
in questa categoria anche i precedenti ; ma mi limito assegnarvi 
quelli che si inseriscono o direttamente su di un zoecio, senza 
occupare la posizione degli avicolari zoeciali normali, o che si 
collocano come per trasvei-so su due o più zoect, simulando, o 
forse anche essendo, avicolari vicari. 

Kitornando ai zoecl normali, è interessante constatare che 
l'orificio è del tutto simile a quello tipico di Schizoporélla 
(figg. 2, 3, 6); il peristoma sembra subire varie trasformazioni; 
ora è semplicemente rappresentato da un rilievo non molto forte 
della frontale, che permette di vedere l'orificio primario (fig. 2), 
ora si eleva con labbra più o meno distanziate fra loro, e for- 
manti una grande cavità imbutiforme che si continua superior- 
mente con quella oeciale (fig. 1), ora è assai allargato a guisa 
di collaretto (figg. 3, 6), che tanto ricorda quello di Phylactella. 



Digitized by VjOOQIC 



SCIUZOTHBCA SERRATIMARGO HINCKS 8P. 275 

A questo proposito anzi ricordo che Juilien S riportando al 
gen. Schtjsotheca la saa nuova specie Sch. lepida, la quale non ha 
neppure la caratteristica fenditura oeciale, dice come anche 
questa specie possa essere confusa con Phylactella labrosa Bk., 
e che forse è indifferente ascriverla a Schieotheca o a Schizo- 
porella (1. e, pag. 208). 

Negli esemplari viventi sembra costante la presenza di 
quattro spine orali; questo numero ho pure riscontrato frequen- 
temente fra i fossili, ma alle volte ne ho trovato due sole, 
anche in zoecì non sormontati da ovicelli (fig. 7), e le due spine 
una sola volta ho veduto nascere nel mezzo e divaricare trasver- 
salmente come è rappresentato nella fig. 6. 

I forami di communicazione fra zoecio e zoecio (fig. 12) 
sembra non abbiano una disposizione regolare. 

Distribuzione geografica e geologica. — Vivente: Sembra 
molto rara; pubblicata non abbiamo che l'indicazione data dal- 
l' Hincks « Adriatico » senza precisare la località ; indicazione 
poscia ripetuta dal Carus {Prodromus) e dallo Jolly {Catalogue). 
Il dott. Waters mi scrive possederne un esemplare da Taranto. 
Un altro piccolo esemplare trovasi nel museo zoologico della 
B. Università di Napoli, ma senza località. — Fossile: Tutti 
gli esemplari fossili furono sinora indicati solamente da me, e 
sembrano limitati ai terreni pliocenici e postpliocenici, cioè: 
pliocene dei dintorni di Àsti; pliocene superiore di Parlaselo, 
di S. Frediano, di altre colline pisane, della Farnesina; forma- 
zioni alquanto più recenti delle precedenti, da molti considerate 
senz'altro come postplioceniche di Acquatraversa presso Boma, 
di Santa Maria di Catanzaro, di Bavagnese (Beggio Calabria; 
e del vallone Scoppo (Messina). — L'abbondanza dei fossili, in 
<;onfronto dei viventi, parrebbe indicare che la specie sia in 
via di estinzione. 

> Juilien J , Liste des Bryozoaires recueilìis à Étretat. Bull. Soc. géoL 
<le France, t. VI, 1881, pag. 207. 

[Ms. presentato il 18 luglio - ult. bozze 25 luglio 1904]. 



22 



Digitized by VjOOQIC 



276 A. NBVIAIII 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA X. 



Fìg. 1. Esemplare della Farnesina; zoect vecchi, con oect ed avicolart 

sporadici. 
» 2. > di S. Frediano ; zoect con oect. 
» 3. » » avicolart vicart marginali. 

» 4. » » idem. 

» 5. » » idem. 

» 6. » » zoecio giovane con perìstoma e du& 

spine orali divaricate. 
» 7. » » zoect giovani con due e quattro 

spine orali. 
» 8. » della Farnesina; grande avicolario vicario margi- 

nale, 
avicolarìo vicario intemo, 
un avicolario sporadico, 
due avicolart vicait intemi, 
sezione sagittale di zoeci. 

N. B. — Tutte le figure sono disegnate allo stesso ingrandimento di 45 diametri 



» 9. 


» 


» 


» 10. 


» 


» 


» 11. 


» 


» 


» 12. 


» 


» 



Digitized by VjOOQIC 



Boll Soc. Qeol. ItaL, Voi. XXIII (1904). (Neviani) Tav. X. 



i\S\ 



V 



;i. 



ì 




^ 



'■^ 




I. 



11 ^^ 



ri 



H 







-^ 



(^ 



.10 









è^■ v^"* 



V \ 

12 " / \ 



\ > 



\{y 



^ ^ \ ^ 



^(i-^ %L 



> 



Fot. Gallona • Roma 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



OSSERVAZIONI MINERALOGICHE 

SULLE 

ROCCE METAMORFICHE DEI DINTORNI DI TOLPA 
Nota del socio F. Millosbvìch 



Nell'estate del 1900, in occasione di un lungo soggiorno a 
Tolfa, ebbi agio di visitare assai minutamente la regione circo- 
stante e più particolarmente i giacimenti metalliferi, perchè era 
mia intenzione di fame una descrizione particolareggiata. Ma 
nel dicembre dello stesso anno l'ing. B. Lotti, la cui compe- 
tenza ed autorità in tal genere di studi sono indiscusse, pub- 
blicò un importante lavoro in proposito (^), dopo del quale una 
mia pubblicazione sul medesimo argomento sarebbe riuscita intem- 
pestiva ed inutile; e perciò ne dimisi l'idea. Senoncbè nel 1902 
ebbi occasione di tornare a Tolfa, di fare nuove osservazioni e 
di raccogliere altro materiale; e dall'esame di questo e di quello 
più antico e più abbondante raccolto precedentemente, potei 
accorgermi di alcune intei-essanti particolarità mineralogiche, che 
non potevano trovar posto nel lavoro di Lotti, data l'indole di 
esso, ma che tuttavia non sono scevre d'interesse per la mine- 
ralogia propriamente detta. E perciò mi decido ora a pubbli- 
carle. 

È noto da precedenti lavori ('), ai quali rimando per le par- 
ticolarità geologiche della regione, che i calcari eocenici, i quali 

(') Lotti B., [ gxadmtnti metaUiferi ddla Tolfa in pravineia di Boma. 
Torino, Rassegna Mineraria, XIII, n. 17, 1900. 

(<) PoDzi 0., La Tuscia Bomana e la Tolfa. Mem. R Acc. Lincei, 
ser. III, voi. L 1876-77, pag. 875-928. 

Lotti B., loc. cit, e anche: Sui depositi ferriferi dell'Elba e della 
regione litùranea tosco romana, Torino, Rassegna mineraria, XIV, n. 4, 1901 . 

(SeytM la noia). 



Digitized by VjOOQIC 



-278 F. MILLOSBVICH 

<M>stitaÌ8Cono le altare a mezzogiorno delle masse trachìtiche di 
Tolfa e Allumiere, in vicinanza dei giacimenti metalliferi, ohe 
quivi si riscontrano, mostrano delle modificazioni abbastanza 
profonde, trasformandosi da compatti in cristallini, arricchendosi 
di minerali e specialmente di granato, presentando insomma i 
<5aratteri di rocce metamorfiche. È mia intenzione di dare dap- 
prima una descrizione di talune di queste rocce e di accennare 
in seguito ad alcuni interessanti esempi di perimorfosi e di 
pseudomorfosi, che in esse si trovano. 

Calcare cristallino granatifero 
del Passo della Carriola. 

Benché se ne trovi anche in altri luoghi, cui accenneremo 
in seguito, il giacimento più considerevole e più importante di 
questa roccia si trova nella località detta Passo della Carriola, 
ai piedi del monte della Boccaccia, in vicinanza della massa 
di minerale di ferro, che quivi affiora; e di qui provengono 
appunto i campioni di cui do una breve descrizione. Costituisce 
un tipo speciale e caratteristico fra le rocce metamorfiche in 
questione. 

All'esame macroscopico si presenta come un calcare grigio 
verdino a grana minutamente cristallina, che mostra abbondanti 
punticini rossicci dovuti a cristallini di granato. Sciolto in un 
acido si ha un residuo argilloso e si isolano facilmente dei mi- 
nuti granuli di granato di color rosso giacinto o rosso gial- 
liccio. 

In qualche campione, pure della medesima località, il cal- 
care è a grana più grossa e abbastanza friabile con granato 
più scarso, venuzze di calcite rosea e dendriti di pirolusite. 

In sezione sottile in mezzo alla abbondante calcite, caratte- 
rizzata da una distintissima geminazione polisintetica lamellare 
secondo (110) e che è propria, come è noto, dei calcari netta- 



Lotti B., I depositi dei minerali metalliferi, Torino, Un. Tip. Editr. 
Torinese, 1903, pag. 66-67. 

Neviani A., Belazione delle gite fatte a Civitavecchia ed alla Tolfa nei 
giorni 26 e 27 Marzo IBOO.BoìlSoc. Geol. Ital , XIX, 19D0 pag xxxxxxvJi. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCE MBTAMORFICHB 1>BI DINTORNI DI TOLFA 279 

mente cristallini, si notano numerosi cristalli di granaio e come 
accessori piuttosto scarsi epidoto^ wollastonite^ clorite, pirite,^ 
limonite. 

In alcane sezioni si osservano anche piccoli aggregati cri- 
stallini dendritici di pirolusite, già osservabili ad occhio nado. 

Il granato non ha una sezione cristallina ben distinta e si 
trova unicamente in granuli a contorno irregolarmente tondeg- 
giante; in sezione presenta un colore giallìccio chiaro e qualche 
accenno appena percettibile di birifrangenza. Ho tentato qualche 
saggio qualitativo sui cristalli isolati per mezzo di un acido, ed 
ho constatato la presenza di calce, allumina e ferro; l'analisi 
quantitativa riuscirebbe poco attendibile, stante la grande quan- 
tità di minerali inclusi e che non si possono separare; ad ogni 
modo per i caratteri ottici e di struttura e per i saggi qualita- 
tivi si può ritenere questo granato come appartenente al tipo 
più frequente nelle rocce, e che Bosenbusch chiama granata 
comune (Qemeine Granat). 

È da osservare, che nella maggior parte dei casi il granato 
racchiude nel suo intemo un piccolo individuo polisintetico di 
calcite, che ne costituisce quasi il nocciolo; nei cristalli più 
grandi di granato i cristallini di calcite racchiusi sono due o 
tre anche più e nettamente separati fra loro. 

Benché più raramente il granato racchiude anche dei pic- 
coli cristalli di wollastonite. Su queste associazioni di granato 
con altri minerali avremo occasione dì tornare più diffusamente 
descrìvendo un'altra roccia, dove esse si presentano cosi evidenti^ 
da essere visibili anche all'occhio armato di una semplice lente. 

Piccoli cristalli di epidoto e di wollastonite si osservano 
piuttosto scarsamente distribuiti nella sezione ; a primo aspetto 
per molti caratteri parrebbe trattarsi del medesimo minerale, 
ma, osservando attentamente, si nota che l'epidoto è leggermente 
verdino ed ha un pleocroismo appena sensibile, mentre la wol- 
lastonite è perfettamente incolora; per di più la maggior rifran- 
genza e birifrangenza del primo minerale è nettamente osser- 
vabile. L'epidoto si trova a preferenza presso i cristalli di gra- 
nato di cui forma in molti casi quasi un orlo di alterazione. 
Un materiale verde appartenente al gruppo della clorite si trova 
talvolta come alterazione dell'epidoto. 



Digitized by VjOOQIC 



280 F. MILLOSBYICH 

Per la wollastonite è da notarsi che essa talvolta racchiade 
pìccolissimi elementi di calcite. Piccoli cubi di pirite e chiazze 
di Umonite sono pialtosto rari. 

Nello stesso banco di calcare del Passo della Carriola ho 
osservato localmente dei campioni in cai il materiale epidotico 
e la sna alterazione cloritica si presentano pia abbondanti, tanto 
che la roccia presenta una tinta decisamente verdognola. 

Roccia a granato del Monte della Roceaccia. 

Qaesta roccia si trova sai ripidissimo pendio del versante 
occidentale del Monte della Boccaccia. L'affioramento più con- 
siderevole si rinviene a circa mezza costa fra il fondo del fosso 
detto Marangone e la vetta del monte il qaale, come è noto, 
contiene i maggiori depositi ferriferi di tatta la regione. Anzi 
in relazione con questo grosso banco di roccia a granato vi è 
an piccolo giacimento del solito minerale limonitieo, di cui il 
banco sembra formare il tetto; questo deposito di minerale di 
ferro si può considerare come intermedio fra quello del Passo 
della Carriola e quello più importante, detto appunto della Boc- 
caccia. La boscaglia, che ricopre fittissima questo fianco della 
collina, impedisce di scorgere netti i rapporti fra questi vari 
affioramenti di minerale. 

La roccia, che intendo descrivere, si presenta macroscopi- 
camente con l'aspetto di un fitto intreccio di cristalli di gra- 
nato di color grìgio giallastro tenuti insieme da poca quantità 
di calcite; di tratto in tratto si presentano zone in cui prevale la 
calcite di color bianco e vene di quarzo compatto pure biancastro. 

Fra tutti questi elementi, diremo cosi, principali, si notano 
numerosi granuli di un minerale limonitizzato probabilmente 
pirite e larghe chiazze ocracee. I molti campioni da me raccolti 
presentano da punto a punto molte variazioni ; nella maggior 
parte predomina assolutamente il granato, in altri abbondano 
invece i ruclei e le vene di calcite e di quarzo; in alcuni i 
cristalli di granato hanno un diametro da 1 a 2 mm., in altri 
da 4 a 5 nim. Insomma questo affioramento di roccia, benché 
non molto esteso, presenta delle variazioni abbastanza notevoli 
da punto a punto. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCB HBTAMORFICHR DEI DINTORNI DI TOLFA 281 

Al microscopio nelle vane sezioni, esegaite sa campioni di- 
Tersi, queste variazioni si manifestano più rimarchevoli, por 
rimanendo identica la composizione mineralogica nelle sue linee 
generali. 

Il granato, che è predominante in tutti i campioni, appare 
ora in sezioni abbastanza regolari in prevalenza esagonali ed 
ora senza contomo cristallino netto e preciso. È per trasparenza 
di color giallo verdiccio chiaro e un lieve accenno di birifran- 
genza indica qualche principio di anomalia ottica. 

La calcite si trova interposta fra i cristalli di granato, ma 
« in gran parte racchiusa neir interno dei cristalli stessi; ha 
struttura cristallina ad elementi piuttosto grossi senza traccia 
di geminazione polisintetica. Come già dissi, si trovano qua e 
là nella roccia delle plaghe costituite quasi esclusivamente di 
calcite, la quale in tal caso ha struttura minutamente cristal- 
lina con geminazione polisintetica spiccata. 

Accessorio importante è Vepidoto in pìccoli, ma distinti cri- 
stallini allungati secondo l'asse di simmetria con debolissimo 
pleocroismo dallo schema e verde chiaro b^n quasi incoloro. 

Il quarzo^ come si disse nella descrizione macroscopica della 
roccia, pare rappresentare un' accidentalità in qualche punto 
di essa; al microscopio la maggior parte delle sezioni ne presenta 
poca traccia, mentre in una di esse si nota abbastanza abbondante. 

Assai rari si notano piccolissimi cristallini incx)lori di wolr 
lastonite, e finalmente sono frequenti cristallini cubici di pirite 
completamente limonitizzata e plaghe di materiale argilloso ed 
ocraceo. 

Per la prevalenza del granato sopra tutti gli altri costi- 
tuenti la roccia teste descritta potrebbe meritare il nome di 
granatite; ma questo nome è stato generalmente adoperato per 
indicare una roccia appartenente al gruppo dei gneiss e degli 
schisti cristallini, cioè per una roccia metamorfica, se si vuole, 
ma non di un metamorfismo cosi recente, come la roccia della 
Boccaccia. Per di più questa non ha una grande estensione, è 
assai variabile da punto a punto e deve considerarsi come una 
modificazione del calcare in vicinanza dei depositi ferrìferi. 

Perciò ho creduto opportuno di darle il nome generico di 
roccia a granato. 



Digitized by VjOOQIC 



282 P. MILLOSEVICH 

Altri tipi di calcari metamorfici si trovano in altre località 
dei giacimenti metalliferi della Tolfa, sempre però nella imme- 
diata vicinanza dei depositi di minerale di ferro e dei filoncelli 
di Bolfari metallici (galena, blenda, cinabro, pirite, calcopirite) 
che, come è noto, si trovano assai sparsi, sebbene in piccola 
quantità, per tatta la regione (vedi i citati lavori di Ponzi e 
di Lotti). 

È da notarsi peraltro che calcare granatifero si trova sol- 
tanto nelle vicinanze immediate dei depositi di minerale di ferro, 
come a Pian Ceraso e presso l'Edificio del Ferro. Si tratta in 
fondo della roccia già descritta del Passo della Carriola più o 
meno modificata. Presso l'Edificio del t'erro abbiamo nn calcare 
nettamente cristallino, saccaroide, a grana piuttosto grossa e di 
color roseo. Il granaio vi è piattosto scarso; mancano del tutto 
l'epidoto e la woUastonite ; invece è da notarsi la presenza di 
cristallini cubici di fltiorite, di color roseo e violaceo, con net- 
tissime tracce di sfaldatura e assai abbondanti inclusi liquidi.. 

Dove più abbondano i filoncelli e le tracce di solfuri metal- 
lici il calcare, pur diventando nettamente cristallino nelle imme- 
diate vicinanze di essi, non presenta mai granato e soltanto mo- 
stra pochi cristallini di fluorite e un'abbondante e minutissima 
diffusione in tutta la massa di cristallini di essi solfuri e in 
ispecial modo di pirite. Queste modificazioni, ripeto, sono pura- 
mente locali e si osservano in moltissimi punti del Poggio della 
Stella. 

Perimorfosi di granato ed altri minerali 
nella roccia a granato del Monte della Roecaccia. 

Fin dall'esame macroscopico dei grossi cristalli di granato,, 
costituenti la roccia suddescritta, si scorge che il loro intemo 
non è omogeneo; con la semplice lente si osservano in quasi 
tutti i cristalli inclusi di altri minerali; se si isola un grosso 
granulo di granato, lo si spezza e lo si tratta con un acido, si 
scorge che nella sua parte intema accade viva effervescenza, 
cessata la quale, il cristallo di granato presenta o un' unica 
cavità parecchie cavità indipendenti, che evidentemente prima, 
erano occupate da calcite. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCE MBTAHORFJCHB DRI DINTORNI DI TOLFA 28^ 

Con Tosservazione microscopica è dato di scorgere, che nella 
maggior parte dei casi il cristallo di granato racchiude un ag- 
gregato di altri minerali, fra i qaali predomina la calcite; questo 
aggregato forma talvolta un nucleo intemo unico, mentre altre 
volte invece ne forma parecchi più piccoli racchiusi dal gra- 
nato come da una grossolana rete. In questo aggregato, oltre 
alla calcite predominante, si trovano : epidoto, in sezioni abba- 
stanza ben definite, granuli di quarzo, piccolissimi e rari pri- 
smetti di woUastonite. 

È noto come consimili associazioni, in cui il granato rac- 
chiude nel suo interno altri minerali e in ispecial modo calcite 
ed epidoto, sieno già da lungo tempo conosciute ; basti ricordare 
gli esempi che ci forniscono la grossularia di Auerbach, i cui 
cristalli presentano nel loro interno materiali eterogenei, fra cui 
predominano la calcite e l'epidoto, la grossularia di Alpe Lolen 
(Svizzera), i cui cristalli contengono nel loro interno special- 
mente epidoto, e il granato calcico-ferrico di Arendal (Norvegia); 
quest'ultimo caso si accosta di più al nostro e per la natura 
del granato e per quella dei materiali racchiusi, fra i quali 
predomina la calcite. È noto anche il dibattito cui diede luogo 
l'interpretazione di simili associazioni che in principio furono 
chiamate semplicemente pseudomorfosi, perchè infatti general- 
mente si trovano accanto ad esse delle vere e proprie pseudo- 
morfosi; né qui starò a ricordare le varie e contradittorie opi- 
nioni espresse in proposito da diversi autori. Ora sembra fuor 
di dubbio, ed è infatti riconosciuto dalla maggior parte dei 
mineralisti, che tali associazioni sieno dovute alla contempo- 
ranea formazione del minerale racchiudente e di quelli rac- 
chiusi; tale opinione, sostenuta da Enop (^) per il granato di 
Auerbach e da Scheerer (') per quello di Alpe Lolen e di 
Arendal, porta alla conseguenza di considerare tali associazioni 
come cosa diversa dalle pseudomorfosi propriamente dette e di 
dare ad esse, come appunto fece Scheerer, il nome di perimorfosL 

L'esempio descritto del granato dei Monte della Soccaccia 
si presta, dato che sia necessario, a confermare la suesposta 



(1) Neues Jahrbuch f. Min. Geol. u. Pah, 1858, 42. 
(«) Berg. u. Huttenm, Ztg, 1862, 667, 1861, 10. 



Digitized by VjOOQIC 



284 F. MILLOSEVICH 

opinione e perciò Tho indicato col nome di perimorfosi : infatti 
non si può spiegare come ana vera pseadomorfosi, il che am- 
metterebbe una successione nella formazione dei vari minerali 
associati, mentre invece è assai probabile, che si sieno formati 
insieme: primo, perchè è assai arduo spiegare un'alterazione del 
granato limitantesi solo alla parte intema e non alla superficie 
del cristallo; secondo, perchè calcite ed epidoto, per dir sol- 
tanto dei principali fra i minerali racchiusi nel granato, si tro- 
vano anche esternamente ad esso ed indipendentemente da esso 
in tutta la massa della roccia. 

Come già ebbi occasione di far notare, anche i piccoli cri- 
stalli di gmnato del calcare del Passo della Carriola presentano 
nel loro interno uno o più Kerhkrystalle di calcite. 

Wollastonite psendomorfa di granato. 

Nel versante meridionale di Poggio Ombricolo, che guarda 
verso l'Edificio del Piombo, sui pressi del Fontanile, si trova 
un piccolo affioramento di minerale di ferro. È da notarsi che 
il calcare soltanto nelle vicinanze immediate di questo piccolo 
affioramento si fa distintamente cristallino, mentre a poca di- 
stanza non lo è più. Il minerale di ferro è costituito da ma- 
gnetite, minerale questo che sembra piuttosto raro nei giacimenti 
metalliferi della Tolfa ; qui soltanto si osserva fra i tanti affio- 
ramenti maggiori o minori delle vicinanze. Il Ponzi (*) cita questo 
minerale fra quelli della Tolfa, senza indicarne la precisa loca- 
lità, il Lotti non ne fa cenno. La magnetite è in massa com- 
patta o in cristalli (110). Intimamente uniti alla magnetite, 
in mezzo alla massa di essa, nelle spaccature che essa presenta 
fra cristallo e cristallo, si trovano dei cristalli rombododecae- 
drici più grandi di quelli di magnetite (fino a 3 mm. di dia- 
metro) di color giallastro colofonia piuttosto chiaro, che a prima 
vista non lasciano dubbio trattarsi di granato, delle lamine o 
aggregati laminari o anche dei cristalli assai imperfetti di woU 
lastonite e scarsi granuli di quarzo. 



{>) Loc. cit. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCB METAMORFICHE DBI DINTORNI DI TOLFA 286 

Molti dei cristalli con la fonna e l'aspetto del granato, esa- 
minati più accoratamente, non mostrano le proprietà fisiche di 
qaesto minerale; infatti hanno una durezza assai minore (di poco 
superiore a 4) e mostrano una lucentezza piuttosto perlacea; 
pochi soltanto, e questi sono di un color colofonia più scuro, 
hanno tutte le proprietà fisiche del granato. I cristalli poi per 
la maggior parte, quando sono spezzati, mostrano il loro interno 
poco omogeneo. Dal complesso di questi fatti sorge l'idea che 
si tratti di una psendomorfosi in seguito ad alterazione subita 
dal granato. 

Per accertarmene ho fatto eseguire da un abile preparatore 
delle sezioni sottili di qualcuno di questi cristalli alterati e sono 
ricorso a qualche saggio chimico, per avere una riprova dei 
risultati dell'indagine ottica. 

Taluni di questi cristalli presentano la parte intema costi- 
tuita di vero granato poco o punto alterato, che in sezione si 
presenta incoloro o lievemente giallognolo. Mostra caratteristico 
e spiccatissimo il fenomeno delle anomalie ottiche. Il tipo di 
struttura cui sembra appartenere è quello che il Klein C) chiamò 
tipo rombododecaedrico, e presenta delle plaghe isotrope alter- 
nate con lamelle birifrangentì disposte in modo del tutto simile 
a quello raffigurato nella tavola XIII, fig. 3 del classico trat- 
tato del Bosenbusch (*). 

In molti cristalli si ha uno strato estemo, talora ridotto ad 
nna sottile pellicola, talora più o meno spesso, di minerale pseu- 
domorfo, e con tutti i gradi di passaggio si giunge a delle se- 
zioni che, pur conservando il con tomo proprio di quelle di gra- 
nato, sono costituite assolutamente da esso minerale pseudo- 
morfo. Questo si presenta incoloro per trasparenza e mostra nel 
suo intemo una minuta e completa difi'usione di piccolissime 
particelle di limonite, il che spiega il colore giallo che esso 
mostra all'esame esterno. La birifrangenza pare discretamente 
«levata, ma bisogna tener conto che le sezioni non furono po- 
tute ottenere sottilissime, dato lo stato di alterazione del ma- 



(*) Klein C , Optische Studien am Granai* Neues Jahrbuch f. Min. 
<3e«l. und Pai , 1883, I, 87-163. 

(*) H. Rosenbusch, Mikr. Phys., Band I, Stuttgart, 18f)2. 



Digitized by VjOOQIC 



286 F. MIIXOSEVICH 

teriale, il che influisce qaindi sai tono dei colori d'interferenza. 
La sfaldatura è assai distinta, talvolta con un sol sistema di 
linee parallele, talvolta con due incrociantisi fra di loro con 
angolo spesso abbastanza ampio. Quando vi è un sol sistema 
di linee, l'estinzione è perfettamente parallela ad esse ; quando 
invece ve ne son due, l' estinzione è notevolmente inclinata ri- 
spetto ad esse. 

I suesposti caratteri possono lasciar dubbio solo fra wolla- 
stonite ed epidoto, perchè, come sopra ho detto, i colori di in- 
terferenza sono abbastanza alti in causa della non grande sot- 
tigliezza delle sezioni. Per togliere questo dubbio, ho scelto dei 
cristalli di granato quasi del tutto trasformati e ne ho trattata . 
la polvere con acido cloridrico a caldo ottenendo rapida e com- 
pleta gelatinizzazione della massima parte di essa; carattere 
chimico questo, che, come è noto, è proprio della wollastonite 
e non dell'epidoto. 

È degno di nota che in alcune sezioni, che presentano una 
completa trasformazione del granato, gli individui cristallini di 
esso, che in origine costituivano quel tipo di struttura che Klein 
chiamò rombododecaedrico, sono sostituiti da altrettanti indivi- 
dui cristallini di wollastonite orientati con le tracce delle loro 
sfaldature principali parallelamente ai lati della sezione esago- 
nale del cristallo primitivamente di granato. 

Il modo con il quale essa si presenta, i graduali passaggi 
che si possono seguire da cristallo a cristallo, dimostrano che 
si tratta realmente di una pseudomorfosi dì wollastonite su gra- 
nato, prodottasi in seguito ad alterazione di questo. Questa pseu- 
domorfosi, per quanto almeno risulta dalle mie ricerche, sarebbe 
nuova; non ne parlano infatti nei loro trattati generali né il 
Blum (^), né il Roth (*), e non ne ho trovato cenno in pubbli- 
cazioni posteriori. 

Una tale alterazione del granato non è strana, anzi é del 
tutto prevedibile. Esso, probabilmente in origine del tipo cal- 
cico ferrico, avrebbe perduto l'ossido ferrico, trasformatosi in 



C) Blum, Die Pseudomorphosen des Mineralreicha. Stuttgart, 1843; 
nebst vier Nachtràgen, 1847, 1852, 1863, 1879. 

(') Roth J., Allgemeine ttnd chemische Geologie. Berlin, 1879. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCK METAMORFICHE DEI DINTORNI DI TOLFA 287 

limonite, di cui è ricco il campione, e che si trova anche inter- 
posta, come dissi, in sottile diffusione in mezzo alla massa della 
wollastonite pseadomorfa. 

Aggregati laminari o cristalli allungati, appiattiti, assai im- 
perfetti, di wollastonite, in cai è dato peraltro riconoscere le 
forme predominanti jlOO! |00l{ e forse jlOll si trovano qnà e 
là nelle spaceatare della massa di magnetite e fra granato e 
granato. Qaesta wollastonite^ è bianchiccia, opaca, con scarsa 
lucentezza, e piuttosto aiterata. 

Consimili associazioni di granato giallo e wollastonite sono 
state descritte dallo Strttver (*) fra i proietti vulcanici dei vul- 
cani Sabatini trovati ad E. del lago di Bracciano ('). 

È da notarsi inoltre nel piccolo affioramento di minerale 
di ferro di Poggio Orabricolo, che il granato in alcuni casi 
racchiude magnetite, mentre in altri casi si trova racchiuso 
nella magnetite compatta, il che fa arguire che i due minerali 
si sieno formati contemporaneamente; qui, come ad Arendal, 
come nel Banato e in molti altri giacimenti, il granato fa da 
ganga al minerale di ferro. La wollastonite tutta invece, quella 
pseudomorfica e quella in forma propria, mostra di essersi for- 
mata successivamente. 

O) Striiver G., Contribuzioni alla mineralogia dei vulcani Sabatini. 
Parte I. Sui proietti minerali vulcanici trovati ad E, del lago di Brac- 
ciano. Memorie R. Acc. Lincei, Ser. IV, voi. 1, 1885. 

(^) Del granato giallo di Anguillara, descritto dallo Striiver nel 
«opracitato lavoro, ebbi occasione di eseguire un'analisi, che riporto qui 
sotto, benché incompleta, essendo tutto il ferro stato determinato come 
Fe^ 0^ Questa analisi fu da me comunicata al prof. G. de Angelis 
d'Ossat, il quale Tha pubblicata nella sua memoria intitolata: La Geo- 
logia avicola e le rocce della provincia di Roma e di Perugia, Bollet- 
tino del Naturalista, Siena, 1901-1903. 

Ecco i risultati deiranalisi: 

Si 0« 39,53 
Al«03 16,02 

Ca 28,65 
Un tr. 
Perdita cale. 0,44 

~99,33 



Digitized by VjOOQIC 






288 F. HILL08BVICH 






Ed ora mi sia permessa qualche considerazione intomo al- 
l'origine delle rocce metamorfiche suddescritte. 

Il Ponzi attribai il metamorfismo dei calcari eocenici della 
Tolfa all'azione di contatto delle rocce trachitiche. Il Lotti 
giustamente non è di questo parere, e perchè le rocce effusive 
dì solito non producono modificazioni importanti sopra quelle 
sedimentarie, su cui si espandono, e perchè alla Tolfa l'alte- 
razione delle rocce sedimentarie nella immediata vicinanza di 
quelle eruttive è minima o nulla. Tale osservazione posso pie- 
namente confermare: ho seguito, dove mi fu possibile, il con- 
tatto fra la roccia vulcanica e il calcare, ed ho notato che l'u- 
nica modificazione, del resto poco importante, che esso presenta 
presso questo contatto, è la trasformazione in una roccia di 
aspetto breccioide variamente colorata, del tutto simile alla 
cosidetta pietra paesiwi; tale trasformazione si presenta spic- 
cata in uno stradello sotto la Madonna della Sughera, sulle 
pendici della valle del fosso di S. Lucia, e nelle vicinanze 
della Tolfaccia, altra massa trachitica che spunta fra le rocce 
sedimentarie al S. di Tolfa 

Il Lotti per spiegare l'origine dei calcari metamorfici, ri- 
tiene (') € che la trachite della Tolfa sia, come quella con- 
temporanea di Campiglia Marittima in Toscana, in correlazione 
con masse granitiche sotterranee, e che queste siano la causa 
del metamorfismo e delle manifestazioni metallogeniche ... ». E 
altrove (•), sempre al medesimo proposito, egli scrive: «È de- 
gno di nota il fatto, che dentro l'area metamorfica nel fondo di 
wxt burrone presso la massa ferrifera della Boccaccia, a due 
chilometri dal margine meridionale della coperta trachitica, e 
nel fosso della Granassa, a pochi metri dal margine stesso, af- 
fiorano per brevissimo tratto dei filoni di una roccia porfirica 
piritosa, a grossi cristalli di feldspato ortose, avente dei carat- 
teri intermedi fra la trachite della massa effusiva ed un porfido. 



(') 7 giacimenti metalliferi della Tolfa^ ecc. {loc, cit.) pag. 10. 
(*) 1 depositi dei minerali metalliferi , . . (toc. cit.\ pag. 67. 



Digitized by VjOOQIC 



ROCCE METAMORFICHE DEI DINTORNI DI TOLFA 28^ 

Questi filoni sono incassati fra gli strati eocenici, ed è proba- 
bile che stiano a rappresentare delle intrusioni dipartitesi da 
una milssa granitica esìstente in profondità sotto l'area meta- 
morfica e metallifera, alla quale roccia eruttiva sarebbero do- 
vuti e i fenomeni di contatto suindicati, e i depositi metalli- 
feri ». 

La mia modesta opinione, formatasi con accurate e numerose 
visite a tutti i punti della zona in questione, durante il mio 
soggiorno piuttosto lungo a Tolfa, si accorda con quella del 
Lotti nelle linee generali. Soltanto in un particolare non sarei 
d'accordo con lui, e ne espongo le ragioni cosi alla buona, e, 
per quel che possono valere, senza pretendere certo di risol- 
vere definitivamente una questione, sulla quale ebbe a pronun- 
ziarsi un geologo ben più di me competente: a far ciò sono 
spinto anche dal desiderio di far notare ancora una volta, come 
anche l'esame di minute particolarità mineralogiche possa tal- 
volta portare qualche luce e qualche contributo alla soluzione 
di problemi geologici importanti. 

A me pare, che l'esistenza di una massa granitica profonda 
sottostante alle rocce vulcaniche di Tolfa e Allumiere, trachiti- 
andesitiche secondo Siva (^), toscaniti secondo Washington f), 
non sia sufficientemente provata. Ho raccolto anch'io, infatti, 
presso il fosso della Ganassa, a poca distanza dal margine me- 
ridionale della massa di rocce vulcaniche, qualche campione 
di quella roccia a grossi cristalli di feldspato ortose, cui ac- 
cenna il Lotti nel passo citato. La roccia è molto alterata, ric- 
chissima di ossidi di ferro, e poco si presta ad esatte osserva- 
zioni microscopiche, ma ad ogni modo queste osservazioni, se- 
condo me, non lasciano dubbio che si tratti semplicemente di 
una varietà di trachite alterata per trasformazione in alunìte, 
della quale alterazione si trovano frequenti esempi in tutta la 
regione di Tolfa e Allumiere, che furono descritti dal Riva 
nella sua memoria sopra citata. La massa fondamentale è tra- 



(^) Riva Carlo, Osservazioni trulle trachitiandesiiiche delia Tolfa. 
Atti Soc. Ital. scienze uat , voi. 37. Milaoo, 1898. 

{•) WashÌDgton, Jtalian Petrological Sketches TJL Jounial of Geo- 
logie, voi. 5, 1897, pag. 34. 



Digitized by VjOOQIC 



'293 P. MÌLL08BVICH 

sformata in alunite mista a granali dì quarzo, gli interclusi 
di sanidiuo e quelli di pirosseno e biotìte sono molto alterati, 
mentre quelli di plagioclasio sono abbastanza freschi. Tali ca- 
ratteri corrispondono a quelli dati dal Biva per molte tracbiti 
alterate per formazione di alunite. Per accertarmi della pre- 
senza di questo minerale, ho semplicemente riscaldato al calor 
rosso la polvere della roccia ed, in seguito a lisciviazione della 
massa, ottenni qualche piccolo cristallo di allume. 

Per di più, dato che esistesse sotto le rocce effusive una 
massa granitica, sarebbe molto probabile di trovarne frammenti 
fra gli inclusi della trachite; il Riva, che si occupò anche di 
•questo argomento, non parla di inclusi di tal fatta. Peraltro, 
per la verità debbo osservare che il detto autore descrive in- 
clusi di rocce estranee alla trachite (enelaves enallogènes) di spe- 
cialissima costituzione mineralogica sulla cui origine egli non 
si pronuncia, ma che sembrano essere frammenti di rocce me- 
tamorfosate. 

Mi sembra inoltre, che, per rendersi conto della origine delle 
rocce metamorfiche in questione, si debba fissare l'attenzione sui 
seguenti punti principali: 

l*" Le maggiori modificazioni del calcare si hanno soltanto 
nella immediata vicinanza dei depositi ferriferi: ho già fatto 
osservare, che le rocce a granato, o formano addirittura il tetto 
dei depositi di limonite e di altri minerali di ferro come al 
Monte della Boccaccia, o sono con essi in immediato contatto, 
€ome al Passo della Carriola, a Pian Ceraso e all'Edificio del 
Ferro. In tutte le altre località dove il calcare si mostra più 
o meno cristallino è attraversato da venuzze di solfuri metallici 
(galena, blenda, cinabro, calcopirite e specialmente pirite) o per 
lo meno mostra nel suo intemo una gran «fiffusione di piccoli 
cristalli di essi solfuri. Per di più l'alterazione è puramente lo- 
cale e, dove non vi ha traccia di manifestazioni metallogeniche 
anche minime, il calcare è compatto e poco o punto alterato. 
In una parola il metamorfismo del calcare è assai diffuso, ma 
non generale ed esteso, come appunto assai diffuse, ma di mi- 
nima entità sono in questa zona le manifestazioni metalloge- 
niche più svariate. Dove queste assumono maggior importanza, 
come alla Cava Grande per i solfuri, e nelle altre località so- 



Digitized by VjOOQIC 



RUCCS MRTAMORFrCHB DRI DINTOIINI DI TOLFA 291 

praindicate per il nìinerale di ferro, qui anche le modificazioni 
del calcare hanno maggior estensione ed importanza. 

2'' Tranne il granato e in piccolissima qaantità l'epidoto 
e la woUastonite, che per giunta, almeno in parte, possono es- 
sere derivati da ulteriori trasformazioni del granato stesso, man- 
cano totalmente nelle rocce metamorfiche di Tolfa i più tipici 
minerali di contatto, come idocrasio, spinello, anfibolo, ecc.... 

3"" La presenza del granato, che si trova, come dissi, sol- 
tanto in relazione con i minerali di ferro, può essere semplice- 
mente spiegata con le azioni esercitate sul calcare dalle solu- 
zioni metallifere ferruginose, che, come è dimostrato per moltis- 
sime altre località, portarono appunto alla formazione di questo 
minerale C). E questo il modo più naturale possibile di spiegare 
la ricristallizzazione della calcite insieme col granato ed altri 
minerali, che diede origine alle perimorfosi descritte nella roc- 
cia del Monte della Boccaccia. 

Per concludere, mi sembra, che le modificazioni non troppo 
estese ne profonde delle rocce calcaree di Tolfa dipendano stret- 
tamente dalle manifestazioni metallogeniche. Sono d'accordo c^n 
il Lotti che l'estrazione metallifera non si fece direttamente dal 
magma trachitico effusivo, ma bensì in profondità; soltanto mi 
sembra che, finché non sia provata l'esistenza reale di una massa 
gi-anitìca sotto le trachiti-andesiticbe di Tolfa, sia più semplice 
ritenere che la paile più profonda del magma trachitico abbia 
dato origine e alle sostanze metallifere e agli agenti minerà* 
lizzatori. Ed invero frequenti sono gli esempi di giacimenti me- 
talliferi in relazione con rocce eruttive recenti del tipo di quelle 
di Tolfa. 

CatAnia, 28 maggio 1004. 

[ma. presentato il 80 maggio 1904 -uU. bozze 11 luglio 1904]. 

(0 Vedi a questo proposito i trattati generali sui giacimenti mine- 
rali e metalliferi e particolarmente quello dì Fuchs et De Launay, Traité 
de8 gites minéraux et mélallifères, Paris, 1893, voi. I, pag. 244-245. 



23 



Digitized by VjOOQIC 



I CALCARI DI S. GIOVANNI IN PIANO 
PRESSO APRICENA IN PROVINCIA DI CAPITANATA (^) 

Nota del dott. Giuseppe Checchi a -Rispom 



Il Pliocene sul Monte Gargano oltre ad essere rappresentato 
dal solito tnfo calcareo, generalmente dominante nelle Paglie, 
si presenta con calcari durissimi, ricchi specialmente di coralli. 
Questi calcari per i loro caratteri litologici furono sempre con- 
fasi con quelli cretacei circostanti. 

Essi, non molto sviluppati in estensione, si trovano ad 1 km. 
circa a destra della stazione di Apricena nelle due località di 
S. Giovanni in Piano e di Coppadora e costituiscono come un'isola 
attraverso ai terreni alluvionali recenti, elevantisi ad una quota 
di 140 metri sul livello del mare. 

I calcari durissimi compatti, sono per lo più rossastri o 
giallastri, talvolta biancastri, ed in qualche caso scuri o nerastri. 
Il Pilla chiamava nmrmo nero la varietà oscura di questo cal- 
care, utilizzato ancora oggi come materiale da costruzione, e lo 
paragonava inoltre a quello della Punta delle Pietre Nere (*). 

Noteremo qui che a S. Giovanni in Piano si riscontrano ab- 
bondantissimi pezzi, talora dì grandi dimensioni, di roccie erut- 



{*) Questa località, che prende il nome da un antico convento, del 
quale oggi non si osservano che pochi ruderi, erroneamente sulle carte 
topografiche del Genio militare è indicata col nome di S. Giovanni in 
Pane, Essa invece va denominata S. Giovanni in Piano, come si legge 
neiropera dello storico sanseverese Matteo Fraccacreta, « Teatro topo- 
grafico, storico, .. . della Capitanata», tomo I, pag. 187, Napoli, 1828. 

(*) Pilla L, Sopra una peregrinazione geologica sul Gargano e 
sui marmi di quella contrada, 2^ Rapporto. (Giornale degli Atti della 
Soc. Economica di Capitanata, voi. V\ 1839 40. 



Digitized by VjOOQIC 



I CALCARI DI S. GIOVANNI IN PIANO 293 

tive erratiche, disseminati nel terreno arabile, sino ad 1 km. 
dall'antico convento. L'ing. Viola del E. Ufficio geologico, che 
ha studiato queste roccie, vi ha in esse riscontrate alcune va- 
rietà del lamprofiro dioritico della Punta delle Pietre Nere Q)\ 
nonostante le mie ricerche non mi è stato possibile di riscon 
trare in posto le dette roccie. 

La stratificazione del calcare è evidentissima e gli strati 
spessi talora sino a due metri, formano una anticlinale. I fos- 
sili da me raccolti in detto calcare e determinati sono i se- 
guenti : 

1. miocnlina intertnedia Forn. 

2. EobuUna simplex d'Orb. 

3. Cladocora caespitosa L. sp. 

4. Fluhellum extesum Michn. 

5. » avicida Michn. 

6. » solidum Seg. 

7. Dendrophyllia cornigera De Blainv. 

8. Ceratotroctms duodecimcostatus Goldf. 

9. Terebratuliìia caput-serpefitis L. sp. 

10. Miihlfetia trunaita Gml. sp. 

11. Ostrea lamellosa Br. 

12. Pecten jacobeus L. sp. 

13. Chlamys opercularis L. sp. 

14. » Bruei Payr. sp. 

15. Amussium cristatimi Brn. sp. 

16. Lucina (Loripes) leucoma Turt. 

17. Clavagella hacillaris Desh. 

18. Dentalium (Antale) dentale L. 

19. AstraUum (Bolma) rugosum L. sp. 

20. Calliostoma exasperatt4S Penn. sp. 

21. Erato laevis Don. 

22. Serpula sp. 

23. Odontnspis cuspidata Ag. 

(*) Viola C, Le roccie eì^ttive della Punta delle Pietre Nere in 
provincia di Foggia, (Boll. R. Com. Geol. d'Italia, voi. XXV), 1894. 



Digitized by VjOOQIC 



294 G. CHKCCIIIA-Ul.Sl'OLI 

Non si osserva su quale altra roccia riposino questi calcari, 
essendo essi circondati da terreni alluvionali; ho trovato però 
un lembo di ((uesta stessa formazione fossilifera, a qualche chi- 
lometro di distanza, ai piedi del Gargano nella Regione Fore- 
sta presso il Convento di Stignano, a sinistra della rotabile 
S. Severo - S. Marco in Lamis. Essa poggia sui calcari dolo- 
mitici creduti cretacei, e sottostà a dei conglomerati molto svi- 
luppati in quella regione. Questi conglomerati, raggiungenti 
talora una potenza di circa 80 metri, secondo hanno osservato 
il Viola ed il Cassetti, e come ho potuto osservare anch'io, ini- 
ziano sui luoghi il Post-pliocene, e vanno a sottomettersi ad altri 
depositi più recenti, costituiti dalle argille e sabbie sciolte lauto 
sviluppate nel Tavoliere pugliese (*). 

Dal Laboratorio di Paleontologia del R. Ufficio Geologico. 
Roma, giugn^o 1904. 

[ms. presentato il 4 giugno 1904 - ult. bozze 80 luglio 1904]. 

(^) Viola e Cassetti, Contributo alia geologia del Gargano (Boll. 
R. Com. Geol. d'Italia, voi. XXIV), 1893. 



Digitized by VjOOQIC 



OSSEKVAZIONI GEOLOGICHE 
LUNGO LA VALLE DEL FORTORE IN CAPITANATA 



Nota del dott. Giuseppe Checcuia-Rispoli 



I depositi miocenici appenninici discretamente sviluppati in 
Capitanata non sono che la continuazione di quelli delle limitrofe 
Provincie di Campobasso e di Benevento, i quali alla lor volta 
si connettono alla formazione miocenica di altri punti del ver- 
sante adriatico dell' Appennino meridionale. 

Questi depositi si estendono da una parte e dall'altra del 
fiume Fortore e sono compresi approssimativamente nel perimetro 
formato dai paesi di S. Elia Pianisi (m. 666), Macchia Val- 
fortore (m. 477), Pietracatella (m. 725), in provincia di Campo- 
basso; Colle Sannita (m. 748), Baselice (m. 600), S. Bartolomeo 
in Galdo (m. 550), in provincia di Benevento, sulla sinistra del 
Fortore: da Celenza (m. 480), Carlantino (m. 558), in provincia 
di Capitanata, sulla sua destra. 

Questa formazione si stende in modo discontinuo sulla sot- 
tostante eocenica, molto più sviluppata in Capitanata, ed è rico- 
perta dalle argille plioceniche, come si può osservare presso 
Celenza Valfortore. I sedimenti miocenici si elevano ad una 
quota di oltre 700 m. sul livello del mare e possono presentare 
una potenza di circa 500 metri. 

II Miocene è costituito da calcari teneri, marnosi, spesso 
sabbiosi e passanti a sabbie sciolte e ad arenarie marnose tenere, 
oppure quarzose e tenaci. La colorazione di esse è generalmente 
grigia grigio-giallastra, e talora rossastra per la riduzione dei 
sali di ferro, di cui è ricca Tarenaria. Arenarie e calcari teneri, 
che si presentano senza apparenti traccio di stratificazione, sono 
discretamente fossiliferi: in essi abbondano i pettini, le ostriche 



Digitized by VjOOQIC 



296 G. CHKCCHIA-RISPOLI 

e i brachiopodi; l gasteropodi, tutti mal conservati, non sono 
determinabili che genericamente. I forami nif eri sono rappresen- 
tati dal gen. Amphistegina, 

I fossili, in base ai quali è stato fatto il riferimento crono- 
logico, provengono da una medesima località, sita nella regione 
Valva, che trovasi a S.-E. di Celenza Valfortore, sulla destra 
del fiume. 

L'elenco delle specie è il seguente: 

1. Terebratula sinuosa Br. 

2. Ryncìiùnella pUcato dentata Costa var. Taurosim- 

plex Sacco. 

3. Ostrea lamellosa Broc. 

4. » cochlear Poli. 

5. Chlamys scahrella Lmk. 

6. » miocenica Micht. 

7. » cfr. pesfelis L. 

8. Amussium cristatiim Brn. 

9. Pecten losslingi Eichw. 

10. » revolutus Micht. 

11. » Besseri Andiz. 

12. » Reghiensis Seg. 

13. Anomia ephippium Lmk. 

14. Isocardium cor L. 

15. Mactra triangula Ben. 

16. Fectunculus obttisatm Partsch. 

17. Turritella vermicularis Br. 

18. JBalanus tulipiformis Ellis. 

Dairelenco delle specie ora dato, risulta evidente un certo 
carattere di gioventù impresso alla formazione in esame da alcune 
di esse (Cklamis pes-feliSy Pecten Beghiefisis), le quali finora sono 
state trovate solamente nel Pliocene; ma, dall'altra parte, dob- 
biamo constatare una maggioranza di specie, le quali sono rite- 
nute esclusive del Miocene {Chìamys miocenica, Pecten losslingi, 
P, revolutm, P. Besseri, Pectuncuhis ohtusattts, ecc.) e comuni 
più specialmente nei vari livelli del Miocene medio. Queste 
forme, in genere particolari della regione mediterranea, carat- 



Digitized by VjOOQIC 



OSSERVAZIONI LUNGO LA VALLE DEL FORTORE 297 

terizzano molti giacimenti del Miocene medio dell'Italia, nel 
quale noi comprendiamo pure il Tortoniano, come i depositi 
della Collina di Torino, di Vignola, Baldissera, Sciolze, Cinzano, 
Albugnano, Serravalle, Scrivia, ecc., in Piemonte; quelli di Ba- 
selice in provincia di Benevento; dei dintorni di Reggio Cala- 
bria, della Sardegna, di Centuripe in provincia di Catania, ecc. 
Però, se questo fatto basta ad escludere T appartenenza della 
formazione in esame al Pliocene, per altro insistiamo nel far 
notare che tutto l'insieme della fauna da noi citata, sta ad in- 
dicare un livello molto alto del Miocene medio, e di mare poco 
profondo; precisamente a poca distanza si presenta l'Elveziano 
fossilifero di Baselice, illustrato dal dott. Patroni (*). 

Dal Laboratorio di Paleontologia del R. Ufficio Geologico. 
Boma, maggio 1004. 

[ms. presentato il 4 giugno 1904 - ult. bozze 30 luglio 1904]. 

(*) Patroni , Fossili miocenici di Baselice in provincia di Bene- 
vento (Atti R. Acc. di Se. fis. e raat. di Napoli, voi. V, ser. 2", n*" 12), 1893. 



Digitized by VjOOQIC 



IL MIOCENE NEI DINTORNI DI CAGNANO- VARANO 
SUL GARGANO. (CAPITANATA) 

Nota del doti. Giuseppe Checchia-Rispoli 



Tatti coloro che hanno illustrato il Monte Gargano dal punto 
di vista geologico, non hanno mai indicato la presenza di ter- 
reni miocenici su quel promontorio. Rilevando nella scorsa estate 
parte di quella regione, per incarico avuto dalla Direzione della 
Carta geologica, nei dintorni di Cagnano- Varano e propriamente 
in regione S.* Marena ad est dell' abitato, mi è stato dato di 
segnalare la presenza di una formazione, che per la roccia da 
cui è costituita e per i fossili, nulla ha di comune con quelle 
circostanti, con le quali era confusa e riferita al Giurassico. 

Non ho potuto percorrere tutta la formazione e segnarne i 
limiti: essa certamente non è molto sviluppata, avendo incon- 
trato a breve distanza tutto all'intorno i calcari ippuritici, e 
mostra una potenza di circa 50 metri o poco più, come si può 
osservare lungo la valle del torrente Mortaro. 

La stratificazione di tale sedimento e oscurissima: e si tratta 
di un calcare grossolano, brecciforme, disgregabile, di color leg- 
germente roseo e non di rado gialliccio, costituito essenzialmente 
da grosse bivalvi. I fossili, generalmente di grandi diniensioni, 
sono ridotti in frantumi riuniti dal cemento calcareo poco coe- 
rente. Dal carattere di questa roccia si deduce subito che si 
tratta di una formazione di carattere littorale, il che e anche 
confermato dalle specie che vi si trovano, come e dimostrato 
qui appresso. 

Non possiamo affermare se questa breccia conchigliare sia 
proprio quella indicata da G. 0, Costa nella Paleontologia del 



Digitized by VjOOQIC 



IL MIOCENE NEI DINTORNI DI GA6NANO-VARANO 299 

Begno di Napoli (^). Di questa formazione il suddetto autore 
cita e figura un esemplare di Goìiiatites garganicus (*), che il 
Montagna riporta poi anche in un suo lavoro (^) ; a dover giu- 
dicare dalle figure questa specie indubbiamente è una Aturia. 
Anche il Guiscardi C) fsi, menzione di una Aturia zig-zag, pro- 
veniente da una breccia rossa del Gargano; ma la figura sche- 
matica, che l'autore ne dà, paragonata con esemplari veri di 
Aturia Aturi Bast., sembra corrispondere molto più a quest'ul- 
tima. Alziamo riportato queste notizie, senza che per altro pos- 
siamo dare ad esse un grande valore, per la mancanza di dati 
più precisi riguardo alle località, dove detti fossili furono rin- 
venuti. 

Certo la roccia in esame non deve essere litologicamente 
molto differente da quella descritta dal dott. Dainelli nella parte 
meridionale del Capo di Santa Maria di Leuca e riferita dal 
suddetto autore alla ^ parte bassa del Miocefie medio, cioè al 
Langhiano di Mayer e di Pareto (^) ». 

La località da cui abbiamo riportato la maggior parte dei 
fossili si trova presso la fontana del paese di Cagnano; dalla 
roccia, oltre a moltissimi frammenti di molluschi, determinabili 
però solo genericamente, siamo riusciti ad estrarre i seguenti 
fossili : 

1. Ostrea crassicostata Sow. 

2. Chlamys Besscri Andrz. sp. 

3. » Tournali De Serr. sp. 

4. Tapes sp. 

5. Liitraria elliptica Lmk. 

6. Mactra triangola Rcn. 

7. Natica (Naticina) hdicina 13r. sp. 

(*) Costa G. 0, Paleontologia del Begno di Napoli, 1854-56. 

(») Costa G. , loc. cit, tav. 10, fig. 2-3. 

(3) Montagna C, Generazione della Terra metodicamente esposta con 
nu vi princf'pii di Geologia, p. 295, tav. XLVIII, lìg. 8, 1S64. 

(^) Guiscardi G, Sul genere Aturia (Bronn). Rcnd. della R. Acc. di 
Se. Fis. e Mat. di Napoli, fase. 11, 1865. 

(^) Dainelli G., Appunti geologici sitHa parte vieridionale del Capo 
di Leuca (Boll. Sue. Geol. Ital., voi XX, fase. IV), 1901. 



Digitized by VjOOQIC 



300 G. CHECCHIA-RISPOLI 

8. Turritella cfr. terébralis Lmk. 

9. » turris Bast. 
10. Balanus concavtis Brn. 

Questa pìccola associazione di specie, dalla quale ho dovuto 
toglierne varie altre, perchè di molta cattiva conservazione, ìndica 
la presenza del Miocene medio, nel quale intendiamo compren- 
dere anche il Tortoniano. Il carattere delle specie, grandi e 
robuste, nonché quello della roccia che le ingloba, che è una 
vera breccia conchigliare, indicano che qui si tratta di un sedi- 
mento littorale del Miocene medio. 

La constatazione della presenza del Miocene sul Gargano, 
mentre porta un modesto contributo alla conoscenza geologica 
di quell'interessante promontorio, viene anche a modificare in 
parte alcune ipotesi riguardo alla storia geofisica di quella pe- 
nisola. Si è detto che nel periodo miocenico il Gargano avesse 
già una configurazione ed una elevazione corrispondente all'at- 
tuale, e che d'allora sino ad oggi su di esso abbia dominato un 
regime continentale (^). Però la constatazione da noi fatta del- 
l'esistenza di sedimenti miocenici e pliocenici, elevantisi talora 
ad una quota dì oltre 250 metri sul livello del mare, provano 
il contrario e vengono a modificare in parte le idee dianzi state 
emesse. 

Dal Laboratorio di Paleontologia del R. Ufficio Geologico. 
Roma, aprile 1004. 

[ma. pres. il 4 giugno 1904 - ult. bozze BO luglio 1904], 

(') Tollini A., Osservazioni geologiche sulle Isole Tremiti e sulVIso^a 
Pianosa nelV Adriatico (Boll. R. Cora. Geol. (Vltalia, serie III, voi I), 1890. 



Digitized by VjOOQIC 



UNA LIMA NUOVA ED UNA PINNA 
NEL MUSCHELKALK DI RECOARO 



Nota del dott. A. Tommasi 



Dalla cortesia dell'egregio dott. Domenico Dal Lago di Val- 
dagno, appassionato cultore degli studi geologici, mi fu comu- 
nicata Tanno scorso, perchè la determinassi, una collezione ab- 
bastanza copiosa di fossili del calcare conchigliare di Recoaro. 
Vi figuravano gastropodi, lamellibranebi, bracbiopodi e qualche 
raro crinoide, tutti appartenenti a specie di già conosciute. 

Però tra quel materiale due forme attirarono più delle altre 
la mia attenzione: un frammento, che giudicai di Pinna, ed 
una Lima, che, li per li, ritenni appartenere alla L. striata^ 
Schlt: ma che poi, in seguito ad un esame più accurato, mi 
persuasi dover essere distinta dalla L. striata, e considemta in- 
vece come una specie a sé. 

Particolare interesse offre il frammento di Pinna per la ra- 
gione che in addietro questo genere era affatto sconosciuto alla 
fauna del Muschelkalk: ò solo a lamentarsi che Terosione lo 
abbia un po' guastato e che vi manchi tutta la parte apicale. 

Il genere Lima contava già nel calcare conchigliare più di 
una specie ; per cui l'aggiungerne al novero una di più è cosa 
di ben lieve momento. Potrebbe piuttosto riuscire molto oppor- 
tuno un confronto tra i varii esemplari di Lima del Muschelkalk, 
specialmente alpino, già determinati, come L. striata, e questa 
altra Lima, che io ritengo nuova ; poiché m'è sorto il dubbio che 
forse qualche Lima, che fino ad ora passò per L. striata, sia 
invece da riferire alla specie, in cui mi sono ultimamente im- 
battuto. 



Digitized by VjOOQIC 



302 A. TOMMASI 

Biguardo al luogo di rinvenimento delle due nuove forme, 
ecco quanto mi comunica l'egregio dottore, che le raccolse: « La 
» località precisa, ove le ritrovai, è la Centra Riva sulla destra 
» del toiTente Agno, presso S. Quirico. Questo giacimento fossili- 
» fero, da me scoperto, è di gran lunga superiore per ricchezza 
» a tutti gli altri ed appartiene al Muschelkalk medio (orizzonte 
it d^ C. trinodostis) (^), che sottostà immediatamente al Muschel- 
» kalk superiore, (calcare del Monte Spite) ». 

Dopo di che passo a descrivere i due petrefatti, non senza aver 
prima espresso al sig. dott. Dal Lago i più vivi ringraziamenti pel 
favore fattomi col mettere a mia disposizione parte del mate- 
riale paleontologico, che egli con tanto amore raccoglie e con- 
serva. 

Lima (Radala) Taramellii n. sp. 
(Tav. Vili, fig. 1, la, 2). 

Conchiglia obliquamente ovale, non molto rigonfia, più alta 
che larga. Gli umboni sono prominenti, adunchi, quasi contigui. 
Il lato anteriore, incompleto, obliquo, accenna ad essere stato 
quasi rettilineo; il posteriore, invece, arcuato. Il margine car- 
dinale è assai mal conservato; invisibile la fossetta legamentare. 

Delle orecchiette l'anteriore è molto breve, la posteriore circa 
doppia in lunghezza dell'anteriore. Dinnanzi e sotto agli umboni 
esiste una depressione lunuliforme larga e poco profonda: in 
fondo a questa un'apertura per l'uscita del bisso. 

La superficie è ornata da circa 50 coste, che iiTaggiano 
dall'umbone verso il margine pallealc, e sono separate da spazi 
intercostali larghi poco più del doppio della larghezza delle coste. 
Queste sono tondeggianti sul mezzo del dorso e tendono a farsi 
acute sulla regione anteriore e posteriore delle valve. 

Gli spazt intercostali nel primo terzo dell'altezza delle valve, 
a partir dall'umbone, sono percorsi da strie trasversali concen- 
triche, molto arcuate, che, meno pronunciate, accavalcano anche 
le coste; nei due terzi inferiori queste strie trasversali si obli- 



(^) Anche la Carta dei dintorni di Recoaro del prof. dott. A. Tom- 
quist (A. TornquiBt. Daa Vicentinische Triaagebirge, Stuttgard, 1901), 
fornisce le stesse indicazioni riguardo alla località. 



Digitized by VjOOQIC 



UNA LIMA NUOVA BD UNA PJNNA NEL MUSCHELKALK 308 

terano e compaiono negli spazi intercostali delle costello fili- 
formi, il cui numero aumenta quanto più si accostano al margine 
l>alleale, ove in ogni spazio intercostale se ne possono contar^ 
perfino quattro trasversalmente percorse da sottilissime strie di 
accrescimento. Presso il margine palleale le coste principali 
assumono un aspetto embriciate. Né le coste, ne le costello non 
aumentano mai per divisione. Qua e là nella metà inferiore 
delle valve si notano alcune marcate lamelle d'accrescimento. 

Due esemplari entrambi non completi, di cui uno colle due 
valve, l'altro colla sola valva destra. 

Loc. Centra Elva, presso S. Quirico. 

Delle varie specie di Lima note nel Muschelkalk alpino 
quella, cui più si avvicina la specie ora descritta, è certamente 
la L, (Radula) striata v. Schlth. Da questa però differisce e 
per la larghezza degli spazi intercostali (che nella L. striata 
V. Schlth. eguaglia la larghezza delle coste, mentre nella no- 
stra specie ne è doppia) e per la presenza, negli intervalli delle 
coste, di numerose costello filiformi, delle quali non fanno alcun 
cenno gli autori, che descrissero o figurarono, od insieme de- 
scrissero e figurarono la L. striata dallo Schlotheim (*), al 
Bronn («), al Goldfuss (') allo Schauroth {\ allo Seebach C^), 
al V. Alberti («), al Quenstedt Q\ al Koken ('). 

Lo Schauroth rileva bensì che gli individui di L. striata 
del Vicentino portano una particolare impronta locale e, spe- 



(') E. F. V. Schlotheim, Nachtràge zur Pectrefactenkunde, pag. 110, 
tav. XXXIV, i3g. la.&.c. Gotha, 1823. 

(') Bronn H. G., Lethcea gtognostica^ pag. 163, tav. XI, fig. 9a. 6.— 
Stuttgard, 1837. 

(3} Goldfuss A., Fetrefacta Germaniae IP, pag. 79, tav. 100, ^g. la, d, 

— Dusseldorf, 1840. 

(^) Schauroth K., Kritisches Verzeichniss der Versteiner: der Trias 
im Vicentinischen, (Sitzungsb. d. k. Akad. der Wissensch. in Wien. — 
Matem.-Naturw. CI. Bd. 34, pag. 310} tav. II, ^g, Sa.h). Wien, 1859. 

(^) Seebach K., Die Conchylien Fauna d» Weimar- Trias, pag. 84. 

— Berlin, 1862. 

(«) Alberti F., UeberhlicJc ueber die Trias, pag. 79 Stuttgard, 1864. 
(') Quenstedt A., Handbuch der Petrefactenkunde, pag. 774. Tiibin- 
gen, 1885. 

(^) Koken E., Die Leitfossilien, pag. 586. Leipzig, 1896, 



Digitized by VjOOQIC 



904 A. TOMMASI 

cialmente in quelli del calcare bernoccolnto, gli spazi interco- 
stali sono di larghezza abbondantemente doppia dì quella delle 
coste, ma non fa alcuna menzione di coste o costelle filiformi, 
che ornino quegli spazi intercostali. 

Sono sufficienti questi caratteri differenziali ad elevare a 
specie la nuova forma, o sono appena bastevoli a farla distin- 
guere come una varietà? Io rispondo affermativamente alla 
prima parte della domanda; ma ognuno intende come in siffatte 
questioni, oltre al valore degli argomenti, abbiano grandissima 
influenza sul giudizio gli apprezzamenti personali. Tant'è vero 
che, mentre gli autori dianzi citati tengono distinte AsàIslL. striata 
le altre specie L. lineata^ L, costata^ ed alcuni anche XkL, radiata^ 
TEck (vedi: TJeber die Formationen des Buntsandsteins und des 
Muschellcalks in Oberschlesien, pag. 52, 53 e 97. Berlin, 1865) 
considerava come varietà della L, striata la L. lineata e la 
L. radiata^ ed il Dunker (*), che pure distinse specificamente 
le tre Lima : striata, lineata e radiata, soggiungeva che « es ist 
tlbrigens bei den Limen des Muschelkalks ungemein schwierig 
anzugebeu was Art und was Varietàt sei ». 

Per le ragioni precedentemente esposte io concludo col rite- 
nere che la forma da me studiata non possa essere confusa colla 
Lima striata già nota, e che vi si debba invece vedere 
una nuova specie. 

Pinna Dal Lagoi n. sp. 
(Tav. Vili, ^g. 3, 3a, 36). 

Di questa forma non ho potuto esaminare che un solo fram- 
mento, al quale aderiscono pezzi d'entrambe le valve. Vi manca 
la regione apicale e non è completa quella frontale. Ambedue 
le valve presentano uno spigolo, lungo la linea mediana, ove si 
verifica il massimo rigonfiamento ed in corrispondenza al quale 
esse sono rotte. La sezione trasversale è ellittico-romboidale. 

Il guscio, parecchio eroso, si presenta ornato di pieghe ottuse, 
irregolari, che, partendo dal margine posteriore, descrivono un 

(*) Dunker, Ueber die im Muschelkalk von Oberschlesien bis jeU 
gefundenen Mollusken. Palseontogr., 1. Bd., pag. 290-1, Cassel, 1851. 



Digitized by VjOOQIC 



UNA LIMA NUOVA BD UNA PINNA VEL MU8CHELKALK 806 

arco a grande raggio, e vanno a finire al margine anteriore. 
Presso questo margine e ad esso parallele si notano le traccie 
di quattro eostelle longitudinali sulla valva destra: sulla sini- 
stra, che e più erosa, non se ne vedono a mala pena che due. 

Loc.: Contrà Riva presso S. Quirico. 

Le specie di Finna, fino ad ora note nel Trias alpino, sono: 

Pinna reticularis Ben. (*), della Dolomia principale di Storo, nel 
Trentino. 
Id, raibliana Par. (*), del Eaibl di Lombardia. 
Jd. Paronai Tom. O, del Raibl di Gamia. 
Id. spec. indet. Biltn. (^j, del S. Cassiano. 
Id. n. spec. Mrs. Ogilvie (^), raccolta presso Cortina d'Ampezzo. 

Con nessuna delle prime quattro specie la Pinna di Becoaro 
presenta la benché minima somiglianza e, sebbene non abbia 
potuto consultare lo scritto di Mrs. Ogilvie sulla Pinna n. spec, 
da essa raccolta presso Cortina d'Ampezzo, pure credo dì poter 
escludere che vi rassomigli, in base al referto di Bittner (vedi : 
Bittner A., Revision der Lamellibranchiaten v. 5" Cassian. 
Abhandl. d. k. k. geol. Reichsanst., Bd. XVIII, Heft. 1, p. 49-50) 
che « la superfìcie del guscio è scabra, finamente granulosa, colle 
strie d'accrescimento di egual grossezza e regolarmente equidi- 
stanti », caratteri che non si rilevano nella Pinna recoarese. 

Dal Museo di Geologia deUa R. Università di Pavia. 

[ms. presentato il 6 giugno 1904 - ult. bozze 27 luglio 1904]. 

(') Beneke E. W,, Geogn, PaUsont. Beiiràge: Ueber Trias undJura 
in d. Sùd'Aìpen, Miinclien, J865, pag. 159, tav. 2, iig. 9-10. 

(') Parona C. F., Studio Monografico della Fauna raibliana di Lom- 
bardia, Pavia, 1889, pag. 105, tav. Vili, fig. 11. 

(^) Tommasi A., Bivista della Fauna raibliana del Friuli, Pag. 32, 
tav. II, fig. 10 a, 6, e. (Negli Annali del R. Istit. Tecnico di Udine, 
Ber: II, anno Vili, Udine, 1890). 

(*) Bittner A., Lamellibranchiaten der alpin. Trias. Revision der 
Lamellibranchiaten v. S^ Cassian. Abhandl. d. k. k. Geol. Reichsanst., 
Bd. XVIII, Heft. 1, pag. 49, tav. V, fig. 15-16. 

(5) Mrs. Ogilvie, in Quart. Journ., 1893, voi. 49, pag. 53. 



Digitized by VjOOQIC 



H06 A. TOMMASI 



. SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA Vili. 



Fig. 1, la. Lima (Radula) Tarameìlii n. sp. 

» 2. Porzione della parte dorsale della medesima specie ingrandita 
del doppio. 
- > 3. TMnna Dal Lagoi n. sp. (valva destra) 

» 3a.. » » ( » sinistra). 

> 3ft. » » (proiezione fatta parallelamente al Passe 

verticale). 



Digitized by VjOOQIC 



Boll. Soo. Qeol. Ital. Voi. XXIII (1904) 



( Tommati ) Tav. Vili 




A. TOMMASI FOTOOR 



ELIOT' CALZOLARI A FERRARIO MILANO 



Digitized by VjOOQIC 



Digitized by VjOOQIC 



TOSSILI ED IMPRONTE DEL MONTENEGRO 



Nota del socio P. £. Vinassa db Rbony 

(Con Tavola IX) 



Fossili del Miocene medio di Dulcigno. 

Dopo la illastrazione della fauna triassica del Sutorman mi 
-ero accinto allo stadio di altro materiale da me raccolto nel 
Montenegro e precisamente di quello dei dintorni di Dalcigno, 
che ave?a assai interesse dovendo servire a documentare il ri- 
ferimento da me fatto di questi strati cosi discassi al miocene 
medio. Il lavoro del dott. Nelli fatto sul materiale raccolto dal 
prof. Martelli e pubblicato in questi giorni (^) ha reso quasi del 
tutto inutile il mio lavoro. Sarei stato ben lieto di porre anche 
il mio materiale a disposizione del dott. Nelli, rendendo cosi 
possibile una illustrazione più completa di questa interessante 
fauna. Ciò non essendo avvenuto, a compiere tale illastrazione 
<;redo utile ora aggiungere solamente poche indicazioni su alcuni 
esemplari ed alcune specie che il Martelli non raccolse, per 
modo da poter avere un'idea più completa della fauna mioce- 
nica montenegrina. 

Gli strati che racchiudono questa fauna, composta quasi esclu- 
sivamente di pettinidi e di ostree, sono costituiti da un calcare 
grossolano con litotamni, con intercalati straterelli di arenarie 
giallastre molto friabili. Non si hanno diversità di fauna note- 
voli tra questi due tipi di strati. La massa loro a picco sul 
mare è inclinata a SW. di circa 20"". Il giacimento si continua 
anche sulla sinistra del golfo di Dulcigno, dalla parte del pic- 
<M)lo Porto Milena; ma là i fossili sono assai meno numerosi. 

(1) Boll. S. g. it., XXIII, 1, p. 149. 

24 



Digitized by VjOOQIC 



308 P. E. yiNASSA DE RBGNY 

Algae. 

Lithothamniam adriaticnm n. f. 

(Tav. IX, Gg. 4, 5). 

(?) 1904. Litìiothamnium sp. Nelli, Mioc. medio Duìcigno, pag. 157. 

Come e noto la determinazione specifica dei litotamni si basa 
sulla dimensione delle celle e dei concettacoli. Per questa ra- 
gione non conoscendo altra specie alla quale possano le dimen- 
sioni di questi elementi del Litotamnio di Dulcigno corrispon- 
dere, cosi credo che esso possa andare distinto con un nuovo 
nome. 

Si presenta questa forma come un grosso tartufo che può 
arrivar a 5-6 cm. di diametro, più o meno tondeggiante e re- 
golare. Alla superficie sporgono dei brevi, ottusi, tozzi rametti, 
come bottoni, più o meno confluenti e, se erosi, mostranti chia- 
ramente a occhio nudo gli incavi dei concettacoli. In sezione 
si vede come il tessuto di questa forma sia assai lasso, poiché 
fra strato e strato di celle si hanno molti vani, e rompendo gli 
individui maggiori si trovano spesso riempiti qua e là di sabbia 
più meno cementata. 

Gli strati delle celle hanno un andamento ondulato irrego- 
lare, che ripete su per giù la forma esterna. I concettacoli si 
distinguono nettamente a occhio nudo, e sono abbastanza nu- 
merosi. 

Una sezione microscopica mostra regolarissimo l'intreccio delie- 
celle, rettangolari, assai allungate. Misure ripetute mi hanno dato 
come dimensioni una lunghezza di circa [a. 60, ed un'altezza di 
(;.. 25. 

I concettacoli, come già ho accennato, sono assai numerosi.. 
Se ne trovano in media da 140 a 150 per ogni centimetro quadro. 
Hanno forma assai svariata, ora tondeggiante, ora subquadran- 
golare, ma più spesso invece reniforme più o meno allungata. 
Anche per essi ho fatto ripetute misurazioni, e la loro dimen- 
sione è di (A. 371 di lunghezza, per 116 u.. di altezza. Il Nelli 
ha ottenuto solo 180 a. di diametro massimo. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI BD IMPBONTB DBIi MONTBNBORO S0& 

Dalle altre specie note di Lìtotamni sono solamente il Litho- 
thamnium glomeratum Gap. C) e il Lith, polymorphum Gap. 
qnelli che hanno somiglianza per la loro forma estema con la 
specie di Dnlcigno. Ma la dimensione delle celle dei concetta- 
celi, la forma, il numero e la disposizione di essi tengono la 
specie montenegrina ben distinta da quelle suddette. 

La forma è comunissima in tutta la scogliera sotto al ca- 
stello veneziano. 

Lamellibranchiata. 

Chlamys maltìstriata Poli sp. var. tauroperstriata Sacco. 
(Tav. IX, fig. 6}. 

1B97. Chlamya taiiroperatriata Sacco, Moli, terz, Piemonte e lAgwria^ 

parte XXIV, pag. 8, tav. 1, 1^^. 20-30. 

1903. Pecien multiàtriatus Poli var., tauroperstriata, Sacco ; Vinassa, Oss. 

geol. Montenegro or, e merid,, p. 68. 

L'esemplare, assai ben conservato, per la sua forma gene- 
rale è vicinissimo a quella forma che il Sacco (op. cit., tav. I, 
fig. 15) chiama var. costicillatissima della Chlamys multistriata 
Poli. Esso però per la forma delle orecchiette, la depressione 
delle coste e per la tipica biforcazione che in esse si riscontra, 
risponde invece assai meglio alla varietà miocenica, che il Sacco 
distingue col nome di Chlamys tauroperstriata, che egli del 
resto non tiene a mantenere come spècie autonoma, avendovi 
aggiunto l'osservazione (an Chi. multistriata Poli var.). Tra le 
figure date dal Sacco quella che meglio si avvicina alla forma 
di Dulcìgno è la fig. 24 della tav. I. Questa forma speciale 
venne sinora rinvenuta esclusivamente nel mioicene. 

È rara avendone trovato un solo esemplare nei calcari. Anche 
il Martelli non l'ha rinvenuta. 

Peeten (Aeqnipecten) opereularis L. 

1897. Aequipecten opereularis L. sp. Sacco, Moli. terz. Piem. Lig., XXIV 

pag. 13, t. Ili, fig. 13-16 (cum syn. p. p.). 
1903. Peeten opereularis L. Vinassa, Oss. geol. Montenegro^ p. 68. 

(') Capeder, Contribusione allo studio dei Lithotìiatnnion terziari 
Malpighia, XIV, 1900, p. 11 e tav. VI. 



Digitized by VjOOQIC 



dio P. B. VINA88A DB BBOHT 

Ho di questa specie solamente dne esemplari, rappresentanti 
entrambi la yalva destra. Uno di essi è perfettamente conservato 
salvo nelle orecchiette. Entrambi poi presentano nettissimi ì ca- 
ratteri della specie. 

Questa forma è prevalentemente pliocenica, ma non man- 
cano però anche rinvenimenti di essa nel miocene tipico. 

La specie di Dnlcigno si trova esclnsivamente nei calcari. 

Pecten (Aeqnìpeeten) scabrellns L. 

1897. AeqtUpecten scabreUus L. Sacco, Moli, Piem. Lig., XXIV, pag. 24, 

tav. Vili, ^g. 1-6 (cam syn.). 
1906. Pecten scàbréttus L. Vinassa, Oss. geol. Monien,, p. 68. 
1904. Pecten acabreUus L. Nelli, Mioc. medio Duldgno, p. 153. 

Ho nna valva destra e dne valve sinistre complete, nonché 
vari frammenti di questa specie. Gli ornamenti caratteristici 
sono benissimo conservati non solo sulla conchiglia, ma anche 
sulle orecchiette, le quali pure sono complete. 

La forma di Dulcigno ha prevalenti rassomiglianze con quella 
del Boussillon, descritta da Fontannes (Moli, du Boussillan, 
p. 187) più che non con quelle del terziario piemontese. 

Questa forma, come la precedente colla quale talvolta andò 
confusa, è pure specie prevalentemente pliocenica, ma essa pure, 
e più della precedente, si rinviene anche nei giacimenti mio- 
cenici. 

La specie è assai frequente tanto nei calcari con litotamni, 
quanto nelle arenarie. 

Pecten (Aeqaipecten) Halvinae Dub. 

1897. Aequipecien Màlvinae Dub. Sacco, MoU. Piem. lAg., XXIV, pag. 16 

(cum syn.). 
1904. Pecten Màlvinae Dub. Nelli, Mioc. medio Dulcigno, pag. 163. 

Di questa specie ho un solo esemplare, mentre Martelli ne 
ha raccolti parecchi: essa quindi è assai comune nei calcari 
con litotamni di Dulcigno. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI RD IMPRONTA DSL M0NTBNB6R0 8ll 

Pecten (Hacrochlaniiys) latlssimas Br. 

1897. Macrochìamys latissima Br. Sacco, Moli Piem. Lig., XXIV, pag. 32, 

tav. IX, fig. 5; tav. X, fig. 1-5 (cum 
syn.). 

1908. Peeten ìatissimus Br. VÌDassa, Osserv. geol, Monten., p. 63. 

1904. Pecten latissimus Br. Nelli, Mioc, medio DulcignOy p. 152. 

Di questa bella specie il Nelli ha veduto un solo esemplare 
incompleto, ed io ne ho raccolti quattro pure incompleti. Due 
di questi sono individui giovani, e raggiungono un'altezza mas- 
sima di mm. 65 ; un terzo è assai più grande, misurando esso 
circa 10 cm. di altezza. Finalmente il quarto frammento doveva 
appartenere ad un esemplare alto almeno 15-16 cm. Questo esem- 
plare corrisponde quasi perfettamente all'esemplare del miocene 
del bacino viennese figurato dall'Homes. 

Uno degli esemplari più piccoli risponde invece all'esem- 
plare dei colli torinesi, figurato dal Sacco, come var. praece- 
dens (Moli. Piem. Lig., XXIV, tav. X, fig. 7). 

La forma è più comune nel pliocene che non nel miocene, ma 
si ritrova anche abbondantemente nei terreni miocenici, elveziani. 

A Dulcigno, come già ho detto, non è rara da trovarsi e si 
presenta tanto nel calcare, quanto nelle arenarie. 

Pecten (Flabellipeeten) solariam Lmk. in Hoemes. 

1864. Pecten solarium Lmk. Hoernes, Mòli. tert. Beckens von Wien, 

pag. 398, tav. 58, fig. 1-6. 
190B. Peeten solarium Hoemes, Vinassa, Osa. geol. Monten., p. 63. 
1904. Pecten solarium Lmk. Nelli, Mioc. med. Dulcigno, pag. 158. 

Incompleto è l'esemplare del Nelli, e pure incompleto è il 
mio, ma nettamente determinabile. 

Le dimensioni dell'esemplare completo erano assai grandi, 
dovendo esso aver misurato da 10 a 11 cm. per l'altezza, e 
circa 12 per la larghezza. 

È noto (M che col nome di P. solarium, secondo Lamarck, 
si comprendono tue tipi : uno è il P. Besseri di H5mes (non An- 

(*) Oppenheim P., U Miocene di Verona e il P. Besseri degli Autori 
(Riv. it. di Paleontol , VI, p. 94). 



Digitized by VjOOQIC 



812 P. E. VINASSA DE REGNY 

drziewsky), e Taltro il vero P. solarium. La forma che Hòrnes 
chiama P. solarium non è che una varietà della specie tipica, 
e anzi, secondo Majer-Eymar, sarebbe una specie distinta. 

Il Tournoér C) però propone di prendere come tipo del 
P. solarium la forma descritta dall'Hòmes. 

Non volendo entrare in qaesta discussione, segaendo in qaesto 
il Nelli mi sono limitato ad accennarla, e tomo a ripetere che 
l'esemplare da me raccolto corrisponde al P. solarium descritto 
e figni-ato dall' Hómes del miocene di Vienna, e che io pure 
vorrei, col Tournoér, considerare come tipo del P. solarium di 
Lamark. 

La forma cosi intesa è esclasivamente miocenica. A Dal- 
cigno è assai rara e si trova solamente nel calcare. 

Pecteu (Flabellipecten) incrassatus Partsch. 

1848. Pecten incrcissatus Partsch ms. Hoernes in Czizek JErlàuUrungen 

eur geogno8tÌ8chen Karte v. Wien., 

p.28. 
1870. Fecten ZJessm Hoernes (non Andrzjewskzi), Jb^s. JfoZ^ <«r«. 

Beck, V. Wien, p. 404, tav. 62, 63, 

fig. 1-5. 
1004. Pecten incrctssatìM Partsch Nelli, Mioc. medio IMcigno, p. 150. 

Non sono rari esemplari, per quanto frammentari, che cor- 
rispondano assai esattamente alla forma descritta dairHòmes 
come P. Besseri, forma assai cornane anche presso di noi, e 
che va comunemente sotto qaesto nome. 

Ma, come ha fatto giustamente osservare Oppenheim, il 
P. Besseri di HOmes non e affatto quello di Andrzjewsky, e 
deve andar distinto con uii altro nome; nome col quale dovranno 
esser chiamati anche tutti gli altri P. Besseri descritti dagli 
autori italiani. 

Ora, poiché già lo stesso Hòrnes sino dal 1 848, aveva chia- 
mato questa forma col nome di P. incrassatus Partsch ms., 
cosi credo accettabile la proposta di Oppenheim (*), che pro- 

(') Tournoèr, Note sur les terrains miocènes dee environs de Gas et 
Gabarret (Act. Soc. linn. Bordeaux, III, 9, p. 163). 
(*) Oppenheim, loc. cit., pag. 94. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI BD IMPRONTE DEL MONTENBORO 813 

pone dì adottare il nome di P. incrassattLS per distinguere il 
P. Besseri di Hdrnes da quello, ben diverso, di Andrzjewsky. 
A Dulcigno non è raro, tanto nei calcari, quanto nelle are- 
narie. 

Pecten Nicolai n. f. 

(Tav. IX, lig. 1-3). 

Per quanta ripugnanza abbia a creare una nuova forma di 
Pecten, pure mi vedo costretto a far ciò, per alcuni esemplari di 
Dulcigno che, mentre rassomigliano ad una quantità di specie note, 
pure non possono ad alcuna di esse esattamente essere riferiti. 

Ho due valve destre ed una sinistra assai ben conservate, 
e vari altri frammenti provenienti dai calcari a litotamni, nei 
«quali solamente si trova la specie. 

La valva destra più completa è alta mm. 62, larga mm. 63, 
rigonfia per mm. 10, con un angolo apicale di circa 110**, di 
forma triangolare, molto slargata, equilaterale, assai convessa, 
munita di 23 coste radiali, tutte su per giù uguali tra loro, 
meno le 4 o 5 più laterali dei due lati. Le coste sono larghe 
jquasi quattro volte più dei solchi interposti, non molto rilevate, 
pianeggianti in alto, tanto da prendere un aspetto subquadran- 
-golare. I solchi non molto profondi, nettamente scavati, in alcuni 
punti sembrano incavare anche i fianchi delle coste. 

Sulle coste mancano tracce di ornamentazioni, mentre nei 
solchi sono nettissime le linee di accrescimento, sottili, rilevate 
e fittissime. 

L' orecchietta anteriore manca, la posteriore è relativamente 
•espansa, alta mm. 14, larga mm. 12, interamente levigata. 

L'altra valva destra, incompleta, è di dimensioni un poco 
maggiori, misurando circa mm. 67 di altezza. Essa si distingue 
dalla precedente per avere le coste un poco più depresse, e i 
solchi, presso al margine ventrale un poco più larghi, raggiun- 
gendo essi in alcuni punti la metà della larghezza delle coste. 
Questo aspetto particolare può riportarai in gran parte alle mag- 
giori dimensioni ed alla erosione maggiore cui soggiacque l'esem- 
plare. L'orecchietta anteriore è conservata in parte; non pre- 
senta alcun carattere notevole, ed è priva di ornamenti come 
Ja posteriore. 



Digitized by VjOOQIC 



314 P. E. VINASSA DE RKGNY 

La ysLÌvR sinistra è assai incompleta; essa sembra aver^ 
17 coste, quasi tutte ugnali, mancando esse del tutto ai dn& 
lati, anteriore e posteriore, della conchiglia. Le coste hanno la 
stessa forma caratteristica di quelle della valva destra, sono perà 
un poco più strette, ed i solchi sono quindi più larghi ed uguali 
in larghezza alle coste. Anche questi solchi presentano, sebbene 
meno nette, le stesse linee concentriche, fittissime e rilevate. 

Il margine cardinale è diritto. 

Carattere peculiare di questa specie è la sua forma trian- 
golare, coH'umbone stretto, e che va rapidamente allargandosi,, 
mentre presenta un margine ventrale pochissimo arcuato. 

Ho trovato una figura che risponde assai bene al mio esem- 
plare di valva destra isolata, ed è quella del Sacco (Moli. Piem. 
Lig., XXIV, tav. XX, fig. 23) che egli chiama Pecten Fuchsi 
Font. var. perflabellata. Nel testo questa forma è quasi inde- 
scritta, ma è detta rispondente alla specie di Fontannes e solo 
distinta per le sue orecchiette più espanse e pel guscio più 
arcuato e più flabelliforme. D'onde il nome dato dal Sacco alla 
varietà. 

Ma la figura della specie tipica del Fontannes (Bass. tert. 
du Ehóne, Bassin de Visan, pag. 98, tav. Ili, fig. 3) è del 
tutto diversa da quella del Sacco, tanto che mi meraviglia come 
l'egregio autore abbia potuto avvicinarvela. Tanto è vero ciò, 
che Déperet e Boman nel loro lavoro sui Pecten neogenici (*> 
nella sinonimia del tipico P. Fuchsi Font, non citano afiutto 
questa forma del Sacco, ma vi riferiscono invece alcuni tipi del 
P. cristato-costattis dal Sacco stesso descritti e figurati. 

La nuova forma presenta pure analogie col P. stiharcuatus 
Toumo^r, descritto e figurato a nuovo nell'opera suddetta di 
Déperet e Boman, pag. 12, tav. I, fig. 2; ma ha però le coste 
più larghe, è lateralmente più espanso, è insomma in generale 
più largo. La valva sinistra è poi del tutto diversa. 

Cosicché credo giustificata l'introduzione di questa nuova 
specie per gli esemplari di Dulcigno, ai quali però va avvici- 
nato notevolmente l'esemplare descritto da Sacco come P. FucJisL 



(*) Déperet et Roman, Manogr, des Pectinides néogènes de V Europe^ 
Mém. Soc. Géol. Frane, Paleontologie, X, I, p. 13, tav. I, fig. 510. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI ED IMPRONTE DEL MONTENEGRO 315 



Ostrea lamellosa Br. 

1&64. Ostrea ìameUosa Br. Hoemes, Fom. 3foZL *ert f^ecfc. TFte»., pag. 445* 
1897. Ostrea edulis h. yar.lamélìosaBr.SiiCQOjMoìlterr.terz.Piem.IAg.y 

XXIII, pag. 7, tav. II, fig, 3-4 (cum syn.). 

Un grande esemplare dei calcari è perfettamente rispondente 
a questa specie. Sono consertate le dne valve in posto; tanto 
quella rotondeggiante e concentricamente striata, quanto quella 
più rigonfia e lamellosa. 

La forma è prevalentemente pliocenica, ma non manca nem- 
meno nei teri'eni miocenici. 

Ostrea crassissima Lmk. 

1897. Ostrea crassissima Lk. Sacco, Afoll. terr. tert. Piem. Lig,y XXIII^ 

pag. 15, tav. IV, fig. 11-18 (cum syn). 
1904. Ostrea crassissima Lk. Nelli, Mioc, medio Dulcigno, pag. 156. 

Ho trovato nelle arenarie, a contatto col calcare a litotamni^ 
una valva magnificamente conservata di questa specie assai co- 
mane; essa è però di dimensioni assai limitate, quantunque 
rìspondentissima pei suoi caratteri alla specie. 

Benché la forma sia prevalentemente pliocenica, pure non 
manca, sebbene non sia comune, anche nei terreni elveziani. 

Ostrea (Pienodonta) cochlear Poli var. navieularis Foresti. 

1880. Ostrea cochlear Poli var. naviculaì-is Foresti, DélV Ostrea cochlear, 

pag. 10, tav. I, fig. 5; tav. II, fig. 6. 

1697. Pychnodonta cochlear Poli var. navieularis For. Sacco, Moli, terr. 

Ure. Piem. Lig., XXIII, pag. 22. tav. VIII^ 
fig. 2-6 (cum syn.). 

Due esemplari incompleti, molto grandi, a guscio enormemente 
inspessito, sono certamente riferibili al gruppo dell' 0. cochlear. 

Uno di essi va più specialmente ascritto alla var. navieu- 
laris. 

La curvatura nel guscio è molto pronunziata, e la conchiglia 
ha il guscio assai più grifeato di quella figurata dal Foresti 



Digitized by VjOOQIC 



316 P. B. VINA83A DB RRONY 

nella figura 5 delle dae tavole. L'esemplare di Dnlcigno sa- 
rebbe perciò un intermedio tra quello di Pradalbino e quello 
del Belgio, figurato nella fig. 6. 

Il secondo esemplare differisce un poco dalla tipica navicu- 
laris, e avrebbe piuttosto somiglianza colla var. alata For. (Fo- 
resti, op. cit., p. 10) sebbene di dimensioni assai maggiori. 

Entrambe le varietà sono del resto frequenti tanto nel plio- 
cene quanto nel miocene. 

A Dulcigno non sono molto comuni ; ma si rinvengono tanto 
nei calcari quanto nelle arenarie. 

Grustacea. 
Balanu8 spongicola Bronn. 

ISdb. Balanus spongicola Bronn. De Alessandri, Contrib. allo studio dei 

Cirripedi, pag.275, tav. II, fig. 6(cum syn.). 

Sopra il frammento di valva del P. latissimus è un piccolo 
esemplare che riferisco a questa specie comunissima tanto nel 
pliocene quanto nel miocene. 

Pisces. 
Odontaspis sp. 

L'unico dente che trovai è andato disgraziatamente in fran- 
tumi durante il viaggio, cosicché non posso darne una deter- 
minazione specifica esatta. Appartiene esso certamente al genere 
Odontaspis e non è improbabile che sia da riferirsi alla 0. ah 
spieiata Ag. sp. 

Il solo esemplare raccolto proviene dalle arenarie. 

Dalle mie raccolte e da quelle studiate dal Nelli la fauna 
del miocene medio montenegrino è quindi composta dalle spe- 
cie seguenti: 

Lithothamnium adriaticum Vin. 

Cytherea multilamella Lk. 

Chlamys multistriata Poli var. tauroperstriata Sacco. 

Aequipecten opercularis L. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI BD IMPRONTA DEL MONTBNBGRO 317 

Aeqtdpecten seabrellus L. 

» Malvincte Dub. 

Macrochlamys latissima 6r. 
FlabelUpecten solarium Lk. in Hoern. 

» incrassatus Partsch. 

Pecten revolutus Br. 

» Nicolai Vin. 
I&»(2i42a Martella Nelli 
Ostrea germanitala De Greg. 

» crassissima Lk. 

» lamellosa Br. 

> digitalina Dnb. 

» gingensis Schloth. 
Ficnodonia cochlear Poli var. nawcMiam Por. 

» cochlear Poli var. aiato Por. (?) 

J.nom»a ephippium L. var. costata Br. 
Balanus spongicola Bronn. 
Odantaspis sp. 

Complesso di fauna assai ricco e da cai senza alcun dubbio 
Tisulta la pertinenza degli strati neogenici di Dulcigno al mio- 
cene medio. 

Impronte negli seistl e nelle arenarie 
della Valle della Tara eee. 

Non sarebbe stata mia intenzione occuparmi di questi avanzi 
problematici se non fossero comparsi i lavori molto importanti 
di Martelli (*) che cambiano notevolmente le idee che si avevano 
sul grande complesso scistoso ritenuto dai più come esclusiva- 
mente paleozoico. 

Pure io, che nella regione scistosa non avevo fatto speciali 
rilievi, ritenni questi scisti come paleozoici. Solo per quelli del 
Groblie sovrastanti e concordanti coi calcari del Magliz, ritenni O 
trattarsi di tipi assai recenti, data la loro posizione stratigrafica 
e resistenza di calcari cretacei nei dintorni. 

(}) lì Flysch del Montenegro sudorientaìe. Rend. R. Accad. Lincei, 
XII, 2"^ sem., n. 4, pag. 166 e n. 6, pag. 228. 

(*) Oasericuioni geologiche nel Montenegro orientale e tneridionale. 
Boll. S. g. it^ XXI, 3, pag. 497. 



Digitized by VjOOQIC 



318 P. B. VINASSA DB RE6NY 

Le impronte che tratto tratto si rinvengono non potevana 
naturalmente avere alcun valore cronologico. In ogni caso pere- 
nna di esse (tav. IX, fig. 7) presentava notevoli somiglianze con 
tipi antichi, specialmente triassici. 

Dietro le osservazioni del Martelli trovo giustificato il rife- 
rimento al Plysch eocenico di una gran parte almeno degli 
scisti. Sino a prova contraria però continuo a ritenere come pa- 
leozoici gli scisti, le lavagne ecc. del Bac, di Murino, del Krivi 
Do, della base del Kom, del Scekulare, dei dintorni di Andrijeviza 
ecc., che sono in connessione diretta con anageniti tipicamente 
verrucane e sottostanti a calcari per lo meno triassici. 

Queste impronte, su cui tanto si è discusso, non hanno va- 
lore cronologico deciso. Non sono molto comuni nel Montenegro,, 
ma in compenso offrono forme assai interessanti. 

Chondrites sp. 

Nell'arenaria grigia compatta micacea prima di Jablan ove 
si presenta a straterelli più sottili, non si trovano impronte o 
rilievi, ma tracce che possono riportarsi alle fucoidi. 

Una assai ben conservata si presenta in colore nero, schiac- 
ciata, seguente l'ondulazione della superficie arenacea irrego- 
lare. 

È una lamina larga alla base 12 mm. che a circa 25 mm. 
della base si divide in 3 rami. Il ramo di sinistra si è perduto 
quasi del tutto; quello di destra, largo presso a 5 mm., procede 
ondulato ; quello mediano molto largo, poco dopo si suddivide 
ancora in 2 di circa 7-9 mm. di larghezza. 

Questo tipo di Chondrites è assai vicino ad altri a larghi 
lembi dell'Eocene italiano, come ad esempio ad alcuni tipi del 
Ch. affinis Stem., del nostro Plysch. 

Uelmintoidea crassa Schafh. 
(Tav. IX, fig. 8). 

1895. Helmintaidea crassa Schafh. De Stefani, Aper^ géoìogique et des^ 

cription paléontologique de Vile de 
KarpathoSj Lausanne 1895, pag 17^ 
tav. XIV, pag. 4 (ciim syn.). 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI ED IMPRONTE DBL MONTBNBGRO 819 

In un'arenaria grìgia, calcarea, riccamente micacea, com- 
patta, con venature di calcare bianco, si trova nn' impronta 
vermicolare semicilindrica, larga circa 4 mm. alta da 1 a 2 mm. 
Le carve sono assai irregolari per ampiezza, disposizione e di- 
rezione. Verso il centro la linea di rilievo presenta una curiosa 
biforcazione che si unisce e poi diverge ancora per riunirsi 
a formare come un 8 allungato. Tutto il rilievo è poi più o 
meno lievemente ondulato. Ad uno degli estremi la curva si 
chiude, tornando sopra se stessa; poi vi è una interruzione, che 
dei resto non è la prima, perchè qua e ià il nastro è, se non 
interrotto, molto depresso, e termina poi in un ammasso irrego- 
lare assai grande. La lunghezza totale è di circa 50 cm. 

La somiglianza di questo tipo di impronta con altre note 
di questa specie è grande; ricorderò specialmente l'esemplare 
di Earpathos descritto da De Stefani. 

Poco prima di Jablan. 

Nnlliporites aegea De Stef. 
1896. Nuììiporites aegea De Stefani, Op. cit, pag. 19, tav. XV, fig. 1. 

Numerosi esemplari che raggiungono una altezza massima 
di 35-40 mm. si trovano ammassati in piccolo spazio sopra una 
lastra di arenaria grigia, micacea, a straterelli molto sottili, che 
49i trova prima di giungere a Jablan. 

Le dimensioni, la curvatura, le ramificazioni, ecc., sono ri- 
«pondentissime a quelle delle impronte descritte dal De Stefani, 
•e perciò a tale specie riferisco le impronte da me rinvenute. 

Helmintopsis sp. ind. 

Sopra dei blocchi di arenarie del Han G^rantscic si trovano 
delle impronte vermiformi, più o meno rilevate, a curva sinuosa, 
irregolari, talvolta incrociantesi, larghe da 2 a 8 mm., talvolta 
un po' rigonfiate, talaltra assottigliantési. 

Presentano qualche analogia colle impronte descritte dal 
De Stefani come Helmintopsis involuta di Karpathos (Op. cit. 
pag. 16, tav. XIV, fig. 1). 



Digitized by VjOOQIC 



320 P* E. VINASSA DB RB6NY 

lehnytes Baldaeeif n. f. 

(Tav. IX, ^f^. 7). 

È una forma molto cnriosa ed interessante, del Han Garantscìc, 
la quale oflfre innegabili somiglianze con impronte paleozoiche o 
triassiche, e che potrebbe avere importanza, se sa queste impronte 
si potesse in qualsiasi maniera fondarsi per riferimenti cronologici. 

Secondo tutte le apparenze l'impronta doveva avere in ori- 
gine cinque digitazioni; di queste però solo quattro ne riman- 
gono più o meno ben conservate. 

Le digitazioni hanno una lunghezza variabile da 42 mm. 
a circa 70 mm. La loro larghezza massima non oltrepassa mai 
i 10-12 mm.; il loro spessore totale, dacché non solo si vedono 
sporgere dalla roccia, ma anche si vede bene la parte inferiore 
immersa nella roccia stessa, è di circa 5 mm. Sono quindi di 
forma assai depressa. 

Nelle due digitazioni conservate la terminazione è a punta 
non molto acuminata, poco sporgente. La prima digitazione a 
sinistra è la più incompleta, essa però sembra simmetrica alla 
terza a destra. 

La seconda digitazione è la più lunga dì tutte, ma la sua 
terminazione superiore manca del tutto. 

La 1*, 2* e 3* digitazione sono assai divergenti tra loro, mi- 
surando la prima con la seconda un angolo di 50^, la seconda 
con la terza di circa 55°. La terza con la quarta hanno minor 
divergenza, arrivando appena a 30"" di angolo. 

Nessuna particolarità si nota sulla superficie di queste di- 
gitazioni; solo sulla terza, verso la porzione mediana si scor- 
gono con adatte incidenze di luce da tre a quattro rilievi semi- 
nodulosi, sottili, separati da solchi pianeggianti assai grandi. 
Nelle altre una tale striatnra non è visibile. 

Non conosco forme recenti che possano avvicinarsi a questa 
strana impronta. 



Digitized by VjOOQIC 



FOSSILI RD IMPRONTE DEL MONTENEGRO 321 

Ichnytes sp. ind. 

Nello scisto calcareo compatto di Yeruscia si trova una im- 
pronta assai prossima a quella precedentemente descritta. Ma 
invece di aversi varie digitazioni se ne ha una solamente. Questa 
è quasi completa, lunga circa 45 mm., larga al massimo 12 mm., 
e terminata in alto a punta, ma poco netta, andando essa a 
morire poco a poco nella roccia. 

Tntt' attorno la superfice della roi^cia è intatta, cosicché effet- 
tivamente una sola deve essere certamente stata questa digita- 
zione, mancando ogni e qualunque traccia di altre. 

Anche su questa impronta, come sulla terza digitazione della 
precedente, si riscontrano, sebbene assai più confusi, i leggeri 
rilievi longitudinali. 

La presenza di questa impronta semplice, identica per forma 
e tipo ad una delle digitazioni precedenti, toglie ogni possibi- 
lità che la precedente possa essere lo stampo di una zampa di 
qualche animale. 

Gen. sp. ind. 

Una lunga impronta, che con leggera curva si estende per 
17 cm. sopra una lastra di arenarie del Han Garantscic non è 
che un frammento rotto alle due estremità. 

Essa presenta una larghezza quasi uniforme di 9-10 mm.^ 
e sporge dalla roccia appena 2-3 mm. Una solcatura parallela 
alla lunghezza è nettamente visibile, la quale offre somiglianza 
colla solcatura che si riconosce sulla digitazione delV Ichnytes sp. 
e délVIchnytes Baldaccii. 

In alcuni punti i boi*di laterali sono come ottusamente den- 
tati; e si vedono pure alcune sporgenze di 3-5 mm. di lun- 
ghezza che si dipartono dal tronco principale. 

Stante l'incompletezza dell'esemplare nulla si può dire sui 
rapporti e le differenze di questa impronta. 

Sopra un blocco di arenaria calcarea compatta a superfice 
irregolare sporge un grosso nastro di piccolo rilievo, ma assai 
largo, misurando 18 mm. dì larghezza, costituito da un'arenaria 
venlastra meno compatta di quella della roccia rimanente. 



Digitized by VjOOQIC 



S22 P. B. YINABSA DB RBONY 

Avanti al ramo maggiore, ma ad un livello più basso, se 
ne vede nn secondo, che ha sa per giù la stessa larghezza, ma 
è troncato prima dell'altro. 

Entrambi i pezzi sono poi cosi incompleti, che non è pos- 
sibile né una determinazione qualsiasi, né una descrizione più 
estesa. 

Impronte simili, di nastri rilevati, ma più piccole, e intrec- 
eiate si rinvengono in nn blocco di arenaria a tipo di molassa, 
malissimo conservato, della Hasanaz Planina. 

[ma. pres. il 15 giugno 1904 - ult. bozze 10 agosto 1904]. 



SPIEGAZIONE DELLA TAVOLA IX. 



Fig. 1-3 Pecten Nicolai n. f. 

» 4-5 Lithothamniam adriaticum n. f. 
> 6 Chlamys multistrìata Poli, var. tauroperst fiata Sacco 
» 7 lohnytes Baldaccii d. f. 
» 8 Helmintoidea crassa Schaf h. 



Digitized by VjOOQIC 



a ;» ■' 



.J 



Digitized by VjOOQIC 



;.. , .:■ • l'I -• '■^<- ; T. ' ' . .» ! 

«. •' ! f ■' , ' /''Mi' '; 



1-. •i.n.fr. 1M'. 



i \ 'IA\''KA IX. 



; .1 •i'Hin Ji. • 
. .1 11. «' 



Digitized by VjOOQIC 



I 

I Boll. Soc. geol. it. Voi XXIII. (1904) (Vina^sa) Tav. IX. 



Aat. fot. e dia. Fotottpia P. Iburaari- Schio 

Digitized by VjOOQIC 



Digitized by 



Google 



IL LIVELLO DI WENGEN 
NEL MONTENEGRO MERIDIONALE 



Nota del dott. Alessandro Martelli 

(Con una Tavola, XI) 



Le formazioni argillose, arenacee e marnose della valle della 
Zerraniza (serbo: Crmnica) nel Montenegro meridionale sono state 
riferite ai Werfener-Schiefer dai geologi che si sono occupati 
di quella regione. Il riferimento è esatto per quanto concerne 
i dintorni di Bukovik, Reliei, Zabes e Boljevici dove la posi- 
zione di detti scisti è ben definibile giacche, per esempio, a nord 
di Boljevici si trovano immediatamente sottostanti ai calcari del 
Muschelkalk alpino con i quali trovansi in concordanza; in parte 
però esso e errato, poiché il complesso argillo-arenaceo-mamoso 
fra Limljani e il passo del Sutorman, non solo non presenta i 
tipici caratteri degli scisti di Werfen, ma per la sua posizione 
deve essere riferito al Trias medio essendo interposto fra il 
Muschelkalk alpino della zona a Ceratites trìnodosus o, dove 
questo manca, fra gli scisti di Werfen e il Muschelkalk supe- 
riore della zona a Protrachyceras Archelaus. Inoltre anche nel 
Qluhi-do sono state inesattamente riferite ai Werfener-Schiefer 
le argille e marne variegate povere di resti organici che si tro- 
vano alla base del Muschelkalk superiore riccamente fossilifero 
di Skala Yueetina e analoghe a quelle che a sud di Boljevici 
si trovano sovrapposte al Muschelkalk inferiore. 

I fossili da me raccolti in dette formazioni sono appunto da 
riferirsi al livello degli strati di Wengen, confermando cosi ciò 

26 



Digitized by VjOOQIC 



324 A. MARTELLI 

che le osservazioni strati^afiche mi avevano fatto già ricono- 
scere. 

La ripartizione del Trias secondo i concetti svolti dal Bittner(^) 
può applicarsi nelle sue linee generali anche alle formazioni del- 
Tinferiore mesozoico montenegrino, assegnando al MuschMaìk 
tutta la serie fra gli scisti di Werfen e il Raibliano. E così 
mentre le formazioni più basse del Trias medio risultano nella 
valle della Zermniza costituite da calcari ordinariamente rossi 
con cefalopodi propri della zona a Ceratites trinodosus e quindi 
del Miischelkalk inferiore o alpino, il piano ladinico del Bittner - 
corrispondente, com'è noto, al norico del Mojsisovics - e rappre- 
sentato dagli strati di Wengen delimitati in alto da calcari ricchi 
di brachiopodi e cefalopodi della zona a Protrachyceras Arche- 
laus. Se la potenza dei diversi piani del Trias medio fosse nel 
Montenegro meridionale presso a poco uguale, il livello di Wen- 
gen rappresenterebbe là assai bene la parte media del Jluschel- 
kalk, senonchè il complesso litologico che per la presenza della 
Splriferina fragilis ho dovuto riferire appunto agli strati di 
Wengen è assai più potente dei calcari delle zone a cefalopodi 
predette, fra i quali esso viene compreso. Al livello di Wengen 
come piano intermedio deve dunque assegnarsi un valore sol- 
tanto relativo e nella valle della Zermniza dove appare spesso 
attraversato da roccie eruttive, con le sue alternanze e frequenti 
sostituzioni di argille, arenarie, marne, calcari e conglomerati^ 
viene a designare e a comprendere quel periodo d^irregòlare 
sedimentazione e di frequenti variabilità batimetriche subordi- 
nate alle azioni endogene del vulcanismo nerico. 

Il livello di Wengen fu dal Tietze (*) ammesso nel versante 
adriatico del Sutonnan dopo i primi ritrovamenti di Spiriferina 
confr. fragilis nelle arenarie calcarifere presso Tu^emile. Seb- 
bene il Tietze stesso supponesse logicamente che magari con una 
facies diversa tale livello si sarebbe dovuto ritrovar pure nel- 



(^) Bittner A., Bemerkungen zur neuesten Nomenclatur der alpinen 
TriaSf Abhandl. der k. k. geolog. Reichsanstalt, Wien, 1896. 

C) Tietze E , Geologiscìie Uebersicht von Montenegro, Jahrb. dark, k^ 
geolog. Reichsanet., pag. 63 e 84, Wien, 1881. 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WENGEN NBL MONTENEGRO 325 

l'opposto versante scutarino a nord del Sutorman, fino ad ora 
rimaneva a risolversi la questione se e dove la valle della Zer- 
mniza presentasse formazioni corrispondenti a quelle dei pressi 
di Tugjemile e dell'adiacente regione dalmata di Budua e Spizza, 
nella quale per merito del Bukowsky (*) gli strati di Wengen 
con Sp. fragilis sono stati ben riconosciuti e delimitati. 

Riservandomi di pubblicare quanto prima i miei studi sulle 
formazioni geologiche del Montenegro visitato durante i mesi 
estivi del 1902 e 1903, debbo qui limitarmi a quegli accenni 
generali atti ad illustrare Vhabitat della piccola ma interessante 
fauna esaminata, e ricordare soltanto che il Trias nella regione 
costiera montenegrina presenta una serie stratigrafica ricca, assai 
istruttiva e tectonicamente disposta in ripetute pieghe compresse. 

Muovendosi da Limljani per salire a sud verso il Sutorman, 
lungo il rio che va poi ad affluire nella Zermniza, si trova dal 
basso all'alto la seguente successione: 

a) Argille con Spiriferina fragilis; riccamente fossilifere, 
per numero d'individui ma non di specie, a sud di Limljani 
nella località di Bucieri basso. 

b) Strati marnosi, arenacei e tufacei con affioramenti di 
roccie eruttive (dioriti e andesiti). 

e) Marne e calcari marnosi gialli e grigiastri con noduli 
di selce e fossiliferi a Bucieri alto. 

d) Strati di arenarie calcarifere cosparse spesso di avanzi 
carbonizzati e con Sp. fragilis. 

e) Conglomerati e calcari grigi, bianchi, rossi del Muschél- 
kalJc superiore. 

Questa serie per la lunga azione demolitrice dei torrenti che 
alimentano la Zermniza, si presenta con le proprie testate erose 
e con gli strati immersi a N-£ normalmente all'asse della vai 
lecola d'erosione fra Limljani e Karudi. Gli strati che s'incon- 
trano risalendo la serie sono dunque man mano meno antichi, 

(') Bukowsky G., Reisebericht aus dem siidlichen Dalmatien, Verhandl. 
der k. k. geolog. ReiohMnst., 1893, pag. 249. — Confr. pure Verhandl. der 
k. k. geolog. R. A. Anni 1895-1896. 



Digitized by VjOOQIC 



326 A. MARTELLI 

poiché nessun rovesciamento ne ha sovvertito l'ordine di sedi- 
mentazione. 

I rapporti fra i termini di questa serie sono cosi intimi, e 
cosi graduali ne sono pure i passaggi, che non sempre riesce 
possibile una netta demarcazione fra di essi. 

Le argille del termine a della serie sono poco estese e svi- 
luppate in confronto alle altre forme litologiche che ad esse so- 
vrastanno, e a Bucieri basso abbondano di fossili fra i quali 
ho determinato i seguenti: 



t'é^ 



Brachiopodi: Spiriferina fragilis Schloth. 

Sp. (Mmtzelia) Mentzelii Dunk sp. 
Lamellibran<5hiati: Pecten Berciglu nov. f. 

Pecien sp. 
Scafopodi: Dentalium muUicluthratum nov. f. 

Gasteropodi: Wortenia sp. 

Turbo Eurymedon Laub. 

Loxonema triadica nov. f. 

Toxonema confr. scalatum Schloth. 

Microscìiiza littoranea nov. f. 

Loxotomella Polltix BOhm. 
Cefalopodi: Protrachyceras orientale nov. f. 

La Sp. fragilis — specie della Marmolata, di Wengen e del 
Mtischelkalk medio e superiore della Dalmazia e della Bosnia — 
esclude subito la supposta appartenenza di queste argille al Trias 
inferiore, sincronizzandole invece agli strati di Wengen. La Sp, 
(Mentzelia) Mentzelii, si trova a Recoaro, Wengen, Sutorman 
e Skala Vucetina, quindi in ogni livello del Muschelkalk, ma 
in prevalenza in quello medio e superiore. Il Turbo Eiirt/fnedon 
è una forma nota fino ad oggi nel piano di S. Cassiano e quindi 
verosimilmente non sorpassa la sommità del Trias medio; si 
tratta del resto di una specie variabile, d'incerto valore come 
elemento di cronologia, ed è inoltre probabile che i nostri cam- 
pioni possano rappresentare una varietà depressa del tipo de- 
scritto e illustrato dal Laube. 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI VVEN0J9N NBL MONTBNEQRO 327 

Presso agli affioramenti erottivi del complesso roccioso b non 
ho trovato fossili, ma pochi metri al di sopra della precedente 
località fossilifera ho raccolto an campione di marna tufacea 
risultante pure da un impasto di detriti conchigliari fra i quali 
ho solo distinto l'abbondanza del gen. Myophoria rappresentato 
per lo più da una specie nuova. 

A Bucieri alto invece, ordinariamente ben isolati dal calcare 
per degradazione meteorica, si hanno esemplari spesso numerosi 
delle seguenti forme: 

Crinoidi: Encrìmis granulosus Mtìnst. 

Encrin%L$ cassianus Laub. 

Encrinas sp. 
Echinidi : Cidaris sp. . 

Brachiopodi: Spiriferina solitaria Bitt. VAr. paucirostrata 

nov. 

Spiriferina sp. ind. (nov.?). 

Spiriferina (MenUelia) conf. kòvesJcalliensis^ 
Suess in Boeokh. 

Spiriferina (Menteeìia) Menteelii Dunk. sp. 

Spingerà monienegrina nov. f. 

Spingerà monienegrina var. microglossa nov» 

Bh'gnchóyiella illyrica Bittn. 

Ekynchonella js:ermnitiensis nov. f. 

Waldheimia angusta Schloth. 
Lamellibrànchiati: Homesia Joannis-Atistriae Klipst. 

Pecten Berclglii Mart. 

Nucula Ristora nov. f. 

Pachycardia conf. Zittelii Klipst. 

Myophoria harpa Mttnst. sp. 

Myophoriopis confr. carinata Bittn. 
Gasteropodi: Coelocentrtis infracarinatus Kittl. 

Marmolatella pianoconvexa Kittl. 

La comunanza di specie fossili con le argille di Bucjeri 
basso rende anche questo complesso riferibile al piano di Wen- 
gen, tanto più che sopra di esso, nelle arenarie a nord del Su- 



Digitized by VjOOQIC 



A. MARTELLI 



torman sotto il passo, si osservano ancora campioni di Sp. fra- 
gilis, I calcari grigi e rossi che sovrastanno alle arenarie calca- 
rifere presso al Satorman sono ricchi di fossili appartenenti, come 
ha già dimostrato Yinassa de Begny (^) al Muschelkalk superiore. 
Calcari fossiliferi dello stesso piano sono pure sviluppati a Skala 
Yucetina nella parte nord-occidentale della Sozina planina, ma 
questi invece che su strati di arenaria, riposano su marne varie- 
gate con Spiriferina (Mentzelia) Mentzelii Dunk. sp., e con 
Balatonites preeganus Mojs. proprio, quest'ultimo fossile, del 
calcare di Prezzo che nelle Alpi lombarde sincronizza gli strati 
di Wengen della Carinzia e del Tirolo meridionale. 

La fauna raccolta negli accennati sedimenti trìasici non 
sembrerebbe molto adatta a dare risultati precisi, perchè le 
forme note non si presentano in assoluta prevalenza su quelle 
che con esse si accompagnano; ed infatti su 32 forme esami- 
nate, talune sono insufficientemente conservate e specificamente 
indeterminate; quattro sono di dubbio riferimento; dieci sono 
state riconosciute come nuove, e tredici soltanto vennero iden- 
tificate con specie già note. La presenza però di talune forme 
considerate come caratteristiche in questa piccola fauna, che non 
è certo fra le più belle da me raccolte nel Montenegro, avva- 
lora efficacemente le deduzioni cronologiche su quei complessi 
sedimentari già riferiti al Trias medio in base ai rapporti stra- 
tigrafici che essi presentano con le formazioni del MuscMkalk 
meglio conosciute della valle della Zermniza. 

Anche l'aggruppamento delle specie milita in favofe del rife- 
rimento agli strati di Wengen, e considerando pure le quattro 
specie non determinate con sicurezza, risulta dall'annesso quadro 
la stretta analogia della interessante faunula studiata col Trias 
medio di Wengen, della Marmolata e della Dalmazia. 



(^) Vinassa de Regny P., Osservazioni geologiche sul Montenegro 
orientale e meridionale, Boll. Soc. geol. ital., Voi. XXI (1902), pag. 517-518. 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WBNOBN NEL MONTENEGRO 



829 



SPECIE NOTE 



u o 

^1 



8 I 



dS 


1 


SI 


o 


.'.é 


1 i 


%QS 


S I 


-SceJ 


5 


S^ 


DO 


e « 


1 

( 






Snei'inus granulosus Munst . . 

Ener. cassianus Laub 

Sjpiri ferina fragili^ Schloth. . . 
Sp. (MenUelia) MenUelii Dunk. sp 
Bhynchùnella iìlyrica Bittn. . . 
Waldheimia angusta Schl. . . . 
JSòmesia Joannis- AusiiHae Klipst. sp 
Myophoria harpa Miinst. . . . 
Coelocentì-us infracarinatus Kittl. 
Marmolatélla pianoconvexa Kittl. 
Turbo Eurymedon Laub. . . . 
Loxotomélla Pollux Bòhm . . . 
Balatoniies prezzanus Mojs. . . 

Sp. conf. kòveskalliensis Suess . . 
JPachycardia conf. Zittelii Klipst. . 
Myophoriopis conf. carinata Bitt. 
Toxonema conf. scalatum Schl. . 



(?) 






A parte il comunissimo En. granulosus esteso al Trias medio 
41 al superiore, la Hòrnesia Joannis-Aiistriae nota solo a S. Cas- 
fliano e nel Raibliano, rappresenta insieme col Turbo Eurymedon 
uno degli elementi più giovani di questa fauna che anche per 
l'aspetto si scosta notevolmente da quella dì S. Cassiano, mal- 
grado la presenza di forme che si avvicinano, senza però iden- 
tificarvisi, alla Pacìnjcardia Zittelii Klipst. e alla Myophoriopis 
carinata Bitt. 



Digitized by 



Google 



SdO A. MARTELLI 

Le forme nuove di brachiopodi presentano le maggiori affi- 
nità e vennero da me messe a confronto con quelle già cono- 
sciute nel piano di Wengen della Dalmazia e della Bosnia. 
Mentre il Pccten Berciglii, la Nucula Ristorii e il Dentalium 
multiclathratum si avvicinano principalmente alle specie di 
S. Cassiano, le nuove forme di Gasteropodi non sembrano sco- 
starsi molto dalle congeneri del Trias medio superiore della 
Marmolata. 

Ad escludere infine che l'età della fauna di Bucieri possa 
corrispondere a quella di S. Cassiano, basta ricordare che il 
complesso di strati a Sud di Limljani contenente la faunula 
qui studiata, viene a trovarsi sotto ai calcari rossi e grigi del 
Sutorman, equivalenti, ripeto, alla zona a Protrachyceras Ar- 
chelaus, la quale, com'è noto, serve di base alla zona a Tra- 
chyceras Aon concordemente riconosciuta sincrona con gli strati 
di S. Cassiano. 

Orinoidea. 

Gen. Encrinvs Miller. 

Encriuus granulosus Munster. 
(Tav. XI, 1^s. 1). 

1865. Encrinus granulosus Miinst., Laube (cum syn.), Die Fauna de^- Schi- 

chten von St. Cassian, Denkschr. der 
k. k. Akad. der Wissensch. Wien. 
Bd. XXIV, Abth. I, pag. 51, tav. 
Vili a, fig. 7-12. 

1889. » » » Wòhrmann, Die Fauna der sogenann- 

ien Cardila und Baibler Sckicten^ 
Jahrb. der k. k. Reichaanstalt Bd. 
XIV, pag. 191, tav. V, ^g. 8. 

1899. » » » Tommasi, La Fauna dei calcari rossi 

e grigi del Monte Cìapsavon, Pa- 
laeontogr. Italica, voi. V, pag. 9^ 
tav. I, ^g. 3. 

1903. » » » Vinassa de Regny, FossUi del Monte- 

negro. I. Fauna dei calcari rossi e 
grigi del Sutorman, Mena, della R. 
Accad. delle Scienze di Bologna, 
ser. V, tom. X, pag. 18 (462), tav. II,. 
fig. 19-20, 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WBNGBN NBL MONTENEGRO 331 

1903. Encrinus granuloma MUost., Broili, Die Fauna der Pachycardien- 

tuffe der Seiser Alpe, Palaeontogra- 
phica, Bd. L, pag. 150, tav. XVII^ 
fig. 1-3. 

Nelle argille di Bucieri alto abbondano i resti di crinoidi 
e sebbene possano sembrare di poco valore le determinazioni 
di enerini basate su frammenti di stelo o sull'esame di sem- 
plici articoli, pure le superfici di attacco in una considerevole 
quantità di entrochi discoidali e bassi, mi inducono a ritenere 
come certa la presenza di questa specie nella piccola ma inte- 
ressante fauna che stiamo esaminando. Infatti, dall'area circo- 
lare attorno al canale nutritizio irraggiano e raggiungono la 
periferia numerose pieghe non di rado granulose e dicotome 
presso al punto di origine, e caratterizzate da un netto rilievo 
presso al margine estemo, tanto che Torlo della superficie di 
attacco risulta nettamente crenellato. L'altezza di ciascun arti- 
colo di crinoide da me riferito a questa specie, si mantiene 
minore della metà del proprio diametro basale. I frammenti di 
stelo costituiti dagli ordinari entrochi discoidali sono i più 
comuni, ma non difettano neppure quelli subclaviformi costituiti 
da entrochi rigonfi più o meno regolarmente. 

Al pari di Vinassa, ho anch'io notato la grande frequenza 
di questa specie nei calcari grigi del Sutorman (Montenegro me- 
ridionale). Sembra del resto che VE. granulosus si presenti indif- 
ferentemente nei diversi livelli del Trias pelagico tantoché, per 
il riferimento cronologico, questa forma, citata pure dallo Stop- 
pani nel calcare di Esino, ha un valore solamente relativo. 

Encrinns cassianns Laube. 
rTav. XI, fig. 2). 

1865. Encrinus cassianus Laube (cuna syn.), Die Fauna der Schi- 

chten von St. Cas8ian, pag. 47, tav.. 
Villa, tìg. 1-6. 

1903. » » Laub., Vioassa de Regny, Fauna dei calcari 

rossi e grigi del Suiormann, pag. 17 
(461) tav. II, tg. 910. 

1903. » » » Broìli, Die Fauna der Pachycardien- 

tuffe der Seiser Alpe, pag. 151, tav. 
XVII, fig. 5-7. 



Digitized by VjOOQIC 



334 * A. MARTRLU 

inclusi nei calcari o sporgenti sulle superfici delle arenarie 
scistose. 

Anche questa specie è molto variabile, ma le forme os- 
servate possono riferirsi quasi tutte al tipo già illustrato dal 
Bittner, dal Salomon e anche dal Frech (Lethaea geognostica^ 
II Theil, Das Mesozoicum, Stuttgart 1903, pag. 60, fig. 3), 
caratterizzato da una conchiglia con prevalenza delle dimen- 
sioni trasversali, con area trìangolaore bene sviluppata e con 
10-12 grosse coste radiali sulle valve, di cui la maggiore o 
ventrale presenta, in tutta la sua lunghezza, un seno mediano. 
Nei campioni più adulti, il seno, delimitato dal paio mediano 
delle coste, è più ampio e profondo che non nelle forme gio- 
vani, nelle quali anche la fronte appare meno prominente e 
depressa e quindi lanche il lobo dorsale meno saliente. 

L'umbone ventrale sporge assai sulla linea cardinale, che, 
uguagliando quasi il diametro trasversale della conchiglia, rende 
nettamente lineare il contomo posteriore della valva dorsale, 
mentre l'opposta, o valva maggiore, sembra foggiata a ventaglio. 

Le dimensioni degli esemplari di Bucieri sono le seguenti: 

Diametro anteroposteriore (altezza) .... mm. 17 
» margino-laterale (larghezza) ...» 20 
» dorso-ventrale (spessore) » 8-9 

Nelle arenarie di Tugjemile si hanno individui che, a giu- 
dicare almeno dalla loro altezza e dal loro diametro trasver- 
sale, corrispondono per dimensione ai migliori campioni di Bu- 
cieri, ma soprattutto vi abbondano le forme di media dimensione 
(mm. 10-14 di diametro antero-posteriore e 12-16 di diametro 
trasversale). In prevalenza sono pure di dimensioni medie gli 
esemplari distinti nelle arenarie calcarifere presso il Sutorman. 
Piccole spiriferine a coste più ravvicinate, alte circa mm. 6 e 
larghe 7. 5, si trovano inoltre tanto nelle arenarie di Tugjemile 
quanto in quelle del Sutorman, e siccome i principali loro ca- 
ratteri corrispondono specialmente per i rilievi della superficie 
a questa specie, credo di essere nel vero riconoscendo in esse 
ì più giovani individui di Sp. fragilis da me raccolti. 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WENGBN NBL MONTENEGRO 335 

È noto che qnesta specie sì considera come caratteristica 
<ìel Trias medio, essendosi infatti ritrovata sempre — come nella 
Marmolata, a Wengen, nella Dalmazia e nella Bosnia — costan- 
temente nel piano ladinico. Nella Dalmazia meridionale spe- 
cialmente, anche Bukowscky ha ritrovato delle formazioni cor- 
rispondenti a queste del Montenegro con Sp. fragilis associata 
<»on altri fossili propri del Sluschelkalk superiore. 

Spiriferina solitaria Bitt. var. pancirostrata nov. 
(Tav. XI, ^g. 6, 7). 

Innesto ben conservato esemplare si distingue dalla forma 
tipica per un minore sviluppo dell'area cardinale e dell'umbone 
ventrale, mentre per 1 caratteri esterni della conchiglia e numero 
delle coste corrisponde a pieno alla Sp, solitaria (cfr. Bittner, 
Trias von Bosn. Dalm. und Venet., pag. 514, 578, tav. XXVI, 
fig. 1-3). La riduzione dell'umbone e quindi della valva ven- 
trale rende questa forma meno rigonfia del tipo e giustifica la 
instituzione di questa nuova varietà. 

La dimensione trasversale prevale su ogni altra e segna il 
suo massimo lungo la linea cardinale. Il contomo laterale e 
frontale è semicircolare; l'umbone ventrale, piuttosto ricurvo, 
sporge alquanto suirallangata area cardinale. Manca ogni traccia 
evidente di seno ventrale e di corrispondente lobo. Le coste irra- 
diano dall'apice, sono diritte, ben rilevate, in numero 7-8 e 
disgiunte fra di loro da solchi larghi poco meno delle coste 
stesse. L'alternanza dei solchi e delle coste di una valva con 
quelle dell'altra rende la sutura frontale e marginale regolar- 
mente dentellata. 

Il foro triangolare è, per le ragioni predette, meno svilup- 
pato die nella forma tipo. 

Dimensioni: 

Diametro antero-posteriore mm. 7,2 

» margino-laterale » 9,5 

» dorso-ventrale » 4,9 

La Sp. manca Bitt. {Brach. der alp: Trias, pag. 30, tav. XIXV, 
fig. 12-16) si scosta più che mai da questa nuova varietà per il 



Digitized by VjOOQIC 



386 A. MARTELLI 

grande e sproporzionato sviluppo della valva ventrale, il cui 
seno viene rappresentato da un largo solco fra le due coste 
mediane. 

Spiriferina sp. ind. 

(Tav. XI. fig. 13). 

A Bucieri alto ho raccolto pure un grosso esemplare dì 
Spiriferina fortemente compresso, deformato e quindi in uno 
stato tale di conservazione da impedire un accurato esame di 
tutti quei caratteri, i quali mi avrebbero con probabilità con- 
dotto ad instituire una nuova specie, tanto più che nessuna forma 
ho trovato fra quelle fino ad ora descritte da considerarsi come 
affine o, per lo meno, confrontabile con questa. 

La conchiglia ha subito la massima compressione lungo il 
diametro antero-posteriore ed apparisce perciò come troncata a 
metà delle valve. L'apice ventrale, a guisa di robusto becco, 
viene in contatto con la sommità della valva ventrale, poca 
meno rigonfia e prominente. La linea cardinale, essendo l'area 
poco sviluppata e appariscente, sembra quasi uguagliare la lun- 
ghezza del diametro trasversale e solo in questo carattere si può 
trovare un termine di confronto con la piccola Spiriferitia cas- 
siana Laube {Fauna von St. Cassian, pag. 13, tav. XII, fig. 3), 
che più di ogni altra Spiriferina del Trias presenta molto estesa 
la propria linea cardinale. Ben distinti sono i setti mediani che- 
si dipartono dagli apici, e difficilmente riconoscibili, senza l'aiuto 
di una lente, sono le sottili striature concentriche di accre- 
scimento. 

Questo, imperfetto campione su uno spessore di mm. 15, misu- 
rerebbe all'iucirca una larghezza di mm. 24. 

Spiriferina (Mentzelia) confr. koveskalliensìs Suess in Boeckh.^ 

I caratteri distintivi per i quali questa specie si diflferenzia 
dalla Sp. Mentzelii, sono: Mancanza costante di seno frontale 
e presenza di coste radiali numerose, fitte e poco rilevate. A me 
sembra inoltre che per mantenere distinte le due specie concorra 
pure il fatto che le valve sono nella Sp. kóveékalliensis unifor- 
memente convesse, mentre quelle della Sp. Mentzelii nella loro» 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WENGEN NEL MONTENEGRO 337 

regione mediana posteriore appariscono molto più rigonfie e ta- 
lora perfino gibbose. 

Il campione in esame ha, salvo che nella parte posteriore, con- 
tomo circolare, e affilato il margine laterale e frontale della 
conchiglia, che per un'altezza di mm. 9-10, misura una larghezza 
di mm. 10,5. Le coste radiali della superficie sono depresse e 
non molto fitte; le strie di accrescimento sono rade ma abba- 
stanza riconoscibili. 

L'imperfetta conservazione dell'area cardinale e del relativo 
umbone ventrale non consente una sicura determinazione specifica. 
Noto per altro che questo campione corrisponde assai bene a quello 
descritto e figurato dal Vinassa (cfr. Fauna dei calcari rossi e grigi 
del Sutormanj pag. 4, tav. I, fig. 2) e non precisamente ai tipici 
esemplari del Bittner (cfr. Brachiop, der alpinoi Trias, pag. 26, 
fig. 29-32) i quali hanno coste molto più fitte e numerose di quanto 
non si riscontri nelle forme affini del Trias montenegrino. In taluni 
modelli interni di brachiopodi, la traccia del setto mediano, la 
forma -dell'umbone e dell'area valgono a fare riconoscere il ge- 
nere Spiriferina, ma non presentano caratteri sufficienti per gui- 
guidare ad una determinazione della specie. 

Spiriferìna (Mentzelia) Mentzelii Dunck. sp. 
(Tav. XI, ^^, 8-12). 

1890. Spir, (Mentzelia) Mentzelii Diink., Bittner (cum synon.), Urachiopo- 

den der alpinen Trias^ Ab- 
handl. der k. k. geolog. R.-A. 
Bd. XIV, pag. 22, tav. XXXIV, 
^g. 1-19. 

Numerosi esemplari ben conservati debbono riferirsi a questa 
specie e più propriamente al tipo di essa, poiché il Bittner ha 
distinto come varietà diflferenti non poche forme che diversifi- 
cano quasi tutte dalle nostre per un maggiore sviluppo dell'area, 
dell'umbone e quindi della valva ventrale. 

La conchiglia è rigonfia lungo la linea mediana ed ha un 
contorno arrotondato regolarmente ai lati e alla fronte. La valva 
ventrale termina con uno stretto e ricurvo umbone e presenta 
una debole depressione presso al margine frontale a cui si con- 



Digitized by VjOOQIC 



338 A. MARTELLI 

trappone nella valva dorsale un piccolo e poco appariscente lobo. 
Le superfici delle valve sono debolissimamente striate tanto che 
a occhio nudo sembrano completamente liscie. 

La linea cardinale è diritta e la sua estensione misura poco 
meno della metà del diametro trasversale della conchiglia. I mar- 
gini laterali dell'area sono segnati da due rette che dall'apice 
della valva ventrale vanno a riunirsi, con angoli di 45"*, al- 
l'estremità della linea cardinale, con cui delimitano un'area trian- 
golare. 

Le commessure sono regolari ai lati e leggermente ondulate 
presso la regione frontale. 

• Dimensioni : 

I. II. III. IV. 

Diam. antero-posteriore. . mm. 11,4 mm. 14 mm. 16 mm. 18 
» margino-later. mass. »' 13,2 » 15,8 » 19 » 20,2 
» dorso-ventr. mass. » 8,7» 11 » 13,2» 14 

Linea cardinale .... » 5 » 5,8 » 7 » 7,6 

Questi esemplari corrispondono principalmente alle figure date 
dal Bittner alla tav. XXXIV, n. 3, 9 e 18, le quali riproducono le 
forme tipiche di questa specie, caratterizzate da un seno ven- 
trale molto ridotto e talora mancante, e da un umbone medio- 
cremente sviluppato; e appunto tali forme tipiche descritte dal 
Bittner appartengono al Muschelkalk di Recoaro e agli strati 
di Wengen, così che il ritrovamento di questa specie segna ab- 
bastanza bene i confini entro cui deve comprendersi la forma- 
zione triasica di Bucieri. 

Spiriferina (Mentzella) pannonlca Bittner. 

1890. Spir. (Mentzelia) pannonica Bittner, Brachiopoden deraìpinen Trias, 

Abhandl. der k. k. geol.B.-A. Bd. XIV, 
pag. 25, tav. XXXIV, fig. 36. 

Due mal conservate Spiriferine mostrano delle strette analogìe 
con la Sp. pannonica che Bittner illustra come specie a sé, e che 
nel testo (op. cit., pag. 24) considera invece come una varietà 
della precedente. L'autonomia e sinonimia della Sp. pannonica 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WBNOBN NBL MONTENEGRO 389 

potrebbero rimanere controverse perchè questa specie, secondo 
me, presenta delle affinità rimarchevolissime con quelle forme 
della Marmolata che Salomon ( Verstein. des Marmolatakalkes^ 
Palaeontogr. Bd. XLII, pag. 87, tav. II, fìg. 7-15) confronta con la 
8p. spitiensis Stolicz. già ritenuta da Bittner, ma non da Salomon, 
sinonima della Sp. hoveskalliensis. Disponendo di scarso mate- 
riale debbo semplicemente limitarmi a constatare che i due cam- 
pioni di Bucieri alto concordano soltanto con quelli riprodotti 
dal Bittner come Sp. pannonica e con i surricordati, descritti 
e illustrati dal Salomon come 8p. spitiensis. Dalla Sp. hoveskal- 
liensis — che potrebbe, per le predette ragioni, considerarsi come 
specie affine alla presente — i due esemplari in parola si sco- 
stano per un maggiore rigonfiamento delle valve e per le coste 
radiali più marcate, tanto che specialmente sulla fronte danno 
origine ad una commessura dentellata. 

Il seno ventrale è poco distinto e solo si appalesa bene sulla 
regione frontale. 

Le varie dimensioni corrispondono a quelle dei medi esem- 
plari della specie precedente, salvo però il diametro trasversale 
che in questa forma raggiunge appena e senza superarla, la 
misura dell'altezza. 

Gen, Spiriqera d'Orb. 

Spirigera montenegrina nov. f. 

(tav. XI, fig. 14-17). 

Conchiglia subglobosa e dal contomo variabile perchè roton- 
deggiante ai lati, ristretta nella parte posteriore e lineare lungo 
la fronte. Il diametro trasversale ha un leggero predominio su 
quello antero-posteriore. Ad un seno largo e poco o punto pro- 
fondo della valva ventrale corrisponde un poco rilevato lobo 
sulla valva dorsafe; cosi che la commessura frontale risulta 
ampiamente ondulata e fa apparire come troncata la parte an- 
teriore della conchiglia. Le commessure laterali si mantengono 
diritte oltre la metà della conchiglia e diventano sinuose in 
prossimità della fronte. 

La valva ventrale è molto più sviluppata di quella dorsale; 
si presenta ben rilevata e gibbosa nella parte posteriore presso 

26 



Digitized by VjOOQIC 



340 A. MARTBLU 

al ricurvo ambone, sul cai apice si apre il foro circolare, e rego- 
larmente convessa nel resto della conchiglia. Il seno frontale 
non ingenera in essa una vera e propria depressione mediana 
ma solo an'area pianeggiante e, meglio ancora, meno arcoata 
dì quanto questa valva non si presenti nelle sue regioni late- 
rali. In complesso dunque, il seno ventrale di questa forma si 
risolve in una espansione del margine frontale della conchiglia, 
a guisa di breve e larga lingua. 

La valva dorsale s'inizia con un piccolo e ricurvo ambone 
il cui apice si spinge a contatto dell'angusta area cardinale 
quasi obliterandola al disotto del foro, che, come ho già detto, 
sì apre sull'apice della valva opposta. La valva è gibbosa nella 
parte posteriore e ampiamente convessa nell'anteriore. 

Fra le numerose striature concentriche se ne hanno due più 
distinte delle altre, una delle quali a un terzo della conchiglia 
abbraccia la parte posteriore più gibbosa della valva e insieme 
con l'altra posta a due terzi verso l'avanti, delimina la zona più 
regolarmente arcuata della valva stessa. 

Numerose, subequidistanti e sottilissime strie longitudinali 
adomano la conchiglia, e intersecandosi con le esili strie con- 
centriche d'accrescimento, danno origine ad una superficie reti- 
colata a maglie rettangolari. 

Dimensioni : 

Diametro antero-posterìore .... mm. 17,2 
» margino-laterale mass. . . » 17,5 
» dorso-ventrale mass. ...» 12,3 

Trattandosi di un esemplare internamente spatizzato nulla 
posso dire sui caratteri intemi delle valve ma anche in base ad 
opportuni confronti con forme già conosciute, può ritenersi giusta 
la presente determinazione generica. 

La specie che più delle altre sembra avvicinarsi a questa 
è la Spingerà Sturi Boeck., la quale per altro bene ne rimane 
distinta, oltre che per i caratteri della superficie e per la mag- 
giore depressione ventrale, anche per il prevalente sviluppo del- 
l'altezza in rapporto alle altre dimensioni della conchiglia. 



Digitized by VjOOQIC 



Ili LIVELLO DI WBNOBN NBL MOMTBNEOBO 341 

Per la forma del contorno, ana certa analogia sì ritrova 
pare con la gigantesca Spingerà eurycolpa Bittn., la quale però 
differisce essenzialmente da questa nuova specie per i caratteri 
delle sue valve, la cui regolare convessità viene interrotta da 
una netta depressione ventrale a contomo triangolare e da un 
corrispondente risalto prodotto dal lobo dorsale. 

Spirigera montenegrina var. microglossa nov. 
(Tav. XI, fig. 18-19). 

Sono molto strette le analogie che questa forma presenta 
con la precedente, da cui solo può distinguersi come varietà 
meno rigonfia e meno depressa alla fronte. Corrispondenze note- 
voli si trovano quindi non solo nel contomo e nelle proporzioni 
dello sviluppo delle valve, ma anche nelle sottili striature super- 
ficiali tanto lungitudinàli che concentriche, dal cui fitto incrocio 
risulta un finissimo reticolato a maglie rettangolari e difficilmente 
visibile ad occhio nudo. Per la minore globosità della conchiglia 
in confronto alla forma tipo, anche l'umbone ventrale, sebbene 
non conservato perfettamente, risulta meno sviluppato e spor- 
gente sulla linea di commessura cardinale. In luogo di una 
depressione ventrale permane anche in questa varietà, un'area 
triangolare piuttosto pianeggiante e delimitata alla base da una 
breve espansione del margine frontale a cui fa riscontro, nella 
valva opposta, un lobo poco appariscente e convesso; ma tale 
espansione è assai meno prominente di quanto non si riscontra nel 
campione di questa specie descritto come tipo e nel quale anche 
le valve assumono in complesso uno spessore rilevante in pro- 
porzione alle altre dimensioni. In base a queste lievi varianti 
morfologiche, di cui bisogna pur tener conto considerando lo 
sviluppo presso che uguale raggiunto dalle due forme in parola, 
mi trovo costretto a tener distinta questa varietà dalla predetta 
nuova specie. 

Dimensioni : 

Diametro antero-posteriore .... mm. 16(?) 
» margine-laterale .... » 16,5 
» dorso-ventrale » 10 



Digitized by VjOOQIC 



842 A. MARTELLI 

La piccola Spingerà Kittlii di Stndenkovic' presso Sarajevo, 
riprodotta da Bittner {Trias von Bosnien, Dalmatien, etc. Jahrb. 
Bd. LII, pag. 571, tav. XXIV, fig. 1), a parte i peculiari caratteri 
della superficie, potrebbe assomigliarsi a questa varietà se il seno 
ventrale fosse in essa meno marcato e più ampia ed evidente 
l'espansione frontale. 

Gen, Bhynchonella Fisch. 
Bhynchonella illyrica Bittn. 

1902. Bhynchonella illyi^ca Bittner. Brachiopoden und LameUihran- 

chiaten au8 der Tri4i8 von BoanieUy 
Dalmatienund Venetien, Jahrb. d. k. k. 
^eolog. Reichsanst. Bd. LII, pag. 505, 
531, tav. XXIII, t^. 12. 

Riferisco a questa specie due piccoli brachiopodi subglo- 
bosi e dal contomo subtriangolare. La corrispondenza evidente 
con la descrizione e le figure del Bittner non lasciano incertezze 
nel riferimento. La Rhynclwnella semicostata Mttnst, var. angur 
stior Bittn, dei tufi a Pachycardia della Seisser Alpe, avrebbe 
effettivamente, come accenna il Bittner, molta assomiglianza con 
la presente specie per i caratteri relativi alle sculture delle valve, 
ma se ne scosta per i caratteri complessivi della conchiglia, quali 
il contorno più circolare e la forma più depressa. Inoltre, dalla 
Niynchonella repetitina del Trias superiore, forma che con faci- 
lità si può confondere con la predetta varietà della R. semico- 
stata, i nostri due campioni si distinguono per avere un umbone 
rimarchevolmente più stretto e coste ben marcate nella regione 
frontale, dove il seno della valva ventrale presentasi alquanto 
più profondo che non nella R. semicostata. 

I ritrovamenti di questa specie in località della Bosnia e 
della Dalmazia meridionale hanno fatto constatare al Bittner 
talune piccole variabilità morfologiche, specialmente nel numero 
delle coste interessate dal seno ventrale e corrispondente lobo 
dorsale presso la fronte della conchiglia; quantunque tali varia- 
bilità siano di poca importanza, pure credo bene di far notare che 
i due esemplari in parola mostrano le corrispondenze più esatte 
con la forma illustrata da Bittner stesso alla tav. XXIII, fig. 12, 



Digitized by VjOOQIC 



IL LIVELLO DI WBMOBM NEL IfOMTBNBaRO 843 

deli-opera citata. Infatti, la concfaiglia va restrìngendosi dall'e- 
stremità della fronte fino all'acnminato e rìcnrvo ambone prèsso 
cui l'area cardinale rimane del tatto invisibile. Salla valva ven- 
trale le coste s'iniziano nella parte posteriore in prossimità del- 
l'apice rìcarvo, mentre sa quella dorsale risaltano alquanto più 
brevi, perchè solo nella metà anteriore della conchiglia le coste 
delle dae valve assumono, in numero da 6 a 7, il massimo rilievo 
e alternandoci fra di loro costituiscono la commessura frontale 
angustamente arcuata nel mezzo, in conseguenza del seno ven- 
trale interessato dal paio mediano delle coste. Biguardo allo 
spessore è- da osservare che, come si riscontra nella forma tipo^ 
la valva maggiore è alquanto più rigonfia di quella dorsale. 

Dimensioni: 

I. II 

Diametro antero-posteriore . . . mm. 5,7 mm. 6,5 
» margino-laterale mass. . » 5,2 » 6,2 
» dorso-ventrale mass. . » 4 » 4,4